toba60

Gravitá e Antigravitá da Newton a Tesla fino ad Einstein e Searl

Prima di leggere questo bellissimo testo inerente i mille aspetti della gravitá, voglio evidenziare quanto la scienza sia attualmente nelle mani di un manipolo di criminali, non ho altre parole per dare un senso a tutto quello che sta accadendo nel mondo.

Abbiamo la teconolgia per fare cose meraviglise, molti scienziati nei secoli si sono battuti per un mondo migliore, ma tutto questo non ha mai avuto alcun seguito per il genere umano.

Si parla di 5g di Microcip e di Tecnologia hi-tech, ma langue nei meandri della cecita’ dell’uomo tutto ció che giá oggi potrebbe sgravare il mondo intero dall’incombenza del lavoro cosi come e’ stato concepito 2000 anni fa.

E’ triste sapere che ci troviamo in un ”Oasi Incantata”, ma ci si ostina a vivere nel buio delle caverne.

Toba60

1. Gravità e Massa

Si dice che sia stata la vista di una mela caduta da un albero che, intorno al 1665, diede a Isaac Newton l’idea che la forza che trascina una mela sulla terra è la stessa di quella che tiene la luna nel suo orbita intorno alla terra.

Il motivo per cui la luna non cade sulla terra è a causa dell’effetto di contrasto del suo movimento orbitale. Se la luna cessasse il suo movimento orbitale e cadesse sulla terra, l’accelerazione dovuta alla gravità che sperimenterebbe sulla superficie terrestre sarebbe di 9,8 m / s², la stessa di quella sperimentata da una mela o da qualsiasi altro oggetto in caduta libera.

  La legge di gravitazione universale di Newton afferma che la forza gravitazionale tra due corpi è proporzionale al prodotto delle loro masse e inversamente proporzionale al quadrato della distanza tra loro. Per calcolare la forza gravitazionale (F), le loro masse (m1 e m2) e la costante gravitazionale (G) vengono moltiplicate insieme e il risultato viene diviso per il quadrato della distanza (r) tra di loro: F = Gm1m2 / r².

Secondo la teoria newtoniana, la forza gravitazionale tra due o più corpi dipende quindi dalle loro masse. Tuttavia, l’accelerazione gravitazionale di un corpo attratto non dipende dalla sua massa: se viene fatto cadere contemporaneamente da una torre e se viene ignorata la resistenza dell’aria, una palla da tennis e una palla di cannone colpiranno il suolo contemporaneamente.

Ciò è spiegato per mezzo della seconda legge del moto di Newton, che afferma che la forza applicata a un corpo è uguale alla massa del corpo moltiplicata per la sua accelerazione (F = ma); questo implica che la gravità tira più forte su masse più grandi.

 Se si combinano le due equazioni di Newton (F = ma = Gm1m2 / r²), si può dedurre che, affinché l’equazione sia bilanciata, la costante gravitazionale (G) deve avere le dimensioni piuttosto curiose m³ / kg.s² (volume diviso per massa moltiplicata per il tempo al quadrato).

Sfidare Newton

    Nel suo libro Gravitational Force of the Sun, Pari Spolter critica la teoria ortodossa secondo cui la gravità è proporzionale alla quantità o alla densità della massa inerte. Si spinge fino a sostenere che non c’è motivo di includere alcun termine per la massa in nessuna delle equazioni di forza. Sottolinea che per dedurre dal sistema terra-luna che la gravità obbedisce a una legge dell’inverso del quadrato (cioè che la sua forza diminuisce del quadrato della distanza dal corpo che attrae), Newton non aveva bisogno di conoscere o stimare le masse del terra e luna.

Aveva bisogno di conoscere solo l’accelerazione dovuta alla gravità sulla superficie terrestre, il raggio della terra, la velocità orbitale della luna e la distanza tra la terra e la luna. E come già detto, l’accelerazione gravitazionale di un corpo in caduta libera è indipendente dalla sua massa,qualcosa che è stato verificato con un alto grado di precisione.

Spolter rifiuta la seconda legge di Newton (F = ma) come una definizione o convenzione arbitraria e sostiene che non è la forza che è uguale alla massa moltiplicata per l’accelerazione, ma il peso. La sua equazione per la forza “lineare” è F = ad (accelerazione per distanza).

La sua equazione per la forza “circolare” (inclusa la gravità) è F = aA, dove a è l’accelerazione e A è l’area di un cerchio con un raggio uguale alla distanza media del corpo orbitante dal corpo centrale. Sostiene che l’accelerazione dovuta alla gravità diminuisce del quadrato della distanza, ma che la forza gravitazionale del sole, della terra, ecc. È costante per ogni corpo che gli ruota intorno. Nella teoria newtoniana, al contrario, varia in funzione sia della massa del corpo orbitante che della sua distanza dal corpo centrale.

La teoria di Spolter contiene diversi difetti. In primo luogo, il suo tentativo di negare qualsiasi legame tra forza e massa non è convincente. Non mette in dubbio l’equazione per la quantità di moto di un corpo (quantità di moto = massa moltiplicata per velocità), ma la quantità di moto con un tasso di ripetizione costituisce una forza, che quindi non può essere indipendente dalla massa.

Inoltre, il peso è un tipo di forza, piuttosto che un fenomeno completamente separato. In secondo luogo, Spolter vorrebbe farci credere che ci sono due tipi di forza ed energia – una lineare e una circolare – con dimensioni diverse: fornisce alla forza ‘lineare’ le dimensioni in metri quadrati al secondo quadrato, mentre alla forza ‘circolare’ vengono date le dimensioni metri cubi al secondo quadrato.Ma non c’è giustificazione per inventare due forme di forza ed energia e per abbandonare le dimensioni uniformi in questo modo.

Terzo, definire la forza “circolare” in modo tale che la forza gravitazionale di una stella o di un pianeta rimanga esattamente la stessa indipendentemente da quanto ci troviamo lontani da esso, è controintuitivo se non assurdo.

Hosting WordPress

Inoltre, non è sincero da parte di Spolter affermare che la sua equazione implica che l’accelerazione è inversamente proporzionale al quadrato della distanza. Se fosse vero che a = F / A, con forza (F) proporzionale a r 3 (vedi sotto) e area (A = πr 2 ) proporzionale a r 2 , l’accelerazione sarebbe infatti direttamente proporzionale a r 3 / r 2 = r!

Spolter crede che la sua equazione della gravità risolva il mistero della terza legge di Keplero del moto planetario: questa legge afferma che il rapporto tra il cubo della distanza media (r) di ciascun pianeta dal sole al quadrato del suo periodo di rivoluzione (T) è sempre lo stesso numero (r³ / T² = costante). La sua equazione di gravità può essere riscritta: F = 22π 3 r 3 / T 2 . Come spiegato altrove, il fattore 22π3 è del tutto arbitrario e Spolter ha semplicemente oscurato il vero significato della costante di Keplero.

La gravità non implica l’accelerazione di un’area (media) intorno al sole, come implica l’equazione di Spolter. Piuttosto, implica un accoppiamento della massa-energia del sole e dei pianeti, insieme alla loro energia gravitazionale priva di massa associata.

E agisce non attraverso lo spazio vuoto ma attraverso un etere energetico – qualcosa che manca tanto alla fisica di Spolter quanto alla fisica ortodossa . Come mostrato nelle sezioni successive, la forza gravitazionale netta non deve essere direttamente proporzionale alla massa inerte, poiché caratteristiche come lo spin e la carica possono modificare le proprietà gravitazionali di un corpo.

Spolter propone che sia la rotazione di una stella, un pianeta, ecc. Che in qualche modo genera la forza gravitazionale e fa ruotare altri corpi attorno ad essa – un’idea avanzata dall’astronomo del XVII secolo Johannes Kepler . Ma non suggerisce un meccanismo per spiegare come questo potrebbe funzionare, o cosa fa ruotare un corpo celeste in primo luogo.

Mostra che la distanza media delle successive orbite planetarie dal centro del sole, o delle successive orbite lunari dal centro di un pianeta, non è casuale ma segue una legge esponenziale, indicando che la gravità è quantizzata su scala macro, proprio come le orbite degli elettroni in un atomo sono quantizzate su micro scala. Non esiste nemmeno una teoria generalmente accettata per spiegare questo fatto chiave.


    Il dizionario del diavolo definisce la gravitazione come:

“La tendenza di tutti i corpi ad avvicinarsi l’un l’altro con una forza proporzionata alla quantità di materia che contengono – la quantità di materia che contengono è accertata dalla forza della loro tendenza ad avvicinarsi l’un l’altro”.

Questa è la logica apparentemente circolare alla base della teoria della gravità standard. Le cifre fornite per le masse e le densità di tutti i pianeti, stelle, ecc. Sono puramente teoriche; nessuno ne ha mai messo uno su una bilancia e l’ha pesato!

Va tenuto presente, tuttavia, che il peso è sempre una misura relativa, poiché una massa può essere pesata solo in relazione a qualche altra massa. Il fatto che le velocità dei satelliti artificiali osservati corrispondano alle previsioni viene solitamente preso come prova che i fondamenti della teoria newtoniana devono essere corretti.


    Le masse dei corpi celesti possono essere calcolate da quella che è nota come forma di Newton della terza legge di Keplero, che assume che il rapporto costante di Keplero di r³ / T² sia uguale alla massa inerte del corpo moltiplicata per la costante gravitazionale divisa per 4π² (GM = 4π²r³ / T² = v²r [se sostituiamo 2πr / v per T]).

Utilizzando questo metodo, la densità media terrestre risulta essere di 5,5 g / cm³. Poiché la densità media della crosta terrestre è di 2,75 g / cm³, gli scienziati hanno concluso che la densità degli strati interni della terra deve aumentare sostanzialmente con la profondità. Tuttavia, ci sono buone ragioni per mettere in discussione il modello standard della terra.

Anomalie della gravità

    (1998) valore ufficiale di CODATA per la costante gravitazionale (G) è 6,673 +/- 0,010 x 10 -11 m3 kg -1 s -2 . Sebbene i valori di molte “costanti fondamentali” siano noti fino a otto cifre decimali, i valori sperimentali per G spesso non sono d’accordo dopo solo tre, e talvolta sono addirittura in disaccordo sul primo; questo è considerato un imbarazzo in un’epoca di precisione.

Assumendo la correttezza dell’equazione gravitazionale di Newton, G può essere determinato in esperimenti di tipo Cavendish, misurando l’angolo di deflessione molto piccolo di una bilancia di torsione da cui sono sospese sfere metalliche grandi e piccole, o il cambiamento molto piccolo nel suo periodo di oscillazione . Tali esperimenti sono estremamente sensibili e difficili da eseguire.

Ad esempio, l’attrazione elettrostatica tra le sfere metalliche può influenzare i risultati: in un esperimento in cui la piccola massa di platino era rivestita con un sottile strato di vernice, sono stati ottenuti valori di G costantemente inferiori. Si noti che le variazioni nei valori sperimentali di G non significano necessariamente che G stesso varia; probabilmente significano che la manifestazione locale di G, o gravità della superficie terrestre (g), varia a seconda delle condizioni ambientali.

Gli scienziati hanno occasionalmente ipotizzato se G sia veramente costante per periodi di tempo molto lunghi, ma non è stata trovata alcuna prova conclusiva di un aumento o una diminuzione graduale.

 Nel 1981 fu pubblicato un articolo che mostrava che le misurazioni di G in miniere profonde, pozzi di trivellazione e sotto il mare davano valori circa l’1% più alti di quelli attualmente accettati. Inoltre, più profondo è l’esperimento, maggiore è la discrepanza. Tuttavia, nessuno ha prestato molta attenzione a questi risultati fino al 1986, quando E. Fischbachei suoi colleghi hanno rianalizzato i dati di una serie di esperimenti di Eötvös negli anni ’20, che avrebbero dovuto dimostrare che l’accelerazione gravitazionale è indipendente dalla massa o dalla composizione del corpo attratto.

Fischbach et al. ha scoperto che c’era un’anomalia coerente nascosta nei dati che era stata respinta come errore casuale. Sulla base di questi risultati di laboratorio e delle osservazioni dalle miniere, hanno annunciato di aver trovato prove di una “quinta forza” a corto raggio, dipendente dalla composizione. Il loro articolo ha causato molte controversie e generato una raffica di attività sperimentale nei laboratori di fisica di tutto il mondo.

La maggior parte degli esperimenti non è riuscita a trovare alcuna prova di una forza dipendente dalla composizione; uno o due lo hanno fatto, ma questo è generalmente attribuito a un errore sperimentale. Diversi sperimentatori precedenti hanno rilevato anomalie incompatibili con la teoria newtoniana, ma i risultati sono stati da tempo dimenticati. Ad esempio, Charles Brush ha eseguito esperimenti molto precisi dimostrando che i metalli di peso atomico e densità molto elevati tendono a cadere leggermente più velocemente degli elementi di peso atomico e densità inferiori, anche se viene utilizzata la stessa massa di ciascun metallo.

Ha anche riferito che una massa o una quantità costante di determinati metalli può essere notevolmente modificata in peso cambiando le sue condizioni fisiche. Il suo lavoro non è stato preso sul serio dalla comunità scientifica e la tecnica di fotografia a scintilla molto precisa che ha usato nei suoi esperimenti di caduta libera non è mai stata utilizzata da altri ricercatori. Esperimenti di Victor Crémieu hanno dimostrato che la gravitazione misurata nell’acqua sulla superficie terrestre sembra essere un decimo maggiore di quella calcolata dalla teoria newtoniana.

Continuano a verificarsi anomalie impreviste. Mikhail Gersteyn ha dimostrato che “G” varia almeno dello 0,054% a seconda dell’orientamento delle due masse di prova rispetto alle stelle fisse. Gary Vezzoli ha scoperto che la forza delle interazioni gravitazionali varia dallo 0,04 allo 0,05% in funzione della temperatura, della forma e della fase di un oggetto.

Donald Kelly ha dimostrato che se la capacità di assorbimento di un corpo viene ridotta magnetizzandolo o energizzandolo elettricamente, esso è attratto dalla terra a una velocità inferiore a g. I fisici normalmente misurano g in modo controllato, il che include non alterare la capacità di assorbimento dei corpi dal loro stato abituale. Un team di scienziati giapponesi ha scoperto che un giroscopio che gira a destra cade leggermente più velocemente di quando non gira. Bruce DePalma ha scoperto che gli oggetti rotanti che cadono in un campo magnetico accelerano più velocemente di g.


    Come accennato in precedenza, le misurazioni della gravità al di sotto della superficie terrestre sono costantemente superiori a quanto previsto sulla base della teoria di Newton. Gli scettici presumono semplicemente che debbano essere presenti rocce nascoste di densità insolitamente alta. Tuttavia, misurazioni in miniere dove le densità sono molto note hanno dato gli stessi risultati anomali, come misurazioni fino a una profondità di 1673 metri in una calotta di ghiaccio omogenea in Groenlandia, ben al di sopra della roccia sottostante.

Harold Aspden sottolinea che in alcuni di questi esperimenti gli involucri del tipo a gabbia di Faraday sono posizionati attorno alle due sfere metalliche per scopi di schermatura elettrica. Sostiene che ciò potrebbe comportare dell’etere) producendo un afflusso di energia eterea che viene dispersa come calore in eccesso, con conseguenti errori dell’1 o 2% nelle misurazioni di G.

Tutti i corpi in caduta libera – singoli atomi e oggetti macroscopici – subiscono un’accelerazione gravitazionale (g) di circa 9,8 m / s² vicino alla superficie terrestre. Il valore di g varia leggermente su tutta la Terra a causa del suo allontanamento da una sfera perfetta (es. Rigonfiamento equatoriale e topografia locale) e – nella teoria convenzionale – a variazioni locali della densità della crosta e del mantello superiore. Si ritiene che queste “anomalie della gravità” siano completamente spiegabili nel contesto della teoria newtoniana. Tuttavia, la forza gravitazionale netta non è necessariamente proporzionale alla massa inerte. La sezione 2 presenterà le prove per la schermatura della gravità, la cancellazione della gravità e l’antigravità.

Sulla base della gravità newtoniana, ci si potrebbe aspettare che l’attrazione gravitazionale sui continenti, e in particolare sulle montagne, sia maggiore che sugli oceani. In realtà, la gravità in cima alle grandi montagne è inferiore al previsto sulla base della loro massa visibile mentre sulle superfici oceaniche è inaspettatamente alta.

Per spiegare questo, è stato sviluppato il concetto di isostasia: è stato postulato che la roccia a bassa densità esiste da 30 a 100 km sotto le montagne, il che le sostiene, mentre la roccia più densa esiste da 30 a 100 km sotto il fondo dell’oceano. Tuttavia, questa ipotesi è tutt’altro che dimostrata. Il fisico Maurice Allais ha commentato: “C’è un eccesso di gravità sull’oceano e una carenza sopra i continenti. La teoria dell’isostasi ha fornito solo una pseudo spiegazione di ciò. ”

La teoria standard e semplicistica dell’isostasia è contraddetta dal fatto che nelle regioni di attività tettonica i movimenti verticali spesso intensificano le anomalie gravitazionali piuttosto che agire per ripristinare l’equilibrio isostatico. Ad esempio, il Grande Caucaso mostra un’anomalia di gravità positiva (di solito interpretata nel senso che è sovraccarica di massa in eccesso), ma sta aumentando piuttosto che abbassandosi.

La teoria della gravità newtoniana è messa in discussione da vari aspetti del comportamento planetario nel nostro sistema solare. Gli anelli di Saturno, ad esempio, presentano un grosso problema. Ci sono decine di migliaia di anelli e boccoli separati da altrettanti spazi vuoti in cui la materia è meno densa o essenzialmente assente. La natura complessa e dinamica degli anelli sembra essere al di là del potere di spiegazione della meccanica newtoniana. Le lacune nella fascia degli asteroidi presentano un puzzle simile.

Un’altra anomalia riguarda le deviazioni nelle orbite dei pianeti esterni (Giove, Saturno, Urano e Nettuno). È stato ipotizzato un ” Pianeta X ” oltre Plutone; dovrebbe essere da due a cinque volte più massiccio della terra e da 50 a 100 volte più lontano dal sole di quanto lo sia la terra (Plutone è attualmente circa 30 volte più lontano dal sole rispetto alla terra).

L’oggetto più grande al di là di Plutone scoperto finora (luglio 2005) – noto come Xena- è circa il 30% più grande di Plutone (che è solo due terzi delle dimensioni della luna). Ha un’orbita molto allungata ed è attualmente oltre tre volte più distante dal Sole di Plutone. Altri due pianeti minori, circa il 70% delle dimensioni di Plutone, sono stati avvistati all’incirca alla stessa distanza di Xena . Resta da vedere se c’è abbastanza massa oltre Plutone per spiegare tutte le deviazioni orbitali.

2. Schermatura, elettrogravità, antigravità

Sia la gravità che l’elettromagnetismo obbediscono alla legge dell’inverso del quadrato, cioè la loro forza diminuisce del quadrato della distanza tra i sistemi interagenti. Sotto altri aspetti, tuttavia, sembrano essere molto diversi. Ad esempio, la forza gravitazionale tra due elettroni è di 42 ordini di grandezza (10 42) più deboli della loro repulsione elettrica.

La ragione per cui le forze elettromagnetiche non sopraffanno completamente la gravità nel mondo che ci circonda è che la maggior parte delle cose sono composte da una quantità uguale di cariche elettriche positive e negative le cui forze si annullano a vicenda. Mentre le forze elettriche e magnetiche sono chiaramente bipolari, si presume generalmente che la gravità sia sempre attraente in modo che non si verifichino cancellazioni analoghe.

Un’altra differenza è che la presenza di materia può modificare o schermare forze elettriche e magnetiche e radiazioni elettromagnetiche, mentre nessun indebolimento della gravità è stato presumibilmente misurato ponendo materia tra due corpi, e si presume che ciò sia vero qualunque sia lo spessore della materia in questione. Tuttavia, alcuni esperimenti hanno trovato prove che possono essere interpretate in termini di schermatura gravitazionale o di deviazioni dalla legge dell’inverso del quadrato.

Schermatura contro la gravità

Nel corso di una lunga serie di esperimenti molto sensibili negli anni ’20, Quirino Majorana scoprì che posizionare mercurio o piombo sotto una sfera di piombo sospesa fungeva da schermo e riduceva leggermente l’attrazione gravitazionale terrestre.

Non sono stati fatti tentativi per riprodurre i suoi risultati utilizzando le stesse tecniche sperimentali. Altri ricercatori hanno concluso da altri dati che se l’assorbimento gravitazionale esiste, deve essere di almeno cinque ordini di grandezza inferiore a quanto suggeriscono gli esperimenti di Majorana. Tom Van Flandern ha affermato che le anomalie nei movimenti di alcuni satelliti artificiali terrestri durante le stagioni delle eclissi possono essere causate dalla schermatura della gravità del sole.

Diversi ricercatori hanno rilevato anomalie della gravità incompatibili con i modelli di gravità sia newtoniano che einsteiniano durante le eclissi solari, ma altri non hanno rilevato tali anomalie. Durante le eclissi solari nel 1954 e nel 1959, il fisico Maurice Allais (che ha vinto il Premio Nobel per l’economia nel 1988) ha rilevato disturbi nella direzione dell’oscillazione di un pendolo paraconico (cioè sospeso su una palla). Erwin Saxl e Mildred Allenha confermato l ‘”effetto Allais” quando hanno misurato variazioni significative nel periodo di un pendolo di torsione durante un’eclissi solare nel 1970.

Un’interpretazione è che tali anomalie sono dovute alla gravità del sole che è schermata dalla luna, con un conseguente leggero aumento del terrestre gravità. Allais e Saxl hanno anche rilevato variazioni giornaliere e stagionali impreviste del pendolo.

Un’anomalia di gravità simile è stata misurata utilizzando un sistema a due pendoli durante l’allineamento Terra-Sole-Giove-Saturno nel maggio 2001. Durante l’eclissi solare totale nel 1997, un team cinese ha eseguito misurazioni con un gravimetro ad alta precisione. Tuttavia, in contrasto con l’effetto Allais, hanno rilevato una diminuzione della gravità terrestre. Inoltre, l’effetto si è verificato immediatamente prima e dopo l’eclissi ma non al suo apice.

Nel corso delle osservazioni condotte dal 1987, Shu-wen Zhouei suoi collaboratori hanno confermato il verificarsi di una forza anomala di oscillazione orizzontale quando il sole, la luna e la terra sono allineati e hanno dimostrato che influenza il modello della sequenza dei grani nei cristalli, le lunghezze d’onda spettrali di atomi e molecole e la velocità di orologi atomici.

Varie spiegazioni convenzionali sono state avanzate per spiegare le anomalie della gravità durante le eclissi, come errori dello strumento, effetti della gravità dell’aria più densa dovuti al raffreddamento dell’alta atmosfera, disturbi sismici causati da turisti che si spostano dentro e fuori da un luogo dove è visibile un’eclissi, e ribaltamento del terreno dovuto al raffreddamento.

In una recente revisione (2004), il fisico Chris Duif ha affermato che nessuno di loro è convincente. Crede che anche la schermatura gravitazionale non possa spiegare i risultati, poiché sarebbe troppo debole (ammesso che esista). Il ricercatore indipendente Thomas Goodey sta pianificando una serie di rigorosi esperimenti di eclissi nei prossimi anni nella speranza di gettare più luce sulla questione.

Possibili prove di schermatura contro la gravità sono fornite dagli esperimenti riportati da Evgeny Podkletnov e dai suoi colleghi nel 1992 e nel 1995. Quando un superconduttore ceramico è stato levitato magneticamente e ruotato ad alta velocità in presenza di un campo magnetico esterno, gli oggetti posti sopra il disco rotante hanno cambiato peso.

Sono state ottenute riduzioni di peso dallo 0,3 allo 0,5% e quando la velocità di rotazione è stata ridotta lentamente da 5000 giri al minuto a 3500, è stata raggiunta una perdita di peso massima di circa il 2% per circa 30 secondi.9 Sono state ridotte del 5% in peso registrato, sebbene non con la stessa ripetibilità.

Il peso di un corpo è uguale alla sua massa moltiplicata per l’accelerazione gravitazionale (W = mg). A rigor di termini, un oggetto con una massa di 1 kg pesa 9,8 newton sulla terra. Tuttavia, i pesi sono comunemente espressi in chilogrammi, con l’accelerazione gravitazionale di 9,8 m / s² sulla superficie terrestre data per scontata

Se la forza di gravità che agisce su un corpo viene ridotta, anche il suo peso si riduce, mentre la sua massa (nel senso di “quantità di materia”) rimane la stessa. Si noti che il peso apparente di un corpo cambierà se è accelerato da forze non gravitazionali che si oppongono o rinforzano l’azione del campo gravitazionale locale; per esempio, una forza elettrodinamica può essere utilizzata per annullare la gravità.

Altri investigatori hanno trovato l’esperimento Podkletnov estremamente difficile da duplicare nella sua interezza (Podkletnov non ha rivelato la ricetta esatta per realizzare i suoi superconduttori), ma versioni ridotte hanno prodotto piccoli effetti (dell’ordine di una parte su 104). Dal 1995 al 2002 il NASA Marshall Space Flight Center ha tentato una replica sperimentale completa della configurazione Podkletnov, ma ha esaurito le risorse. Una replica finanziata privatamente è stata completata nel 2003, ma non ha trovato prove di una forza simile alla gravità. La NASA ha concluso che questo approccio non è un candidato valido per una propulsione rivoluzionaria.

Gravità ed elettromagnetismo

    Vari risultati sperimentali sembrano indicare un legame tra elettromagnetismo e gravità.

Ad esempio, Erwin Saxl ha scoperto che quando un pendolo di torsione era caricato positivamente, ci voleva più tempo per oscillare attraverso il suo arco rispetto a quando era caricato negativamente. Maurice Allais condusse esperimenti nel 1953 per indagare sull’azione di un campo magnetico sul movimento di un pendolo di vetro che oscillava all’interno di un solenoide, e concluse che c’era una connessione tra l’elettromagnetismo e la gravità.

Bruce DePalma ha condotto numerosi esperimenti che dimostrano che la rotazione e i campi magnetici rotanti possono avere effetti gravitazionali e inerziali anomali. Gli esperimenti di Podkletnov sembrano confermarlo.

Un controverso ricercatore di elettrogravitica è John Searl , un tecnico elettronico inglese. Nel 1949 scoprì che una piccola tensione (o forza elettromotrice) veniva indotta negli oggetti metallici rotanti. La carica negativa era all’esterno e la carica positiva era attorno al centro di rotazione. Ha ragionato che gli elettroni liberi venivano espulsi dalla forza centrifuga, lasciando una carica positiva al centro.

Nel 1952 costruì un generatore, circa tre piedi di diametro, basato su questo principio. Quando è stato testato all’aperto, si dice che abbia prodotto un potente effetto elettrostatico sugli oggetti vicini, accompagnato da suoni scoppiettanti e odore di ozono. Il generatore si è quindi sollevato da terra, mentre stava ancora accelerando, ed è salito a un’altezza di circa 50 piedi, interrompendo il collegamento con il motore. Si librò brevemente a questa altezza, ancora accelerando. Un alone rosa apparve intorno ad esso, indicando la ionizzazione dell’atmosfera circostante. Ha anche fatto sì che i ricevitori radio locali funzionassero di propria iniziativa.

Infine, raggiunse un’altra velocità di rotazione critica, guadagnò rapidamente quota e scomparve alla vista.

SEARL FLYING DISK

Searl ha detto che lui ei suoi colleghi hanno successivamente costruito oltre 50 versioni del suo “disco di leggerezza”, di varie dimensioni, e hanno imparato a controllarli. Sostiene di essere stato perseguitato dalle autorità, con conseguente imprigionamento illegale e la distruzione della maggior parte del suo lavoro, così che ha dovuto ricominciare tutto da capo. La sua affermazione che nei primi anni ’70 una delle sue navi abbia volato più volte intorno al mondo senza essere rilevata non fa nulla per aumentare la sua credibilità.

Sebbene Searl sia stato liquidato come un truffatore , ci sono indicazioni che l ‘”effetto Searl” possa comportare una vera anomalia. Due scienziati russi, VV Roschin e SM Godin , hanno condotto un esperimento con un generatore di tipo Searl e hanno osservato una riduzione del peso del 35%, luminescenza, odore di ozono, effetti anomali del campo magnetico e un calo della temperatura. Hanno concluso che la fisica ortodossa e senza etere non può spiegare questi risultati. Tuttavia, separare le vere anomalie della gravità dagli artefatti elettrodinamici in tali esperimenti non è un compito facile.

Negli anni ’80 l’ingegnere elettrico Floyd Sweet ha sviluppato un dispositivo costituito da un set di magneti appositamente condizionati, avvolti con fili, noto come amplificatore a triodo a vuoto (VTA), progettato per indurre l’oscillazione nei campi magnetici. Era in grado di emettere molta più potenza di quanta ne assorbisse, catturando energia dal “vuoto” (cioè energia eterica). In un esperimento ha perso il 90% del suo peso originale prima che l’esperimento venisse interrotto per motivi di sicurezza. In seguito, Sweet riuscì a far librare il VTA e ad accelerare verso l’alto, con l’unità agganciata. Divenne molto paranoico dopo un presunto tentativo di omicidio e morì senza rivelare tutti i segreti della sua invenzione.

L’effetto Hutchison” si riferisce a una raccolta di fenomeni scoperti accidentalmente dall’inventore John Hutchison nel 1979. Le influenze elettromagnetiche sviluppate da una combinazione di apparecchiature elettriche, comprese le bobine di Tesla, hanno prodotto la levitazione di oggetti pesanti (inclusa una palla da cannone da 60 libbre) , fusione di materiali dissimili come metallo e legno, riscaldamento anomalo dei metalli senza bruciare il materiale adiacente, frattura spontanea dei metalli e cambiamenti nella struttura cristallina e nelle proprietà fisiche dei metalli. Gli effetti sono stati ben documentati su film e videocassette e sono stati testimoniati molte volte da scienziati e ingegneri accreditati, ma sono difficili da riprodurre in modo coerente.

Un Pentagono

Il team ha trascorso diversi mesi a indagare sull’effetto Hutchison nel 1983. Quattro degli investigatori sono tornati convinti che fosse reale, mentre il quinto ha semplicemente liquidato qualsiasi cosa fosse “fumo e specchi”. Molti fenomeni sono stati testimoni: una bacchetta di molibdeno super resistente è stata piegata a forma di S come se fosse un metallo morbido; un pezzo di acciaio ad alto tenore di carbonio sminuzzato a un’estremità e trasformato in piombo dall’altra; un pezzo di plastica in PVC è scomparso nel nulla; pezzi di legno si sono incastrati nel mezzo di pezzi di alluminio; e tutti i tipi di oggetti levitarono. Anche due società aerospaziali (Boeing e McDonnell Douglas) hanno studiato l’effetto Hutchison. Il problema è la sua casualità e imprevedibilità. Infatti,alcuni ricercatori pensano che sia almeno in parte attribuibile ai poteri psicocinetici inconsci di Hutchison.

La perdita di peso del 2% che Podkletnov afferma di aver ottenuto con il suo apparato superconduttore è circa 10 miliardi di volte maggiore di quella consentita nella teoria della relatività generale. Di fatto, Podkletnov ha affermato che se i superconduttori vengono ruotati da 5 a 10 volte più velocemente della normale velocità di circa 5000 giri / min, il disco subisce così tanta perdita di peso che decolla. Joe Parr e Dan Davidson affermano di aver misurato perdite di peso fino al 50% in una “ ruota a gravità ”, una piccola ruota con triangoli di rame attorno alla circonferenza, che viene fatta girare su un albero da un motore ad alta velocità, tra magneti permanenti montato su entrambi i lati.

Gli scienziati dell’etere Paulo e Alexandra Correa hanno anche dimostrato che la gravità può essere controllata con mezzi elettromagnetici. In un esperimento, un pezzo di foglia d’oro da 43 milligrammi, sospeso al braccio di una trave di legno collegata a una bilancia elettronica sensibile (lontana di lato), è stato rapidamente ridotto in peso del 70%. Ciò è stato ottenuto imponendo una frequenza elettrica adattata a quella dell’antigravitone d’oro (come viene chiamato nel modello di eterometria di Correas ). Questa tecnica è in grado di produrre una riduzione del peso del 100% in oggetti di composizione nota nell’intervallo di 100 milligrammi.

Ci sono circa 2000-3000 sperimentatori in tutto il mondo che conducono ricerche non ortodosse su tecnologie al di là dei paradigmi scientifici attualmente accettati, compreso il controllo della gravità e dispositivi di “energia libera”. I Correas si distinguono per il loro rigoroso approccio sperimentale. Dicono di aver osservato perdite di peso con i loro reattori PAGD (Pulsed Abnormal Glow Discharge), ma il fatto che le osservazioni fossero difficili da riprodurre li ha portati a credere che non avessero adeguatamente protetto gli esperimenti da artefatti elettrodinamici posti nei cavi di ingresso o nella disposizione dei conduttori di liquidi. Non tutti i ricercatori alternativi sono così cauti e autocritici come questo e lo standard della ricerca non è uniforme.

Effetto Biefeld-Brown

Il campo dell’elettrogravitica fu sperimentato dal fisico e inventore Thomas Townsend Brown (1905-1985), a partire dalla metà degli anni ’20. Ha scoperto che se un condensatore elettrico * che utilizza un materiale dielettrico pesante e ad alto accumulo di carica tra le sue piastre fosse caricato da 75.000 a 300.000 volt, si sposterebbe nella direzione del suo polo positivo – questo in seguito divenne noto come effetto Biefeld-Brown . Ha scoperto che la spinta aumentava in modo esponenziale con l’aumento della tensione e che maggiore era la massa del materiale dielettrico tra le piastre, maggiore era l’effetto. Ha attribuito questa forza a un campo di gravità artificiale indotto elettrostaticamente che agisce tra le piastre del condensatore. Ha ottenuto diversi brevetti per i suoi dispositivi e alcune delle sue scoperte sono state riprodotte da altri ricercatori

I condensatori sono dispositivi che immagazzinano la carica elettrica nello spazio tra due elettrodi separati e caricati in modo opposto. La loro capacità di immagazzinare energia elettrica può essere notevolmente aumentata inserendo un materiale dielettrico solido nello spazio che separa gli elettrodi. I dielettrici sono materiali che sono cattivi conduttori di elettricità (ad esempio la ceramica).

Il lavoro di Brown ha suscitato l’interesse delle forze armate statunitensi. Nel 1952 un maggiore generale dell’Air Force assistette a una dimostrazione in cui Brown fece volare un paio di profili alari a disco da 18 pollici sospesi dalle estremità opposte di un braccio girevole. Quando elettrificati con 50.000 volt, circolavano a una velocità di 12 miglia all’ora. Nello stesso anno, tuttavia, un investigatore dell’Office of Naval Research ha scritto un rapporto che concludeva che i dischi erano spinti dalla pressione di ioni negativi che colpivano l’elettrodo positivo (vento ionico), piuttosto che modificando la gravità.

Fig. 2.1 Configurazione elettrocinetica del disco volante di Brown.
Brevetto n.
2.949.550, 16 agosto 1960.

Paul LaViolette ritiene che la scoperta di Brown supporti la sua teoria secondo cui le cariche negative come gli elettroni generano un campo antigravità. Lui scrive:

I dischi di Brown sono stati caricati con un alto voltaggio positivo su un filo che corre lungo il loro bordo di entrata e un alto voltaggio negativo su un filo che corre lungo il loro bordo di uscita. Quando i fili ionizzano l’aria intorno a loro, una densa nuvola di ioni positivi si formerà davanti al velivolo e una corrispondente nuvola di ioni negativi si formerà dietro il velivolo.

La ricerca di Brown ha indicato che, come le piastre caricate dei suoi condensatori, queste nubi ioniche inducevano una forza gravitazionale diretta nella direzione dal meno al più. Quando il disco si muoveva in avanti in risposta al suo campo gravitazionale auto-generato, portava con sé le sue nubi di ioni positivi e negativi con il gradiente di elettrogravità associato. Di conseguenza, i dischi cavalcano la loro onda gravitazionale in avanzamento proprio come i surfisti cavalcano un’onda oceanica.

Fig. 2.2 Una vista laterale di uno dei dischi volanti circolari di Brown che mostra la posizione delle sue cariche ioniche e del campo di gravità indotto – secondo LaViolette.

Alla fine del 1954 Brown ha pilotato un set di dischi volanti di 3 piedi di diametro per ufficiali militari e rappresentanti di una serie di importanti compagnie aeree. Quando energizzati con 150.000 volt, i dischi accelerarono lungo il percorso del diametro di 50 piedi così velocemente che il soggetto fu immediatamente classificato. La rivista Interavia in seguito riferì che i dischi raggiungevano velocità di diverse centinaia di miglia orarie quando caricati con diverse centinaia di migliaia di volt.

Un rapporto dell’intelligence dell’industria aeronautica declassificato indica che nel settembre 1954 il Pentagono aveva lanciato un programma governativo segreto per sviluppare un velivolo antigravitario con equipaggio del tipo che Brown aveva proposto due anni prima.3 Brown, tuttavia, non era ufficialmente coinvolto in questo progetto. Nel 1955 e negli anni successivi eseguì test in camera a vuoto che dimostrarono che i suoi dispositivi continuavano a subire una spinta anche in assenza di vento ionico. Nel 1958 era riuscito a sviluppare un modello di piattino a forma di cupola di 15 pollici di diametro che, quando eccitato da 50 a 250 mila volt, si sollevava e si librava a mezz’aria, sostenendo una massa aggiuntiva pari al 10% della sua peso.

Fig. 2.3 Configurazione di Brown per testare un dispositivo in grado di levitazione sostenuta.

A metà degli anni ’50, più di dieci grandi compagnie aeree erano attivamente coinvolte nella ricerca elettrogravitica .

Da allora non è stata data pubblicità a qualsiasi lavoro di elettro-antigravità condotto dai militari statunitensi. LaViolette ipotizza che la tecnologia elettrogravitica sviluppata segretamente sia stata utilizzata nel bombardiere Stealth B-2 per fornire una modalità ausiliaria di propulsione. La sua opinione si basa sulla rivelazione che il B-2 carica elettrostaticamente sia il bordo anteriore del suo corpo simile ad un’ala che il suo flusso di scarico del getto ad alta tensione.

Gli ioni positivi emessi dal bordo anteriore dell’ala produrrebbero una guaina di ioni parabolici caricati positivamente davanti al velivolo, mentre gli ioni negativi iniettati nel suo flusso di scarico creerebbero una carica spaziale negativa finale con una differenza di potenziale superiore a 15 milioni di volt. . . . [Questo] creerebbe un campo gravitazionale artificiale che indurrebbe una forza priva di reazione sull’aereo nella direzione del polo positivo.

Un azionamento elettrogravitico di questo tipo potrebbe consentire al B-2 di funzionare con un’efficienza di propulsione superiore all’unità durante la crociera a velocità supersoniche.

Fig. 2.4 The B-2 Stealth Bomber.
Each plane costs over two billion dollars.

I piloti e gli ingegneri B-2 hanno apertamente ridicolizzato le speculazioni di LaViolette . La spiegazione ufficiale è che avvolgere il B-2 in uno scudo di elettricità statica è progettato per ridurre il suo radar e la firma termica e renderlo ultra-furtivo. Alcuni scrittori hanno affermato che riduce anche la resistenza all’aria del velivolo e quindi migliora la sua portanza, ma ciò si ottiene aerodinamicamente piuttosto che elettrograviticamente.

    La natura dell’effetto Biefeld-Brown (BB)continua a generare polemiche. Secondo il classico effetto BB, la forza maggiore su un condensatore asimmetrico (cioè quello in cui i due elettrodi sono di dimensioni diverse) è in una direzione dall’elettrodo negativo (più grande) verso l’elettrodo positivo (più piccolo). Thomas Bahder e Chris Fazi , presso l’US Army Research Laboratory, hanno verificato che quando un’alta tensione di circa 30.000 volt viene applicata a un condensatore asimmetrico (nella forma di un “ sollevatore ”), il condensatore sperimenta una forza netta verso il più piccolo elettrodo, ma hanno scoperto che la forza è indipendente dalla polarità della tensione applicata.


    Calcolano che il contributo del vento ionico è di almeno tre ordini di grandezza troppo piccolo per spiegare l’intero effetto e affermano che è necessario un lavoro più sperimentale e teorico per trovare una spiegazione. Non credono che l’effetto BB abbia nulla a che fare con l’antigravità o che dimostri un’interazione tra gravità ed elettromagnetismo. Bahder sospetta che i campi elettrici asimmetrici creati da un condensatore asimmetrico conducano a un flusso di carica di ioni attorno al condensatore, e la forza di reazione di ritorno lo “spinge” in avanti.

  Nel 1996 un gruppo di ricerca dell’Honda R&D Institute in Giappone ha condotto esperimenti che hanno verificato l’effetto BB. Anche qui si è creata una spinta verso l’alto (in modo che il condensatore sembrasse perdere peso) indipendentemente dalla polarità della tensione applicata. Takaaki Musha sostiene che l’effetto può comportare la generazione di un nuovo campo gravitazionale all’interno dell’atomo da parte di un campo elettrico ad alto potenziale, a causa di un’interazione tra elettricità e gravitazione il cui meccanismo non è ancora compreso.

Si dice che l’effetto BB sia dimostrato da dispositivi economici e leggeri noti come “sollevatori”, realizzati in foglio di alluminio, legno di balsa e filo sottile, e alimentati da un alimentatore ad alta tensione a terra. Centinaia di ricercatori indipendenti in tutto il mondo stanno sperimentando questi dispositivi. L’elettrodo inferiore e quello più grande è una striscia di foglio di alluminio tesa tra i montanti in legno di balsa.

L’elettrodo più piccolo è una sottile striscia di filo montato a circa un pollice sopra il foglio di alluminio. Quando viene applicata una carica di 30.000 volt, si sente un sibilo e il sollevatore si solleva in aria fino a quando arriva il suo cavo. Una spinta si verifica anche quando il sollevatore è orientato orizzontalmente, dimostrando che l’effetto non coinvolge la schermatura contro la gravità.

Il sollevatore funziona indipendentemente dal fatto che il terminale positivo o negativo sia collegato al filo (l’elettrodo principale), sebbene la spinta sia leggermente maggiore se viene applicata una tensione positiva.

Fig. 2.6

La NASA afferma che il movimento delle molecole d’aria ionizzata da un elettrodo all’altro spiega l’effetto BB e lo ha escluso dalla sua ricerca di nuove tecnologie di propulsione esotiche.

Quindi, se una tecnologia elettro-antigravità basata sull’effetto BB è stata davvero utilizzata nel B-2, la NASA sembra non saperne nulla! Tuttavia, nel 2002 ha ottenuto un brevetto su una versione tubolare del propulsore a condensatore asimmetrico di Brown, anche se senza preoccuparsi di menzionare il nome di Brown. Tali dispositivi creano certamente un vento ionico, poiché la brezza può essere percepita.

Sono necessari test più rigorosi per determinare in quale misura l’effetto persiste nel vuoto, poiché gli esperimenti fino ad oggi non sono stati conclusivi. Un esperimento di sollevamento eseguito presso la Purdue University all’interno di una custodia sottovuoto ha dato risultati positivi, ma i test di altri ricercatori hanno dato risultati negativi. Non è stato ancora dimostrato che il fenomeno del “sollevatore” coinvolga qualcosa di più degli effetti elettrostatici ed elettrodinamici.

Paulo e Alexandra Correa, le cui capacità sperimentali e di osservazione sono chiaramente dimostrate dalle varie tecnologie di energia eterea che hanno sviluppato, stanno progettando di pubblicare le proprie scoperte sull’effetto BB nel prossimo futuro. Hanno già chiarito la loro posizione: il lavoro sperimentale di TT Brown e dei suoi seguaci è altamente carente, poiché l’effetto BB originale è stato confuso con fenomeni anomali associati all’emissione di elettroni e alle forze di reazione catodica; LaViolette Le speculazioni di s sono lontane dal segno; le cariche intrappolate nei condensatori convenzionali non producono un effetto antigravità, ma l’effetto BB maschera un autentico fenomeno antigravità connesso alla repulsione tra cariche simili.


Giroscopi: Newton in rotazione

    La rotazione dei volani o dei giroscopi può apparentemente produrre effetti “antigravità”. Nel 1989 gli scienziati giapponesi H. Hayasaka e S. Tackeuchi riportarono in una rivista ufficiale che un giroscopio che ruotava attorno a un asse verticale nel vuoto subiva una piccola perdita di peso direttamente proporzionale alla velocità di rotazione. L’effetto è stato osservato solo per la rotazione in senso orario (visto dall’alto nel loro laboratorio dell’emisfero settentrionale). L’anomalia è stata sepolta da una valanga di critiche affrettate e sforzi viziati per replicare l’esperimento. Nel 1997 il team di Hayasaka ha riportato un esperimento che ha confermato le loro scoperte precedenti: quando un giroscopio è stato fatto cadere di 63 pollici nel vuoto, tra due raggi laser, ci sono voluti 1 / 25.000 di secondo in più per cadere a questa distanza quando girava a 18.000 rpm in senso orario (visto dall’alto ), corrispondente a una riduzione di peso di 1 parte su 7000.

Se un volano o un giroscopio viene forzato a precessione *, si possono produrre perdite di peso molto consistenti. Il professore di ingegneria elettrica Eric Laithwaite (morto nel 1997) una volta ha tenuto una dimostrazione all’Imperial College of Science and Technology di Londra che coinvolgeva un volano da 8 kg su un albero di supporto di 2,7 kg, che riusciva a malapena a sollevare da terra con il braccio destro . Dopo che il volano è stato costretto alla precessione, è stato in grado di sollevarlo senza sforzo sul mignolo, applicando una forza inferiore a 1 kg. In un altro esperimento, un ragazzo è stato legato a un palo su un giradischi e ha consegnato un albero di 1 metro alla fine del quale c’era un giroscopio rotante da 20,4 kg.

Quando il giradischi è stato accelerato, il giroscopio si librava in aria con la stessa facilità con cui il ragazzo apriva un ombrello e quando è stato rallentato, il giroscopio si è abbassato verso il suolo. In qualunque direzione si muovesse il giroscopio, il ragazzo poteva facilmente sostenerlo. Un altro effetto notevole è che se una matita verticale è posta nel percorso dell’albero di un volano in precessione, può arrestare il movimento di precessione del volano senza alcuna forza laterale che si manifesti sulla matita; in altre parole, il volano produce poca o nessuna forza centrifuga.

“Precessione forzata” significa che il giroscopio è fatto per precessione più velocemente di quanto provenga dalla normale azione gravitazionale. Per “precessione” si intende, ad esempio, che mentre un’estremità di un albero è tenuta ferma dalla mano, l’estremità che porta il volano rotante traccia un cerchio, in modo che l’albero spazzi via un cono.

Fig. 2.7 Una delle dimostrazioni del giroscopio di Eric Laithwaite.
La cima gira a 2000 giri al minuto e sta salendo abbastanza rapidamente lungo un percorso elicoidale

Poiché non esiste una teoria accettata per spiegare questo fenomeno, la maggior parte degli scienziati ha avuto la tendenza a ignorarlo oa cercare di screditarlo.

Laithwaite è stato ostracizzato dall’establishment scientifico, soprattutto dopo aver usato una conferenza davanti alla Royal Institution nel 1974 per dimostrare che un giroscopio con precessione di forza diventa più leggero e produce una forza di sollevamento senza alcuna forza di reazione controbilanciata – in barba alla terza legge del movimento di Newton. La Royal Institution non si divertì: per la prima volta in 200 anni, la conferenza degli ospiti non fu pubblicata e a Laithwaite fu negata la borsa di studio della Royal Society. Ha continuato a sperimentare con una varietà di piattaforme giroscopiche complesse e credeva di aver scoperto un nuovissimo sistema di propulsione senza spinta, noto come “trasferimento di massa”, per il quale sono stati concessi due brevetti.

Diversi altri inventori, come Sandy Kidd e Scott Strachan , hanno costruito dispositivi di propulsione giroscopici che sviluppano una spinta senza reazione. Kidd ha ricevuto un sostegno finanziario per un certo periodo da una società australiana (fino a quando non è fallita) e dalla British Aerospace, ei suoi prototipi hanno mostrato una piccola forza anomala sotto rigorosi test indipendenti. Sta ancora sviluppando i suoi dispositivi e afferma che ora possono produrre 7 chili di spinta.

Fishnets, Stockings, Leather, Nylons

Harold Aspden sostiene che una forza lineare sbilanciata viene prodotta attingendo all’energia di rotazione del giroscopio, in modo che la conservazione dell’energia sia ancora valida. Spiega il fenomeno nei termini del suo modello eterofisico: lo spin eterico disaccoppia il volano dal flusso di particelle eteriche che normalmente gli danno peso. La sua teoria può anche spiegare la quantità di portanza misurata negli esperimenti sul giroscopio giapponese. Se la teoria è corretta, sarebbe più accurato affermare che i giroscopi possono produrre degravitazione, o neutralizzazione del peso, piuttosto che antigravitazione nel senso stretto del termine.

3. Spiegare la gravità Lo spazio vuoto, lo spazio curvo e l’etere

La teoria della gravità newtoniana presume che la gravità si propaga istantaneamente attraverso lo spazio vuoto, cioè si crede che sia una forma di azione a distanza. Tuttavia, in una lettera privata, lo stesso Newton ha respinto questa idea: Quella gravità dovrebbe essere innata, inerente ed essenziale alla materia, in modo che un corpo possa agire su un altro a distanza attraverso il vuoto, senza la mediazione di qualcos’altro, da e attraverso il quale la loro azione e forza possono essere trasmesse da uno a un altro, è per me un’assurdità così grande, che credo che nessun uomo, che in questioni filosofiche abbia una capacità di pensiero competente, possa mai caderci dentro.

Newton periodicamente giocherellava con l’idea di un etere onnipervadente che riempiva il suo “spazio assoluto” e pensava che la causa della gravità dovesse essere un’agenzia spirituale, che comprendeva come “Dio”.

La necessità di postulare un etere è sottolineata da G. de Purucker :

Dobbiamo ammettere l’esistenza dell’etere o degli eteri, cioè di questa sostanza estremamente tenue ed eterea che riempie tutto lo spazio, sia interstellare o interplanetario o inter-atomico e intra-atomico, o accettare actio in distans – azione a a distanza, senza che intervenga intermediario o mezzo di trasmissione; e tale actio in distans è ovviamente impossibile, secondo tutti gli standard scientifici conosciuti. Ragione, buon senso, logica. . . esigere l’esistenza di tale mezzo universalmente pervasivo, con qualunque nome si possa scegliere di chiamarlo. . .

Logicamente, ogni tipo di forza deve alla fine essere prodotto dall’attività di agenti materiali, sebbene non necessariamente fisici, di qualche tipo, che si muovono a velocità finite, sebbene possibilmente superluminali.

 Nel 1905 Albert Einstein respinse l’etere come “superfluo”. Tuttavia, riconobbe che i campi gravitazionali erano presenti in tutte le regioni dello spazio e per un certo periodo parlò di un “etere gravitazionale”, ma lo ridusse a una vuota astrazione negandogli qualsiasi proprietà energetica. Il fatto che lo spazio abbia più di 10 caratteristiche diverse – costante dielettrica, modulo di elasticità, permeabilità magnetica, suscettibilità magnetica, modulo di conduttanza, impedenza delle onde elettromagnetiche, ecc. – è un chiaro segno che è tutt’altro che vuoto. Ma ha più senso considerare lo spazio come composto di sostanza energetica, piuttosto che semplicemente “riempito” di esso.

Nel 1915 Einstein ha pubblicato la sua teoria generale della relatività, che è essenzialmente una teoria della gravità. Non ha contestato la nozione newtoniana che la massa inerte fosse la causa della forza gravitazionale. Ma mentre Newton attribuiva l’attrazione gravitazionale alla densità della materia, Einstein presumeva che la stessa quantità di materia (“massa gravitazionale”) in qualche modo deformasse l’ipotetico “continuum spaziotemporale” quadridimensionale e che questa deformità facesse orbitare i pianeti intorno al sole. In altre parole, la gravità non è considerata come una forza che si propaga ma presumibilmente risulta da masse che distorcono in qualche modo miracoloso il “tessuto dello spaziotempo” nelle loro vicinanze. Quindi, piuttosto che essere attratti dal sole,la terra presumibilmente segue l’equivalente più vicino di una linea retta disponibile attraverso lo spaziotempo curvo intorno al sole.

I relativisti attribuiscono la flessione della luce delle stelle che passa vicino al sole principalmente alla curvatura dello spazio. Alla distanza di Giove la flessione sarebbe di soli 0,00078 secondi d’arco – e dovremmo credere che questa minuscola deformità dello “spaziotempo” possa far orbitare attorno al sole un pianeta delle dimensioni di Giove! Inoltre, lo “spaziotempo curvo” è semplicemente un’astrazione geometrica – o piuttosto una mostruosità matematica – e non può in alcun modo essere considerato come una spiegazione della gravità. Sebbene sia comunemente affermato che la teoria della relatività è stata confermata da prove osservative, ci sono spiegazioni alternative – e molto più sensate – per tutti gli esperimenti citati a suo sostegno

efootwear.com Asics runner

La teoria della relatività generale afferma che la materia, indipendentemente dalla sua carica elettrica, produce solo una forza gravitazionale attraente e consente solo una schermatura gravitazionale molto piccola o effetti antigravitazionali. Inoltre, non prevede alcun accoppiamento tra campi elettrostatici e gravitazionali. In effetti, il pionieristico articolo di Townsend Brown del 1929 che riportava la possibile scoperta dell’elettrogravità fu rifiutato da Physical Review perché era in conflitto con la relatività generale.

Campi, stringhe, brane
   

Secondo la teoria dei campi quantistici, le quattro forze riconosciute – gravità, elettromagnetismo e forze nucleari deboli e forti – derivano da particelle di materia che emettono e assorbono costantemente diversi tipi di particelle ‘virtuali’ portatrici di forza (note come bosoni ), che entrano ed escono costantemente dall’esistenza. La forza gravitazionale è presumibilmente mediata dai gravitoni: ipotetiche particelle senza massa, scariche e infinitesimali che viaggiano alla velocità della luce. Poiché i gravitoni sarebbero apparentemente identici alle loro antiparticelle, anche questa teoria sembra escludere l’antigravità e non riesce a spiegare l’elettrogravità.

Manca il supporto sperimentale per queste teorie sullo scambio di particelle e non è chiaro come possano spiegare le forze attrattive e quelle repulsive. A volte si dice che i bosoni portino un “messaggio” che dice alle particelle di materia se avvicinarsi o allontanarsi, ma questo non spiega nulla. Inoltre, nel modello standard, le particelle portatrici di forza, come le particelle di materia fondamentale, sono considerate come particelle puntiformi infinitamente piccole, a dimensione zero, il che è chiaramente assurdo. Come risultato di queste nozioni idealizzate, i calcoli quantistici tendono ad essere afflitti da infiniti, che devono essere eliminati con un trucco noto come “rinormalizzazione”.

Einstein trascorse gli ultimi 40 anni della sua vita tentando di estendere le nozioni geometriche della relatività generale per includere le interazioni elettromagnetiche e di unire le leggi di gravitazione e le leggi dell’elettromagnetismo in una teoria del campo unificato. Anche molti altri matematici hanno lavorato su questo argomento e alcune di queste teorie hanno introdotto una quarta dimensione rannicchiata. Nessuno di questi tentativi ha avuto successo e la ricerca di una teoria unificata continua.

Alcuni scienziati ritengono che la teoria delle stringhe (o superstringhe), emersa per la prima volta negli anni ’70, sia un passo importante verso una “teoria del tutto”. La teoria delle stringhe postula che tutta la materia e le particelle di forza, e anche lo spazio (e il tempo!), Derivano dalla vibrazione di stringhe unidimensionali, lunghe circa un miliardo di trilioni di trilionesimo di centimetro (10-33 cm) ma con spessore zero , che abita un universo a dieci dimensioni in cui le sei dimensioni extra spaziali sono raggomitolate così piccole da non essere rilevabili! Questa teoria non ha alcun supporto sperimentale; in effetti, per rilevare singole stringhe sarebbe necessario un acceleratore di particelle grande almeno quanto la nostra galassia. Inoltre, la matematica della teoria delle stringhe è così complessa che nessuno conosce le equazioni esatte,e anche le equazioni approssimative sono così complicate che finora sono state solo parzialmente risolte

Alcuni scienziati ritengono che al di là della teoria delle stringhe ci sia la teoria M, che postula un universo di 11 dimensioni, abitato non solo da stringhe unidimensionali ma anche da membrane bidimensionali, blob tridimensionali (tre brane) e anche entità dimensionali, fino a nove dimensioni (nove brane). Si ipotizza persino che i componenti fondamentali dell’universo possano essere brane zero. Queste idee folli non fanno nulla per far progredire la nostra comprensione del mondo reale e mostrano semplicemente quanto possa diventare surreale la pura speculazione matematica.

Campo di punto zero

    Secondo la teoria quantistica, i campi elettromagnetici (e altri campi di forza) sono soggetti a fluttuazioni costanti, del tutto casuali anche a una temperatura teorica di zero assoluto (-273 ° C), quando tutta l’agitazione termica cesserebbe. Di conseguenza, si ritiene che lo “spazio vuoto” brulichi di energia a temperatura zero sotto forma di campi di radiazione elettromagnetica fluttuanti (il campo di punto zero) e particelle virtuali di breve durata (il “mare di Dirac”).

Kiiroo Esca2 - Internal Wearable Pleasure

Formalmente, ogni punto dello spazio dovrebbe contenere una quantità infinita di energia del punto zero. Assumendo una lunghezza d’onda minima delle vibrazioni elettromagnetiche, la densità di energia del “vuoto quantistico” è stata ridotta alla cifra ancora astronomica di 10108 joule per centimetro cub

HP Blavatsky scrive:

‘È impossibile concepire qualcosa senza una causa; il tentativo di farlo rende la mente vuota.

Ciò implica che devono esserci moltissimi scienziati in giro con menti vuote!

Il motivo per cui normalmente non notiamo questa energia si dice che sia a causa della sua densità uniforme e la maggior parte degli scienziati è felice di ignorarla del tutto. Tuttavia, sono stati condotti molti esperimenti i cui risultati sono ampiamente considerati coerenti con l’esistenza dell’energia di punto zero. La presenza di superfici modifica la densità dell’energia del vuoto e può provocare forze del vuoto, un esempio è l’ effetto Casimir, una forza attrattiva tra due piastre conduttrici parallele. Tuttavia, è necessario un lavoro molto più sperimentale per testare la teoria e le spiegazioni alternative. Il Marshall Space Flight Center della NASA sta studiando la possibilità di sfruttare l’energia del punto zero per la propulsione di veicoli spaziali come parte del suo programma Breakthrough Propulsion Physics.

Mentre l’elettrodinamica quantistica convenzionale deriva il campo di punto zero ( ZPF ) – a volte chiamato “ etere quantistico ” – dalla teoria quantistica e presume che sia generato dalla materia fisica-energia, esiste un approccio competitivo (elettrodinamica stocastica) che riguarda lo ZPF come un substrato molto reale e intrinseco dell’universo.

Alcuni scienziati hanno teorizzato che massa, inerzia e gravità siano tutte collegate all’energia elettromagnetica fluttuante dello ZPF. Si dice che l’inerzia (la resistenza di un corpo a un cambiamento nel suo stato di movimento) sia una forza di trascinamento elettromagnetica dipendente dall’accelerazione derivante dalle interazioni tra una particella carica e lo ZPF. Si dice anche che le fluttuazioni dello ZPF inducano le particelle cariche a emettere campi elettromagnetici secondari, che danno origine a una forza di attrazione residua: la gravità. In questa teoria, quindi, la gravità è vista come una manifestazione dell’elettromagnetismo. Si pensa che riconfigurando lo ZPF che circonda un corpo, sia possibile modificare la sua inerzia, o “massa inerziale”, e controllare la gravità.

Alcuni ricercatori della ZPF suggeriscono che non esistono cose come la massa, solo cariche, che interagiscono con il campo elettromagnetico onnipervasivo per creare l’illusione della materia. Tuttavia, poiché non continuano a presentare un quadro concreto di ciò che intendono per “carica” ​​o “particella carica”, questa teoria non ci porta molto lontano. Nel modello standard della fisica delle particelle, le particelle cariche “fondamentali” come elettroni e quark sono modellate come particelle infinitamente piccole senza struttura interna, il che è chiaramente un’impossibilità fisica.

Spingere la gravità     Secondo la teoria dell’impatto della gravità, che ebbe origine principalmente dallo scienziato del XVIII secolo Georges-Louis Le Sage , la gravità è causata dal fatto che la materia fisica viene continuamente bombardata da particelle estremamente piccole e non osservabili (‘gravitoni’ – una parola che denota in diverse teorie), che viaggiano attraverso lo spazio in tutte le direzioni molto più velocemente della velocità della luce. Le particelle dovrebbero essere così piccole da colpire solo occasionalmente i costituenti materiali all’interno dei corpi che attraversano, in modo che ogni costituente abbia la stessa possibilità di essere colpito.

Qualsiasi due corpi nello spazio si ombreggeranno l’un l’altro da alcuni impatti dei gravitoni, risultando “attratti” (cioè spinti) l’uno verso l’altro con una forza che obbedisce alla legge dell’inverso del quadrato. Attualmente sono disponibili diverse versioni concorrenti della teoria di Le Sage. Si dividono in due gruppi principali: quelli che perseguono l’approccio particellare (o corpuscolare) e quelli che sostituiscono il mare gravitonico con radiazioni elettromagnetiche ad altissima o bassa frequenza che riempiono tutto lo spazio.

Le collisioni dei gravitoni con la materia dovrebbero essere anelastiche, poiché altrimenti i gravitoni rimbalzerebbero avanti e indietro tra due corpi, annullando così l’effetto di schermatura. Un’obiezione comune è che gli impatti anelastici dei gravitoni riscalderebbero rapidamente tutti i corpi materiali a una temperatura enorme. I sostenitori della teoria affermano semplicemente che i corpi devono in qualche modo irradiare nello spazio tanto calore quanto assorbono. Tuttavia, non ci sono prove chiare a sostegno di ciò nel caso della terra.

Nella teoria newtoniana, la gravità presumibilmente agisce istantaneamente, mentre nella teoria della relatività si propaga alla velocità della luce. A volte si sostiene che se la forza del sole si propagasse alla velocità della luce, accelererebbe la velocità orbitale terrestre di una notevole quantità, cosa che non viene osservata. Tom Van Flandern calcola dai dati binari della pulsar che i gravitoni devono propagarsi almeno 20 miliardi di volte più velocemente della luce! Non è spiegato come questi gravitoni abbiano origine e riescano ad essere accelerati a velocità così incredibili. Respingendo la teoria dell’impatto come speculativa e insostenibile, Pari Spolter sostiene che poiché la forza gravitazionale del sole è costantemente diffusa in tutte le direzioni e poiché le velocità angolari del sole e dei pianeti rimangono costanti per lunghi periodi di tempo, è irrilevante quale sia la velocità di la gravità è. Il periodo di ritardo sarebbe importante solo all’inizio e alla fine dell’evoluzione di un pianeta.

Sebbene sia logico supporre che tutte le forze attrattive derivino alla fine da spinte a un certo livello, la teoria dell’impatto della gravità è troppo semplicistica per tenere conto di tutti i fatti rilevanti. Come la teoria della gravità convenzionale, non può spiegare perché tutti i pianeti orbitano intorno al sole in piani che formano solo piccoli angoli rispetto al piano equatoriale del sole, o perché tutti i pianeti girano intorno al sole nella stessa direzione del senso di rotazione del sole. Sebbene le teorie del tipo Le Sage possano spiegare la schermatura gravitazionale (poiché la materia posta tra due corpi gravitanti assorbirà o devierà i gravitoni), non possono spiegare prontamente l’antigravità e la levitazione e di solito le ignorano. Nessuna teoria dell’impatto è stata ideata per spiegare le forze bipolari come l’elettricità e il magnetismo,e l’adozione di una teoria dell’impatto della gravitazione riduce quindi il legame tra gravità ed elettromagnetica.

Se ragioniamo per analogia (come sopra, così sotto), il mondo microscopico è una versione ampiamente ridotta e accelerata del mondo macroscopico (vedi “La divisibilità infinita della materia”). A livello macroscopico, è impossibile trovare una forza attrattiva o di trazione che non sia realmente una spinta. Ad esempio, una persona che viene “risucchiata” da una cabina pressurizzata se la porta si apre mentre l’aereo è in volo, viene davvero spinta fuori dal maggior numero di bombardamenti molecolari “dietro” di loro.
Se un oggetto immerso in un fluido elastico emette onde di condensazione e rarefazione, altri corpi saranno attratti o respinti a seconda che la lunghezza d’onda sia molto grande o molto piccola rispetto alle loro dimensioni. Questo caso quindi coinvolge sia forze attrattive che repulsive, ed entrambe sono infine riducibili a spinte, ma i processi sottostanti sono molto più complessi che nell’esempio dell’aereo.

Etere dinamico

    I ricercatori nel campo della fisica dell’etere hanno sviluppato una varietà di modelli per spiegare la natura della materia e della forza. Tali teorie sono già “unificate” nel senso che la materia fisica e le forze derivano dall’attività dell’etere sottostante. Le particelle subatomiche sono spesso modellate come vortici autosufficienti nell’etere, che irradiano e assorbono continuamente flussi di etere. L’inerzia può essere rappresentata come la forza di trascinamento esercitata dall’etere disturbato mentre un corpo accelera attraverso di esso. La carica elettrica può essere rappresentata come una differenza nella concentrazione di etere e le forze magnetiche come flussi circolari di etere. Alcuni ricercatori, come Dan Davidson, diciamo che proprio come la carica elettrica è un gradiente nell’etere, la forza gravitazionale è un gradiente di carica elettrica. Ciò significa che se il gradiente eterico viene modificato attorno a un atomo, anche la forza di gravità cambierà. Questo fenomeno può essere amplificato sincronizzando i flussi di etere attraverso il nucleo di una data massa, sia per rotazione o movimento, sia per stimolazione sonora, che fa risuonare tutti gli atomi insieme.

Unlimted Disk, Transfer and Domains!

Paul LaViolette ha sviluppato una teoria nota come ‘subquantico cinetica’, che sostituisce la 19° concetto di una meccanica secolo, inerte etere con quella di un etere continuo trasmutare. Le particelle fisiche subatomiche e i quanti di energia sono considerati come modelli di concentrazione simili a onde nell’etere. Si dice che i campi gravitazionali ed elettromagnetici di una particella derivino dai flussi di diversi tipi di particelle eteriche, o eteroni, attraverso i loro confini, e dai conseguenti gradienti di concentrazione di etere. Le particelle caricate positivamente come i protoni generano pozzi gravitazionali che attraggono la materia mentre, contrariamente alla teoria convenzionale, le particelle caricate negativamente come gli elettroni generano colline gravitazionali che respingono la materia. La materia elettricamente neutra rimane attrattiva gravitazionalmente perché la gravità del protone domina bene marginalmente la collina gravitazionale dell’elettrone.

La maggior parte degli scienziati presume che gli elettroni siano attratti dalla gravità, ma ciò non è stato verificato sperimentalmente a causa della difficoltà della misurazione. LaViolette vede la conferma della sua teoria che gli elettroni hanno proprietà antigravitazionali in un esperimento condotto da Evgeny Podkletnov e Giovanni Modanesenel 2001, che ha dimostrato che “una scarica di elettroni assiale ad alta tensione produce un’onda gravitazionale che respinge la materia che viaggia nella direzione della scarica esercitando una forza gravitazionale repulsiva longitudinale su una massa di prova distante”. Sebbene l’ipotesi che le cariche negative producano i campi antigravitazionali spiegherebbero il classico effetto Biefeld-Brown (una spinta diretta dall’elettrodo negativo a quello positivo di un condensatore ad alta tensione), pone il problema di spiegare perché una spinta può essere prodotta indipendentemente dal fatto che l’elettrodo principale sia positivo o negativo.

Basandosi sul lavoro di scienziati pionieri come Nikola Tesla , Louis de Broglie, Wilhelm Reich e Harold Aspden, scienziati canadesi Paulo e Alexandra Correa hanno sviluppato il modello più dettagliato e quantitativo di un etere dinamico attualmente disponibile, noto come eterometria. Hanno anche sviluppato applicazioni tecnologiche, come i loro reattori a plasma pulsato (PAGD), che producono più potenza di quella necessaria per farli funzionare, il loro motore eterico autosufficiente e il loro neutralizzatore di peso e antigravitatore.

I Correas hanno condotto esperimenti meticolosi ed esaustivi con elettroscopi, “ accumulatori orgonici ” (involucri metallici appositamente progettati) e bobine di Tesla che indicano l’esistenza di forme sia elettriche che non elettriche di energia priva di massa (non fisica), non elettromagnetica, un componente della quale ( noto a chimici e climatologi come “calore latente”) ha proprietà antigravitazionali. Mostrando che l’etere (o “etere”, come preferiscono scriverlo) non può essere ridotto a energia elettromagnetica, hanno chiaramente messo in luce l’inadeguatezza dei modelli di energia del punto zero. Quando le onde elettriche prive di massa incontrano la materia fisica (ad es. L’atmosfera terrestre), impartiscono energia a particelle cariche come gli elettroni e quando queste cariche decelerano rilasciano questa energia sotto forma di strutture transitorie simili a vortici di energia elettromagnetica, ad es. Fotoni.

BuyBitcoinswithDebitCard

L’eterometria propone che i movimenti rotazionali e traslatori di pianeti, stelle e galassie siano il risultato di moti rotanti e vorticosi dell’etere su scale multiple. Le onde dell’etere elettrico e non elettrico impartiscono impulsi alla terra, ad esempio, mentre si incurvano verso il pianeta, e questo afflusso di energia non solo spinge la terra ma produce anche il suo campo gravitazionale. Quando l’energia dell’etere non elettrico interagisce con le cariche fisiche o eteriche, produce gravitoni, che spingono una particella o un corpo verso regioni di maggiore densità di massa, o antigravitoni, che li spingono nella direzione opposta.

Le forze gravitazionali sono essenzialmente forze elettrodinamiche che dipendono dalla polarità: l’eterometria sostiene che la gravità alla fine risulta da un’attrazione elettrodinamica che si verifica quando la materia, che è per lo più neutra (con cariche bilanciate di entrambe le polarità), interagisce con reticoli eterei formati da cariche prive di massa in fase, mentre l’antigravità deriva in definitiva da una repulsione elettrodinamica che si verifica quando la materia ha una carica netta e interagisce con gli stessi reticoli di carica ambipolari in fase.

DavidPratt

Fonte: Recuperato attraverso WayBackMachine

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code