toba60

I Social Strumento di Controllo del Potere

È una consuetudine pensare che i social siano lo strumento utile e necessario dare il via al cambiamento che tutti vorrebbero, in parte può essere vero, tutto parte sempre da un interscambio di idee opinioni e una certa veduta univoca sulle cose da fare.

C’è un aspetto che però lascia trasparire quanto spesso sia ingenuo il comportamento delle persone di fronte a situazioni che prevaricano il lato propositivo dettato dagli eventi.

Immaginate che una banda di ladri decide di svaligiare una banca, tutto è pianificato alla perfezione, insomma il colpo del secolo e nell’approntare questo, la polizia consapevole delle loro intenzioni, abbia installato delle telecamere che li inquadra in ogni fase operativa della giornata.

Come pensate che vada a finire? Lascio a voi ogni considerazione, penso abbiate già la risposta, ebbene questo è la trasposione di quello che i social rappresentano nell’era Hi tech in cui ci si trova in questo momento, il ruolo è di fatto a parti invertite lì dove i ladri hanno il controllo della situazione e la polizia brancola nel buio.

È un po’ come una partita a scacchi, vince sempre chi sa prevedere le mosse dell’avversario e i social rappresentano una mandria di elefanti nel giardino di casa lì dove nessuno deve essere a conoscenza di quello che si custodisce nel proprio spazio privato.

Toba60

I Social del Potere

Se si chiede ad un gruppo di persone cosa non va nel settore tecnologico odierno, la quasi totalità direbbe le stesse cose: rubano i nostri dati; creano dipendenza; veicolano fake news; polarizzano le elezioni falsate, ecc.” Ma c’è qualcosa che sta dietro a tutto questo e che sta creando proprio tutte queste situazioni contemporaneamente, e non solo…

È fondamentale comprendere che c’è un enorme problema sottovalutato nel settore tecnologico…

Il mondo attorno a noi sembra letteralmente impazzito e nessuno se ne accorge: è normale o stiamo tutti vivendo una specie di incantesimo?

Il prodotto siamo noi

Durante i primi cinquant’anni della Silicon Valley, l’industria inventava e creava prodotti reali: software, hardware, ecc., e i clienti li compravano.

Ma negli ultimi dieci anni le società tecnologiche hanno iniziato a vendere non più oggetti ma i loro stessi utenti: cioè noi!

Quasi nessuno si sofferma sul fatto che noi possiamo navigare in internet o nei social senza pagare alcunché, tutto è gratuito: com’è possibile?

Semplice: sono gli inserzionisti che pagano per inserire le pubblicità dei prodotti che noi usiamo.

Quindi se gli inserzionisti sono i clienti (dei social), indovinate chi è il prodotto? Esatto, siamo noi, e non è un caso infatti il detto: “se non stai pagando per il prodotto, allora il prodotto sei tu!”.


Tutti pensano che Google sia un motore di ricerca e Facebook un network nato per far incontrare le persone. Niente di più errato e fuorviante, perché queste società competono per la nostra attenzione!

Il modello imprenditoriale di società come Facebook, Snapchat, Twitter, Instagram, YouTube, Tiktok, Google, Pinterest, Reddit, LinkedIn, ecc. è tenere le persone incollate agli schermi il più possibile.

E per fare questo cercano continuamente e con ogni mezzo di comprendere (mediante algoritmi e Intelligenza Artificiale) come ottenere la maggiore attenzione possibile da noi utenti, cioè come trattenerci sulle loro piattaforme.

Abbiamo detto che in internet tutti i servizi sono gratuiti, e lo sono perché vengono pagati dagli inserzionisti. Questi investitori pagano affinché vengano mostrate le loro pubblicità a noi che siamo il vero e unico prodotto. In definitiva la nostra attenzione viene venduta.

BuyBitcoinswithDebitCard

Non è solo questione di domanda e offerta: il problema enorme è che per fare questo, gradualmente e in maniera impercettibile stanno letteralmente cambiando il nostro comportamento, la nostra percezione e quindi anche il nostro modo di pensare e vedere la vita.

Avete capito da dove traggono il profitto? Stanno cambiando non solo quello che facciamo, ma anche il modo in cui vediamo la vita e noi stessi.

È un cambiamento graduale ma epocale e purtroppo ne stiamo vedendo già i risultati nella società!

Capitalismo della sorveglianza

Per fare immense fortune in questo settore si deve essere in grado di fare grandi previsioni, e per le grandi previsioni servono moltissimi dati… i nostri dati.

Il capitalismo della sorveglianza è una nuovissima forma di capitalismo il cui profitto arriva dall’illimitato monitoraggio delle persone. Stiamo parlando di un mercato infinito che non è mai esistito prima: un mercato che commercia “future” sull’essere umano!

Questi mercati stanno sviluppando triliardi di dollari e le società interessate non a caso sono le aziende più ricche della storia dell’umanità.

Rated #1 by Trustpilot in the Web Hosting Category

Controllo globale

Tutto quello che facciamo on-line viene osservato, tracciato, valutato e registrato.

Ogni nostra azione viene attentamente monitorata e archiviata in maniera automatica. Tutto, perfino il tempo che passiamo ad osservare una foto.

Per esempio sanno benissimo quando una persona è da sola o quando è depressa, quando sta cercando le foto degli ex compagni, ecc.

Tutto quello che clicchiamo, i video che vediamo, per non parlare dei like e degli hastag vengono registrati e questo non è per niente difficile visto tutte le briciole che lasciamo dietro di noi nella Rete semplicemente navigando, facendo acquisti, chattando, ecc.

Sanno di noi molto più di quello che noi sappiamo di loro.

Tutta la mole di dati viene registrata all’interno di mega sistemi automatizzati gestiti da algoritmi sofisticatissimi dove non c’è nessuna supervisione umana.

Se pensiamo che l’Intelligenza Artificiale riguardi solo i film di fantascienza commettiamo un errore enorme: oggi l’AI applicata è tranquillamente in grado di analizzare non solo la nostra vita, ma anche di fare previsioni sempre più accurate su quello che faremo in futuro.
Lo scopo è infatti predittivo.

Siamo nel pieno della cosiddetta “profilazione”, cioè l’insieme delle attività di raccolta ed elaborazione dei dati inerenti agli utenti, al fine di suddividerli e schedarli in gruppi a seconda del loro comportamento.

Stanno costruendo modelli predittivi in grado di predire le nostre azioni future. Viene da sé che chi ha il modello migliore vince, e in ballo oltre a un fiume di soldi c’è un potere immenso…

Mondo malato

Così facendo sono riusciti a creare un mondo in cui la connessione online è diventata basilare soprattutto per le generazioni più giovani. Il 5G non a caso sarà estremamente funzionale per tutto questo giochetto.

Un mondo malato dove ogni volta che due persone si connettono l’unico modo per finanziare il tutto è attraverso una terza persona che furtivamente paga per manipolare gli inconsapevoli.

rocket.net

Quindi abbiamo creato un’intera generazione globale di persone cresciute in un contesto in cui il significato stesso della parola “comunicazione” e della parola “cultura” è connesso all’idea di manipolazione. Abbiamo messo l’inganno e la furtività al centro di tutto ciò che facciamo, e purtroppo il risultato è il mondo in cui viviamo.

I Big Data stanno usando le tecniche di persuasione abbinate alla tecnologia, perché a loro non basta che il cliente usi o acquisti un prodotto consapevolmente o meno: loro vogliono scavare più in profondità nel tronco cerebrale (dove risiedono i bisogni ancestrali e primari) e innestare abitudini inconsce, in modo tale da essere programmati ad un livello molto più profondo senza che ce accorgiamo.

Se fossimo più attenti e facessimo caso alle pubblicità che ci fanno apparire nello schermo durante la navigazione, noteremmo oggetti e tematiche per noi affini.

Con questa ingegneria sociale vera e propria sono in grado (e lo stanno facendo) di cambiare le abitudini di miliardi di persone.

Taggami

L’esempio dei Tag è illuminante.

Se riceviamo un messaggio da parte di un nostro amico che ci ha taggato in una foto, la ovvia conseguenza è che si aprirà il messaggio per guardare l’immagine.

Non è una cosa che possiamo ignorare, anche perché stanno attingendo ad un tratto della personalità umana profondamente radicata (bisogno di appartenenza ad un clan, bisogno di essere riconosciuti, ecc.). La domanda interessante è: come mai le email o i messaggi non contengono già la foto, non sarebbe tutto molto più facile? Ovviamente, ma a loro interessa che tu continui ad interagire, a taggare il mondo, e a stare più tempo possibile connesso.

Hosting WordPress

Quando Facebook ha ideato la funzione del tag, l’ha potenziata al massimo perché avrebbe fatto crescere enormemente l’attività: le persone dovevano taggarsi a vicenda tutto il giorno.

Conclusione

Abbiamo a che fare con le più potenti e ricche corporazioni della storia dell’umanità che stanno letteralmente dipingendo la tela del mondo a proprio gusto e piacimento, influenzando il pensiero e le emozioni.

Stiamo vivendo una specie di esperimento sociale (come topi in un grande labirinto), nel quale i Big Data spingono miliardi di persone nel flusso illimitato di dati, per poi raccogliere enormi profitti proprio grazie alle informazioni acquisite.
E non solo nessuno se ne accorge, ma continuiamo a fornire loro dati. Ma non è solo una questione di profitto…

La modifica antropologica è sotto gli occhi di tutti coloro che vogliono vedere la realtà, e ricordo che per la prima volta nella storia, la “Generazione Z” (tutti i nati dopo il 1996) è la prima generazione ad essere approdata sui social già alle scuole medie!

Purtroppo quelli nati dopo il 2010 ci entreranno probabilmente già alle elementari…

Informazioni estrapolate dal documentario: “The Social dilemma”

I “future” sono contratti a termine con il quale le parti si impegnano a scambiare una certa attività (finanziaria o reale o in questo caso umana) a un prezzo prefissato e con liquidazione differita a una data futura.

Fonte: https://www.effervescienza.com

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Donate JTR Bitcoin :

bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code