toba60

La Perenne Propaganda Contro il Popolo Serbo

Provo sempre una gran rabbia nell’ascoltare la storia riferita al popolo Serbo che e’ sempre molto ben definita nei minimi particolari da parte di chi dovrebbe tenere la bocca chiusa su ogni vicenda inerente la questione.

Un paese che e’ stato additato come unico colpevole di un genocidio che i media con sapiente ipocrisia ha amplificato per offuscare i veri colpevoli che si sono poi fatti paladini della pace e della libertà.

Tutto e’ avvenuto ad un passo dall’Italia, la quale con totale indifferenza ha delegato alla Nato ogni incombenza sulla regione, rendendosi a sua volta partecipe di uno sterminio umanitario di massa legalizzato che agli occhi del mondo e stato fatto a fin di bene…………

non smetterò mai di domandarmi per chi.

Toba60

Le Perenne Propaganda contro il Popolo Serbo

Ottant’anni fa, il mese scorso, le potenze dell’Asse invasero l’ex Jugoslavia durante la seconda guerra mondiale. Un nuovo film serbo, Dara of Jasenovac, descrive lo sterminio sistematico dei serbi che seguì sotto il governo nazista dello Stato indipendente di Croazia.

Nonostante la consultazione di storici rispettabili durante la produzione e una sceneggiatura basata su testimonianze, la sua uscita ha generato controversie tra i critici cinematografici internazionali.

Un esame dell’accoglienza anglofona alla voce serba per la 93esima edizione degli Academy Awards mostra una risposta negativa e pseudo-giornalistica che è parte di un pregiudizio anti-serbo nei media occidentali fin dalla guerra della NATO in Jugoslavia negli anni ’90.

Nonostante i recenti tentativi di relazioni più strette con l’Occidente, la serbofobia rimane un punto fermo nei media aziendali a causa dei forti legami storici di Belgrado con Mosca nel mezzo della nuova guerra fredda tra Stati Uniti e Russia.

Un esempio è stato un recente articolo apparso sul sito d’arte e cultura Hyperallergic che contrapponeva Dara di Jasenovac a Quo Vadis, Aida? (“Dove vai, Aida?”), un recente film bosniaco che racconta il famigerato massacro di Srebrenica del 1995. Non è un caso che il dramma bosniaco sia stato nominato agli Oscar come miglior lungometraggio internazionale e sia ampiamente promosso dai popolari servizi di streaming, mentre il suo concorrente serbo non ha avuto la stessa fortuna.

Anche se il pezzo di Hyperallergic (di uno scrittore bosniaco) è leggermente più comprensivo delle precedenti accuse cattive del Los Angeles Times e della rivista Variety, dove il primo ha diffamato Dara di Jasenovac come “propaganda nazionalista serba” e il secondo ha persino osato mettere in discussione l’accuratezza storica del suo ritratto del regime degli Ustaša, segue la stessa formula a tappe.

Infatti, anche gli articoli più favorevoli includono qualificazioni che, come produzione statale serba, anche se il film può essere storicamente accurato, ci deve essere un’agenda nascosta dietro di esso.

Quello che nessuno di questi giornalisti gialli si preoccupa di spiegare è come qualsiasi film serbo possa ritrarre fedelmente la storia della seconda guerra mondiale, durante la quale i serbi furono vittime sproporzionate per mano dei loro connazionali in collaborazione con gli invasori dell’Asse, senza provocare tali accuse di nativismo.

L’accusa, che è stata inventata, è che la rappresentazione cinematografica delle atrocità commesse dagli ustascia durante la seconda guerra mondiale serva in qualche modo a scusare o legittimare i crimini di guerra compiuti cinque decenni dopo durante le guerre jugoslave (di cui i serbi sono stati eccessivamente colpevolizzati), quando anche questo procede da una falsa premessa storica. La disgregazione dell’ex Jugoslavia ha portato alla pulizia etnica da tutte le parti, ma le uccisioni perpetrate dai serbi hanno ricevuto un’attenzione eccessiva, proprio come i massacri comparabili da parte di croati, bosniaci e albanesi kosovari sono stati minimizzati e sottovalutati.

Inoltre, il governo socialista di Belgrado individuato per il cambio di regime dalla NATO non era responsabile degli atti dei serbi in Bosnia e Croazia. Più di vent’anni dopo, la censura della Dara di Jasenovac sta ancora selezionando le vittime degne da quelle indegne nei Balcani.

L’ipocrisia dei presidenti occidentali non potrebbe essere più chiara che nella loro copertura di due film che rappresentano due diversi conflitti storici nella stessa regione dove si dice che sia stato commesso un genocidio.

Forse è il fatto che la stragrande maggioranza delle vittime a Jasenovac erano quattro volte più serbi ortodossi orientali che ebrei che questo capitolo meno conosciuto dei crimini di guerra dell’Asse è raramente mostrato sul grande schermo. O forse la ragione per cui la Seconda Guerra Mondiale in Jugoslavia è raramente rappresentata a Hollywood è la complicità del clero cattolico croato nei crimini contro l’umanità del regime degli Ustaša, che Dara of Jasenovac descrive in dettaglio dalla prospettiva di una bambina serba di dieci anni.

Anche se il film è esplicitamente chiaro che sono stati gli ultranazionalisti ustascia a commettere uccisioni barbare di cui sono stati vittime anche molti croati, Jay Weissberg di Variety ha comunque bollato il film come “anti-croato e anti-cattolico”. Tuttavia, si dovrebbe notare che tale pregiudizio anglofono contro il cinema serbo non è una novità, dato che una critica simile è stata precedentemente mossa contro Underground di Emir Kusturica, nonostante l’epica commedia-dramma abbia portato a casa la Palma d’Oro al Festival di Cannes nel 1995.

Nel frattempo, Variety non ha avuto nient’altro che lodi per Quo Vadis, Aida? e la sua narrazione di un traduttore bosniaco delle Nazioni Unite la cui famiglia perisce nell’enclave di Srebrenica per mano dei serbo-bosniaci, tanto meno qualsiasi esame della sua veridicità storica.

In realtà, ciò che accadde a Srebrenica fu un massacro di rappresaglia dopo crimini di guerra equivalenti da parte dei musulmani bosniaci contro i serbi nei villaggi vicini. Non importa che l’affermazione calunniosa di implicito nativismo scagliata contro Dara di Jasenovac sia molto più applicabile alla sua controparte cinematografica bosniaca dove i serbi come nazionalità sono inesorabilmente demonizzati.

La NATO ha distrutto case e scuole, biblioteche e ospedali, liquidandoli come ‘danni collaterali’.

Ma cosa ci si può aspettare dalla stampa gialla di un paese che ha appena eletto Joe Biden? L’allora senatore del Delaware non solo ha sostenuto l’assalto della NATO alla Serbia, ma è stato precedentemente citato per aver detto: “Dovremmo andare a Belgrado e avere un’occupazione in stile giapponese-tedesco di quel paese”, “I serbi sono degenerati analfabeti, assassini di bambini, macellai e stupratori” e “tutti i serbi dovrebbero essere messi in campi di concentramento in stile nazista”. L’autostrada in Kosovo che porta a Camp Bondsteel, la base dell’esercito americano che occupa il protettorato della NATO, porta addirittura il nome del defunto figlio del presidente americano, Beau.

Il razzismo antiserbo è normalizzato dall’alto verso il basso.

Se la pulizia etnica è stata commessa da ogni parte nelle guerre jugoslave, allora per definizione ciò che è avvenuto è stata una guerra civile, non un genocidio. Per coincidenza, un’altra nuova uscita, la docuserie della HBO Exterminate All the Brutes del regista haitiano Raoul Peck (I Am Not Your Negro, The Young Karl Marx), esplora la storia del colonialismo europeo dove varie distruzioni su larga scala di interi popoli sono avvenute molto prima che l’avvocato polacco-ebraico Raphael Lemkin ideasse il termine e le Nazioni Unite adottassero la Convenzione sul genocidio nel 1948.

LEG Tesla Plate Disco 10 cm - Made in Italy
Piastre di Tesla per una potente energizzazione di cose, persone, cibi, animali, piante
€ 39,49

L’ambizioso progetto di Peck inizia con un brillante ripensamento della Germania nazista come stato coloniale, una rinfrescante antitesi alla convenzionale narrazione storica stabilita da teorici come Karl Popper e Hannah Arendt che tipicamente equipara il Terzo Reich all’Unione Sovietica e tronca il fascismo dalla linea temporale del colonialismo europeo. O come scrisse Frantz Fanon in I miserabili della terra:

cos’è il fascismo se non il colonialismo quando è radicato in un paese tradizionalmente colonialista?”

Sfortunatamente, Peck mina più tardi il suo tentativo di eterodossia, puntando sulla linea del genocidio ruandese, citando un’amica personale nella storica americana Alison Des Forges, una consulente senior dell’altamente politicizzato e di parte occidentale Human Rights Watch. La stessa ONG ha anche giocato un ruolo chiave nel costruire la parzialità anti-Belgrado durante le guerre jugoslave ed è un perfetto esempio di come le cosiddette “organizzazioni non governative” spesso paradossalmente godono di stretti legami con Washington.

Nel frattempo, secondo il defunto Edward S. Herman nel suo libro Enduring Lies, Alison Des Forges è stata uno dei principali spin doctor che ha plasmato il discorso popolare sul conflitto ruandese e ha creato sostegno per l’attuale génocida Paul Kagame, ora un criminale di guerra ampiamente riconosciuto.

Il signor Peck dovrebbe saperne di più, avendo già fatto due film su Patrice Lumumba, il primo primo ministro democraticamente eletto della Repubblica Democratica del Congo rovesciato in un colpo di stato del 1961 sostenuto dalla CIA, lo stesso paese che il regime di Kagame ha poi invaso e continuato le atrocità alla fine degli anni ’90.

Alison Des Forges con la Genocida in Yemen, Samantha Power.

Peck fa poi un’argomentazione razziale riduzionista nel determinare le ragioni ipocrite del fallimento degli Stati Uniti nell’impedire la sanguinosa guerra civile in cui furono uccisi ben un milione di ruandesi, mentre contemporaneamente lanciava un “intervento umanitario” per fermare apparentemente lo stesso in Bosnia e Kosovo.

Anche se questo può essere in parte vero, un’incursione in Ruanda sarebbe stata giustificabile o desiderabile?

Senza contare che gli Stati Uniti sono intervenuti in operazioni segrete per aiutare l’assassinio del presidente hutu Juvenal Habyarimana, il cui aereo fu abbattuto in una probabile operazione “false flag” dal Fronte Patriottico Ruandese (RPF) di Kagame, sostenuto dalla CIA, il vero catalizzatore della violenza interetnica nel piccolo paese africano.

Come la disinformazione durante le guerre jugoslave, la designazione della maggioranza etnica hutu come unici aggressori e la minoranza tutsi come pure vittime è stata stabilita in anticipo, anche se entrambe le parti hanno condotto pogrom.

Peck non comprende appieno che il “genocidio” stesso è diventato uno strumento per giustificare l’uso della forza militare all’estero sulla base della fine delle presunte violazioni dei diritti umani nei paesi presi di mira per il cambio di regime.

Da un lato, il regista haitiano osserva correttamente che l’invenzione della frase è arrivata un tempo considerevole dopo lo sterminio dei popoli indigeni nativi americani e la tratta degli schiavi dell’Atlantico, dove è raramente applicata. Tuttavia, fin dal suo inizio, dopo la seconda guerra mondiale, c’era un’agenda dietro la sua ratifica e non solo per dare uno status speciale alle vittime ebree dei nazisti al di sopra dei loro inferiori compagni slavi e rom, in modo da fornire le basi per il sionismo genocida in Palestina. Raphael Lemkin era anche un falco della Guerra Fredda e spacciava la propaganda nazionalista ucraina e il mito hitleriano dell’Holodomor (il vero ‘holo-haux’) per calunniare i sovietici come genocidi.

Fin dall’inizio, la parola con la G è stata un pallone da calcio politico per l’impero.

Purtroppo, il mondo ha recentemente perso un uomo che ha capito il modo in cui la nozione di “genocidio” è diventata uno strumento di guerra e svuotato del suo significato.

Il mese scorso, l’ex procuratore generale degli Stati Uniti durante l’amministrazione di Lyndon B. Johnson, Ramsey Clark, è morto a 93 anni dopo una lunga e storica carriera da insider di Washington a feroce critico della politica estera americana. Mentre molti conoscono Clark per il suo ruolo nel movimento dei diritti civili e nella Great Society, l’avvocato dei diritti umani ha trascorso la sua controversa vita successiva come attivista per la pace e oppositore dell’imperialismo.

In particolare, è stato uno dei pochi eletti della sinistra occidentale (insieme a Michael Parenti, Edward S. Herman, John Pilger, Diana Johnstone, Harold Pinter, Peter Handke e altri) abbastanza coraggioso da dire la verità sulla guerra in Jugoslavia, mentre era anche famoso per aver fornito consulenza legale all’ex presidente serbo Slobodan Milošević durante il suo processo canguro all’Aia.

In un momento in cui la maggior parte della “sinistra” tradizionale contro la guerra cadeva per il gergo antiserbo, Clark ha visto attraverso le distorsioni usate dalla NATO per giustificare la propria carneficina a Belgrado. Con un po’ di fortuna, la sinistra seguirà la sua eredità e non i guardiani che vestono la propaganda di guerra……

con la scusa di difendere i diritti umani.

Max Parry

Fonte: off-guardian.org

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

  • SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
  • IBAN:  IT19B0306967684510332613282
  • INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
  • SWIFT: BCITITMM
  • CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code