toba60

Il Rapporto delle Nazioni Unite Mostra che 768 milioni di Persone nel Mondo sono Denutrite

Per salvare un naufrago si e’ affondato il Titanic, mai frase e’ cosi adeguata per dare l’idea delle conseguenze di tutto quello che e’ stato fatto per far fronte ad un virus.

Attraverso una pianificata opera di ingegneria sociale hanno messo in moto un autentico genocidio il cui seguito lascia intravvedere in futuro un ulteriore numero di morti.

Prestate bene alle società menzionate nel testo le quali hanno messo mano alla gestione delle risorse alimentari prima e dei vaccini poi nei paesi del terzo mondo riducendoli alla fame e vi accorgerete che sono le stesse che fanno a capo alle multinazionali farmaceutiche che ora si fanno carico di iniettare i sieri mortali che tutti fanno a gara per avere.

La Monsanto di Bill Gates ha ridotto sul lastrico l’intero continente Sudamericano e d’Africa ed ora si e’ impiantato pure in Europa, dove nel silenzio piu’ assoluto si sta radicando come una piovra all’interno del comparto alimentare Europeo.

Non pensate al virus ma alle conseguenze di tutto quello che hanno con l’inganno perpetrato in tutto il pieneta, guardate questi numeri che avete modo di vedere sotto e considerate che indigenza significa anche malattie, degrado sociale, sfruttamento del lavoro minorile, prostituzione, droga, traffico d’armi, d’organi, e un controllo globale da parte del potere costituito il quale puó gestire ogni risorsa dei paesi poveri (E ora lo siamo tutti ) sfruttando le materie prime, basta considerare che l’estrazione del coltan necessario per la produzione di cellulari che nell’indifferenza totale del mondo ha provocato oltre 9 milioni di morti negli ultimi 10 anni solo nella zona Sub Sahariana.

Leggete attentamente questo servizio!!! Digita Qui

Mettetevi pure la mascherina e fatevi questo cazzo di vaccino se vi rende felici, poi mettetete una mano sul cuore e fatevi tutti un piccolo esame di coscienza.

Toba60

Un rapporto delle Nazioni Unite (ONU) rilasciato il 12 luglio ha mostrato un forte aumento del numero di persone denutrite nel mondo. È stata la prima valutazione completa della fame dall’inizio della pandemia di coronavirus (COVID-19).

Il rapporto ha notato che la fame e la malnutrizione stanno peggiorando da oltre un decennio a causa di conflitti, recessioni economiche ed estremi climatici.

Secondo il rapporto, quasi il 10% o una stima di 768 milioni di persone in tutto il mondo erano denutrite nel 2020, poiché la pandemia ha sconvolto le economie, i mercati del lavoro e le catene di approvvigionamento e ha gonfiato i prezzi degli alimenti. Questo rappresenta un ulteriore 118 milioni dal 2019, quando l’8,4% della popolazione mondiale era denutrita.

L’Africa è stata colpita più duramente, poiché la fame e la malnutrizione sono aumentate drammaticamente durante la pandemia. Più di un terzo dei quasi 1,4 miliardi di persone del continente soffrono di denutrizione. I leader delle Nazioni Unite hanno detto che la pandemia “continua ad esporre le debolezze dei nostri sistemi alimentari” e che siamo in un “momento critico” per trasformare i sistemi alimentari. (Correlato: “Carestia di proporzioni bibliche” si dirige verso di noi a causa di COVID-19, avverte il capo delle Nazioni Unite per l’alimentazione).

Hanno indicato il prossimo UN Food Systems Summit (UNFSS) a settembre, il COP26 sul cambiamento climatico a novembre e il Nutrition for Growth Summit a dicembre come eventi cruciali che modelleranno lo sviluppo dei sistemi alimentari nei prossimi anni. Il Pre-Summit sui sistemi alimentari prenderà il via a Roma il 26 luglio.

L’UNFSS scatena critiche, proteste e richieste di boicottaggio

Per oltre un anno, l’UNFSS ha scatenato critiche, proteste e richieste di boicottaggio da parte di esperti di sicurezza alimentare, addetti ai lavori delle Nazioni Unite e centinaia di organizzazioni provenienti dall’Africa e da altri paesi. Erano preoccupati per il ruolo dominante delle grandi aziende e dei donatori privati, compresa la Fondazione Gates, che stavano spingendo una serie ristretta di approcci per uno sviluppo agricolo guidato dal profitto.

Molti gruppi africani pensano che gli attuali modelli di sviluppo agricolo basati sul mercato e guidati da attori esterni stiano peggiorando la situazione. “Le stesse false soluzioni vengono riciclate, con gli stessi benefici limitati a un numero limitato di attori”, ha detto l’African Center for Biodiversity, un gruppo di difesa che lavora per la sovranità alimentare e l’agroecologia in Africa.

Quei modelli erano “prescrizioni politiche business-as-usual, quick-technofix delle agende dell’agribusiness”, hanno detto i gruppi africani. Essi stavano invece spingendo per un “cambiamento radicale dall’agricoltura industriale basata sui combustibili fossili e dai monopoli corporativi del cibo e dell’agricoltura alla sovranità alimentare e all’agroecologia”.

A marzo, centinaia di gruppi di fede dell’Africa hanno chiesto alla Fondazione Gates di smettere di promuovere “un modello di monocoltura industriale e di trasformazione alimentare che non sostiene il nostro popolo”. I gruppi hanno scritto la loro lettera “per la grave preoccupazione che il sostegno della Fondazione Gates all’espansione dell’agricoltura intensiva su scala industriale stia approfondendo la crisi umanitaria”. Marion Nestle, professore emerito alla New York University, ha descritto le critiche dell’UNFSS in un post sul blog del 14 luglio a FoodPolitics.com.

“Le critiche sono così severe che il Meccanismo della società civile e dei popoli indigeni per le relazioni con l’ONU sta organizzando contro eventi dal 25 al 27 luglio”, ha scritto.

Secondo Nestle, l’UNFSS è stato pesantemente criticato per “stabilire temi all’ordine del giorno determinati da entità aziendali; favorire soluzioni tecnologiche aziendali ai problemi del sistema alimentare; ignorare l’agroecologia, l’agricoltura biologica e le conoscenze indigene; escludere una rappresentanza significativa delle persone più colpite dalla trasformazione del sistema alimentare; promuovere il controllo aziendale dei sistemi alimentari; ignorare gli interessi contrastanti dei suoi organizzatori; ed essere fondamentalmente antidemocratico”.

Miliardi in gioco nella battaglia sui sistemi alimentari

Michael Fahkri, il relatore delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, ha detto che miliardi di dollari in investimenti pubblici e privati per migliorare i sistemi alimentari sono in gioco attraverso i negoziati del vertice alimentare.

Fahkri e altri addetti ai lavori dell’ONU hanno criticato i leader del summit, dicendo che stanno ignorando i diritti umani, marginalizzando la società civile e ristrutturando il processo per spostare il potere dal Comitato ONU per la sicurezza alimentare mondiale (CFS) nelle mani di un piccolo gruppo di attori del settore privato. Il gruppo di esperti di alto livello (HLPE) sulla sicurezza alimentare e la nutrizione, che consiglia il CFS, ha già chiesto un cambiamento di paradigma dall’agricoltura industriale verso approcci agroecologici e politiche che affrontino i bisogni sociali e la disuguaglianza.

Ma invece di seguire la direzione del suo gruppo di esperti, l’ONU ha permesso all’agribusiness di prendere il controllo dei negoziati sul sistema alimentare. L’UNFSS 2021 è stato annunciato insieme a un nuovo accordo di partenariato tra l’ONU e il World Economic Forum (WEF).

Il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres ha nominato Agnes Kalibata, presidente dell’Alleanza per una rivoluzione verde in Africa (AGRA) finanziata da Gates, per guidare il vertice alimentare. (Relativo: Come Bill Gates e la sua fondazione stanno guidando il sistema alimentare – nella direzione sbagliata).

Queste mosse hanno scatenato l’indignazione di centinaia di gruppi che hanno chiesto la rescissione dell’accordo del WEF e la revoca della nomina di Kalibata per la preoccupazione che AGRA “promuove un modello agricolo ad alto input che non è sostenibile al di là del sussidio costante, che è tratto da risorse pubbliche sempre più scarse”. In un nuovo rapporto pubblicato di recente, l’International Panel of Experts on Sustainable Food Systems (IPES-Food) ha descritto un nuovo problematico quadro scientifico-politico e una struttura di governance che viene proposta attraverso il vertice alimentare.

Se adottato, il piano potrebbe marginalizzare ulteriormente il CFS, il suo gruppo di esperti e i gruppi della società civile, escludendoli di fatto dai processi decisionali delle Nazioni Unite. IPES-Food ha descritto la situazione come “una battaglia ad alta posta in gioco su visioni diverse di ciò che costituisce scienza legittima e conoscenza rilevante per i sistemi alimentari”.

Nolanbarton

Fonte: USRTK.org & USNews.com & FoodPolitics.com & GainHealth.org

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.

Lighting Fast KVM Cloud based on SSD!



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code