toba60

La Cura Farmaceutica fa Parte della Malattia?

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Io non so voi ma io quando vedo un medico mi metto le mani…… per chi non lo sapesse le loro prescrizioni mediche sono la terza causa di morte nel mondo, se dipendesse da me le farmacie andrebbero tutte a vendere il cocco a Mar del Plata, tra 2 mesi compio il mio Ventesimo anno senza aver mai preso un solo farmaco, qualcuno dice che sono stato fortunato, behh, può essere, certo, qualche malessere l’ho avuto pure io, ma non ho mai preso in considerazione l’idea di immettere qualche intruglio chimico dentro il mio corpo.

Non metto in dubbio che vi possono essere delle situazioni estreme, rimane il fatto che per molte persone questa è la norma, è altrettanto vero però che gli effetti collaterali i quali via via si amplificano lascia intendere che probabilmente non è proprio la soluzione ottimale quella che viene intrapresa.

Con i soldi risparmiati ho potuto permettermi qualche viaggio senza dover fare la cresta……considerato che solo in Italia si spendono ogni anno 30,8 miliardi di euro.……….ahh dimenticavo …..non ho conteggiato i sieri miracolosi che non sono gratis, ma ci vengono detratti dalle tasse, le mascherine, i tamponi ecc …..

una bella passeggiata in campagna, possibilmente senza museruola, non sarebbe meglio? ………

Toba60

La Cura Farmaceutica Parte della Malattia

La mia fuga dal sistema sanitario americano è iniziata alla fine dei miei vent’anni durante un periodo di grave crisi personale, soprattutto mentale. Soffrivo di depressione estrema, ansia grave e scarsa salute fisica a causa di anni di vita sedentaria e basata sul divertimento.

Il sogno americano.

Avevo un matrimonio meraviglioso con un bambino in arrivo, una casa mia, molti amici e un lavoro da sogno con un ottimo stipendio e tutte le prestazioni sanitarie di cui avrei dovuto aver bisogno. Ma non ero felice. Ero infelice, emotivamente distrutta e molto autodistruttiva.

Perché?

Alla fine sono crollata, ho deciso che avevo bisogno di aiuto e mi sono rivolta al nostro fidato medico di famiglia che conoscevo da anni. Dopo avergli rivelato i dettagli personali della mia sofferenza mentale, mi diagnosticò rapidamente l’ansia e la depressione, mi prescrisse due farmaci quello stesso giorno (un ansiolitico e un anti-schizofrenico/depressivo); poi mi indirizzò con urgenza a uno psichiatra altamente raccomandato.

Quando ho chiesto se i farmaci erano veramente necessari e per quanto tempo avrei dovuto prenderli, il mio medico ha detto che avevo uno squilibrio chimico e che i farmaci erano necessari per il resto della mia vita. Ho chiesto se l’esercizio fisico o il cambiamento della dieta avrebbero potuto aiutarmi a riequilibrare, ma mi ha assicurato che non importava, che non sarei migliorata senza i farmaci. Aveva dei campioni gratuiti di antidepressivo da darmi, e con l’assicurazione l’intera faccenda mi è costata solo pochi dollari in farmacia.

Le pillole per l’ansia hanno funzionato per rilassarmi, ma la pillola per la depressione mi ha fatto sentire così a disagio e strano che ho dovuto fare una chiamata d’emergenza al mio medico la sera stessa, spiegandogli che non solo ero confuso, nervoso e sudato freddo, ma che stavo perdendo fluidi corporei e avevo lievi contrazioni ovunque.

Esortandomi a mantenere la calma, mi ha detto che gli effetti collaterali erano molto normali e che mi ci sarei abituata con il tempo, aggiungendo che avrei dovuto continuare con entrambi i farmaci, anche aumentando i loro dosaggi alla fine della settimana. Quella si è rivelata essere l’ultima pillola antidepressiva che ho preso.

Più tardi nella settimana mi incontrai con lo psichiatra, un medico molto distinto ed esperto. A questo punto ero pienamente convinta che avevo davvero bisogno di parlare con qualcuno che potesse offrire un buon consiglio.

Per me fu subito difficile aprirmi con lui e glielo dissi. Mi assicurò che andava bene perché questa era solo la nostra prima visita di molte altre a venire e il nostro rapporto si sarebbe sviluppato nel tempo. Inoltre, poteva ancora prescrivermi le medicine giuste, disse. Non aveva bisogno di sapere o comprendere appieno tutti i dettagli in una volta sola, mi assicurò.

Gli menzionai la mia esperienza con i farmaci del mio medico di famiglia, e verso la fine di una prima visita piuttosto scomoda lo psichiatra scrisse le prescrizioni per altre cinque pillole per me; dovevo prendere ben sette pillole diverse al giorno! Questa mi sembrava una quantità scioccante di farmaci, così feci una serie di domande sul perché fosse necessario e per quanto tempo. Il dottore rimase completamente fiducioso che questo regime avrebbe corretto tutti i miei problemi.

Era assolutamente necessario; avevo un grave squilibrio chimico, mi disse non un grosso problema, e in realtà molto comune. Avevo solo bisogno dei farmaci, che erano disponibili gratuitamente, oggi, come campioni. Potrei comprarli per il resto della mia vita nella mia farmacia locale, pagando con la mia assicurazione, naturalmente.

Uscendo dall’ufficio con una busta di plastica bianca piena di pillole in mano e dopo la mia esperienza con gli antidepressivi all’inizio della settimana mi sembrava controintuitivo iniziare a prendere così tanti farmaci ogni giorno. Anche distanziandoli attentamente durante il giorno, come raccomandato dallo psichiatra per evitare una sovrapposizione di effetti collaterali, questo sembrava malsano.

Persino pericoloso.

Le mie scelte divennero evidenti. Potevo seguire il consiglio dei miei medici e prendere i farmaci, ignorando il profondo scetticismo che provavo. Potevo cercare nuovi medici e nuove opinioni all’interno di un sistema medico che improvvisamente sembrava non avere a cuore i miei interessi. Oppure, potevo riconoscere la voce crescente dentro di me che diceva che i miei problemi erano troppo complessi e troppo personali per essere curati da un sistema medico così veloce con i farmaci.

Ho gettato il sacchetto di pillole nel cestino mentre andavo alla macchina, e non ho più rivisto nessuno dei due medici. Quanto spesso succede nei loro ambulatori? Quante persone prendono farmaci che alterano la mente perché questa è stata la prima soluzione raccomandata dal loro medico? Quante persone assumono permanentemente questi farmaci perché qualsiasi alternativa è stata sminuita? Quante persone hanno ricevuto la prima dose della loro vita gratuitamente, come campione?

Questi eventi sono stati cruciali nella mia vita perché mi hanno mandato alla ricerca del benessere al di fuori dell’establishment medico americano. Gli anni successivi sono stati difficili ed estremamente dolorosi, ma una trasformazione ha avuto luogo dentro di me; col tempo ho cominciato a guarire me stessa attraverso una dieta migliore, molto esercizio fisico e medicine naturali.

Questa trasformazione non sarebbe stata possibile se fossi stata dipendente dai farmaci e dai medici per la guida, perché è stata proprio l’accettazione della responsabilità per la mia salute e il mio benessere che ha innescato la trasformazione. Una trasformazione che era assolutamente necessaria per sviluppare l’immensa felicità e appagamento di cui godo oggi, senza farmaci, appena sei anni dopo.

Può essere facile voler dare la colpa ai medici per essere arrivati così forti con una soluzione farmaceutica, ma così si perde una lezione importante. Qualsiasi opzione ci venga detta da persone in posizioni di autorità, possiamo sempre scegliere di dire “no”, anche se le conseguenze per farlo possono sembrare spaventose.

Essere attenti ai nostri interessi, e avere il semplice coraggio di dire “no” secondo il giudizio personale, può significare la differenza tra desiderare la libertà ed essere effettivamente liberi.

Ricordatelo la prossima volta che il vostro medico vi offre campioni gratuiti di una cura facile.

Dylan Charles

Fonte: wakingtimes.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code