toba60

La Crisi in Ucraina Segna l’inizio di un Nuovo Ordine Mondiale?

La politica estera va sempre presa con le pinze, ogni evento deve essere costantemente interpretato con il senno di poi, la realtà di fatto però vede una situazione come quella in corso, dove ogni diretto interessato naviga a vista.

Penso proprio che se ne vedranno delle belle, o meglio ….qualcuno probabilmente se la passerà molto male……

……. io speriamo che me la cavo.

Toba60

L’inizio di un Nuovo Ordine Mondiale

Il vertice tra Putin e Xi alla vigilia delle Olimpiadi invernali è stato a malapena menzionato dai media mainstream. Eppure si tratta di un incontro al vertice con conseguenze potenzialmente di vasta portata. Siamo sull’orlo di un nuovo ordine mondiale? L’esperto di Cina Marc Vandepitte spiega il contesto.

Una dichiarazione congiunta

Poco prima dell’inizio delle Olimpiadi invernali di Pechino, Putin e Xi hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sulle relazioni internazionali e la cooperazione tra i due paesi. Si tratta di un documento di dieci pagine, che arriva in un momento di grande tensione con la NATO sull’Ucraina, e un boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali.

Il testo può essere visto come un appello per un nuovo ordine mondiale, in cui gli Stati Uniti e i loro alleati non guidano più, ma dove si cerca un mondo multipolare, rispettando la sovranità dei paesi.

“Entrambe le parti si oppongono a un ulteriore allargamento della NATO. Chiedono all’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico di abbandonare il suo approccio ideologico da guerra fredda, di rispettare la sovranità, la sicurezza e gli interessi degli altri paesi, così come la diversità della loro civiltà, cultura e storia, e di adottare un atteggiamento onesto e obiettivo verso lo sviluppo pacifico degli altri stati.

Messaggi simili sono stati inviati in passato: una dichiarazione congiunta nel 1997, per esempio. Tuttavia, questa è la prima volta che i due presidenti si esprimono così chiaramente e rafforzano i loro legami così strettamente. È anche la prima volta che la Cina si è espressa esplicitamente contro l’espansione della NATO.

Per capire il significato di questo documento, è utile guardare alla storia recente.

Una preponderanza

La prima metà del XX secolo ha visto l’ascesa di due nuove superpotenze: gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. D’altra parte, le ex potenze coloniali sono andate in relativo declino.

Gli Stati Uniti sono emersi come il grande vincitore dopo la seconda guerra mondiale. Sia le ex superpotenze che l’URSS erano a terra. A Washington, alcuni sognavano un nuovo ordine mondiale in cui solo gli americani avrebbero governato.

“Se non abbiamo l’ambizione della supremazia assoluta, optiamo per la sconfitta”, ha detto Paul Nitze, allora consigliere anziano del governo americano. Sfortunatamente per loro, questi piani furono vanificati dalla rapida ricostruzione dell’Unione Sovietica e dalla rottura del monopolio nucleare.

Mezzo secolo dopo, tuttavia, questo sogno è diventato realtà con la caduta del muro di Berlino nel 1989 e lo smantellamento dell’URSS due anni dopo. Non c’erano più ostacoli all’egemonia americana. Gli Stati Uniti erano finalmente diventati il leader indiscusso della politica mondiale, e intendevano rimanere tali.

Nel 1992, il Pentagono non lasciava spazio a dubbi: “Il nostro obiettivo primario è quello di impedire l’emergere di un nuovo rivale sulla scena mondiale”. Dobbiamo impedire che i potenziali concorrenti possano anche solo aspirare a un ruolo regionale o globale maggiore. (enfasi aggiunta).

A quel tempo, la Cina non era ancora sulla linea di tiro. L’economia cinese era relativamente sottosviluppata e il suo PIL era solo un terzo di quello degli Stati Uniti. Militarmente, il paese non significava nulla. All’epoca, Washington vedeva soprattutto l’Europa come un potenziale rivale, e diffidava di un possibile risveglio russo.

Gli Stati Uniti si scatenano

Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti si sono completamente scatenati. L’invasione di Panama alla fine del 1989 fu un riscaldamento per quello che sarebbe venuto. Poco dopo, fu la volta dell’Iraq, della Jugoslavia e della Somalia. Più tardi seguirono Afghanistan, Yemen, Libia e Siria.

Oltre agli interventi militari espliciti, gli Stati Uniti hanno condotto sempre più spesso “guerre ibride” o “rivoluzioni colorate” per realizzare un cambiamento di regime, che non ha avuto successo ovunque. Lo hanno fatto in Brasile, Bolivia, Venezuela, Cuba, Honduras, Nicaragua, Georgia, Ucraina, Kirghizistan, Libano e Bielorussia. Inoltre, hanno imposto sanzioni economiche a più di 20 paesi.

La NATO, che è stata fondata con l’obiettivo di stabilire l’egemonia militare degli Stati Uniti, si è anche espansa costantemente dopo lo smantellamento dell’Unione Sovietica. Dagli anni 1990, 14 stati del continente europeo sono diventati membri dell’alleanza. Altri paesi come la Colombia sono diventati “partner” della NATO.

Girando per la Cina

Gli Stati Uniti sembravano essere il dominatore incontrastato del mondo dopo la guerra fredda. Ma questo senza contare la Cina. Per la prima volta nella storia recente, un paese povero e sottosviluppato è diventato in poco tempo una superpotenza economica.

Negli ultimi trent’anni, la Cina ha sperimentato una notevole espansione economica. Dall’adesione all’OMC nel 2001, l’economia cinese è più che quadruplicata. E questo balzo in avanti non fu solo economico, ma anche tecnologico.

Fino a poco tempo fa, l’Occidente – guidato dagli Stati Uniti aveva il monopolio assoluto della tecnologia, delle armi di distruzione di massa, dei sistemi monetari e finanziari, dell’accesso alle risorse naturali e della comunicazione di massa. Grazie a questo monopolio, era in grado di controllare e sottomettere i paesi, soprattutto nel Sud. Tuttavia, l’Occidente, con gli Stati Uniti come poliziotto, rischia ora di perdere questo monopolio.

Questo è il motivo per cui gli Stati Uniti ora considerano la Repubblica Popolare Cinese il loro principale nemico. Nel contesto delle discussioni sul bilancio 2019, il Congresso ha dichiarato che “a lungo termine, la competizione strategica con la Cina è una priorità assoluta per gli Stati Uniti”. Si tratta di una strategia globale che deve essere perseguita su più fronti. Gli Stati Uniti stanno cercando di minare, o come dicono loro, “soffocare” l’ascesa economica e tecnologica della Cina.

Se necessario, ricorrerà a mezzi extra-economici. La strategia militare verso la Cina segue due piste: una corsa agli armamenti e l’accerchiamento del paese. In tutto il paese, gli Stati Uniti hanno più di trenta basi militari, basi di supporto o centri di addestramento (i punti viola sulla mappa). Il sessanta per cento della flotta totale è di stanza nella regione. Questo accerchiamento militare va avanti da anni.

Nell’aprile 2020, il Pentagono ha pubblicato un nuovo rapporto, che sostiene una maggiore militarizzazione della regione. Il piano è di installare missili balistici a lungo raggio nelle basi militari degli Stati Uniti o in quelle dei loro alleati (frecce rosse). Se i missili da crociera sono installati anche sui sottomarini (vedi mappa), sarebbe allora possibile per loro colpire la Cina continentale in 15 minuti. Questi sviluppi sono molto pericolosi.

Come parte di questa strategia di accerchiamento, il Pentagono sta anche rafforzando i suoi legami militari con i paesi della regione. Per esempio, nel 2021, ha stipulato un “patto di sicurezza” con l’Australia e la Gran Bretagna per contenere la Cina.

Quando è troppo è troppo

Per Putin e Xi, quando è troppo è troppo. L’avanzata della NATO verso est, l’aumento delle guerre militari e ibride nel mondo, le numerose sanzioni economiche e l’accerchiamento della Cina devono finire. I giorni in cui la NATO, il G7 e il FMI dominato dall’Occidente erano al comando sono finiti. Questo mondo unipolare deve cedere il passo a un mondo multipolare.

La crescente aggressione contro entrambi i paesi sta spingendo la Cina e la Russia l’una verso l’altra. La Cina ospita quasi un quinto della popolazione mondiale, è una potenza economica globale ed è il principale partner commerciale della maggioranza dei paesi. La Russia è il paese più grande del mondo e una superpotenza nucleare.

Un’alleanza tra questi due paesi è un importante contrappeso alla supremazia americana. Secondo il quotidiano britannico The Guardian, “la nascita di questo asse sino-russo, concepito come una resistenza alle democrazie occidentali guidate dagli Stati Uniti, è il più importante sviluppo strategico globale dal crollo dell’Unione Sovietica trent’anni fa.

Sarà decisivo per l’epoca a venire.

Ma non si limita a questi due paesi. La Russia è membro di diverse alleanze regionali e multinazionali. Una di queste, l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), è un’alleanza militare che è attualmente coinvolta in operazioni di “peacekeeping” in Kazakistan. Un’altra, l’Organizzazione di Cooperazione di Shanghai (SCO), è un’alleanza eurasiatica nel campo politico, economico e della sicurezza. Oltre a Russia e Cina, sono membri anche India e Pakistan, tra gli altri.

La Cina ha recentemente aderito al più grande partenariato economico del mondo, il Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP). Questo partenariato nel sud-est asiatico coinvolge il trenta per cento della popolazione mondiale. La Nuova Via della Seta ha generato centinaia di investimenti, prestiti, accordi commerciali e decine di Zone Economiche Speciali, per un valore di 900 miliardi di dollari. Questi sono distribuiti in 72 paesi, che ospitano una popolazione di circa 5 miliardi, ovvero il 65% della popolazione mondiale.

Un nuovo ordine mondiale?

Nel suo articolo “La fine della storia e l’ultimo uomo”, Fukuyama ha annunciato una nuova era di egemonia occidentale poco dopo la caduta del muro di Berlino. Le debacle in Iraq, Afghanistan, Siria, Libia e Yemen, tra gli altri, mostrano che questi grandi discorsi erano un segno di arroganza.

Se la recente alleanza tra Russia e Cina si consolida e altri paesi vi aderiscono, potremmo essere all’alba di una nuova era. Questa non è la fine della storia, ma l’inizio di una nuova fase in cui il potere nel mondo è più decentralizzato: in altre parole, un nuovo ordine mondiale. Promette di essere un periodo eccitante, ma anche pericoloso.

Abbiamo bisogno di un forte movimento per la pace più che mai.

Marc Vandepitte

Fonte: dewereldmorgen.be

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code