toba60

La Mattanza ha Avuto Inizio Alcuni Lotti Statunitensi di Tamponi Nasali Covid-19 Contaminati da Batteri Mortali

Siamo alla dirittura finale di un genocidio annunciato di cui ancora nessuno pare accorgersene, i fatti di cronaca relativi alla truffa criminale del covid-19 si amplifica a dismisura in ogni parte del globo.

Per non dimenticare

Noi in redazione dovremmo essere in 100 per poter rendere conto attraverso il magazine di tutto quello che sta accadendo nel mondo………una cosa alla volta, c’è tempo…….

….ma non troppo.

Toba60

Lotti Statunitensi di Tamponi Nasali Covid-19 Contaminati da Batteri Mortali

Alcuni lotti di tamponi nasali Covid-19 distribuiti all’esercito americano sono stati contaminati con un batterio mortale che causa la fascite necrotizzante, una malattia mangia-carne che distrugge rapidamente il tessuto sotto la pelle e spesso provoca la morte a meno che gli antibiotici IV siano somministrati prima dell’inizio della necrosi, ha detto il capitano Jacob Downing, un medico ed esperto di malattie infettive al Walter Reed Army Institute of Medical Research (WRAIR).

Il 27 dicembre, il WRAIR ha ricevuto un rapporto che tre aviatori di stanza alla Lackland Airforce Base di San Antonio, Texas, avevano presentato sintomi di fascite necrotizzante entro 72 ore dopo essere stati sottoposti a tampone nasale per Covid-19. Due degli avieri, ha detto il dottor Downing a Real Raw News, erano già ricoverati in ospedale e in terapia intensiva quando il rapporto ha raggiunto il Walter Reed. Un aviere aveva ulcere, vesciche e macchie nere sul viso, così come pus che trasudava dalle lesioni su entrambi i lati della sua cavità nasale.

“Il paziente ha mostrato per la prima volta i sintomi di un’infezione da stafilococco il 21 dicembre, tre giorni dopo essere stato sottoposto al tampone per il Covid-19. Il medico di Lackland gli ha dato antibiotici per via orale, che si sono rivelati inefficaci. Entro il 24, ha sviluppato una necrosi acuta e una sepsi con conseguente insufficienza d’organo. È stato messo in terapia intensiva e trattato con un ciclo aggressivo di antibiotici ad ampio spettro per via endovenosa. Ora ha bisogno di un trapianto di reni e di innesti di pelle perché i chirurghi di Lackland hanno dovuto tagliare parte della sua faccia malata”, ha detto il dottor Downing.

I sintomi di un secondo paziente erano stranamente simili. Anche lui è andato in sindrome da shock tossico da streptococco pochi giorni dopo aver fatto il tampone nasale. Fortunatamente, ha ricevuto il trattamento IV prima che i suoi organi cominciassero a spegnersi e la sua prognosi di sopravvivenza è eccellente, nonostante alcune deformità permanenti, ha detto il dottor Downing.

Il terzo paziente non è stato così fortunato. È morto sul tavolo operatorio mentre i chirurghi lottavano disperatamente per fermare il collasso sistematico del suo fegato, dei reni e dei polmoni. Per dodici ore, il personale medico ha cercato di salvargli la vita, ma senza successo. Il danno, ha detto il dottor Downing dopo aver esaminato i rapporti medici di Lackland, era così esteso e diffuso in tutto il corpo del paziente che non ha mai avuto più del 5% di possibilità di sopravvivere all’infezione che ha devastato il suo corpo.

“C’era una correlazione diretta tra i pazienti che si ammalavano e i tamponi nasali”, ha detto il dottor Downing. “È stato a questo punto che abbiamo chiesto a Lackland di cessare i tamponi nasali e di inviarci i restanti tamponi inutilizzati.

Quando li abbiamo ricevuti, quello che abbiamo trovato è stato allarmante”.

Il test diagnostico con tampone nasale Covid-19 (non è un test rapido) è simile a come i tamponi della gola sono stati usati per decenni per testare lo streptococco. Un campione prelevato dal naso viene messo su una piastra speciale (coltura) che permette ai batteri di crescere in laboratorio. Il tipo specifico di infezione viene capito usando test chimici.

Se i batteri non crescono, la coltura è negativa per il Covid e la persona non ha il Covid-19. Se invece i batteri crescono, il paziente è considerato positivo al Covid. L’esercito riceve i suoi tamponi Covid in pacchetti ermeticamente sigillati etichettati “Solo per test Covid-19”.

“Lackland ci ha inviato 5.000 tamponi sigillati. Ognuno è stato testato in laboratorio, e dei 5.000, abbiamo scoperto che 250 avevano tracce di Staphylococcus aureus resistente alla meticillina, un batterio virulento che resiste alla maggior parte degli antibiotici contemporanei. Poiché i batteri non possono crescere in un ambiente privo di ossigeno, abbiamo testato la confezione stessa. Le 250 confezioni contenevano perforazioni microscopiche che permettevano abbastanza ossigeno per permettere la crescita”, ha detto il dottor Downing.

“Questo sembra essere intenzionale, e stiamo cercando di scoprire da chi”, ha detto in chiusura.

Fonte: realrawnews.com

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo. 

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code