toba60

La Mancanza di Contatto Fisico Imposta dai Governi Passera’ senza Conseguenze?

Views: 183

La stupidita’ umana non ha limiti e proseguire imperterriti in limitazioni che non hanno sin dal principio avuto ragione di esistere, sono una costante che sortirà’ i suoi effetti ancora prima che sotto l’aspetto economico, in quello psicologico.

Un giorno qualcuno dovrà rendere conto del crimine sociale creato e il paradosso e’ che tutto e’ stato fatto a fin di bene, ignari del significato autentico della parola.

Hanno distrutto e devastato l’intero tessuto sociale del pianeta attraverso una totale assenza di onesta’ intellettuale e morale.

Toba60

Il tatto è un senso chiave per la vita umana e la sua mancanza indebolisce il sistema immunitario, oltre a influenzare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, i livelli di stress e gli ormoni dell’amore.

Quando nasce un bambino, si consiglia di appoggiarlo sul petto e sull’addome della madre: che il primo contatto al mondo dopo la violenza del parto sia la pelle di un altro essere umano. Così il tatto è il primo senso che comunica, il più primitivo e anche il più elementare. Il polpastrello di un adulto ha circa 100 recettori tattili e cinque milioni di queste terminazioni nervose si accumulano in due metri quadrati di pelle, che servono per interagire con l’ambiente e apprenderlo. Nell’area del cervello che elabora le informazioni tattili – essa stessa una delle più grandi – le labbra, gli indici e i pollici richiedono uno spazio significativo.

Sarebbe quindi possibile che la mancanza di contatto fisico imposta dalla pandemia diCOVID-19 – niente più abbracci, niente più strette di mano se non tra persone che vivono insieme – passerà senza conseguenze?

Perdere il contatto con la pelle – contemporaneamente alla routine, l’esposizione alla luce naturale, la qualità del sonno e persino il calcolo interno del tempo sono persi – è probabilmente una delle fonti di trauma che renderà il mondo a venire esperienza difficile. Inoltre rende più difficile la morte di chi soccombe al nuovo coronavirus , isolandolo per non diffondersi, senza altra mano a toccarlo se non quella degli operatori sanitari, indossando sempre i guanti.

Per chi passa da solo la quarantenal’esperienza è particolarmente travolgente, come per i bambini che crescono senza carezze (hanno una salute fisica e mentale peggiore degli altri) o per quelli detenuti in isolamento. L’antropologo Paul Byers ha studiato gli effetti debilitanti del fenomeno che ha chiamato “fame di pelle” negli anziani, forse il segmento meno colpito della popolazione.

“Quando tocchiamo la pelle, vengono stimolati i sensori di pressione sottocutanea, che inviano messaggi al nervo vago [nel cervello]”, ha spiegato a Wired.Tiffany Field, ricercatrice presso il Touch Research Institute (TRI) dell’Università di Miami. “Man mano che l’attività del nervo vago aumenta, il sistema nervoso rallenta, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diminuiscono e le onde cerebrali mostrano rilassamento. Anche i livelli degli ormoni dello stress, come il cortisolo, diminuiscono”, ha aggiunto per spiegare il bisogno biologico di contatto fisico. Allo stesso tempo, aumentano i livelli di ossitocina, l’ormone dell’amore, che crea legami e quindi partecipa al sesso e alla nascita.

È umano ed è in realtà una caratteristica di molti altri mammiferi: “Tutti i primati umani sono programmati per il tatto, che ci piaccia o no”, ha aggiunto a The Independent.Francis McGlone, neuroscienziato presso la John Moores University di Liverpool, Regno Unito. Il suo collega Alberto Gallace, dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, concorda: “Il nostro cervello e il nostro sistema nervoso sono progettati per rendere il tatto un’esperienza piacevole. La natura ha creato questa modalità sensoriale per aumentare le nostre sensazioni di benessere negli ambienti sociali. È qualcosa che è presente solo negli animali sociali che hanno bisogno di unirsi per ottimizzare le loro possibilità di sopravvivenza “.

Sentimenti di solitudine e isolamento

”Fame della pelle” è il termine di uso comune per ciò che è noto nella scienza come privazione dell’affetto , che è associato a una serie di danni psicologici e persino fisici alla salute”, ha detto Kory Floyd , professore di comunicazione presso l’Università dell’Arizona specializzato nei legami tra affetto tattile e stress, depressione, solitudine e ansia. “Le persone che vivono da sole sono più suscettibili, e ora sarebbe ragionevole sostenere che la maggior parte di noi è più suscettibile del solito alla mancanza di tatto e ad altre forme di comportamento affettivo”.

Sebbene prima della SARS-CoV-2 molte nazioni sviluppate avessero normative che limitavano il contatto fisico nelle scuole e nelle istituzioni pubbliche, per motivi di cura e per evitare cause legali e per via dell’uso massiccio dei telefoni cellulari, è comune interagire con lo schermo piuttosto che con sconosciuti sull’autobus, Field ha dichiarato al quotidiano britannico di non avere dubbi sul fatto che “la privazione del tatto è un forte trauma per le persone abituate al contatto fisico che oggi sono separate, come le nuove relazioni sentimentali o le persone ricoverate in ospedale. “. In un sondaggio condotto tra il 25 marzo e il 5 maggio, il 43% dei partecipanti ha affermato di sentirsi solo, il 58% ha dichiarato di provare sentimenti di isolamento e il 42% si è lamentato della mancanza di contatto fisico.

Il disagio della mancanza di carezze o altre forme di contatto è in realtà un segno fisiologico. “I cervelli sono bravi nelle loro cose”, ha aggiunto McGlone. “Se manca qualcosa, ci dicono che dobbiamo agire”. Un esempio evidente è la fame: quando è necessario mangiare, il cervello lo segnala in questo modo. Con la crisi del COVID-19, oltre alle paure della malattia stessa e all’incertezza sul futuro, anche il cervello ha bisogno di un abbraccio.

“Quando prendiamo la mano di una persona, qualunque essa sia, l’attività delle regioni del cervello che reagiscono alla paura diminuisce”, ha spiegato a La Vanguardia James Coan, professore di psicologia all’Università della Virginia. “Una stretta di mano rilassa il corpo”, ha aggiunto, con l’intervento dell’ossitocina. “E se teniamo la mano di una persona cara ci sentiremo più protetti dal pericolo e proveremo un sollievo immediato”.

Sistema immunitario, stress e abbracci

A causa dei protocolli di distanza sociale che, più o meno duramente, sono stati imposti a quasi tutti, le persone che vivono da sole passano mesi senza toccare un altro essere umano. “Questa è un’ironia particolarmente crudele – osserva il testo di Wired – che la fame di pelle indebolisce il nostro sistema immunitario, il che ci rende potenzialmente più suscettibili al coronavirus”.

Field ha sviluppato il punto: “Mi preoccupa molto, perché questo è il momento in cui abbiamo veramente bisogno del contatto umano”, ha detto. Il tatto gioca un ruolo fondamentale nella risposta immunitaria dell’organismo, perché riduce i livelli di cortisolo, che elimina le cellule di difesa, un tipo di globuli bianchi che attacca i virus. Il tocco, riducendo il cortisolo, ha mostrato miglioramenti immunologici nei pazienti affetti da HIV e cancro, ha aggiunto.

La pandemia stessa è una situazione angosciante. “Usiamo il tocco per confortarci”, ha spiegato Gallace. “Quando siamo in pericolo o soffriamo di ansia, ci aiuta a essere toccati. La mancanza di tatto aumenta lo stress delle situazioni”. Ad esempio, ha offerto la pacca sulla spalla: gli studi dimostrano che le persone ottengono risultati migliori dopo averne ricevuta una. “È una forma di sicurezza che risale alla mano della persona che si è presa cura di noi quando eravamo bambini”, ha spiegato.

In un altro studio sul campo, quasi tutte le persone che hanno riferito di sentirsi private del tatto durante la pandemia – il 26% molto private e il 16% moderatamente deprivate – hanno riportato disturbi del sonno: 97%. “Quando muoviamo la pelle, la serotonina aumenta”, ha continuato l’esperto. “e bassi livelli di serotonina sono stati associati a insonnia, angoscia e depressione”.

Neuroni C-tattili

Un tipo di neurone, le fibre afferenti a bassa soglia (C-MRUB, chiamato anche C-tattile), che rispondono specificamente al tocco leggero, non informano immediatamente il cervello. Nei secondi in cui avviene il processo, “la fibra nervosa attiva le aree che si collegano alla ricompensa. C’è un rilascio di ossitocina – elencato McGlone -, ha un effetto sui nostri livelli di dopamina, che è il sistema di ricompensa del cervello Ha un impatto sul rilascio di serotonina e aiuta a ridurre la nostra frequenza cardiaca “.

Queste fibre preferiscono sfregare a una velocità compresa tra 3 e 5 centimetri al secondo a temperatura corporea, indicando un’inclinazione diretta della pelle. Ci sono stati milioni di anni di cambiamento adattivo per arrivarci, ha ricordato McGlone, “e ora, per la prima volta in quell’evoluzione, le persone non possono sperimentare qualcosa che di solito danno per scontato”. Quando il tocco viene rimosso, “le persone percepiscono che qualcosa non va, anche se non riescono a individuare cosa”.

Non è che il sistema si guasti, ma il ruolo delle cellule C-MRUB ha “effetti a lungo termine sul nostro benessere fisico e mentale”, ha aggiunto il neuroscienziato. “Il contatto fisico modera il nostro stress e ci aiuta a sentirci bene. La mancanza di esso può influire sulla nostra resistenza allo stress”.

La tecnologia non sostituisce la carezza

Sebbene le piattaforme di comunicazione abbiano svolto un ruolo centrale durante la pandemia, non possono coprire tale assenza. “Possiamo mantenere le nostre relazioni sociali attraverso la tecnologia”, ha detto Gallace, “ma sebbene sia molto avanzato in termini di elaborazione dell’immagine e del suono, manca il senso del tatto. Fondamentalmente non ci sono sistemi che ci consentono di interagire usando il tatto al momento”. Eppure la tecnologia tattile – usata nei giocattoli sessuali e in alcuni videogiochi, per esempio – non è abbastanza avanzata “per riprodurre il vigore e la sottigliezza di, diciamo, una stretta di mano”.

Gli esperti consigliano di stimolare le aree del braccio, della spalla e del collo, che concentrano le cellule C-MRUB, e di fare molto esercizio. “Il solo camminare in una stanza stimola i recettori della pressione nei piedi”, ha suggerito Field. “Massaggiare il cuoio capelluto o applicare una crema idratante sul viso sono anche altri modi per muovere la pelle”.

Ad un certo punto il prolungarsi della crisi sanitaria potrebbe aumentare la tendenza verso la società contactless. “Dopo averci trattato come emarginati per così tanto tempo, torneremo davvero come erano prima?”, Ha chiesto Wired . Field teme che il coronavirus possa rendere la mancanza di contatto fisico un problema a lungo termine: ” Ho il sospetto che quando tutto questo sarà finito molte persone continueranno a mantenere le distanze sociali “, ha stimato.

Fonte: https://www.infobae.com/

Ripensare la Coscienza
Una teoria scientifica dell’esperienza soggettiva
€ 25,00

Il Potere delle Abitudini
Come si formano le abitudini, quanto ci condizionano, come cambiarle
Voto medio su 4 recensioni: Buono
€ 12,00

Il Paradosso della Saggezza
Come la mente diventa più forte quando il cervello invecchia
€ 12,00

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code