toba60

Il Controllo della Popolazione è la Prossima “Teoria” della Cospirazione che Diventerà Realtà?

Oggi avrete notato sempre più la parola Complottista sta scemando dal lessico dei media maistream, neanche Nostradamus aveva indovinato tanti fatti di cronaca, ed ora i media non sanno più come ridimensionare tutto quello che è sotto gli occhi di tutti.

Sconcertante è un solo dato di fatto, ed è quello che vede ancora il 95% delle persone la quale è rimasta ferma alla narrativa di 20 anni fa, praticamente solo il passato da dimenticare è rimasto stampato nella memoria, quello rimasto invece è parte di quella fantasia popolare che ancora adesso grida ad alta voce ……….andrà tutto bene.

Toba60

Il Controllo della Popolazione

Pronunciare la frase “programma di eugenetica” o “programma di spopolamento” è un modo sicuro per farti passare per un teorico della cospirazione di alt-right che ascolta la disinformazione di Joe Rogan mentre guida il tuo camioncino come parte di un convoglio che sta chiaramente protestando per promuovere la supremazia bianca.

Eppure, come accade di solito, la caricaturizzazione di queste premesse in un’idea costruita sotto forma di un uomo di paglia che può essere facilmente sconfitto viene fatta per controllare la narrazione che avvolge quei soggetti in modo che non siano esaminati in buona fede.

Di volta in volta, queste presunte “teorie del complotto” finiscono per diventare realtà apparenti. Il recente deterioramento delle relazioni diplomatiche tra gli Stati Uniti e la Russia illustra questo punto in picche. Anni, se non settimane o addirittura giorni fa, chiunque avesse previsto un attacco “false flag” sarebbe stato bollato come qualcuno che indossa un cappello di stagnola che ha guardato troppo InfoWars.

Quel vago tentativo di assassinio del personaggio rifiuta completamente qualsiasi esame sull’idea che una nazione metta in scena una crisi per creare un cassus belli. In questo caso, questa tendenza a trascurare i fatti per concentrarsi sull’ostracizzazione del dissenso si è verificata di volta in volta contro nonostante la declassificazione dell’Operazione Northwoods, un documento che dimostra letteralmente l’uso di lunga data di questa tattica, anni fa. Ora, il Pentagono e la comunità delle agenzie di intelligence degli Stati Uniti hanno citato la “teoria del complotto”, un tempo stravagante, come una provocazione per l’impegno militare contro la Federazione Russa, un avversario che è stato colpevole di aver inventato molte delle sue teorie del complotto reali contro.

Come cambiano velocemente le carte in tavola.

Con questo in mente, è giusto dire che definire l’idea che un’entità politica globale sarebbe concentrata sul controllo della popolazione come un’altra teoria del complotto senza fondamento, senza indagare effettivamente la richiesta, sarebbe ingenuo. Una premessa che una volta era incarnata da cose stravaganti come la speculazione dell’Operazione Bluebeam o l’emergere di campi FEMA, finisce per essere, come tipicamente accade, radicata in una spiegazione sfumata che emerge da un esame degli eventi della storia recente.

La risposta globale alla pandemia COVID-19 dal 2020 mette alla luce del sole i fatti un tempo velati che circondano gli sforzi organizzati per il controllo della popolazione. Opportunamente, molte delle organizzazioni non governative sovranazionali, dei funzionari governativi e dei magnati dell’industria che sono stati affidati come leader incaricati di costruire una risposta alla pandemia hanno evidenti legami con una visione del mondo e un’ideologia politica che si concentra sulla necessità del controllo della popolazione attuato attraverso una governance globale.

L’inaspettata rapida ascesa del Forum Economico Mondiale dopo la sua origine surrettizia nel 1971 è stata accelerata dall’influenza di un’altra ONG velata di segretezza: Il Club di Roma. Il club è stato fondato nel 1968 dal duo Aurelio Peccei e Alexander King che avevano a loro volta legami con il gruppo Bilderberg, creato nel 1954. L’inquilino centrale che motivò i due a fondare il Club di Roma fu la visione filosofica del mondo di Peccei, che intitolò succintamente Problematica.

In sostanza, l’ideologia di Peccei vedeva i problemi disparati che affliggevano l’umanità come una singolarità che doveva essere controllata di conseguenza, costruendo un apparato politico globale comparabilmente monolitico incaricato di arrivare a una risoluzione. I componenti fondamentali della piattaforma del WEF sposata oggi, dalle crisi ambientali, la povertà, le malattie e la dimensione della popolazione, hanno origine dall’intento del Club di Roma di avvolgere ogni crisi dell’umanità per agire come il crogiolo attraverso il quale un futuro modellato per servire i loro interessi sarebbe emerso.

L’attenzione alla crescita della popolazione globale divenne un obiettivo particolarmente importante per il Club di Roma che lo portò ad assimilare i propri interessi con il nascente Forum Economico Mondiale di Schwab nei suoi primi giorni. Anche se il suo primo incontro a Davos nel 1971 fu convocato sotto il nome iniziale del WEF, il Sistema di Gestione Europeo, i legami politici di Schwab con personaggi come il suo mentore di Harvard Henry Kissinger e il Commissario Europeo per gli Affari Economici e Finanziari Raymond Barre si dimostrarono inestimabili poiché la conferenza attirò circa 450 partecipanti da paesi europei e dagli Stati Uniti nonostante lo stato nascente dell’organizzazione. Questo inizio promettente, insieme all’ideologia politica paneuropea del WEF, attirò l’attenzione di coloro che guidavano il Club di Roma.

Nel 1973, ora operante sotto il titolo di Forum Economico Mondiale, Aurelio Peccei usò la terza conferenza annuale di Davos come un’opportunità per avanzare le teorie esposte in un rapporto del 1972 commissionato dal Club di Roma intitolato I limiti della crescita. Il rapporto (abstract disponibile qui) fu redatto da Donella e Dennis Andrews insieme a Jørgen Randers e William W. Behrens III, che rappresentavano un team di 17 ricercatori accoliti dallo scienziato del MIT Jay Forrester. Limits to Growth era un lavoro seminale che esaminava le conseguenze problematiche della crescita della popolazione accelerata dalle conquiste tecnologiche e industriali della modernità.

Peccei, un uomo che si sarebbe riferito alle masse accalcate il cui destino lottava per controllare come “contadini”, avrebbe sfruttato la prospettiva neo-malthusiana affermata in The Limits of Growth al terzo incontro annuale del WEF. Actionably, il co-fondatore del Club di Roma avrebbe usato il rapporto come base per sostenere la necessità di un modello politico adattivo per la governance globale che avrebbe riorganizzato il mondo in dieci regioni politiche ed economiche delineate in un successivo rapporto pubblicato nel 1973 dal titolo Modello razionalizzato e adattivo del sistema mondiale globale di Eduard Pestel e Mihajlo Mesarovic.

Questo rapporto ha delineato una struttura di governance politica globale di cui lo stesso World Economic Forum è diventato un precursore, il tutto reso possibile dalla sua ingraziarsi l’asse del Club di Roma dopo il discorso di Peccei a Davos che Schwab avrebbe ricordato anni dopo come uno degli eventi più formativi nella storia della sua organizzazione.

La filosofia del Club di Roma sulla governance globale come meccanismo di controllo della popolazione è evidente in tutto, dalla teoria di Schwab sulla quarta rivoluzione industriale al ruolo guida del WEF nell’organizzare una risposta globale alla pandemia. Al fine di costruire il modello di governance globale ritenuto essenziale per affrontare il Problema globale, il WEF ha lanciato il suo Forum dei Giovani Leader Globali per plasmare molti che sarebbero diventati leader dell’industria, del mondo accademico e della politica.

L’indottrinamento della visione del mondo condivisa dal WEF e dal Club di Roma ha influenzato gli alumni del WEF’s Forum of Global Young Leaders tra cui il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern, il primo ministro canadese Justin Trudeau, il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin e l’ex cancelliere tedesco Angela Merkel, tra gli altri.

Nel 2017, Schwab avrebbe parlato poeticamente dell’influenza dei suoi ex alunni sulla sfera politica globale, ammettendo che erano parte integrante della strategia del WEF di “infiltrarsi” nei gabinetti dei rami esecutivi dei governi sovrani di tutto il mondo come meccanismo per galvanizzare quei paesi sotto l’ombrello di un apparato di governance globale controllato dal WEF e dai suoi alleati.

Come evidenziato dagli sforzi di risposta alla pandemia lanciati da ognuno di questi leader mondiali sopra menzionati, un modello singolare di governo è stato instancabilmente avanzato da questi emissari del WEF, anche quando viola le costituzioni delle nazioni che sono stati eletti a guidare. Il paesaggio orwelliano di politiche che impongono vaccinazioni obbligatorie, attuando blocchi iniziati dal governo, e facilitando una massiccia ridistribuzione della ricchezza in seguito alla demolizione controllata delle economie di tutto il mondo è emerso di pari passo con gli eventi del 2020. Questa confluenza di politiche tra nazioni disparate non è emersa per errore, poiché è chiaro che i leader di questi paesi sono stati istruiti ad agire in conformità con l’ideologia sovranazionale del WEF invece che in aderenza agli interessi delle nazioni e delle persone che sono stati eletti a rappresentare.

In contrasto con l’idea che un’agenda di spopolamento globalista sarebbe il risultato della morte di miliardi e miliardi di persone in tutto il mondo, la realizzazione effettiva di questo obiettivo sembra essere molto più sottile. Questa realizzazione sta diventando sempre più difficile da negare. Questo è dimostrato in parte dalle recenti rivoluzioni dall’Inghilterra e dal Galles dell’Ufficio di Statistica Nazionale del Regno Unito (“ONS”). L’ONS ha recentemente scoperto che più del 50% delle donne in Inghilterra e Galles, nate nel 1990 o dopo, saranno senza figli entro i 30 anni nel 2020.

La maggioranza letterale del 50,1% è aumentata drasticamente da un tasso di appena il 18% misurato nel 1971. Inoltre, il rapporto dell’ONS riporta che il numero medio di bambini nati da quella stessa fascia demografica di donne è sceso al suo livello più basso da quando è iniziata la registrazione di 0,96 bambini per madre. Questi dati dell’ONS sono un microcosmo del declino della popolazione che si sta verificando nelle nazioni sviluppate di tutto il mondo.

La riduzione delle nascite è una delle tante chiare ramificazioni delle incaute risposte alla pandemia eseguite dai paesi di tutto il mondo. Dalle dure realtà economiche delle serrate all’impatto sulla salute riproduttiva che hanno i vaccini COVID-19, è chiaro che una moltitudine di fattori è ciò che ha effettuato i cambiamenti nella popolazione prevista. Data la filosofia problematica del Club di Roma e l’apparato politico globalista costruito dal WEF per portare avanti quella bussola olistica per la definizione delle politiche, è chiaro che il tessuto stesso della nostra società è diventato irrevocabilmente alterato dalla loro influenza pervasiva.

L’agenda per il controllo della popolazione è solo una delle tante missioni di quella cabala che è stata messa in atto, con altre che sono forse meno evidenti in questo momento e che sicuramente sono in corso simultaneamente. Anche se i frutti di questo lavoro devono ancora essere raccolti, i semi che sono stati seminati. In definitiva, la realtà che porteranno sembra essere un altro esempio di una possibilità che una volta era impensabile e che alla fine diventa una realtà che l’umanità troverà difficile da conciliare.

Blueapples

Fonte: zerohedge.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code