toba60

La Debacle dell’Uscita dall’Afghanistan: Incompetenza, Distrazione o Qualcosa di più Sinistro?

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

La tempistica con cui si e’ svolta l’uscita degli Stati Uniti e di conseguenza della nato dall’Afghanistan, si può definire una mossa strategica che prelude a quanto di peggio si possa immaginare.

Il virus ha monopolizzato l’attenzione del mondo e nel frattempo gli scenari geopolitici hanno potuto agire indisturbati

È la globalizzazione signori, ve l’hanno messa su un piatto d’argento ed è stata accettata incondizionatamente in ogni parte del globo, quelle stesse persone che si stanno facendo carico di tutelare il genere umano dal Covid, hanno in un batter d’occhio posto le basi in Afganistan per la morte di oltre 3 milioni di persone, il dissesto socio economico del paese ponendo la basi per la più’ grande piattaforma di droga del mondo e destabilizzato i paesi confinanti per un capriccio delle multinazionali dell’energia che per trasportare un po di gas necessitavano di un po di caos.

E ora sedetevi in poltrona e pensate al virus nella certezza che verrà rimpianto amaramente in prospettiva neanche tanto futura su quanto ci attende da adesso in poi.

Toba60

La Debacle dell’Uscita dall’Afghanistan

Il mio primo istinto è stato quello di ignorare il circo che circonda l’apparente pasticcio di Biden sull’uscita delle truppe dall’Afghanistan, principalmente perché penso che distragga dal pericolo molto più grande dei dispotici mandati covidi e dei passaporti vaccinali che Biden e i suoi gestori stanno cercando di portare avanti proprio ora sul nostro suolo nazionale.

Detto questo, ho ricevuto numerose richieste dai lettori per discutere la situazione e ho trovato alcuni aspetti del ritiro piuttosto sospetti. L’assunto di base qui è che Biden è senile e la sua gestione dell’uscita è macchiata dalla sua stupidità, ma forse c’è più di quello che si vede…

In primo luogo, penso che sia importante dissipare una narrazione propagandistica fatta circolare dai media che i conservatori stanno in qualche modo chiedendo che le truppe rimangano in Afghanistan criticando la strategia di uscita di Biden.

Questo è il tipico gaslighting della sinistra. Si può essere a favore di un ritiro delle truppe ed essere comunque critici della gestione di Biden. Francamente, gli Stati Uniti avrebbero dovuto lasciare l’Afghanistan diversi anni fa; non penso che sia troppo chiedere che ci sia un piano concreto in atto per mitigare i danni a quelle persone che contavano sulla nostra presenza per proteggerle dai Talebani.

È stato Barack Obama che per primo ha promesso un’uscita dall’Afghanistan entro il 2014, sostenendo che la “missione di combattimento era finita”. Questo naturalmente non è mai accaduto e la sinistra politica ha ignorato l’inganno di Obama in favore della narrazione progressiva del salvatore.

Per essere onesti, l’amministrazione Trump ha fatto la stessa identica cosa, promuovendo l’idea di una grande riduzione o di un’uscita completa e poi istituendo invece un aumento delle truppe, ma almeno i conservatori sono stati molto più critici della sua marcia indietro. Trump si è finalmente impegnato a ridurre le truppe nel 2020, con la maggior parte delle risorse trasferite DOPO le elezioni di novembre, lasciando 2500 militari in Afghanistan insieme a 17.000 appaltatori privati.

Il vero shock è stata la velocità del programma di uscita di Biden dopo che Trump aveva già rimosso il grosso delle truppe americane. Questo rapido ritiro ha incluso il taglio di quasi tutte le truppe statunitensi e la riduzione del numero di appaltatori privati di almeno il 60%, e tutto questo è stato intrapreso nell’arco di pochi mesi. Questo ha permesso ai Talebani di invadere le ultime province sicure che circondano la capitale Kabul e poi di invadere Kabul stessa. Tra i cittadini afgani con sentimenti anti-talebani si è scatenato il panico, che sta raggiungendo la febbre con centinaia di migliaia di persone che cercano qualsiasi modo per fuggire.

È stata la pratica comune di più amministrazioni statunitensi di rendere un servizio verbale alle preoccupazioni del pubblico sulla guerra senza fine in Afghanistan, dicendo alla gente che un’uscita è imminente, poi alzando le spalle quando vengono sorpresi a mentire. È diventata una tale formula che penso che gli americani siano stati condizionati ad aspettarsi che non avremmo mai lasciato il paese; che le false promesse sarebbero andate avanti per sempre. Forse è per questo che l’affrettata e casuale rimozione delle truppe di Biden dalla regione nell’arco di pochi mesi sembra così bizzarra.

Gli apologeti di Biden farebbero l’argomento che il balbettante comandante in capo ci ha dato esattamente quello che volevamo, quindi dovremmo applaudirlo. Tuttavia, il modo caotico in cui Biden sta eseguendo il ritiro delle truppe è sempre più sospetto. Sembra più una ritirata disperata di fronte a un attacco schiacciante, piuttosto che un’uscita controllata con un piano difensivo di fronte a un’insurrezione limitata. O, ancora più inquietante, sembra che Biden abbia bisogno di quelle truppe e risorse altrove e in fretta – ma dove sono necessarie le truppe e perché?

Una strategia di uscita avrebbe dovuto richiedere almeno un altro anno per essere completata, con una zona sicura che circondasse Kabul e le province confinanti con il Pakistan, insieme a un piano per evacuare i civili a rischio di rappresaglia da parte dei fondamentalisti islamici. Una strategia a più lungo termine (e migliore) sarebbe stata quella di dividere una parte delle province dalle regioni del paese più difficili da controllare e formare una nuova nazione composta da persone che non vogliono vivere sotto il dominio dei talebani (ce ne sono molte). Questa sarebbe stata una soluzione più significativa, ma avrebbe dovuto essere perseguita anni fa.

Ora è troppo tardi.

Bisogna capire che gli Stati Uniti non avrebbero MAI “vinto” la guerra in Afghanistan. Una strategia militare ortodossa raramente avrà successo contro un’insurrezione a lungo termine che usa tattiche asimmetriche. Non importa quanto tecnologicamente avanzato possa essere l’esercito; non importa quanti aerei, carri armati e droni possano avere. Alla fine nel tempo perderanno per puro logoramento di fronte alla resistenza della guerriglia.

Voglio anche sottolineare che non è proprio il ritiro delle truppe che ha aperto la porta alla recente offensiva talebana, quanto il ritiro dei 17.000 appaltatori privati nel paese. Questa era la forza principale che teneva a bada i talebani dopo le elezioni.

E questo ci porta ai giorni nostri, in cui gli afgani si stanno ammassando sui carrelli di atterraggio degli aerei che lasciano le basi dell’Air Force fuori Kubul, mentre la capitale viene conquistata dai combattenti talebani in scene che ricordano la fine del coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam. Le madri afgane lanciano i loro bambini oltre il filo spinato ai soldati dall’altra parte.

Diversi governi non hanno nemmeno avuto il tempo di evacuare le loro ambasciate quando i Talebani sono entrati. Le donne stanno rapidamente rispolverando i loro burka dopo 20 anni e le persone che si sono candidate alle cariche pubbliche vengono lasciate indietro per essere massacrate, mentre un numero incalcolabile di armamenti statunitensi è stato lasciato cadere nelle mani dei Talebani. Semplicemente non ha senso. Ed è qui che dobbiamo esaminare alcune teorie sul perché questo è stato gestito in quel modo.

Non compro la storia “Biden è incompetente” perché è troppo semplicistica e non tiene conto del quadro generale. Biden è un muppet, una mascotte, un front-man che il pubblico può amare o odiare, e questo è tutto ciò che è. Sì, sa a malapena leggere da un teleprompter, ma sono i suoi burattinai che prendono le grandi decisioni, non Biden.

Sono persone malvagie, ma non incompetenti.

Quindi dobbiamo fare alcune domande importanti: Perché ora? E chi ne beneficia? Dopo decenni di presidenti che ci hanno mentito sulla “missione compiuta” e sull’imminente uscita delle truppe, perché Biden si sta improvvisamente impegnando in una strategia di uscita nel modo più isterico possibile?

Perché l’amministrazione Biden ha scelto l’11 settembre come data finale per l’uscita delle truppe? È certamente simbolico di un ulteriore fallimento e sconfitta degli Stati Uniti, ma è anche simbolico di una nuova fase nei piani dell’establishment per gli Stati Uniti nel loro complesso? C’è un altro grande evento come l’11 settembre o più grande in arrivo, e l’improvvisa uscita dall’Afghanistan è in preparazione per quell’evento?

Come ho detto, ci sono scene qui che mi ricordano il Vietnam, ma mi viene in mente anche Bengasi – C’è un odore di marcio in questo evento, come se l’obiettivo fosse quello di accendere deliberatamente un inferno per nascondere un altro motivo nel fumo.

Per essere sicuri, la follia in Afghanistan è una distrazione abbastanza lontana dall’implementazione dei passaporti vaccinali e altri mandati illegali negli Stati Uniti, con un numero crescente di aziende e governi di città e stati che cercano di farli rispettare.

Il DHS ha appena rilasciato una dichiarazione che indica che chiunque si rifiuti di sottoporsi alle restrizioni e ai vaccini mRNA sperimentali “potrebbe” essere un potenziale terrorista. Stanno persino intrattenendo l’idea di restrizioni interstatali sui viaggi per le persone non vaccinate, che è qualcosa che ho predetto nell’ultimo anno ed è un’azione che è in cima alla mia lista di elementi che scateneranno la guerra civile.

Tutto ciò di cui noi dei media alternativi abbiamo avvertito negli ultimi 18 mesi in termini di tirannia medica si sta avverando. Non è “teoria della cospirazione”, è realtà della cospirazione.

L’amministrazione Biden cercherà certamente di annunciare i requisiti del passaporto dei vaccini a livello federale nel prossimo futuro. Il piano è quello di riportare le truppe americane e forse anche gli appaltatori privati negli Stati Uniti per aiutare a far rispettare le direttive illegali attraverso la legge marziale? C’è un’alta probabilità di una secessione morbida di stati e contee rosse se la farsa del mandato continua. Con le truppe statunitensi che sono a maggioranza conservatrice, c’è la speranza che non si conformino e che non abbiano interesse a combattere un’altra insurrezione composta dalla loro stessa gente.

Dovremo aspettare e vedere.

Oppure, c’è un’altra guerra in arrivo che è progettata per dirottare gli americani abili a combattere in qualche altro buco infernale straniero quando altrimenti starebbero combattendo per la libertà negli Stati Uniti? È in corso un rafforzamento nel Pacifico e il PCC cinese è davvero uno dei regimi più orribili che esistono oggi, ma dobbiamo prima eliminare i comunisti e i globalisti all’interno del nostro paese prima di poterci preoccupare di quelli che governano dall’altra parte del mondo.

Un conflitto regionale con la Cina o qualsiasi altro paese in questa fase minerebbe completamente la già fragile economia statunitense e la catena di approvvigionamento globale, per non parlare dell’ulteriore svalutazione del dollaro statunitense e dell’aumento dell’inflazione dei prezzi a un livello paralizzante.

È qualcosa da considerare.

Ciò che mi preoccupa maggiormente, ancora una volta, è la velocità con cui tutto questo viene attuato. Nei miei ultimi articoli ho sottolineato il fatto che il governo e l’establishment aziendale stanno bombardando il pubblico con la propaganda sui passaporti dei vaccini e le restrizioni sui covidi a un livello mai visto dall’apice della pandemia a gennaio.

È come se dovessero mettere in atto queste misure entro la fine di quest’anno o l’inizio del prossimo. Per estensione, anche l’uscita dall’Afghanistan sembra una corsa al massacro. Forse perché le risorse utilizzate lì saranno necessarie altrove entro la fine di quest’anno?

Non posso prevedere quale sarà l’evento esatto, ma sembra ovvio che l’establishment si stia preparando per un’altra crisi a breve termine. La fine improvvisa dell’occupazione dell’Afghanistan è un segnale di avvertimento di minacce più pressanti che ci attendono.

Brandon Smith

Fonte: alt-market.us

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code