toba60

Il Tempo Potrebbe non Esistere Affatto Secondo la Fisica ma non Fartene un Problema

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Il mondo della fisica e dalle scienza in generale è arrivata ad un punto morto dove ogni cosa si può solo stabilire o per meglio dire immaginare attraverso delle ipotesi che mai si potranno verificare cosi come si faceva un tempo, ammesso che sia mai esistito.

Arriverà il giorno in cui ogni dibattito in materia avverrà tra scienziati e sognatori, i primi hanno studiato i secondi no….

…… è probabile che senza i ”secondi,” (I Sognatori) i ”primi” (Gli Scienziati) rimarranno fermi al palo nella perenne attesa che qualcosa accada.

Toba60

Il Tempo Potrebbe non Esistere Affatto

Il tempo esiste? La risposta a questa domanda può sembrare ovvia: certo che esiste! Basta guardare un calendario o un orologio.

Ma i progressi della fisica suggeriscono che la non esistenza del tempo è una possibilità aperta, che dovremmo prendere sul serio.

Come è possibile, e cosa significherebbe? Ci vorrà del tempo per spiegarlo, ma non preoccupatevi: anche se il tempo non esiste, la nostra vita continuerà come al solito.

Una crisi della fisica

La fisica è in crisi. Da circa un secolo, stiamo spiegando l’universo con l’aiuto di due teorie fisiche di grande successo: la relatività generale e la meccanica quantistica.

La meccanica quantistica descrive come funzionano le cose nel mondo incredibilmente piccolo delle particelle e delle loro interazioni. La relatività generale descrive il quadro globale della gravità e del movimento degli oggetti.

Entrambe le teorie funzionano molto bene da sole, ma si pensa che siano in conflitto tra loro. Anche se la natura esatta del conflitto è controversa, gli scienziati sono generalmente d’accordo che entrambe le teorie devono essere sostituite da una nuova teoria più generale.

I fisici vogliono produrre una teoria della “gravità quantistica” che sostituisca la relatività generale e la meccanica quantistica, pur catturando lo straordinario successo di entrambe. Una tale teoria spiegherebbe come il grande quadro della gravità funziona sulla scala miniaturizzata delle particelle.

Il tempo nella gravità quantistica

Si scopre che produrre una teoria della gravità quantistica è straordinariamente difficile.

Un tentativo di superare il conflitto tra le due teorie è la teoria delle stringhe. La teoria delle stringhe sostituisce le particelle con stringhe che vibrano in 11 dimensioni.

Tuttavia, la teoria delle stringhe affronta un’altra difficoltà. Le teorie delle stringhe forniscono una serie di modelli che descrivono un Universo ampiamente simile al nostro, e non fanno realmente previsioni chiare che possano essere testate da esperimenti per determinare quale modello sia giusto.

Negli anni ’80 e ’90, molti fisici sono rimasti delusi dalla teoria delle stringhe e hanno proposto una serie di nuovi approcci matematici alla gravità quantistica.

Una delle più importanti è la gravità quantistica a loop, che propone che il tessuto dello spazio e del tempo sia costituito da una rete di pezzi discreti molto piccoli, o “loop”.

Uno degli aspetti notevoli della gravità quantistica a loop è che sembra eliminare completamente il tempo.

La gravità quantistica a loop non è la sola ad abolire il tempo: anche un certo numero di altri approcci sembrano abolire il tempo come aspetto fondamentale della realtà.

Tempo emergente

Quindi sappiamo che abbiamo bisogno di una nuova teoria fisica per spiegare l’Universo, e che questa teoria potrebbe non includere il tempo.

Supponiamo che tale teoria sia corretta. Vorrebbe dire che il tempo non esiste?

È complicato, e dipende da cosa intendiamo per ‘esistere’.

Le teorie della fisica non includono tavoli, sedie o persone, eppure accettiamo ancora che esistano tavoli, sedie e persone.

Perché lo facciamo? Perché supponiamo che queste cose esistano ad un livello superiore a quello descritto dalla fisica.

Diciamo che i tavoli, per esempio, “emergono” da una fisica sottostante di particelle che girano nell’universo.

Ma mentre sappiamo abbastanza bene come una tavola possa essere composta da particelle fondamentali, non abbiamo idea di come il tempo possa essere “composto” da qualcosa di più fondamentale.

Quindi, a meno che non si possa spiegare come il tempo emerga, non è chiaro che possiamo semplicemente assumere che il tempo esista.

Può essere che il tempo non esista a nessun livello.

Tempo e Azione

Dire che il tempo non esiste a nessun livello è come dire che non esistono tavoli.

Cercare di cavarsela in un mondo senza tavoli può essere difficile, ma cavarsela in un mondo senza tempo sembra assolutamente disastroso.

Tutta la nostra vita è costruita intorno al tempo. Pianifichiamo il futuro, basandoci su ciò che sappiamo del passato. Riteniamo le persone moralmente responsabili delle loro azioni passate, al fine di rimproverarle in seguito.

Ci vediamo come agenti (entità capaci di fare cose) in parte perché possiamo pianificare di agire in un modo che porterà al cambiamento nel futuro.

Ma che senso ha agire per portare un cambiamento nel futuro se, in un senso molto reale, non c’è un futuro per cui agire?

Che senso ha punire qualcuno per un’azione passata, quando non c’è passato e quindi, apparentemente, nessuna azione del genere?

La scoperta che il tempo non esiste sembrerebbe portare il mondo intero a un punto morto. Non avremmo motivo di alzarci dal letto.

Affari come al solito

C’è un modo per uscire da questa situazione.

Se la fisica può eliminare il tempo, sembra lasciare intatta la causalità il senso in cui una cosa può causarne un’altra.

Forse la fisica ci sta dicendo che la causalità, non il tempo, è la caratteristica fondamentale del nostro universo.

Se questo è il caso, allora l’agenzia può ancora sopravvivere. Perché è possibile ricostruire un senso di agency interamente in termini di causalità.

Almeno questo è quello che Kristie Miller, Jonathan Tallant e io sosteniamo nel nostro nuovo libro.

Suggeriamo che la scoperta dell’inesistenza del tempo potrebbe non avere un impatto diretto sulle nostre vite, anche se spinge la fisica in una nuova era.

Kristie Miller & Jonathan Tallant

Fonte: ScienceAlert

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code