toba60

Il Pentagono Sottovaluta ed Ignora le Aggressioni Sessuali Militari in Africa

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

I mali del mondo paiono essere solo quelli che si conoscono, in realtà’ non e cosi che funzionano esattamente le cose, c’è un mondo del male parallelo che si consuma quotidianamente tutti i giorni e che pare non esistere se non nell’immaginario collettivo dei film di guerra.

Abbiamo in programma servizi con temi molto delicati, di quelli che i media maistream non intendono divulgare per vigliaccheria, insipienza e malafede, se non in forma plateale per scopi propagandistici legati a dinamiche che nulla hanno a che vedere con l’informazione al servizio del pubblico.

Dove finiscono gli 8 milioni di bambini che scompaiono ogni anno nel mondo? (22Mila al giorno) Senza considerare quelli della zona Sub Sahariana che sfugge al controllo di ogni statistica? Che legame c’è con il movimento LGBT e con l’immigrazione e …….con il traffico delle armi della ricerca farmacologica e… con il Governi di ogni paese tra cui l’Italia.

Ebbene e’ in lavorazione un dettagliato reportage su un fenomeno che fa apparire quello del covid-19 una semplice lite condominiale!

Quello che avete modo di conoscere ora e solo uno dei mille risvolti che una qualsiasi guerra comporta.

Toba60

Aggressioni Sessuali Militari in Africa

Questo articolo contiene descrizioni grafiche esplicite di aggressioni sessuali

La notte del 5 giugno 2017, un soldato di stanza a Camp Lemonnier, una tentacolare base militare statunitense nella nazione africana di Gibuti, baciata dal sole, ha iniziato il suo primo turno con la Compagnia Alpha. Non era felice del nuovo incarico. Il trasferimento alla Compagnia Alpha significava entrare in una squadra senza nessuno che conosceva. Si parlava anche di molestie sessuali all’interno dell’unità.

Verso mezzanotte, si presentò a un posto di guardia, dove si trovò da sola con un sottufficiale maschio di grado superiore al suo. Lui le disse che l’aveva tenuta d’occhio per quasi nove mesi, fin da una cerimonia pre-dispiegamento durante la quale aveva deciso che voleva “mangiarle la figa”.

Le molestie la mettevano a disagio, ma lei non protestava, perché aveva paura che il soldato diventasse violento, ha detto più tardi agli investigatori militari. Quando era il momento per lei di ruotare alla postazione successiva, verso mezzanotte, lui ha detto che doveva rimanere, poi si è alzato e le ha detto di “succhiargli il cazzo”. Lei ha detto agli investigatori che lui “non accettava un no come risposta”. Lui la avvertì che se lo avesse denunciato, nessuno le avrebbe creduto, perché lei aveva meno esperienza militare. Temendo per la sua sicurezza, ha iniziato a masturbare il suo pene prima che lui glielo costringesse in bocca.

L’incidente è uno dei 158 casi di crimini sessuali tra cui stupro, aggressione sessuale e contatto sessuale abusivo che coinvolgono il personale militare degli Stati Uniti in Africa che sono stati segnalati negli ultimi dieci anni, secondo i record di indagini penali dell’esercito, della marina e dell’aeronautica che The Intercept e Type Investigations hanno ottenuto attraverso la legge sulla libertà di informazione.

Mentre molti dei file sono pesantemente redatti, rendendo impossibile identificare il personale militare coinvolto, essi tuttavia brillano una luce sulle operazioni del Comando Africa degli Stati Uniti, o AFRICOM, i cui comandanti e le truppe sono stati coinvolti in una lunga serie di scandali. Ancora più sorprendente è il fatto che il numero di incidenti descritti nei file sono più del doppio delle cifre ufficiali del Pentagono sulle aggressioni sessuali nel continente africano, evidenziando il grado in cui l’esercito non è riuscito a tracciare correttamente i casi di offese sessuali, mascherando così la gravità complessiva del problema.

“Quei numeri mi hanno fatto ammalare. E immagino che ci siano almeno cinque volte quel numero di aggressioni”.

Il Sexual Assault Prevention and Response Office del Pentagono, o SAPRO, compila rapporti annuali al Congresso che dovrebbero includere tutti i casi segnalati di violenza sessuale che coinvolgono il personale militare degli Stati Uniti. Tra il 2010 e il 2020, l’anno del rapporto più recente, il Pentagono elenca solo 73 casi di violenza sessuale nell’area delle operazioni AFRICOM. Eppure i file ottenuti da The Intercept e Type Investigations mostrano che gli investigatori penali militari hanno registrato almeno 158 accuse di reati sessuali nell’area delle operazioni AFRICOM durante lo stesso periodo.

I fascicoli rivelano che queste accuse di cattiva condotta sessuale che coinvolgono il personale militare degli Stati Uniti si sono verificate in almeno 22 paesi in Africa comprese 13 nazioni che non appaiono nei rapporti annuali del Pentagono. Alcune delle accuse accusano membri dell’esercito; altre raccontano di attacchi al personale americano da parte di civili su o vicino agli avamposti statunitensi.

“Quei numeri mi hanno fatto ammalare”, ha detto Erin Kirk-Cuomo, che ha servito come fotografo di combattimento nel Corpo dei Marines e ha fondato il gruppo non profit Not In My Marine Corps per evidenziare i problemi di violenza sessuale e molestie. “E immagino che ci siano almeno cinque volte quel numero di aggressioni solo da quello che sappiamo sulle aggressioni sessuali non denunciate in generale”.

Uno schema di aggressione

AFRICOM non è unica. Il problema della cattiva condotta sessuale nell’esercito è cronico e diffuso, con dispiegamenti oltremare che pongono particolari pericoli. Uno studio ha scoperto che le donne con “esperienze simili al combattimento” in Afghanistan e Iraq avevano probabilità significativamente maggiori di denunciare molestie sessuali o sia molestie sessuali che aggressioni sessuali.

Il Pentagono stima che circa 20.500 membri del servizio subiscano aggressioni sessuali ogni anno, secondo l’ultima indagine del Pentagono, ma solo 6.290 accuse ufficiali di aggressione sessuale sono state fatte nel 2020, secondo il più recente rapporto SAPRO. Quest’anno, il Government Accountability Office ha anche scoperto che il Pentagono non è riuscito a documentare fino al 97% delle accuse di violenza sessuale dei suoi dipendenti civili.

Il Dipartimento della Difesa nota che i sopravvissuti alla violenza sessuale sono spesso riluttanti a farsi avanti per una serie di motivi, tra cui il desiderio di andare avanti, mantenere la privacy ed evitare sentimenti di vergogna. Eppure le truppe dicono che anche quando parlano, spesso affrontano una cultura militare e una struttura di comando che non prende sul serio le loro accuse e un sistema di giustizia militare che fornisce poca responsabilità. Solo una piccola percentuale di casi viene perseguita, e raramente – circa lo 0,9% delle volte, secondo le statistiche del 2020 – risulta in condanne per reati sessuali.

La maggior parte dei 158 rapporti identificati nei file di AFRICOM rappresentano casi in cui un membro delle forze armate, o qualcuno aggredito da loro, voleva cercare giustizia attraverso il sistema militare. Il fatto che molti di questi rapporti potrebbero non essere inclusi nei registri ufficiali del Pentagono evidenzia come l’esercito non sia riuscito a tracciare correttamente i casi di aggressione sessuale e ad intraprendere azioni appropriate per affrontare il problema.

“Non sono affatto sorpreso”, ha detto il colonnello in pensione Don Christensen, un ex procuratore capo dell’Air Force che ora è il presidente di Protect Our Defenders, un’organizzazione dedicata a combattere la violenza sessuale nell’esercito. “Il loro processo di monitoraggio è molto difettoso. Si vedono dati incompleti, casi che non sono tracciati. Ci sono informazioni mancanti e rapporti che non sembrano avere senso”.

“Si vedono dati incompleti, casi che non vengono tracciati. Si hanno informazioni mancanti e rapporti che non sembrano avere senso”.

Un portavoce del Pentagono, il maggiore César Santiago, ha detto che il Dipartimento della Difesa raccoglie dati sulla violenza sessuale per informare “la politica, lo sviluppo del programma e le azioni di supervisione” intorno alla questione. “Ogni anno, il Sexual Assault Prevention and Response Office aggrega i dati sui rapporti di violenza sessuale, analizza i risultati e li presenta nel rapporto annuale del Dipartimento sulla violenza sessuale nelle forze armate”, ha detto Santiago in una e-mail.

Le scoperte di The Intercept e Type Investigations arrivano mentre l’amministrazione Biden fa della lotta alla violenza sessuale nell’esercito un obiettivo politico importante. A gennaio, come sua prima direttiva in carica, il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha emesso un memorandum che invita gli alti dirigenti del Pentagono e gli alti generali a “combattere i nemici all’interno dei ranghi” e spazzare via la “piaga della violenza sessuale”.

Attualmente, i comandanti decidono se accusare un sospetto di un crimine sessuale e se un caso deve sfociare in una corte marziale generale. I critici notano che il sistema è pieno di conflitti di interesse. La situazione è simile a quella di un dirigente aziendale che decide se un caso che coinvolge l’aggressione sessuale di un dipendente da parte di un altro debba andare a processo. Gli alti ufficiali dell’esercito, per lo più maschi – che generalmente non hanno una formazione giuridica formale – spesso dubitano dei sopravvissuti, si schierano con gli accusati e possono fare pressione sui sopravvissuti per non presentare accuse formali. C’è solo un piccolo numero di condanne alla corte marziale per crimini sessuali.

Il 2 luglio, la Commissione di revisione indipendente sulla violenza sessuale, istituita da Austin su indicazione del presidente Joe Biden, ha raccomandato di portare i casi al di fuori della catena di comando, un cambiamento a cui i leader militari hanno a lungo resistito. La commissione ha raccomandato che i giudici avvocati indipendenti, che riferiscono a un ufficio civile del procuratore speciale per le vittime, dovrebbero decidere se accusare un presunto autore di violenza sessuale e se tale accusa dovrebbe portare a una corte marziale.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin parla durante un briefing al Pentagono a Washington, 6 maggio 2021

Sia Biden che Austin hanno appoggiato la proposta.

“Sostengo fortemente l’annuncio del segretario Austin che sta accettando le raccomandazioni fondamentali presentate dalla Commissione di revisione indipendente sulla violenza sessuale militare (IRC), compresa la rimozione delle indagini e dei procedimenti giudiziari sulla violenza sessuale dalla catena di comando e la creazione di unità altamente specializzate per gestire questi casi e i crimini correlati”, ha detto Biden in una dichiarazione della scorsa settimana. “Per tutto il tempo in cui abbiamo aborrito questo flagello, le statistiche e le storie sono peggiorate. Abbiamo bisogno di azioni concrete che cambino fondamentalmente il modo in cui gestiamo la violenza sessuale militare”.

Spetterà al Congresso modificare il Codice uniforme di giustizia militare. La senatrice Kirsten Gillibrand, una voce importante sulla questione, ha anche il sostegno bipartisan per un disegno di legge che porterebbe le decisioni di perseguimento fuori dalla catena di comando per i crimini più importanti, tra cui lo stupro e la violenza sessuale.

“Sanno che la trasparenza e l’accuratezza li fanno sembrare peggiori”.

Austin ha fatto della raccolta di dati un punto centrale dei suoi sforzi. Il suo memorandum di gennaio ha diretto i leader militari a intraprendere una “valutazione franca e basata sui dati” dei programmi di prevenzione della violenza sessuale e delle molestie. “Un focus primario dovrebbe essere su come state conducendo la supervisione per garantire che i programmi e le politiche siano eseguiti sul campo”, ha scritto Austin. “Per favore, assicuratevi che questa valutazione includa i dati rilevanti dell’ultimo decennio, gli sforzi di supporto alle vittime e l’advocacy”.

Un rapporto del marzo 2020 di un comitato consultivo militare ha lamentato, tuttavia, la “difficoltà di ottenere informazioni uniformi, accurate e complete sui casi di reati sessuali in tutto l’esercito.” Questo può aiutare a spiegare la discrepanza tra le cifre annuali del Pentagono e i file di AFRICOM ottenuti da The Intercept e Type Investigations, una situazione che è stata vantaggiosa per i militari nel complesso.

“Sanno che la trasparenza e l’accuratezza li fanno sembrare peggiori”, ha detto Christensen. “Spesso la gente si arrende e smette di cercare queste informazioni, quindi è una vittoria per loro”.
Fallimenti della leadership militare

La notte dopo la presunta aggressione al posto di guardia a Gibuti, la soldatessa ha detto che lo stesso uomo ha tentato di aggredirla di nuovo. Secondo il dossier, ha cercato di baciarla, poi ha detto che voleva una relazione con lei e che l’avrebbe “riempita di regali”.

Dopo questo, la soldatessa ha presentato una denuncia ufficiale, che ha portato a un ordine di protezione militare che vieta all’uomo di contattare o comunicare con lei. I documenti investigativi dell’esercito notano che un ufficiale ha ritenuto che ci fosse una causa probabile che si fosse verificata un’aggressione sessuale, e il caso è stato riferito a un comandante per considerare un’azione disciplinare o amministrativa.

Non è chiaro se siano state intraprese ulteriori azioni nel caso. Poiché i nomi delle truppe coinvolte sono stati cancellati dal fascicolo del caso e i rapporti SAPRO contengono pochi dettagli, non è chiaro se questo caso sia una delle 73 accuse di violenza sessuale incluse nelle cifre annuali del Dipartimento della Difesa.

Ma la prevalenza di questi casi ad AFRICOM evidenzia il grado in cui i leader militari hanno creato una cultura in cui l’indisciplina e il comportamento criminale sono stati autorizzati a fiorire al comando.

Se hai informazioni sulla violenza sessuale nell’esercito degli Stati Uniti, invia un’email a Nick Turse via nickturseTI@protonmail.com.

Il primo capo del comando, il gen. William “Kip” Ward, è stato indagato per aver speso centinaia di migliaia di dollari in viaggi sontuosi ed è stato retrocesso nel 2012 dopo che l’ispettore generale del Pentagono ha scoperto che si era impegnato in “molteplici forme di cattiva condotta”, tra cui l’abuso della sua posizione e lo spreco di fondi governativi.

Nel 2013, il Magg. Gen. Ralph Baker, il comandante di una forza antiterrorismo nel Corno d’Africa, è stato rimosso dal suo lavoro con l’accusa di cattiva condotta sessuale. Baker aveva “forzato la sua mano tra le gambe [di un consigliere politico senior di AFRICOM] e tentato di toccare la sua vagina contro la sua volontà”, secondo un file di indagine penale ottenuto tramite la legge sulla libertà di informazione. (Retrocesso al grado di generale di brigata, a Baker fu permesso di ritirarsi in silenzio).

Il Magg. Gen. Joseph Harrington, il comandante dell’U.S. Army Africa, è stato licenziato e privato di una stella dopo aver scambiato un gran numero di messaggi su Facebook – 1.158 tra il 12 febbraio 2017 e il 3 giugno 2017 – con la moglie di un soldato arruolato. Il tenente colonnello dell’aeronautica Denis Paquette, il comandante di una base segreta di droni statunitensi in Tunisia, è stato licenziato dal servizio militare dopo aver portato avanti una relazione con un aviere e aver ostacolato l’indagine che ne è risultata. Le truppe di stanza alla base dei droni di Paquette si erano guadagnate la reputazione di bere pesantemente e fare festa.

I fallimenti della leadership militare in Africa hanno avuto conseguenze fatali. Dopo che quattro soldati statunitensi sono stati uccisi in un’imboscata del 2017 in Niger, un’indagine del Pentagono ha richiamato l’attenzione su “una generale mancanza di consapevolezza della situazione e di supervisione del comando ad ogni echelon”.

Con poca supervisione esterna, Camp Lemonnier è stato il luogo di un’alta percentuale di presunte aggressioni sessuali del personale militare statunitense nel continente. Un ex avamposto della Legione Straniera francese che si è espanso da 88 acri a quasi 600 acri, Camp Lemonnier serve come un centro chiave per le operazioni antiterrorismo americane in Yemen e Somalia. È la più grande base statunitense sul continente, che ospita circa 5.000 membri del personale statunitense e alleato.

I presunti crimini a Camp Lemonnier, secondo i file di AFRICOM, includono quanto segue:

Nel 2013, un’indagine degli investigatori criminali della Marina “ha rivelato accuse di una storia di commenti e comportamenti sessualmente inappropriati” da parte di un sergente dell’Air Force che ha molestato e toccato subordinati di sesso femminile, tra cui un caso in cui ha aperto la zip della camicetta e forzato le gambe di un subordinato mentre lei era in servizio in una baracca di guardia.

Nel marzo 2015, un soldato ha presumibilmente offerto a una specialista di 20 anni più dei due drink alcolici consentiti, l’ha seguita nel suo alloggio e l’ha aggredita sessualmente. Per settimane, il soldato ha continuato a molestare la specialista, entrando nei suoi alloggi senza invito e baciandola e toccandola.

Lei ha detto che ha accettato per paura di turbare il loro rapporto professionale, ma alla fine ha denunciato l’incidente. Il rapporto finale degli investigatori dell’esercito nota che le accuse “non potevano essere comprovate o confutate”, e il caso è stato chiuso. Nell’agosto 2015, un capo marinaio ha riferito di essere stata “colpita, morsa e soffocata”, nonché aggredita sessualmente da un sergente dell’esercito degli Stati Uniti. Nell’aprile 2016, una specialista del 2° Battaglione, 124° Fanteria dell’esercito ha detto che mentre era seduta fuori dal suo alloggio per usare il Wi-Fi, un altro soldato ha iniziato a chiacchierare con lei e l’ha invitata nella sua stanza.

Quando lei ha rifiutato, il soldato ha afferrato la sua mano e ha iniziato a tirarla via, alla fine sollevandola e portandola nei suoi alloggi. Lì, ha proceduto a baciarla e a palpeggiarla e ha cercato di tirarle giù i pantaloni. Lei fu in grado di scappare quando il compagno di stanza del colpevole entrò. L’autore è poi tornato all’alloggio della specialista e ha cercato di baciarla di nuovo, poi le ha preso la mano e ha tentato di metterla sul suo pene, secondo i documenti dell’inchiesta penale. Nel giugno 2017, una massaggiatrice del Navy Exchange ha detto che un maestro d’armi di terza classe ha richiesto “servizi extra” da lei.

Lei si è rifiutata di eseguire qualsiasi atto sessuale e lo ha denunciato. Durante l’indagine, un’altra massaggiatrice, una civile, ha detto che lo stesso uomo l’aveva palpeggiata durante un massaggio e aveva anche chiesto “servizi extra”. Dopo che i massaggiatori hanno rifiutato di fornire ulteriori informazioni, gli investigatori della Marina hanno chiuso il caso.

Tutti questi incidenti, sia che la presunta vittima fosse un civile o un membro dell’esercito, dovrebbero essere inclusi nel Defense Sexual Assault Incident Database del Pentagono ed elencati nei rapporti annuali SAPRO al Congresso. Ma non è chiaro se lo siano. I rapporti annuali non raccontano tutta la storia.

“Dati zero”

Secondo la contabilità SAPRO nell’ultimo decennio, le aggressioni sessuali che hanno coinvolto il personale militare degli Stati Uniti sono state segnalate in nove paesi africani: Gibuti, Ghana, Kenya, Seychelles, Somalia, Sudafrica, Tunisia, Uganda e Zimbabwe. John Manley, un portavoce di AFRICOM, ha lodato la “ricchezza di dati” nei rapporti SAPRO, che ha detto di rappresentare “tutti i rapporti [del programma di risposta e prevenzione delle molestie sessuali] in tutto il DoD”.

Ma i file di AFRICOM ottenuti da The Intercept e Type Investigations includono casi non solo da quelle nove nazioni, ma anche da altre 13: Algeria, Burkina Faso, Camerun, Ciad, Etiopia, Liberia, Madagascar, Malawi, Marocco, Niger, Ruanda, Senegal e Sud Sudan. Questi 13 paesi non appaiono da nessuna parte nei rapporti annuali.

“Oltreoceano, è come il selvaggio West”, ha detto Kirk-Cuomo. “In queste situazioni dispiegate, non c’è supervisione, e la gente sente di poterla fare franca. Non c’è tracciamento. Non ci sono praticamente dati sulle aggressioni sessuali che escono da nessuno di questi posti”.

“In queste situazioni dispiegate, non c’è supervisione, e la gente sente di poterla fare franca”.

L’informazione redatta nei file investigativi rende difficile abbinare i 73 casi nei rapporti annuali SAPRO del Pentagono con i 158 casi nei file di AFRICOM. Se alcuni casi che si sono verificati in Africa sono registrati altrove nei dati SAPRO non è chiaro perché AFRICOM non tiene traccia delle aggressioni sessuali e il Pentagono ha rifiutato di fornire dati grezzi o chiarire le discrepanze. Più di due anni dopo che The Intercept e Type Investigations hanno richiesto per la prima volta un’intervista con un rappresentante di SAPRO, Santiago, il portavoce del Pentagono, ha risposto: “Purtroppo, non abbiamo nessuno disponibile”.

Un caso che è stato omesso dalla documentazione ufficiale del Pentagono è stata una presunta aggressione di un soldato in Senegal.

Il 13 febbraio 2015, il soldato, che stava sostenendo la risposta degli Stati Uniti all’epidemia di Ebola in Africa occidentale, ha lasciato una cena con i colleghi per tornare al suo hotel nella capitale del Senegal, Dakar. Mentre camminava davanti a un gruppo di giovani uomini, ha riferito che uno di loro l’ha afferrata e sbattuta contro il muro di un vicolo. Un altro le ha tirato giù i pantaloni. Gli uomini “ridevano e sembravano scherzare mentre la palpeggiavano e la penetravano digitalmente”, secondo il dossier. La donna credeva di essere stata stuprata in gruppo, anche se aveva difficoltà a ricordare i dettagli dell’ultima parte dell’assalto.

I file di AFRICOM includono una copia di un rapporto di indagine penale dell’esercito che dettaglia le accuse. Ma il Senegal non è menzionato in nessuno dei rapporti annuali del Pentagono sulla violenza sessuale dal 2010 al 2020.

“Il Comando dell’Africa degli Stati Uniti non ha alcuna registrazione di queste accuse”, ha detto il portavoce di AFRICOM Manley.

I file di AFRICOM evidenziano i modi in cui l’esercito può scoraggiare attivamente i sopravvissuti alla violenza sessuale dal farsi avanti con le loro accuse.

I sopravvissuti alla violenza sessuale hanno detto di essersi sentiti riluttanti o spaventati ad aiutare le indagini, pressati a cambiare i loro resoconti, e costretti dalla loro catena di comando, secondo i file di AFRICOM. Alcune pensavano che non sarebbero state credute e dubitavano che denunciare un’aggressione avrebbe portato a un risultato positivo. Altre sono state ignorate, derise, sospettate di esagerare, o accusate dalla leadership di mentire sull’abuso.

“Le donne sono regolarmente trattate come se fossero loro il problema”, ha detto Amy Braley Franck, che ha servito come responsabile del programma Sexual Harassment/Assault Response and Prevention per U.S. Army Africa dal 2015 al 2018. “Non vengono curati, perché il sistema non funziona correttamente. E non c’è supervisione”.

“Le donne sono regolarmente trattate come se fossero il problema. Non sono curate, perché il sistema non funziona correttamente”.

I membri dell’esercito che vogliono denunciare un’aggressione sessuale dicono che il sistema per farlo è difficile da navigare, anche nella più grande e meglio dotata base statunitense in Africa. “A Gibuti, l’ufficio SHARP della Marina dovrebbe avere un membro del personale a tempo pieno sul campo che a volte lo fanno, ma a volte no”, ha detto Braley Franck. “Diverse volte, ho chiamato il loro numero verde per trovare qualcuno che si prendesse cura di un membro del servizio – perché questa era la loro responsabilità – e nessuno ha risposto al telefono”.

Un portavoce di Camp Lemonnier non ha risposto alle ripetute richieste di commento sull’accusa.

Per esempio, un soldato che ha riferito di essere stato aggredito sessualmente mentre era dispiegato in Africa, e che ha parlato con The Intercept e Type Investigations a condizione di anonimato, ha detto che non era a conoscenza nemmeno di come individuare il personale SHARP o gli investigatori penali militari nella sua base.

“Tutti pensano che sia così facile andare a parlare con un rappresentante SHARP o CID, ma non è così”, ha detto il soldato.

La soldatessa ha evidenziato un altro problema che ha afflitto l’esercito: il fallimento dei leader militari nel prendere sul serio la violenza sessuale.

Dopo aver riferito di essere stata aggredita, ha detto che i suoi superiori hanno ignorato le sue accuse – anche se gli investigatori dell’esercito hanno poi confermato le sue affermazioni. E non era la sua prima esperienza del genere. Riferendosi ad una precedente aggressione, ha detto di essere stata frustrata dal processo di ricerca della giustizia. “Ho imparato che alla fine non è successo nulla, e mi è stato detto che la difesa sarebbe stata in grado di cambiare la storia”, ha detto. Le esperienze l’hanno lasciata amareggiata verso i suoi superiori e scettica nei confronti del sistema di giustizia militare.

“Sono successe tante cose brutte quando ho fatto la cosa giusta, quindi sono preoccupata per quello che accadrebbe se lo facessi di nuovo”, ha detto. “La leadership non si assume alcuna responsabilità. Se i tuoi soldati sono abusivi, si comportano da pervertiti, devi porre fine a tutto questo. Ma la leadership lo guarda come: ‘Non sono affari miei. Non è un mio problema”.

L’incontro con il nemico

Il soldato è stato aggredito a Camp Lemonnier insieme a uno specialista dell’esercito. Lo specialista, il cui nome è tenuto segreto da The Intercept e Type Investigations, ha detto agli investigatori penali dell’esercito che una persona di consegna da un fornitore di hardware locale li ha assaliti mentre stavano scaricando le forniture nell’aprile 2014 – afferrandoli, macinando su di loro, baciandoli e leccando il collo. Lo hanno ripetutamente spinto via e gridato “No!

“Era un viscido e ci ha palpato”, ha detto la specialista.

Ma quando le donne hanno riferito l’incidente al loro sergente di plotone, lui le ha respinte.

La risposta del nostro sergente è stata: “Non me ne frega un cazzo, scrivete al vostro deputato”, ha detto la specialista agli investigatori.

Lo specialista ha detto che il loro ufficiale di comando ha poi scherzato sul fatto che la gente del posto amava “giocare a palpare il culo ai miei soldati”.

Il soldato ha confermato il racconto dello specialista nella testimonianza contemporanea agli investigatori penali e in recenti interviste con The Intercept e Type Investigations. Non è chiaro se il loro caso è incluso nelle cifre annuali del Pentagono. Ma anni dopo, la specialista è ancora arrabbiata per la risposta del suo ufficiale comandante. “Mi ha fatto davvero incazzare”, ha detto. “All’inizio, non potevo credere che fosse stato semplicemente cancellato. Ma succede sempre”.

La specialista non è più stata la stessa dopo che il suo rapporto sull’aggressione è stato ignorato, secondo il soldato che è stato aggredito al suo fianco. È passata da un soldato modello a uno a cui non importava.

Quando è stata riassegnata a Fort Polk, Louisiana, più tardi nel 2014, la specialista ha iniziato a fumare marijuana, anche se sapeva che avrebbe potuto fallire un test di droga. Quando ha fallito, non ha montato una difesa, accettando un congedo meno che onorevole per accelerare la sua partenza dall’esercito.

La sua è una storia comune. Un’indagine di Human Rights Watch del 2016 ha trovato prove significative di congedo meno che onorevole o “cattivo” per il personale militare che ha denunciato un’aggressione sessuale. E uno studio della Rand pubblicato a febbraio ha scoperto che l’aggressione sessuale raddoppia le probabilità che un membro del servizio si separi dall’esercito nei 28 mesi successivi. La ricerca ha anche mostrato che i membri del servizio che hanno detto di essere stati molestati sessualmente avevano 1,7 volte più probabilità di lasciare l’esercito nello stesso arco di tempo.

“I servizi stanno perdendo prematuramente almeno 16.000 anni di forza lavoro a causa di aggressioni e molestie sessuali in un solo anno”, hanno scritto i ricercatori della Rand. “Inoltre, i membri che si separano dal servizio a causa di aggressioni o molestie sessuali stanno probabilmente rinunciando ad un considerevole compenso rispetto alla continuazione del loro servizio; infatti, alcune vittime probabilmente rinunciano a centinaia di migliaia di dollari di guadagno per tutta la vita”.

Quando un investigatore criminale della Marina ha chiesto alla specialista quale fosse la parte peggiore dell’aggressione da parte del fattorino, lei non ha menzionato i dettagli del crimine stesso. Invece, ha detto, la parte peggiore è stata “sapere che alla tua leadership non importava”.

Questo tradimento è stata la lezione più dura della sua carriera militare.

“Pensi che siano i nemici – persone oltreoceano che dovrai combattere”, ha detto a The Intercept e Type Investigations.

“Ti rendi conto più tardi che non devi combattere solo i nemici oltremare

….. ma anche le persone intorno a te”.

Nick Turse

Fonte: theintercept.com

Assistenza alla ricerca fornita da Darya Marchenkova.

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Taylor Made M2 Driver






Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code