toba60

Il Bisogno Umano di Intimità

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Gli esseri umani sono soggetti particolarmente strani, passano la loro intera esistenza nella costante smania di conoscere se stessi, ignari che la sola cosa che li dovrebbe preoccupare è quella di godere fino in fondo di tutto di quello che sono sin dalla nascita, senza perdere tempo in inutili ricerche.

Toba60

L’Intimità perduta

All’inizio, “Dio” creò l’uomo e la donna. Fece l’uomo fisicamente più forte della controparte femminile. L’uomo divenne il cacciatore e il protettore della famiglia, mentre la donna divenne sottomessa all’uomo. L’uomo prendeva le decisioni più importanti per lei e per la famiglia e la sua parola doveva essere seguita.

L’uomo divenne il Re della famiglia, sì, il RE. Ricordate, En.ki ha creato un costrutto basato su una struttura patriarcale, dove la donna doveva essere “inferiore” all’uomo. Questo sopprimeva il Divino Femminile dentro di noi tutti.

Questo ci ha seguito attraverso le generazioni fino agli anni ’70, quando c’è stato il movimento di Liberazione della Donna.

Quel movimento fu intenzionalmente orchestrato dai Rockefeller (che lo hanno ammesso) per confondere i sessi, in modo che nessuno sapesse più qual era il suo posto nella famiglia. Ha distrutto l’unità familiare e ha creato confusione e traumi in entrambi i sessi, oltre a un’ulteriore separazione.

Ancora oggi, a causa della nostra programmazione genetica, molte donne sentono di aver bisogno di un uomo assertivo, estroverso, protettivo e decisionista per sentirsi al sicuro. Se l’uomo non è all’altezza di questo, lei si sente insicura e insicura, e questo può anche dividere una relazione.

Ricordate che questo è un costrutto creato da un patriarca-En.ki.

Cosa crea questo rigido gioco di ruoli in una società, e per il bene di questo articolo, in una relazione? Quanto segue potrebbe essere controverso e suscitare molte emozioni, ma deve essere discusso, secondo me.

Il gioco di ruolo maschio/femmina crea una sicurezza unica per la donna o anche per l’uomo in primo luogo? Siamo tutti femminili nell’essenza, e sia che siamo uomini o donne, abbiamo entrambe queste forze motrici dentro di noi. Mettendo uomini e donne in una scatola e non permettendo alla loro polarità di giocare un ruolo uguale in entrambi i sessi, sopprimiamo il nostro sviluppo spirituale, e questo crea separazione, non unità. Questo è stato fatto di proposito.

I ruoli archetipici di genere sono stati creati per creare separazione e competizione tra le persone, non unità.

In una relazione tradizionale, tornando all'”uomo delle caverne”, per così dire, dove i ruoli di genere sono chiaramente definiti da regole, la donna si sentirà davvero sicura e protetta? Sì, in superficie. E se l’uomo perde il lavoro? E se lui smette di amarla e la lascia, allora lei cosa farà? Ha bisogno di un altro uomo che riempia quel posto per sentirsi sicura, o ha bisogno di sviluppare i suoi tratti maschili e diventare più in sintonia con il suo lato maschile, soppresso e sepolto dentro di lei, per sopravvivere.

Ma non è così che avrebbe dovuto essere fin dall’inizio? Non dovrebbero entrambi i sessi aver sviluppato entrambi i tratti maschili e femminili, in modo che, se necessario, sappiano automaticamente come sentirsi sicuri e protetti da soli e tra di loro, e usare queste energie in modo intercambiabile quando una particolare situazione lo richiede?

Se è così, come possiamo rompere questo schema, e come possono sia gli uomini che le donne sentirsi sicuri e protetti nelle loro relazioni, nelle amicizie e nella vita in generale?

La risposta è attraverso la VERA intimità!

Cosa comporta l’intimità? Naturalmente, sono importanti il contatto corporeo (abbracci, baci, tocco fisico e vicinanza) e, per la maggior parte delle persone, il sesso. Ma l’ingrediente più importante dell’intimità è la capacità di mostrare VULNERABILITÀ. Poiché noi umani siamo così feriti – nessuno fa eccezione dall’essere emotivamente ferito in qualche misura – abbiamo difficoltà ad essere autentici. Siamo molto riluttanti a condividere le nostre vere emozioni.

Quando eravamo bambini, a molti di noi è stato insegnato che le nostre emozioni, bisogni, desideri e opinioni non contavano, a meno che non coincidessero con quelle dei genitori. Questo è dannoso per un bambino, e il trauma che ne deriva lo seguirà e lo influenzerà per tutta la vita.

Le persone diventano molto spaventate dalle emozioni, e quando qualcuno le esprime, gli altri le allontanano o le ridicolizzano perché loro stessi non sanno come trattare con qualcuno che è autentico o come affrontare le proprie emozioni represse. Questo emerge particolarmente nelle relazioni d’amore e deve essere guarito perché una persona possa sentire la vera gioia e felicità.

Una delle prime cose che una coppia potrebbe voler fare quando si mette insieme è esprimere i propri bisogni e desideri all’altro. Poi, entrambi fanno quello che possono per soddisfare questi bisogni dentro di sé e nell’altra persona. Come risultato, vedremo l’altra persona diventare molto felice, e questo ci rende felici. Non possiamo fare questo senza contemporaneamente guarire il nostro bambino interiore: le due cose vanno di pari passo.

Quando entrambe le parti della relazione hanno iniziato a fidarsi della loro controparte con le loro emozioni e vulnerabilità, accade qualcosa di straordinario. I due diventeranno progressivamente estremamente vicini l’uno all’altro. Si conosceranno dentro e fuori, e questo cosa crea? Crea una sicurezza GENUINA in entrambe le parti e il problema è risolto in larga misura.

Entrambi guariranno molte delle loro ferite emotive essendo vulnerabili l’uno con l’altro; sapendo che qualsiasi cosa diranno all’altra persona, sarà ben accolta, indipendentemente da cosa sia. Ciò che ci rende incapaci di esprimere le nostre emozioni è il fatto che non ci è stato permesso da bambini. Così, abbiamo sofferto e chiuso le nostre emozioni e la nostra autenticità come meccanismo di coping. Perciò, osare essere intimo con un amico o un partner guarisce il bambino interiore.

Hai mai sperimentato in una relazione d’amicizia o d’amore che quando il tuo partner è vulnerabile e ti dice cose che non sapevi di lui o di lei, senti un’ulteriore connessione con quella persona e senti davvero che lo ami ancora di più? Siamo consapevoli che spesso può essere scatenante ascoltare la nostra amata essere vulnerabile, così come essere vulnerabili con gli altri, ma quando riusciamo a tenere la mente subconscia sotto controllo, possiamo sentire questa connessione extra, ed è curativa per entrambe le parti, perché le nostre ferite non sono così dissimili dopo tutto.

Potremmo chiederci perché amiamo gli artisti che esprimono la vulnerabilità nei loro testi e/o nella loro musica. È perché stanno facendo quello che noi vogliamo fare e abbiamo un partner per fare, ma non osiamo. Riconosciamo la nostra vulnerabilità repressa negli artisti, e li amiamo.

Essere intimamente connessi con qualcun altro, che sia in una relazione d’amore o in un’amicizia, rende entrambe le parti non due volte più forti e sicure, ma in modo esponenziale. In una relazione del genere, dove entrambe le parti stanno guarendo interagendo l’una con l’altra ad un livello profondo, autentico ed emotivo, i loro bisogni vengono soddisfatti, guariscono le loro ferite infantili e diventano più forti, più assertivi e molto più sicuri dentro se stessi.

Non sono più dipendenti l’uno dall’altro per il loro benessere emotivo e fisico.

Mentre si sostengono e si rafforzano a vicenda, entrambi diventano più forti. È una situazione vantaggiosa per tutti, rispetto alla separazione che avviene in una relazione programmata e tradizionale che non porta a una vera connessione e intimità. Una tale relazione sopprime solo le nostre paure, nel migliore dei casi, ma è controproducente. Può essere un processo lungo e doloroso per aprirsi con qualcuno, ma la ricompensa a lungo termine vale la pena di passare attraverso il dolore.

Le relazioni narcisistiche funzionano, nel senso che il codipendente ferito non ha bisogno di essere vulnerabile e intimo. Il narcotrafficante non è interessato a questo solo ad una falsa intimità quando soddisfa un’agenda nascosta. Pertanto, il codipendente non ha bisogno di affrontare il suo lato oscuro. Sì, il codipendente viene ancora più ferito e innescato, ma molti scelgono questo prima di dover affrontare le loro emozioni dolorose/lato ombra.

Quando eravamo i Namlu’u su Tiamaat, eravamo androgini, quindi non c’erano generi, come noi conosciamo i generi. Ogni Namlu’u aveva tratti sia maschili che femminili e dal punto di vista del genere, poteva essere sia l’uno che l’altro.

In Orione, non tutte le razze stellari sono androgine sembra più comune che non lo siano. Mi è stato detto che in Orione hanno dei generi e la femmina è la creatrice di idee, e il maschio le esegue.

Noi, invece, che eravamo androgini, (e penso che questo valga anche per la nostra energia dell’anima, non solo per i corpi Namlu’u) sentiamo ancora di avere dentro di noi energie sia femminili che maschili, sia che siamo maschi o femmine. Siamo essenzialmente androgini, anche a livello dell’anima.

En.ki ci ha separati in due generi, che sembra essere lo standard più comune nel KHAA, ma poiché siamo diversi e androgini dentro, da quando En.ki ha separato i sessi, abbiamo cercato di fonderci con l’altro aspetto di noi per diventare nuovamente androgini. Questo potrebbe essere il motivo per cui noi umani abbiamo un tale bisogno di intimità.

La vera intimità è qualcosa che i Signori Supremi non vogliono che raggiungiamo con successo perché questo guarirebbe le nostre ferite infantili e noi saremmo troppo potenti per loro.

Ricordate, la cosa più coraggiosa che potete fare in questa vita 3-D è osare, essere autentici e vulnerabili perché ha tutto a che fare con il superamento delle nostre paure, che è la radice di tutti i comportamenti abusivi e disfunzionali.

Wes Penre

Fonte: wespenrevideos.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code