toba60

Il Discorso Dell’Allenatore: Elemento Centrale per il Successo Sportivo

Io il calcio l’ho giocato poco, mi ricordo del tempo passato qualche episodio legato ad un risultato particolarmente eclatante o di una mia sporadica prestazione positiva, ma se ci sono situazioni che difficilmente ho dimenticato sono quelle che vedevano il tecnico di turno protagonista prima e nell’intervallo di ogni partita….

….memorizzate bene quello che vi ho detto cari allenatori, perché l’esito finale dipende spesso da quello che dite ai vostri giocatori fuori dal campo di gioco.

Toba60

Il Discorso Dell’Allenatore ai Propri Giocatori

In allenamento, i giocatori vogliono mostrare le loro abilità individuali per convincere l’allenatore a usarle nella prossima partita. Tuttavia, il campo di allenamento è anche il luogo ideale per commettere errori.

È compito dell’allenatore riconoscere tali errori e analizzarli in modo appropriato. Il discorso della partita è particolarmente importante in questo contesto.

Non serve solo come riassunto verbale di una sessione di allenamento, ma dovrebbe soprattutto motivare i giocatori per la prossima competizione.

Di conseguenza, è importante che l’allenatore trasmetta il contenuto necessario durante il discorso della partita. Dopo tutto, si tratta di preparare mentalmente la squadra per il compito imminente senza nascondere le aspettative personali dei giocatori.

Ogni squadra può essere buona solo quanto il suo spirito di squadra e il morale interno glielo permettono. L’indirizzo della partita è uno strumento molto importante per dare impulsi che alla fine possono fare la differenza. Pertanto, gli errori nella realizzazione dovrebbero essere evitati per non irritare o demotivare i giocatori.

La parte obbligatoria relativa ai contenuti per ogni discorso di gioco

Il briefing della partita ha uno scopo chiaro. I giocatori dovrebbero essere preparati tatticamente per l’avversario imminente. A questo proposito, è necessario che l’allenatore presenti loro un’analisi concisa dell’avversario. Secondo l’analisi, i giocatori possono, da un lato, adattarsi alla sfida da soli e, dall’altro, ricevere istruzioni chiaramente strutturate. Il punto più importante, tuttavia, è che i giocatori si avvicinano al loro compito con gioia e motivazione.

Soprattutto nel caso di avversari apparentemente superiori, la motivazione può essere un fattore centrale per sorprendere il gioco e rivendicare la vittoria contrariamente all’opinione di tutti i bookmakers. Pertanto, quando ci si rivolge alla partita, le informazioni devono essere trasferite in modo breve e conciso. I punti di forza della squadra in particolare dovrebbero essere evidenziati verbalmente. È importante presentare il piano stabilito per la prossima partita in un discorso che dovrebbe avere una lunghezza massima di 15 minuti.

Fondamentalmente, l’allenatore dovrebbe chiedersi quali informazioni sono essenziali per i giocatori. Se la squadra si trova di fronte a troppe informazioni, c’è il rischio che la loro concentrazione venga meno e che almeno alcune parti del discorso passino inosservate. La buona intenzione di dare ai giocatori tutto quello che devono sapere rischia quindi di fallire.

Soprattutto il giorno della partita, le istruzioni dell’allenamento sono ancora presenti nella mente dei giocatori. Pertanto, non hanno bisogno di essere ripetuti nell’indirizzo della partita, a meno che non siano messaggi decisivi per il gioco. In questo caso, brevi parole chiave saranno di solito sufficienti per rinfrescare le aspettative del team. Le spiegazioni estese, d’altra parte, non sono più necessarie. Questo mantiene la riunione con la squadra comprensibile e breve, e il contenuto essenziale viene assorbito.
Ogni allenatore dovrebbe urgentemente evitare questi errori nell’indirizzo della partita

Ora ci sono anche contenuti che non dovrebbero essere espressi in un annuncio di partita in nessun caso. Altrimenti, l’effettivo obiettivo principale di preparare la squadra per l’avversario e motivarla di conseguenza molto probabilmente non sarà raggiunto.

1) Preparare la squadra significa essere preparati

Un compito essenziale dell’allenatore è analizzare sufficientemente l’avversario. Solo allora sarà in grado di indicare i punti di forza e di debolezza per adattare tatticamente la squadra a loro. I giocatori riconosceranno rapidamente le dichiarazioni non preparate perché sono caratterizzate da frasi vuote, generalizzazioni o mezze conoscenze. Di conseguenza, non sanno affatto cosa ci si può aspettare da loro nella partita e quali specifiche devono aspettarsi. In un certo senso, si sentono lasciati soli con il loro compito.

Se, nonostante la ricerca intensiva, le informazioni sull’avversario sono insufficienti, è consigliabile concentrare l’annuncio della partita sui punti di forza positivi della propria squadra. Questo promuove enormemente lo spirito di squadra, in modo che i giocatori vadano in partita con uno stato d’animo positivo. I singoli componenti del team dovrebbero essere affrontati separatamente. Commenti motivanti sul comportamento difensivo, sulla strategia di centrocampo o sulle prestazioni in attacco rafforzano lo spirito combattivo all’interno della squadra.
Conosci già le nostre sessioni del lunedì?

2) Non parlare mai della squadra avversaria come se fosse più forte di quello che è in realtà

A questo punto, durante l’analisi dell’avversario, può risultare che la propria squadra si troverà di fronte a una moltitudine di punti di forza. Nel suo discorso di partita, tuttavia, l’allenatore dovrebbe concentrarsi su un massimo di tre caratteristiche e comunicarle alla squadra in modo fattuale. Per ogni forza, tuttavia, dovrebbe essere possibile nominare un antidoto. Il caposquadra non deve assolutamente ripetere costantemente la superiorità o i punti di forza eccezionali dell’avversario.

Così facendo, alla fine incoraggia l’altra squadra perché fa capire ai suoi giocatori, almeno indirettamente, che sono quasi senza possibilità. In ogni caso, la propria squadra difficilmente sarà in grado di costruire la fiducia in se stessa se viene ripetutamente resa consapevole della sua presunta inferiorità. Allora non c’è quasi più spazio per un atteggiamento ottimista e coraggioso.
Nel peggiore dei casi, la squadra si dimette prima ancora che la partita inizi.

3) Nessun discorso di corrispondenza senza un piano di corrispondenza adattato individualmente

L’indirizzo della partita dovrebbe preparare la propria squadra per la prossima partita. L’allenatore è l’unico responsabile del piano di gara perché accompagna costantemente la sua squadra e può avere una visione ottimale durante le sessioni di allenamento. Sia le debolezze che i punti di forza dei singoli giocatori dovrebbero essergli noti. Tuttavia, sarebbe fatale per il disegno del gioco se non può comunicare un piano di gioco strutturato.

In questo caso, le solite frasi non saranno di alcun aiuto, perché altrimenti la squadra probabilmente farà delle domande. Se il piano della partita non è ben pensato, tuttavia, l’allenatore non avrà una risposta per i suoi giocatori in discussione. Può anche lasciare al team l’impressione di non essere interessato alle loro preoccupazioni. È un compito centrale nel coaching percepire gli errori individuali e poi analizzarli dopo un allenamento o dopo una partita per presentare al giocatore delle soluzioni. Se invece non è in grado di dare risposte veritiere ed esperte, il piano di gioco sarà nullo fin dall’inizio.

4) l’indirizzo della partita deve essere diretto, mai generico

Durante l’indirizzo della partita, l’allenatore dovrebbe sempre scegliere formulazioni concrete. Le generalizzazioni, d’altra parte, dovrebbero essere evitate. Questo include in particolare parole come “mai”, “tutti” o “sempre”.
Le situazioni delle partite sono individuali come le personalità dei giocatori.
Di conseguenza, tali parole non possono riflettere accuratamente la realtà. Naturalmente, l’indirizzo della partita è anche caratterizzato da emozioni.

Tuttavia, tali esagerazioni hanno un effetto negativo sul match play. I giocatori si aspettano che gli allenatori li aiutino, anche se fanno errori nella struttura della squadra. Perciò, dovrebbe essere possibile sostanziare le informazioni con esempi concreti.

Le generalizzazioni, tuttavia, hanno un effetto inquietante sui giocatori, soprattutto perché hanno la sensazione di non poter fare nulla di buono. Di conseguenza, agiranno con sconforto nella prossima partita, poiché presumono di non poter cambiare i loro errori in ogni caso.

5) La critica costruttiva è la più duratura

Soprattutto se la sconfitta dell’ultima partita non è stata ancora affrontata, c’è una grande tentazione di affrontarla di nuovo nel discorso della partita. Anche se la rabbia o la mancanza di comprensione dell’allenatore può essere convincente, dovrebbe sempre argomentare in modo costruttivo e orientato al futuro. Attaccare verbalmente i giocatori non aumenta le possibilità di vincere la prossima partita.

Il caposquadra dovrebbe interrogarsi su questo in ogni azione così come in ogni indirizzo della partita. Se, invece, la squadra viene ridicolizzata o fatta sfilare dall’allenatore, la sua fiducia in se stessa affonda. Con questa restrizione, non ci si può aspettare prestazioni al top. La critica costruttiva, d’altra parte, non solo è appropriata, ma promuove anche la motivazione. I singoli giocatori o intere sezioni della squadra hanno l’opportunità, attraverso un’analisi precisa dei loro errori, di prestare particolare attenzione ad essi nella partita successiva, al fine di evitare tali errori.

6) Non lasciare spazio a scuse alla squadra

Nell’indirizzo della partita, l’allenatore dovrebbe astenersi dal creare un alibi per i giocatori in anticipo. Se l’arbitro o le cattive condizioni del campo sono stati comunque responsabili della sconfitta nell’ultima partita, i giocatori memorizzeranno queste o simili scuse. È possibile che l’arbitro abbia effettivamente preso alcune decisioni sbagliate che alla fine hanno portato alla sconfitta nell’ultima partita.

Tuttavia, l’allenatore non dovrebbe soffermarsi troppo a lungo su questo, perché altrimenti c’è il pericolo che l’arbitro sia comunque sempre in parte da biasimare.

È importante che l’allenatore mostri ai suoi giocatori che devono prestare particolare attenzione alle parti del gioco che possono influenzare da soli.
Le cattive condizioni del campo, il tempo e la forza maggiore non sono tra questi. La squadra dovrebbe concentrarsi sulle proprie possibilità personali di influenza e non decidere il gioco con i propri pensieri.

7) Gli insulti sono un reato penale e quindi tabù nell’indirizzo della partita

Pochi giorni prima della prossima grande partita, le cose non vanno di nuovo come l’allenatore vorrebbe nella sessione di allenamento. Lo sport significa anche emozione, che ovviamente deve essere comunicata. Nessuno viene aiutato se l’allenatore tiene sempre una mano protettiva sui giocatori. È possibile che le emozioni arrivino al punto che l’allenatore perda la sua compostezza per un breve periodo. Il discorso della partita dovrebbe essere interrotto quando la rabbia non può più essere compensata da una critica massiccia.

In particolare, il rispetto per i giocatori e i loro tratti caratteriali dovrebbe essere sempre mantenuto.

Gli insulti non devono assolutamente avere posto in un indirizzo di partita. La critica dovrebbe sempre basarsi sui fatti. Può riferirsi sia al comportamento in allenamento e in partita, sia al comportamento dei giocatori fuori dal campo. Se la personalità di un giocatore non si adatta al resto della squadra, non deve essere insultato.

In una conversazione ragionevole, gli si può offrire la prospettiva di un cambiamento. Nel peggiore dei casi, dovrebbe essere licenziato. In primo luogo, però, l’allenatore deve trattare ciascuno dei suoi giocatori con il necessario rispetto, soprattutto perché sono esseri umani con una propria personalità.

8) Non gettare la spugna prematuramente e più e più volte

Forse gli stessi errori individuali sono stati fatti nella sessione di allenamento dopo l’ultima sconfitta. L’allenatore dovrebbe anche dare ai suoi giocatori il tempo necessario non solo per riconoscere da soli i loro problemi di gioco, ma anche per integrare le soluzioni del leader della squadra nel loro gioco.

Le debolezze sono umane e fanno semplicemente parte del gioco. Alla fine, una sconfitta non è la fine del mondo.

Tuttavia, se l’allenatore si lascia trasportare dal mettere in discussione tutto e tutti dopo una sconfitta o una breve fase di debolezza nel discorso della partita, la motivazione della squadra sarà notevolmente indebolita. Le misure di emergenza incontrollate non aiutano né l’allenatore né la sua squadra. In certe circostanze, i membri della squadra perdono semplicemente la fiducia. Questo è certamente vero se l’allenatore mette sempre in discussione tutto nell’indirizzo della partita per continuare come al solito dopo la partita.

9) Il discorso della partita non deve essere senza un lieto fine

Il discorso della partita è lo strumento più importante dell’allenatore per motivare i suoi giocatori per la prossima sfida. Anche se la critica costruttiva deve certamente essere parte integrante, purché sia giustificata, il discorso della partita non dovrebbe mai finire con una dichiarazione negativa. Per inciso, lo stesso vale per l’inizio del discorso, altrimenti i giocatori non saranno motivati ad ascoltare in primo luogo.

Dopo tutto, ricorderanno soprattutto le ultime frasi. Pertanto, sono predestinati a un’ulteriore spinta motivazionale.

La squadra deve avere la sensazione che l’allenatore crede in loro, anche se i presagi non sono ideali. In ogni caso, un finale negativo non promuoverà la volontà della squadra di esibirsi. Le parole dell’allenatore sono una fonte importante per i giocatori.

E con la giusta scelta di parole, anche la vittoria al prossimo avversario non è improbabile.


Conclusione

Si scopre che il discorso della partita è immensamente importante per l’allenatore. Può motivare, eliminare gli errori, integrare i singoli giocatori – e nel migliore dei casi portare alla vittoria!

Questi sono i punti più importanti

Preparati da solo
Nessun avversario è troppo grande per parlare
Piano di abbinamento individuale
Indirizzo diretto, senza frasi vuote
Critica costruttiva
Non permettere scuse
Diventare personalmente offensivo è un tabù
Non arrendersi in anticipo
Discorso da gioco con un lieto fine

Se questi punti sono rispettati e l’allenatore ha il cuore in mano, allora niente può andare male nel discorso!

Fonte: fussballtraining.de

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo. 

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code