toba60

La Libertà per Rivendicarla Bisogna Prima Conoscerne l’Essenza e la sua Variabilità

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

La libertà e’ un termine di questi tempi assai inflazionato e ciò inibisce il valore intrinseco che si cela dietro questa parola che per secoli ha visto il genere umano battersi con tutte le sue forze sino alla morte.

Cerchiamo di approfondire questa immenso valore e di non perderlo mai di vista, e’ la sola cosa ricordatevelo per cui non si deve mai aver paura di lottare.

Toba60

La Libertà

C’è una cosa per cui ogni rivoluzionario e ideologo sulla Terra, passato e presente, ha combattuto nel corso dei secoli, ed è la Libertà. Ci sono poche cose (se ce ne sono) così ampiamente accettate come universalmente buone come l’idea o la sensazione di libertà.

Che si tratti di liberali, comunisti, islamisti radicali, qualche movimento marginale o l’establishment governativo, tutti sostengono di lottare per qualche tipo di libertà, almeno per se stessi e la loro parte.

L’interpretazione di questa parola varia certamente nel tempo, ma è accettata in modo schiacciante come il più alto degli obiettivi morali e questo non può essere contestato. Tuttavia, nel corso degli anni l’idea di cosa significhi libertà si è ristretta e attualmente la sua interpretazione sembra essere lasciata nelle mani dell’Occidente. I sostenitori di un mondo multipolare non hanno ancora presentato una visione chiara della loro libertà, che sarebbe certamente nel loro interesse la prossima volta che il potere centrale “eletto” cerca di provocare una “rivoluzione dei colori” nei suoi soliti modi ingannevoli.

L'”unipolarità” di qualsiasi idea di libertà non è sempre esistita, quindi c’è spazio per una certa flessibilità. Durante la “guerra fredda”, i sovietici comunisti, hanno assolutamente propagandisticamente cercato di vendere una visione di libertà dal bisogno, dai senzatetto, dalla disoccupazione e da altri “svantaggi” del capitalismo.

Questo tipo di “libertà dal desiderio” ha combattuto contro la “libertà di parola/espressione” per un bel po’ di tempo. Questo tentativo comunista di vendere una forma di libertà a partito unico alla fine fallì (fallì?) ma fu certamente una visione allettante agli occhi dei poveri, scatenando azioni rivoluzionarie in tutto il mondo povero. Stalin li ha resi tutti poveri e mendicanti e ha fatto pulizia con la plebe, tenendo la ricchezza e l’opulenza per sé.

La visione liberale della libertà che ha “sconfitto” l’URSS comunista ci ha dato molte grandi cose, come la Bill of Rights e qualcosa che spesso dimentichiamo di apprezzare come “innocente fino a prova contraria”, ma con il passare del tempo questo punto di vista ha cominciato a prendere una piega peggiore ed è da molti punti di vista perché la maggioranza silenziosa ed economicamente debole si sente intrappolata nel suo habitat distopico occidentale fittiziamente piacevole. Nessuna visione alternativa è stata in grado di sfidare il nostro concetto di libertà, il che ha naturalmente portato alla decadenza del concetto, nel corso dei decenni. C’è una visione alternativa? Certo che c’è.

Il libertarismo “infantilizza” la società.

Nel corso delle generazioni, l’idea della sacralità dell’individuo e dei suoi diritti inalienabili si è trasformata in una prospettiva di “non puoi dirmi cosa fare”. L’ignorante benefattore di ieri è diventato il pazzo urlante di oggi perché sente che i suoi diritti sono stati violati perché gli è stato dato un pezzo di pollo in meno nel secchio delle ordinazioni del drive-thru del fast-food locale.

Abbiamo la libertà dei “giornalisti” di poter fare meme orribilmente crudeli sulla regina d’Inghilterra, il presidente degli Stati Uniti o qualsiasi altra persona importante. Possiamo bruciare la bandiera e i simboli nazionali liberamente. Nessuno può dirci di smettere di mangiare cibo spazzatura, anche mentre veniamo guidati in modo sicuro verso il diabete o peggio e mentre andiamo in giro per Walmart su uno scooter appositamente progettato per gli estremamente obesi.

Non si può impedire agli uomini di fare sesso occasionale, né si può impedire loro di vestirsi da prostitute come parte di una “parata dell’orgoglio”. Per molti sono una dimostrazione delle loro libertà occidentali come le intendono oggi. Siamo arrivati a credere che se nessuno può dirci “no” o anche solo metterci sotto pressione per non fare qualcosa, allora e solo allora siamo liberi.

Questa interpretazione crea un incubo repressivo in cui i “figli adulti” fanno i capricci, come i bambini, che il resto di noi deve sopportare. Non abbiamo la libertà di alzarci e difendere i nostri leader, gli eroi o anche il nostro onore personale. Non siamo liberi di agire come se i nostri simboli nazionali fossero sacri. Non possiamo costringere la gente a smettere di mangiare, a uscire da internet e a rientrare nella società, a creare famiglie, né possiamo dire alla gente di tenere per sé i propri desideri sessuali. L’incapacità della maggioranza silenziosa di respingere le azioni della minoranza isterica urlante ha tolto loro la libertà.

I bambini che non sentono più la parola “no” mentre crescono diventano miserabili non-adulti con i quali non vorresti mai avere molti contatti. Ma anche la società che non sente mai la parola “no” ha un effetto molto simile. Il libertarismo, la visione della libertà che fu l’apice dell’illuminismo, ha al suo centro il fatto che nessuno può costringerti a fare qualcosa, specialmente il governo (cioè la libertà da questo o quello).

Nel contesto del XVII secolo forse i contadini avrebbero dovuto cominciare a vedere più valore in se stessi, ma il paradosso è che, essere costretti a fare le cose per il bene superiore, o almeno a tenere la bocca chiusa in pubblico per il bene dell’armonia sociale, è ciò che trasforma i ragazzi in uomini e i bambini in adulti. La libertà come è mutata nell’era post-Guerra Fredda (non prima) è diventata la libertà di essere uno, un bambino viziato adulto.

Inoltre, l’idea che possiamo dire e fare quello che ci piace finché non causa danni fisici ad un altro è un ragionamento folle basato su una visione molto insulare dell’individuo nella società. Le azioni e le convinzioni di coloro che ci circondano hanno un impatto enorme sulla nostra vita. Il divorzio è una “questione privata”, ma i tassi di divorzio e i tassi di incarcerazione giovanile da case distrutte sono in aumento e nessuno vuole vivere in quartieri criminali.

Le azioni di coloro che ti circondano contano molto. Cosa sarebbe più piacevole – vivere in una città con famiglie che fanno del loro meglio per crescere buoni figli o essere circondati da qualche milione di case rotte? Una catena è forte solo quanto il suo anello più debole, e in Occidente, la Libertà ha dato ad ogni anello la possibilità di lucidarsi alla perfezione o di arrugginirsi, a seconda di come gli piace.

Questo è il momento dell’opportunità per l’Oriente mondiale di predicare una nuova visione. Vivere in un mondo in cui crediamo che “Il mio diritto di oscillare il mio pugno finisce dove inizia il tuo naso” ci porta a dover tollerare centinaia di idioti in giro, purché non ci sia contatto fisico tra noi. Molti di noi sono stufi di questa danza della follia che arriva a un sedicesimo di pollice dal nostro naso.

Una visione alternativa della libertà

Quindi, se non la libertà, come potrebbe essere la libertà? Se la libertà non è l’incapacità degli altri di impedirci di agire come vogliamo, rimproverandoci o cercando di correggere il nostro comportamento, allora come ci si sente esattamente? L’inizio di questa ricerca deve iniziare guardando le cose da un livello sociale/gruppo piuttosto che in isolamento.

Siamo stati tutti ad eventi sociali che coinvolgono un sacco di interazione umana e tutti possono percepire se c’è una forte posizione di maggioranza nella stanza. Una cena può quasi formare un microcosmo temporaneo, con una cultura distinta racchiusa nella stanza. Che si tratti di un raduno vegano per una festa di compleanno o una cena di ringraziamento o di voto, una mini-cultura definitiva sarà messa in atto all’evento.

La tua esperienza personale quella notte andrà in modo molto diverso in base alle tue convinzioni rispetto alla cultura della maggioranza. Se pensate che raccogliere uova di gallina sia una crudeltà e che abortire bambini umani sia un diritto, sarete molto più felici a San Francisco, o a un Turkey Day in Alabama. Al contrario, discutere della Bibbia mentre si brandisce un lucido revolver Smith & Wesson non è una buona idea da nessuna parte, inoltre è quasi fatale essere un PAOK e gridarlo ad un raduno di Marte.

Se avete forti convinzioni verso un lato di una qualsiasi politica, allora vi sentirete certamente molto liberi e a vostro agio in un evento simile e tuttavia completamente oppressi e disprezzati in un altro ma comunque non ci sono meccanismi in atto per togliere il vostro senso di libertà. Non c’è nulla che vi impedisca di parlare delle vostre convinzioni e di essere in disaccordo con coloro con cui non siete d’accordo, ma questo ha un costo sociale e il rischio di essere evitati.

Il nostro senso di libertà, indipendentemente dalle nostre convinzioni, non si basa su un insieme oggettivo di caselle di controllo illuministiche, ma sul nostro livello di accordo con le persone e le politiche intorno a noi. Nessuno ti sparerà per aver votato per il candidato x, ma sentirai la libertà di espressione solo in un ambiente con altri che stanno votando per lo stesso candidato in questione o se semplicemente non gli interessa particolarmente. In presenza di coloro che votano per il candidato Y con grande fervore, lei sarà un volto sgradito.

La vera libertà si raggiunge solo quando si è in uno stato generale di accordo con chi ci circonda.

Questo è il motivo per cui uno potrebbe sentirsi libero sotto diversi sistemi e ambienti che ad altri sembrerebbero oppressivi e come stock di valori del XVII secolo. Se una specie di lavoratore sul campo crede di essere libero, non è perché alla fine è stato ingannato dalla propaganda statale, ma perché è d’accordo con quella propaganda. Al contrario, un lavoratore in Florida potrebbe sentire lo stesso livello di libertà perché si è rifugiato in una nazione che gli fornisce un modo di vivere con cui è d’accordo.

La maggior parte delle religioni tradizionali sono molto restrittive, ma i credenti si sentono molto più liberi circondati da altri credenti che vivono sotto leggi che riflettono la loro fede. Alcuni possono sentire una libertà molto maggiore in una nazione con una moralità protetta dalla polizia per le strade, nonostante il divieto di bere in pubblico e le minigonne.

Questa libertà sotto accordo, che potremmo forse chiamare Svoboda, Soglasie o qualcos’altro con un’eco orientale (ogni concetto deve avere un termine specifico, altrimenti non esiste), potrebbe essere uno strumento molto potente nelle mani delle nazioni nella parte multipolare/di non libertà.

Allo stato attuale, qualsiasi sforzo per costruire una cultura più forte o ripristinare le tradizioni perse sulla scia dell’Illuminismo è visto come orribilmente repressivo perché ci dicono “no” o cercano di costringerci a fare cose orribili come avere figli. Ma quando cambiamo la nostra nozione di libertà per essere d’accordo, tutto ciò che si adatta alla maggioranza silenziosa dovrebbe improvvisamente diventare un’espressione di pura libertà.

In un momento, coloro che sono costretti a guardare e tollerare la degenerazione sempre presente che non li “ferisce” avranno la capacità di rifiutarla, che è la sua stessa forma di libertà. Per essere chiari, questa non è una difesa del bolscevismo, in cui due lupi che votano per avere pecore per cena è considerata una buona cosa. Questa richiesta di accordo non è una richiesta di coercizione con la forza. Una libertà sotto accordo può funzionare solo se l’accordo avviene per libera volontà della maggioranza silenziosa. I globi e le firme falsificate (cioè con la forza e non per scelta) creeranno solo più oppressione in stile “inizio secolo”, che è diventata quasi caricaturale nella sua crudezza.

È importante notare che possiamo vedere accenni di questa visione della libertà anche nella storia americana, dove in passato i due maggiori partiti/ideologie alla fine erano d’accordo su alcuni pilastri chiave: che il Destino Manifesto, la Guerra d’Indipendenza, i Padri Fondatori, e la Costituzione degli Stati Uniti erano tutte questioni puramente buone e oneste. Questo accordo di base ha dato all’America una grande stabilità sociale rispetto a molte altre nazioni e ha permesso a statue di varie posizioni e ideologie diverse di stare in piedi in armonia fino a poco tempo fa. Il dibattito intorno ai principi del Common Core sembra sorprendentemente aperto, civile e pieno di libertà di parola, rispetto alle battaglie ideologiche a somma zero.

Uno dei problemi fondamentali dell’America di oggi è che la sinistra e la destra non condividono più le vacche sacre. La società può avere disaccordi minori, ma valori di base fondamentalmente e radicalmente diversi porteranno al conflitto e gran parte della società a perdere la sua “libertà”.

Raggiungere un accordo all’interno della società per creare un senso di libertà porterebbe alla miseria di certe minoranze intellettuali?

In primo luogo, qualunque sia la fantasia utopica in cui possiamo credere, la concessione di un particolare insieme di libertà non garantirà un senso di libertà per tutti, e al momento in tutto l’Occidente e oltre c’è una chiara consapevolezza che gli interessi di piccole minoranze sono stati radicalmente imposti alla maggioranza dei molti.

In secondo luogo, questa nozione di libertà per accordo funziona solo se l’accordo è reale e non coercitivo. La richiesta di un maggiore accordo all’interno della società è un tentativo di riunire le persone intorno a una visione condivisa, utilizzando i media moderni come veicolo per la sua consegna. Questa idea non è un appello al rogo delle streghe e alla coercizione attraverso le baionette, anche se sarà certamente ritratta come tale dall’equipaggio cognitivamente asimmetrico, che ama fraintendere deliberatamente qualsiasi cosa scritta contro il loro status quo.

Nella maggior parte delle società orientali, c’è la tendenza ad avere un grande partito politico (Russia, Kazakistan, Cina) con partiti più piccoli in orbita. L’Oriente globale si basa su questa idea di una visione sociale più singolare. Ora è il momento di rivelare che questo modo di essere può dare alla Maggioranza Silenziosa di queste regioni un grande senso di libertà che la Libertà non può dare.

Qual è il quadro strategico per promuovere un diverso tipo di libertà?

Allo stato attuale, l’idea di un mondo multipolare, di molteplici grandi culture, è un’idea per intellettuali e dovrebbe essere accompagnata da un timbro di avvertimento che è solo per coloro che hanno più di 35 anni e leggono regolarmente. I giovani del mondo di ogni generazione saranno sempre in qualche tipo di battaglia per la libertà contro lo status quo, quindi è importante dare loro qualcosa “per cui combattere”. Le grandi idee non possono nascere senza il sostegno della maggioranza silenziosa. Se le idee di tradizionalismo e multipolarità rimangono vive solo all’interno di forum su internet e dibattiti tra uomini con lauree di lusso in favolosi abiti scuri, non si va da nessuna parte.

Inoltre, un fattore chiave nelle rivoluzioni dei colori è l’argomento che il governo permanente sta violando la libertà non essendo asservito al 100% all’Occidente. Attualmente non c’è una grande contro-argomentazione, non c’è un’anti-libertà. Da un punto di vista di pura autoconservazione, molte nazioni devono convincere le loro masse che sono effettivamente libere, ma da un diverso insieme di norme che anche loro devono accettare.

È qui che entra in gioco la fine arte della propaganda.

Ho Anagnostou

Fonte: The High Art of Deception”

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code