toba60

IL Nuovo Ordine Mondiale ha Inizio! Cosa Avete Intenzione di Fare?

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Le tematiche trattate in questo portale dovrebbero chiarire molte cose su questioni legate l’andamento socio-economico, politico e in generale su tutte le problematiche poste in essere nel mondo.

Gli argomenti sono vari e non riguardano solo la sfera collettiva, ma pure quella strettamente personale, che e’ poi quella che offre una visione omogenea della realtà.

Quando aprii questo magazine la mia intenzione era di mettere tutta la mia esperienza acquisita viaggiando e dedicando il mio tempo alla scoperta di un mondo parallelo all’interno della rete, affinché tutti possano usufruirne.

Servirà’ a qualcosa?

Me lo sono sempre domandato ed il quesito successivo è stato……

ma ne vale la pena?

Non mi sono mai posto nella condizione egocentrica di chi si pone al centro dell’universo, ma di chi e’ parte integrante di esso, è facile operare delle scelte pensando in questo modo, nulla di ciò che è umano mi e’ estraneo, e lo e’ anche per voi sappiatelo.

Smettetela di guardarvi intono alla continua ricerca di risposte, sono già dentro di voi, ci troviamo in un momento per cui non si possono intraprendere delle scelte sbagliate.

Quelle le hanno già pronte per voi quelle stesse persone che i danni li hanno creati.

Ora siete voi a dover decidere e questo crea un immensa paura………

La miglior alleata del diavolo che vi tiene in pugno.

Toba60

Il Nuovo Ordine Mondiale è Arrivato

Come abbiamo sottolineato in passato, fino ad oggi molto è stato scritto e detto molto di più da persone che si rifiutano di gettare la mente nella spazzatura e accettano il modo in cui l’umanità deve affrontare una malattia contagiosa.

I fatti, le prove, le statistiche, i dati che dimostrano la più grande frode politica nella storia dell’umanità. La “pandemia” di Covid non è altro che la menzogna su cui i “Signori di questo mondo” fondano il loro sforzo per cambiare il mondo e la nostra vita quotidiana, come siamo stati abituati fino ad oggi.

Ricorderete come non pochi politici – in Grecia e all’estero – che, sin dalle prime apparizioni di Covid nel giornalismo mondiale, si siano affrettati a dichiarare come “cambierà tutto quello che sapevamo fino ad oggi” e come “niente sarà più come prima”. Come facevano a sapere di non essere complici del crimine perfettamente organizzato contro l’umanità?

Questa pratica non è mai stata seguita fino ad oggi, con una sola eccezione. Gli eventi dell’11 settembre 2001. Poi, politici e giornalisti, annunciando lo schianto del primo aereo contro le Torri Gemelle del World Trade Center di New York, si precipitarono “profetizzando” per raccontare radicalmente “e che” nulla sarebbe stato osservato come prima “!

Dai fatti, che hanno visto la luce, è stata finalmente svelata la verità e non c’è più alcun dubbio su come, cosa sia successo quando si faceva parte di un piano ben organizzato. L’11 settembre ha segnato la pietra miliare di una nuova era nella diplomazia internazionale. Con il pretesto di combattere il terrorismo, i governanti di questo mondo, da quel giorno in poi, possono intervenire in modo incontrollabile e senza giustificazione in qualsiasi parte del mondo, e bombardando città, distruggendo villaggi, dissolvendo civiltà!

Prima dell’11 settembre, qualsiasi interferenza negli affari interni di un singolo stato era considerata inaudita e impensabile. Ciò che era necessario, quindi, era un evento che avrebbe sconvolto l’umanità e, con la corretta gestione del sentimento umano, avrebbe portato allo stato incontrollabile – e allo stesso tempo pericoloso – del loro potere insaziabile su di loro.

I bombardamenti sul suolo americano – e persino nel cuore di New York – hanno suscitato stupore, perché fino ad allora l’intero pianeta credeva che fosse la parte più sicura della terra. Il modo ben progettato e attentamente studiato di presentarlo ai media ha caricato emotivamente l’umanità, che improvvisamente “odiava” il “terrorismo” e cercava disperatamente vendetta. Il piano ”dei cento” era riuscito. L’opinione pubblica ha dato il benestare e la “spunta bianca” per condurre operazioni in ogni parte dell’orizzonte, con il solo pretesto della lotta al terrorismo.

Fin dai primi momenti degli eventi, ci sono state alcune voci, che hanno contestato questo, presentate dai media occidentali. Fino ad oggi hanno sentito e scritto molto, ma una cosa è certa: non esiste organizzazione terroristica in nessuna parte del pianeta senza la partecipazione dei servizi segreti.

Se studiamo attentamente il corso delle organizzazioni terroristiche di maggior “successo”, come il Baader-Meinhof (“Armata Rossa”) in Germania, le “Brigate Rosse” in Italia, i Fatihs dell’OLP) e gli irlandesi dell’IRA , osserveremo come hanno tutti un finale comune: sono stati completamente smantellati, nonostante la loro rete molto ben organizzata e protetta.

Al contrario, vediamo organizzazioni “terroristiche” “fantasmi”, come Al Qaeda, ISIS, la Jihad islamica egiziana, Hamas, Hezbollah, precedentemente il nostro “17 novembre” e una miriade di altre “vetrine” di rimanere attivi e di funzionare in un modo che faciliti l’attuazione delle politiche espansionistiche occidentali.

Gli attacchi dell’11 settembre sono stati indubbiamente pianificati dai servizi segreti statunitensi. La teoria del “crollo” di tre edifici del WTC a causa di incendi causati dallo schianto di aerei è stata smentita dalla scienza. Alla fine del 2016, la prestigiosa rivista scientifica “Europhysics” ha pubblicato uno studio1 di quattro fisici, che dimostra che gli edifici sono caduti a causa della “demolizione controllata” e che abbiamo presentato ampiamente in due parti2, sul quotidiano “Agritos”.

Oggi, tutti coloro che mettono in dubbio la “tragedia” dell’11 settembre sono ufficialmente condannati, ma quasi tutti – ad eccezione dei corrotti e degli stupidi sanno che questo è un gioco politico consolidato che ha davvero cambiato il nostro mondo e, infatti, il nostro mondo, peggio e incertezza.

La stessa cosa accadrà con il mito Covid tra qualche anno, ma sarà troppo tardi. Nel 2001 i tiranni del “Cielo” decisero di usare la paura del terrorismo per controllare le persone. Il loro esperimento ha avuto molto successo ed è per questo che nel 2019 sono passati alla fase successiva, per cambiare radicalmente il mondo, con la semplice paura della salute!

Notate cosa dicono i leader della truffa: “La diffusione di malattie infettive ha una capacità unica di alimentare la paura, l’ansia e l’isteria di massa. In questo modo, come abbiamo visto, sfida anche la nostra coesione sociale e la nostra capacità collettiva di gestire una crisi. Le epidemie sono intrinsecamente divisive e traumatiche. Ciò per cui stiamo combattendo è invisibile.

La nostra famiglia, i nostri amici ei nostri vicini possono diventare focolai di infezione. Questi contatti quotidiani che ci piacciono, come incontrare un amico in un luogo pubblico, possono diventare un mezzo di trasmissione. “E le autorità, che cercano di tenerci al sicuro imponendo misure restrittive, sono spesso viste come strumenti di oppressione”.

Perché stanno accadendo tutte queste cose? Ancora una parola ai “protagonisti”: “Molti di noi pensano a quando le cose torneranno alla normalità. La risposta breve è: mai. Nulla tornerà mai al senso di normalità “incrinato” che prevaleva prima della crisi, perché la pandemia coronarica che segna una svolta fondamentale nel nostro corso mondiale.

Alcuni analisti lo definiscono una propaggine importante, altri si riferiscono a una profonda crisi di dimensioni “bibliche”, ma l’essenza rimane la stessa: il mondo come lo conoscevamo nei primi mesi del 2020 non esiste più, dissolto ovunque. Di conseguenza, si stanno verificando cambiamenti così radicali che alcuni esperti fanno riferimento a un’epoca “prima della corona” (aC) e “dopo la corona” (AC).

Continuerà a stupirci, sia per la velocità che per la natura inaspettata di questi cambiamenti. Quando si intrecciano tra loro, causeranno un secondo, terzo, quarto e anche maggiore ordine, conseguenze e risultati imprevedibili. In questo modo formeranno una “nuova normalità” radicalmente diversa da quella che gradualmente ci lasceremo alle spalle. “Molte delle nostre convinzioni e supposizioni su come il mondo potrebbe e dovrebbe apparire crolleranno nel processo”.

I tiranni del mondo hanno già deciso come il mondo cambierà in modo così radicale, che anche la separazione nella storia umana non sarà determinata dalla venuta del Cristo uomo-Dio sulla terra, ma dall’apparizione del mondo! È impensabile, ma purtroppo reale.

Così come è reale il metodo orribile, seguito in passato dagli antenati delle attuali dinastie del pianeta: il giorno di San Valentino, agli ebrei – che erano stati accusati di trasmettere la peste contaminando i pozzi della città – fu chiesto di convertirsi .

Circa 1.000 rifiutarono e furono bruciati vivi. Allo stesso tempo, le comunità ebraiche di altre città europee sono scomparse, costrette a migrare in massa verso la parte orientale dell’Europa (Polonia e Russia), modificando in modo permanente la demografia del continente.

Ciò che vale per l’antisemitismo europeo vale anche per l’ascesa dello Stato autoritario, il graduale abbandono della Chiesa e molti altri eventi storici che non possono essere attribuiti a nessuno di loro.

I cambiamenti furono così diversi e diffusi che portarono alla “fine di un periodo di sottomissione”, ponendo fine al feudalesimo e alla schiavitù e inaugurando l’Età dell’Illuminismo. In parole semplici: Se tali profondi cambiamenti sociali, politici ed economici potessero essere causati dalla peste nel mondo medievale, la pandemia COVID-19 potrebbe segnare l’inizio di una svolta simile nel nostro lungo e drammatico mondo di oggi? A differenza di alcune epidemie del passato, COVID-19 non è una nuova minaccia esistenziale.

Non porterà a pene di massa impreviste, grandi sconfitte militari e cambi di regime. Tuttavia, ciò non equivale a un’analisi rassicurante. In effetti, la pandemia sta drammaticamente aggravando i pericoli preesistenti che non siamo stati in grado di affrontare adeguatamente per molto tempo. Accelererà anche le tendenze preoccupanti che si stanno sviluppando per un lungo periodo di tempo “.

Tutto quanto sopra non sono le parole di alcune persone a caso, ma di coloro che hanno il potere e l’autorità di determinare la politica mondiale. Questi sono estratti dal libro “COVID-19: The Great Reset” (COVID-19: The Great Reset), di Klaus Schwab e Thierry Malleret.

Klaus Schwab, l’autore principale del libro, è nato nel 1938 a Ravensburg, in Germania, ed è il fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum (WEF).

Il WEF ha sede a Cologny, Svizzera, nel cantone di Ginevra, Svizzera, ed è un’organizzazione senza scopo di lucro, fondata il 24 gennaio 1971. Secondo il suo sito web ufficiale, Altri leader della società per formare programmi globali, regionali e industriali .

È stata fondata nel 1971 come fondazione senza scopo di lucro e ha sede a Ginevra, in Svizzera. È indipendente, imparziale e non ha interessi particolari. Il Forum si impegna a presentare l’imprenditorialità nell’interesse pubblico globale, mantenendo i più elevati standard di governance. L’integrità morale e spirituale è una priorità di tutte le sue attività.

Le nostre attività sono plasmate da una cultura istituzionale unica, basata sulla teoria dei portatore d’interessi, che afferma che un’organizzazione è responsabile nei confronti di tutte le parti della società. La Fondazione combina attentamente e bilancia il meglio di molti tipi di organizzazioni, sia nel settore pubblico che privato, da organizzazioni internazionali e istituzioni accademiche.

Crediamo che il progresso si ottenga riunendo persone di ogni estrazione sociale che hanno il potere e l’influenza per fare una differenza positiva “.

Il WEF è un’organizzazione basata sulla partecipazione dei suoi membri, tra cui le più grandi aziende del mondo.

Il Forum organizza e coordina un incontro annuale a fine gennaio a Davos, una località di montagna dei Grigioni5, nelle Alpi orientali, in Svizzera, sul Riverwasser. Costruita ad un’altitudine di 1.560 metri, è la città più alta d’Europa. Qui si incontrano circa 3.000 uomini d’affari, politici, economisti, celebrità e giornalisti. Ogni riunione annuale dura fino a cinque giorni e discute le questioni che interessano la vita delle persone in tutto il mondo, in circa 500 sessioni pubbliche e private.

Il WEF convoca inoltre da sei a otto riunioni regionali ogni anno in Africa, Asia orientale, America Latina e India e conduce altre due riunioni, una in Cina e una negli Emirati Arabi Uniti. Oltre agli incontri, l’organizzazione offre opportunità di comunicazione e collaborazione tra i leader di tutti i gruppi di portatori di interessi in tutto il mondo – in materia di imprenditorialità, governance e società – per collaborare alle sue varie iniziative e iniziative. Produce una serie di report, coinvolgendo i propri membri in iniziative specializzate7. Ha quindi il controllo completo su governi e aziende in tutto il mondo!

Per coloro che potrebbero aver trovato esagerato il collegamento tra gli eventi dell’11 settembre e Covid, citeremo un altro punto. Dal 1971 ad oggi, il WEF si è sempre incontrato a Davos, tranne che per due anni. Vediamo cosa scrive un rilevante articolo8 del quotidiano “Naftemporiki”:

Quest’anno il forum si terrà a Singapore, decisione che ha portato allo scoppio della pandemia Covid-19 in Europa e all’aumento del rischio per la salute che si verifichi in Svizzera.

Sarà solo la seconda volta nella sua storia che il forum cambia sede poiché tradizionalmente si tiene sempre a Davos. È stato osservato per la prima volta all’indomani dell’11 settembre, quando il World Economic Forum si è svolto a New York.

“Il cambio di sede è indicativo delle priorità del forum, che mette soprattutto la sicurezza e la salute dei partecipanti e della comunità in generale”, ha commentato il World Economic Forum.

Anche il World Economic Forum ha cambiato data, spostandola da gennaio a maggio. Allo stesso tempo, da ottobre, aveva rivelato come fosse allo studio il cambio di località, in una zona a quota più bassa. Nel frattempo ha annunciato come organizzerà anche un evento online “.

Il cambio di sede, così come la data del Forum, mostrano l’enfasi che l’establishment globale ha posto sul mantenere il timore di frodi covid e fino a maggio, quando sono previsti sviluppi in tutto il mondo. Già sta crollando il mito del vaccino, da lì, la vera – mutazione che presuppone la prosecuzione delle misure, che sono la forma sperimentale della schiavitù moderna e la limitazione del consumismo, con l’obiettivo della globalizzazione.

Le persone non sono più libere di muoversi e andare dove vogliono, poiché devono fornire un riferimento dettagliato al loro “capo” (vedi governo). Sono obbligati a muoversi, avendo sempre con sé la tessera di polizia e il permesso di “uscita” da casa, non hanno il diritto di muoversi senza le moderne catene-museruola, se sono costretti a farlo.

La ripresa, di cui ha bisogno il capitalismo, questa volta non avviene con la guerra, ma con l’applicazione di uno speciale “bollettino” sui mercati. Le persone non aspettano in fila affamate – ancora – ma a distanza e per un tempo limitato. Tra poco, però, seguirà la pena, perché questo è ciò che hanno deciso i potenti della terra! La popolazione deve essere ridotta e di fronte a questo scopo non si arrende.

“COVID-19: The Great Reset” è la registrazione dei precedenti incontri del WEF, che nel 2016 “profeticamente” aveva organizzato – tra gli altri – le seguenti discussioni: “What If: You Are Still Alive in 2100?” 9 (Cosa accadrà se sei ancora vivo nel 2100;), “Un contratto sociale per trasformare il nostro mondo entro il 2030” 10 (Un contratto sociale per la trasformazione del nostro mondo fino al 2030) e “Siamo preparati per la prossima epidemia?” 11 (Siamo preparati per la prossima epidemia?).

I libri precedenti di Schwab, “The Fourth Industrial Revolution” (2016) – un bestseller globale, tradotto in 30 lingue – e “Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution” ( 2018), è un’introduzione a “COVID-19: The Great Reset”, che è stato rilasciato nel luglio 2020 e ad oggi non è stato tradotto in greco. I punti che abbiamo citato derivano dal nostro sforzo di traduzione e critica dettagliata del libro, che speriamo con Dio di completare presto.

Il libro “COVID-19: The Great Reset” appare volutamente in due momenti diversi, collocato nell’ufficio del Primo Ministro, Kyriakos Mitsotakis. Nessuno sa se le foto sono reali o se sono un prodotto di lavorazione. Ma non importa. Dal momento che non c’è stata alcuna smentita o presa di posizione sulla questione da parte del governo e del presidente del Consiglio, riteniamo che ci sia un motivo per cui sono trapelate.

La nostra valutazione personale è che il capo del governo greco non ha letto e non leggerà questo libro. Tuttavia, i suoi collaboratori e coloro che “fanno” la sua “immagine” verso l’esterno, hanno deciso di inviare un messaggio a tutti noi.

Il governo greco e l’intero mondo politico e del nostro Paese, accetta ordini e riconosce come suo “capo” i centri di potere mondiali. Non decidono nulla. Il loro ruolo è strettamente limitato all’annunciare letteralmente tutto ciò che è stato deciso su scala globale.

Cosa facciamo? Cos’altro dobbiamo vedere per capire come dobbiamo reagire, e anche immediatamente? Dopo aver elencato tutte le posizioni confessionali dei protagonisti – che vengono a convalidare e verificare, ancora una volta, tutto ciò che è scritto e detto dagli ultimi logici e pensatori rimasti che credono nella pandemia di Covid degli esseri umani, deve gettare la sua mente nella spazzatura e sostituiscilo con la televisione, appartengono a coloro che combattono le persone con rabbia, guardando solo al proprio guadagno personale.

Reagiremo? Vogliamo riprenderci le nostre vite?

Nikolaou Pefkakion

Fonte: kaiomenivatos.blogspot.com

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code