toba60

Il Silenzio degli Innocenti

E ora prestate bene attenzione a quello che vi dico, sono sicuro che prima o poi quanto letto fuoriesce dall’inconscio di ognuno di voi.

Come e’ normale che sia, ogni volta che uscite di casa vi trovate a incontrare molte persone, colleghi di lavoro, estranei che vi passano davanti e svaniscono nel nulla e nel bene o nel male interagite direttamente con membri della comunità che poi danno vita alla società in cui viviamo.

Un titolare di azienda per esempio deve essere spietato per sopravvivere in un contesto competitivo come quello in cui viviamo, lo e’ con tutti e non guarda in faccia a nessuno, un dipendente deve essere un coniglio per perdurare all’interno di una una fabbrica, o in un centro commerciale o fate voi il luogo che preferite, il principio e’ lo stesso, ne va del suo posto di lavoro.

In seno a tutte queste figure ben inquadrate tutti a loro volta diventano cinici tra loro, vuoi per un privilegio acquisito a scapito di un altro o per una gratifica non condivisa.

Devo andare avanti ….? Siamo una società’ di psicopatici che ambisce a consolidare vicendevolmente uno stato di cose che se si blocca manda in tilt l’intero sistema.

Chi non si adegua viene inevitabilmente escluso dalla società e vive in un mondo parallelo destinato a svanire nel nulla senza una coscienza collettiva che ne sia consapevole.

Siamo proprio sicuri che quelli che tutti detestiamo non siano altro che il riflesso di noi stessi?

E’ dura da digerire………...cambiano i ruoli, ma sapete…..la tendenza è sempre quella di dissociarsi da tutto ciò che rifiutiamo di sapere, per trincerarsi dietro uno specchio che impedisce solamente di vedere la propria immagine.

Toba60

Elogio alla Normalità, Psicopatici al Potere

Tutti i governi soffrono di un problema ricorrente: il potere attrae personalità patologiche”.
Frank Herbert, Dune

Molti di noi vogliono essere guidati. Da bambini guardiamo ai nostri genitori per proteggerci, per calmare le nostre paure, per sollevarci dalle responsabilità. Da adulti cerchiamo la stessa protezione – vogliamo leader potenti, leader che appaiono senza paura e resistenti.

La nostra cultura narcisistica richiede anche che i nostri leader siano carismatici, sicuri di sé ed eloquenti – vogliamo leader che possano esibirsi sulla scena mondiale.

E così, con fiducia, di volta in volta, cediamo il nostro potere a quegli individui grandiosi che bramano le alte cariche, senza sapere che la loro determinazione la loro pura, ostinata, ambizione da vincitori, il loro fascino superficiale e la loro seduttività possono suggerire che molti sono psicologicamente inadatti a questi ruoli.

Questi individui formano un gruppo di minoranza psicologicamente distinto; sebbene il loro numero sia limitato, la loro portata è estesa, e la distruzione che possono causare è incommensurabile.

Tuttavia, mentre le loro bugie e manipolazioni, la loro avventatezza e la loro mancanza di rimorso possono farli sembrare pazzi, la maggior parte non lo sono; i più altamente funzionanti prosperano in professioni e società che apprezzano l’opportunista e lo spietato. La loro “pazzia” – così com’è – sta nella loro mancanza di coscienza; la loro assoluta libertà dai vincoli etici. Queste anime disturbate e inquietanti sono più giustamente caratterizzate come moralmente folli.

Fate attenzione. L’influenza globale di molti di questi individui di alto profilo sta crescendo. Insieme hanno formato piani grandiosi. Vaccineranno il mondo intero. Bloccheranno il sole. Ricostruiranno meglio.

Non immaginiamo che gli psicopatici possano essere politici.

Così, ci accechiamo, come fanno molti bambini abusati, alla realtà di ciò che i nostri leader ci stanno chiedendo. Quando ci separano dai nostri cari, ci soffocano con maschere, ci iniettano vaccini sperimentali, ci tolgono le libertà civili, fanno crollare la nostra economia, chiudono le nostre scuole, fanno del male ai nostri figli e ci rinchiudono “per il nostro bene”, giustifichiamo il loro comportamento; accettiamo le loro bugie e i loro tentativi di controllarci. Ci rassicuriamo che ci stanno tenendo al sicuro.

Governo Mario Draghi

Guardiamo anche ai media per essere rassicurati – ai giornalisti e agli “esperti di salute pubblica” per informarci e guidarci, per mettere in parole i nostri sentimenti nascenti, per pensare al posto nostro. Possiamo sospendere il nostro giudizio critico nel nostro desiderio di ‘notizie’ e ‘fatti’ affidabili. E così trascuriamo gli scandali, gli insabbiamenti, le deviazioni e la corruzione; assorbiamo le loro distorsioni e la propaganda; i capri espiatori concepiti ad arte che mantengono il nostro odio concentrato altrove e la nostra società divisa. Possiamo non notare l’implacabile costruzione di un mondo che beneficia la classe dei predatori.

Non immaginiamo che gli psicopatici possano essere giornalisti.

Così, ascoltiamo i loro avvertimenti sul virus, che si accordano con quelli dei nostri leader. Anche se potrebbero confonderci con i loro resoconti di “casi” e “test positivi” e “ricoveri” con i loro grafici e statistiche e rischi relativi siamo rassicurati che il messaggio è semplice: che il vaccino sarà la nostra via verso la libertà; che il nostro lancio del vaccino è il più veloce; che il nostro NHS è il migliore del mondo: clap clap clap clap clap!

Fabio Fazio-Enrico Mentana-Lilli Gruber

E probabilmente crediamo, se ci pensiamo, che l’industria farmaceutica sviluppa prodotti che alleviano la sofferenza e salvano la vita. Non siamo consapevoli della corruzione istituzionale; dei crimini che hanno portato a milioni di morti e reazioni avverse, dei miliardi pagati in risarcimenti per frodi sanitarie; delle flagranti distorsioni della letteratura medica; delle prove falsificate, delle prese di mira degli informatori.

Non immaginiamo che gli psicopatici producano vaccini.

Perché non osiamo immaginare che siamo stati intrappolati da una élite psicopatica irresponsabile che ha sovvertito le nostre democrazie; ha catturato e minato le nostre istituzioni; ha causato devastazioni economiche in tutto il mondo; ha generato una crisi globale della salute mentale che si riverbererà per generazioni.

Non osiamo immaginare. E così, terrorizzati dalla paura, dalla vergogna e dalla propaganda implacabile, ricadiamo nella protezione dei nostri programmatori psicopatici: è molto più facile accettare la loro narrazione virale, giocare il gioco, sottomettersi, che riconoscere l’abuso dei nostri protettori.

Serrando i ranghi contro gli estranei, ci stringiamo nei nostri recinti virtuali; rinunciamo alla nostra autonomia, ignoriamo la nostra intuizione la nostra saggezza primitiva ed essenziale e accettiamo il ruolo sempre più infantile che la patocrazia ha creato per noi. Visitiamo il nostro medico, accettiamo il nostro vaccino e siamo ricompensati con un adesivo.

Bill Gates

E anche se altri ci avvertono che il regime di test è difettoso; che le morti sono riportate in modo errato; che il vaccino non è sicuro; non possono penetrare le nostre difese. Come ci fanno arrabbiare quando disturbano le nostre illusioni! Quando cercano di forzare i nostri occhi accecati! “Svegliati” ci supplicano, ma noi non dormiamo; “pensa!” gridano, come se non potessimo sentire.

Non sanno -e nemmeno noi, che ci stiamo proteggendo da una minaccia esistenziale più schiacciante di qualsiasi virus, usando l’unica arma che abbiamo nel nostro misero arsenale: la negazione.

Perché nel profondo, nel profondo, lo sappiamo, lo sappiamo e abbiamo sempre saputo del pericolo in cui ci troviamo, ma abbiamo ignorato gli avvertimenti della nostra bussola interiore, abbiamo ignorato le bandiere rosse e la brutalità e le incongruenze lampanti.

Ci siamo protetti dall’orrore di riconoscere che siamo impotenti e vulnerabili e totalmente soli in un universo indifferente. E poiché una vita di servitù sembrava preferibile a una di terrore esistenziale, abbiamo collaborato con i nostri oppressori.

Siamo rimasti al sicuro.


Andrea Halewood

Fonte: off-guardian.org

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code