toba60

Globalizzazione Preistorica: Le Carte che Cambiano la Storia

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Il successo di questo portale non è dato dal fatto che reperiamo informazioni scomode o come generalmente si dice in controtendenza, per sorprendere le persone potremmo tranquillamente inventarci le notizie e porle all’attenzione del pubblico di sana pianta.

Cristoforo Colombo

Il nostro segreto sapete qual’é?….

…sono le notizie che cercano noi e mai viceversa!

Toba60

Alla scoperta delle carte che cambiano la storia…

Molto è stato scritto sulla possibilità che l’America sia stata scoperta prima dei viaggi di Colombo.

Per quanto riguarda la storia ufficiale, anche se gli studiosi affermano di essere di mentalità aperta e non si oppongono a tale possibilità, rifiutano sistematicamente le prove con argomenti non scientifici come: “non è possibile”, “non ci sono prove”, “è falso”, “non è molto credibile”, “non ci sono fatti precedenti che lo confermano”, “non erano abbastanza sviluppati o colti per questo”, ecc.

Cristoforo Colombo

Ma, nonostante le posizioni antiscientifiche di questi studiosi che propongono argomenti senza provarli, ci sono ricercatori che hanno potuto raccogliere e presentare indizi e prove di quella che può essere chiamata “Globalizzazione preistorica”.

Dopo aver scoperto nella Patagonia argentina l’esistenza di pietre incise con simboli semitici, probabilmente di origine cananea, ho iniziato a ricercare la possibilità di viaggi transoceanici nell’antichità. Era arrivato il momento di applicare le conoscenze che avevo acquisito anni prima come cartografo nel servizio idrografico navale dell’esercito argentino allo studio delle mappe antiche. Il successo di questo arduo compito non era assicurato perché le riproduzioni delle vecchie mappe sono difficili da ottenere, cosa che ho potuto verificare dopo un lungo e inutile viaggio attraverso le biblioteche alla ricerca di questo materiale.

E anche se pensavo che tutto fosse stato studiato e pubblicato sulle mappe antiche, avevo bisogno di trovare un dato, una traccia, un indizio che mi avrebbe aiutato a sviluppare l’ipotesi della navigazione nell’antichità.

Prima di immergermi nell’argomento, vorrei avvertire il lettore che, data la varietà di forme usate da diversi autori per trascrivere la maggior parte dei nomi, ho fatto una scelta arbitraria, poiché non esiste una forma che sia più corretta di un’altra, anche se alcuni linguisti sono convinti di detenere la verità.

Il Prof. Paul Gallez ha dimostrato inequivocabilmente che l’estensione continentale della Cina a sud, visibile su mappe antiche come l’Hamer di Tolomeo ( Martellus ), corrisponde al Sud America, identificando coste, fiumi, montagne e una rete di ordito.

Un altro ricercatore, il dottor Dyck Edgar Ibarra Grassoa, ha scoperto che il Signus Magnus o Mega Kolpios (il Grande Golfo) che appare a est sulle mappe antiche non era altro che l’Oceano Pacifico.

L’America del Sud apparve così con il nome di Indie Orientali o Indie del Sud.

Queste scoperte mi hanno portato a credere che coloro che avevano fatto un così buon lavoro di mappatura dell’America del Sud su queste antiche mappe non potevano ignorare l’esistenza dell’America centrale e settentrionale. Divenne chiaro che se l’estensione meridionale della Cina rappresentava il Sud America, il continente americano era stato visitato. Quindi come potevano non sapere dell’esistenza del Nord America?

Ma se sapevano della sua esistenza, dov’era? La risposta è che uno spostamento del continente americano era stato fatto sulle mappe.

La frana sudamericana è finita nell’oceano, quindi non è stato un problema sovrapporre la sua rappresentazione. Lo scivolo terrestre nordamericano, d’altra parte, era sovrapposto all’Asia, quindi si doveva scegliere tra due rappresentazioni o un misto delle due. Ma i geografi hanno trovato un’altra soluzione.

Tre mappe precolombiane pubblicate dal professor Gallez hanno attirato la mia attenzione.

Sono le seguenti:

1440Nova cosmographia per totum circulum Piatto n° XIII Dana Benett Durand

1448Mappemonde di Andreas Walsperger Piatto n. XV Dana Benett Durand

1470Mappa dalla Stiftsbibliothek di Zeitz Piatto XVI Dana Benett Durand

Discuterò la mia scoperta dell’esistenza dell’America sulle mappe precolombiane conosciute, che non deve essere confusa con la scoperta di mappe di origine sconosciuta.

Prendendo per esempio la mappa Per Totum Circulum 1440, ricostruita da Dana Benett Durand, la cui toponomastica è una delle più complete, salvo qualche riferimento individuale, mi riferirò ad essa per data. Trattarli uno per uno sarebbe inutile, poiché non ci sono differenze fondamentali tra loro, e questo lavoro sarebbe laborioso e probabilmente poco convincente.

L’origine araba di queste mappe circolari è stata riconosciuta. Ma poi sorge la domanda: da chi li hanno ereditati? Il fatto che siano centrati su Gerusalemme e che debbano essere letti a testa in giù, cioè a nord, ci dà un’indicazione della loro antichità e della loro origine mediorientale.

Troviamo su due di queste mappe la legenda che indica che sono state disegnate su 180° come “richiesto” dalla geografia di Tolomeo. Troviamo in questa espressione “la volontà” tutta la tragedia di Galileo, riguardo a ciò che deve essere accettato, ciò che non può essere messo in dubbio e ciò che non deve essere cambiato. È importante sottolineare che le mappe tolemaiche di questo periodo, come quella di Donnus Nikolaus Germanus del 1474, mostravano chiaramente 180°. Ma non è certo né preciso che prima del XVI secolo i geografi considerassero la terra piatta.

In un’epoca in cui imperversava l’Inquisizione, l’obbligo di scrivere “come voleva Tolomeo” dimostra che non erano convinti di quello che stavano facendo, ma erano obbligati a seguire le idee oscurantiste del geografo romano Claudio Tolomeo, che erano ancora in uso e che scartavano e rifiutavano la scienza greca di Pitagora, Democrito, Ipparco, Eratostene, Aristarco e tanti altri.

Anche se Tolomeo scrisse le sue opere in greco e non in latino, è ovvio che era stato educato dalla ‘scuola oscurantista romana’, perché anche se cita i nomi di Alessandro Magno, Diogene, Dioscoro, Flacco, Filemone, Teofilo e altri, sembra non essere consapevole di chi fosse quello a cui si riferiva come ‘così e così’. “.

La forma di un cerchio non differenzia un cerchio da una sfera. Una sfera è un oggetto tridimensionale che, se proiettato su un piano bidimensionale, perde la sua prospettiva identificativa e può essere rappresentato solo da un cerchio. Nel caso di queste mappe, non si tratta della rappresentazione di un piano in un cerchio ma di una semisfera.

I cerchi che circondano il centro della mappa e le linee che li attraversano corrispondono ai paralleli (cerchi) e ai meridiani (linee) di una proiezione polare (vedi immagine), centrata non sul polo ma su Gerusalemme. I cerchi di 30°, 60° e 90° indicano la curvatura della terra, il cerchio di 90° che circonda la mappa indica il raggio della semisfera e come disse Tolomeo due raggi di 90° formano un diametro di 180°.

Questo spiega perché queste mappe riproducono la forma di una mezza sfera, cioè 180°. La sfericità è confermata anche dall’indicazione dei poli e delle terre spinte verso l’orizzonte circolare, provando così l’esistenza di globi terrestri nell’Antichità.

Atlante

Si sa che la terra è rotonda fin dall’antichità. Già nel terzo secolo a.C., Eratostene ne misurava i contorni in modo abbastanza approssimativo. La statua greca di Atlante che porta un mondo sferico sulle spalle mostra che i greci non solo sapevano che la terra era rotonda, ma anche che erano in grado di riprodurre il loro mondo incidendolo o disegnandolo su una sfera e poi incorporando le scoperte che i marinai riportavano dalle loro spedizioni.

Tutto ciò che un artista doveva fare era sedersi di fronte alla sfera e copiare ciò che vedeva su un piano con la distorsione prodotta dalla curvatura e le imprecisioni e deformazioni specifiche delle mappe antiche.

Nessuno può dubitare che le culture dell’epoca fossero perfettamente capaci tecnicamente e artisticamente di fare questo, il che esclude l’ipotesi diffusa da alcuni autori che invocano la partecipazione extraterrestre con proiezioni prese dallo spazio.

Per confermarlo, basta guardare il globo attuale centrato su Gerusalemme e vedere come corrisponde al tipo di proiezione usata su queste mappe. Si può anche vedere l’ampiezza delle conoscenze possedute all’epoca per fare queste mappe in cui i due emisferi dovevano essere spostati o aggiustati per ottenere i 180° richiesti. Quando guardiamo la proiezione terrestre alla verticale di Gerusalemme, vediamo che mancano l’Australia e l’America perché questi continenti sono dall’altra parte della sfera terrestre e sono proprio le terre che vengono spostate e sollevate nell’antica proiezione per ottenere i 180°.

È possibile che Tolomeo non solo abbia corretto Martino di Tiro perfezionandolo, ma potrebbe anche essere stato il primo a porre i poli su un asse che suggerisce la rotazione terrestre in accordo con il sistema temporale, come possiamo vedere dalle varie ricostruzioni della sua mappa che vanno da un lato dell’Africa occidentale nelle Isole Fortunate con il meridiano 000° all’altra estremità a Catigara a 180° come punti fissi in ogni caso. Possiamo quindi supporre che l’abitudine di centrare le mappe su Gerusalemme, o qualsiasi altro luogo, sia precedente a Tolomeo e anche se alcuni geografi la usavano ancora, alla fine è scomparsa.

È molto probabile che le mappe di Ipparco, Eratostene, Marino di Tiro, Strabone, Pomponne Mêla, ecc., assomigliassero a questo tipo di proiezione centrata su Gerusalemme e mostrassero, come nelle mappe del XV secolo copiate dai monaci tedeschi, un Mar Caspio deviato apparentemente verso nord e un accesso all’oceano. Poiché le mappe di questi autori antichi non sono state trovate, è possibile che siano state ricostruite in modo errato, compreso un criterio successivo imposto da Tolomeo.

Posso immaginare la difficoltà per i geografi di collocare i 360° della sfera nei 180° di una semisfera rappresentata in un cerchio. La soluzione adottata è rappresentata in queste mappe: ruotare e spostare la semisfera invisibile (emisfero) in questa proiezione centrata su Gerusalemme, sovrapporla all’altra, spostare l’America di circa 130° e sovrapporre il Nord America all’Asia, come nella ricostruzione della mappa di Zeit del 1470 fatta con una mappa attuale.

In questa animazione, che mostra come avvengono questi spostamenti sulla mappa Zeit (1470) nella biblioteca Stifts, possiamo vedere come l’America si stacca dall’Asia, come l’Australia si sposta dall’Atlantico all’Oceano Indiano, tornando alla sua posizione reale, e come la Papua Nuova Guinea, che appare come una grande penisola, si separa dal Sud America e diventa di nuovo un’isola.

Questi spostamenti, che complicano l’interpretazione di queste mappe, sono facilmente dimostrabili perché la Laguna Meotica, che può essere perfettamente identificata con il Mar Nero ma senza il suo nome, Si trova anche più a nord sotto il nome di “Meotiden Sea” e vicino alla regione di Tanais ( Ri Don ) “Tanaiberg” si trova sulle terre della Siberia proiettate a 90° verso il Polo Nord e si spiega che è un paese molto vasto dove non ci sono costruzioni e che i suoi abitanti sono nomadi e barbari che non furono conquistati né da Alessandro Magno né dai Romani.

“La terra di Sassonia è una terra ampia e non è costruita ed è un popolo poetico, così che né Allexander né i romani sono sotto attacco.” Questa leggenda è accompagnata da un’illustrazione che mostra un re scita e la sua cavalleria, così famosa e temuta, e tende tipiche delle tribù nomadi in Asia. Un’altra leggenda dice “Gli abitanti di Scithia non hanno un patteggiamento e sono tutti d’accordo.” che significa che gli Sciti sono nomadi, che non rimangono in un posto e che si spostano continuamente da un posto all’altro secondo il modo di vivere dei Tartari mongoli. In precedenza il termine Sciti era usato per riferirsi a coloro che vivevano a est delle tribù germaniche fino ai confini della Siberia, come i Tartari e i Mongoli.

Questo dimostra che se la Siberia è proiettata verso il Polo Nord, le terre all’estremità orientale della mappa chiamate India o Poriana appartengono alle Indie Orientali che non hanno niente a che vedere con la Siberia e rappresentano l’America.

L’Australia fu spostata con il continente americano e finì a ovest dell’Africa nell’Oceano Atlantico come l’isola di ‘Trivalla’ 1440.

Nell’Africa meridionale il Polo Sud è chiamato ‘Polus Antarticus’, ma attenzione alla leggenda sottostante, perché si applica all’Africa meridionale e indica le regioni calde che vi si trovano, come il Kalahari.

Sotto l’Australia dice “Mer von Mittentag” o Mer du Midi e poi “ist unwonhaft von grosz hiez wegen und hat nur ain insel und in dem mer seind vill grausamer merr wunder” che significa “che è inabitabile a causa del caldo, c’è solo un’isola e mostri incredibili nel mare”. Questo si riferisce sicuramente al calore del deserto australiano e alle balene, squali balena, squali bianchi ecc. che si possono trovare nella zona.

Naturalmente, non si sa se questi slittamenti erano presenti sulle antiche mappe originali o se sono stati fatti su copie da monaci tedeschi.

Su tutte e tre le mappe, il Giappone appare come l’isola “Dicolzy”. Fu Marco Polo che per primo menzionò un’isola chiamata Ciampagu e il geografo Fra Mauro la collocò vicino alla costa cinese nel suo mappamondo del 1459; si nota che su questa mappa non c’era abbastanza spazio per collocare Cipango a 1500 miglia nautiche nell’oceano, come aveva descritto Marco Polo. Ma questo non corrisponde a ciò che Polo dice di Cipango.

Mentre nelle due mappe del 1148-1470 non c’è alcun nome sulla Corea, nella mappa del 1440 la Corea è posizionata al suo posto, in Asia e prima delle Indie del Sud (America) ed è chiamata “Ulkania” con le sue catene montuose.

Sorprendentemente, queste mappe ci mostrano che il continente insulare dell’Australia era conosciuto, circumnavigato e mappato secoli prima della sua presunta scoperta e che fu spostato con l’America di circa 130° verso ovest, finendo così nell’Oceano Atlantico di fronte alla costa occidentale dell’Africa. Appare quindi su queste mappe come un’isola gigantesca che non avrebbe potuto essere scoperta in questa regione, e tanto meno mappata, dato che non esiste lì, e che è solo il risultato dello spostamento di terre che erano sconosciute ai geografi europei, in modo da ottenere una mappa conforme alla geografia di Tolomeo di quel tempo, che comprendeva 180° massimi.

Nord America

Possiamo vedere sulla mappa del 1440 una parte dell’America del Nord, i Caraibi e il nord dell’America del Sud rispetto a una mappa attuale. L’inconfondibile somiglianza è sorprendente per la perfezione cartografica, che è di gran lunga superiore alla parte settentrionale dell’Europa, soprattutto nel Baltico, dove la Svezia è rappresentata come un’isola e la Danimarca è sproporzionatamente grande. La rappresentazione che ne risulta non è così corretta e riconoscibile come quella dell’America.

La baia di Hudson, dove sono raffigurati i più piccoli dettagli, è perfettamente riconoscibile come “DAS MER CASPI zwischen dem Aufgang and mitternacht dar in dy”. Questo può essere tradotto come “Il Mar Caspio si trova tra l’est e la mezzanotte”. All’epoca della mappa, 1440, i geografi europei erano ben consapevoli che il Mar Caspio era un mare interno, senza apertura verso l’oceano, ma curiosamente, questa non è l’unica mappa antica in cui il ‘Mar Caspio’ è raffigurato con accesso all’oceano e in mezzo a terre non asiatiche. La mappa di Eratostene del III secolo a.C. può essere stata la prima a mostrarla in questo modo, ma non è l’unica; la mappa di Strabone del I secolo a.C. e quella del grande geografo Pompeo Mela del I secolo d.C. fanno lo stesso.

La cosa curiosa di questa mappa è che l’autore sa che il mare che oggi chiamiamo Mar Caspio non ha alcuna apertura verso l’oceano e lo raffigura chiaramente a est del Mar Nero, probabilmente con l’antico nome di Mar Persico, il che suggerisce che sapeva cosa stava facendo, e che non si tratta di un errore ma di due mari diversi.

Possiamo anche riconoscere la terra del Labrador e la costa nordamericana fino ai Caraibi.

Una grande leggenda in Labrador attira l’attenzione: “Der Roten Iuden Lant” 1440 che significa “Terra degli ebrei rossi”. La mappa del 1440 porta anche la legenda “Roten Iuden peslos sen sind”. Alla parola “peslos” manca probabilmente una “t”, che significherebbe allora “Gli ebrei rossi non hanno la peste”.

Bisogna fare attenzione alla leggenda “Gog und Magog” sulle tre mappe. L’interpretazione rabbinica significa “Luogo e forza opposti alla vera religione”. Questa leggenda si riferisce agli ebrei rossi. Oggi il popolo Magog e il fiume Magog si trovano in Canada, vicino al lago Superiore. L’origine di questi nomi si è sicuramente persa nel tempo.

Tornerò più tardi in modo più dettagliato sul popolo di Magog, nemico della religione stabilita e che è menzionato nella Bibbia dal profeta Ezequiel.

La zona chiamata “Albama” sulla mappa del 1470 corrisponde all’attuale Alabama? Sulla costa c’è un luogo chiamato ‘Portonach’ (1440) che, a causa delle distorsioni fonetiche inerenti alla trasmissione orale e alle interpretazioni nella traduzione tedesca, può essere equiparato al luogo che gli aborigeni chiamavano ‘Potomac’ per la sorprendente coincidenza della sua posizione.

Sulla costa settentrionale dei Caraibi, vicino a una catena montuosa (1440) che può essere paragonata agli Appalachi, c’è la leggenda: ‘Pigmeisen sein klain und fechten mit den krenchen’. Può essere tradotto come “i pigmei sono molto piccoli, bellicosi e combattono contro i Krench“. All’inizio pensai che fosse un errore o una moda dei geografi, poiché sembrava impensabile che i pigmei vivessero in questa parte del Nord America.

Ma no! Erano lì, rappresentati su queste mappe nella regione degli Appalachi (1440) disegnata vicino alla costa atlantica. La leggenda dice che hanno combattuto contro i Creeck-Che. Questi pigmei fanno parte delle leggende di famigerate tribù, come i Cherokee, anche se si chiamavano ‘Yun’wiya’, che significa il vero popolo.

Questi pigmei sono passati dall’essere una leggenda alla storia. Alcuni anni fa, i loro scheletri sono stati scoperti e dissotterrati. Nel suo libro “Bronze Age America”, il dottor Barry Fell, professore all’Università di Harvard, data queste scoperte tra il 1000 e il 3000 a.C.

È sorprendente che 110 anni dopo il 1440, troviamo nel 1550 i pigmei rappresentati sulla mappa di Pierre Desceliers della scuola francese di idrografia, che li colloca a nord della Florida, a ovest dei monti Appalachi. È importante notare che in questo grafico il Nord America è ora separato dall’Asia. Questo dimostra che Desceliers sapeva dell’esistenza dell’America sulle vecchie mappe e che sapeva cosa doveva essere separato dall’Asia e rappresentato in America. Questa mappa si trova nella biblioteca di Londra.

Più a ovest c’è una lunga catena montuosa che va da sud a nord chiamata “Caspier peg”, che significa “Montagne del Caspio”. Spesso sono stati erroneamente equiparati agli Urali e dico erroneamente perché se guardiamo attentamente la mappa vediamo che gli Urali hanno ruotato di 90° verso nord con la laguna Meotica, la regione di Tanais e tutta la Siberia, il che ha cambiato l’orientamento da nord-sud a est-ovest, e sono chiamati “Tarterisch Gepirg” o “Cordigliera dei Tartari”, una catena montuosa che separava l’ovest dalla regione degli Shitias (Tartari Mongoli).

Le montagne del Caspio corrisponderebbero alle “Montagne Rocciose” che si trovano a est del mare omonimo (Baia di Hudson).

Le montagne del Caucaso si trovano a est del Mar Persico, probabilmente per errore, anche se sono correttamente disegnate a nord del Monte Ararat, tra il Mar Nero e il Mar Persico.

America Centrale

L’America centrale è riconoscibile con la penisola dello Yucatan e l’istmo di Panama che collega il Nord e il Sud America. Anche se l’assenza della penisola della Florida è evidente, penso di poter spiegare perché.

È molto importante prendere in considerazione che le mappe antiche avevano distorsioni, imprecisioni ed errori significativi. Non sono state fatte con le conoscenze scientifiche attuali ma con tentativi successivi, come dei puzzle, combinando i dati raccolti dai marinai, secondo le loro capacità e apprezzamento, che il geografo doveva selezionare e organizzare secondo la sua idea per elaborare la mappa.

Se guardiamo l’attuale mappa del mondo, possiamo vedere che se un marinaio navigasse verso est nell’Oceano Indiano, raggiungerebbe il bordo dell’Asia, circa al 30° parallelo nord, un grande golfo, il Mar Giallo, e una grande penisola, la Corea, di fronte a grandi isole, il Giappone.

Ma se un altro marinaio navigasse verso ovest attraverso l’Oceano Atlantico, troverebbe, quasi alla stessa latitudine, un grande golfo, i Caraibi, una grande penisola, la Florida, di fronte a grandi isole, le Antille. Questo ci mostra che i due navigatori avrebbero riportato dati geografici quasi identici, il che potrebbe portare il geografo che riceve queste informazioni a considerare erroneamente che si tratta della stessa regione.

Per aumentare la confusione, si aggiunge un continente tra queste due regioni, sconosciuto come tale, anche se molto visitato.

Naturalmente, con le nostre conoscenze attuali, un tale equivoco non potrebbe verificarsi, ma è una questione di un altro tempo, di altre conoscenze.

Sovrapponendo le due regioni, possiamo vedere una grande somiglianza. Una volta fatta la sovrapposizione, si può capire perché queste due regioni potrebbero essere state confuse, dato che era comune e normale che diversi navigatori riportassero dati divergenti sulla stessa regione. Su queste mappe, si considerava che questa regione era già stata collocata a nord della Siberia, quindi non c’era bisogno di riprodurla.

Il Mar dei Caraibi è chiamato ‘Slangen Mer’ che significa ‘Mare dei Serpenti’ 1440. Non ci sono isole in questo mare e ci sono riferimenti a mostri in questa regione. C’è una testimonianza di un marinaio spagnolo che partecipò alle tre spedizioni di Colombo e che fu fatto prigioniero dai turchi, come vedremo più avanti con la mappa di Piri Reis.

Un danese, il dottor T. Schmidt, scoprì nel 1922 che centinaia di migliaia di anguille europee attraversavano l’Atlantico ogni due anni per deporre le uova nel Mar dei Sargassi vicino alle Bahamas. Questo mare torbido era noto da tempo immemorabile ai greci e ai fenici, che lo chiamavano il cimitero delle navi, che venivano intrappolate dalle sue alghe serpentiformi e trascinate via, per poi scomparire nelle nebbie dense o nelle tempeste improvvise. Non c’è dubbio che le alghe e le anguille spiegano e giustificano il nome di “Mare dei Serpenti”. Vedi ancora nel Festo Rufo Avieno la descrizione della navigazione del marinaio cartaginese Himilcon.

Questa è la migliore descrizione del Mar dei Sargassi che si possa dare. Questo mare si trova vicino alle Bermuda e alla Florida ed è attualmente nella zona chiamata Triangolo delle Bermuda. Se è certo che i Greci e i Fenici non potevano attraversare l’Oceano Atlantico, come facevano a saperlo? Questo mare è anche menzionato da Cristoforo Colombo nel suo diario di viaggio.

Sud America

In Sud America, nella regione dell’attuale Colombia, vediamo perfettamente disegnate la Cordigliera Centrale, le Montagne di Perija e la Cordigliera di Mérida 1440 chiamata “Kalioperg” 1440 che significa “Montagne di Kali” e che può essere interpretata come una descrizione esemplare dell’attuale provincia e montagne di Kali in Colombia.

Guardando una mappa attuale, ci si stupisce della precisione della cartografia e della toponomastica.

Una zona porta la leggenda ‘Citalia wann ain man qestirbt so legt man dye friwen zu im’ 1440 che può essere tradotto come ‘Citalia, qui quando gli uomini muoiono seppelliamo le loro donne con loro’. Questa usanza era conosciuta e praticata dagli indigeni americani, come nel caso del Signore di Cipan che fu riesumato accompagnato dagli scheletri delle donne che lo seguirono fino alla sua ultima dimora.

Le Ande sono rappresentate in luoghi noti sulla costa pacifica del Sud America.

Nelle vaste pianure del Venezuela c’è un grande lago che rappresenta le grandi paludi e le terre inondate di quel luogo. È possibile che queste terre fossero completamente inondate in quel periodo. Su tutte e tre le mappe, un fiume, l’Orinoco, scorre da questo lago nell’oceano, formando un grande delta.

Gli indigeni della regione dell’Orinoco parlano nelle loro leggende di “Catenamanoa”, “il tempo in cui le foreste furono inondate”.

Sulla sponda occidentale del lago Sebona c’è un villaggio chiamato Elosa (1440), e non è un caso che oggi, proprio in questo luogo, a ovest delle paludi o pianure del Venezuela, si trova la città di Elorza, il cui nome, secondo alcuni, è di origine basca. Non è nemmeno una coincidenza che gli indigeni precolombiani conoscessero Carimary, che significa Piccola Cartagine, e che i conquistadores la ribattezzarono Cartagine delle Indie.

In tutte e tre le mappe troviamo la città o regione di “Poriana” e possiamo vedere nelle mappe postcolombiane come regioni come Paria, Patalis, Poriana siano collocate nelle Indie Orientali e comunemente accettate dai conquistadores e geografi dell’epoca come appartenenti all’America.

Un po’ più in basso troviamo “Saba” e sopra “India Dy Hoch” che significa “India delle altezze” 1440, che si riferisce chiaramente alla regione andina. Questo non lascia dubbi sul fatto che Saba si trovi nelle Indie Orientali e non nel sud della Penisola Arabica e più precisamente nello Yemen dove si stanno scavando rovine sconosciute nel tentativo di farle corrispondere al “Regno di Saba”.

Questo è di estrema importanza e spiega perché Fratel Bartolomé de Las Casas scrive nella sua testimonianza che Colombo, quando gli equipaggi erano preoccupati di non trovare terra, disse loro di essere rassicurati perché li stava conducendo al Re Magio e alle terre del Regno di Saba.

Nelle mappe del 1448 e del 1470, vediamo una grande penisola collegata al continente da un lungo istmo. Questa penisola ovviamente non può appartenere al Sud America, ma le sue grandi dimensioni e la sua posizione distorcono e nascondono la vera forma del continente. A causa di una mancanza di conoscenza, i copisti dell’epoca la identificarono con la penisola di Malacca.

Facendo le opportune traduzioni, possiamo vedere su una ricostruzione fatta con una mappa attuale che questa penisola non è altro che la Nuova Guinea Papua, che è in contatto con l’America del Sud a causa delle traduzioni fatte. Vediamo anche come la leggenda Signus Magnus (Oceano Pacifico) posta nel 1470 tra questa presunta penisola e il continente conferma questa ipotesi.

Non bisogna dimenticare che Dick Edgar Ibarra Grasso dimostra nelle opere citate che il Sinus Magnus (Grande Golfo) in latino o Megas Kolpios in greco corrisponde all’Oceano Pacifico, il che dimostra che questa penisola deve essere separata dal continente interponendo tra loro l’Oceano Pacifico.

Troviamo un altro evidente riferimento alle Ande nel nome della città di “Andesa” 1440 probabilmente menzionata sui geroglifici del tempio di Deir El-Bahari in Egitto come la città di Sabat in Punt.

Molti autori considerano che le Ande erano le piattaforme livellate e sfalsate costruite dagli indigeni sui pendii delle montagne per la coltivazione e danno questa origine al nome “Cordillera de los Andes“. Anche se si ritiene che la parola Ande sia nata in America e significhi montagna di rame, io non credo che sia così perché penso che sia un’alterazione della parola “Anden” che, secondo i dizionari, viene dal latino ma la cui origine è certamente più antica.

Anden era il nome dato alla piattaforma livellata e a gradini costruita per ospitare le carrozze, e questo termine è stato usato molto fino ad oggi per l’arrivo dei treni nelle stazioni. La città di “Andensa” detiene la chiave, in quanto potrebbe essere la “Città degli Andeni” a causa delle sue piattaforme a gradini. Questo dimostra che il termine “Ande” non è di origine americana ma è stato importato dagli antichi navigatori.

In una mappa del 1440, abbiamo la città di ‘Crisa’, Città d’oro, presumibilmente sulla costa del Perù, e vicino sono disegnate le Ande con la leggenda montagne d’oro. Nel Tolomeo del 1474 che si trova nella Biblioteca Vaticana, Donnus Nicolaus Germanus colloca le Ande all’estremità orientale della mappa, a est di Catigara. Una leggenda rossa che attraversa il continente da sud a nord recita “Poles of the Great Summits”; si tratta inequivocabilmente di una grande catena montuosa, e non possono essere che le Ande.

Questa leggenda è un’aggiunta di Donnus N. Germanus poiché non appare nella geografia di Tolomeo. Questo dimostra che non solo è stato in grado di riprodurre queste mappe, ma anche di migliorarle inserendo una caratteristica geografica cruciale che Tolomeo probabilmente non conosceva e non menzionava. Come poteva Nicolaus Germanus saperlo con tanta certezza e precisione nel 1474, 18 anni prima della presunta scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo?

Cristoforo Colombo

In una delle mappe del 1448, ‘Cryse’ è rappresentata da un’isola. Questo è ovviamente dovuto alla scarsa familiarità dei dati trattati.

Allo stesso modo, “Sandala, dye Amaismhueten der guld perg alz dyehunt”, che significa Montagne d’oro che le formiche proteggono come cani, è mostrato come un’isola su una mappa del 1448, mentre su una mappa del 1440 appare sia sulla terraferma che come un’isola, e su un’altra mappa del 1470 è mostrato solo sulla terraferma, nel sud-centro del Cile. Il nome “Sandala”, che è senza dubbio di origine sanscrita, corrisponde a Shanbalha o Shamballah, meglio conosciuta come Shangrila, la città mitica tanto ricercata nelle cime innevate dell’Himalaya in India. Non dovremmo cercarlo nelle altezze innevate delle Ande, nelle Indie orientali?

Troviamo la leggenda delle Montagne d’Oro che le formiche proteggono come cani in Cile.

Il Tinguiririca è un vulcano situato nella Cordigliera delle Ande, nella parte centro-meridionale del Cile, dove una leggenda dice che :

“Alla periferia del vulcano vivevano le ‘Salis-Salis’, formiche nere il cui dio Inti volle, all’inizio dei tempi molto prima dell’arrivo degli spagnoli (e degli araucani), ricompensare il loro lavoro trasformandole in esseri umani di taglia molto piccola ma vigorosi, laboriosi, ordinati e organizzati. Erano chiamati ‘le formiche’.

Quando arrivava il freddo dell’inverno, trovavano rifugio in grotte naturali che costruivano loro stessi e che costituivano una mirabile città sotterranea, magica e misteriosa. Erano un popolo pacifico di pastori e contadini che vivevano dei frutti del loro lavoro e la cui unica ambizione era di vivere in pace e felicità.

I Guanacos e i Choiques pascolavano in luoghi adatti e i Tingiriricas li utilizzavano per il trasporto e l’alimentazione. Portarono menta ed erbe dalla Valle Hermoso per alleviare i rigori dei duri e rigidi inverni. Ma questa pace e armonia non poteva durare per sempre perché gli Incas e gli avidi Araucanos cominciarono ad aggirarsi. A quale scopo? Nei Choicas, l’oro abbondava e i piccoli abitanti lo usavano come proiettile per la caccia.

Di fronte alla minacciosa avanzata di questi popoli bellicosi, i nani difendevano e proteggevano il loro territorio lanciando con le loro fionde gli ambiti frammenti di minerale. L’avidità febbrile e incontrollabile superò ogni ragione e questa lotta si trasformò in una guerra tra gli Incas e gli Araucanos. Gli Incas, vittoriosi, costruirono un cerchio di pietre per sottomettere questo popolo pacifico, ma coraggioso, che non poteva attraversarlo a causa delle sue piccole dimensioni.

I Tinguiriricas non potevano continuare a rifornirsi nella Valle Hermoso, la loro principale fonte di cibo, e scomparvero per mancanza di cibo. Ma prima di morire, hanno accuratamente bloccato gli accessi alle loro case per evitare qualsiasi saccheggio.

La gente del villaggio dice che alcuni di loro conoscono i passaggi segreti, tramandati attraverso le generazioni con l’impegno di rivelarli solo quando le tempeste della cordigliera raddoppiano”.

Si può dire che la tavoletta delle mappe del 1440, 1448 e 1470 relative a Sandala in Sud America presenta una coincidenza e una relazione diretta con la leggenda di Tinguiririca.

Chi ha disegnato queste mappe precolombiane conosceva senza dubbio la storia delle formiche (i Salli-Salli) ma allora dobbiamo chiederci come questi geografi europei potevano conoscere questa storia americana prima dei viaggi di Cristoforo Colombo.

Questa storia, considerata fantasiosa, apparve in Europa nel 1366 (e fu pubblicata a Valencia nel 1515) attraverso Juan de Mandeville di ritorno dal suo soggiorno presso il Gran Khan, dove apprese che in un’isola molto lontana a est si diceva che :

Nell’isola di Cabrotaum ci sono grandi montagne le cui miniere d’oro sono custodite da formiche che prendono ed esauriscono il minerale, il che è penoso; e nessuno osa avvicinarsi a queste montagne per paura delle formiche a meno che non adotti il seguente stratagemma: quando fa molto caldo, le formiche si seppelliscono dal terzo al nono.

Poi, bisogna prendere cammelli e dromedari, rosses e altre bestie e caricarli e scappare con l’oro perché le formiche non escono; quando non fa caldo, le formiche non dormono e non si seppelliscono, allora bisogna usare un altro stratagemma: Devi prendere delle cavalle con giovani puledri e caricarle con due piccole botti aperte in alto e che toccano quasi la terra, e devi mandare le cavalle a pascolare vicino alle montagne e racchiudere i loro piccoli, e quando le formiche vedono le cavalle vengono di corsa, perché sono di tale natura che non lasciano nulla intorno a loro non un campo o altro, e riempiono questi barili d’oro in modo che le cavalle vengano caricate e poi i proprietari delle cavalle lasciano i puledri nel campo per essere visti dalle loro madri; poi le cavalle vanno dai loro puledri e vengono scaricate e l’oro viene raccolto.

Queste formiche non fanno male a nessun animale e non vogliono vedere nessun essere umano, sono mezzo leone e molto vivaci in natura.

Oltre queste terre, queste isole e questi deserti, andando verso l’est, non c’è nessun uomo, solo montagne e rocce, e la regione oscura dove il giorno non esiste, secondo quanto dicono i popoli della terra. E da queste regioni oscure e deserte e da quest’isola verso l’est non c’è molta strada per raggiungere il Paradiso Terrestre. Anche se noi chiamiamo l’est il luogo dove sorge il sole, in realtà l’est stesso è il luogo dell’inizio della terra, perché quando il sole splende a est allora è notte nelle nostre terre a causa della rotondità della terra, di cui vi ho già detto.

Perché il nostro Signore creò la terra rotonda e la pose in mezzo al firmamento, e ora ci sono montagne e valli perché il diluvio di Noè danneggiò tutto e rimasero solo le montagne e le valli. Non oserò parlare espressamente del Paradiso Terrestre perché non ci sono mai stato (il che mi addolora perché non ne sono degno), ma voglio dirvi quello che ho sentito dai più grandi saggi della terra.

Quando si parla di cammelli e dromedari, bisogna ricordare che i camelidi americani, come il lama e il guanaco, sono molto comuni in Patagonia.

È molto sorprendente trovare questa versione della leggenda della Tinguiririca alla corte del Gran Khan e il modo in cui J. Mandeville spiega che quest’isola si trova dall’altra parte del mondo, cioè dall’altra parte dell’Oceano Pacifico, riconoscendo così la sfericità della terra nel 1336, un secolo prima di Colombo, e spiegando l’effetto del giorno e della notte prodotto da questa sfericità, cioè il fatto che quando è giorno in America, è notte in Asia. Quindi, non c’è dubbio che evoca l’altro emisfero e le formiche della leggenda della Tinguiririca della Patagonia. Riferimento Ioan Navarrais edizione 1540 – Valencia, secondo libro capitolo 24.

Un altro scienziato, il dottor Barry Fell, del Museo dell’Università di Harvard (USA), afferma che le navi egiziane raggiunsero l’America attraversando il Pacifico negli anni 230 o 231 a.C.; questo viaggio sarebbe stato organizzato da Eratostene (che è noto per aver calcolato la circonferenza della terra con una semplice operazione trigonometrica) e le navi comandate da Rat e Mawi. Queste ipotesi si basano sulla decifrazione di iscrizioni molto antiche che i viaggiatori avrebbero lasciato nelle grotte dell’Irian occidentale, in Nuova Guinea, e nella grotta di Tinguiririca, nei contrafforti montuosi del Cile centrale.

Aggiungerei che la parola Tinguir è di origine fenicia, che significa impero, e che il nome Tangeri in Africa deriva da essa.

La teoria del professore americano è stata categoricamente respinta dal professor Mario Orellana, direttore del Dipartimento di Antropologia e Archeologia dell’Università del Cile, che afferma che la grotta di Tinguiririca è conosciuta da molti anni in Cile e che i pittogrammi rupestri sulle sue pareti sono di origine indigena e non corrispondono a nessun tipo di scrittura conosciuta e sono intraducibili. Questa è la sua opinione, ma deve essere basata su prove o argomenti scientifici.

C’è anche un riferimento ad ‘Alexander’. Alessandro il Grande potrebbe aver raggiunto Cattigara, Cahatigara, Catigara, ecc. In parte di un paragrafo di Sarmiento De Gamboa si dice:

“Non poteva essere che Catigara, che si trova al sud a nove gradi dall’equinozio secondo Tolomeo, e secondo la navigazione degli uomini di Alessandro Magno, a quaranta giorni di navigazione dall’Asia”.

Su tutte e tre le mappe vediamo l’isola ‘Ophir’ nell’Oceano Indiano vicino all’Africa. Questo nome deriva da Opir, Ophir, Ofir, figlio di Jectan e nipote di Heber che era a sua volta un pronipote di Noè che popolò le terre marittime dell’Oceano orientale e i cui figli e discendenti popolarono le Indie. Oggi si sa che l’Opir era una regione del Sud America il cui nome è all’origine del Perù. È anche il leggendario luogo biblico dove la flotta del re Hiram andò a prendere l’oro del re Salomone e da dove riportarono la regina di Saba.

Vediamo anche il Paradiso Terrestre con un’illustrazione di Adamo ed Eva e i quattro fiumi biblici che scorrono da esso: il “Tigri”, l'”Eufrate” e i due fiumi leggendari il “Physon” e il “Gyon” (1440-1448). Questi fiumi furono probabilmente collocati per ignoranza e per ragioni teologiche nell’Eden, come dice la Bibbia, dai chierici che copiarono le mappe, lasciando il Tigri e l’Eufrate a est dell’Indo e del Gange.

Ma tra il Fisone e il Tigri c’è un quinto fiume, il “Porus”, 1440. Così mi chiedo se non potrebbe essere il Purus, un fiume che nasce in Perù, ai piedi delle Ande amazzoniche, dietro Machu Pichu nella regione di Manu, e sfocia nel Rio delle Amazzoni.

In fondo, all’estremo sud della Patagonia, c’è la leggenda “dy Rysen vechten and streiten wider dy sint wurm”, “giganti che combattono i draghi”, da quello che mi ha detto Paul Gallez, credo che questa sia un’allusione molto chiara ai giganti patagonici che cacciano gli elefanti marini e il loro modo di muoversi ondulato.

Questi animali erano cacciati dagli indigeni sia per la loro carne che per la loro pelle, dato che erano numerosi e facili da avvicinare per l’uomo.

Più a sud, oltre la terraferma, troviamo un’isola triangolare (1440) e grandi penisole, così come il nome “Curiga” e la leggenda: “ayn gut insel um aufgang” che significa “è una buona isola da est”.

Questo la colloca al di là delle altre isole e certamente al di là dell’oceano. La sua forma triangolare, le sue grandi e strane penisole, la sua posizione a est e sotto la terraferma, la rendono il candidato perfetto per essere la “Terra del Fuoco”, dato che l’isola identificata da alcuni come Ceylon e da altri come Ibarra Grasso come Sumatra, si trova a ovest di questa isola “Curiga”.

Sarebbe interessante studiare la relazione tra questo toponimo “Curiga” (scritto in tedesco antico) e il “Coilum” (in latino) di M. Waldseemüller nella sua mappa del 1606 della penisola che sicuramente corrisponde alla Terra del Fuoco.

Queste terre, riconosciute inequivocabilmente come appartenenti all’America del Sud, non possono e non devono essere confuse con l’India perché la toponomastica non corrisponde (tranne che per i fiumi Tigri ed Eufrate, che corrispondono alla Mesopotamia, come spiegato sopra). In effetti, all’epoca in cui queste mappe furono disegnate, 1440, 1448 e 1470, l’India e le sue principali città erano ben note ai navigatori e ai geografi occidentali, eppure nessuna di esse appare nell’intera regione, rendendo inammissibile la confusione con l’India attuale, come alcuni sostengono.

La stessa cartografia, prima e dopo Colombo

È notevole che su queste mappe si trovi perfettamente la città di “Troya”, una città mitica che si crede sia stata inventata da Omero e scoperta da Heinrich Schliemann nel 1868.

La città monumentale di Petra, che era isolata all’epoca delle mappe e che fu scoperta nel 1812, secoli dopo la loro realizzazione, non era conosciuta.

La città biblica di Sodoma si trova anche al suo posto sulla riva sud-est del Mar Morto. Nel 1924 furono scoperte le rovine di una città chiamata Bab Edh Dhra e recentemente, nella stessa regione, furono scoperte (e scavate nel 1975) le rovine di un’altra città chiamata Numeira. Ma secondo recenti studi e datazioni, potrebbe trattarsi delle bibliche città di Sodoma e Gomorra (soggetto a conferma).

Possiamo leggere la leggenda “Dy Arch Noe in Armenia auf dem perg Ararat” che significa “Monte Persia Ararat dove si trova l’Arca di Noè”, accompagnata da un’illustrazione che rappresenta una barca in montagna.

Sarebbe molto importante ricercare la vera origine di queste mappe, che rivelano una conoscenza toponomastica molto antica, mentre c’è un’assenza di riferimenti toponomastici a luoghi che erano perfettamente conosciuti e considerati molto importanti al momento della loro realizzazione. Ciò dimostra che queste mappe derivano da una geografia o da mappe molto più antiche, come nel caso delle mappe di Tolomeo, che sono state fatte nel XIII secolo e la cui geografia è più antica.

Queste mappe contengono certamente dati su luoghi antichi che sono ancora sconosciuti.

La scoperta dell’America su queste mappe ci dà una grande risposta: la storia ufficiale contiene enormi errori e solleva una valanga di domande, la maggior parte delle quali non hanno ancora avuto risposta, lasciandoci una vasta gamma di possibilità di ricerca.

Di fronte a questa situazione, dobbiamo iniziare una profonda e seria rivalutazione della storia e dell’archeologia, prendendo in considerazione il diffusionismo, ampiamente e per tanto tempo attaccato e negato, a volte per errore, ignoranza e spesso per disonestà, come unica via per arrivare alla conoscenza della “VERA STORIA UNIVERSALE”.

Non c’è dubbio che queste mappe devono essere studiate molto più a fondo, soprattutto per quanto riguarda la loro toponomastica, perché non concorda con quella di Tolomeo. D’altra parte, corrisponde alla realtà negli esempi citati.

Una misteriosa fratellanza tedesca. Questa regione non corrisponde all’attuale Germania. Quando studio le mappe antiche, non posso dimenticare che gli autori di alcune di queste mappe, che hanno avuto una grande influenza nella storia prima di Colombo, sono di origine tedesca, Martin Waldseemüller, Martin Behaim, Henricus Martellus Germanus, Donnus Nicolaus Germanus, Andreas Walsperger.

Includo anche gli autori anonimi della mappa Nova Cosmographia del 1440 e della mappa Stiftsbibliothek di Zeitz del 1470, che appartenevano tutti alla Chiesa o erano vicini ad essa nel momento in cui si stava preparando il grande scisma subito dalla Chiesa durante la Riforma di Martin Lutero. La Riforma della Chiesa ha influenzato le conoscenze utilizzate dai tedeschi?

Non si può fare a meno di interrogarsi sull’origine e la trasmissione di questa misteriosa e antica conoscenza acquisita da questi monaci tedeschi, conoscenza che non è assolutamente di origine tolemaica. Non conosciamo la natura dei documenti utilizzati per svolgere il loro lavoro, mappe o geografia di qualsiasi tipo, e possiamo solo chiederci se questi documenti non siano abbandonati sugli scaffali della biblioteca di un monastero, in attesa che qualcuno li rispolveri e li riscopra perché rivelino i loro segreti. Se questi tedeschi erano così esperti di geografia, perché non hanno scoperto loro stessi l’America? Probabilmente non lo sapremo mai.

Già nell’antichità si conoscevano quattro Indie: “l’Indo India”, “l’India del Gange”, “l’India fuori dal Gange” e “le Indie Orientali”. Si pensava che queste ultime fossero nell’estremo oriente dell’Asia, mentre in realtà erano l’America, e furono la ragione dei viaggi di Colombo, anche se poi divennero le Indie Occidentali, sia per Colombo che per tutti i conquistadores, perché dovevano navigare verso ovest dall’Europa.

Queste Indie orientali (o Indie meridionali) appaiono su tutte le mappe antiche come un’estensione meridionale della Cina e sono chiamate “La coda del drago”: dalla mappa di Eratostene nel III secolo a.C., Pomponio Mela e Tolomeo nel I secolo d.C., Martello, Nicolas Germanus e fino al globo di Martin Behaim nel 1492. A partire da questa data, la cartografia diventa confusa. Dopo la scoperta dell’America, le nuove mappe mostrano due Americhe: “Le Indie Orientali” accanto all’Asia e riprodotte sotto il nome di “Mondo Novo” quando in realtà si tratta della stessa regione riprodotta come se fossero luoghi diversi.

Vediamo alcuni esempi di questo sulle mappe di :

1502 – Cantino – Nicolas Caneiro
1506 – Martin Waldssemüller
1515 – Schoner
1520 – Pedro Apiano
1522 – Lorenzo Frisio
1532 – Sebastian Munster

Questa dualità scomparve nel 1526 quando i geografi si resero conto del loro errore e tornarono alla cartografia tradizionale precolombiana, separando gradualmente le Indie orientali dall’Asia e sostituendo il loro nome con America.

Questo può essere visto nelle seguenti mappe:

1526 – Oroncio Fineo – F. Melinas
1528 – F. Melinas
1533 – Gotha – Schoner
1542 – C. Vopelius
1554 – Lopo Homen
1562 – G. Gastaldi
1570 – F. Basso

(In questa lista abbiamo selezionato solo alcune delle mappe più rappresentative).

Anche se questo modello cartografico è arrivato fino ai nostri giorni, si perpetua il concetto obsoleto di un Mondo Novo indipendente delle Indie Orientali, una mistificazione che in pratica è scomparsa circa quarant’anni dopo Colombo. Ma l’impatto e la vasta pubblicità dell’epoca sulla scoperta, poi gli enormi interessi in gioco, ci hanno lasciato una cartografia reale e un concetto errato che consiste nel considerare la scoperta come una semplice e triste conquista di terre conosciute fin dall’antichità.

Confronta le tre mappe seguenti su questo tema:

No. 1: mappa di Zeitz del 1470, l’America è accanto all’Asia
No. 2: Mappa di Sebastian Munster del 1532, l’America è mostrata due volte
N°3 : carta di Johannes Schöner del 1533, l’America è accanto all’Asia

Queste tre mappe sono un esempio dell’evoluzione della cartografia dai tempi precolombiani ai giorni nostri.

Sulla mappa n. 1 di Zeitz del 1470, possiamo vedere come le Indie Orientali (America), ancora unite all’Asia, cominciano a separarsene.

Questa situazione durò fino alla cosiddetta scoperta dell’America, come la chiamò Martin Waldseemüller nella sua mappa del 1506. Ma già nel 1492, vediamo le Indie Orientali o “Coda del Drago” da una parte e il Mondo Novo dall’altra, anche se sono la stessa cosa, e questa confusione persiste per circa quarant’anni, durante i quali vediamo due Americhe sulle mappe, come sulla mappa citata sopra o sulla mappa N°2 di Sebastian Munster nel 1532, ventisei anni dopo la mappa Waldseemüller.

Ma dopo quarant’anni i geografi si accorsero di questa dualità e tornarono alla cartografia tradizionale precolombiana, come nella mappa n. 3 di Johanes Schöner del 1533, dove si vede chiaramente l’America unita all’Asia. La separazione avverrà gradualmente fino alla scoperta dello stretto di Bering, una modalità che continuerà fino ad oggi.

Se eliminiamo la mappa n. 2 di Sebastian Munster da questa serie di mappe, possiamo vedere che la mappa n. 1 di Zeitz del 1470 e la mappa n. 3 di Johanes Schöner del 1533 mostrano la stessa organizzazione cartografica, con le Indie Orientali, cioè l’America, unite all’Asia.

Cancellando la vecchia ‘Coda del Drago’ con la sua storia, la toponomastica e le leggende, a cui rimanevano attaccati, era necessario risistemarla su un continente mitico scomparso e sostituirla con una nuova Coda del Drago chiamata America, senza toponomastica, senza storia e senza antiche leggende.

Questi quarant’anni di dualità sulle mappe hanno creato una confusione che ha impedito di vedere la realtà della continuità cartografica. Questa situazione è durata per diversi secoli, da Colombo ai giorni nostri, e ha causato grandi danni alla scienza.

È stato dimostrato che l’America è sempre esistita sulle mappe, sotto il nome di Indie Orientali, e che era conosciuta e frequentata fin dai tempi più antichi.

Nel 1502 Caneiro, Cantino e Vespucci erano apparentemente in grado di fare mappe con migliaia di chilometri di coste che non erano state esplorate in quel momento, dato che avevano appena fatto i loro primi viaggi ai Caraibi, ma cosa è successo dopo? La mappatura è cambiata poco o per niente. Basta guardare le mappe di oltre cento anni dopo la cosiddetta scoperta dell’America e vediamo i Caraibi, le Indie occidentali e persino la Florida rettificata. E il resto? Sembrerebbe che i geografi dell’epoca fossero privi di ispirazione e tra i molti esempi, ne esamineremo cinque:

1542 – Caspar Vopelius
1556 – Hieronymo Girava
1562 – Giacomo Gastaldi
1571 – Francisco Basso
1574 – Guillo Sanuto

Anche se la loro toponomastica è più ricca, dal punto di vista cartografico non superano e nemmeno eguagliano la perfezione della vignetta di Vespucci della mappa di Waldseemüller. Si può vedere da queste mappe, che sono molto più tarde del periodo precolombiano, che il Nord America è collegato all’Asia, mentre il Sud America appare come un’estensione della Cina a sud. Le mappe sono state semplicemente realizzate sullo stesso modello delle mappe precolombiane con l’unica differenza della comparsa della parola “AMERICA”, che conferma l’esistenza di una “Globalizzazione preistorica”.

Bisogna ricordare che nell’antichità le mappe potevano essere fatte solo a partire dai dati raccolti dai navigatori. La presenza di mappe precedenti a Colombo prova l’esistenza di antichi marinai che hanno viaggiato per il mondo, raccogliendo dati per redigere le stesse mappe che sono state utilizzate per fare e completare le mappe al momento della conquista, mettendo su di esse terre sconosciute e inesplorate, spesso erroneamente a causa dell’ignoranza di questi luoghi e probabilmente anche per errori di interpretazione durante la copia.

Naturalmente, raccogliere i frammenti di mappe (mappe parziali) dei diversi navigatori, identificarli, portarli alla stessa scala, riunirli e ordinarli come se fossero un puzzle era un compito molto delicato all’epoca in cui la cartografia era agli inizi, dato che si considera che sia iniziata con Mercatore (Gerard Kremer 1512-1594) che stabilì la differenza tra “un Geografo e un Cartografo”.

Vespucci, una truffa?

L’esistenza di mappe precolombiane è confermata dal mappamondo di Waldseemüller del 1506-7, la mappa più importante della scoperta. Nella vignetta superiore possiamo vedere due figure con la loro mappa. Uno di loro è Tolomeo, ma è l’altro che ci interessa, perché ci presenta una mappa che era impossibile per l’epoca, soprattutto perché l’America è mostrata separata dall’Asia e in modo così completo e perfetto che all’epoca nessuno poteva avere questa conoscenza.

La persona in questione non ha mai viaggiato o scoperto l’America Centrale, l’Istmo di Panama e l’Oceano Pacifico.

La perfetta rappresentazione della Patagonia su questa mappa era impossibile a quel tempo perché nessuno aveva navigato o viaggiato attraverso questa zona nella sua interezza, nemmeno Américo Vespucci, l’altro personaggio rappresentato, che non andò oltre il 25° parallelo sud in Brasile. Américo, Amalrricus, Amérigo, Alberico, Américus, un personaggio controverso la cui conoscenza della navigazione è così poco conosciuta, tranne per quello che lui stesso ci dice, senza alcuna modestia, attraverso scritti dubbi. Nonostante la sua posizione, nessuno dei documenti che deve aver scritto per la Casa de Contratacion si è conservato. Si conoscono solo copie delle sue mappe.

Diversi ricercatori, come Vicente D. Sierra, si sono incaricati di dimostrare che il viaggio di Vespucci e Hojeda tra il 1497 e il 1499 non è mai esistito. Calcolando le distanze descritte dallo stesso Vespucci durante il viaggio del 1501-1502, egli non andò oltre i 25° a sud della costa sudamericana (in Brasile), poi si diresse verso sud-est, probabilmente fino a 50°, e infine tornò in Portogallo senza tornare sulla costa sudamericana.

Il suo resoconto contraddice le sue lettere in cui afferma di aver raggiunto 32° sud lungo la costa (in realtà 25°). Si contraddice anche in una lettera, conosciuta come Mundus Novus, in cui ammette di non aver visto terra quando navigava nell’Atlantico del Sud, e in un’altra lettera, chiamata Lettera, mente e dice di aver seguito una costa selvaggia per 20 leghe, senza mai nominarla di nuovo o cercare di tornare per confermare la sua scoperta.

Sappiamo che era molto loquace nel descrivere le coste del Brasile, a differenza delle coste del sud, sulle quali è molto discreto nelle lettere inviate ai suoi amici di Firenze, ovviamente aveva poco da dire sui luoghi che non aveva esplorato.

Alcuni hanno cercato di spiegare l’atteggiamento segreto di Vespucci dicendo che voleva tenere segreto il suo viaggio fuori dalla giurisdizione portoghese. Ma se ha deciso di tornare in Portogallo nell’aprile 1502, come ha potuto fornire i suoi dati così rapidamente che le sue mappe sono state pubblicate nello stesso anno, a meno che non ci fosse una segretezza.

Dire che Vespucci mente non è un’affermazione gratuita, è dimostrato dalle mappe precolombiane del 1440, 1448 e 1470 con le quali si fa uno spostamento che colloca il continente insulare dell’Australia, allora chiamato Isola Trivalla, nell’Atlantico a ovest dell’Africa, dove in realtà non esisteva.

E se il fiorentino non si è ispirato a queste mappe, sicuramente ne aveva una simile in suo possesso, che gli dava la certezza dell’esistenza delle terre di Trivalla nell’Atlantico del Sud. Si mise alla ricerca di queste terre a 25° sud della costa sudamericana, dirigendosi verso sud-est fino a 50° sud nell’Atlantico, e anche se non trovò nulla, si affrettò ad annunciare la loro scoperta nella sua “Lettera”, raccontando di aver navigato lungo una costa selvaggia per 20 leghe quando questo è impossibile.

Se guardiamo le mappe del 1440, 1448 e 1470, vediamo che l’isola di Triballa (Australia) si trova a sud-est dell’America e a ovest dell’Africa, come descritto da Vespucci nel racconto del suo viaggio. Ma, ironia della sorte, la sua mappa gli ha giocato un brutto scherzo, perché lì non c’era terra. Si è semplicemente affidato alla sua mappa e ha anticipato una scoperta che non avrebbe potuto fare. Frode!

Il fatto inquietante è che si suppone che abbia battezzato e cartografato la costa della Patagonia, quando non ha battezzato né cartografato e non ha dato alcuna indicazione della posizione di questa costa selvaggia che diceva di aver trovato, per legittimare la sua scoperta.

Le terre menzionate non appaiono nella vignetta della mappa di Waldseemüller in cui appare Vespucci con la sua mappa, né appaiono nella mappa di Pedro Apiano del 1521 dove è scritto nel titolo che è stata fatta con le mappe di Tolomeo e Vespucci.

Per quanto riguarda le pseudo scoperte del fiorentino, devo dire che non sono d’accordo con coloro che dicono che Cananea-Cananor è stata spostata verso sud e che la sua posizione reale è a 25° sulla costa brasiliana. Al contrario, io sostengo che è stato spostato a nord per portarlo alla portata di Vespucci, collocandolo a 25° sud, che è il punto più a sud del suo viaggio lungo la costa sudamericana prima di riprendere la navigazione verso sud-est.

Ma come vedremo, gli storici non avevano idea che si sarebbe trovata la prova che la vera Cananea è molto più a sud nel Chubut, a circa 43°S come appare sulle mappe dal 1502, con una toponomastica associata. Inoltre, l’esistenza di pietre scolpite con scritte di origine apparentemente cananea completano il quadro e ci permettono di affermare che il fiume e il porto di Cananea si trovano nel Chubut, a circa 43° sud e non a 25° dove alcuni geografi hanno continuato a collocarlo nelle loro mappe, creando così la coesistenza di due Cananea.

Altri hanno ammesso la posizione esatta di Cananea a 43° e hanno scelto di estendere i viaggi del fiorentino lungo la costa sudamericana per portarla a portata di mano. Non sono affatto convinto dell’argomento difeso da R. Leviller e E. De Gandia per provare i viaggi del fiorentino in Patagonia e attribuirgli la denominazione fittizia di luoghi che non aveva esplorato per giustificare una toponomastica così a sud per l’epoca e offrirgli così la scoperta e la denominazione del fiume Giordano (Rio de la Plata) a 35° sud e di Cananea a 43° sud lungo la costa patagonica.

A me e ad altri autori sembra incredibile che Vespucci abbia battezzato luoghi dei Caraibi con nomi cinesi e altri luoghi della Patagonia meridionale con nomi semitici, in piena Inquisizione quando gli ebrei erano condannati alla conversione o alla morte in Spagna, e De Gandia chiede provocatoriamente, convinto che non ci sia altra opzione: “Se non è stato il fiorentino a dare questi nomi, allora chi può essere stato?

R. Leviller e De Gandia attribuiscono a Vespucci il battesimo di Paria e Lariab (Lamriab) nel 1497 in Messico. Riconoscono che si tratta di nomi di città cinesi e sappiamo che la toponomastica di origine cinese o asiatica in Mesoamerica è diffusa e non è legata a Vespucci.

Possiamo dedurre e affermare che questi nomi erano scritti sulle mappe precolombiane, di cui Vespucci aveva sicuramente una copia. La scoperta di tutta l’America sulle mappe del 1440, 1448 e 1470 conferma questa ipotesi.

La storia che conosciamo ci dice che il Rio de la Plata fu scoperto da Juan Dias de Solis nel 1516 e che fu chiamato Mar Dulce, poi ribattezzato Rio de la Plata, ma queste toponomie non si trovano nelle antiche mappe. Tuttavia, appare su quasi tutte le mappe antiche fatte dai principali geografi europei per più di trent’anni dal 1502 con il nome di Rio Jordan, 1502 Kunstmann II.

1504 Caneiro (Nicola Caveri)
1506 Waldseemüller Martin
1508 Ruysch Juan
1513 Waldseemüller Martin
1516 Waldseemüller Martin
1516 Presunta scoperta di J. D. de Solis
1519 Maggiolo
1526 Castiglione
1529 Verrazano
1531 Oroncio Fineo
1533 Schöner J
1534 Rivero D. e Ramusio B.
1535 Globo dorato a Parigi

Studiando più da vicino le mappe antiche, se ne potrebbero aggiungere altre a questa lista, ma penso che in ogni caso queste siano sufficienti a dimostrare che i nomi dei luoghi sono precedenti alla loro cosiddetta scoperta e che hanno continuato ad essere indicati come tali anche dopo.

Alcuni casi specifici possono essere apparsi con un nome diverso, come nel caso di Diego Garcia, il Rio de Aos, dove si è cercato di escludere l’origine del nome Jordan, o in altri casi come Rio de Solis o San Cristobal e altri che non sono durati.

La dimostrazione di questa ipotesi contro Vespucci mostra che i nomi dei fiumi del bacino del Plata, dove sappiamo che non è andato, si uniscono nel loro senso precolombiano a quello del fiume Giordano, cioè, erano già battezzati e che questi nomi furono adottati solo al momento della conquista e non furono dati da Vespucci.

Il fiume Paranà era chiamato “Rio Pity” nella lingua indigena, che in greco e fenicio significa pino in riferimento al pino del Paranà o brasiliano che abbonda in questi luoghi (vedi l’isola Pityusa nel Mediterraneo, che è l’isola dei Pini); Il fiume “Teuco” o piuttosto “Teucho” (parola greca per volume-libro) come lo chiamano gli indigeni, si riferisce al Pentateuco, i cinque libri dei Testi Sacri dell’Antico Testamento o Torah; il fiume “Bermejo” si riferisce al Mar Rosso, origine della navigazione; il fiume “Pilcomayo” sarebbe in realtà Philco-Mayum, Philco in riferimento ai tessitori e tintori Fenici (secondo B. Graiver) Magnum per acqua corrente, fiume in aramaico; il fiume “Apa” viene da Apu, Abu Patriarca. Ci sono altri nomi nella regione che seguono questa toponomastica.

Nella provincia di Corrientes c’è un luogo chiamato “Lito Cara” (Pietra Quadrata) in lingua indigena, ma è ovvio che lito viene dal greco e significa pietra; altri come “Overa” nella provincia di Misiones, “Averia” frequente nel nord-ovest, o Palmira e Carmelo sulla costa uruguaiana, sono di origine cananea dal Medio Oriente o provengono dagli indiani Carios (Guaraníes)

Il fiume “Chubut” o “fiume di Cananea” o erroneamente chiamato “Cananor” è legato alla toponomastica della regione, dove ovviamente Vespucci non andò mai e che non nominò. Collina di “Calfu Kir”, insediamento fortificato di Calfu; Cacique Caffarenna, “Pampa de Marrauf”; “Montagna di Garraf”, nomi di origine araba: “Pampa de Sacanan” casa di Canaan; “Montagna di Jalalaubat”, questo toponimo ricorre più di quindici volte in Iran, Siria, Pakistan, India e Afghanistan; “Collina della Cicuta” veleno usato da Socrate; “Yanquetruz”; “Collina di Yankaneo” già spiegato negli Ebrei Rossi; “Cacique Malikeo” significa il re; “Monti Apas” significa patriarca, ecc. ecc. È ovvio che questi toponimi non sono di origine americana.

È anche possibile che nella mappa fornita al signor Waldseemüller da Alberico Vespucci, fosse scritta la parola “Americ o America”, che, secondo Ricardo Palma nel libro “Traditions Péruviennes”, pubblicato da Espasa-Calpe nel 1951, pagine 28-30, corrisponde alle montagne della provincia di Chontales in Nicaragua, da dove si estraeva l’oro in epoca precolombiana e che significa montagne o luogo dove soffia il vento.

Secondo Alfredo Cardona Peña, in “Conversaciones y semblanzas”, Editorial Universidad estatal a distancia, Costa Rica 1988, Amérika è una parola tolteca che significa paese con montagne al centro. Waldseemüller può aver confuso questo nome nella prima edizione della sua mappa nel 1506, perché produsse immediatamente una seconda edizione in cui questo nome fu rimosso. È quindi possibile che il nome del continente sia di origine indigena.

Abbiamo l’opinione di Alessandro V. Humboldt sull’etimologia della parola America, che disse nel 1837: “I contemporanei di Vespucci tradussero erroneamente la parola Amerigo dall’italiano al latino come Alberico. La traduzione corretta avrebbe dovuto essere Amalriccus. La prova si trova nell’edizione latina del viaggio di Jehan Lambert del 1501 e nell’Itinerarium Portugallensium pubblicato nel 1508.” .lungi dall’avere qualcosa a che fare con il suo nome perché all’epoca non esisteva in Europa il nome Américo o América per un uomo o una donna.”

Humboldt dimostra così che ‘Amerigo Vespucio’ era conosciuto ai suoi tempi come ‘Alberico Vespucio’ e che questo nome è diventato ‘Américo’ dopo che Waldseemüller ha trascritto il nome América e non Albérica sulla mappa del 1506.

È necessario riprodurre qui un paragrafo del libro di Fray de Espinosa del 1623 “Compendio y descripción de las indias occidentales” capitolo V-24:
“.come il doctissimo D. Juan de Solórzano, magistrato emerito del Consiglio delle Indie, de Indiarum iure, fol 38 e 39, lib 1, ca 4, tutto dovrebbe essere chiamato Colonia di Colon e non America. E non so su quale base Américo Vespucio la usurpò, quel povero marinaio che non navigò mai in quella zona e che non fece nulla di notevole perché il suo nome passasse ai posteri con la gloria di una tale scoperta, perché non fu lui a farla”.

Nessuno poteva sapere ciò che non era ancora stato scoperto.

Questo prova che Vespucci fu uno dei fortunati proprietari di una mappa precolombiana che diede a Waldseemüller, e che quest’ultimo la copiò con il nome América (Americ o America), che era un toponimo della mappa, anche se in seguito fece una seconda edizione cancellando il nome América, ma nonostante questa correzione il nome persistette. Dopo una tale scoperta, Vespucci non solo non pubblicò la sua mappa, ma la diede ad altri per farne la propria copia. Vedi anche il titolo della mappa di P. Apiano 1520.

È possibile che durante i suoi contatti con la Scuola di Firenze, A. Vespucci abbia potuto ottenere una mappa dell’America da uno dei monaci tedeschi che vi lavoravano. Questa è una possibilità, ma non ci sono prove.

Sebbene metta Vespucci e la sua mappa in una vignetta e vi riproduca i nomi dei luoghi, compresa l’América, sembra che Waldseemüller non si fidi completamente di Don Américo e disegna l’America del Nord separata dall’America del Sud più in basso nella sua mappa, seguendo lo schema delle mappe già pubblicate nel 1502 da Cantino e Caneiro. Questi ultimi mostrano un Sud America separato dal Nord con un’abbondante toponomastica che parte da quello che sarebbe il sud del Brasile fino a 42° sud, il fiume Cananea (fiume Chubut), cosa impossibile nel 1502 poiché nessuno aveva navigato a queste latitudini.

Come dice il “doctissimo Juan de Solórzano”, penso che sia inutile soffermarsi sul caso di Américo Vespucci.

” Devi leggere gli antichi ” Cristoforo Colombo

Curiosamente, le coste dell’America del Nord sono rappresentate in modo più approssimativo di come erano state scoperte ed esplorate da quando Caboto scoprì e navigò lungo le coste di Terranova nel 1497, Corterreal e alcuni altri organizzarono spedizioni, e Colombo navigò lungo queste coste fino a 42° Nord.

Devo dire che l’ipotesi di Ibarra Grasso sulla navigazione di Colombo lungo le coste del Nord America mi sembra molto pertinente. Come dice giustamente, non abbiamo motivo di dubitare della capacità dell’ammiraglio di determinare la sua posizione quando afferma di essere a 42° Nord e decide di tornare indietro prima che arrivi l’inverno. Tutti conoscono i rigori dell’inverno a New York perché è a quella latitudine. Questo non sarebbe successo nei Caraibi, dove il clima è tropicale tutto l’anno. Inoltre, ha trovato in America lo stesso cielo stellato che ha osservato a Vigo o a Barcellona (42° N ).

Un altro riferimento toglie l’ultimo dubbio. È la testimonianza scritta lasciata da Fratel Bartolomé de las Casas in cui dice di essere stato colpito dalla quantità di teschi di bovini morti che hanno trovato. Questo è impossibile nei Caraibi dove non ci sono bovini o cose simili, ma è abbastanza possibile lungo le coste della Georgia o della Carolina dove si trovano i bisonti delle pianure nordamericane. Questi crani cornuti erano simili a quelli già conosciuti in Europa.

Sarebbe interessante chiedere a Colombo stesso della sua scoperta, e come se avesse anticipato la domanda, ci ha lasciato la risposta nella sua stessa scrittura.

1) In una presentazione del Dr. Enrique Mussel al “Seminario internazionale sui contatti transoceanici precolombiani” tenutosi nel novembre 2000 a La Paz, in Bolivia, ha trascritto un frammento di una lettera inviata da Colombo ai re spagnoli nel 1498.

“… e chiedo a coloro che hanno letto la storia dei Greci e dei Romani di rispondermi se, con così poco, hanno esteso il loro dominio tanto quanto Vostra Altezza ha fatto ora per la Spagna con le Indie. Questa semplice isola che misura più di settecento leghe, la Giamaica, con altre settecento isole e una parte del continente, notoriamente conosciuta dagli antichi, contrariamente a quanto dicono gli invidiosi e gli ignoranti.
Cristoforo Colombo, testi completi e documenti, Edizioni Consuelo Varela, Alianza, Madrid, 1982, pagina 227.

Vediamo come Colombo stesso riconosce che le terre d’America erano conosciute dagli antichi e accusa di ignoranza coloro che vogliono negare questa realtà.

Ma gli studiosi successivi erano troppo occupati a leggere tra di loro per leggere gli antichi, e decisero che Colombo si sbagliava. Da una parte lo chiamavano il grande navigatore, il genio della scoperta, e dall’altra lo chiamavano uno stupido e ignorante che non sapeva dove si trovava, trasformando tutto in un’enorme follia.

Colombo non poteva immaginare che non solo non avrebbero letto gli antichi, ma anche che non avrebbero letto la sua lettera, che è soprattutto una confessione, e quelli che la leggeranno dopo non potranno accettarla o capirla.

Il paragrafo in questione mostra che Colombo sapeva dove stava andando e che non ha fatto un errore. Arrivò al luogo che si era prefissato di raggiungere, non in India o in Giappone, ma nelle “Indie Orientali”, chiamate poi “America”, alla ricerca delle ricchezze del Cipan di Marco Polo e dell’oro della Catigara di Tolomeo. Ciò è confermato dalle mappe disegnate da suo fratello Bartolomé Colombo nel 1503-1505, anch’esse impossibili all’epoca, con l’istmo di Panama e la costa americana del Pacifico dove si trova Catigara.

Questo dimostra che Bartolomé Colombo ha deliberatamente collocato Catigara sulla costa occidentale delle Indie Orientali e che non ha commesso un errore come hanno supposto gli storici successivi. Questa mappa gli mostra che doveva cercare uno stretto per raggiungere le ricchezze di Catigara, uno stretto che tutti cercarono invano fino alla presunta scoperta di Hernando Magellano.

Il libro di Don Hernando Columbus, il secondo figlio di Cristoforo Colombo, contiene le relative interpretazioni degli scritti degli antichi fatte da Cristoforo Colombo su cui sostiene di essersi basato per trovare le “Indie” e non “l’India”.

Fa interpretazioni di : Marino di Tiro, Claudio Tolomeo, Strabone, Ctesias, Onescrito, Nearco, Plinio il Vecchio, Alfragan, Aristotele, Averroè, Seneca, Soline, Marco Polo, Giovanni di Mandeville, Pietro di Aliaco, Pablo Fisico (Paolo di Pozzo Toscanelli), ecc. E le Indie al di là del Gange, le “Indie orientali”, sono le stesse di quelle a ovest dell’Europa e per questo le chiama “Indie occidentali”. Dico che ha fatto un’interpretazione pertinente perché lo hanno portato alla sua meta, anche se poi non è stato capito.

Non bisogna dimenticare che Colombo sarebbe stato nominato per decreto reale viceré a vita di tutte le terre che aveva scoperto, un titolo che sarebbe passato ai suoi discendenti. La Corona non aveva intenzione di onorare questo decreto, ed è per questo che né il re di Spagna né la storia ufficiale riconobbero l’arrivo dell’ammiraglio sul continente.

Solo la scoperta delle Indie Occidentali è stata riconosciuta. I quattro finanzieri ebrei convertiti, Luis de Santangel, Juan Cabrero, Alonso de la Caballeria e Gabriel Sanchez, sapevano che se questa promessa fosse stata mantenuta, l’ammiraglio sarebbe diventato un viceré più potente della corona spagnola e della sua corte. Questo vicereame sarebbe inaffidabile, soprattutto agli occhi dell’Inquisizione.

Ma una penna maliziosa ha scritto la storia del pegno dei gioielli della regina Isabella la Cattolica per finanziare la spedizione di Colombo.

La storia non risparmia nessuno.

“Colombo sarà nominato Viceré a vita di tutte le terre che scoprirà e questo titolo sarà trasmesso ai suoi discendenti. Questo è il motivo per cui Colombo tornò vivo e in catene, non doveva morire perché doveva negoziare con lui l’eredità del suo titolo di viceré, che dopo la sua morte diede luogo a una causa con i suoi discendenti fino al 1786.

Nel 1992, in una mostra intitolata “Verso l’Oriente attraverso l’Occidente”, tenuta in Colombia dall’artista Luis Felipe Noé, fu pubblicato un dossier in cui si mostrava un diagramma che spiegava come era fatta la mappa precolombiana di Martellus, che comprende tutta l’America. Possiamo vedere che il metodo utilizzato è simile a quello delle tre mappe del 1440, 1448, 1470.

In questa pubblicazione fa un’osservazione molto pertinente: Se Colombo andò in India come ambasciatore del Gran Khan, perché gli fu dato il titolo di viceré?

Abbiamo già visto che Colombo sapeva dell’esistenza del “Regno di Saba”, confermando così che sapeva anche dell’esistenza della “Terra degli ebrei rossi”. Un’altra prova inconfutabile è che, sebbene avesse letto gli scritti di Marco Polo e fosse così desideroso di accedere alle ricchezze di Catigara e Cipango, non selezionò nessun compagno asiatico o con conoscenze di cinese, giapponese, mongolo, tartaro o qualsiasi altra lingua asiatica per essere in grado di comunicare nelle terre del Gran Khan, al quale doveva andare come ambasciatore.

L’argomento che non c’erano asiatici in Europa a quel tempo è stupido e completamente falso. Al contrario, chiese alla regina per i prigionieri nelle segrete dei castelli, ebrei e mori condannati a morte che rifiutavano di convertirsi o di emigrare, sicuramente di utilizzare le loro conoscenze di ebraico, arabo, aramaico ecc. Ma la storia dice che questi prigionieri erano ladri e assassini.

In una lettera, ancora conservata, che l’ammiraglio inviò al suo finanziere Luis de Santangel, parla dei marinai Luis Torres, un ebreo convertito, e Rodrigo de Jerez, che camminarono per tre giorni incontrando molti popoli e al loro ritorno informarono Colombo che la loro conoscenza dell’ebraico, dell’aramaico e dell’arabo non era stata utile per comunicare con i nativi. Per quanto riguarda Colombo stesso, molti autori affermano la sua origine ebraica, tra cui S. De Madariaga, B. Graiver, S. Wiesenthal, J. Wassermann e altri.

La Corona spagnola concesse all’ammiraglio un decreto che non era disposta ad onorare, e l’ammiraglio diede alla Corona spagnola elementi falsi per raggiungere il suo obiettivo. E da questa gara di bugie è stata scritta la storia ufficiale che accettiamo oggi.

Colombo sapeva che Marin di Tiro conosceva i 240° e che gli mancavano 120° per completare la sfera terrestre.

Questo spazio si trova nel Signus Magnus, comprese le Indie Orientali (America) e corrisponde ai 120° che mancavano a Marin di Tiro e ai 180° che mancavano a Tolomeo per completare la sfera terrestre.

È in questo spazio che Marco Polo colloca Cipango e dove altri autori collocano Ophir, Tharsis, Thule, Ostrumides, Hesperides, Sephora, e molte altre isole e terre misteriose.

Bisogna ricordare che molto più vicino all’Europa, dove si poteva viaggiare via terra, la penisola settentrionale era considerata e cartografata come un’isola. È ovvio che nessun marinaio avrebbe potuto navigarci intorno e riportare tali dati ai geografi. Quest’ultimo ha considerato questa regione come poco conosciuta. (Vedere la mappa Pertotum Circulum).

Non sorprende quindi che questo procedimento sia stato ripreso e utilizzato con regioni lontane e poco conosciute, regioni che facevano parte di un vasto continente ignorato come tale, o la cui esistenza era nascosta da distorsioni per evitare che altri andassero alla ricerca delle sue ricchezze.

Tra Yankees e Ches

Nella parte orientale delle mappe, sulle terre del Labrador, vediamo la leggenda “Terra degli ebrei rossi”. Questa espressione merita di essere analizzata. Cananeo significa uomo dalla pelle rossa, ed è per questo che i greci li chiamavano Phoenix (rosso), da cui deriva il nome Fenici, e gli egiziani li chiamavano I Rossi. Nessuno di questi termini è stato usato per designare il popolo di Mosè che conquistò Canaan. Si può dedurre che il termine ebrei rossi è certamente molto antico e si può supporre che il foglio di mappa si riferisca agli “uomini rossi”. Cananeos, Phoenix (Fenici)”.

Al momento della conquista, sia da parte degli inglesi che dei francesi, queste terre erano conosciute come le Terre di Abramo. Così, suggestivamente, fu nella parte orientale del Nord America che i nativi furono chiamati per la prima volta “pellerossa”, un termine che fu poi usato fino al selvaggio West.

Queste terre sono rappresentate anche in altre mappe precolombiane, come quelle di El Edrisi 1154, Al Wardi 1349, Marcellus 1489 o M. Behaim 1492, chiamate “Judei Clausi”. Si pensava che queste terre appartenessero all’estremo nord, a est della Siberia, ma in realtà, come mostra la cartografia antica, fanno parte dell’America collegata all’Asia.

Ci sono diverse teorie sull’origine della misteriosa parola ‘Yankee’ per i nordamericani, e sebbene dispiaccia ai sudamericani, è ora usata in tutto il mondo per indicare gli abitanti degli Stati Uniti.

L’Enciclopedia Britannica afferma che la parola è di origine sconosciuta e dà diversi significati. Uno di loro afferma che probabilmente deriva dall’olandese Janke, abbreviazione di John. Un’altra interpretazione è che il termine fu usato durante la guerra d’indipendenza nel 1775 dai soldati britannici come termine peggiorativo per i patrioti.

Altri credono che una tribù di nativi del Massachusetts chiamata Yankos o Yanque fu sconfitta da altri nativi del New England che presero poi il nome per significare invincibile.

Queste spiegazioni possono avvicinarsi alla verità, ma non spiegano né chiariscono nulla. Alcuni dicono che Yankee deriva probabilmente da Jacob ( Yacob ) ?

Altri dicono che l’origine di questa parola deve essere cercata in Russia e che viene dal Tartaro.

In queste circostanze, credo di poter dire che la parola “Yankee” deriva dalla parola “Yanque” che è di origine cananea o tartara, e che designa i nativi del nord-est degli Stati Uniti, gli ebrei rossi delle terre di Abramo. È per questo che gli inglesi lo usavano per riferirsi in modo peggiorativo non ai nativi ma agli europei e ai loro discendenti, che consideravano ribelli e traditori della corona inglese. In breve, gli inglesi li chiamavano sdegnosamente indiani, usando la parola come un insulto.

Durante la guerra civile americana, le truppe del Nord e del Sud erano in parte composte da nativi assimilati dalla conquista o appartenenti a tribù alleate di una parte. Così gli indigeni del sud riconoscevano quelli del nord dalle loro uniformi blu, e sapendo chi erano, li chiamavano Yanques o Yanquis. È così che chiamavano le truppe dell’Unione nelle loro uniformi blu e quando le truppe dell’Unione vinsero la guerra il nome fu esteso a tutta l’Unione.

Anche se il termine Yankee è così noto in Nord America, non è specifico di quella regione e si trova anche in Sud America in Patagonia dove si riferisce alla tribù indigena Yanke-truz, il cacique Yanke-lemus, la collina Yanke-nao, ecc.

Un altro termine di origine misteriosa è la parola “Che”, che appartiene anch’essa al patrimonio degli indigeni nordamericani, sebbene sia conosciuta anche dai nativi sudamericani. Gli argentini sono chiamati ‘Che’ come gli americani sono chiamati ‘Yankee’.

Sia al nord che al sud, la parola Che fa parte del nome di molte tribù indigene: al nord Apaches, Cherokees, Comanches, Creeckches, Cheyennes, ecc. e al sud Mapuches, Teuelche, Rinculche, Chuelche, ecc.

La parola “Che” significa popolo, nazione, popolazione, la sua origine è tartara mongola e la troviamo in nomi noti come Cecenia o Chernobyl ecc. La parola Chaman, che si trova in tutta l’America, ha la stessa origine.

Ci sono attualmente cognomi di origine giudeo-cananea come Yankelevich, che significa i figli o il popolo invincibile di Levi e non credo che in questo caso Yanke sia usato come diminutivo, poiché questo nome non si scompone in Yankele-vich ma in Yanke-levi-ch.

Le leggende della comunità Navajo nella parte centrale del Nord America mostrano che non solo sapevano dell’esistenza dell’Oceano Pacifico, ma raccontano anche della loro migrazione verso est dalla loro antica patria nell’ovest, attraverso il Nord Pacifico. Su questa antica mappa possiamo vedere l’origine e il significato del nome Navajo nella leggenda che recita “Nabathea in ebraico Nabajoth” che significa “Nabatea che in ebraico è Navajo”. Quando le parole vengono trasmesse oralmente da una lingua o da un dialetto a un altro, anche senza traduzione, di solito subiscono distorsioni fonetiche causate dalle diverse forme di pronuncia.

Tra i Navajo, i popoli himalayani, specialmente i tibetani, e gli abitanti dell’India meridionale, c’è ancora una pratica rituale comune di versare accuratamente polvere colorata con cui si formano disegni (Mandala) che, una volta completati, vengono distrutti o cancellati con le mani affinché la terra riassorba l’energia di queste rappresentazioni.

L’interpretazione di Tolomeo

Il geografo Claudio Tolomeo nacque probabilmente due secoli dopo Marin di Tiro, da cui trasse ispirazione per la sua geografia.

È molto importante leggere la geografia scritta da Claudio Tolomeo, perché non è stata studiata attentamente e a volte è stata male interpretata. È necessario reinterpretare alcuni passaggi di Tolomeo che non sembrano molto chiari:

Tolomeo parla di una geografia scritta da Marino di Tiro, sulla quale basa la sua, ma non dice che lo conosceva personalmente. Marin non cita personaggi oscuri ma persone importanti e note dell’epoca come Alessandro, Diogene, Flacco, Teofilo, Filemone, Dioscoro, ecc. che Tolomeo non sembra conoscere. Tolomeo parla di un certo Alessandro, che non è altro che Alessandro il Grande.

Marin parla di Alessandro e dei suoi racconti dei suoi viaggi a Catigara, e anche delle versioni dei viaggi di Alessandro Magno a Catigara riportate dai marinai macedoni come Tiziano.

Non dice che Marin conosceva personalmente Alessandro il Grande. Anche se le mappe di Tolomeo sono disegnate a 180°, non rappresentano una terra piatta come molti pensano. Basta guardare le mappe per rendersi conto che rappresentano una superficie curva, come mostrano i meridiani, misurati in gradi, che si incontrano sopra il polo. ( vedere la geografia sferica Almagesto di Tolomeo ) Tolomeo ridusse a 45° la geografia di Marin di Tiro, che si estendeva a 225°.

Purtroppo, nessuna copia di questa geografia è stata conservata per determinare gli errori di Tolomeo. La navigazione verso Saba che Tolomeo divide per due corrisponde certamente ai 40 giorni menzionati da Sarmiento de Gamboa.

Bisogna ricordare che il diluvio durò 40 giorni e 40 notti, che l’esodo di Mosè nel deserto durò 40 anni, che Gesù digiunò nel deserto per 40 giorni, che i ladri di Ali Baba erano 40, ecc. Questo dimostra che il quaranta era usato per rappresentare una grande quantità il cui numero esatto è sconosciuto e non come qualcosa di impossibile da contare come lo interpreta Tolomeo.

Esaminiamo un po’ la geografia di Tolomeo.

Nel primo libro, capitolo XIV, riguardante il viaggio tra il Quersonesus de Oro (Malaca) e Catigara, si dice che :

“Marin non indica il numero di stadi tra il Chersonesus Doré e Cattigara. Alessandro scrisse che la costa corre verso sud, e che navigando lungo la costa arrivarono a Zaba dopo venti giorni, e poi continuando qualche giorno verso sud e verso sinistra arrivarono a Cattigara.

Questo paragrafo merita un’attenzione speciale perché dimostra che fu Alessandro Magno stesso a scrivere dei suoi viaggi a Saba e Catigara, scritti che sono scomparsi come la geografia di Marin di Tiro.

Non specifica il punto esatto del Quersonesus de Oro (Malaca) da cui è necessario navigare verso sud per venti giorni per raggiungere Saba. Ci dà direzioni sbagliate e tempi di navigazione confusi. Credo che l’interpretazione corretta sia quella di navigare per diversi giorni lungo la linea equinoziale verso il Levante fino a Saba, poi navigare per qualche giorno verso sud e poi a sinistra per arrivare a Catigara.

Nel settimo libro delle tavole di localizzazione, indica per la dodicesima carta relativa all’isola di Trapobana (Ceylon): “Saba 135° longitudine 0° latitudine, Equatore”.

Ma secondo quanto indica nella sua geografia, per arrivare a Saba bisogna partire dal “Chersonesus Aureo” (Malaca) che è ben oltre i 135° di Trapobana (Ceylon). Spiega anche che Saba è 8° a nord di Cattigara, quindi la longitudine di Saba deve essere 175° e non 135°.

Questo portò i geografi che fecero le ricostruzioni delle mappe di Tolomeo quindici secoli dopo a copiare l’errore nelle tabelle di localizzazione e a inventare una piccola isola che non esisteva nell’Oceano Indiano, vicino a Trapobana (Ceylon), per collocare Saba alla longitudine errata di 135°.

Marin ridusse le dimensioni della Terra di 135° e completò la sua geografia solo a 225° di longitudine, e Tolomeo ridusse il lavoro di Marin di altri 45° per arrivare a una rappresentazione globale di 180° di longitudine. Anche se questi cambiamenti non alterarono la latitudine, che rimase costante, distorsero le distanze in longitudine, il che impedì a Tolomeo di specificare le distanze e i tempi di navigazione per raggiungere Catigara.

Questa analisi del geografo Claudio Tolomeo mostra che egli stesso fu influenzato dalle idee oscurantiste imposte da Roma.

Colombo fu il primo a interpretare correttamente l’opera di Claudio Tolomeo, e molti altri, come spiega suo figlio Hernando Colombo e questo è uno dei motivi principali del suo successo.

Nella mappa realizzata da Lopo Homen e Pedro Reinel nel 1519, vediamo come, 27 anni dopo Colombo, localizzano ‘Zaba Flu’ (fiume Saba) sulla costa sudamericana, nello stesso luogo dove Tolomeo collocò Catigara a sud di Saba. Questo dimostra che conoscevano la geografia di Tolomeo. Pongono anche il “Parioco Flu” (fiume Pariah) dimostrando che la presunta scoperta dell’America non è stata sufficiente per ingannarli o confonderli, come è successo in seguito ad altri fino ad oggi.

Confronto della Baia dell’Ecuador su quattro mappe

Nel settimo libro delle tavole di localizzazione, nell’undicesima mappa relativa a Sinae (Cina) e nel Signus Magnus, Tolomeo afferma:

“Ambastus 177° longitudine 10° latitudine nord.
Cattigara 177° longitudine 8°30′ latitudine sud. Ancoraggio dei cinesi.
Foce del fiume Cutiaris 177° di longitudine 7° di latitudine sud. Luogo dove vivono gli ittiofagi (mangiatori di pesce) etiopi.

È interessante notare che gli altri autori non si sono occupati di questi ittiofagi etiopi, sebbene siano di fondamentale importanza.

L’Etiopia del Mar Rosso degli amarici è quella che ci interessa in questo caso. Aveva relazioni con l’Egitto e il Regno di Giudea fin dalla più alta antichità, l’Etiopia degli ebrei di colore, quelli che vivevano sui promontori di Aromata, Rapta o Prasum in Africa orientale da dove, secondo Tolomeo, partivano i navigatori attraverso l’Oceano Indiano. Alcuni passarono per il Madagascar fino al Chersonesus Aureo (Malaca) e da lì attraversarono l’Oceano Pacifico fino a Saba, Catigara, Ambato, il fiume Curiatis, ecc. nelle “Indie Orientali”, passando per le isole, grandi e piccole, dell’Oceania dove lasciarono il loro segno.

La scoperta dell’America su queste mappe precolombiane spiegherebbe l’esistenza di alcune mappe controverse. Nel libro di P. Guirao “L’enigma delle mappe di Piri Reis”, pubblicato da Libro Expres de España, troviamo nel capitolo IV:

“Charles H. Hapgood confronta la mappa di Andreas Walsperger del 1448 (che è un mucchio di spazzatura) con il portolano di Dulcert del 1399, che rappresenta il Mediterraneo molto accuratamente.

Purtroppo per lui, questo autore non si è reso conto che è stato A. Walsperger a dargli, con la sua mappa, la chiave del mistero di Piri Reis, e quello che lui considera “un tessuto di sciocchezze” rappresenta tutta l’America su una mappa precolombiana, che permette di confermare l’ipotesi della conoscenza dell’America nell’antichità, senza bisogno di invocare gli alieni.

La mappa di Vinland, acquistata dall’Università di Yale, è un’altra mappa controversa, e nonostante il prezzo molto alto che probabilmente è costata e la sua controversa autenticità, credo che questa mappa sia perfettamente possibile per il suo tempo, 1440, ma è stata erroneamente chiamata “la prima mappa dell’America”. In Germania, Kirstein Seaver, un’esperta in materia, dice che “l’autenticità della mappa sarebbe come la Concezione della Vergine, poiché non esiste una tradizione successiva”, e che potrebbe essere stata falsificata nel 1930 dal gesuita Fratel Joseph Fischer nel castello di Wolfgang in Baviera dove insegnava storia.

Ma forse c’è una tradizione che circonda questa mappa, dato che abbiamo parlato della confraternita di monaci tedeschi che hanno fatto mappe prima di Colombo, tra cui le tre mappe dell’America, datate 1440, 1448 e 1470, fatte da monaci della stessa regione.

Questo suggerisce che se la mappa di Vinland non fosse davvero una mappa autentica del 1440 ma una produzione di Fratello Fischer, non sarebbe un falso ma piuttosto una copia o una ricostruzione di documenti originali più vecchi. Lo stesso vale per le mappe precolombiane fatte dai monaci tedeschi, alle quali ho fatto riferimento, dimostrando e confermando così l’esistenza in Germania di antichi documenti non ancora ritrovati che sono stati utilizzati per fare queste mappe.

Enrique García Barthe

Fonte: Archivio Privato

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code