toba60

Inventore Tedesco Crea Motore a Magneti Permanenti: Vuole “Regalare” La scoperta”

Views: 1406

Thomas Engel è un inventore tedesco di successo con oltre cento invenzioni brevettate al suo attivo. Lui – come molti dei suoi coetanei – non guarda indietro a un’istruzione scolastica di successo, ma evidentemente ciò non è necessario per il successo se sei intelligente e, come alcuni dicono, potrebbe persino essere controproducente, soffocando la creatività.

Engel ha capito il principio di funzionamento di un tipo di motore su cui molti inventori e tecnici hanno lavorato – finora senza successo. Ha trovato un modo per far funzionare i magneti permanenti, trasformando il loro potere attraente e repulsivo nella vera azione motrice del movimento rotatorio.

Gli editor tecnici a volte devono essere scortesi. C’è un flusso costante di persone che vogliono salvare il mondo con le loro invenzioni: tutto ciò che manca è il sostegno pubblico e il denaro per sviluppare ulteriormente la loro idea. Bisogna dire a quelle persone che o nessuno ha bisogno della loro creazione o che non funzionerà.

Motore a magneti permanenti

E se questa volta fosse diverso? C’è un uomo che sta cercando di contattarci. Sta attraversando un fotografo freelance e dice che ha un motore a casa sua che funziona da aprile senza sosta e che non ha bisogno di carburante per farlo. Il fotografo l’ha visto ed è tutto entusiasta. Abbiamo sentito parlare di tali motori prima, ma non abbiamo mai visto una dimostrazione. Normalmente, non dovresti nemmeno preoccuparti di leggere oltre questo punto, perché qualcosa del genere non può davvero esistere. Ma questa volta non stiamo parlando di una manovella con un’idea. Questo è stato premiato nel 1972 con la prestigiosa medaglia Rudolf Diesel per inventori, ha oltre un centinaio di brevetti a suo nome e ha tenuto conferenze in università di tutto il mondo.


L’inventore e i suoi motori. La versione precedente a sinistra fu costruito da un vecchio tornio di orologiai.

Negli anni cinquanta e cinquanta Engel sviluppò una nuova procedura per la produzione di polietilene che rendeva i tubi di plastica resistenti all’acqua calda. Lo stadio Olympia di Monaco ha un sistema di riscaldamento del prato basato su questa invenzione. È diventato milionario prima dei 30 anni. Non ha mai nemmeno sostenuto l’esame di scuola elementare poiché nel 1944 è stato arruolato nella difesa aerea militare. Dopo ciò, non ebbe più tempo. Il nostro diario parlò a lungo della sua carriera di lavapiatti esattamente 13 anni fa (il 22 novembre 2000). Questa non è la biografia di un ciarlatano. L’inventore vive a Baden-Baden e ha un posto a Lucerna, in Svizzera, dove si trova il motore. Quindi partiamo con sentimenti contrastanti verso la bellissima Svizzera.

Il motore di Engel è in funzione. Durante le tre ore in cui siamo lì, si sta rilassando lentamente, interrotto solo da alcuni esperimenti di cui parleremo più avanti. Non vi è alcun evidente sviluppo di calore. Sembra familiare, il motore ottiene la sua potenza dai magneti al neodimio (NdFeB). Questi sono i più potenti magneti permanenti conosciuti, un disco di appena una moneta da un euro può contenere circa chilogrammi di peso. Il neodimio è un elemento di terre rare, molto utilizzato in elettronica. I magneti realizzati con questo materiale sono utilizzati nella tomografia a spin nucleare e nei generatori eolici, guidano le pompe dell’acqua di camion pesanti e mantengono fermi gli strumenti.

I magneti sono fabbricati usando una miscela di neodimio, ferro e boro che viene pressato nella forma e sinterizzato. Vengono quindi magnetizzati con un forte impulso elettrico. L’energia utilizzata per la magnetizzazione, tuttavia, non è ciò che fa funzionare il magnete. Numerosi fornitori di questi magneti ci hanno assicurato che la potenza dei magneti non diminuisce, anche dopo anni di utilizzo. Quindi sembra che i magneti possano funzionare costantemente senza degradarsi. L’unica cosa che non piace a quei magneti è il grande calore.

L’idea di Engel era che sarebbe stato possibile convertire quella potenza dei magneti in movimento rotatorio. Ha costruito una macchina in ottone, simile a un tornio in miniatura. Il rotore è un disco con magneti fissati su di esso. L’albero gira in cuscinetti ceramici. Un magnete a disco fissato all’angolazione corretta e alla distanza dal rotore ma che è in grado di ruotare (Engel lo chiama specchio) può influire sui magneti del rotore. Esiste una forza attraente e repulsiva, a seconda dell’orientamento dei poli: il rotore può quindi essere messo in movimento continuo, purché lo specchio continui a ruotare. La rotazione dello specchio regola la velocità del rotore.

La forma esatta e la disposizione delle parti è difficile da accertare, Engel ha dovuto sperimentare a lungo con questi parametri. Se lo specchio è un po ‘troppo distante, il campo magnetico si rompe. D’altra parte, se è troppo vicino, i magneti al neodimio faranno a pezzi la costruzione. Lo specchio si blocca in una specie di stabilizzatore. Due fili elettrici si collegano all’estremità inferiore con clip a coccodrillo. C’è un piccolo motore elettrico che ruota lo specchio. Quindi non è possibile fare a meno dell’elettricità? L’inventore segnala il suo disaccordo. “Otto milliampere a nove volt”, dice. Questo è solo un meccanismo di controllo. La potenza sull’albero è molto maggiore. Engel ha anche pensato a un azionamento meccanico per lo specchio direttamente dall’albero del rotore, ma ha optato per questo in quanto aumenterebbe notevolmente la complessità meccanica.

Volevamo saperne di più. La rotazione è di circa 400 giri / min. Non abbiamo uno strumento per misurare la potenza meccanica. Quindi dobbiamo usare il freno a dito. È difficile arrestare la rotazione afferrando l’albero. Il motore si ferma solo dopo un notevole calore sviluppato sui calli delle nostre mani. Una piccola elica fatta a mano in plexiglass non impressiona affatto il motore; vorremmo davvero sapere quanta potenza viene prodotta dalla macchina. Con un po ‘di destrezza, si può ruotare manualmente lo specchio e mettere in moto il rotore. Non c’è quasi resistenza quando si gira lo specchio. Rischiamo quindi un’affermazione: l’uscita percepita sull’albero è chiaramente maggiore dell’input necessario per dare l’impulso. Naturalmente la misurazione è stata effettuata solo con sensori umani.

Sarebbe possibile posizionare un secondo rotore sul lato opposto, per essere indirizzato dallo stesso specchio. Tenendo un cacciavite tra lo specchio e il rotore in funzione si ottiene un movimento oscillante del cacciavite tra i magneti, senza tuttavia toccarli. Engel vorrebbe fare più sperimentazione con il numero di magneti e la loro forma, ma dice che gli manca la forza per un ulteriore sviluppo.

Sezioni trasversali dei rotori di motori sincroni a magneti permanenti: STRUTTURA MOTORE SINCRONO. PERCORSI FLUSSO MAGNETICO SUP.

La scienza è scettica. Un motore che produce più energia di quanta ne consuma è impossibile, afferma Markus Münzenberg, professore di fisica sperimentale all’Università di Gottinga. Perché nei sistemi chiusi, la somma dell’energia è sempre uguale. La coppia apparentemente elevata all’albero potrebbe essere una conseguenza della massa inerziale della macchina che, una volta in movimento, è difficile da arrestare. Il professor Ludwig Schultz, direttore dell’Istituto per i materiali metallici di Dresda, è d’accordo. Mentre sarebbe possibile immaginare configurazioni di magneti che attraggono periodicamente e quindi respingono altri magneti, ma in tal caso l’energia potenziale verrebbe periodicamente rilasciata senza che vi sia un guadagno di energia.

La reazione dell’inventore alla domanda se il suo motore sia una macchina a moto perpetuo è piuttosto risentita: “Questa è spazzatura”, dice. “Non vi è nulla di simile”. Engel è convinto che la sua macchina utilizzi l’enorme energia inerente ai quanti, quei componenti inconcepibilmente piccoli di atomi che furono descritti per la prima volta dal fisico Max Planck nella prima parte del secolo scorso. Quindi chiama la sua macchina un “apparato di deviazione quantistica”. Qualcosa non è ancora chiaro, anche per l’inventore stesso. Da qualche parte in Germania, un uomo d’affari ha un secondo motore nella sua azienda, che funziona a 1200 giri / min. L’uomo ha chiamato alcuni giorni fa, dice, e ha raccontato che, quando il motore era coperto da un cappuccio acrilico, la sua velocità di rotazione diminuiva. Engel non ne conosce il motivo.

L’espressione “motore quantistico” porta con sé alcune cattive associazioni, poiché alcuni imbroglioni, circa una decina di anni fa, usavano quel nome per raccogliere denaro per una macchina che non si materializzava mai. Il motore di Engel è abbastanza diverso da quello, a parte una somiglianza nella descrizione. L’inventore non ha bisogno di soldi. Dice che vuole dare via il motore perché l’umanità ha bisogno di energia a prezzi accessibili. Deve essere ulteriormente sviluppato fino ad alcuni anni in futuro, con cui realizzeremo elettricità negli scantinati delle nostre unità abitative.

Qual è il prossimo passo adesso? Engel vuole collegare un piccolo generatore all’albero e dimostrare che il suo motore eroga più elettricità di quanto sia necessario per il suo controllo. Se potesse farlo, avremmo davvero delle notizie sensazionali.

Lukas Weber

Fonte: http://blog.hasslberger.com

0

Your Cart