toba60

La Manipolazione Quotidiana

Nella vita quotidiana di tutti i giorni, si e’ soggetti ad un continuo e martellante tam tam mediatico che finisce per condizionare inevitabilmente una gran massa di persone.

L’opinione pubblica e’ fondamentale per le minoranze che detengono il controllo e sanno che il giudizio di chi conosce i fatti e gli avvenimenti e’ sempre molto limitato e incide assai poco nel nel computo finale del consenso, dove la meritocrazia e’ un optional sconosciuto.

E’ il numero che conta, in politica 100 somari valgono più di 10 purosangue, ed e’ alla massa più’ numerosa che si rivolgono i leader per godere del consenso popolare che li proietterà ai vertici del potere.

E’ tutto qua il problema, non ci sono ricette o formule magiche per uscire dal dissesto sociale ed economico in atto, e’ sufficiente vedere come tutti si adeguano alle direttive più stupide del mondo, per capire quanto l’establishment sia in una botte di ferro in questo momento e proprio in virtù di un continuo quanto efficace modo di incidere sull’opinione pubblica delle persone, attraverso un inganno mediatico molto ben pianificato e consolidato negli anni.

Chi e’ ancora dentro il recinto, fugga in fretta, non importa dove, purché lo faccia, i purosangue sono veloci e in qualche modo si salveranno, chi rimane non ha scampo, prima o poi e’ inevitabile tenterà’ di scappare anche lui. ….ma sempre somaro e’

……………..non potrà’ andare molto lontano.

Toba60

DALLA STORIA ALL’IMMAGINE DEL NEMICO

La stigmatizzazione e l’esclusione, le sanzioni, le molestie, la violenza e l’arbitrio sono promosse attraverso immagini di nemici creati dai media, sia nazionali che stranieri.

Per decenni, centinaia di scienziati hanno ricercato le possibilità di persuasione usando le narrazioni. Il rapporto tra giornalismo e storytelling – storytelling o narrazione – è stato quindi oggetto di numerose pubblicazioni sin dagli anni ’70. L’obiettivo degli sforzi collettivi del “complesso politico / scientifico / mediatico” è quello di far sì che il destinatario interiorizzi in modo permanente il messaggio che ha sentito e compreso e di determinare un corrispondente cambiamento nel comportamento.

La ricerca sulla carenza di informazioni sottolinea in particolare l’importanza di strategie di diffusione alternative per le persone per le quali i servizi di informazione classica per vari motivi si rivelano inadeguati o completamente inadatti. Tale forma alternativa di segnalazione dovrà innanzi tutto suscitare interesse e attenzione, al fine di raggiungere persone che altrimenti avrebbero poco o nessun coinvolgimento con le notizie politiche, o le eviteranno deliberatamente.

Fin dall’infanzia, la maggior parte delle persone è più interessata alle storie su altre persone che a fatti e dati puri, perché sia ​​le immagini che le metafore funzionano meglio e sono più facili da ricordare dei fatti astratti.

Le informazioni, presentate sotto forma di narrazione, vengono interiorizzate in modo selettivo e possono avere un effetto su atteggiamenti e comportamenti. La ricerca mostra che le narrazioni possono convincere in modo molto sottile quando l’azione nella narrazione e le informazioni che si desidera divulgare sono il più strettamente correlate possibile. I destinatari accettano anche argomenti deboli e opinioni ovviamente stupide quando presentati come una storia. I meccanismi di persuasione più forti sono – secondo la ricerca – la ridotta contro-argomentazione e la soppressione della sensazione che qualcuno stia limitando la libertà psicologica di scelta.

Perché le società statali, scientifiche e dei media nella società odierna (che si considera illuminata) dipendono così disperatamente dai destinatari di certi tipi di informazioni non solo comprendendola e credendola senza obiezioni e contraddizioni, ma anche interiorizzandola? Dopo aver letto le notizie, i commenti, le notizie illustrate o i reportage televisivi, perché il destinatario non dovrebbe semplicemente trarre le sue conclusioni e poi dimenticare il messaggio? Data la quantità di informazioni che, ad esempio, Internet ci fornisce, la capacità di comprendere e ricordare ciò che si è letto, sentito o visto è ridotta.

Perché il Pentagono impiega le 27.000 persone che sono le uniche responsabili delle pubbliche relazioni, della pubblicità e del reclutamento e dell’abbellimento delle guerre statunitensi nei media? Tom Curley, ex capo dell’agenzia di stampa americana Associated Press, ha criticato nel 2009 in una conferenza a colleghi giornalisti le pressioni del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti contro i suoi giornalisti nelle zone di guerra. Secondo le indagini dell’AP, le misure militari di PR costano ai contribuenti $ 4,7 miliardi all’anno.

Perché, secondo un articolo del Guardian del marzo 2011, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha speso fino a 580 milioni di dollari all’anno in media – giornali, reti televisive, video di YouTube di gruppi di opposizione nelle aree di crisi – blog e altri importanti moltiplicatori all’estero?

Perché la ” Iniziativa per l’integrità ” britannica , con la partecipazione di politici, giornalisti e gruppi di riflessione tedeschi, ha creato una rete segreta internazionale di agenti dell’intelligence, ufficiali militari, politici, giornalisti e accademici, che si è posta il compito di coordinare ampie campagne mediatiche anti-russe?

Perché, secondo Spiegel, il Council on Foreign Relations, ” l’istituzione privata più influente in America e nel mondo occidentale”, è desideroso di integrare i proprietari dei media, i redattori in capo e i migliori giornalisti nei principali media nelle sue strutture?

Perché il Pentagono, con l’aiuto di un’agenzia di pubbliche relazioni britannica, ha realizzato video di propaganda per un valore di 500 milioni di dollari per al-Qaeda?

E perché enormi somme di denaro dei contribuenti confluiscono nel finanziamento di organizzazioni, fondazioni e think tank il cui core business è la manipolazione e l’influenza dell’opinione pubblica?

Il leader politico in Germania è il think tank SWP e il suo “Istituto tedesco per la politica e la sicurezza internazionale”. È finanziariamente ben finanziato dal governo e prepara gli indizi di politica estera, i modelli di argomentazione, i testi e le varie dispense per la politica; che a sua volta forma uno stile narrativo e informativo con una formulazione identica nei grandi gruppi di media e nei media di stato. Ogni volta che le notizie sui canali statali hanno bisogno di esperti qualificati, noti dipendenti SWP posano volentieri per le telecamere.

In questo senso, la “fabbrica di magia russa a San Pietroburgo” (citata con bella regolarità da vari giornalisti di qualità) sembra piuttosto povera. Con i suoi 150 dipendenti sembra più un call center, ma secondo l’ex corrispondente da Mosca del canale televisivo ARD, Golineh Atai, è stato in grado di influenzare ideologicamente l’opinione pubblica nel mondo occidentale e persino di manipolare le elezioni.

L’influenza del “fronte interno” è vecchia quanto la guerra stessa, e la funzione dei media nel formattare i pensieri come elemento necessario per rendere possibili le guerre è chiara. I guerrieri non possono aver luogo a meno che il corso non sia mentalmente sintonizzato su di loro e l’opinione pubblica non abbia risposto in modo positivo agli interventi pianificati.

Odio, pregiudizio e guerra iniziano sempre nella testa delle persone, impiantati in una mobilitazione psicologica con disinformazione e propaganda mirate. Prima che l’opinione pubblica possa accettare una guerra o essere motivata a intervenire, sanzionare e molestare altre persone, deve essere convinta della reale necessità e dell’inevitabile conflitto.

Una parte essenziale della guerra moderna è diretta alla psiche umana e cerca innanzitutto di cambiare gli atteggiamenti, non solo in termini di interventi pianificati contro altri popoli, ma anche nella creazione di rappresentazioni del nemico a vantaggio del sistema dominante.

La propaganda di massa funziona con affermazioni semplici ma categoriche. Attraverso una ripetizione invadente di contenuti e con l’aiuto di parole chiave appropriate – dittatore, macellaio, sovrano, pazzo, regime ecc. – si crea uno stato d’animo simile e un effetto di contagio psicologico. Anche qui il processo è rafforzato dal desiderio di molte persone di unirsi alla maggioranza – l’effetto corridore, l’ effetto carrozzone – a cui appartenere, invece di essere emarginati e stigmatizzati per avere opinioni dissenzienti.

La stampa è un vecchio strumento di governo, che a causa della sua vicinanza agli interessi politici elitari e di partito beneficia o addirittura fa parte dell’élite; Prepara l’opinione pubblica a poteri che dipendono dall’opinione popolare per la “necessità” di sanzioni e guerre.

Le funzioni geopolitiche dei media orientati all’impero sono in particolare la delegittimazione di potenziali “stati ostili” o dei loro governi attuali, il supporto per interventi segreti aperti e mascherati, la giustificazione delle sanzioni e dei cambiamenti di regime e l’assistenza nella leadership (o licenziamento) dei governi clienti.

La propaganda mirata che utilizza bugie concrete è stata la base delle guerre internazionali contro Vietnam, Jugoslavia, Iraq, Libia e Siria. In ogni caso, una leggenda è stata inventata da spin doctor o politici e poi ampiamente diffusa dai mass media. Alcune bugie di guerra a lungo negate sono incendiate nella memoria collettiva “grazie” ai media servili, mentre altre bugie, troppo ovvie, hanno ulteriormente danneggiato la credibilità della politica e dei media.

Non abbiamo dimenticato l ‘”evento della baia di Tonkin”, che ha fornito il pretesto per l’espansione della guerra del Vietnam e degli attacchi aerei statunitensi e dei bombardamenti di superficie della Repubblica Democratica del Vietnam (“Vietnam del Nord”). La “Risoluzione Tonkin” del Congresso degli Stati Uniti ha legalizzato tutte le azioni militari statunitensi in Vietnam dal 1965 al 1973. Secondo quanto riferito, la guerra è stata persa, il che ha portato le umili élite americane a concludere che la guerra del Vietnam era in gran parte persa a causa della copertura mediatica. D’ora in poi si è ritenuto necessario vincere una guerra non solo sul fronte, ma anche su quello interno. Questo crea un maggiore condizionamento dei media. Ogni guerra futura era accompagnata da una sofisticata strategia mediatica.

Un’altra famigerata bugia è la cosiddetta “menzogna incubatrice”, creata da un’agenzia di pubbliche relazioni e interpretata da un’adolescente che con le lacrime che scorrevano davanti al comitato informale per i diritti umani del Congresso degli Stati Uniti ha affermato che i soldati iracheni avevano ucciso bambini prematuri durante l’invasione del Kuwait nell’agosto del 1990, strappandoli dalle incubatrici e lasciandoli morire sul pavimento.

Fu solo dopo la guerra che si seppe che l’adolescente era la figlia quindicenne dell’ambasciatore del Kuwait negli Stati Uniti. L’agenzia di pubbliche relazioni Hill & Knowlton aveva organizzato l’incidente per convincere il pubblico americano della necessità di una guerra contro l’Iraq.

La menzogna dell’incubatrice è stata diffusa all’epoca dalla maggior parte dei mass media, purtroppo anche da organizzazioni per i diritti umani come Amnesty International. Questa organizzazione volontaria ha contribuito a trasformare l’opinione pubblica negli Stati Uniti a favore della prima guerra americana contro l’Iraq.

Un altro noto esempio di propaganda di guerra è stata la presunta prova di armi di distruzione di massa irachene, che il Segretario di Stato americano Colin Powell ha venduto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nel 2003 con una piccola provetta. Pochi anni dopo, ma troppo tardi per migliaia di iracheni uccisi, lui stesso avrebbe definito questa bugia una “disgrazia” nella sua carriera. Prima del discorso che ha scatenato la guerra, Powell aveva trascorso cinque giorni presso il quartier generale della CIA, studiando i rapporti dell’intelligence, molti dei quali in seguito si sono rivelati falsi. Dopo l’invasione, gli ispettori statunitensi non hanno trovato alcuna prova dell’esistenza di armi nucleari, biologiche o chimiche in Iraq.

I presunti massacri serbi in Kosovo, il confronto di Auschwitz con il ministro degli Esteri dei Verdi Joseph Fischer e il cosiddetto ” Piano a ferro di cavallo” , che l’allora ministro della Difesa Rudolf Scharping (SPD) accusava il governo jugoslavo di pianificazione – tutto per giustificare – fanno parte della guerra di aggressione della NATO della nostra storia più giovane.

Il governo tedesco aveva bisogno di “fatti sulle atrocità, o meglio, immagini di atrocità commesse dai complici di Milosevic”, ha denunciato pubblicamente il segretario alla difesa Scharping. La NATO non ha prodotto abbastanza documenti fotografici. “Spero che cambi presto”, ha detto Scharping, perché era “anche una lotta per l’informazione e la propaganda”.

Ciò che colpisce particolarmente dei vari tribunali in cui gli aggressori portano coloro che sono stati attaccati alla giustizia è che nessuno dei crimini di guerra della NATO, basati su bugie, è mai stato adeguatamente punito. Non ci sono state sanzioni in cambio di milioni di vittime nei paesi arabi o musulmani dall’11 settembre, di cui sono responsabili il regime statunitense ei suoi alleati. Non vi era alcuna condanna internazionalmente riconosciuta per genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità, e soprattutto quasi nessuna critica da parte dei media consolidati riguardo al comportamento egemonico dell’Occidente.

L’opposto è il caso:

La ridotta complessità degli esplosivi eventi geopolitici, insieme alle loro spiegazioni super semplificate delle cause delle guerre, mette in dubbio le capacità professionali dei media. Le corporazioni nelle case dei media e nelle emittenti televisiveprecedentemente definite “autori di reato” a causa del loro coinvolgimento in crimini di guerra, continuano a relativizzare, giustificare e distorcere la realtà.

Invece di rifiutare le politiche di guerra, che sarebbe il loro dovere democratico, si schierano, proteggono gli autori e continuano a desiderare un intervento militare, come dimostrano gli esempi di Venezuela e Iran.

«La comunicazione di massa può avere un’influenza significativa sull’andamento e sull’esito dei conflitti. Chi ha a disposizione tali mezzi li userà a proprio vantaggio ea danno dell’avversario. La propaganda, la disinformazione e la manipolazione delle opinioni fanno parte della lotta per e con l’informazione. In un clima di informazione unilaterale e di limitate opportunità di informazione, ideologie politiche, etniche, religiose e di altro tipo possono essere condotte fino alla volontà di violenza “.

Con il gentile permesso di Rubikon. Creative Commons 4.0. Per i riferimenti alla fonte, vedere l’articolo originale.

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code