toba60

Gli Esperti sono Unanimi: nel 2023 ci Attende una Delle più Grandi Crisi Alimentari nella Storia dell’Umanità

Avete implorato le Mascherine? Bene! Avete accettato di buon grado il Lockdown assecondando un branco di deficienti, Perfetto!

Luca Zaia Governatore del Veneto

Avete inocluato il Vaccino, Fantastico! Siete felici che il Green pass vi ha protetti dai cattivi NoVax? Meraviglioso! Avete Desiderato l’embargo alla Russia? Scelta Geniale!

E’ andato tutto bene?…………..

….attendo una risposta cari imbecilli, perché davanti a noi la vedo proprio brutta, quello che è successo fino ad ora era solo l’antipasto, ignari che la seconda portata…..

…….. contiene un conto assai salato da pagare.

Toba60

Nel 2023 ci Attende una Delle più Grandi Crisi Alimentari nella Storia dell’Umanità

L’attenzione dei politici e del pubblico in Germania è attualmente rivolta alla questione dell’embargo energetico contro la Russia, scrive Compact.

Ma le incombenti carenze di fertilizzanti dovute alle sanzioni anti-russe potrebbero avere conseguenze molto più gravi a medio e lungo termine. Gli esperti sono d’accordo: nel 2023, il mondo dovrà affrontare una delle più grandi crisi alimentari della storia umana.

Nessuno in Germania nega la necessità dell’approvvigionamento energetico russo. Gli amministratori delegati di varie aziende hanno già chiarito che credono che l’industria tedesca crollerà letteralmente in pochi mesi dopo l’imposizione dell’embargo sulle materie prime energetiche dalla Russia, scrive Compact.

D’altra parte, un altro argomento non meno importante sembra essere quasi completamente ignorato dai politici tedeschi e dall’opinione pubblica, anche se a medio e lungo termine potrebbe avere conseguenze ancora più gravi dell’embargo sul gas. C’è un’incombente carenza di fertilizzanti che potrebbe significare che nei prossimi mesi innumerevoli agricoltori in tutto il mondo non saranno in grado di piantare affatto o non abbastanza.

Il presidente dell’associazione degli agricoltori tedeschi, Joachim Rukwied, ha già dichiarato: “Se la perturbazione continua, rese significativamente più basse sono inevitabili dal 2023”. La previsione di Matthias Berninger, ex segretario di stato al ministero dell’agricoltura tedesco e attuale responsabile di “Società e sostenibilità” presso la multinazionale chimico-farmaceutica tedesca Bayer AG, è ancora più radicale: “Nel 2023, siamo di fronte a una delle più grandi crisi alimentari nella storia dell’umanità.

Questa lugubre prognosi sembra “quasi apocalittica”. Ma Berninger non è solo nelle sue paure. L’economista di Bonn Matin Kaim ritiene che la crisi ucraina potrebbe portare alla morte per fame di circa 100 milioni di persone. David Beazley, capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, è d’accordo. Teme che un conflitto armato nell’Europa orientale avrebbe “conseguenze inimmaginabili”. Ha detto che la carenza di cibo diffusa innescherebbe nuovi flussi migratori e porterebbe a una crisi che farebbe sembrare la crisi migratoria del 2015 “un picnic nel parco”.

Il fertilizzante è diventato inaccessibile per molti paesi poveri. I grandi attori di questo mercato molto richiesto sono gli impianti di potassio situati negli Urali e in Bielorussia. Sono ora soggetti a un embargo occidentale. I fertilizzanti azotati non sono un’alternativa perché i prezzi del gas sono ora troppo alti, rendendo impossibile produrli a prezzi accessibili.

Il Brasile teme gravi perdite nella produzione agricola come risultato di questo sviluppo. La situazione in Africa è ancora peggiore. A causa delle condizioni climatiche, la coltivazione di cereali non è possibile in molte regioni. Devono compensare con le importazioni, che stanno diventando sempre più inaccessibili per gli abitanti del continente nero, dice Compact.

Fonte: russian.rt.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code