toba60

I Padroni del Porno e la Promozione Sistematica della Devianza Sessuale

Quando studiavo testi di psicologia la componente sessuale era sempre presente, sesso di qua, sesso di la, insomma, una limitata visione delle cose ti dava a credere che se una persona decideva di essere un tifoso dell’Inter era per una questione di natura erotica sessuale mal riposta, se eri invece del Milan questo avveniva per una sublimazione divina, sempre sessuale, impartita dall’immacolata concezione che aveva visto giusto diciamocelo pure.…….. senza scomodare Freud, C.G. Jung, Adler o Erich Fromm.

Prestate bene attenzione a tutto quello che avrete modo di conoscere, detto tra noi, molti dei soggetti in questione non sono altro che gente comune (Neanche tanto) che non ha capito nulla dalla vita e si e’ improvvisata Dio, ignari……. senza tanta dialettica di natura psicologica, che erano e sono solo dei benemeriti imbecilli come ce ne sono tanti ancora oggi.

Toba60

I Padroni del Porno

Alfred Kinsey, copertina del Time Magazine, 1953:

“L’unico atto innaturale è quello che non si può compiere”.

È un grande shock apprendere che due dei padri della rivoluzione sessuale erano entrambi pervertiti sessualmente con una missione evangelica nella vita: infettare la società con le loro idee stravaganti e trasformare il mondo in un vasto masturbatorio.

Alfred Kinsey

Mi riferisco al primo ricercatore sessuale del XX secolo Alfred Kinsey (1894-1956) e al suo contemporaneo, lo psicanalista di culto Wilhelm Reich (1897-1957).

Immersi nel pericoloso sproloquio del fraudolento Freud vedi qui e qui – sia Kinsey che Reich abbracciarono con entusiasmo la filosofia del laissez faire freudiano: “Io sostengo una vita sessuale incomparabilmente più libera”. Come il loro mentore viennese, sarebbero stati fin troppo contenti di aggiungere: “Se solo gli americani sapessero che stiamo portando loro la peste!

Secondo Freud e i suoi seguaci, l’antisemitismo era una patologia universale che aveva le sue radici nella repressione sessuale. La sua cura stava nella “liberazione sessuale”. La teoria, nella sua forma più cruda e semplice, ammontava a questo: invece di prendersela con gli ebrei, perché non rilassarsi e fare sesso?

L’assunto sottostante è che il sesso è il grande liberatore e che tutte le frustrazioni politiche ed economiche possono essere alleviate dall’attività sessuale, in particolare dal sesso ossessivo e che crea dipendenza. Le persone che passano tutte le loro ore di veglia alla ricerca di stimoli sessuali sono ovviamente inadatte a organizzare pogrom, organizzare rivoluzioni sanguinose o diventare una minaccia per i ricchi e i potenti.

Questa, in poche parole, era la filosofia di Wilhelm Reich, sommo sacerdote dell'”industria della masturbazione”, per prendere in prestito una frase dall’opera magistrale Libido Dominandi di E. Michael Jones, dove Kinsey e Reich sono entrambi discussi in grande dettaglio.

Sigmund Freud

Il sesso, secondo i filosofi della rivoluzione sessuale ispirati da Reich, deve essere la panacea per tutti i problemi della società: il nuovo oppio dei popoli. Se la gente non può avere il pane, che mangi la torta. Se non possono avere lavoro, sicurezza, appagamento e uno scopo valido nella vita, che abbiano il sesso come sostituto. Se non altro, il sesso ricreativo fornirà un’utile distrazione e darà alla gente qualcosa da fare.

Il caso contro Reich

Masturbatore compulsivo egli stesso, Reich credeva che la masturbazione fosse uno strumento utile per produrre individui “equilibrati” senza complessi religiosi o atteggiamenti antisemiti.

La sua scoperta principale (qui e qui) era che la masturbazione e la vita religiosa erano incompatibili, ed è per questo che sosteneva la masturbazione come il mezzo più efficace per sradicare l’istinto religioso, che considerava come il male supremo. “Ciò che Reich scoprì fu una verità fondamentale della politica sessuale, scoperta dalla Chiesa Cattolica molto tempo fa”, commenta il dottor E. Michael Jones. “O la masturbazione distrugge la tua vita di preghiera, o la preghiera distrugge la tua capacità di godere della masturbazione.

Le due forme di attività si escludono psicologicamente a vicenda”. (Vedi qui, p. 259) Come molti altri psicoanalisti, Reich è noto per aver masturbato le sue pazienti nelle sessioni terapeutiche. “Il piacere di vivere e il piacere dell’orgasmo sono identici”, pontificava, equiparando così la felicità infinita alla fornitura di un numero infinito di orgasmi.

Wilhelm Reich

Reich era, secondo il suo stesso racconto, non solo un masturbatore compulsivo dalla prima infanzia, ma un pervertito auto-confessato con interessi sessuali ad ampio raggio. Iniziando l’attività sessuale all’età di quattro anni con una serva con i cui peli pubici gli era permesso giocare, passò a sedurre il cuoco di famiglia a undici anni e mezzo.

Quando era ancora un ragazzino, aveva cominciato ad avere un interesse malsano per gli animali della fattoria e poteva essere visto aggirarsi nelle stalle dove “stimolava le cavalle inserendo manici di frusta nelle loro vagine”. A 15 anni cominciò a frequentare i bordelli dove i suoi insaziabili appetiti lo resero il centro dell’attenzione della città. Eccolo nella sua Autobiografia che descrive la sua incontrollabile libido:

Era l’atmosfera, l’abbigliamento, le luci rosse, la nudità provocante, l’odore di puttana, non lo so! Ero pura lussuria sensuale. Ho smesso di essere. Ero tutto pene! Ho morso, graffiato, spinto, e la ragazza si è divertita molto con me! Ho pensato che avrei dovuto strisciare dentro di lei…

Nutrendo una passione incestuosa per sua madre, la spiava mentre faceva sesso con il tutore di famiglia. “Ho bisogno di una donna”, scrisse nel suo diario, “che sia madre e puttana”. Una volta fu tentato di irrompere nella stanza di sua madre, mentre lei era impegnata nel sesso con il suo tutore, e chiedere di far parte di una cosa a tre:

Li ho sentiti baciarsi, bisbigliare, e l’orribile scricchiolio del letto in cui giaceva mia madre. A tre metri di distanza c’era suo figlio, testimone della sua disgrazia …. Tutto ciò che ricordo di quella notte catastrofica è che volevo precipitarmi nella stanza, ma ero trattenuto dal pensiero: potrebbero ucciderti!….Tornai a letto, senza speranza di consolazione, il mio spirito giovanile spezzato! Per la prima volta, un profondo sentimento di disgrazia e di abbandono mi invadeva …. Pensai addirittura di] irrompere in casa loro e pretendere che anche lei avesse rapporti sessuali con me (vergogna!), minacciando che altrimenti l’avrei detto a papà.

Come si scopre, egli informò suo padre delle infedeltà di sua madre, omettendo convenientemente di menzionare i propri desideri incestuosi per sua madre. La sua slealtà nei suoi confronti, diventando un informatore, combinata con i brutali maltrattamenti che avrebbe ricevuto dal suo tirannico marito Leon, portò infine sua madre al suicidio. Ingoiò una pinta di Lysol, un comune liquido per la pulizia domestica, e morì in agonia. Un altro resoconto riempie i bizzarri dettagli di questa saga familiare: “Ingoiò un veleno dopo l’altro, mentre Leon continuava a picchiarla mentre moriva” (enfasi aggiunta).

Wilhelm Reich, suo figlio, il famoso futuro psicoanalista, aveva solo 13 anni all’epoca.

Questo è l’uomo che divenne, come il suo contemporaneo altrettanto perverso Alfred Kinsey, uno dei padrini della rivoluzione sessuale degli anni ’60.

Da gente come Kinsey e Reich, gli americani facilmente ingannabili avrebbero ricevuto istruzioni su come comportarsi sessualmente.

Come parte della scuola neo-freudiana di psicoanalisti, Reich ricevette il sostegno entusiasta di un certo numero di psichiatri e scrittori, molti dei quali facevano parte della sottocultura psicoanalitica ebraica che fu così importante per erigere una potente critica della cultura occidentale, raggiungendo la sua massima influenza nell’era del secondo dopoguerra: Herbert Marcuse, Erich Fromm, Adorno, Horkheimer, Alexander Lowen, Stanley Keleman, Moshe Feldenkreis, Ida Rolf, Paul Goodman, Norman Mailer, Allen Ginsberg, Saul Bellow, Fritz Perls e Arthur Janov (vedi qui e qui).

La star del porno ebraico Richard Pacheco, che a un certo punto voleva diventare rabbino e aveva persino fatto domanda di ammissione a un seminario, era un ardente ammiratore di Reich di cui lesse i libri da cima a fondo. Sembra che Reich abbia influenzato la sua decisione finale di diventare una pornostar piuttosto che un rabbino. Come il suo mentore, Pacheco era anche un masturbatore sfrenato. Quando gli fu chiesto se guardava ancora i film pornografici ora che si era ritirato dalla recitazione ed era diventato un anziano cittadino, rispose con disarmante candore: “Ogni tanto ne metto uno per masturbarmi se mia moglie non c’è”.

Nel 1954, al culmine dell’era McCarthy, Reich fu imprigionato con l’accusa di frode medica per aver cercato di promuovere e vendere “scatole di orgone”. Leggermente più piccole delle cabine telefoniche, queste erano piccoli scompartimenti in cui i pazienti dovevano sedersi per brevi periodi per assorbire i “raggi cosmici”. Questi li avrebbero rinvigoriti sessualmente, curato l’impotenza e il cancro, e agito come antidoto all’avvelenamento da radiazioni provenienti dagli UFO che (secondo Reich) avevano segretamente invaso la terra. (Vedi qui)

Mentre intervistava Einstein, Reich disse al grande uomo in confidenza che la maggior parte della gente lo considerava (Reich) pazzo. Einstein rispose seccamente: “Posso crederci”.

Il caso contro Kinsey

Non sorprende sapere che Kinsey, come Reich, era anche un avido consumatore di pornografia, arrivando persino a fotografare il proprio pene in diverse occasioni e facendo recitare sua moglie in film porno fatti in casa. Il suo vanto preferito era che la collezione di pornografia del suo Istituto era la seconda più grande del mondo, mentre la più grande si trovava in Vaticano. Una bugia maliziosa, si scoprì, poiché era abbastanza facile provare che il Vaticano era completamente privo di pornografia. (Vedi “Il caso contro Kinsey”, qui)

Bisogna sottolineare che Alfred Kinsey, sebbene nato e cresciuto come cristiano, non era solo un ateo con un odio per tutta la vita verso il cristianesimo in generale e la chiesa cattolica in particolare, ma era anche un sionista e un goy dello Shabbat che doveva il suo spettacolare successo interamente all’ebraismo organizzato. La sua ricerca fraudolenta, progettata per far apparire la devianza come la norma, fu generosamente finanziata dalla Fondazione Rockefeller e da altre organizzazioni dominate dagli ebrei. (pp. 340-341). “Quando lo tagliò fuori nel 1954”, ci dice E. Michael Jones, “la Fondazione Rockefeller aveva versato centinaia di migliaia di dollari nelle casse del Kinsey Institute”.

L’unica ragione per cui hanno deciso di interrompere il finanziamento è che a quel punto l’Istituto, ansioso di mantenere la sua immagine pulita, non poteva più correre il rischio di essere associato a Kinsey. Le sue losche attività criminali con un pedofilo omosessuale predatore, un pervertito che aveva molestato e torturato 800 bambini, resero improvvisamente Kinsey persona non grata (vedi E. Michael Jones, Libido Dominandi, pp. 327-337).

Un pervertito sessuale del tipo più perverso, Kinsey una volta inserì uno spazzolino da denti nella sua uretra e si fece filmare, aggiungendo successivamente questa gemma alla sua collezione porno. Egli stesso omosessuale con un avido interesse per i ragazzini, si preoccupava di misurare il pene, sia reclinato che eretto, di ogni maschio che intervistava mentre conduceva le sue “ricerche”. Perché? Si può solo immaginare.

Un anno prima di morire, Kinsey si tagliò il prepuzio del pene con un coltellino, un tentativo rozzo di auto-circoncisione. Nessuno è stato in grado di capire perché l’abbia fatto. La morte di Kinsey, tuttavia, è stata attribuita alle sue inclinazioni sessuali.

La dottoressa Judith Reisman scrive:

Un precoce aderente e sostenitore della masturbazione, Kinsey soffrì di una morte prematura dovuta, almeno in parte, alla ‘orchite’, un’infezione letale nei suoi testicoli che seguì anni di auto-abuso orgiastico.

Il New York Times, di proprietà della famiglia Sulzberger e noto per essere il principale organo americano di propaganda di sinistra/liberale, fece del suo meglio (come la Fondazione Rockefeller) per promuovere Kinsey e trasformare il suo nome in una parola familiare. Infatti, non è una sorpresa apprendere che Arthur Hays Sulzberger, editore del New York Times, era effettivamente nel consiglio di amministrazione della Fondazione Rockefeller durante tutto il periodo in cui approvava i fondi per i dubbi esperimenti di Kinsey (vedi qui, p. 340).

La critica e nemesi più accesa di Kinsey, la dottoressa Judith Reisman, ha questo da dire sulla connessione Kinsey-Rockefeller:

La Fondazione Rockefeller è stata la principale fonte di finanziamento per Kinsey, anche se ha avuto ampi e ripetuti avvertimenti da noti statistici e scienziati sociali che la pseudoscienza di Kinsey era una bufala ….

Kinsey è secondo solo a Darwin nel pantheon secolare, e molte persone riconoscono che esporre le bugie di Kinsey è un grande assalto alla rivoluzione sessuale e una minaccia alla licenza sessuale di cui godono…. Kinsey sosteneva di aver provato, sulla base dei campioni devianti usati nella sua ricerca, che il 95% degli uomini americani praticava sesso deviante e quindi era un criminale sessuale ….

Kinsey credeva che tutto il sesso fosse legittimo: pedofilia, bestialità, incesto, adulterio, prostituzione, sesso di gruppo, travestitismo, sadomasochismo. (Vedi qui)

Kinsey andò in giro a intervistare la feccia della società, frequentando i bassifondi, i bar gay, i bordelli e le prigioni. Da queste interviste formò ampie generalizzazioni sulle abitudini sessuali della società in generale. La sua metodologia, si può dire, era scandalosa.

A Gary, Indiana, per esempio, ha raccolto 71 casi, tutti basati su interviste a prostitute nere. Prendendo nota di ciò che queste donne gli dissero, Kinsey fu apparentemente felice di concludere che la casalinga americana bianca media era una gatta in calore – sessualmente avventurosa all’estremo! Lo psicologo americano Abraham Maslow la mise giù dura quando disse: “L’intera base delle statistiche di Kinsey si è dimostrata traballante”. (Vedi qui, p. 322 e p. 324)

Il dottor E. Michael Jones è convinto come la dottoressa Judith Reisman che Kinsey era molto più di una frode impudente, era infatti un criminale: un ricattatore (p. 330 e seguenti), un pornografo perverso, e un pedofilo che masturbava i bambini piccoli come parte della sua cosiddetta “ricerca”.

Un bambino di quattro anni è stato “specificamente manipolato” per ventiquattro ore al giorno. Questo bambino ha raggiunto ventisei orgasmi in questo periodo di tempo. Un altro neonato di undici mesi ebbe quattordici “orgasmi”, secondo la definizione kinseyana, in un periodo di trentotto minuti, o un orgasmo ogni 2,7 minuti. (E. Michael Jones, Degenerate Moderns, p. 106)

Non si sottolineerà mai abbastanza che tutta questa attività criminale è stata sostenuta da generose sovvenzioni della Fondazione Rockefeller all’Istituto Kinsey, ancora fiorente all’Università dell’Indiana. Con un’eloquente indignazione, la conclusione devastante di Jones è che gli americani sono stati a tutti gli effetti condotti sulla scogliera come porci Gadareni da Kinsey e dai suoi corrotti sostenitori:

La famiglia Rockefeller sosteneva tutte le attività illegali per raggiungere i propri fini. … Erano disposti ad usare la guerra psicologica contro i loro concittadini americani. … Il sesso faceva parte dell’arsenale della guerra psicologica, e l’interesse dei Rockefeller nel sostenere il professor Kinsey dell’Università dell’Indiana dava tutte le indicazioni che avevano intenzione di usare quell’arma per affrontare i nuovi nemici. (p. 313) …

L’Istituto Kinsey era ora nel business della pornografia e la Fondazione Rockefeller stava pagando il conto. … i Rockefeller stavano [ora] finanziando le riprese delle molestie ai bambini. (p. 336) … I Rockefeller erano interessati all’ingegneria sociale attraverso la manipolazione della sessualità, e il Rapporto Kinsey era il veicolo che lo avrebbe reso possibile nel prossimo futuro, con la collaborazione di una supina cultura dei media. (p. 341)

Se Kinsey è ancora oggi un eroe nazionale, la massima autorità in materia sessuale, dobbiamo ringraziare la Fondazione Rockefeller per questa notevole trovata di pubbliche relazioni.

La bizzarra vita privata dei ricercatori del sesso che ingannano milioni di persone per comprare i loro libri e adottare con entusiasmo le loro idee folli, cattive e pericolose, è semplicemente incredibile.

La perversione sessuale fa bene: Il caso di The Independent

Ecco un altro rappresentante dell’intellighenzia d’élite, l’autore britannico premiato Howard Jacobson, che casualmente è ebreo. Anche lui sarebbe orgoglioso di indossare una maglietta con lo slogan: LA PERVERSIONE SESSUALE FA BENE!

Il premiato autore Howard Jacobson mette una buona parola per la perversione sessuale:

È solo quando esploriamo i confini esterni dei nostri desideri sessuali che diventiamo più pienamente umani. Siamo tutti malati a modo nostro….Quando non guardava la pornografia o non scriveva Il processo, Kafka frequentava i bordelli. Sono contento, per il suo bene e per quello della letteratura, che l’abbia fatto. Penso alla prostituzione come alla pornografia: un uomo dovrebbe avvalersi di qualsiasi cosa gli venga offerta…

Diventiamo un po’ più liberi quando leggiamo Le mille giornate di Sodoma di De Sade, anche se sappiamo che non possiamo essere all’altezza della sua illegalità…. Dobbiamo trovare lo spazio per pensare, e dove possibile agire, in modo ribelle, rifiutando ogni tentativo di confinarci nell’inferno della norma…

Siamo strane creature, in parte angeli della riflessione, in parte bestie che artigliano la terra. È troppo crudele che una specie accidentale e peculiare come noi sia stata indotta a pensare che ci sia un modo giusto e un modo sbagliato di comportarsi sessualmente, come se ci fosse un modello divino da seguire. Non dico che darci al demoniaco, o solo al deviante, ci renderà necessariamente felici… ma la retta via non ha mai reso nessuno se non infelice. – Howard Jacobson, Elogio della perversione. (Enfasi aggiunta)

Secondo questo sfacciato sostenitore della perversione sessuale, essere sessualmente normali è “un inferno”. Aggiungete pepe alla vostra vita facendo uso di prostitute e pornografia. Un uomo, dopo tutto, “dovrebbe avvalersi di qualsiasi cosa gli venga offerta”.

Howard Jacobson è uno scrittore ebreo che ha scritto romanzi in cui la perversione sessuale ha sempre un ruolo predominante. Per esempio, nel suo romanzo Peeping Tom ci regala il voyeurismo; in The Act of Love ci offre generose dosi di feticismo. Tutti gli eroi di Jacobson, come il Portnoy di Philip Roth, sono masturbatori devoti. Masturbarsi, si potrebbe dire, è il loro sostituto della religione.

L’articolo di Jacobson che sostiene la perversione è stato pubblicato in un giornale in cui è apparso come editorialista regolare per molti anni. Lo stesso giornale britannico, l’Independent, ha anche pubblicato per molti anni gli articoli di un altro scrittore ebreo conosciuto come Johann Hari che mostra un’uguale attitudine alla perversione sessuale. Nel 2002 Hari ha scritto un infame articolo per il Guardian, Forbidden Love, in cui aveva messo una buona parola per l’incesto.

Plagiatore dichiarato, Hari ha ricevuto il premio Orwell in modo fraudolento nel 2008 con il pieno appoggio del direttore del suo giornale che garantiva la sua veridicità. È stato costretto a restituire il premio nel 2011, quando la portata dei suoi plagi e di altre duplicazioni è diventata evidente. Per esempio, aveva inventato molte storie per l’Independent, comprese le atrocità africane, spacciando la finzione per fatti. Più tardi, per peggiorare le cose, questo attivista per i diritti dei gay e omosessuale minaccioso sarebbe stato scoperto come scrittore di porno incesto gay.

Ora considerate questa bizzarra coincidenza: due scrittori ebrei, entrambi vocali sostenitori della perversione sessuale, ricevono importanti premi letterari in rapida successione (nel 2008 e nel 2010), dando così un’aria di legittimità e glamour alla perversione sessuale.

Se vi ripugna l’idea di fare sesso gay con vostro fratello, non turbatevi inutilmente leggendo Come il mio fratellino ha imparato ad essere una puttana di , scritto sotto lo pseudonimo segreto di “David Rose”.

Ora provate a collegare i punti qui: durante i molti anni in cui questi due scrittori ebrei, Howard Jacobson e Johann Hari, entrambi appassionati di sessualità deviata, erano stati editorialisti regolari per l’Independent, il direttore di quel giornale era anche un ebreo: un certo Simon Kelner.

E ora la grande sorpresa: anche l’Independent è di proprietà ebraica!

Ecco, quindi, lo schema: Editorialisti ebrei che spingono la perversione sessuale, editore ebreo che incoraggia la perversione sessuale pubblicando i loro articoli e magnate ebreo del giornale che presiede lo stesso edificio di perversione sessuale rendendo tutto ciò possibile grazie alla sua proprietà del giornale.

Chi possiede l’Independent?

Si faccia avanti Alexander Yevgenievich Lebedev, elencato nella rivista Forbes nel maggio 2008 come la 358a persona più ricca del mondo. Fortuna stimata: 3,1 miliardi di dollari. Lebedev, un oligarca russo, è scappato dalla Russia con miliardi di rubli sotto la sua cintura quando Vladimir Putin è salito al potere e ha deciso di recuperare una parte delle ricchezze illecite che un piccolo numero di mega ricchi ebrei aveva rubato dal tesoro russo.

Il 25 marzo 2010, Lebedev ha comprato l’Independent per una cifra nominale di 1 sterlina, con la somma irrisoria di 9,25 milioni di sterline da pagare pochi mesi dopo.

Questo mi ricorda quell’altro oligarca russo, il truffatore condannato Mikhail Khodorkovsky, che nel 1995 ha truccato un’asta in cui è riuscito a rubare la più grande compagnia petrolifera russa, Yukos, che si dice valesse 40 miliardi di dollari, per la ridicola somma di 300 milioni di dollari – una mera frazione del suo valore. (Vedi qui)

Come fanno?

Il caso di Frank Kameny

Padre fondatore del movimento per i diritti dei gay in America, il pornografo ebreo e promotore di perversioni Frank Kameny è stato la forza principale dietro la pressione dell’Associazione Psichiatrica Americana (nel 1973) per riclassificare le attività omosessuali come “sesso normale”. Fino ad allora considerata come una malattia mentale socialmente distruttiva che era curabile, l’omosessualità era ora data la luce verde e riclassificata come un normale e sano “stile di vita alternativo”.

Ecco Kameny che dice belle cose sulla perversione sessuale:

Se qualcosa che qualcuno definisce arbitrariamente come una ‘perversione sessuale’ fornisce felicità ai partecipanti adulti consenzienti, allora il suo godimento è sancito dall’americanismo di base. Quindi cerchiamo di avere più e migliore godimento di più e migliori perversioni sessuali, secondo qualsiasi definizione, da parte di sempre più adulti consenzienti. Ne trarremo tutti vantaggio. E questo sarà l’americanismo in azione…

Avendo dato il suo imprimatur alla perversione sessuale in generale, Kameny dà poi la sua benedizione alla bestialità. Lui stesso non è particolarmente entusiasta di fare sesso con i cani, ci dice, ma non vede alcuna ragione per cui altre persone non dovrebbero fare sesso con l’animale domestico di famiglia se questo è ciò che li eccita:

La bestialità non fa per me. Ma sembra essere un’innocua mania o idiosincrasia di alcune persone. Finché all’animale non dispiace (e l’animale raramente lo fa), a me non dispiace, e non vedo perché qualcun altro dovrebbe. (Vedere qui).

Come può Kameny essere così sicuro che agli animali “non importa”? Ha chiesto loro? No, presume casualmente che saranno contenti. Se avesse studiato il Talmud babilonese, si sarebbe stupito nell’apprendere che la bestialità era proibita alle donne in ogni momento, mentre era permessa agli uomini in certe circostanze – un chiaro caso di due pesi e due misure. “Se una donna si permette di esserne oggetto, naturalmente o no, è colpevole. Ma se un uomo commette bestialità, è responsabile solo per una connessione in modo naturale, ma non altrimenti.” (Scorrere fino all’immagine del Talmud, pagina 55a, qui).

Per chiarire: Per una donna, il sesso con un animale è sbagliato in ogni momento, che il sesso sia naturale o innaturale. Per un uomo, invece, il sesso con un animale è sbagliato solo quando il sesso è “naturale”. NON è sbagliato quando il sesso è innaturale! Lo capisca da solo. Confesso che sono perplesso.

Abbiamo tutti sentito parlare della chutzpah ebraica, ma è una sorpresa apprendere che questa famosa icona dei diritti gay Kameny abbia la sfrontatezza di condannare Dio Onnipotente per la sua omofobia prudente. Agitando il dito contro il Dio della Bibbia, Kameny lo descrive come “un bigotto omofobo peccatore che ha bisogno di pentirsi”.

Sigh. Questo è il problema con Dio. Se fosse stato meno bigotto, avrebbe permesso ad Adamo e Steve di fare sesso e di fare bambini.

È ancora più sorprendente sapere che il presidente Obama ha conferito l’onore supremo a questo paragone ebreo di perversione sessuale che sostiene la bestialità, stendendogli il tappeto rosso alla Casa Bianca, stringendogli la mano e congratulandosi con lui per i notevoli benefici che ha concesso al genere umano.

Ad un ricevimento Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender (LGBT) tenuto presso lo Studio Ovale nel giugno 2009, il presidente Obama si è congratulato con Frank Kameny, pioniere dei diritti gay e promotore della perversione sessuale, per i suoi eccezionali contributi alla società. “Siamo orgogliosi di te, Frank”, ha detto, “e ti siamo grati per la tua leadership”. (Vedi qui)

Gli ebrei dominano l’industria porno americana: Il caso di Reuben Sturman

Affrontiamo ora questo argomento da un’altra angolazione, ponendo una semplice domanda: Quale gruppo domina la promozione e la diffusione sistematica della pornografia nella società? Quale gruppo può quindi essere ritenuto responsabile della contaminazione di massa delle menti che avviene quotidianamente nei film di Hollywood, negli spettacoli televisivi, nelle riviste, nei giornali e nella pubblicità?

Considereremo ora questa domanda nel modo più oggettivo possibile, basandoci solo su fatti accertati dalle fonti più rispettabili. Nessuna fonte potrebbe essere più rispettabile dello storico accademico Dr Nathan Abrams, autorità mondiale sulla pornografia ebraica. Ho quindi fatto molto affidamento sul dottor Abrams. Il suo classico articolo sul dominio ebraico nell’industria del porno, (ora un sito dirottato) Triple-exthnics, è stato pubblicato nell’edizione invernale, 2004, del prestigioso Jewish Quarterly.

Dal 1890 in poi, i principali venditori ambulanti di erotismo infiammatorio in America erano ebrei immigrati di origine tedesca e dell’Europa orientale. Nel dopoguerra, il più noto pornografo americano era un ebreo: Reuben Sturman, conosciuto come il ‘Walt Disney del porno’.

Alla fine degli anni ’60, Sturman era in cima alla classifica dei distributori di riviste per adulti e a metà degli anni ’70 possedeva oltre 200 librerie per adulti, incluse versioni aggiornate della tradizionale cabina di peepshow.

Questo comportava un buco nel muro divisorio della cabina, attraverso il quale un pervertito spingeva il suo pene eretto, permettendo ad un individuo anonimo dall’altra parte del muro divisorio di fargli una fellatio in modo discreto senza essere visto. Il buco nel muro, per qualche ragione, è chiamato “glory hole”. E il suo inventore era quasi certamente un ebreo degenerato associato a Sturman e alla sua fabbrica di squallore.

Condannato per evasione fiscale e altri reati, Sturman sarebbe morto in prigione nel 1997, circondato da una pila delle sue stesse riviste pornografiche. Suo figlio David continuò la tradizione familiare di costruire “buchi di gloria” in tutta l’America per la delizia di milioni di persone.

Se mi concentro qui sugli aspetti sordidi dello spioncino, non è per prurigine, ma perché voglio attirare l’attenzione sul fatto che Hollywood, dominata dagli ebrei, negli anni successivi ha ritenuto perfettamente legittimo introdurre il glory hole nella casa media americana, che include i bambini, come un ingrediente normale e sano dell’intrattenimento familiare.

Le stesse persone che cercano così duramente di spremere le lacrime dagli occhi del pubblico con film sull’Olocausto come Schindler’s List, stanno anche, a quanto pare, facendo del loro meglio per contaminare le menti del pubblico con film come Sex Drive, Serial Mom, Jackass Number Two, e altre simili escursioni nello squallido mondo della lussuria lavatoria.

L’intrattenimento familiare si è ormai ridotto a scenari sgradevoli e scurrili come questo: lurker che si aggirano intorno agli orinatoi a caccia di sesso, respiratori pesanti nei cubicoli con i pantaloni intorno alle caviglie, lesbiche che spingono i loro seni attraverso oblò tagliati nelle pareti dei bagni femminili, voyeur femminili che invadono i bagni maschili e guardano attraverso uno spioncino solo per avere i loro occhi feriti da un pene rampante che si alza dall’altra parte, serpenti mortali che affondano le loro zanne in organi tumidi spinti attraverso lo stesso spioncino – e altre abominazioni simili troppo deprimenti da menzionare. (Vedere la lista qui).

Vale la pena notare che tutta questa grossolana indecenza continuò incontrollata senza che il governo americano alzasse un dito per intervenire. Non ci fu alcun tentativo di tenere a freno i mercanti di oscenità o di trattenerli dal defecare sui valori cari all’America cristiana. È quasi come se le classi dominanti volessero vedere le loro “masse accalcate” trasformarsi in pervertiti salivanti.

La ragione di questo atteggiamento di laissez-faire verso la demoralizzazione sistematica dell’America cristiana non è difficile da identificare. Stava chiaramente nel fatto che la vecchia élite americana, i WASP, aveva già capitolato di fronte alla nascente élite ebraica. Essi stessi erano stati sviliti e corrotti dall’atmosfera mentale inquinata in cui vivevano, una psicosfera creata dai media filosemiti e da Hollywood. Difficilmente ci si poteva aspettare che queste vittime della decadenza morale ripulissero le stalle di Augean dell’America, dato che essi stessi erano abituati a sguazzare nella stessa sporcizia e feculenza. Quando i Buoni Pastori sono senza pagaia, che speranza c’è per le buone pecorelle?

Il legame tra pornografia e crimine sessuale

Secondo il rabbino Samuel Dresner, un ebreo ortodosso (nato nel 1923 a Chicago), gli ebrei senza radici che gestivano Hollywood e stavano dietro la lucrativa industria del porno erano tutti “profanatori della moralità e corruttori della cultura”. Infatti, la storia ebraica per il rabbino Dresner era “una lunga battaglia contro la devianza sessuale”. (Vedere il sito originale [ora sito dirottato] qui)

Ted Bundy, Serial Killer: In un’intervista con il suo psicologo della prigione, James C. Dobson, Bundy confessò l’omicidio di oltre cento giovani donne. Agonizzando sulla sua dipendenza di una vita dalla pornografia, rivelò come questa aveva alimentato il suo comportamento compulsivo. “Ho vissuto in prigione per molto tempo”, ha confidato il serial killer, “e ho incontrato molti uomini che erano motivati a commettere violenza. Senza eccezione, ognuno di loro era profondamente coinvolto nella pornografia, profondamente consumato dalla sua dipendenza”. (Vedi qui).

Il serial killer omosessuale Gary Bishop è stato altrettanto candido nel rivelare che la pornografia lo ha trasformato in un assassino sessuale. “La pornografia è stata un fattore determinante nella mia caduta”, ha ammesso.

Forse la storia più agghiacciante e persuasiva del porno che mi ha fatto diventare un assassino sessuale è quella di Thomas Schiro di Evansville, Indiana, la cui ossessione per la pornografia dall’età di sei anni in poi – accompagnata da una masturbazione compulsiva 10-12 volte al giorno lo ha portato ad una serie di crimini sessuali negli anni ’70 e primi anni ’80. “L’unica cosa che rimase costante nella scivolata di Schiro verso la violazione definitiva fu il suo uso costante della pornografia”, riferisce il dottor E. Michael Jones. “Era il gas che alimentava la sua ossessione”. (Libido Dominandi, p. 569).

“L’esposizione all’erotismo non ha alcun impatto sul carattere morale….. La maggiore disponibilità di materiale sessuale esplicito è stata accompagnata da una diminuzione dell’incidenza del crimine sessuale…. Non c’è nessuna prova, ad oggi, che l’esposizione a materiali sessuali espliciti giochi un ruolo significativo nella causazione di comportamenti delinquenziali o criminali.” (Rapporto della Commissione Lockhart sulla Pornografia. Citato qui, p. 558)

In un mondo ideale, non ci sarebbe bisogno o posto per la pornografia.

La pornografia è un prodotto tossico della rappresentazione di una realtà immaginaria del futuro.

Dr. Lasha Darkmoon

Fonte: darkmoon.me

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

  • SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
  • IBAN:  IT19B0306967684510332613282
  • INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
  • SWIFT: BCITITMM
  • CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.








Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code