toba60

Guarda Guarda, Nel 2021 si è Svolta Una Simulazione sul Vaiolo delle Scimmie che Prevedeva 270 Milioni di Morti, Blocchi, Mascherine, Vaccini e Distanziamento Sociale

Tutti giorni pubblichiamo servizi di ogni genere inerenti la grande truffa del secolo delle pandemie a comando ma una cosa noi della redazione ci domandiamo ogni volta…

…a che serve farlo, se la prima preoccupazione di gran parte della gente è ambire ad una coda stradale a bordo della propria macchina con un iphone in mano ?

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Guarda Guarda, Nel 2021 si è Svolta Una Simulazione sul Vaiolo delle Scimmie

Mentre il mondo sente parlare della diffusione del vaiolo delle scimmie, veniamo anche a conoscenza di un’esercitazione del 2021 che ha simulato un’epidemia mondiale di vaiolo delle scimmie che avrebbe ucciso 270 milioni di persone.

Nel marzo del 2021, due organizzazioni hanno collaborato per condurre una simulazione volta a valutare “minacce biologiche ad alta gravità”. La simulazione si è concentrata su un attacco di bioterrorismo che ha utilizzato una versione armata del virus del vaiolo delle scimmie. Ora, all’inizio di giugno, cominciamo a essere sommersi da notizie di casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito e ora negli Stati Uniti. Questa simulazione avvenuta solo 14 mesi fa può dirci qualcosa sul presunto sviluppo dell’epidemia di vaiolo delle scimmie?

Come si vede da questa foto,  nella simulazione la data della prima comparsa del  vaiolo delle scimmie era il 15 maggio 2022: più o meno esattamente la data in cui i media hanno cominciato ad allarmare su  questa malattia

Coincidenza?

La  NTI  è una entità privata, al cui vertice ci sono marito e moglie, tale Dustin Moskovitz (J  cofondatore di Facebook) e Cari Tuna (ex giornalista del Wall street journal).
Tale società è inserita tra i collaboratori del governo americano e nel loro sito campeggia una foto in cui ritrae i vertici con mister Obama. In questo studio pubblicato poi a novembre 2021 si simula una pandemia e, guarda caso, la data simulata era il 15 maggio 2022.

“Il 13 maggio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è stata informata per la prima volta di due casi confermati e uno probabile di vaiolo delle scimmie nella stessa famiglia nel Regno Unito”.

Sarà dunque istruttivo vedere le altre date nella simulazione :

Il 10 gennaio 2023   lo scenario “prevedeva” 70 milioni di casi e 1,3 milioni di morti in 83 paesi

10 maggio 2023: 480 milioni di malati, 27 milioni di  morti. “Il virus è stato ingegnerizzato per essere resistente al  vaccino”

Primo dicembre 22023, “previsti” 3,28miliardi di casi e 271 milioni di morti.  Viene rivelato che  la nuova psico-pandemia è stata provocata da un gruppo terrorista che si è infiltrato nei laboratori di bio-sicurezza.

La mania del vaiolo delle scimmie

Al 26 maggio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità riferisce che ci sono 257 casi di scimmia confermati in laboratorio e circa 120 casi sospetti. Al 1° giugno non sono stati segnalati decessi. La maggior parte delle persone presumibilmente infettate riferisce sintomi “relativamente lievi” e la maggior parte dei casi sarebbe stata riscontrata in uomini gay.

Il vaiolo delle scimmie appartiene alla famiglia degli orthopoxvirus, che comprende il virus del vaiolo. Il vaiolo delle scimmie provoca sintomi più lievi rispetto al vaiolo.

Negli Stati Uniti, il Dipartimento di Sanità Pubblica (DPH) del Massachusetts ha confermato un singolo caso di vaiolo delle scimmie in un uomo adulto che aveva recentemente viaggiato in Canada. Il dipartimento sanitario ha dichiarato che il caso “non comporta alcun rischio per la popolazione”. Nonostante il basso rischio e i sintomi lievi, il governo statunitense sta acquistando milioni di vaccini contro il vaiolo delle scimmie.

Fortune Magazine riporta:

“Bavarian Nordic, l’azienda biotecnologica che produce il vaccino, ha annunciato un ordine da 119 milioni di dollari da parte degli Stati Uniti, con l’opzione di acquistare altri 180 milioni di dollari se lo desidera. Se questa seconda opzione dovesse essere esercitata, si tratterebbe di circa 13 milioni di dosi.

L’ordine prevede la conversione dei vaccini antivaiolosi esistenti, efficaci anche contro il vaiolo delle scimmie, in versioni liofilizzate, che hanno una durata di conservazione più lunga. Secondo l’azienda, i vaccini convertiti saranno prodotti nel 2023 e nel 2024″.

L’ordine prevede la conversione dei vaccini antivaiolosi esistenti, che sono efficaci anche contro il vaiolo delle scimmie, in versioni liofilizzate, che hanno una durata di conservazione più lunga. Secondo l’azienda, i vaccini convertiti saranno prodotti nel 2023 e nel 2024″.

Oltre a segnalare un basso numero di casi e zero decessi, l’OMS segnala che “il rischio complessivo per la salute pubblica a livello globale è valutato come moderato”. Tuttavia, l’OMS avverte che il rischio per la salute pubblica potrebbe diventare elevato “se questo virus sfrutta l’opportunità di affermarsi come agente patogeno umano e si diffonde nei gruppi a più alto rischio di malattie gravi, come i bambini piccoli e le persone immunodepresse”. L’agenzia afferma che collaborerà con i Paesi colpiti per “espandere la sorveglianza della malattia per trovare e sostenere le persone che potrebbero essere colpite”.

L’OMS ha anche osservato che gran parte della popolazione è “vulnerabile al virus del vaiolo” perché la vaccinazione contro il vaiolo è stata interrotta dal 1980. Secondo un documento pubblicato nel luglio 2020, “oltre il 70% della popolazione mondiale non è più protetta contro il vaiolo”, c’è il potenziale che un “vaiolo umano emergente o riemergente possa riempire la nicchia epidemiologica lasciata libera dal vaiolo”.

“Al momento, il rischio per la popolazione sembra essere basso. Tuttavia, è necessaria un’azione immediata da parte dei Paesi per controllare l’ulteriore diffusione tra i gruppi a rischio, prevenire la diffusione alla popolazione generale e scongiurare l’instaurarsi del vaiolo delle scimmie come condizione clinica e problema di salute pubblica nei Paesi attualmente non endemici”, ha avvertito l’OMS.

Va notato che finché le “autorità sanitarie pubbliche” utilizzeranno il metodo della PCR per rilevare i virus, dovremo rimanere estremamente scettici su tutti i numeri di casi e soprattutto sulle dichiarazioni di decessi. Come ho già riferito in precedenza per TLAV, il semplice fatto è che il metodo PCR può essere usato per creare una falsa pandemia.

Indipendentemente dal vostro attuale livello di preoccupazione per il vaiolo delle scimmie, vale la pena notare che, ancora una volta, un’epidemia segnalata di un agente patogeno è stata preceduta da una simulazione che coinvolgeva l’esatto agente patogeno.

Rafforzare i sistemi globali di prevenzione e risposta alle minacce biologiche ad alta gravità

Il 18 ottobre 2019, la Fondazione Bill e Melinda Gates ha collaborato con il Johns Hopkins Center for Health Security e il World Economic Forum per un’esercitazione di alto livello su una pandemia, nota come Event 201. L’Evento 201 ha simulato come il mondo avrebbe risposto a una pandemia di coronavirus che avrebbe colpito il pianeta. La simulazione prevedeva la morte di 65 milioni di persone, blocchi di massa, quarantene, censura di punti di vista alternativi con il pretesto di combattere la “disinformazione” e persino l’idea di arrestare le persone che mettono in dubbio la narrazione della pandemia.

La tempistica dell’Evento 201 solo pochi mesi prima che il mondo venisse a conoscenza della COVID-19 ha immediatamente fatto scattare un campanello d’allarme per gli osservatori più attenti che pensavano che ci fosse qualcosa di più nella pandemia dichiarata. Ora, molti scettici della COVID-19 sono disturbati dalle continue segnalazioni di vaiolo, soprattutto perché un’esercitazione simile ha preceduto le segnalazioni di casi di vaiolo.

Nel marzo 2021, la Nuclear Threat Initiative ha collaborato con la Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera per condurre un’esercitazione da tavolo apparentemente finalizzata a “ridurre le minacce biologiche ad alto rischio”. Simile ad altre simulazioni organizzate da altre organizzazioni non profit e think tank, questa esercitazione è stata apparentemente progettata per identificare le lacune nella sicurezza e nella politica. In questo caso, le potenziali lacune nelle “architetture nazionali e internazionali di biosicurezza e preparazione alle pandemie”.

La simulazione di un attacco di bioterrorismo era basata su una versione intenzionalmente armata del virus del vaiolo delle scimmie. All’esercitazione hanno partecipato 19 “leader ed esperti di alto livello” provenienti da Africa, Americhe, Asia ed Europa con “decenni di esperienza combinata nel campo della salute pubblica, dell’industria biotecnologica, della sicurezza internazionale e della filantropia”.

Il rapporto Rafforzare i sistemi globali per prevenire e rispondere alle minacce biologiche ad alto rischio: risultati dell’esercizio da tavolo del 2021 condotto in collaborazione con la Conferenza sulla sicurezza di Monaco, scritto da Jaime M. Yassif, Ph.D., Kevin P. O’Prey, Ph.D., e Christopher R. Isaac, M.Sc., riassume i risultati dell’esercitazione.

“La comunità internazionale non può rimandare l’attuazione delle misure necessarie per proteggersi dalle future minacce biologiche. Questo deve comprendere il riconoscimento che, mentre le pandemie che emergono naturalmente continuano a rappresentare una minaccia significativa, la prossima catastrofe globale potrebbe essere causata da un uso deliberato e improprio degli strumenti della biologia moderna o da un incidente di laboratorio”, scrive nell’introduzione Margaret A. Hamburg, M.D., vicepresidente ad interim della Nuclear Threat Initiative. “Dobbiamo costruire i nostri sistemi sanitari e medici per essere anticipatori, rispondendo in modo energico e proattivo di fronte all’incertezza, adottando quello che le comunità umanitarie e di risposta alle crisi descrivono come un approccio “senza rimpianti””.

Nello scenario dell’NTI, un ceppo ingegnerizzato di vaiolo delle scimmie è stato scoperto nel Paese fittizio di Brinia, che si è scoperto essere stato rilasciato da terroristi. Secondo il riassunto del rapporto:

“Lo scenario dell’esercitazione raffigurava una pandemia mortale e globale che coinvolgeva un ceppo insolito di virus del vaiolo delle scimmie, emerso nella nazione fittizia di Brinia e diffusosi a livello globale nell’arco di 18 mesi. In definitiva, lo scenario dell’esercitazione ha rivelato che l’epidemia iniziale è stata causata da un attacco terroristico che ha utilizzato un agente patogeno ingegnerizzato in un laboratorio con disposizioni inadeguate in materia di biosicurezza e di sicurezza biologica e con una debole supervisione. Alla fine dell’esercitazione, la pandemia fittizia ha provocato più di tre miliardi di casi e 270 milioni di morti in tutto il mondo”.

Il rapporto trae diverse conclusioni e dettaglia le debolezze rilevate durante l’esercitazione. Tra i punti deboli figurano la debolezza dell’individuazione e dell’allarme globale dei rischi di pandemia, le lacune nella preparazione a livello nazionale e nella governance della ricerca biologica e l’insufficiente finanziamento della preparazione internazionale alle pandemie.

Nella “Conclusione 2” del rapporto si raccomanda che “i governi dovrebbero migliorare la preparazione sviluppando piani di risposta alle pandemie a livello nazionale basati su un sistema coerente di “fattori scatenanti” che spingano ad agire in anticipo senza rimpianti”. La menzione di un approccio “senza rimpianti” è importante perché sembra indicare che in caso di pandemia i governi del mondo non eserciteranno il principio di precauzione e agiranno invece rapidamente senza “rimpianti”.

Secondo il rapporto, questo approccio dovrebbe comportare “l’adozione di azioni preventive, invece di reagire all’aumento dei casi e dei decessi”. A tal fine, gli autori ritengono che i governi nazionali debbano sviluppare “piani a livello nazionale” che includano “fattori scatenanti per rispondere a eventi biologici ad alto rischio”. Gli autori invitano inoltre l’OMS a “emanare linee guida che incoraggino o richiedano ai governi nazionali di sviluppare
di sviluppare dei trigger di risposta alle pandemie a livello nazionale”.

Il linguaggio del documento suona simile alle richieste di aggiornare il Regolamento sanitario internazionale e il cosiddetto Trattato sulle pandemie per istituire un organismo internazionale sovranazionale che abbia il potere di dichiarare le pandemie e di inviare squadre per “proteggere la popolazione”.

L’uso del vaiolo delle scimmie e la data di inizio prevista per il 15 maggio stanno suscitando ulteriori domande da parte del pubblico. A causa della crescente preoccupazione del pubblico per l’esercitazione dell’NTI/MSC, l’NTI ha rilasciato una spiegazione che assicura al pubblico che non c’è nulla da vedere se non una gigantesca coincidenza.

Anche se resta da vedere quanto la simulazione rispecchi gli eventi del mondo reale, una timeline fittizia della simulazione mostra che l’attacco terroristico fittizio che coinvolge il vaiolo delle scimmie avviene il 15 maggio 2022. Per coincidenza, secondo un documento dell’Organizzazione Panamericana della Sanità e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 15 maggio 2022 all’OMS sono stati notificati 4 casi confermati di vaiolo delle scimmie provenienti dal Regno Unito.

La timeline fittizia della simulazione afferma inoltre che il 5 giugno 2022 si scopre che il ceppo del vaiolo delle scimmie “contiene mutazioni che lo rendono resistente ai vaccini esistenti”. Questa rivelazione spinge alcuni Paesi a prendere “misure aggressive“, tra cui “la chiusura di raduni di massa, l’imposizione di misure di distensione sociale e l’attuazione di mandati di mascheratura”. Altre nazioni scelgono di dare la priorità a “mantenere aperte le loro economie e a minimizzare il virus e i suoi potenziali impatti”. Queste nazioni subiscono risultati molto peggiori in termini di mortalità.

L’implicazione è che chi adotta misure autoritarie con un approccio “senza rimpianti” se la caverà meglio di fronte a un’epidemia di vaiolo delle scimmie.

Chi sono l’NTI e il MSC?

La Conferenza sulla sicurezza di Monaco è descritta come “il principale forum mondiale per il dibattito sulla politica di sicurezza internazionale” e “una sede per le iniziative diplomatiche volte ad affrontare i problemi di sicurezza più urgenti del mondo”. La conferenza principale del CSM si tiene a febbraio a Monaco, in Baviera, Germania. L’evento riunisce in genere circa 450 “decisori di alto profilo e di alto livello, nonché leader di pensiero provenienti da tutto il mondo, tra cui capi di Stato, ministri, personalità di spicco di organizzazioni internazionali e non governative, rappresentanti di alto livello dell’industria, dei media, del mondo accademico e della società civile”.

Il MSC è stato fondato nel 1963 da Ewald-Heinrich von Kleist-Schmenzin, un ufficiale della Wehrmacht durante la Seconda guerra mondiale che, secondo quanto riferito, si oppose a Hitler e sostenne la necessità di prevenire in futuro conflitti militari come la Seconda guerra mondiale. Il primo incontro di quello che sarebbe diventato il MSC ha coinvolto 60 partecipanti, tra cui Henry Kissinger. Tra i partner del MSC figurano la Bill and Melinda Gates Foundation, il Consiglio Atlantico, il Wellcome Trust e la Chatham House del Royal Institute of International Affairs, il parallelo britannico del Council on Foreign Relations statunitense.

Secondo Influence Watch, la Nuclear Threat Initiative (NTI) è un’organizzazione non profit di “centro-sinistra” costituita nel 2001 dall’eugenista e dirigente dei media Ted Turner e dall’ex senatore della Georgia Sam Nunn. Il gruppo si descrive come “un’organizzazione non profit e apartitica per la sicurezza globale, focalizzata sulla riduzione delle minacce nucleari e biologiche che minacciano l’umanità”.

Nel gennaio 2018, l’NTI ha annunciato di aver ricevuto un sostegno di 250.000 dollari dalla Bill and Melinda Gates Foundation. I fondi facevano parte degli sforzi della NTI per sviluppare un “Indice di sicurezza sanitaria globale” che analizzasse i programmi e le politiche biologiche di un Paese.

È interessante notare che c’è una certa sovrapposizione tra i partecipanti e i collaboratori dell’esercitazione dell’NTI e la simulazione del coronavirus dell’Evento 201 di cui sopra. Tra questi figurano la Fondazione Bill e Melinda Gates, Wellcome Trust, il CDC cinese, le Nazioni Unite, Merck, John Hopkins e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Almeno due persone erano presenti a entrambe le esercitazioni. George Fu Gao, direttore del Centro cinese per il controllo delle malattie, e il dottor Michael Ryan, a capo del team dell’Organizzazione Mondiale della Sanità responsabile del contenimento e del trattamento internazionale della COVID-19. Durante l’Evento 201 è stato Gao a chiedere infamantemente la censura per contrastare la “disinformazione”. Nel marzo 2020, il dott. Ryan ha chiesto di esaminare le famiglie per trovare individui potenzialmente malati per “rimuoverli e isolarli”.

Gli autori del rapporto dell’NTI basato sulla simulazione sono Jaime M. Yassif, Ph.D., Kevin P. O’Prey, Ph.D. e Christopher R. Isaac, M.Sc.

Jaime Yassif ha un’interessante storia di lavoro come consulente per le politiche scientifiche e tecnologiche presso il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e per l’Agenda per la sicurezza sanitaria globale (GHSA) presso il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, dove ha contribuito a gettare le basi per le valutazioni esterne congiunte dell’OMS e per il Gruppo direttivo GHSA.

Yassif ha esperienza di esercitazioni sulle pandemie, tra cui lo sviluppo dell’esercitazione Clade X. Clade X si è svolta nel maggio 2018 e ha esaminato la risposta a una pandemia derivante dal rilascio di un virus fittizio noto come Clade X. Nella simulazione, il virus è stato rilasciato da un gruppo terroristico chiamato A Brighter Dawn. Mentre l’epidemia si diffondeva negli Stati Uniti, i partecipanti si sono chiesti cosa sarebbe stato necessario fare se il Presidente avesse emesso una quarantena federale, osservando che le autorità avrebbero dovuto “Determinare (il) livello di forza autorizzato per mantenere la quarantena”. L’esercitazione Clade X ha portato anche alla nazionalizzazione del sistema sanitario da parte del governo federale.

Nel dicembre 2021, Yassif ha testimoniato davanti alla Sottocommissione Affari Esteri della Camera degli Stati Uniti per l’Asia, il Pacifico, l’Asia Centrale e la Nonproliferazione in un’audizione su “Biosicurezza per il futuro: Rafforzare la deterrenza e l’individuazione”. Ha fatto eco ai recenti appelli sulla necessità di schemi di governance globale.

“Non esiste un’entità internazionale compresa l’Organizzazione Mondiale della Sanità e la Convenzione sulle Armi Biologiche che abbia come missione principale il rafforzamento della biosicurezza e della governance delle bioscienze e la riduzione dei rischi biologici emergenti associati ai progressi tecnologici. Questa lacuna nella governance globale ci rende tutti vulnerabili”, ha detto Yassif al panel.

Per colmare questa lacuna, l’NTI sta lavorando con partner internazionali per sviluppare la cosiddetta Iniziativa internazionale di biosicurezza e biosicurezza per la scienza (IBBIS). Yassif ha detto che l’NTI sta lavorando per lanciare questo progetto come metodo per le nazioni per “lavorare in collaborazione per rafforzare le norme di biosicurezza globale e sviluppare strumenti innovativi per sostenerle”.

Nel corso della sua testimonianza, ha anche sottolineato che l’NTI sta lavorando con il World Economic Forum e altri “partner internazionali chiave” per dare vita alla loro visione dell’IBBIS e “per costruire un sostegno internazionale a questa iniziativa”. Yassif ha affermato che la NTI lancerà questa “organizzazione indipendente” nel 2022. Ha concluso la sua testimonianza affermando che “la COVID-19 è servita come un colpo di avvertimento” per evidenziare quanto siamo vulnerabili alle pandemie.

Nella biografia di Kevin P. O’Prey si legge che è stato vicepresidente senior di Cadmus, dove ha diretto il settore della sicurezza interna. Prima di Cadmus, O’Prey è stato cofondatore e presidente di Obsidian Analysis, Inc. Entrambe le società si concentrano sulla fornitura di “consulenza analitica e politica per i responsabili della sicurezza interna, della sicurezza nazionale e della resilienza aziendale”. Le due società si sono fuse nel 2016.

Il dottor O’Prey è anche considerato un “facilitatore e analista riconosciuto a livello nazionale delle sfide della sicurezza interna”. La sua biografia chiarisce che è un facilitatore regolare e uno sviluppatore principale di varie esercitazioni governative, tra cui le serie Principals-Level Exercise (PLE) e Senior Officials Exercise (SOE), “le principali esercitazioni del governo federale per gli alti funzionari della sicurezza interna, tra cui i Segretari di Gabinetto e il Presidente”.

In questa posizione, il dottor O’Prey lavora a stretto contatto con funzionari a tutti i livelli di governo per sviluppare, condurre e valutare i risultati delle esercitazioni che esaminano la capacità della nazione di gestire eventi catastrofici. Inoltre, facilita “esercitazioni e seminari a livello esecutivo” per i governi federali, statali e locali, le istituzioni accademiche, le organizzazioni internazionali e i leader del settore privato.

Infine, Chris Isaac è un responsabile di programma per il team Global Biological Policy and Programs dell’NTI. L’NTI afferma che “sostiene gli sforzi per migliorare la biosicurezza e la governance delle biotecnologie attraverso la Biosecurity Innovation and Risk Reduction Initiative”. Isaac si è anche occupato di biologia sintetica attraverso il concorso International Genetically Engineered Machines (iGEM).

Rapporti precedenti sul vaiolo delle scimmie

La simulazione NTI/MSC non è stato l’unico allarme o simulazione recente che ha coinvolto il vaiolo delle scimmie. Negli ultimi mesi ci sono state diverse storie che hanno coinvolto il vaiolo o il monkeypox.

Solo due settimane fa i ministri della Sanità dei Paesi del G7 si sono riuniti per “simulare una pandemia di vaiolo trasmessa a un essere umano attraverso il morso di un leopardo”. Il virus immaginario si è diffuso rapidamente in 21 Paesi con un alto tasso di mortalità e molte persone infette negli ospedali. I ministri della Salute hanno discusso della “risposta coordinata” dei Paesi del G7 durante la simulazione”.

Nel novembre 2021, l’azienda farmaceutica SIGA Technologies, Inc. ha annunciato che il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia europea per i medicinali ha approvato il suo prodotto Tecovirimat per il trattamento di vaiolo, vaiolo bovino, vaccinia e vaiolo delle scimmie. Dopo l’approvazione, il Dr. Dennis Hruby, CSO della SIGA, ha dichiarato che il COVID-19 “ha sottolineato l’importanza della preparazione” e la necessità per i governi di costituire scorte che “consentano di rispondere efficacemente a focolai di malattie infettive come il vaiolo, una minaccia bioterroristica significativa che potrebbe essere ancora più devastante del COVID-19″.

Nello stesso mese l’FBI e i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno indagato su “fiale discutibili” etichettate come “vaiolo” trovate in un congelatore di uno stabilimento Merck fuori Philadelphia. Nel giro di pochi giorni il CDC ha dichiarato che “non ci sono prove che le fiale contengano il virus variola, la causa del vaiolo”.

Sempre nel novembre 2021, un residente del Maryland, da poco rientrato negli Stati Uniti dalla Nigeria, sarebbe stato affetto da vaiolo delle scimmie. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno annunciato di aver avviato un’indagine in collaborazione con i funzionari della sanità pubblica del Maryland.

E, naturalmente, possiamo andare più indietro nel tempo e trovare Bill Gates che lanciava avvertimenti sulla possibilità che i terroristi utilizzassero una versione armata del vaiolo. È stato infatti alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2017 che Gates ha dichiarato: “La prossima epidemia potrebbe avere origine sullo schermo del computer di un terrorista intenzionato a usare l’ingegneria genetica per creare una versione sintetica del virus del vaiolo… o un ceppo super contagioso e mortale dell’influenza”.

Deja Vu della funzione?

Recentemente, The National Pulse ha riferito che l’Istituto di virologia di Wuhan ha sperimentato il genoma del virus del vaiolo delle scimmie nel tentativo apparente di consentire l’identificazione del virus attraverso i problematici test PCR. Questo metodo è stato segnalato dai ricercatori come potenzialmente in grado di creare un “agente patogeno contagioso”. Il National Pulse riferisce che:

“Lo studio è stato pubblicato per la prima volta nel febbraio 2022, pochi mesi prima dell’ultima epidemia internazionale di casi di vaiolo delle scimmie che sembra aver raggiunto gli Stati Uniti.

L’articolo, scritto da nove ricercatori dell’Istituto di virologia di Wuhan e pubblicato sulla rivista scientifica trimestrale Virologica Sinica del laboratorio, segue anche l’uso su larga scala dei test di reazione a catena della polimerasi (PCR) per identificare gli individui positivi al COVID-19.

Nel documento i ricercatori sembrano aver identificato una porzione del genoma del virus del vaiolo delle scimmie, consentendo ai test PCR di identificare il virus: “Efficient Assembly of a Large Fragment of Monkeypox Virus Genome as a qPCR Template Using Dual-Selection Based Transformation-Associated Recombination”.

Il documento riconosce che la TAR “applicata alla ricerca virologica potrebbe anche sollevare potenziali problemi di sicurezza, soprattutto quando il prodotto assemblato contiene un set completo di materiale genetico che può essere recuperato in un patogeno contagioso”.

Ancora una volta, l’uso del test PCR è già un’enorme bandiera rossa, ma il fatto che questi stessi ricercatori che stavano sperimentando con i coronavirus abbiano recentemente sperimentato con il vaiolo delle scimmie dovrebbe essere un avvertimento minaccioso di una potenziale sventura a venire.

Ci aspettano altri blocchi e mandati?

Sebbene non sia mai utile farsi consumare dalla paura e da infinite tane di coniglio, dovremmo assolutamente essere consapevoli di questo tipo di esercitazioni che spesso precedono eventi reali. Forse non possiamo fare molto, come individui, per evitare che queste esercitazioni vengano potenzialmente “messe in atto”, ma possiamo prendere precauzioni per assicurare che le nostre famiglie e comunità siano il più possibile preparate a qualsiasi potenziale calamità.

Ciò che conta di più è continuare a essere consapevoli dei potenziali che turbinano intorno a noi – in attesa di essere messi in atto mentre spendiamo ancora più energia per immaginare come vorremmo che fosse il nostro futuro.

Se rifiutiamo questo mondo di pandemie e iniezioni senza fine, dovremmo dedicare il nostro tempo a creare il mondo che preferiamo.

Derrick Broze

Fonti: thelastamericanvagabond.com & fortune.com & agerecontra.it

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code