toba60

Il Nuovo Apolitico

E’ un tema che viene poco dibattuto quello legato al disinteresse per la politica da parte dei giovani.

A dirlo e’ uno che a 16 anni i libri di Carl Marx li aveva tra le mani tutti i giorni e le discussioni tra amici finivano sempre tra litigi e alzate di spalle che sfociavano ogni volta con un nulla di fatto.

Mio padre era pilota di caccia nella Seconda Guerra Mondiale (Unico sopravvissuto della sua squadriglia) e successivamente con la Repubblica di Saló affianco i Tedeschi, ed ogni volta che parlavo di politica con lui mi faceva vedere la sua foto che lo ritraeva insieme al Duce.

Non parliamo poi di mia madre, di nazionalità Austriaca che abitando dietro il Parlamento di Vienna, ad ogni comizio del Führer con tutta la scolaresca sventolava la bandierina nazista che per lei era come una reliquia.

La politica ha due valenze, la prima ideologica e la seconda di puro e semplice opportunismo.

L’apolitico e’ colui che ignaro di ogni ideologia non si i identifica con nulla, sino al momento in cui non trova qualcosa di conveniente da scegliere.

Un vero Opportunista.

Toba60

L’apolitico Moderno

Viviamo in un’epoca in cui la moda ancora una volta ti impone di rimanere neutrale, obiettivo.

I giovani sembrano adottare questo nuovo tipo di stile di vita che ti dice “siediti sul tuo divano, guarda la TV, vai a prendere un caffè, non lamentarti comunque non cambierà nulla” ecc. Ecc. È questo apolitico che sento sempre di più scorso. Il mio assunto di base nelle righe seguenti è che il neutro e l’obiettivo che alcuni vogliono immaginare non solo non esiste, ma è una costruzione della classe dirigente con un segno chiaro.

L’attuale situazione apolitica è diversa da quella definita dalla realtà pre-crisi. Quindi la cosa più interessante potrebbe essere quale canzone invieremo all’Eurovision o quale saranno le band bouzouki bands di Atene, ecc. Pettegolezzi senza senso e spettacolo di ricchezza hanno collegato la scena. Era un tempo in cui il capitalismo ti chiedeva sempre più divertimento.

In questa orgia di capitalismo, la politica era considerata aliena e chiunque cercasse di parlare di politica veniva stigmatizzato come partigiano o qualcosa del genere. Le cose sembrano essere cambiate con l’avvento della crisi. La politica monopolizzava l’interesse nelle discussioni della gente comune. “Di chi è la colpa, quali sono le alternative, chi può salvarci” erano le domande che spesso si sentivano nei gruppi e sui pannelli televisivi. Molte di queste discussioni erano fortemente fanatiche.

L’elettore del PASOK ha negato gli errori, per non parlare dell’avidità di coloro che ha votato per così tanti anni, l’elettore ND ha fatto lo stesso. Si sono incolpati a vicenda e alla fine non sono andati da nessuna parte. Al di là di questo livello di discussione, una parte della maggior parte dei giovani era interessata a trovare risposte significative a ciò che stava accadendo. Ha partecipato a conferenze, ha letto, discusso, ha partecipato a movimenti e movimenti, è stato interessato.

Un’altra porzione della popolazione è stata “istruita” da google e vari volantini indegni di commento. Probabilmente ti hanno parlato del piano dei massoni e degli Illuminati per conquistare il mondo, forse ti hanno mostrato foto-documenti con i politici nelle logge massoniche, altri salutano con la ben nota stretta di mano massonica ecc.

“Gli ebrei sono responsabili di tutto” e di tutto ciò che è correlato. C’era, tuttavia, un interesse per la politica. La gente è scesa in piazza, ha sfidato, ha chiesto il cambiamento, ha affermato.

Oggi la nuova svolta apolitica non ci riporta esattamente alla situazione precedente. I giovani apolitici non sono, non erano e non saranno, e quindi apolitici. Il nuovo stile di vita apolitico protegge occhiali da sole spessi, barba, musica chill out, luoghi di ritrovo “ricercati”, drink alternativi, abbondanza di check in, apatia e demonizzazione di ogni tipo di partecipazione pubblica.

Quanto può essere apolitico tutto ciò che ho cercato di descrivere? Non è quello che vuole ogni politica conservatrice di destra, un popolo immobilizzato? Una popolazione che sarà più interessata a chi farà il check-in di notte o come raccogliere fondi per ottenere il nuovo modello di cellulare, andrà a lavorare (chi sta ancora lavorando) e non sarà più coinvolta nella politica.

Una risposta nelle parole di Bertolt Brecht:

“Il peggior analfabeta è il politicamente analfabeta. Non sente niente, non vede niente, non partecipa alla vita politica. Non sembra sapere che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, della farina, dell’affitto, delle medicine, siano tutti basati su decisioni politiche. Si sente persino orgoglioso della sua amorfa politica, si gonfia il petto e dice che odia la politica. L’idiota non sa che dalla sua mancanza di partecipazione pubblica deriva l’esistenza di una prostituta, del bambino abbandonato, del ladro e, peggio di tutto, dei funzionari corrotti, dei lacchè delle multinazionali sfruttatrici […] ”.

“Ma io non dico di non partecipare alle riunioni, ma di essere neutrale e obiettivo” Sento che mi rispondi politicamente nuovo. Il neutro e l’obiettivo non esistono, ti risponderei e entreremmo in una discussione che non finirebbe da nessuna parte. Diamo un’occhiata a un esempio. Recentemente si è svolta una discussione presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Aristotele di Salonicco sul tema della sicurezza, su iniziativa di un gruppo di studenti “neutrali”.

Le loro proposte si sono mosse nel seguente contesto “neutro”

Mettere telecamere nelle università, avere un responsabile all’ingresso, al quale saremo obbligati a dare i nostri dati identificativi, evitare di circolare la sera nell’area del campus e chiamare la polizia, dopo le carceri (che sono state licenziate) nella maggior parte di loro) non sono in grado di svolgere il proprio lavoro.

Ogni volta che qualcuno cercava di integrare il problema della sicurezza nel più ampio quadro politico che porta alla distruzione dell’università pubblica o non era d’accordo con la questione della loro “buona” polizia, veniva immediatamente etichettato come “mente partigiana”. Si è sentito o meglio scritto nella discussione che aveva preceduto la pagina facebook della scuola e la successiva “neutrale” “per costruire centri di detenzione e mettere lì tutti quei tossicodipendenti che ci minacciano”.

Davvero quanto ti sembra neutro tutto questo?

Qual è il motivo di questo ritorno alla cosiddetta situazione apolitica?

Penso che il motivo abbia a che fare con la mancanza di ispirazione da parte dei partiti politici. Si è scoperto che nessuno era in grado di ispirare o “dire la verità” alle persone. Quindi siamo tornati a “tutti sono uguali”. Un’osservazione al riguardo.

La politica non si identifica solo con le attività dei politici. Forse a questo punto dovremmo fare un’importante distinzione tra politica e politica. Basandosi su teorici come Schmitt, C. Lefort e Chantal Mouffe, la politica è definita come il processo di regolazione delle relazioni sociali e può sorgere ovunque nella struttura sociale. In questo senso “il personale è anche politico”

Penso che ciò che questi “dannati” ragazzi apolitici debbano capire è che non dobbiamo aspettarci un cambiamento da nessun partito o leader. Siamo noi stessi responsabili del cambiamento. Siamo i leader che cerchiamo di trovare. “Noi” non “io”. La soluzione non è giocarlo in modo neutro e obiettivo, quando in realtà siamo tutt’altro che neutri e obiettivi.

I veri “Giocatori” creano opportunità e partecipano.

Sfidano, creano, cambiano.

Lo stato d’animo apolitico è essenzialmente non apolitico.

L’apolitico non esiste.

Considerandoti apolitico e mantenendo un tale atteggiamento, legittimi chiaramente la politica perseguita.

Svegliati, non sei l’attrezzatura che alcune persone ti dicono.

Non sei una macchina

Sei una persona con la capacità di agire.

Panos Panagiotou

Fonte : Terrapapers

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code