toba60

Il Collasso Globale delle Colture è Ormai una Certezza… una Carestia Diffusa Affliggerà il Pianeta Terra dal 2022 al 2024… è Messo in Moto e non Può Essere Fermato

Luca Zaia, un Governatore illuminato da Dio, ha tessuto tempo fa un l’elogio ai Bellunesi (per chi visualizza l’articolo dall’estero è una cittadina a Nord Est dell’Italia) per aver mangiato i topi durante la carestia.

Questa e’ stata un affermazione rilasciata dal Governatore del Veneto (Non ci siamo inventati nulla) su Antenna 3 Triveneta, facile riferimento alle abitudini alimentari dei cinesi come un autentico modello da seguire

Foto storica dei topi essiccati a Belluno

Questo genio della propaganda politica che non ha mai lavorato invita sua, sa molto bene come fare per prendere per il culo la gente, da quanto poi è membro della loggia massonica scozzese che per principio lavora intensamente per un NWO, sta dando il meglio di se in collaborazione con un governo che ha tutte le carte in regola per accedere alle patrie galere che purtroppo hanno posto solo per Complottisti e No-vax.

Luca Zaia

Caro Luca Zaia lo sappiamo tutti che vuoi l’indipendenza da Roma ma per una volta fai sapere a tutti quei rincoglioniti che ti hanno dato il voto perché ti sta tanto a cuore gridare ai quattro venti che…….

……Le Vaccinazioni Stabiliranno Un Nuovo Ordine Mondiale!

Toba60

Il Collasso Globale delle Colture è Ormai una Certezza

Una convergenza di eventi terribili ha messo in moto un crollo irreversibile della produzione alimentare e dei raccolti che porterà a una carestia globale fino al 2024. Questi eventi non possono essere fermati per la semplice ragione che le piante richiedono tempo per crescere.

Non si possono creare colture all’istante e se non vengono piantate (o vengono distrutte), non c’è una sostituzione immediata. Le ragioni della prossima carestia globale includono:

  • Alluvioni e siccità che causano un forte calo della produzione agricola in Cina, Russia e Stati Uniti, tra le altre nazioni.
  • Sanzioni economiche contro la Russia, che causano il blocco delle esportazioni di cibo e fertilizzanti. Guerra in Ucraina, con conseguente blocco della stagione di semina 2022 per grano, mais, soia e altre colture.
  • La guerra nel Mar Nero, che blocca i movimenti delle navi nei porti (come Odessa) che normalmente esportano i raccolti.
  • La chiusura della produzione di combustibili fossili negli Stati Uniti da parte dell’amministrazione Biden, che aggiunge costi significativi ai fertilizzanti e alle operazioni agricole.
  • La stampa globale di moneta fiat, che ha fatto sì che l’inflazione alimentare raggiungesse livelli atroci.

È importante notare che tutto questo si concentra in due problemi primari che ora si accelereranno in tutto il mondo:

  • 1) SCARSITÀ alimentare
  • 2) Inflazione alimentare

Scarsità, ovviamente, significa che non c’è più offerta, a prescindere dal costo. L’inflazione significa che il cibo disponibile avrà un prezzo significativamente più alto. Entrambi provocano il panico nelle persone, portando alla fine a disordini civili diffusi (vedi sotto).
Comprendere i fattori di produzione agricoli e colturali
Gli agricoltori stanno registrando un aumento del 300% circa dei costi di produzione di colture come il grano. Ciò è dovuto a tre fattori primari:

  • Il costo dei fertilizzanti e delle sementi.
  • Il costo del carburante per alimentare le attrezzature agricole.
  • La disponibilità di trattori e altre attrezzature (e dei relativi ricambi) per svolgere operazioni agricole meccanizzate.

È importante notare che tutti e tre questi fattori di produzione sono fortemente sotto pressione a causa delle condizioni sopra menzionate. Oltre a questi fattori, i costi del carburante aumentano in modo significativo le spese di trasporto dei cereali verso i fornitori di stoccaggio e macinazione.

Pertanto, l’aumento dei costi del carburante colpisce gli agricoltori due volte: in primo luogo per i costi di funzionamento delle attrezzature e in secondo luogo per i costi di trasporto. Purtroppo, sembra che il gasolio si stia dirigendo verso i 6 dollari al gallone, e ciò eserciterà una forte pressione al rialzo sui prezzi degli alimenti in generale.

Come dico nel podcast, le elezioni hanno delle conseguenze… e le elezioni truccate hanno conseguenze terribili. (Joe Biden sta punendo l’America con sanzioni economiche contro il nostro intero settore energetico, mentre non ha sanzioni simili sulle esportazioni energetiche della Russia).

I costi dei fertilizzanti sono triplicati e l’offerta di fertilizzanti è sempre più scarsa

I prezzi dei fertilizzanti sono triplicati e probabilmente aumenteranno, soprattutto perché la Russia ha bloccato le esportazioni di fertilizzanti e ha chiuso i gasdotti di gas naturale verso l’Europa occidentale. Di conseguenza, l’offerta di fertilizzanti sta diventando sempre più scarsa. Circa 5 miliardi di persone sul pianeta dipendono dai fertilizzanti prodotti da combustibili fossili come fonte primaria di cibo.

Quindi, senza fertilizzanti se si azzerassero circa 5 miliardi di persone morirebbero di fame. Non sto predicendo la morte per fame di 5 miliardi di persone, perché la produzione di fertilizzanti non è pari a zero. Ma è facile che in questo momento sia diminuita del 25% – 30%, forse di più, e questo significa che circa 2 miliardi di persone (o più) dovranno affrontare una vera carestia / fame nelle prossime stagioni agricole.

Pochissime persone sanno che il cibo proviene da fertilizzanti prodotti con idrocarburi. Questo è il motivo per cui gli attivisti di sinistra sono così ansiosi di chiudere gli oleodotti, senza rendersi conto che ciò comporterà la chiusura della loro stessa produzione alimentare.

L’estrema scarsità di cibo si manifesterà al dettaglio quest’estate

C’è un tempo di ritardo tra il crollo dei raccolti e la scarsità di cibo al dettaglio (negozi di alimentari). In questo momento, a marzo, stiamo consumando il raccolto invernale di grano. Entro la fine dell’estate, dipenderemo dal grano delle coltivazioni primaverili di tutto il mondo, e queste coltivazioni non vengono piantate al livello necessario per sfamare il mondo. Il sito web StrangeSounds.org ha recentemente pubblicato una buona panoramica di quella che definisce “l’apocalisse del grano”.

Da quell’articolo: Le prospettive del grano sono tristi… In tutto il mondo… Un’offerta limitata di grano bianco tenero, il tipo principale di grano coltivato nell’Inland Northwest, ha contribuito a portare al minimo di sei anni le esportazioni di grano dagli Stati Uniti. Questo è quanto emerge dal rapporto dell’USDA sul grano di febbraio. Il rapporto afferma inoltre che il 71% del grano invernale statunitense sarà colpito dalla siccità nel 2022. La crisi della sicurezza alimentare dell’Egitto rappresenta ora una minaccia esistenziale per la sua economia.

Il fragile stato di sicurezza alimentare dell’Egitto deriva dall’incapacità del settore agricolo di produrre abbastanza cereali, soprattutto grano, e semi oleosi per soddisfare anche solo la metà della domanda interna del Paese. [Il Ministro dell’Agricoltura e degli Affari Rurali cinese Tang Renjian ha dichiarato che le rare e forti piogge dello scorso anno hanno ritardato la semina di circa un terzo della normale superficie coltivata a grano. La siccità ha ridotto il raccolto di grano del Canada al minimo degli ultimi 14 anni e il raccolto di colza al minimo degli ultimi nove anni, secondo un rapporto governativo pubblicato lunedì.

L’inaridimento dei terreni e le temperature record nella fascia occidentale del Canada hanno ridotto drasticamente le rese agricole di uno dei maggiori Paesi esportatori di grano e della più grande nazione produttrice di colza. La siccità ha costretto mugnai e fornai a pagare di più il grano primaverile e ha portato i prezzi della colza a livelli record. Inoltre, l’Ungheria ha bloccato tutte le esportazioni di grano per proteggere l’approvvigionamento interno. In questo articolo su Natural News, l’autore JD Heyes elenca i Paesi che più probabilmente subiranno gravi interruzioni a causa della scarsità di cibo. Si tratta di Egitto, Thailandia e Filippine.

Entro l’estate, gli scaffali dei generi alimentari sembreranno spaventosamente vuoti in America, Canada ed Europa occidentale.

Il risultato di tutto ciò è che nel 2022 gli scaffali dei negozi di alimentari avranno un aspetto spaventoso e per quelli che hanno effettivamente del cibo, il costo sarà forse doppio. Per alcuni articoli i prezzi potrebbero triplicare. Persino la Reuters riferisce apertamente che un’agenzia delle Nazioni Unite afferma che l’inflazione alimentare ha raggiunto il 20%. E questi sono numeri un po’ vecchi.

Quando si terrà conto dell’estate e dell’autunno del 2022, l’inflazione sarà molto più vicina al 50%. È sorprendente che i generi alimentari di base richiedano una percentuale sempre maggiore delle buste paga dei lavoratori, togliendo loro la possibilità di pagare il carburante (anch’esso alle stelle) o di acquistare vestiti, alloggi, ecc. L’unico fattore che potrebbe effettivamente ridurre la domanda di cibo a livello globale è l’estinzione globale dei vaccini causata dalle iniezioni di mRNA/proteine spike che stanno uccidendo le persone con numeri da record. L’arma biologica covidica, dopo tutto, è un’arma di spopolamento.

Il risultato netto sarà una rivolta globale e disordini sociali su una scala mai vista prima

Come illustrato nel podcast di oggi (Digita qui), l’effetto netto di tutto questo sarà una rivolta globale, un caos e disordini sociali su una scala senza precedenti. Avete mai sentito il detto “nove pasti dall’anarchia”? È quello a cui stiamo per assistere nel corso di quest’anno, nel 2022.

Di conseguenza, si assisterà a un aumento di quanto segue:

  • Saccheggi di massa nei negozi di alimentari, seguiti da un aumento della sicurezza nei negozi di alimentari.
  • Rapine a mano armata di persone che escono dai negozi di alimentari, trasportando generi alimentari.
  • Rapine in autostrada ai camion che consegnano la merce ai rivenditori di generi alimentari (strappati direttamente dal Venezuela).
  • Aumentano i furti d’auto, le violazioni di domicilio e la criminalità derivante dalla disperazione e dalla fame. (Mentre i Democratici continuano a “defiscalizzare la polizia”).

Non significa che tutte le città crolleranno nel caos istantaneo, ma la scarsità di cibo, l’inflazione alimentare e l’inflazione energetica creeranno condizioni di estrema povertà e disperazione tra la popolazione.

Fonte: Citizen News

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code