toba60

I “Vaccini” Aumentano il Rischio di Infezione e di Morte da Covid19? L’Inequivocabile Conferma un Anno Dopo

Io temo che le persone cerchino sicurezza e il vaccino da loro la certezza di morire per il fatto che hanno paura di vivere!

Non ho altra spiegazione!

Toba60

P.S.

Questo articolo è stato censurato in ogni parte del mondo su tutti gli organi di informazione mainstream, (Facebook in Primis) abbiate l’accortezza di accedere agli allegati che non possono essere confutati in quanto frutto di studi ufficiali, i Fact-Checker si sono guardati dal contestare nulla in quanto ogni dato è documentato, pertanto abbiate cura di leggerlo con la dovuta attenzione.

I “Vaccini” Aumentano il Rischio di Infezione e di Morte da Covid19

Nessuno dovrebbe lusingarsi del record di questi vaccini per essere eletto o rieletto, e i candidati dovrebbero informarsi molto attentamente prima di accettare l’idea di vaccinare gli anziani o i malati.

Luca Zaia uno dei massimi Esponenti politici responsabile della morte di migliaia di persone nel Nord Est Italia

Secondo i dati forniti dall’OMS, i recenti sviluppi dell’epidemia nei paesi attualmente più vaccinati fanno temere che, lungi dal prevenire l’epidemia, le iniezioni sperimentali anti-covidi potrebbero facilitarla e persino aumentare la mortalità.

Sviluppi in Israele dopo la vaccinazione

Per molto tempo, i media hanno incoronato Israele come campione della lotta contro l’AIDS con il vaccino Pfizer. È stato un grande affare per Pfizer, che ha ottenuto un aumento di prezzo del 40% per questa priorità data a Israele. Dal 20 dicembre 2020, in 24 giorni, più del 20% degli israeliani (due milioni di persone) sono stati vaccinati. E al 1/4/22 questa percentuale raggiunge il 72%.

Ma dopo queste iniezioni, secondo le cifre dell’OMS, il numero giornaliero di contaminazioni e di morti attribuite al Covid19 ha continuato ad aumentare. Le infezioni giornaliere sono passate da 1.886 casi il 21 dicembre 2020 a 8.094 il 10 gennaio 2021 e hanno superato i 100.000 nel gennaio 2022. Prima delle iniezioni, Israele aveva 400.000 casi; questa cifra è salita a quasi 4 milioni nell’aprile 2022. Un aumento di dieci volte dall’inizio delle iniezioni!

Il confronto tra il numero giornaliero di nuove infezioni in Israele altamente iniettato e in Palestina e Libano a bassa iniezione suggerisce addirittura che le iniezioni di Pfizer facilitano la diffusione della variante Omicron.

E i picchi di mortalità giornaliera israeliana sono passati da 18 il 20 dicembre 2020 a 53 il 10 gennaio 2021 e 73 nel febbraio 2022.

In Gran Bretagna, il campione europeo di Astra Zeneca, gli pseudo-vaccini non hanno fermato l’epidemia, ma sembrano al contrario averla esacerbata:

Fortunatamente, la gravità molto più bassa della variante Omicron ha limitato l’aumento della mortalità. Ma in totale, la Gran Bretagna, che aveva poco più di 60.000 morti prima delle iniezioni, ne ha visti 100.000 in più dopo le iniezioni di massa.

Una tendenza simile si osserva in tutto il mondo. Dall’arrivo di Omicron, i paesi più vaccinati sono stati quelli più colpiti dall’epidemia, suggerendo che le iniezioni possono aiutare la diffusione di Omicron.

“Uno studio pubblicato dal Robert Koch Institute afferma: il 95,58% dei casi di omicron in Germania sono in persone vaccinate. Uno studio ufficiale danese dà cifre abbastanza simili a quelle della Germania: su 27.132 casi di infezione da omicron, il 77% sono tra persone doppiamente vaccinate, il 13,5% tra coloro che hanno ricevuto una dose di richiamo, e meno del 9% tra i non vaccinati. Queste cifre si trovano anche nel Regno Unito e in Sudafrica. Le cifre per la Francia rimangono segrete[2].

L’appello del nostro governo a “vaccinarsi per proteggersi da Omicron” è quindi ancora una volta una propaganda particolarmente infondata.

Questi aumenti drammatici di infezioni e morti dopo l’iniezione sono molto preoccupanti e confermano che le autorizzazioni di commercializzazione dei vaccini erano premature e che gli slogan del governo “vaccinati per proteggere te stesso e gli altri” sono propaganda di marketing infondata.

Questo risultato paradossale, che costituisce il più grave fallimento della vaccinazione moderna, ci ricorda che queste iniezioni sperimentali non sono vaccini (non contengono antigeni), che non esiste un farmaco o un vaccino senza rischi, e che a volte possono aumentare la gravità della malattia che dovrebbero combattere, come nel disastro sanitario della Dengvaxia. [3]

L’indicazione di qualsiasi trattamento o vaccino dovrebbe essere basata su una valutazione obiettiva del suo rapporto beneficio/rischio da parte di revisori indipendenti, prima della commercializzazione (qui in tutto il mondo e forzata in molti paesi). Una tale valutazione non può essere effettuata in meno di un anno senza rischi. Ricordate che le prove non saranno completate fino al 2023.

Sostenere iniezioni sperimentali per i bambini da cui non possono aspettarsi alcun beneficio è scandaloso e probabilmente costituirà negli anni a venire una notevole fonte di drammi e cause legali accanto alle quali il Mediatore sembrerà ridicolo. 4][5

Non ci si può aspettare alcun beneficio individuale dalla vaccinazione contro il covid per le persone sotto i 65 anni, dato che la malattia è più benigna dell’influenza per loro; questa popolazione non può quindi aspettarsi nulla dagli pseudo-vaccini anti-covid tranne le complicazioni.[6]

I siti web Eudravigilance e Vaers pubblicano regolarmente gli effetti collaterali riportati e convalidati dai loro servizi.

Anche l’ANSM riconosce gli effetti negativi e le morti nonostante le smentite del ministro davanti alla rappresentanza nazionale

“Francia: 29 157 casi gravi e 1 512 morti In Francia, l’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali (ANSM) pubblica un “rapporto sulla situazione della sorveglianza dei vaccini contro il Covid-19” che dettaglia gli effetti collaterali dei 4 vaccini somministrati.

Nonostante i 1.200 decessi e i 29.157 casi gravi (ufficiali), il loro rapporto non fa che martellare il punto che questo “non mostra nessuna specificità particolare a favore di un ruolo del vaccino”, per cui ci si chiede l’origine di queste decine di migliaia di casi gravi, mai visti prima… Tre quarti dei casi di reazioni avverse riportati riguardano persone tra i 18 e i 64 anni, le persone che sono meno a rischio di morire per COVID (solo l’8% dei decessi). In altre parole, il rapporto beneficio/rischio di questi “vaccini” è molto povero nelle persone sotto i 65 anni.[7]

Anche l’argomento sociale: “vacciniamo per proteggere gli altri” è irrilevante, poiché è ormai dimostrato che gli pseudo-vaccini sono incapaci di prevenire o rallentare le trasmissioni virali.

E gli anziani e i disabili o i malati gravi?

Allo stato attuale delle conoscenze (inizio aprile 2022), la vaccinazione degli anziani con fattori di rischio (una popolazione in cui un vaccino efficace e sicuro potrebbe presumibilmente essere utile) non è stata adeguatamente valutata, poiché le prove con insufficienti battute d’arresto non hanno incluso abbastanza membri di questa popolazione a rischio per fornire rassicurazioni). L’allarme norvegese aumenta la preoccupazione e avrebbe dovuto rendere i medici prudenti nei confronti dei loro pazienti[8] e non nell’obbedire alla doxa e alle minacce del Collegio.

È chiaro che gli effetti collaterali e persino i decessi sono ancora più sotto-riportati negli anziani o molto vecchi e nei malati gravi. Chi si preoccupa della morte accelerata di un malato di cancro in ricaduta (spesso rapida dopo l’iniezione, ma questo dovrà essere dimostrato)[10] o di un centenario che prima era in forma e andava in bicicletta o a piedi, e che è morto pochi giorni dopo la misteriosa iniezione… Nessuno…

Ok, ma che i media e i medici sul set smettano almeno di ripetere che i giovani vecchi e molto malati beneficerebbero di questo vaccino. Questo rimane un mito nel tentativo di salvare l’iniezione.

Ma qualcuno ha mai visto un vaccino che richiede un richiamo ogni tre mesi?

Il principio di precauzione giustifica quindi di non vaccinarli fino a che non ci siano sufficienti dati trasparenti che affermino la reale efficacia e l’assenza di tossicità in popolazioni reali. Il calo dell’immunità in queste popolazioni rende discutibile il ruolo benefico di uno pseudo-vaccino e solleva preoccupazioni sugli effetti deleteri che potrebbe avere. Cautela avrebbe dovuto essere la parola d’ordine.

Il silenzio degli eventi nelle case di cura isolate negli ultimi due anni dovrebbe portare ad indagini indipendenti per determinare l’entità delle morti dei residenti abbandonati e le iniezioni di Rivotril, la sindrome della disperazione e dell’isolamento e le iniezioni imposte.

In ogni caso, il governo è totalmente “sconsiderato” nella sua insistenza nell’imporre la vaccinazione pseudo-cova a tutti e i metodi che usa sono totalmente antidemocratici. Ma l’obiettivo non è forse quello di vendere questi pericolosi farmaci a qualsiasi prezzo, visti i milioni di dosi ordinate dall’UE e i milioni di dosi già buttate via dagli africani ai quali sono stati “generosamente” offerti? [11] Non gli africani pazzi che hanno già assaggiato le donazioni di Bill Gates.

I risultati attuali degli pseudo-vaccini nelle popolazioni israeliane e britanniche fanno temere un disastro sanitario da vaccino in questi paesi, che sono stati vaccinati prima dei nostri. Perché il Senato ha recentemente rifiutato una commissione d’inchiesta sugli effetti collaterali delle iniezioni?(12) Permetterebbero di valutare, come in altri paesi, le percentuali di non vaccinati, mono-, bi- o tri-vaccinati secondo la fascia d’età, ecc. (13)

Perché c’è tanta opacità?

Dr Gérard Delépine

Fonte: nouveau-monde.ca

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code