toba60

I Fondamenti delle Squadre Di Calcio Sudamericane

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Come sapete voi che seguite il sito toba60, chi scrive e’ diplomato come tecnico professionista di calcio, abilitato ad allenare nazionali e massima divisione, con un diploma FIFA e Uefa omologato in Spagna.

Stadio Colon Santa Fé Chiamato il Cimitero degli Elefanti

Detto tra noi, sono tutto tranne un allenatore, aver conseguito titolo con il massimo dei voti non significa assolutamente nulla, ero estremamente bravo sotto l’aspetto didattico, ma ho sempre avuto la consapevolezza che quello non era il mio mestiere, ci vuole ben altro che conoscere tecnica, tattica, fisiologia, biologia, psicologia e via dicendo.

In Argentina chiunque ha la facoltà di diventare allenatore, anche se ha fatto il gelataio per tutta la vita, conseguire il titolo e’ una cosa, poi una volta in mano il fatidico tesserino è tutta un altra storia.

Quello che voglio farvi capire e’ che qui tutti hanno la loro opportunità e te la offrono una volta uscito da un corso, non importa quello che hai fatto prima di essere diplomato, scommettono su di te e una volta sul posto di comando, se dimostri di essere bravo vai avanti, altrimenti torni a fare il gelataio.

Ve lo immaginate Toba60 in Italia che fa un corso Allenatore (Qui e’ impossibile farlo) e dopo aver fatto per tutta la vita l’operaio alla FIAT viene chiamato a dirigere la Juventus?

Questo e’ quello che può succedere in Sudamerica

(Faccio notare che gli Allenatori Argentini e non solo i giocatori sono i più’ ricercati al mondo)

È veramente un altro mondo, non solo per quanto riguarda il ruolo tecnico, ma in ogni contesto calcistico inerente il calcio.

Un giorno andai in curva………..non vidi un solo secondo della partita!!

Per la cronaca ho inserito molte immagini della mia squadra del cuore in Argentina, (Il Colon Sana Fe’) che dovete sapere ha un meraviglioso stadio situato nella periferia della città’……quando vado li a vedere le partite di calcio mi si illuminano gli occhi e …..credo che la sola squadra al mondo che potrei allenare senza pregiudizi sia quella, per ora mi limito ad odiare i fatidici Interisti e a supportare il Milan che fatalità’ vuole ha la stessa maglia Rosso Nera del …..Colon 🙂

Toba60

I Fondamenti del Calcio Sudamericano

Come ho detto molte volte, scrivo sempre dalla mia esperienza di studio e lavoro in Spagna e Uruguay, dopo più di due decenni di lavoro con adolescenti e adulti.

Non è la verità assoluta, anche se è la mia verità, la mia percezione di ciò che ho vissuto in questi anni.

Mi viene in mente, scrivendo su questo argomento, come Arsene Wenger descrive il calciatore, dove per lui il giovane calciatore è come una casa che si costruisce dal basso verso l’alto, dalle fondamenta al tetto.

Secondo me, i club dovrebbero essere simili. Poggiando su certi pilastri o fondamenta, una base che dia loro questa struttura che darà loro solidità, organizzazione e un modo organizzato di lavorare per poter creare una Cultura della Formazione che ogni Istituzione sportiva dovrebbe avere.

Qual è il problema?

Il problema è che molti club non si sono resi conto o non sanno come organizzarsi, soprattutto per i tempi attuali.

I club, soprattutto in Sud America, devono costantemente coltivare la prima squadra e cercare di vincere a livello locale, vendere giocatori a campionati più ricchi per generare reddito da investire nella squadra principale e rimetterlo nelle divisioni formative per continuare questo ciclo reinvestendo parte del denaro guadagnato nelle divisioni formative, nelle strutture materiali, nella prima squadra e nella gestione del club.

Questo perché la stragrande maggioranza dei club modello devono vendere giocatori a leghe più ricche perché il reddito generato nei loro campionati non copre le spese minime per finanziare il loro funzionamento.

Secondo la mia opinione, basata sul teorico ed empirico, avendo lavorato in quasi tutte le funzioni da quando ho iniziato a lavorare nel 1999 come preparatore fisico, assistente allenatore, capo allenatore e coordinatore e dopo aver lavorato in molti club e con decine di giocatori che hanno raggiunto il professionismo sia in Uruguay che in Spagna, I club guidati dai direttori non sono chiari o non capiscono bene quali sono questi 3 pilastri fondamentali e di solito falliscono in uno e a volte in due di questi pilastri, generando problemi a lungo termine come è successo negli ultimi anni, dove vediamo i club con un grande investimento economico in divisioni giovanili o giovani, che le loro squadre principali perdono la categoria e finiscono per scendere.

Il primo pilastro che citeremo qui è il più conosciuto e il più utilizzato.

Reclutamento

Questo è il più noto e in generale quello su cui scommette la maggior parte dei club.

Molti club spendono molti soldi, soprattutto i più grandi ed economicamente più forti dove hanno una struttura, sia umana con una grande squadra di reclutatori o Scout, dove cercano a livello zonale, regionale o in tutto il territorio, in alcuni casi anche a livello internazionale i calciatori con la migliore proiezione, o strutturale organizzando scuole, ambasciatori, raggiungendo accordi con altri club, o iniziando i processi un anno prima dell’anno della competizione (come si fa in Uruguay con il pre-seventh grade).

Gli errori più comuni in questo settore

I giocatori fisicamente più forti, più grandi o più veloci vengono scelti.

Tutto questo ignorando che molti di questi calciatori quando raggiungono la pubertà, subiranno grandi cambiamenti fisici nei loro corpi, a livello ormonale, dove influenzerà a livello fisico modificando molte volte questi parametri fisici e dove le condizioni saranno equiparate, generalmente trionfando il calciatore tecnicamente superiore e con un migliore processo decisionale rispetto a quello più grande, più veloce o più forte precedentemente.

Si fa appello al risultato sportivo per tesserare i calciatori:

Tipico del calcio in formazione, si tesserano i ragazzi che superano gli altri basandosi spesso su condizioni fisiche e non su aspetti tecnici o decisionali. Si gioca un calcio formale e chi vince continua e chi non vince viene scartato.

Il secondo pilastro che menzioneremo ora è:

La Formazione

Il risultato come valutazione.

Questa è un’area in cui molte squadre tendono ad avere problemi o a fallire.

Si appellano al successo nelle fasi in cui, come abbiamo spiegato prima, non dovrebbe essere la priorità, perché la priorità a quelle età è capire e insegnare a imparare il gioco, non solo vincere.

Ovviamente, i club con il maggior potere di reclutamento e dove reclutano ragazzi più grandi e più forti, vincono.

Questa sembra essere la valutazione di molte persone, che siano scrittori sportivi, manager e allenatori con un interesse personale a rimanere in quei posti.

Le classifiche generali delle divisioni giovanili sono la cosa più importante quando si tratta di valutare questo lavoro.

Questo è un grosso errore, perché non tutti i club iniziano quella carriera dallo stesso posto e anche perché il processo formativo finisce intorno ai 20 anni, non prima.

In realtà non finisce mai, ma il ciclo formativo dei club sì.

Le valutazioni vengono fatte alla fine del processo, non all’inizio o nel mezzo e meno con parametri che non sono quelli corretti per valutare il lavoro di un club in quell’aspetto.

Le valutazioni dovrebbero essere fatte giorno per giorno e, come ho detto prima, non se si vince in categorie in cui non è l’obiettivo principale.

La valutazione dovrebbe essere quanti giocatori sono arrivati alla prima squadra, il loro livello, quanti sono nelle squadre giovanili, senior, nelle squadre dei campionati più forti del mondo ecc.

Non se hanno vinto la classifica generale dei giovani o sono stati campioni in U15 o U14.

Non tutti i club possono investire la stessa quantità di denaro.

Non tutti i club possono investire lo stesso denaro, le stesse infrastrutture umane e materiali, di conseguenza, la competizione come valutazione diventa ancora più ingiusta.

Quando abbiamo avuto la fortuna di formare la settima divisione nel Montevideo Wanderers (Categoria 2001, U14), non avevamo la possibilità di attirare gli stessi giocatori delle squadre più forti o più grandi, con più investimenti, e molte volte abbiamo dovuto vedere quello che gli altri non vedevano.

Nei club più piccoli di noi, questo era ancora più evidente.

Inoltre non avevamo la possibilità di avere una Pre-settima divisione, cosa che quando si trattava di competere con altre squadre, avevamo almeno un anno in meno di lavoro da fare rispetto a quelle squadre.

C’erano squadre con budget in divisioni formative diverse volte più grandi del nostro e c’erano altre squadre con budget inferiori al nostro.

Se ci sono persone che fanno valutazioni su questi processi senza avere informazioni sulla situazione di ogni club, fare un’opinione basata sui risultati non è solo imbecille ma anche avventato e ingiusto.

La migliore valutazione di come funzionano le divisioni formative di un club è che arrivino a giocare nella prima squadra, nelle nazionali giovanili o senior o nei campionati di alto rendimento e se devono nutrire le prime squadre di quei giocatori, che si comportino correttamente senza vedere carenze e mostrando attitudini e condizioni.

Il reddito che verrà al club non sarà per l’accumulo di trofei e titoli in piccole categorie, ma in ingresso di denaro per la vendita di qualche giocatore che lo lascia al club un reddito per essere in grado di investire di nuovo in tutto il processo e per nutrire la squadra principale.

Nelle giovanili, è noto che c’erano coordinatori che ricevevano pagamenti extra per aver vinto campionati nelle Divisioni Formative, ma poi nessuno veniva venduto e pochissimi giocatori arrivavano alla prima squadra.

Lo sviluppo fisico come unico parametro dell’evoluzione del calciatore.

Solo tre fattori sono di solito osservati nel processo di formazione nei club di Prima Divisione in Sud America e Uruguay.

Il reclutamento e la selezione, la competizione o per vincere qualunque cosa, e lo sviluppo fisico dei giovani giocatori del club.

Questo è dovuto a ciò che ho menzionato in un’altra nota precedente, dove i club appartengono a paradigmi precedenti a quello che si fa in Europa, dove il modello è basato su paradigmi precedenti e non su nuovi paradigmi basati sul cognitivo, sul processo di insegnamento-apprendimento e su approcci sistemici dove il gioco e il giocatore sono visti come un tutto e non come parti separate.

Così in questi club, i “Profes” o preparatori fisici hanno la stessa o in alcuni casi più importanza degli allenatori e il processo si basa sui continui carichi e valutazioni fisiche e non sull’evoluzione tattica e il gioco del giocatore.

Ex giocatori di club vengono assunti come forma di ringraziamento ma senza alcuna preparazione per insegnare il gioco.

Il problema qui non è se è un ex giocatore del club o no.

Il grande problema è assumere persone che non sono state formate, non hanno esperienza e nella maggior parte dei casi provengono da vecchi paradigmi e una volta che lasciano quei club, sono nella maggior parte dei casi “buchi generazionali” dove in diverse divisioni non si osserva alcun lavoro nell’insegnamento, apprendimento del gioco.

Per essere in grado di allenare, non dovrebbe essere una condizione per essere un famoso ex giocatore di calcio, non escludendo nemmeno. Come è ormai noto, l’insegnamento è un’abilità acquisita, soprattutto dopo molto tempo, perché prima bisogna capire il gioco, imparare a insegnare, ecc.

Pensare che solo perché qualcuno è stato un grande calciatore sarà un grande allenatore, è lo stesso che pensare che perché sei stato un buon allievo della scuola primaria, puoi essere un insegnante senza prepararti.

Consolidamento e Proiezione

Questo è un altro pilastro fondamentale, dove molti club falliscono a causa della loro vecchia struttura o della mancanza di comprensione dei leader dei club del funzionamento più conveniente dei loro club.

Se riusciamo a catturare o selezionare giovani giocatori, e sviluppiamo quei giocatori ma poi arrivano alla fine di questo processo e abbiamo allenatori nella prima squadra che non osano mettere quei giocatori nella squadra principale, questo processo o catena è rotto e tutto il lavoro finirà in modo fallimentare.

Quando gli allenatori vengono assunti per la prima squadra, devono avere il coraggio e in molti casi sono i club stessi che devono costringere questi allenatori a dare minuti ai ragazzi o promuoverli.

Molti club, soprattutto i più grandi, assumono giocatori di rendimento sportivo medio o basso perché i migliori giocano nei campionati più ricchi, e non danno opportunità ai ragazzi del club che in molti casi, finiscono per guadagnarsi la posizione prima di loro o hanno un rendimento superiore.

È importante per questa catena o processo non è rotto, avere allenatori che possono promuovere questi valori giovani e proiettare questi ragazzi prima nella prima squadra e poi altri mercati dove questi giocatori possono essere venduti e che il reddito che viene generato può essere reinvestito nuovamente.

Generalmente quando fallisce in uno o più di questi pilastri o fondamenta che ho menzionato, i club cadono e finiscono per avere grandi crisi sportive e quindi istituzionali ed economiche.

“Non è tanto importante cosa pensa la gente quando arrivi, ma cosa pensa quando te ne vai,

Jurgen Klopp.

Oscar Mendez.

Fonte: desdeadentrodelvestuario

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code