toba60

La Guerra in Ucraina è Solo un Sanguinoso Pretesto per Preservare il Dominio Angloamericano Sull’Intero Occidente

Parlare di guerre oggi non è più come un tempo dove un idiota qualunque si mette in testa di conquistare un territorio per mostrare al mondo che ha acquisito il tanto agognato spazio vitale, (Vedi Adolf Hitler) qua sempre di imbecilli si parla ma con ben altri obbiettivi che oggettivamente tolgono di mezzo tutti, ma proprio tutti coloro che da tutto ciò dovrebbero ipoteticamente (Praticamente quasi mai) godere di questo privilegio.

E la storia che si ripete con altri strumenti ed altre strategie, ma il fine è sempre legato al potere dove i protagonisti sono sempre gli stessi…

…. gli idioti che ci cascano e i furbi che si fanno beffe di loro.

Toba60

Nuovo Ordine Mondiale emerge nella nebbia della guerra ucraina

La guerra in Ucraina è solo un sanguinoso pretesto escogitato da Washington per escludere la Russia da tutte le organizzazioni internazionali, indebolire l’Unione Europea e, in definitiva, preservare il dominio angloamericano sull’intero Occidente.

Non farti ingannare!

Desidero parlarvi non della guerra in Ucraina, ma del Nuovo Ordine Mondiale che gli Stati Uniti stanno organizzando proprio davanti ai vostri occhi ma senza che ve ne rendiate conto – mentre questa guerra in Ucraina ha luogo.

Prima di tutto, dovete sapere che da metà febbraio, i media stanno trasmettendo una narrazione completamente distorta perché non riportano tutti i fatti, ma solo i messaggi che la NATO vuole trasmettere. Da metà febbraio siamo tutti “orbi”, vediamo solo metà del quadro e, di conseguenza, facciamo l’errore di pensare di poterlo interpretare.

La seconda cosa che dovete tenere a mente è che le vostre emozioni vengono manipolate. Ogni giorno ci vengono mostrati ucraini che soffrono – in effetti, è orribile e dobbiamo aiutarli, è un obbligo umano farlo. Ma la loro sofferenza non dimostra che hanno ragione. Soffrire ed avere ragione sono due cose diverse.

Detto questo, veniamo ai fatti.

Questa guerra non è iniziata il 24 febbraio con l’intervento russo, ma diversi giorni prima, il 18 febbraio, con l’intervento degli Stati Uniti, un intervento di cui nessuno vi ha mai parlato.

Il 18 febbraio, secondo l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) composta da 57 stati partecipanti, è stata creata durante la guerra fredda e tutti gli stati europei ne sono membri, così come gli stati non europei, come gli Stati Uniti: la sua neutralità è indiscutibile! – sebbene non ci fossero stati combattimenti in Ucraina, il 18 febbraio sono ripresi i combattimenti tra le province ucraine del Donbass e il resto del Donbass.

L’OSCE non dice che l’esercito ucraino è stato responsabile, ma non poteva che essere l’esercito ucraino. Il bombardamento della popolazione ucraina del Donbass è iniziato il 18 febbraio. 1.400 granate sono piovute sulla popolazione quel giorno… 1.400 granate!

Il 18 febbraio è iniziata una guerra!

E in poche ore, due giorni al massimo, circa 100.000 ucraini del Donbass fuggirono dalla linea del fronte. Si sono ritirati nelle campagne o hanno attraversato la Russia. La Russia non ha fatto altro che rispondere a quell’attacco.

Ma l’attacco non è finito lì. Gli ucraini hanno agito come qualcuno che sventola una bandiera rossa davanti a un toro. Il giorno dopo, il 19 febbraio, alla Conferenza di Sicurezza che riunisce ogni anno a Monaco i leader politici dei paesi membri della NATO, il presidente Zelensky ha annunciato di voler acquisire la bomba atomica per poter minacciare la Russia.

Visto da Mosca: L’Ucraina entra in guerra contro la Russia e annuncia che vuole ottenere la bomba atomica.

CEX.IOBitcoinExchange

Era chiaro che ci sarebbe stata una risposta russa. La Russia ha dovuto proteggere i suoi cittadini e dovete sapere che la guerra civile in Ucraina è iniziata nel 2014… stiamo parlando di una guerra civile perché gli ucraini sono messi contro altri ucraini! E negli ultimi 8 anni quella guerra ha lasciato, secondo il governo di Kiev, almeno 13.000 morti, almeno 13.000 morti!… tutti civili, oltre a mille soldati, sempre secondo Kiev.

Secondo il governo russo, che ha condotto un’indagine ufficiale sul terreno, il numero di civili morti non è di 13.000 ma di 22.000! Comunque sia, il Donbass è stato testimone di una macelleria che non sembra sgomentare nessuno.

Ora torniamo a quello che stavo dicendo.

Negli ultimi 8 anni, la Russia ha concesso la cittadinanza russa a quasi tutta la popolazione del Donbass ucraino, che fin dall’infanzia parla quotidianamente il russo, una popolazione a cui ora il governo di Kiev ha proibito di parlare russo nelle scuole e nelle amministrazioni pubbliche, anche se questo era sempre stato autorizzato in passato. Pertanto, il 24 febbraio, il governo di Mosca è intervenuto per sostenere militarmente questa popolazione.

Ma la cosa più importante è capire il contesto.

Perché gli Stati Uniti hanno armato Kiev per attaccare il Donbass?

È molto semplice. Per dieci anni, il dominio degli Stati Uniti è stato minacciato dall’ascesa della Russia e della Cina.

Su Voltaire Network abbiamo sostenuto a lungo che la prima potenza militare non è più gli Stati Uniti ma la Russia.

Questo è un fatto assolutamente inconfutabile dal 2018, ma gli Stati Uniti si rifiutano di ammetterlo, nonostante il fatto che, sul campo di battaglia – soprattutto in Siria – è stato dimostrabile che l’esercito russo è tatticamente superiore alle forze militari sponsorizzate dagli Stati Uniti.

Le loro tecnologie non possono essere paragonate. Quella degli Stati Uniti risale a 30 anni fa. È completamente obsoleta.

I russi hanno completamente rinnovato il loro esercito e sostituito il loro personale. L’esercito che avevano ereditato dall’Unione Sovietica consisteva francamente in … una banda di alcolizzati. Oggi è composto da giovani, con un ottimo addestramento, con esperienza in situazioni di guerra reale, affrontando jihadisti… eserciti jihadisti! In Siria.

In termini economici, la Cina ha superato da tempo gli Stati Uniti, che ora sono solo un consumatore, non un produttore.

Sentendosi minacciati, gli Stati Uniti hanno spiegato ciò che chiamano “la trappola di Tucidide”. Tucidide è uno storico greco antico che ha descritto il confronto tra Sparta e Atene. Sparta dominava tutta la Grecia, ma Atene, che era inferiore, cominciò a sviluppare un impero all’estero, così che Atene aveva un’influenza economica che Sparta non aveva più, e la guerra tra le due città divenne inevitabile.

I politologi americani ci dicono da dieci anni che una guerra tra gli Stati Uniti da una parte e la Russia e la Cina dall’altra sarebbe diventata inevitabile. Nel Pentagono c’è persino chi afferma che questa guerra sarebbe già dovuta scoppiare e che era stata pianificata per il 2015.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno posizionato truppe e armi in tutta l’Europa centrale e orientale. Lo hanno fatto in violazione, in primo luogo, del trattato di riunificazione tedesca e, in secondo luogo, delle dichiarazioni di Istanbul e Astana adottate nell’ambito dell’OSCE.

Cerchiamo di capire bene! La Russia è un paese enorme, con la più grande superficie del mondo. Per difendersi… la Russia deve essere in grado di difendere i suoi confini, ma non ha abbastanza truppe per farlo. In questo senso, è una piccola città in un paese enorme. Quindi, per difendersi, la Russia usa la tecnica della terra bruciata.

Se un invasore penetra nel suo territorio, la Russia ritira la sua popolazione dal confine il più lontano possibile all’interno del suo enorme territorio e brucia le sue città in modo che l’invasore non possa sussistere lì. Pertanto, gli invasori devono portare con sé tutto ciò di cui hanno bisogno se vogliono continuare ad avanzare. È una sfida logistica impossibile da risolvere. Napoleone e Hitler hanno fallito.

Per superare questo problema, gli Stati Uniti hanno inviato truppe e armi in Europa centrale e orientale.

La Russia ha risposto:

“Non potete farlo, alla luce di ciò che avete firmato al momento della riunificazione tedesca. Non avete il diritto di estendere la NATO all’Est”.

Ma gli Stati Uniti sono andati avanti lo stesso, in diverse occasioni.

La Russia non contesta il diritto dei paesi dell’Europa centrale e orientale di allearsi con gli Stati Uniti. È una loro prerogativa. È il diritto di ogni Stato. La Russia non lo contesta nemmeno nel caso dell’Ucraina.

Ciò che contesta è il diritto dell’Ucraina di ospitare basi militari statunitensi, che è una questione completamente diversa.

In un contesto simile, il generale Charles de Gaulle come presidente della Francia ha deciso di rimuovere le truppe della NATO dal territorio francese – c’erano basi americane in Francia che non ci sono più. Ma questo non ha impedito al generale de Gaulle di mantenere un’alleanza con gli Stati Uniti. La Francia è sempre stata firmataria del Trattato Nord Atlantico. Ma non è sempre stata membro della struttura di comando militare integrata della NATO. Le forze armate francesi non erano sempre sotto il comando di un generale americano, come lo sono oggi.

Torniamo a quello che stavo dicendo sulla Russia e la Cina.

La loro cultura è fondamentalmente diversa da quella anglosassone. I cinesi, per esempio, spiegano che non vogliono competere con gli Stati Uniti. Non sono interessati a questo! Non sono in competizione!

I cinesi dicono: “Vogliamo una relazione in cui tutti vincono (“win win”)”.

Non si tratta di concorrenza commerciale, né significa che ogni parte, quando firma un contratto, avrà un interesse personale in quel contratto. Niente del genere! È in riferimento alla storia cinese.

La Cina è, soprattutto, un paese con una popolazione gigantesca… gigantesca! L’imperatore della Cina non era in grado di sapere quali fossero le preoccupazioni di certi gruppi di individui all’estremità opposta del paese e lasciava l’amministrazione del territorio nelle mani di governatori regionali.

È così che funziona ancora in Cina! Il governo di Pechino è ignaro di ciò che accade nelle diverse regioni. C’è un notevole decentramento. Nessun paese è più decentralizzato della Cina!

Ma quando l’imperatore emetteva un decreto, doveva assicurarsi che ognuno dei governatori regionali cogliesse l’importanza della posta in gioco. Perché se il governatore riteneva che non fosse rilevante per la sua provincia, avrebbe smesso di prestare attenzione agli altri decreti, mancando così di riconoscere l’autorità dell’imperatore. Pertanto, quando l’imperatore decretava qualcosa che non poteva essere applicato in una o più province, concedeva qualcosa in più al governatore di quella provincia affinché continuasse a rispettare l’autorità imperiale.

Spiego tutto questo perché quello che la Russia e la Cina vogliono creare è un mondo multipolare, un mondo dove non c’è una potenza che decide per le altre, ma dove ogni potenza decide per se stessa.

E quello che Washington vuole fare è, al contrario, preservare il predominio degli Stati Uniti sul mondo in modo che solo loro possano decidere e nessun altro.

Cosa stanno facendo gli Stati Uniti nel mezzo di un conflitto di sua creazione in Ucraina?

Stanno dividendo il mondo in due. Stanno espellendo la Russia da tutte le organizzazioni intergovernative. Inizierà con l’Organizzazione Mondiale del Commercio [WTO] e finirà con l’Organizzazione delle Nazioni Unite [ONU]. Naturalmente, gli statuti dell’ONU non lo permettono, ma gli Stati Uniti non se ne preoccupano e cercheranno di raggiungere il loro obiettivo nella buona e nella cattiva sorte.

Questo processo è iniziato spiegando che il commercio con la Russia doveva finire. Fermare il commercio con la Russia! Per esempio, [la casa automobilistica francese] Renault ha appena deciso di chiudere la sua fabbrica a Mosca.

Ma la Renault aveva già chiuso le sue fabbriche in Iran, quando ha ricevuto pressioni in tal senso, ed è stata una catastrofe economica per la Renault. Ma agli Stati Uniti non può importare di meno! Quello che vogliono è che l’Unione Europea subisca uno shock economico in modo che l’Unione Europea sia costretta ad accettare la dominazione statunitense.

Paul Wolfowitz lo aveva spiegato molto chiaramente 30 anni fa, nel 1991. Quello “straussiano” [discepolo del filosofo Leo Strauss], che poi divenne il numero due del Pentagono, spiegò che il vero nemico degli Stati Uniti – a quel tempo la Russia e la Cina non rappresentavano una vera minaccia – era l’Unione Europea e che bisognava impedire che l’Unione Europea diventasse politicamente ed economicamente indipendente.

Col tempo, l’Unione Europea si è sviluppata economicamente un po’, ma non molto, mentre la Russia e la Cina si sono espanse esponenzialmente. Così gli Stati Uniti ora vogliono cancellare l’esistenza stessa della Russia – e molto presto quella della Cina – dal nostro campo di coscienza e declassare l’Unione Europea.

Basta guardare le conseguenze di tutte le sanzioni economiche e finanziarie già adottate! Non sono “contro la Russia”. Sono dirette contro l’Unione Europea.

La Borsa di Mosca ha chiuso il 25 febbraio il giorno dopo l’intervento della Russia in Ucraina. Ha riaperto ieri, 24 marzo, e così ora sappiamo come l’economia russa ha reagito a queste sanzioni. Quello che si può vedere è che tutte le attività dei servizi esteri sono crollate, specialmente tutte le banche internazionali russe.

Ma le attività di produzione in Russia, al contrario, si sono sviluppate!

In altre parole, ieri la Borsa di Mosca non è crollata. Al contrario! È aumentata del 4,5% . Non è una cosa da poco!

Gli Stati Uniti non si accontentano di escludere la Russia dalle organizzazioni internazionali. Quello che vogliono è cancellarla dalle nostre menti!

Notate. Hanno espulso tutti gli oligarchi che stavano in Costa Azzurra. Che rapporto avevano con Vladimir Putin, che li odia tutti? Nessuna! Ma non vogliono nessun mecenate russo sulle spiagge del sud della Francia. Questo è tutto!

Non sto difendendo queste persone. Non mi interessano affatto. Ma sono estranei a ciò che sta accadendo. Quello che stanno facendo loro è illegittimo.

E non si fermerà qui. Poi verrà la soppressione di tutti i riferimenti alla cultura russa in Occidente. Si noti che stanno già vietando i direttori d’orchestra russi … che non avevano alcun legame con il governo! E che potrebbero anche essere contro ciò che Vladimir Putin sta facendo! Ma questo non importa! E viene loro impedito di dare concerti.

Le principali università degli Stati Uniti hanno recentemente vietato lo studio di Solzhenitsyn, [scrittore russo] che è stato salutato come un eroe contro l’Unione Sovietica. Lo stesso vale per l’opera di Dostoevskij, uno scrittore dell’epoca zarista!

Si sta instaurando un nuovo ordine mondiale esclusivamente occidentale. Soprattutto, non fatevi ingannare!

Dobbiamo rimanere esseri umani. Dobbiamo rimanere amici dei russi e dei cinesi.

Non pensate che i cinesi siano disposti a sopportare tutto questo. Sanno molto bene che questo inizia con la Russia ora, ma che saranno i prossimi.

Ieri, alla NATO, è stata fatta la richiesta di escludere la Russia dal WTO, l’Organizzazione Internazionale del Commercio. Ma già due giorni prima, la Cina aveva puntato i piedi, dicendo che nulla poteva legittimare una tale misura.

I cinesi sanno che saranno loro stessi il bersaglio dell’imperialismo occidentale dopo i russi. La storia ha già insegnato loro la lezione e non permetteranno che accada di nuovo.

Quindi tenetevi tutti gli amici che potete avere in Russia e in Cina.

A presto.

Thierry Meyssan

Fonte: voltairenet.org

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZION

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code