toba60

Il Crimine della Scienza: Tutti Gli Ingredienti del Vaccino COVID-19 Come mai Nessuno Te li ha Fatti Conoscere

Che ognuno di voi possa sfruttare al meglio tutte le informazioni poste in essere nell’editoriale, nella speranza che ogni scelta futura possa essere in funzione di un mondo migliore.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Queste informazioni sappiatelo sono state soppressa in tutto il mondo Si invita a condividere e scaricare una copia PDF.

Introduzione

Il 20 agosto 2021 il Dr. Robert Young ha pubblicato i risultati del suo team dopo aver analizzato i quattro “vaccini” COVID-19 dominanti utilizzando la microscopia a contrasto di fase, la microscopia elettronica a trasmissione e a scansione e la spettroscopia a raggi X a dispersione di energia.

Le loro scoperte confermano e ampliano le precedenti indagini condotte dal Dr. Pablo Campra (Università di Almeria, Spagna), dal Dr. Juan F. Gastón Añaños (Hospital de Barbastro, Spagna) e da quelle successive del Dr. Martín Monteverde (Argentina), del Dr. Matt Shelton (Nuova Zelanda) e del Dr. Gastón Añaños (Nuova Zelanda). Matt Shelton (Nuova Zelanda), un laboratorio britannico, nonché i referti patologici delle autopsie dei deceduti vaccinati eseguite dal Prof. Dr. Arne Burkhardt, dal Prof. Dr. Walter Lang e dal Prof. Dr. Peter Schirmacher (Germania e Austria), e come riportato da Maria Zeee (Australia).

Molte di queste sostanze sono state osservate come legate all’ossido di grafene e alle nanoparticelle metalliche. Le nanoparticelle di GO sono necrotiche, in grado di penetrare o attraversare le barriere fisiologiche, tra cui (ma non solo) la barriera sangue-aria, la barriera sangue-testo, la barriera sangue-cervello e la barriera sangue-placenta. Nell’arco di diversi mesi dopo l’iniezione intramuscolare, ben il 75% della “piattaforma di distribuzione” di nanoparticelle di GO e la maggior parte delle sostanze elencate di seguito vengono trasportate in modo esteso in tutto il corpo dei mammiferi, nel sangue, nel cervello e in altri organi. Alcuni dei numerosi effetti tossici dell’ossido di grafene sono la miocardite e la coagulazione del sangue. La contaminazione nei vaccini sembra essere così comune che si potrebbe pensare che sia intenzionale.

Ingredienti identificati dal vaccino COVID-19

Ingredienti identificatiPfizerAstra ZenecaJanssenModerna
Alluminio (Al)
Bismuto (Bi)
Cadmio (Cd)
Calcio (Ca)
Carbonio (C)
Cloruro (CL )
Cloro (Cl in soluzione salina)
Cromo (Cr)
Rame
Ossido di grafene
Ferro (Fe)
Piombo (Pb)
Magnesio (Mg)
Manganese (Mn)
Nichel (Ni)
Azoto (N)
Ossigeno (O)
Fosforo (P)
Potassio (K)
Selenio (Se)
Silicon (Si)
Sodio (Na in soluzione salina)
Zolfo (S)
Stagno (Sn)
Titanio (Ti)
Tripanosoma (parassita)Possibile
Vanadio (Va)
Fonte: https://www.drrobertyoung.com/post/transmission-electron-microscopy-reveals-graphene-oxide-in-cov-19-vaccines

Questi risultati sono coerenti dal punto di vista della composizione con alcuni dei contenuti dichiarati dei prodotti Pfizer e Moderna. Immagino che ulteriori analisi quantitative dei contenuti dovrebbero consentire di identificare i probabili composti chimici che non sono stati esplicitamente identificati dai produttori (tramite la spettrometria di massa e le derivazioni della massa molare). Considerando l’esperimento condotto in Kenya nel 2014 (e per saperne di più qui), sospetto che la gonadotropina corionica umana (hCG) (composta principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno) sia forse uno di questi.

La scoperta di acciaio inossidabile (e di particelle nere non identificate) nei vaccini Moderna in Giappone può spiegare parte del ferro, del carbonio, dell’azoto, dell’alluminio, del silicio, del titanio, del rame e/o del selenio rilevati in quella particolare chimera. I Moderna sostengono che le inclusioni di acciaio inossidabile erano una contaminazione accidentale e limitata ad alcuni lotti prodotti dai Laboratorios Farmacéuticos Rovi con sede a Madrid. Il team del dottor Young ha osservato frammenti di acciaio inossidabile su scala nanometrica nel vaccino AstraZeneca e particelle aggregate di acciaio inossidabile nel vaccino Janssen.

Più recentemente, dal Giappone sono giunte notizie che rivelano la presenza di contaminanti bianchi galleggianti non identificati nei vaccini Pfizer, che Pfizer sostiene essere probabilmente ingredienti non disciolti del vaccino. A prescindere dalla composizione dichiarata, i solidi non disciolti sono mai sicuri quando vengono iniettati nell’organismo?

Ingredienti dichiarati per il vaccino COVID-19

Ingredienti dichiaratiComposizione chimicaPfizerModerna
Ingredienti attivi
mRNA della comunitàC 15 H 31 N 3 O 13 P 2
(DNA/variabile)
mRNA-1273 mRNAC 15 H 31 N 3 O 13 P 2
(DNA/variabile)
Lipidi
ColesteroloC 27 H 46 O
1,2-distearoil-sn-glicero-3-fosfocolina (DSPC)C 44 H 88 NO 8 P
((4-idrossibutil)azandiil)bis(esan-6,1-diil)bis(2-esildecanoato) (ALC-3015)C 48 H 95 NO 5
2-[(polietilenglicole)-2000]-N,N-ditetradecilacetammide (ALC-0159)H-(O-CH 2 -CH 2 )n-OH
lipide SM-102C 44 H 87 NO 5
1,2-dimiristoil-rac-glicero-3-metossipolietilenglicole-2000 (PEG2000-DMG)(C 2 H 4 O)nC 32 H 62 O 5
Buffer
cloruro di potassioKCl
fosfato di potassio monobasicoKH 2 PO 4
cloruro di sodioNaCl
sodio fosfato basico diidratoNa 2 HPO 4
trometamina (tris(idrossimetil)amminometano)C 4 H 12 ClNO 3
trometamina cloridratoC 4 H 11 NO 3
acido aceticoC 2 H 4 O 2
Acetato di sodioC 2 H 3 NaO 2
acquaH2O _ _
Altro
saccarosioC 12 H 22 O 11

I componenti che non sembrano essere stati dichiarati includono:

Alluminio (Al)
Bismuto (Bi)
Cadmio (Cd)
Cromo (Cr)
rame _
Ferro (Fe)
Piombo (Pb)
Magnesio (Mg)
Manganese (Mn)
Nichel (Ni)
Selenio (Se)
Silicon (Si)
Zolfo (S)
Stagno (Sn)
Titanio (Ti)
Vanadio (V)
Ossido di grafene (C 140 H 42 O 20 )

…che include il parassita del sangue, il Trypanosoma cruzi ( Chagas ) o forse Trypanosoma brucei ( malattia del sonno africana ), come indicato nei più recenti rapporti MHRA (riprodotti di seguito) e quattro VAERS rapporti . Il tripanosoma è composto da carbonio, ossigeno, cromo, zolfo, alluminio, cloruro e azoto.

I parassiti

L’intervallo di temperatura consigliato per la conservazione e il trasporto della chimera di Pfizer è di -70°C±10°C e il tempo massimo di conservazione a temperatura ambiente è indicato come non superiore a 6 ore.

I campioni di Trypanosoma sono conservati criogenicamente per la conservazione e il trasporto in laboratorio a una temperatura compresa tra -80°C e -60°C e sembrano rimanere vitali a temperatura ambiente per un massimo di 6 ore.

I media tradizionali hanno diffuso notizie su potenziali focolai di malattia di Chagas (Trypanosoma cruzi) già da diversi mesi.

“Il Texas è ora impegnato in un grande conflitto con la Covid-19. Tuttavia, non sarà l’unica malattia che lo Stato dovrà affrontare entro il 2021. Lo Stato deve anche affrontare una possibile epidemia di malattia di Chagas”.

Recentemente i media hanno parlato del veleno di serpente come possibile fonte di composti per il trattamento della “COVID”. Una ricerca simile sta esaminando il veleno di scorpione come trattamento per il Chagas. Questo ha senso se abbiamo a che fare con un parassita vivente, contro il quale questi enzimi complessi sono efficaci.

Il dottor Brian Ardis ha rilasciato questa intervista a Stew Peters l’11 aprile 2022, in cui descrive i numerosi collegamenti tra COVID, veleno di serpente, remdesivr, i “vaccini” e le terapie vietate.

Questo può anche spiegare l’efficacia del farmaco antiparassitario Ivermectina, che ha dimostrato risultati promettenti come possibile trattamento sia per il Trypanosoma brucei che per il Trypanosoma cruzi.

La Mayo Clinic elenca i sintomi della malattia di Chagas (T. cruzi) sono gonfiore nel sito di infezione, febbre, affaticamento, eruzione cutanea, dolori corporei, gonfiore delle palpebre, mal di testa, perdita di appetito, nausea, diarrea o vomito, ingrossamento delle ghiandole, ingrossamento del fegato o della milza, battito cardiaco irregolare, insufficienza cardiaca, arresto cardiaco improvviso, difficoltà a deglutire a causa dell’ingrossamento dell’esofago e mal di stomaco o costipazione a causa dell’ingrossamento del colon.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità descrive i sintomi della malattia del sonno africana (T. brucei) come febbre, mal di testa, ingrossamento dei linfonodi, dolori articolari, prurito, cambiamenti di comportamento, confusione, disturbi sensoriali, scarsa coordinazione e disturbi del ciclo del sonno.

I sintomi sopra riportati che sono coerenti con quelli della “COVID-19” (come pubblicata dai CDC e dall’OMS) sono in corsivo. Quelli contrassegnati con un asterisco (*) sono elencati dal NICD come possibili effetti collaterali del “vaccino” COVID-19.

L’infezione da tripanosomiasi americana (T. cruzi) comporta un rischio di mortalità per tutte le cause 2,3 volte superiore rispetto agli individui non infetti. Senza trattamento, la tripanosomiasi africana (T. brucei) è invariabilmente fatale, con un progressivo deterioramento mentale che porta al coma, all’insufficienza sistemica degli organi e alla morte.

Prove visive provenienti da più fonti indicano la presenza di Hydra vulgaris in alcuni vaccini. Non si sa perché questi polipi d’acqua dolce siano presenti.

Il grafene

Questo video è stato pubblicato per la prima volta il 26 novembre 2021. È stato arrestato durante un altro livestream circa un anno prima. Sua moglie ha annunciato la sua morte il 28 novembre, apparentemente a causa di problemi respiratori. Il defunto Dr. Andreas Noack…

Esiste almeno un documento in cui si sostiene l’utilità dell’ossido di grafene come “vettore e adiuvante del vaccino” e un brevetto per queste chimere iatrogene. Presentato nel settembre 2020:

I metalli

La maggior parte dei metalli presenta una qualche forma di tossicità quando viene iniettata, ma il potenziale di danno aumenta esponenzialmente quando un corpo umano, contenente nanoparticelle magnetiche o diamagnetiche, viene posto nel potente campo prodotto dall’apparecchiatura per la risonanza magnetica.

AVVISO URGENTE.

Riteniamo che le scansioni a risonanza magnetica stiano causando gravi lesioni, tra cui la paralisi, nei pazienti vaccinati con il vaccino Covid-19. I pazienti mostrano chiari segni di particelle magnetizzate al loro interno dopo la vaccinazione.

L’ipotesi è che le nanoparticelle lipidiche magnetizzate all’interno del paziente migrino sotto gli enormi campi magnetici utilizzati in una risonanza magnetica, causando danni su scala nanometrica equivalenti a ferite multiple da schegge.

COVID-19 Vaccine Ingredients 20

Nanotechnology

La Quinta Columna ha osservato e documentato quelli che sembrano dispositivi digitali su scala nanometrica, forse ricetrasmettitori wireless bluetooth, nella chimera Pfizer Comirnaty. Questi potrebbero far parte di un sistema di interfaccia cervello-macchina-corpo che coinvolge il grafene, i nanorouter wireless e un dispositivo esterno a campo vicino come uno smartphone.

Analisi del sangue

Il seguente rapporto è stato pubblicato il 12 agosto 2022:

L’uso dell’analisi microscopica in campo oscuro del sangue periferico fresco su vetrino era un tempo molto diffuso in medicina, consentendo una prima e immediata valutazione dello stato di salute delle componenti corpuscolari del sangue.

Nel presente studio abbiamo analizzato con un microscopio ottico in campo oscuro la goccia di sangue periferico di 1.006 soggetti sintomatici dopo l’inoculazione di un’iniezione di mRNA (Pfizer/BioNTech o Moderna), a partire da marzo 2021. In 948 soggetti (94% del campione totale) il sangue ha mostrato un’aggregazione di eritrociti e la presenza di particelle di varie forme e dimensioni di origine non chiara un mese dopo l’inoculazione di mRNA. In 12 soggetti il sangue è stato esaminato con lo stesso metodo prima della vaccinazione, mostrando una distribuzione ematologica perfettamente normale.

Le alterazioni riscontrate dopo l’inoculazione delle iniezioni di mRNA rafforzano ulteriormente il sospetto che le modificazioni siano dovute ai cosiddetti “vaccini” stessi. Riportiamo 4 casi clinici, scelti come rappresentativi dell’intera casistica. Sono necessari ulteriori studi per definire l’esatta natura delle particelle rinvenute nel sangue e per individuare possibili soluzioni ai problemi che evidentemente stanno causando. (Fonte)

Una selezione delle centinaia di immagini al microscopio pubblicate con questo rapporto:

Rapporti patologici

Altre conferme di metalli e tutta una serie di contaminanti non identificati sono stati trovati sia nei vaccini che nel sangue e negli organi dei pazienti vaccinati e dei cadaveri in Germania e Austria. Una rete crescente di decine (forse centinaia) di medici e patologi sta iniziando a svolgere in modo indipendente le ricerche di farmacovigilanza che i produttori di vaccini e i governi hanno (criminalmente) trascurato di fare:

Lunedì 20 settembre 2021, presso l’istituto patologico di Reutlingen, sono stati presentati i risultati delle autopsie di otto persone decedute dopo la vaccinazione COVID19. Le analisi dei tessuti fini sono state eseguite dai patologi Prof. Dr. Arne Burkhardt e Prof. Dr. Walter Lang. I risultati confermano le conclusioni del Prof. Dr. Peter Schirmacher, secondo il quale tra gli oltre 40 cadaveri da lui autoanalizzati che erano morti entro due settimane dalla vaccinazione COVID19, circa un terzo di questi decessi era stato causato dalla vaccinazione.

I dettagli al microscopio delle alterazioni dei tessuti sono stati mostrati durante la conferenza stampa trasmessa in diretta streaming. Il Prof. Dr. Werner Bergholz riferirà sui parametri attuali della registrazione statistica degli eventi vaccinali. Nel corso della conferenza stampa sono stati presentati anche i risultati dell’analisi di campioni di vaccino COVID-19 da parte di un gruppo di ricerca austriaco, che sono coerenti con i risultati ottenuti da scienziati giapponesi e statunitensi. Nel vaccino sono stati trovati componenti contenenti metalli non dichiarati. Visivamente, gli elementi del vaccino si distinguono per la loro forma insolita.

I risultati dell’indagine hanno portato a richieste legali e politiche, ad esempio, per l’immediata raccolta di informazioni da parte delle autorità al fine di poter valutare il rischio per la salute della popolazione rappresentato dai vaccini COVID-19. Ad esempio, i primi segnali di compromissione della fertilità nei soggetti vaccinati possono essere esaminati consultando i registri FIV. Attraverso il registro dei tumori, si possono ottenere informazioni sullo sviluppo del cancro a causa delle modifiche genetiche dell’RNA virale. La sospensione della vaccinazione COVID-19 dovrebbe essere presa in considerazione. (Fonte)

Questo post su minds.com sembra descrivere alcune delle strutture osservate e riportate dai ricercatori tedeschi e austriaci. L’account dell’utente che lo ha pubblicato è stato cancellato da Minds pochi minuti dopo il mio voto positivo al post. Il post originale sembra essere stato rimosso anche dal gruppo Telegram t.me/covid_vaccine_injuries.

Il rapporto Barbastro

Il rapporto di farmacovigilanza dell’ospedale Barbastro ha rivelato un’incidenza statisticamente significativa di decessi “COVID” in pazienti che avevano ricevuto il vaccino antinfluenzale Chiromas®. Un’indagine più approfondita sulle cartelle cliniche ha confermato questa tendenza, portando alla conclusione che i vaccini erano “iatrogeni” e contribuivano in modo significativo ai decessi attribuiti alla COVID-19. Hanno anche notato che la componente iatrogena del vaccino antinfluenzale Chiromas® era probabilmente associata al componente polisorbato 80, utilizzato come tensioattivo non ionico per le nanoparticelle di ossido di grafene in sospensione.

“I 20 deceduti del settore avevano tutti più di 65 anni. Di questi, 17 avevano registrato la somministrazione del vaccino e del suo lotto da parte dell’Assistenza Primaria, mentre degli altri 3 non c’è traccia. I vaccinati contro l’influenza rappresenterebbero quindi almeno l’85% del numero totale di decessi”.

“…il tasso di mortalità nei vaccinati registrati è quattro volte superiore a quello dei non vaccinati, in un campione già significativo di 94 individui”. Il rapporto Barbastro

Contaminanti in altri vaccini

Antonietta M Gatti del Consiglio Nazionale delle Ricerche italiano ha prodotto nel 2016 un rapporto che illustrava in dettaglio le loro analisi di 44 diversi vaccini utilizzando un microscopio elettronico a scansione ambientale dotato di microsonda a raggi X. Hanno catalogato contaminanti non dichiarati e nano-particelle in 43 dei 44 prodotti testati.

“Le analisi effettuate dimostrano che in tutti i campioni controllati i vaccini contengono corpi estranei non biocompatibili e bio-persistenti non dichiarati dai produttori, contro i quali l’organismo reagisce in ogni caso. Questa nuova indagine rappresenta un nuovo controllo di qualità che può essere adottato per valutare la sicurezza di un vaccino. La nostra ipotesi è che questa contaminazione sia involontaria, in quanto probabilmente dovuta a componenti inquinati o a procedure di processi industriali (ad esempio filtrazioni) utilizzati per produrre i vaccini…” “La quantità di corpi estranei rilevati e, in alcuni casi, la loro insolita composizione chimica ci hanno lasciato perplessi.

Le particelle inorganiche identificate non sono né biocompatibili né biodegradabili, il che significa che sono biopersistenti e possono indurre effetti che possono diventare evidenti o immediatamente vicino al momento dell’iniezione o dopo un certo tempo dalla somministrazione. È importante ricordare che le particelle (cristalli e non molecole) sono corpi estranei all’organismo e si comportano come tali. In particolare, la loro tossicità è per certi aspetti diversa da quella degli elementi chimici che li compongono, aggiungendo a tale tossicità… l’induzione di una reazione infiammatoria”. (Fonte)

Studi Scienfifici

I vaccini sono sotto inchiesta per i possibili effetti collaterali che possono causare. Al fine di fornire nuove informazioni, allo studio dei vaccini è stata applicata una metodologia di indagine al microscopio elettronico, volta a verificare la presenza di contaminanti solidi mediante un microscopio elettronico a scansione ambientale dotato di microsonda a raggi X. I risultati di questa nuova indagine mostrano la presenza di particolato micro e nanometrico composto da elementi inorganici nei campioni di vaccini che non è dichiarato tra i componenti e la cui indebita presenza è, per il momento, inspiegabile.

Questo ci hanno indotto a verificare la sicurezza dei vaccini da un punto di vista mai adottato prima: un approccio non biologico, ma fisico. Quindi, abbiamo sviluppato un nuovo metodo di analisi basato sull’uso di indagini al microscopio elettronico a scansione ambientale con pistola a emissione di campo per rilevare la possibile contaminazione fisica in quei prodotti.

Materiale e metodi

Sono stati analizzati 44 tipi di vaccini provenienti da 2 paesi (Italia e Francia). La tabella 1 li raggruppa in termini di nome, marchio e scopo.

NNomeMarca, Paese di distribuzioneDescrizioneLotto di produzione, data di scadenza
1Vivotif BernaBerna Biotech SA, ItalyVaccino antitifo (vivo), gruppo Ty21a3000336 [2004]
2Typhim ViAventis Pasteur MSD, ItaliaVaccino anti-Salmonella typhiU1510-2 [2004]
3TypherixGlaxoSmithKline Spa, ItaliaVaccino antitipoide (polisaccaride Vi)ATYPB061BB [2009]
4AnatetaleChirone (ora Novartis) ItaliaVaccino antitetanico adsorbito030106 [2004]
5AnatetaleVaccini e diagnostica Novartis, ItaliaVaccino antitetanico adsorbito060510 [2009]
6TetabulinaBaxter AG, ItaliaVaccino antitetanico adsorbitoVNG2G006A [2009]
7Dif-Tet-TuttiVaccini e diagnostica Novartis, ItaliaVaccino adsorbito antitetanico e difterico070501 [2009]
8FanrixGlaxoSmithKline Spa, ItaliaVaccino anti-difterite, tetano e pertosseAC14B071AJ [2009]
9Infanrix esaGlaxoSmithKline Biologicals s, ItaliaAntidifterite, tetano, pertosse, epatite B, poliomielite
e malattie causate da Haemophilus influenzae tipo b
A21CC512A [2017]
10Infanrix esaGlaxoSmithKline Biologicals in FranciaAntidifterite, tetano, pertosse, epatite B, poliomielite
e malattie causate da Haemophilus influenzae tipo b
A21CC421A [2017]
11MMR vaxProSanofi Pasteur MSD, ItaliaMMR vaxPro (morbillo, parotite e rosolia)
analizzato a Cambridge
L012437 [ 2017]
12RepevaxSanofi Pasteur MSD, FranciaVaccino anti-difterite-tetano-pertosse-poliomieliteL0362-1 [2017]
13RepevaxSanofi Pasteur MSD SNC FranciaVaccino anti-difterite-tetano-pertosse-poliomieliteL0033-1 [2016]
14PrioreGlaxoSmithKline Spa, ItaliaVaccino anti-morbillo-parotite e rosolia (MMR).A69CB550A [2009]
15MoruparChirone (ora Novartis, ), ItaliaVaccino contro morbillo, parotite e rosolia (MMR).7601 [2004]
16VarilrixGlaxoSmithKline Spa, ItaliaVaccino contro la varicella (gruppo OKA)A70CA567A [2009]
17Stamarillo PasteurSanofi Pasteur MSD, Italiavaccino contro la febbre giallaA5329-6 [2009]
18Allergoide-adsorbato 6-Graser Starke B.Allergofarma, GermaniaVaccino antiallergicoCh-B.:30005999-B [2006]
19Engerix-BGlaxoSmithKline Spa, ItaliaVaccino adsorbito contro l’epatite BAHBVB468BD [2009]
20Prenevar 13Pfizer, ItaliaVaccino antipneumococcicoG79324 [2013]
21Prevenire 13Pfizer, FranciaVaccino antipneumococcicoN27430 [ 2018]
22Mencevax AcwyGlaxoSmithKline, Italiavaccino anti-Neisseria meningococcico di gruppo A, C, W135 e YN402A47B 12 [2004]
23meningitecPfizer, Italia(gruppo C 10) (adsorbito su Al-fosfato)H92709 [2015]
24meningitecPfizer-ItaliaVaccino anti-meningococco (gruppo C 10) (adsorbito su Al-fosfato)H20500 [2014]
25meningitecPfizer-ItaliaAnti-meningococcus vaccine sequestred by Procura della RepubblicaG76673 [2014]
26meningitecPfizer-ItaliaAnti-meningococcus vaccine sequestred by Procura della RepubblicaH99459 [2015]
27meningitecPfizer-ItaliaAnti-meningococcus vaccine sequestred by Procura della RepubblicaH52269 [2015]
28MeniugaVaccini e diagnostica NovartisAntimeningococco di gruppo CYA0163AB [2010]
29MenveoVaccini e diagnostica NovartisAntimeningococco gruppi A, C, W135, YA15083 [2017]
30meningitecWyeth Pharmaceutical – FranciaVaccino antimeningococco di gruppo CE83920 [2011]
31Inflessibile VBerna BiotechVaccino antinfluenzale 2008/20093001463-01 [2009]
32VaxigripSanofi Pasteur MSDVaccino antinfluenzale 2008/2009D9703-1 [2009]
33VaxigripSanofi PasteurVaccino antinfluenzale 2012/2013J8401-1 [2013]
34VaxigripSanofi Pasteur, ItaliaVaccino antinfluenzale, con virus inattivato e divisoM7319-1 [2016]
35FocetriaVaccini e diagnostica NovartisVaccino H1N1 contro l’influenza pandemica0902401 [2010]
36AgrippaleNovartiVaccino antinfluenzale 2012/2013127002A [2013]
37AgrippaleVaccini Novartis, ItaliaVaccino antinfluenzale con virus inattivato e diviso 2015/2016 –152803 [2016]
38Agrippale S1Vaccini e diagnostica NovartisAnti-influenzale inattivato/superficiale v – 2014/2015147302A [2015]
39FluarixGlaxoSmithKline – GSKVaccino antinfluenzale 2013AFLUA789AA [2014]
40FluadeVaccini e diagnostica NovartisVaccino antinfluenzale con antigene inattivato/superficiale – 2014/2015142502 [2015]
41GardasilSanofi Pasteur MSD, ItaliaVaccino anti-HPV tipi 6,11,16,18NP01250 [2012]
42GardasilSanofi Pasteur MSD, ItaliaVaccino anti-HPV (tipi 6,11,16,18).K023804 [2016]
43CervarixGlaxoSmithKline Biologica, ItaliaAnti-HPV (tipo 16,18)AHPVA238AX [2017]
44Feligen PCRVirbac SA – Automobili – Italiaanti-panleucopenia, rinotracheite infettiva e infezioni
di Calcivirus, vaccino veterinario per gatti
3R4R [2013]
(Fonte)

Decessi segnalati da VAERS per tipo di vaccino e produttore (1988-2021)

I vaccini COVID-19 rappresentano il 51% di tutte le segnalazioni di decesso da vaccino inviate a VAERS dal 1988. Fare doppio clic/toccare un segmento per scendere al livello del produttore accedendo al link qua indicato.

Un’ulteriore analisi dei dati VAERS sta rivelando che alcuni lotti di vaccino generano un numero significativamente più elevato di segnalazioni di eventi avversi rispetto ad altri lotti, suggerendo che la composizione varia notevolmente tra i diversi lotti di produzione.

AFM/AFP associata al vaccino

Forse correlati, negli ultimi anni sono apparsi diversi rapporti sui media riguardanti gli avvertimenti del CDC nel 2018 di possibili focolai di mielite flaccida acuta nei bambini piccoli. Ecco un estratto dal documento del CDC Trascrizione per il telebriefing CDC: aggiornamento sulla mielite flaccida acuta (AFM) in the U.S.” del 17 ottobre 2018:

Al momento sappiamo che il poliovirus non è la causa di questi casi di AFM. Il CDC ha analizzato tutti i campioni di feci dei pazienti affetti da AFM, nessuno dei quali è risultato positivo al poliovirus. L’AFM può essere causata da altri virus, come l’enterovirus e il virus del Nilo occidentale, da tossine ambientali e da una condizione in cui il sistema immunitario dell’organismo attacca e distrugge il tessuto corporeo scambiandolo per materiale estraneo.

Pur sapendo che questi fattori possono causare la AFM, non siamo riusciti a trovare una causa per la maggior parte dei casi di AFM. Il motivo per cui non conosciamo l’AFM – e sono frustrato dal fatto che nonostante tutti i nostri sforzi non siamo riusciti a identificare la causa di questa malattia misteriosa. Dott.ssa Nancy Messonnier, Direttore del Centro Nazionale per le Immunizzazioni e le Malattie Respiratorie del CDC.

Sono stati pubblicati numerosi articoli e studi sui casi di paralisi flaccida acuta/mielite associata a vaccino:

  1. “La paralisi indotta dal vaccino richiede un’azione, afferma lo studio”
  2. “Paralisi flaccida acuta associata a poliovirus circolante derivato da vaccini: Filippine, 2001”
  3. “Poliomielite paralitica associata a vaccino: uno studio di coorte retrospettivo sulle paralisi flaccide acute in Brasile”
  4. “Poliomielite paralitica associata a vaccino e altre malattie con sindrome da paralisi flaccida acuta in Bielorussia”
  5. “Misurare l’immunità alla poliomielite per pianificare le attività di immunizzazione”
  6. “Focolai di mielite flaccida acuta negli Stati Uniti”

Questo è stato l’argomento di discussione in questa intervista con il Dr. Bryan Ardis.

AGGIORNAMENTO: 30 agosto 2022 …..Non abbiamo ancora finito….

Big Pharma e la Cina

Sembra che la maggior parte dei colossi farmaceutici e biotecnologici siano profondamente legati alle loro controparti cinesi da almeno 30 anni.

Pfizer ha investito più di 500 milioni di dollari in Cina dagli anni ’80, GlaxoSmithKline (GSK) ha investito più di 400 milioni di dollari, mentre AstraZeneca ha investito più di 140 milioni di dollari. AstraZeneca ha aperto un centro di sperimentazione clinica in Asia orientale a Shanghai, Roche ha stabilito il suo primo centro di R&S asiatico a Shanghai, Eli Lilly ha aperto una struttura di ricerca e sviluppo (R&S) a Shanghai e Novo Nordisk ha una struttura di R&S nel Life Science Park di Pechino Zhongguancun (ZGC). Anche GSK e Pfizer hanno aperto centri di R&S in Cina. “Parchi biotecnologici: China into the Next Future” (2011)

11 settembre 2021 :

“Ora, grazie ai materiali rilasciati attraverso una causa per il Freedom of Information Act da parte di The Intercept contro i National Institutes of Health (che non sono stati resi pubblici abbastanza da gettare Fauci sotto l’autobus), sappiamo che la EcoHealth Alliance, una no-profit con sede a New York e guidata da Peter Daszak, finanziata da Fauci, era assolutamente impegnata nella ricerca sul guadagno di funzioni per creare coronavirus chimerici basati sulla SARS, che hanno confermato di poter infettare le cellule umane”.

23 settembre 2021:

“Nuovi documenti dimostrano che solo 18 mesi prima della comparsa dei primi casi di Covid-19, i ricercatori [Peter Daszak] avevano presentato piani per rilasciare nanoparticelle penetranti nella pelle contenenti “nuove proteine chimeriche dello spike” di coronavirus dei pipistrelli nei pipistrelli delle caverne nello Yunnan, in Cina”.

“I ricercatori hanno anche pianificato di creare virus chimerici, geneticamente migliorati per infettare più facilmente gli esseri umani, e hanno richiesto 14 milioni di dollari alla Defense Advanced Research Projects Agency (Darpa) per finanziare il lavoro”.

22 ottobre 2021:

“L’NIH ammette di aver finanziato gli esperimenti COVID con guadagno di funzioni; concede a EcoHealth cinque giorni per riferire i dati”.

Le immagini sottostanti servono a illustrare la notevole somiglianza visiva tra le proteine corona delle nanoparticelle (fonte) e la proteina “spike” del “coronavirus” SARS-CoV-2 (fonte).

Video imperdibili ! Qui sotto avete degli ulteriori approfondimenti relativi all’argomenti trattati.

Video 1 & Video 2 & Video 3 & Video 4 & Video 5 & Video

Fonti: DeepWeb & zerohedge.com & pfizer.com & cdc.gov & intechopen.com & researchgate.net & natureworldnews.com & drasticresearch.org

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code