toba60

Il Covid ha Creato una Vera e Propria Generazione di Frankenstein

Da un paio d’anni a questa parte è stato detto e ripetuto che per stare bene in salute si deve essere sottoposti ad un esperimento genetico, i bambini hanno immediatamente pensato che tutto questo era un gioco e si sono subito immedesimati nel ruolo mettendosi volentieri una mascherina per rendere folcloristico questo momento quantomai propizio.

I genitori viceversa hanno preso tutto sul serio e non avendo una spiccata confidenza con Dio hanno delegato a dei criminali ed aguzzini la funzione di rendere eterna la loro sofferenza in nome della salute.

Detto tra noi il successo è stato sbalorditivo, la sofferenza è ora un patrimonio psicologico acquisito che va a gonfie vele, in quanto alla salute behhh sapete… non tutte le ciambelle riescono col buco.

Toba60

I Figli del Covid

Tre ricercatori analizzano come la gestione della SARS-CoV-2 ha paralizzato i nostri bambini. I problemi esistenti, come la depressione, l’ansia, l’obesità e la disabilità intellettuale, si sono aggravati negli ultimi due anni. Ma ancora più inquietanti sono le “lezioni” che la pandemia ha lasciato loro e il modo in cui si comporteranno in età adulta quando il gioco si farà duro.

Mentre alcuni Paesi caratterizzati da alti livelli di benessere della popolazione, come la Svezia e la Danimarca, hanno adottato una linea d’azione autonoma contro il covide-19, quasi tutto il resto dell’Occidente ha perseverato con lunghe reclusioni, uso obbligatorio di maschere, chiusura di scuole e negozi, lasciando un’intera generazione paralizzata e i cui effetti a lungo termine sono spaventosi, come prevedono i professori Paul Frijters e Gigi Foster e il consulente finanziario e giornalista Michael Baker in un recente articolo intitolato: “Cosa ha fatto il contenimento del covid ai nostri figli”.

“Negli ultimi due anni, ciò che i governi occidentali hanno fatto alle nuove generazioni tutto in nome della loro sicurezza, ovviamente è stato calamitoso. Invece di cercare di migliorare i problemi dei nostri figli, che erano già chiari, ben documentati e in costante peggioramento nel tempo, nel marzo 2020 le autorità hanno iniziato a condurre su di loro esperimenti sociali particolarmente spaventosi. Che tipo di generazione ne risulterà?” si chiedono Baker, Frijters – professore di Economia del benessere alla London School of Economics e Magister in Econometria – e Foster – Senior Research Fellow al Brownstone Institute e professore alla School of Economics dell’Università del Nuovo Galles del Sud.

L’analisi delle tendenze di indicatori quali la prevalenza dell’obesità, la depressione e l’ansia, i livelli di QI e l’uso di droghe li porta a concludere che l’Occidente sta crescendo una generazione paralizzata. “Una generazione mostruosa, assediata ideologicamente da quella che gli osservatori esterni alla ricerca delle nostre debolezze chiamano ‘strana orda di selvaggi’, viene attualmente plasmata dalle nostre scuole, dai media e dai propagandisti”, affermano gli autori del libro “The Great Covid Panic“.

“I nati negli ultimi 5-25 anni sono più obesi, meno intelligenti, più depressi, meno felici, più conflittuali, più inclini all’uso di droghe, meno orgogliosi del proprio Paese e meno incoraggiati dalle autorità rispetto ai nati anche solo 10 anni prima”, sottolineano, aggiungendo: “Ai nostri giovani è stato insegnato a odiare se stessi, la propria cultura e la propria storia.

Le loro scarse capacità intellettive fanno sì che facciano fatica a decifrare ciò che è accaduto loro o chi sono. Rispetto a generazioni recenti come la Generazione X, i nostri giovani sono malsani, ansiosi, socialmente timidi, inclini a fuggire dai giochi online e dalle droghe offline, intrappolati in narrazioni di vittimismo, arrabbiati con il mondo e soli.

A questo proposito, spiegano che prima del 2020, l’ansia e la depressione nei giovani erano già in aumento: uno studio del 2018 ha rilevato un aumento del 15% delle misure di infelicità dal 2015 per i quindicenni nel Regno Unito, del 10% negli Stati Uniti e del 5% nei ricchi Paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) nel loro complesso. “L’abuso di sostanze da parte degli adolescenti, la dipendenza dal gioco d’azzardo e altri segnali preoccupanti lampeggiavano in rosso anche nel decennio precedente al 2020. Poi, nel 2020, sono arrivate le serrate, l’allontanamento sociale, la chiusura delle scuole, l’uso forzato delle mentoniere, le vaccinazioni obbligatorie e la propaganda incessante”, ricordano.

E i risultati non si sono fatti attendere. Frijters, Foster e Baker citano un articolo di Lancet del 2021 che offre un quadro desolante delle conseguenze, basato sui dati di 204 Paesi. “Il risultato principale è stato un aumento drammatico di oltre il 25% dei disturbi d’ansia e della depressione. Le persone appena entrate nell’età adulta (15-25 anni) e le donne sono state le più colpite”, spiegano.

“I livelli di soddisfazione della vita sono crollati di quasi 10 punti percentuali tra il 2019 e il 2021. Ciò equivale a un quasi raddoppio dei tassi di depressione maggiore, il che è coerente con quanto osservato nel Regno Unito e negli Stati Uniti, dove circa un terzo degli adolescenti intervistati durante la reclusione ha riferito di sentirsi infelice o ‘depresso’ (usando la definizione quotidiana piuttosto che quella clinica di questo termine)”, osservano gli autori del lavoro.

A questo proposito, sottolineano che un numero allarmante di bambini soffre di ansia e depressione e che le cose peggiorano con il protrarsi della reclusione. E a chi ipotizza che i danni saranno di breve durata, i ricercatori rispondono che purtroppo non sarà così.

Le misure irrazionali per “controllare” i covidi hanno avuto un impatto non solo sulla salute mentale ma anche su quella fisica. “Secondo uno studio di Lancet della fine del 2021, l’obesità infantile è aumentata del 50% nel Regno Unito rispetto ai dati dell’anno precedente. L’obesità grave nel Regno Unito è quasi raddoppiata durante gli anni di confino e tutte le categorie di sovrappeso sono aumentate in modo allarmante”, sottolineano Frijters, Foster e Baker.

Un altro recente studio del CDC mostra che tra i bambini di età compresa tra i 2 e i 19 anni, il tasso di aumento dell’indice di massa corporea (BMI) è quasi raddoppiato durante la pandemia. “I cattivi consigli istituzionali sulla salute dei nostri ‘esperti’ di salute pubblica – “state a casa, non socializzate” – hanno trasformato i nostri figli in flaccidi”, lamentano.

E ancora peggio è quello che è successo ai loro cervelli, dicono questi specialisti, che ricordano che il quoziente intellettivo e le funzioni cognitive si sviluppano in base agli investimenti fatti nei primi anni di vita e si ritiene generalmente che regrediscano oltre l’età adulta.

“Qual è il raccolto della mania covidica dei nostri figli in questa zona? I ricercatori sapevano già che l’Occidente aveva grossi problemi in questo senso prima della pandemia. C’è un continuo declino nella capacità di pensare in modo scientifico, che riguarda la fascia alta della gamma di abilità, il che dimostra che il declino non è ‘solo’ un fenomeno tra le persone inizialmente svantaggiate”, osservano.

A questo proposito, citano i dati riportati da Nature del Rhode Island uno Stato profondamente innamorato della reclusione – per mostrare cosa è successo alle capacità mentali dei bambini molto piccoli (dai 3 mesi ai 3 anni) tra il 2011 e il 2021: un calo di quasi 20 punti in quello che è considerato l’equivalente del quoziente intellettivo, che rappresenta un ritorno ai livelli di un secolo fa, “e ottenuto in soli due anni in cui abbiamo imposto ai nostri figli l’uso del sottogola e l’allontanamento dalla società, lasciando loro solo la compagnia di Internet”, spiegano i ricercatori, che sottolineano come i bambini a questa tenera età imparino cose che non potranno apprendere in seguito, come il riconoscimento precoce del linguaggio, aiutati dall’osservazione e dall’interazione con persone intere che mostrano il loro volto completo.

“Dati come questo suggeriscono che due anni di follia covidiana hanno inflitto danni gravi e a lungo termine ai nostri figli”, insistono. I dati sono coerenti con l’aumento di una generazione di bambini con un deficit cognitivo permanente.

Come se tutto ciò non bastasse, le misure pandemiche hanno ulteriormente aggravato una piaga di lunga data in Occidente: il declino culturale, accompagnato da una perdita di fiducia e di autostima tra i giovani, e il consumo di droga. “I Paesi sani e sicuri di sé non cedono alla facile via d’uscita offerta dalla droga. I Paesi che perdono la strada cercano conforto nella droga”, notano Frijters, Foster e Baker.

Per quanto riguarda i recenti sviluppi del problema della droga, citano i dati dell’American Medical Association del febbraio 2022: “L’epidemia di overdose nella nazione continua a cambiare e a peggiorare. Un tema fondamentale è il fatto che l’epidemia è ora guidata da fentanil, analoghi del fentanil, metanfetamina e cocaina, spesso in combinazione o in forme adulterate…. I decessi di adolescenti a causa del fentanil stanno aumentando vertiginosamente e gli adolescenti di colore sono i più colpiti”.
Secondo questi tre ricercatori, le notizie non sono migliori in altri Paesi che sono stati rinchiusi. Nel Regno Unito, ad esempio, si è registrato un aumento di circa il 60% dei decessi per avvelenamento da farmaci dal 2012 e l’aumento continua fino al 2020.

Cosa farà questa generazione menomata una volta raggiunta l’età adulta e il potere? “Sappiamo che avranno una bassa produttività, scarse abilità sociali e poca comprensione del mondo. Ma che dire dei loro cuori: avranno almeno umanità e compassione per i loro simili? Purtroppo, ciò che abbiamo insegnato loro in questo campo ci porta a prevedere che, quando il gioco si farà duro, non batteranno ciglio prima di mandare milioni di persone nei campi di sterminio, se le loro deboli menti possono essere manipolate per far loro credere che questo li salverà.

Stiamo producendo una generazione Frankenstein”, riflettono Frijters, Foster e Baker.

La spaventosa previsione che fanno è che “i bambini di oggi saranno i mostri di domani perché le nostre società li stanno crescendo, proprio ora, per essere dei mostri”. Una generazione a cui è stato insegnato a indulgere in regole draconiane, burocratiche e salva-faccia, senza alcun riguardo per le vittime. Una generazione abituata alla propaganda e alle certezze fittizie. Una generazione cieca di fronte ai milioni di morti, sia in patria che all’estero. Una generazione davvero terrificante, non solo storpia se stessa, ma pronta a storpiare gli altri”, scrivono.

Tuttavia, essi sostengono che c’è speranza. Possiamo ancora invertire la rotta. Ad esempio, scegliendo dove vivere. Consigliano ai propri figli adolescenti di fare le valigie e di essere pronti a trasferirsi in un altro Paese o in un’altra regione con poco preavviso. “Per i nostri familiari che vivono negli Stati Uniti, consigliamo di non mettere su famiglia in posti ancora folli come New York e la California, ma di trasferirsi in Florida o in uno degli altri Stati relativamente più sani.

Per chi si trova in Europa, consigliamo la Svizzera, la Danimarca e alcune parti dell’Europa orientale piuttosto che il Regno Unito o i Paesi centrali dell’UE in rapido deterioramento (Francia, Italia, Germania, Paesi Bassi o Austria)”, aggiungendo: “Se stessimo crescendo giovani famiglie oggi, baseremmo la nostra scelta di dove vivere sulla necessità di proteggere i nostri figli da questi danni”.

“Si possono creare scuole, gruppi di gioco, club, media e chiese per cercare di combattere gli impulsi frankensteiniani nel proprio giardino”, suggeriscono.

Governi impegnati e genitori pentiti potrebbero evitare il disastro che stanno preparando? “Sì, in larga misura. La ricetta non è nemmeno così difficile. Il problema è che vediamo poche possibilità che l’ingrediente chiave il riconoscimento di ciò che hanno fatto e stanno facendo – arrivi, perché è troppo doloroso”, dicono i ricercatori.

“Mentre ci aspettiamo che le popolazioni e le autorità vadano avanti, affrontando a malincuore alcuni dei problemi peggiori man mano che si manifestano, ricordiamoci che ci sono buone ricette per crescere i bambini. I bambini possono essere protetti dai telefoni cellulari e dai social media fino a quando non sono abbastanza grandi per gestirli con piena consapevolezza, ad esempio intorno ai 15 anni. La maggior parte delle forme di apprendimento online può essere soppressa e la qualità degli insegnanti può essere migliorata”, propongono.

“Si possono organizzare in massa attività positive come abbracci frequenti, esercizio fisico, formazione sulle capacità empatiche e gioco non strutturato, impartendo ai bambini lezioni di storia positive, un atteggiamento affermativo nei confronti delle culture locali, un’avversione all’applicazione di soluzioni mediche ai problemi sociali e l’importanza della responsabilità personale”. Le comunità locali possono essere incoraggiate, attraverso le norme sociali, ad assumere il ruolo di fornire assistenza pastorale e un’ampia educazione civica”, proseguono.

E in conclusione riassumono: “Tutto questo e molto altro potrebbe essere fatto. La conoscenza di come crescere una generazione prospera, capace di navigare nella vita moderna, è disponibile per essere presa, sia ora, in luoghi selezionati da comunità impegnate, sia in futuro. Non tutti i bambini dell’Occidente saranno inevitabilmente storpi, e la società tende a lungo andare a seguire i buoni esempi, quindi questo orrore non può durare per sempre.

Abbiamo una profonda speranza.

Agustina Sucri

Fonte: aprensa.com.ar

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

  1. gli articoli di questo sito sono uno più bello dell’altro. L’unica cosa che non mi piace è l’allineamento al centro del testo, non so perché ma trovo molto disagevole leggerlo, spero che un giorno decidiate di allinearlo a sinistra. Un saluto e in bocca al lupo! (W il lupo)