toba60

Il Nuovo Virus Patogeno Dell’Economia Globale

Se c’è ancora qualcuno il quale pensa che le economie del mondo sono in bancarotta per colpa del covid o della guerra, è probabile che viva in pianta stabile nel mondo di Alice nel Paese delle Meraviglie, questi fattori sono poca cosa rispetto a tutto ciò che e’ stato fatto precedentemente, questi eventi sono solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso…

…..ma nessuno si è mai accorto di cosa stava accadendo prima?

Buona Notte signori e sogni d’oro, perché al risveglio le sorprese non finiscono mai.

Toba60

Il Nuovo Virus Patogeno

Dopo un periodo economico mite alimentato da venti favorevoli, l’emergere di una tempesta pandemica dall’Ucraina provocherà forti venti in una direzione caotica che potrebbe scuotere le fondamenta dell’economia globale.

Così, dopo la guerra in Ucraina, emergerà un nuovo agente patogeno (DDD) che potrebbe finire per distruggere ogni traccia di germogli verdi nell’economia mondiale possedendo un DNA con l’enzima tripla D (debito pubblico esorbitante, inflazione galoppante e disoccupazione endemica) e potrebbe generare una stagnazione secolare.

Il surriscaldamento dell’economia statunitense potrebbe, quindi, accelerare l’aumento dei tassi del dollaro e il ritiro del sostegno della Fed attraverso il Tapering, che consiste nel ridurre gradualmente la quantità di acquisti di asset sui mercati finanziari da parte delle banche centrali. Questo potrebbe alla fine pesare sulla nascente e fragile ripresa economica globale, poiché il fenomeno della globalizzazione economica ha reso tutti gli elementi razionali dell’economia interdipendenti a causa del consolidamento degli oligopoli, della convergenza tecnologica e dei taciti accordi aziendali.

Di conseguenza, l’inflazione galoppante negli Stati Uniti triplicherà l’aumento dei tassi di interesse del dollaro entro il 2022, spingendo gli investitori lontano dagli asset azionari e gli orsi a prendere il controllo del mercato azionario globale, portando a una psicosi del venditore che potrebbe innescare lo scoppio del mercato azionario con la bolla attuale.

L’inflazione dilagante porta alla perdita del potere d’acquisto dei lavoratori e dei dipendenti pubblici, alla contrazione del consumo interno e al disincentivo a risparmiare e a cercare reddito al di fuori delle attività produttive. Allo stesso modo, potrebbe portare in un prossimo futuro a una desertificazione produttiva che non sarebbe sufficiente a soddisfare la domanda di materie prime e alla successiva stagflazione.

Questo termine presuppone una combinazione di inflazione incontrollata e uno scenario di recessione economica (un’economia entra in recessione tecnica dopo due trimestri consecutivi di calo del PIL nazionale secondo il FMI). È un termine coniato nel 1965 dall’allora ministro delle finanze britannico Ian McLeod, che usò la parola “stagflazione” in un discorso al Parlamento britannico.

È una delle combinazioni più pericolose per l’economia perché entrambi gli elementi distorcono il mercato e la terapia d’urto per combattere la stagnazione economica ha l’effetto collaterale di aumentare l’inflazione. Per incoraggiare il consumo e uscire dalla recessione, sono necessarie terapie basate sull’espansione fiscale e monetaria, misure che a loro volta generano più inflazione che alla fine diventa un circolo esplosivo perché porta all’aumento del prezzo del denaro per consumatore. Avremo banche centrali che causeranno l’asfissia economica di innumerevoli paesi con un debito pubblico stratosferico.

Questo debito sarebbe il risultato della sostituzione della dottrina economica dell’equilibrio dei bilanci statali con quella dei deficit endemici (pratica adottata dalle economie nazionali e dalle imprese e organizzazioni pubbliche e private per mimetismo) e che hanno contribuito alla scomparsa della cultura del risparmio, all’indebitamento cronico e all’eccessiva dipendenza dai finanziamenti esterni.

Questo, combinato con la crescita significativa dei prezzi del greggio e dell’energia, costringerà i paesi ad adottare politiche di decrescita con la conseguente contrazione del commercio mondiale e porterà alla fine della globalizzazione economica con gli effetti collaterali della fine del turismo di massa.

Potremmo assistere al ritorno delle aziende delocalizzate e all’introduzione dell’economia circolare e dei prodotti con marchio ecologico, che alla fine porteranno al ritorno di comparti economici isolati nei prossimi cinque anni.

Germán Gorraiz López

Fonte: observateurcontinental.fr

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code