toba60

La Guerra della Propaganda e Come Combatterla

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Grazie al cielo da un po di tempo sempre meno persone crede al bombardamento mediatico messo in atto attraverso i mille strumenti in mano al potere costituito.

Il consiglio che posso dare e’ di non perdere più’ tempo entrando in comunicazione con gli irriducibili affetti da siero dipendenza, quelli esistono e sempre ci saranno da qui all’eternità, sempre che il vaccino loro iniettato non entri in conflitto con la loro propensione a credere nell’immortalità.

Come anticipato Le piazze Milano e Torino hanno fatto da Battistrada, mai fare incazzare un Torinese o un Milanese, il passo dalle parole ai fatti e’ sempre breve da quelle parti, a Firenze ho visto che pure le forze dell’ordine hanno capito da che parte stare, saranno senza la ”C” quando parlano, ma gli attributi quando le cose non vanno come si deve li hanno in abbondanza.

Bologna è la mina vacante d’Italia, da li e’ partita la rivoluzione d’Italia culminata con l’ascesa di Mussolini, qua i politici da contrastare sono di bel altro spessore e forse per questo se la stanno prendendo un po comoda…staremo a vedere.

Napoli e’ la mia preferita sotto questo aspetto, dovete sapere che in Europa e’ stata l’unica città che in 4 giorni fatto scappare addirittura la Wehrmacht tedesca nel periodo dell’occupazione tedesca scortandoli sino all’uscita della città e penso che per loro sarà un gioco da ragazzi mettere disordine alle cose, l’ordine a loro non e’ mai piaciuto e guai a farlo, altrimenti non sarebbero più’ napoletani, lasciamoli stare, nell’emergenza sono i migliori in assoluto ed in questo c’è molto da imparare da quelli che dalle mie parti chiamano Terroni.

Le 4 Giornate di Napoli – la storia Censurata dai Media che pochi conoscono

Tutte le città si sono mosse e non posso nominarle, tutte ma una tra queste merita un plauso.

Roma Capitale

I più’ sfigati sono i romani che il nemico lo hanno in casa, onore e gloria a loro cari miei ……un passo alla volta e tanta pazienza, e ………come disse un noto cantante……bomba o non bomba….

….arriveremo a Roma

Toba60

La Guerra della Propaganda

Ogni sistema totalitario nella storia ha usato il potere della propaganda visiva per generare una nuova “realtà”, una che reifica la sua ideologia ufficiale, rifacendo il mondo nella propria immagine paranoica.

Il totalitarismo della Nuova Normalità non fa eccezione.

Per esempio, date un’occhiata a questo pannello copiato dalla landing page di The Guardian uno dei principali organi di propaganda delle classi dominanti capitaliste globali il 17 luglio 2021…

Questo non è solo giornalismo “di parte” o “sensazionalista”. È una propaganda ufficiale sistematica, non diversa da quella diffusa da ogni altro sistema totalitario nel corso della storia. Ecco quello del giorno dopo…

Dimenticate per un momento il contenuto degli articoli e prendete solo l’effetto visivo cumulativo. La propaganda ufficiale non è solo informazione, disinformazione e disinformazione. In realtà non si tratta tanto di farci credere alle cose quanto di creare una realtà ufficiale e di imporla alla società con la forza.

Quando ci si propone di evocare una nuova “realtà”, le immagini sono strumenti estremamente potenti, altrettanto potenti, se non di più, delle parole.

Qui ce ne sono altre che potreste ricordare…

Di nuovo, l’obiettivo di questo tipo di propaganda non è semplicemente ingannare o terrorizzare il pubblico. Questo è parte di esso, naturalmente, ma la parte più importante è costringere la gente a guardare queste immagini, ancora e ancora, ora dopo ora, giorno dopo giorno, a casa, al lavoro, per le strade, in televisione, su Internet, ovunque.

Questo è il modo in cui creiamo la “realtà”.

Rappresentiamo le nostre credenze e i nostri valori a noi stessi, e agli altri, con immagini, parole, rituali e altri simboli e comportamenti sociali. Essenzialmente, evochiamo la nostra “realtà” come attori che provano e recitano una commedia … più ci crediamo tutti, più è convincente.

Questo è anche il motivo per cui le maschere obbligatorie sono state essenziali per la diffusione dell’ideologia della Nuova Normalità. Costringere le masse a indossare maschere dall’aspetto medico in pubblico è stato un colpo da maestro della propaganda.

In poche parole, se si può costringere la gente a vestirsi come se andasse a lavorare nel reparto malattie infettive di un ospedale ogni giorno per 17 mesi … presto! Ti sei procurato una nuova “realtà”… una nuova “realtà” patologizzata-totalitaria, una “realtà” paranoico-psicotica, simile a una setta, in cui le persone che prima erano semi-razionali sono state ridotte a lacchè che blaterano senza senso e hanno paura di uscire senza il permesso delle “autorità”, e iniettano ai loro figli “vaccini” sperimentali.

Il puro potere dell’immagine visiva di quelle maschere, e l’essere costretti a ripetere il comportamento rituale di indossarle, è stato quasi irresistibile. Sì, so che avete resistito. Anche io, ma siamo la minoranza. Negare il potere di ciò che stiamo affrontando potrebbe farvi sentire meglio, ma non ci porterà da nessuna parte, o, in ogni caso, da nessuna parte di buono.

Il fatto è che la stragrande maggioranza del pubblico fatta eccezione per le persone in Svezia, Florida, e altri posti ufficialmente inesistenti ha eseguito roboticamente questo rituale teatrale e molestato quelli che si rifiutano di farlo, e così simulando collettivamente una “piaga apocalittica”.

I Nuovi Normali cioè quelli che ancora indossano maschere all’aperto, che urlano su “casi” senza senso, che intimano a tutti di farsi “vaccinare” e che collaborano alla segregazione dei “non vaccinati” non si comportano in quel modo perché sono stupidi. Si comportano così perché vivono in una nuova “realtà” che è stata creata per loro nel corso degli ultimi 17 mesi da una massiccia campagna di propaganda ufficiale, la più estesa ed efficace nella storia della propaganda.

In altre parole, per dirla senza mezzi termini, siamo in una guerra di propaganda, e stiamo perdendo. Non possiamo eguagliare il potere di propaganda dei media corporativi e dei governi New Normal, ma questo non significa che non possiamo combattere. Possiamo, e dobbiamo, in ogni occasione. Recentemente, i lettori mi hanno chiesto come farlo.

Quindi, ok, ecco alcuni semplici suggerimenti.

La stragrande maggioranza dei New Normals obbedienti non sono fanatici totalitari. Sono spaventati, e deboli, quindi stanno seguendo gli ordini, adattando le loro menti alla nuova “realtà” ufficiale. La maggior parte di loro non si percepisce come aderente a un sistema totalitario o come segregazionista, anche se è quello che sono.

Si percepiscono come persone “responsabili” che seguono “direttive sanitarie” ragionevoli per “proteggere” se stessi e gli altri dal virus e dalle sue “varianti” mutanti che si moltiplicano continuamente. Percepiscono i “non vaccinati” come una minoranza di pericolosi, irrazionali estremisti “teorici della cospirazione”, che vogliono uccidere loro e le loro famiglie.

Quando diciamo loro che vogliamo semplicemente riavere i nostri diritti costituzionali e non essere costretti ad essere “vaccinati”, e censurati e perseguitati per aver espresso le nostre opinioni, non ci credono. Pensano che stiamo mentendo. Ci percepiscono come minacce, come aggressori, come mostri, come estranei in mezzo a loro, che devono essere trattati… che è esattamente come le autorità vogliono che ci percepiscano.

Dobbiamo cercare di cambiare questa percezione, non conformandoci o essendo “gentili” con loro. Al contrario, dobbiamo diventare più conflittuali. No, non violenti. Confrontativi. In realtà c’è una differenza, anche se i “svegli” la negheranno.

Per cominciare, dobbiamo chiamare le cose per quello che sono.

Il sistema del “pass per la vaccinazione” è un sistema di segregazione. È segregazionismo. Chiamatelo per quello che è. Quelli che collaborano con esso sono segregazionisti. Non stanno “aiutando” o “proteggendo” nessuno da niente. Sono segregazionisti, puro e semplice. Riferitevi a loro come “segregazionisti”. Non lasciate che si nascondano dietro la loro terminologia.

Affrontateli con il fatto di ciò che sono.

Lo stesso vale per il resto del CovidSpeak. I “casi”, le “morti” e i “vaccini” di Covid hanno le virgolette. Le persone sane non sono casi medici. Se il Covid non ha ucciso qualcuno, non è un morto di Covid, punto. I “vaccini” che non si comportano come vaccini e che stanno uccidendo e paralizzando decine di migliaia di persone e che non sono stati adeguatamente testati per la sicurezza, e che vengono indiscriminatamente imposti a tutti, non possono essere chiamati vaccini.

OK, ecco che arriva la grande idea, che funzionerà solo se abbastanza persone la faranno. Probabilmente non vi piacerà, ma che diavolo, ecco qui…

Questo è il triangolo rosso rovesciato che i nazisti usavano nei campi di concentramento per designare i loro oppositori politici e i membri della resistenza antinazista. Fanne uno. Fallo di stoffa, carta o qualsiasi materiale tu abbia a portata di mano.

Mettete una grande “U” nera al centro per indicare “Non vaccinati”. Indossalo in pubblico, in modo vistoso.

Quando la gente vi chiederà cosa significa e perché lo state indossando in pubblico, diteglielo. Incoraggiateli a fare lo stesso, supponendo che non siano segregazionisti della New Normal, nel qual caso… beh, quella sarà una conversazione diversa, ma andate avanti e ditelo anche a loro.

Questo è quanto. Questa è la grande idea. Questo e qualsiasi altra cosa stiate già facendo.

Il triangolo non ha lo scopo di sostituirlo.

È solo un modo semplice per le persone di esprimere la loro opposizione al sistema totalitario di segregazione pseudo-medica che viene attualmente implementato… nonostante tutte le altre cose che avete fatto, e che io ho fatto, per 17 mesi.

Va bene, posso già sentire la tua delusione. Pensavate che avrei proposto un assalto frontale al castello segreto di Klaus Schwab, o un attacco navale di guerriglia allo yacht di Bill Gates. Per quanto catartiche possano essere queste due iniziative, sarebbero (a) futili e (b) suicide.

Per quanto frustrante sia stato per tutti noi, questa è ancora una battaglia per i cuori e le menti. Essenzialmente, è una guerra alla realtà (o tra due “realtà”, se preferite). Si combatte nella testa della gente, non nelle strade.

Quindi, lasciate che provi a convincervi di questa cosa del triangolo rosso.

Lo scopo di una protesta visiva come questa è di costringere i Nuovi Normali a confrontarsi con una diversa rappresentazione di ciò che loro, e noi, siamo. Una rappresentazione che rifletta accuratamente la realtà.

No, naturalmente non siamo in campi di concentramento quindi, per favore, risparmiatemi le e-mail di irato letteralista, ma siamo segregati, capri espiatori, censurati, umiliati, e altrimenti abusati, non per ragioni legittime di salute pubblica, ma a causa del nostro dissenso politico, perché ci rifiutiamo di seguire insensatamente gli ordini e conformarci alla loro nuova ideologia ufficiale.

I Nuovi Normali hanno bisogno di essere costretti a percepire le loro credenze e azioni in quel contesto, anche se solo per pochi fugaci momenti al centro commerciale, o nel negozio di alimentari, o dovunque.

Pensatela in questo modo … come ho spiegato sopra, stanno fondamentalmente eseguendo un evento teatrale, evocando una “realtà pandemica” con parole, azioni, e oggetti di scena pseudo-medici. Quello che dobbiamo diventare è quello stronzo tra il pubblico che distrugge la sospensione dell’incredulità e ricorda a tutti che sono seduti in un teatro, e non nella Danimarca del XV secolo, rispondendo ad alta voce a una chiamata sul suo telefono proprio nel mezzo del soliloquio di Amleto.

Seriamente, abbiamo bisogno di diventare quello stronzo il più vistosamente possibile, il più spesso possibile, per interrompere lo spettacolo che i Nuovi Normali stanno mettendo in scena… e per ricordare loro cosa stanno effettivamente facendo, e a chi lo stanno effettivamente facendo.

Guardate i bianchi nel tweet qui sopra che tormentano quella ragazza che sta solo cercando di andare a scuola come qualsiasi altro studente. I Nuovi Normali non vogliono percepirsi in quel modo, come un branco di segregazionisti fanatici e assetati di odio, ma è quello che sono, perché è quello che stanno facendo… ma non è quello che la maggior parte di loro è per natura.

Sì, alcune persone sono congenitamente sociopatiche, ma nessuno è intrinsecamente totalitario. Non nasciamo fascisti o segregazionisti. Dobbiamo essere programmati per essere così. A questo serve la propaganda, per non parlare di tutti gli altri condizionamenti autoritari a cui siamo sottoposti da quando siamo bambini.

O questa è la scommessa, o il salto di fede, dietro la cosa del triangolo rosso rovesciato. È una tattica di disobbedienza civile non violenta di base, che funziona su persone che hanno ancora una coscienza e non sono ancora diventate totalitarie.

Certo, potrebbe non funzionare questa volta siamo già nella fase in cui stanno per imprigionare i proprietari di ristoranti per aver servito i “non vaccinati” ma potrebbe, e cosa abbiamo da perdere?

CJ Hopkins

Fonte: off-guardian.org

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code