toba60

Johan Cruyff al Congresso Internazionale di La Coruña

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Come tutti, ognuno ha le sue idee riguardo la palla rotonda e sostanzialmente e’ proprio questo il bello di questa disciplina.

Non ho mai condiviso in pieno il suo modo di intendere il calcio per come johan Cruyff lo vedeva in chiave tecnica, sono sicuro che ognuno di voi avrà come me ha qualche punto di riferimento che stimola la sua fantasia.

Non bisogna mai però rinnegare il valore di chi ha fatto la storia del calcio e Johan Cruyff e’ stato sicuramente uno di questi.

Lo adoravo come giocatore e come allenatore si e’ fatto interprete di un modo di intendere questa disciplina che rifletteva il suo carattere e questo e’ stato il suo punto di forza che lo ha portato a risultati straordinari e innovativi ancora oggi.

A voi cari tecnici…….non si finisce mai di imparare.

Toba60

Johan Cruyff Allenatore

Era chiaro che quando Johan entrò nella stanza, quello che c’era nell’aria sarebbe diventato un tumulto, stupore e ammirazione.

Johan Cruyff

Anche Angel Cappa ha voluto finire presto per dare tutta l’attenzione a una stanza che aveva davanti uno dei suoi idoli e voleva sapere molte cose sul suo particolare modo di vedere il calcio.
Come succede di solito in questi casi, si aspetta così tanto che alla fine niente ti riempie e ti gusta poco.

La prima riflessione ha colpito la necessità per una squadra di calcio di avere più allenatori, alcuni per formare i terzini in un modo e migliorarli, lo stesso con gli attaccanti, ecc … e ha dato l’esempio di altri sport come il golf, dove si hanno diversi allenatori, a seconda di quale colpo si vuole migliorare.

Pertanto, sostiene di provocare una specializzazione nelle funzioni degli allenatori per ottenere miglioramenti nella specializzazione dei calciatori e per questo crede che sarebbe positivo dividerli in gruppi con caratteristiche simili nelle loro posizioni, zone del campo dove si trovano e ruoli che svolgono a livello individuale, di gruppo e collettivo.

Cruyff Calciatore

Questa nuova idea, Johan l’ha stabilita nell’Ajax dove è un collaboratore, hanno una nuova linea di lavoro con ex calciatori, in cui decidono tutto, metodologia di lavoro, disposizione degli allenamenti e anche lo stipendio dei calciatori; vogliono che un club di calcio sia gestito da persone di calcio e crede che questa nuova idea creerebbe più posti di lavoro per gli allenatori che cercherebbero di perfezionare le competenze tecnico-tattiche nella loro posizione e sottolinea che Koeman potrebbe allenare i difensori meglio di me, ma non gli attaccanti.

Mi duole dirlo, ma non sono molto d’accordo con lui, perché nell’arte dell’insegnamento, ci sono molteplici fattori che influenzano il processo di apprendimento significativo che vanno oltre l’essere stato un difensore o un attaccante.

Ha anche avuto il tempo di parlare della base e sottolineare la cattiva distribuzione dei bambini nella competizione per anni civili, notando che non è lo stesso un bambino nato a febbraio, che un bambino nato a dicembre.

Su questa idea io, Javier Lavandeira, ho coinciso recentemente in un congresso in cui ho tenuto una conferenza con il responsabile dell’area metodologica di Siviglia e mi ha detto che hanno valutato i bambini della loro cava, secondo il loro livello di maturità e non la loro età cronologica, è un’idea che condivido e che non si fa spesso; un bambino può essere stagnante perché è più immaturo di un altro, ma non perché ha meno talento e che come allenatori dobbiamo percepirlo.

Johan Cruyff

Tornando a Johan, ha insistito sulla ricerca del talento, per non essere ossessionato nella base con la priorità di forza e velocità.
Purtroppo l’immediatezza vive anche nella base e l’allenatore è valutato, se vince o non, un’assurdità perché nessuno ricorda se il Cadete B ha vinto il campionato due anni fa, ma se si influenza nel processo di formazione di un calciatore che arriva, alla fine che se deve avere un riconoscimento maggiore.

Tutte queste teorie devono essere supportate dal risultato, non immediatamente, ovviamente, ma nel tempo, che dà più autenticità ed efficacia a ciò che si lavora, cioè, a valorizzare ciò in cui si crede.
Infine, vorrei dire che Johan Cruyff, come molti altri, è stato l’ispirazione per le mie intenzioni calcistiche come allenatore, affascinato dal gioco che faceva la squadra dei sogni e da una frase che mi ha inciso e che condivido: “Aspiro a divertirmi guardando tutte le partite che gioca la mia squadra perché sono quello che dovrà guardarle tutte”.
Infine vi lascio il link a un articolo che abbiamo fatto su Cruyff, qualche tempo fa, quando questa pagina è iniziata.

Johan Cruyff La Leggenda Decálogo di un genio

Rexach analizza i comandamenti che lui e Cruyff si sono dati quando sono arrivati al Barcellona.

L’importanza di Johann Cruyff nel corso della storia del Barcellona è oggi indiscutibile. Le statistiche lo rendono il miglior allenatore azulgrana nella storia. (”L’avvento di Pep Guardiola ha un po rivisto questa prerogativa”) Josep Lluís Núñez ebbe la pazienza di sopportarlo per i primi due anni, un fatto insolito in un presidente di indole mercantilista.

Cruyff è un tipo fortunato (ha vinto due campionati all’ultima giornata e una coppa europea ai tempi supplementari), intelligente (sa sempre cosa fare), provocatorio (parla per reagire) e arrogante (non sbaglia mai) che ha trasformato un club volubile, perdente e isterico in una squadra trionfante, il carattere che meglio definisce l’allenatore olandese: è un vincitore nato.

Al suo arrivo ha chiesto solo tre cose: soldi, buoni giocatori e Charly come assistente. Il resto dipendeva da lui. Nessuno sapeva meglio di lui cosa gli era richiesto.

Ecco i dieci comandamenti che, con le note di Carles Rexach, Cruyff applicò al suo successo al suo arrivo nel 1988

1) Ordine

Un club in disordine sul campo e negli uffici deve essere messo in ordine. Non può essere che tutti pensino a tutto e facciano tutto. È conveniente delimitare le funzioni e poi chiedere le responsabilità: se a un portiere viene detto che la sua missione è di controllare una porta e non deve far entrare nessuno, bisogna pretendere che non passi nessuno e non chiedergli altro.

Johan Cruyff

Un lavoro di routine, ma ben fatto. I dirigenti dovrebbero essere negli uffici, i giocatori negli spogliatoi e gli allenatori nel loro camerino. Ci sarà, questo sì, un punto d’incontro, e gli opportuni canali di comunicazione, ma affinché uno non invada la trama dell’altro è necessario bussare alla porta. Non c’è niente di più offensivo per un calciatore che essere rimproverato da un manager di fronte a tutta la squadra nello spogliatoio. La gente dovrebbe sapere che in un posto ci sono i capi e nell’altro gli indiani.

2) Ottimismo

È necessario parlare chiaramente. Cruyff può essere l’allenatore che parla peggio, ma è anche quello che viene capito meglio. La facilità di comunicazione del coaching staff deve servire a diffondere un messaggio di ottimismo. È necessario porre fine al fatalismo, trasmettere sicurezza e riscaldare i tifosi.

3) Senso di squadra

Ognuno può pensare quello che vuole quando si tratta di una questione personale, ma dobbiamo unificare i criteri quando si tratta del collettivo. Era necessario dare dignità alla parola squadra, e per questo dobbiamo mettere fine ai clan nello spogliatoio e rendere i giocatori consapevoli che stavano lavorando per un obiettivo comune. Non basta dire che siete una squadra, dovete essere una squadra dentro e fuori dal campo. La partita di domenica non è altro che l’espressione del comportamento dei sei giorni precedenti. Bisogna essere sulla palla. Il senso di squadra si acquisisce solo quando i singoli lasciano lo spogliatoio e l’insieme si rinnova, senza che i tifosi, la gente o chiunque altro se ne accorga.

4) Liberazione

È necessario liberare la squadra da qualsiasi pressione e responsabilità. Meglio: il giocatore non deve avere paura di perdere per quello che potrebbe dire la gente, ma per quello che dirà l’allenatore. Il carisma dell’allenatore (Cruyff) gli permette di assorbire questo ambiente maligno. Tuttavia, non bisogna essere dittatoriali, ma quando ci si rende conto che il giocatore non ha più paura, bisogna delegare la responsabilità, e il giocatore gliene sarà grato.

5) Collaborazione

È necessario stabilire una relazione fluida tra lo staff, gli allenatori e i media. Sono difficili da gestire, ma il successo dipende spesso dall’intesa tra queste tre parti molto diverse.

Johan Cruyff

6) Spettacolo.

Dobbiamo porre fine al cemento sugli spalti. L’unica soluzione è proporre un calcio allegro e divertente, mettere su uno spettacolo. Dobbiamo ridere invece di piangere. Cercare sempre di giocare un buon calcio. Per divertirsi con la partita. E per questo hai bisogno, come si dice in gergo, di 11 Pelés.

7) Autorità

Se non vuoi schiantarti come un qualsiasi allenatore, devi dominare il pollaio. Per essere un allenatore di Barcellona è più importante sapere come condurre un collettivo di crepe che correggere un partito sul campo. Una squadra funziona solo quando i giocatori sono convinti che quello che devono fare è la cosa migliore da fare. Bisogna avere ascendente sul collettivo, sedurre e convincere. È necessario approfittare dell’immagine di idolo che l’allenatore ha tra i giocatori. Rexach spiega: “Un esempio: Cruyff dice oggi: ‘Facciamo un rondò con un pallone da rugby’. Non funziona e viene fuori che il membro più audace del gruppo chiede a Johann: ‘Ehi, perché ci stiamo allenando con una palla ovale quando il calcio si gioca con una palla di cuoio rotonda? E Cruyff risponde: ‘Perché voglio che tu sia in grado di reagire a una palla non controllata. Cruyff lo dice e tu sei convinto, c’è una logica, ma un altro allenatore lo dice e il giorno dopo è fuori sulla strada.

8) Sicurezza.

Devi convincere tutti che quello che stanno facendo è la cosa migliore per loro, per i loro compagni di squadra e per il capo. L’obiettivo è dare l’ABC del calcio ad ogni giocatore. Esempio: “Tu, che sei un giocatore interno, devi fare questo e non fare quello, e nient’altro”. Una volta che hai imparato cosa dovrebbe fare un giocatore interno, puoi pensare ad altre variazioni. E quando non funziona, bisogna tornare all’ABC. La cosa principale è avere delle regole. Sta agli allenatori sapere cosa si vuole fare e poi trovare chi può farlo. Basta chiedere al giocatore cosa può fare e questo è tutto. Chiedete la sua qualità. Il giocatore deve avere fiducia in quello che fa. È preferibile che un difensore venga derubato della palla per aver voluto palleggiare, per un eccesso di fiducia, che per un errore, per un errore causato dalla paura di fallire.

Johan Cruyff

9) Lealtà

Tutta la squadra, sia tecnica che calcistica, deve condividere la stessa idea e aprire abbastanza canali in modo che quando si verificano le discordanze possano essere risolte. Il capitano deve essere in campo l’espressione dell’allenatore e nello spogliatoio il punto di riferimento dei suoi compagni di squadra. Ci sono giocatori che sono timidi, che hanno paura di bussare alla porta dello spogliatoio dell’allenatore, ed è più facile per loro chiedere la mediazione del capitano. È molto importante che l’allenatore sappia cosa sta succedendo, e il prima possibile. Non appena il credo calcistico è stabilito nella squadra professionista, bisogna diffonderlo a tutte le squadre inferiori. Bisogna creare uno stile di gioco e un modo di vivere in accordo con l’essenza del club, ed essendo un grande club bisogna sempre motivare ed esigere.

Tecniche Mentali per il Potenziamento della Prestazione Sportiva
€ 16,00

10) Dedizione

Il calciatore deve pensare solo al calcio; non per obbligo, ma per divertimento. È necessario circondare l’ambiente di divertimento – allenamenti divertenti, comunicazione fluida… – e, soprattutto, divertirsi giocando.
Nel momento in cui soffri, quando chiedi il tempo, quando pensi di andare a casa…, allora non puoi giocare in questa squadra, perché non giocherai bene. Gli allenatori devono dare l’esempio: giocare a calcio, essere in campo, nel giro, e insegnare… Non c’è niente di meglio del fatto che l’allenatore gioca accanto al giocatore, ferma il gioco, corregge, commenta. E Rexach conclude: “Una parola di Cruyff in un round vale più di 100 ore di chiacchiere e lavagna”.

Javier Lavandeira

Fonte: futbolofensivo.com/

Novità letteraria di Toba60 IL mondo non è quello che sembra

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code