toba60

Il “Pass Vaccinale” della Svezia Dovrebbe Insegnarci una Lezione Importante

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo
Olof Palme

Che in Svezia qualcosa di poco chiaro bollesse in pentola lo si era capito subito dal momento in cui Alexander Lukashenko presidente della Biellorussia venne intimato prima, minacciato poi e oggetto di un attacco mediatico mondiale, arrivando al punto che il FMI stanziasse 970 milioni di euro per farli desistere da certe prese di posizione, con un principio di quella che viene chiamata rivoluzione colorata in relazione alla sua totale autonomia nel gestire la questione Covid.

La Svezia per certi versi aveva fatto lo stesso, libertà’ assoluta, niente Lockdown ne mascherine e gestione pubblica con servizi adeguati come si conviene in situazioni di emergenza.

La penale da pagare era dietro l’angolo ed ora si pone in bella evidenza, non dovete pensare che gli svedesi siano immuni da corruzione e malaffare, già ai tempi di Olof Palme ucciso a Stoccolma, 28 febbraio 1986 questo si sapeva, assecondare alle potenze di fuoco come Black-Rock e Vanguard che manda Big Pharma in avanscoperta, è diventato un dovere assoluto.

Ora il mito svedese non esiste più, hanno chinato la testa si sono adeguati al sistema e vissero felici e contenti, con un un bel siero marca Pfizer ed un green-pass miracoloso che li ha trasformati in dei benemeriti vikinghi cornuti e marziati.

Toba60

Il Pass Vaccinale anche in Svezia

Il paese scandinavo è stato una pietra di paragone per gli scettici del lockdown, ma questa inversione a U ci mostra il pericolo di accettare qualsiasi parte della narrazione.

L’Agenzia svedese per la salute pubblica (PHA) ha annunciato che, a partire dal mese prossimo, i raduni di più di 100 persone richiederanno i “Covid pass” che mostrano lo stato di vaccinazione.

A differenza di schemi simili in altri paesi, un test negativo non sarà accettato come sostituto o si è vaccinati, o non si può entrare nel locale.

Non si parla ancora di includere ristoranti, bar o caffè in questo… ma è ancora presto.

La PHA ha pubblicato un comunicato stampa ieri, dettagliando i piani. Citato in The Local, il ministro della cultura svedese Amanda Lind ha detto:

Essere in grado di usare i certificati di vaccinazione è qualcosa che il governo sta preparando da molto tempo. Ma avete già sentito parlare dei certificati di vaccinazione come un “piano B“. Ora quella situazione è qui”.

Il lasciapassare per le vaccinazioni arriva sulla scia dell’annuncio della reintroduzione di altre misure “anti-COVID”, comprese le limitazioni alle riunioni di massa al chiuso. Il pass viene descritto come un modo per aggirare queste restrizioni “garantendo che i partecipanti siano vaccinati”.

…e così la Svezia cade.

Dall’inizio della “pandemia” la Svezia è stata quasi un’eccezione. Il loro rifiuto del lockdown è stato considerato come un esempio di irresponsabile libertarismo laissez-faire dalla stampa mainstream, ma l’ha resa un’importante pietra di paragone per gli scettici del lockdown che la vedevano come un bastione di buon senso.

Si scopre che nessuna delle due cose è vera.

Mentre la Germania, l’Austria, la Nuova Zelanda, il Canada (e altri) sono diventati completamente fascisti all’improvviso, la Svezia sta prendendo la strada panoramica. Piuttosto che rifiutarsi di conformarsi alla narrativa, la Svezia sta semplicemente usando una rete più lasca per catturare i ritardatari.

I sostenitori dell’approccio svedese a Covid sono appena stati presi in un gioco sovranazionale di “poliziotto buono, poliziotto cattivo”.

Non dovrebbe essere una sorpresa, i segnali di avvertimento erano tutti lì.

Per cominciare, la quantità di copertura data all’approccio svedese” avrebbe dovuto mettere in guardia la gente.

Prendiamoci un momento per ricordare a noi stessi che i paesi che hanno davvero rifiutato la narrazione di Covid nella sua interezza come la Bielorussia, non sono mai nelle notizie.

Infatti i governi che si sono veramente rifiutati di stare al gioco hanno tutti avuto rivoluzioni di colorate (o almeno tentate), o hanno visto i loro presidenti morire di improvvisi infarti.

La Svezia non ha avuto questa sfortuna. Perché stava facendo la sua parte.

Per oltre un anno e mezzo, la Svezia è stata ritratta come la voce calma in una stanza di isterici in preda al panico. Si sono “rifiutati” di chiudersi, e le loro “morti di covidi” non hanno mai raggiunto le previsioni disastrose dei modellisti, mentre la loro economia ha sofferto molto meno del resto d’Europa.

Svolgere questo ruolo equilibrato gli ha fatto guadagnare credibilità nei circoli scettici del Lockdown, che ora può essere sfruttato come argomento per i pass per i vaccini: “Oh, odiate i passaporti per i vaccini? Beh, amate la Svezia e li hanno lì!

È tutta una questione di manipolazione convincere i dubbiosi a concedere alle tue narrazioni un po’ alla volta senza rendersi conto che lo stanno facendo.

Sostenendo l’approccio no lockdown della Svezia, perché sembra relativamente sano di mente, si concede, senza rendersene pienamente conto, che c’è una pandemia e che richiede qualche tipo di intervento.

Lo stesso si può dire per gli argomenti “terapie alternative” e “immunità preesistente”.

Anche se entrambi sembrano avere prove scientifiche a sostegno, l’argomento è costruito su presupposti a priori che concedono la realtà di base della narrazione della pandemia.

E non si vincerà mai se si gioca secondo queste regole. Questa è la loro pandemia e possono reinventarla in qualsiasi modo scelgano.

Pensi che promuovere l’ivermectina sia un buon modo di opporsi al vaxx senza alienare i credenti? No!

Bisogna seguire delle regole. Loro no. Possono semplicemente inventare una nuova “variante” di sana pianta. Una che è “resistente all’ivermectina”.

E poi cosa si fa?

È una lezione semplice e importante, si spera, ormai forzata a casa:

Non accettare in parte l’irrazionalità nel tentativo di essere ragionevoli. Non cercare di incontrare la follia nel mezzo. Affrontate solo ciò che potete ricercare e osservare voi stessi.

Non cercate di scendere a compromessi con l’establishment, perché non lo faranno mai. Non c’è una via di mezzo.

Mai, MAI, accettare parte della loro narrativa sulla fiducia.

La Svezia dovrebbe insegnarci a non scegliere mai da che parte stare nel gioco di Covid, perché è tutto truccato e……..

l’unico modo per vincere è non giocare.

Kit Knightly

Fonte: off-guardian.org

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti?

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code