toba60

I Principi Comunicativi di José Mourinho

Ho sempre messo in evidenza che per essere un tecnico di successo le conoscenze tecniche incidono per il 20% su quanto uno poi sviluppa sul campo di gioco.

Quando mi trovavo in Argentina in contatto con i tecnici professionali locali che si prodigavano tra mille problemi a gestire le loro squadre, una cosa tra tutte mi rubava l’attenzione, erano più le preoccupazioni che avevano con la stampa che non quelle relative alla squadra in sé.

Io esternavo con loro dando poco peso alla cosa, ma come sapete il carattere delle persone non ha una sua lineare modalità‘ di reagire a certi stimoli esterni.

Quelli che hanno avuto successo a distanza di anni sono stati quelli che sapevano meglio gestire questo aspetto psicologico che pochi tengono in considerazione.

Qualcuno può’ anche non condividere l’operato di José Mourinho ma ……..e’ autentico in quello che fa e questo lo ha reso……

The Special One.

Toba60

José Mourinho

La scusa permanente.

Obiettivo: destabilizzare il rivale. Togliere il merito alle conquiste del rivale.
Mourinho usa “la scusa permanente” per essere al centro dell’attenzione e controllare i media.

Il diversivo.

Obiettivo: mascherare le debolezze proprie e della sua squadra.
Concentrando le notizie su argomenti di sua scelta, José Mourinho impedisce alla stampa sportiva di evidenziare le vere debolezze dei suoi giocatori e della sua tattica.

Decompressione mentale.

Obiettivo: liberare i suoi giocatori da tutta la pressione possibile.
Mourinho, attraverso le sue dichiarazioni, fa un lavoro psicologico studiato per ogni situazione per ottimizzare la dinamica del gruppo.

Attacca me, tu giochi.

Obiettivo: l’allenatore riceve le critiche, non i giocatori.
Mourinho adotta un atteggiamento di monopolizzare tutte le critiche della squadra. Mourinho agisce come uno scudo per la squadra.

Ridurre al minimo il rivale.

Obiettivo: la mia squadra è la protagonista
Mourinho parla sempre di se stesso e della sua squadra. Fa della sua squadra il protagonista della storia.

Lasciate che parlino di voi, anche se parlano male.

Obiettivo: Complemento per minimizzare il rivale
Mourinho riesce sempre ad essere il protagonista di tutti i talk show sportivi. Questo aumenta la sua immagine e la sua forza psicologica con gli altri.

Mentalità vincente.

Obiettivo: lavorare sul desiderio di vincere
Sia il linguaggio verbale che quello non verbale di José Mourinho rivelano un carattere vincente, sicuro, incisivo, polemico, dominante e seducente. José Mourinho è la mentalità vincente per eccellenza. Si considera “Speciale” The Special One.

Arroganza e impetuosità.

Obiettivo: Mourinho è arrogante perché si considera migliore degli altri e lo trasmette. Non si fa scrupoli a criticare gli altri. Dà il messaggio che lui e la sua squadra sono i migliori.
Mourinho è impetuoso e i suoi obiettivi e desideri devono essere soddisfatti con velocità e determinazione. Questi aspetti della sua personalità sono chiari dettagli della sua mentalità vincente.

Il messaggio/ripetizione del messaggio.

Obiettivo: una bugia ripetuta mille volte diventa la verità.
È la frase dei vincitori, di quelli che scrivono la storia a loro piacimento, di quelli che credono che “il fine giustifica i mezzi”.
Mourinho dice che la sua squadra è la migliore. Mourinho critica l’avversario finché non ci crede.

Dall’esterno all’interno/all’esterno.

Obiettivo: doppio messaggio.
Mourinho dice sempre al suo interlocutore quello che vuole e che ritiene necessario. Quindi il messaggio dall’interno è di “fare una squadra” e il messaggio dall’esterno è di “destabilizzare l’ambiente avversario”.

Battaglia psicologica.

Obiettivo: stroncare il morale, guerra di logoramento
José Mourinho è un uomo di carattere, uno di quelli che non si arrendono. Mou usa la guerra di logoramento perché sa che non c’è nessuno mentalmente più forte di lui.

Coaching di gruppo/individuale.

Obiettivo: ottenere il massimo rendimento e impegno da ogni giocatore.
Mou ottiene il posizionamento perfetto di ogni giocatore in un ruolo specifico per il buon funzionamento della squadra. Aumenta l’impegno e dà sicurezza ai compiti e ai ruoli di ogni giocatore nel gruppo.

Comunicazione verbale.

Obiettivo: dispiegare le sue tattiche di coaching.
Mourinho usa tutto ciò che è in suo potere per raggiungere i suoi obiettivi.

Comunicazione non verbale.

Obiettivo: definire l’atteggiamento da seguire. Per esprimere i suoi desideri.
La comunicazione non verbale di José Mourinho è caratterizzata da gesti di forza, direzione, sfida, disapprovazione e provocazione.
È comune vedere José con il pugno chiuso, l’indice alzato o puntato, una smorfia sul viso, gli occhi che ruotano, la mascella tesa.

Polemica.

Obiettivo: aumentare il suo ego, la sua popolarità. Essere odiato e approfittarne.
Mourinho è quello che usa tutti i trucchi possibili per renderti nervoso, portarti fuori dal gioco, destabilizzarti, giocare sui tuoi nervi e, alla fine, vincere.

Mettere in discussione l’autorità.

Obiettivo: essere temuto
Si può dire che Mourinho è un tipo pericoloso. È ribelle, mette in discussione le formalità e i protocolli. Questo lo rende un tipo creativo, che fa paura non sapendo come si comporterà. È un altro segno della sua mentalità vincente.

L’arrocco (Lui e il gruppo una cosa sola).

Obiettivo: rafforzare i legami di gruppo.
Mourinho e la sua squadra contro il mondo. O ami Mourinho o lo odi. È la tattica dell’ostinazione per raggiungere un obiettivo. Questa ostinazione è un muro che non si può abbattere.

Intuizione.

Obiettivo: Si dice che l’intuizione sia una delle capacità più esaltate delle persone più straordinarie. L’intuizione è un’intelligenza che non è misurabile, ma è strumentale al successo e alle valutazioni decisionali.
L’intuizione è, se non la più, una delle capacità più notevoli di Mourinho. Il genio di Mourinho cresce perché ha una fede cieca nella sua intuizione.

Controllo totale della panchina.

Obiettivo: tutti dalla sua parte.
È chiaro che Mourinho ha un atteggiamento dominante. È per questa ragione che la sua autorità sul banco non è messa in discussione. Anche così, Mourinho ha una doppia faccia che gli permette di essere vicino ai suoi giocatori, generando un atteggiamento di fiducia e rispetto tra allenatore e squadra.

Attraversare il deserto.

Obiettivo: superare i processi traumatici che portano al successo.
Mourinho sa chiaramente quali sono i percorsi che portano al successo. Per questo motivo, alcune persone pensano che a volte Mou ha atteggiamenti che vanno contro le sue stesse squadre. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità! Tutti i processi richiedono una maturazione, l’attraversamento del deserto!!!!!

Gestione della rabbia.

Obiettivo: canalizzazione positiva della rabbia.
Tutti sanno che la rabbia fa crollare e offusca la mente e le decisioni giuste. Tuttavia, una corretta canalizzazione della rabbia, dell’ansia e dell’ira, danno origine a una forza extra per chi sa come controllarle.

Fonte: Web Archive

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code