toba60

La Prima Vittima quando Arriva la Guerra è la Verità

Quando pubblichiamo un articolo che fuoriesce dai media Mainstream siamo sempre sottoposti ad una guerra mediatica che non è per nulla differente da quella di un campo di battaglia.

Kiev, Ucraina

A perdere sono spesso i vincitori, perché non sanno realmente chi è il vero nemico.

Toba60

Russia Ucraina Di chi è la colpa?

“La prima vittima quando arriva la guerra è la verità”.

Questa è una citazione che è vera oggi come lo era quando il senatore della California Hiram W. Johnson la disse nel 1917, e mentre i media mainstream e i nostri politici l’hanno fatta franca con la trasmissione di bugie dimostrabili per ogni singolo conflitto per decenni, possiamo essere abbastanza certi che quello che stiamo sentendo dai media mainstream non è la verità.

La macchina della propaganda ha indottrinato il pubblico per anni facendogli credere che la Russia e Putin sono nostri nemici.

Questo è stato fatto fabbricando storie sul coinvolgimento di Putin nelle elezioni americane del 2016, racconti di come Putin ha violato il DNC, e affermazioni che Donald Trump era legato a una banca russa.

Tutto questo è stato fabbricato per prepararci a ciò che sta accadendo ora?

Il 24 febbraio 2022, dopo settimane di speculazioni, la Russia ha invaso l’Ucraina, scatenando una massiccia indignazione in tutto il mondo. L’attacco all’Ucraina ha anche creato confusione sulla posizione del governo russo o più precisamente del presidente Putin sull’agenda del WEF.

La verità in questo momento sulla crisi ucraina è difficile da trovare anche tra le molte discussioni sui social media.

Questo sembra essere il risultato dell’annuncio di Putin che la Russia stava lanciando un’operazione militare diretta alla “smilitarizzazione” e “denazificazione” dell’Ucraina e un thread su Twitter postato non molto tempo dopo da @WarClandenstine che sosteneva che la Russia stava prendendo di mira i Biolabs.

Anche se il thread è stato cancellato poco dopo perché Twitter ha sospeso l’account, può essere visto nel video qui sotto, e letto nella sua interezza qui.

Quando la Russia ha iniziato ad attaccare installazioni militari, sono iniziate anche le speculazioni sul perché anche i biolabs statunitensi stabiliti in Ucraina fossero tra gli obiettivi.

Questo ha portato all’ottimismo che Putin sta forse mostrando segni di essere contro l’agenda del WEF.

Programma di riduzione della minaccia biologica

Ma la questione è ancora più complessa di così. La Russia è stata ai ferri corti con gli Stati Uniti e la NATO per anni, e la Russia ha ripetutamente accusato gli Stati Uniti e l’Ucraina di sviluppare armi biologiche vicino ai suoi confini.

Durante un’intervista nel 2021 al giornale Kommersant Nikolai Patrushev, il consigliere capo per la sicurezza del presidente russo Vladimir Putin ha detto che Mosca ha “buone ragioni per credere” che gli Stati Uniti stiano sviluppando armi biologiche lungo i confini di Russia e Cina.

Durante una discussione sull’incapacità dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) di stabilire l’origine del virus Covid-19, Patrushev, che è il segretario del Consiglio di Sicurezza della Russia, è stato interrogato dalla giornalista Elena Chernenko sulle affermazioni che la Cina ha “deliberatamente causato” la pandemia di coronavirus.

Difendendo Pechino, Patrushev ha risposto: “Vi suggerisco di guardare come sempre più laboratori biologici sotto il controllo degli Stati Uniti stanno crescendo considerevolmente nel mondo e, per una strana coincidenza, principalmente vicino ai confini russo e cinese”.

Il governo russo e i loro partner cinesi hanno domande, secondo Patrushev, che ha aggiunto che gli è stato detto che ci sono stazioni sanitarie ed epidemiologiche pacifiche vicino ai loro confini, “ma per qualche motivo, ricordano più Fort Detrick nel Maryland, dove gli americani hanno lavorato nel campo della biologia militare per decenni.”

Nikolai Patrushev

Quando gli è stato chiesto direttamente se credeva che gli americani stessero sviluppando armi biologiche lì, Patrushev ha detto: “Abbiamo buone ragioni per credere che questo sia esattamente il caso”.

Accuse respinte

Le accuse di Patrushev sono state respinte come “infondate” da un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti che ha sostenuto che era “l’ultima di una lunga serie di accuse sulla collaborazione degli Stati Uniti con partner stranieri su questioni di salute pubblica.

Relazioni russo-americane

Tuttavia, i biolab non sono l’estensione dei problemi che la Russia ha con gli Stati Uniti e l’Occidente. Le relazioni tra le due superpotenze non sono state buone per anni, e solo due anni fa Joe Biden ha detto che il presidente Putin era un “assassino” in un’intervista pre-registrata su ABC News.

L’intervista seguiva una valutazione dell’intelligence che concludeva erroneamente che la Russia aveva cercato di interferire nelle elezioni americane su ordine di Putin. Biden ha minacciato che Mosca avrebbe “pagato per l’ingerenza” nelle elezioni presidenziali del 2020.

Inoltre, gli Stati Uniti avevano già imposto sanzioni alla Russia dopo l’avvelenamento dell’oppositore Alexei Navalny, che è stato arrestato al suo ritorno a Mosca e poi imprigionato.

La dichiarazione, che ha fatto crollare il rublo e il mercato azionario russo in relazione alla minaccia di nuove sanzioni, è stata preceduta dalla pubblicazione di un rapporto dell’intelligence statunitense che accusa la Federazione Russa di cercare di aiutare Donald Trump a vincere le elezioni del 2020 screditando Joe Biden.

Ma un ex assistente di Putin, Vyacheslav Volodin, che è speaker del parlamento russo, la Duma, ha descritto i commenti di Biden come “inaccettabili” e ha detto che “offendono i cittadini della Russia che hanno fatto una scelta e sostengono il loro presidente”.

Patrushev ha creduto che il commento potrebbe essere stato deliberatamente provocato da circoli interessati ad aumentare le tensioni nella relazione bilaterale Russia-USA.

Gli Stati Uniti incapaci di lasciarsi alle spalle la guerra fredda

Paragonando l’osservazione al discorso di Fulton dell’ex primo ministro britannico Winston Churchill nel marzo 1946 “in cui dichiarò il nostro paese… un nemico” e “Questo segnò l’inizio della guerra fredda”, Patrushev ha detto, aggiungendo che “non vorremmo davvero alcun aumento delle ostilità”.

Nonostante le differenze, il governo degli Stati Uniti è riuscito ad avere rapporti di lavoro con i precedenti leader di Mosca, anche con Joseph Stalin, ma ora sembrano incapaci.

Nonostante sia una potenza unipolare dal 1989 e dalla fine della guerra fredda, gli Stati Uniti hanno trattato la Russia come una potenziale minaccia e hanno ignorato la sua protesta sull’espansione della NATOs e le sue obiezioni.

Sono “incapaci di lasciarsi la guerra fredda alle spalle” secondo lo scienziato politico John Mearsheimer

NATO – Non un pollice verso est

Il 9 febbraio 1990 è stata una data storica importante per quanto riguarda le relazioni NATO-Russia, come quando il Segretario di Stato americano James Baker doveva assicurare al leader sovietico Mikhail Gorbaciov, durante i colloqui dell’era glasnost sull’unificazione tedesca, che il blocco militare occidentale non sarebbe avanzato “un pollice verso est” verso i confini della Russia.

È stata una promessa vuota, dato che l’adesione alla NATO si è ampliata dai tempi della guerra fredda a 30 stati membri.

Nel 2004, gli stati ex sovietici di Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia sono entrati nella NATO al vertice di Istanbul del 2004; Albania e Croazia sono diventati membri nel 2009, mentre la Macedonia del Nord si è unita nel 2020.

Già il blocco militare occidentale si affaccia sul confine nord-occidentale della Russia negli Stati baltici di Lettonia ed Estonia. Ma ora con l’Ucraina politica che cerca attivamente l’adesione alla NATO, un ultimatum è stato fatto da Mosca

La questione della NATO – Perché l’Ucraina è colpa dell’Occidente?

Quindi, la radice della crisi ora è la promessa non mantenuta e i presunti piani della NATO di espandersi verso est, fuori dall’orbita di Mosca, e integrarla a ovest, minacciando la sicurezza della Russia. Questo non è un problema nuovo.

La Russia ha tollerato una sostanziale espansione della NATO, compresa l’adesione della Polonia e dei paesi baltici. Ma quando la NATO ha annunciato nel 2008 che la Georgia e l’Ucraina “diventeranno membri della NATO”, la Russia ha tracciato una linea nella sabbia.

La Georgia e l’Ucraina non sono solo stati nelle vicinanze della Russia; sono alle sue porte.

Secondo Jon Mearsheimer, la risposta energica della Russia nella sua guerra dell’agosto 2008 con la Georgia è stata guidata in gran parte dal desiderio di Mosca di impedire alla Georgia di entrare nella NATO e integrarsi in Occidente.

Sempre nel novembre 2013, sembrava che il presidente dell’Ucraina, Victor Yanukovich avrebbe firmato un accordo con l’Unione europea che era stato progettato per approfondire l’integrazione dell’Ucraina con l’Occidente e ridurre notevolmente l’influenza di Mosca lì.

Putin ha offerto all’Ucraina un accordo migliore in risposta, che è stato accettato, una decisione che ha portato a proteste nell’Ucraina occidentale, dove c’è ostilità verso Mosca.

Un “errore fatale” è stato poi fatto dall’amministrazione Obama che ha sostenuto i manifestanti, aggravando la crisi e alla fine ha portato al rovesciamento del signor Yanukovych. Un governo filo-occidentale è poi subentrato a Kiev.

Putin, in quel momento, ha visto questi sviluppi come una minaccia diretta agli interessi strategici fondamentali della Russia.

(John Mearsheimer – Why is Ukraine The West’s Fault è una grande presentazione e vale la pena guardarla).

Accordo di pace di Minsk

Inoltre, anche se i rappresentanti della Russia, dell’Ucraina, dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e i leader delle regioni separatiste di Donetsk e Luhansk hanno firmato un accordo in 13 punti nel febbraio 2015, l’accordo non è mai stato attuato.

Secondo Al-jazeera, questo potrebbe essere perché Mosca potrebbe vedere Minsk come un modo per garantire la sua richiesta centrale di sicurezza – che all’Ucraina non è mai permesso di entrare nella NATO e sia la NATO che gli Stati Uniti non lo permetteranno.

I 13 punti dell’accordo erano:

1)Un cessate il fuoco immediato e completo nelle aree delle regioni di Donetsk e Luhansk, a partire rigorosamente dalla mezzanotte (ora di Kiev) del 15 febbraio 2015.

2) “Il ritiro di tutte le armi pesanti da entrambe le parti a distanze uguali, al fine di creare almeno una zona di sicurezza di 50 chilometri per i sistemi di artiglieria di grosso calibro, di 70 chilometri per i lanciarazzi Grad e di 140 chilometri per i lanciarazzi Tornado-S, Uragan e Smerch e i missili Tochka (Tochka-U)”. Per le truppe ucraine il ritiro sara’ “dalla linea di contatto effettivo” mentre per le unita’ militari delle regioni di Donetsk e Luhansk il ritiro sara’ “dalla linea di contatto in conformita’ con il memorandum di Minsk del 19 settembre 2014”. Il ritiro delle armi pesanti dovra’ iniziare al piu’ tardi il secondo giorno del cessate il fuoco e terminare entro 14 giorni. L’Osce contribuira’ a questo processo.

3)Monitoraggio e verifica efficace da parte dell’Osce del cessate il fuoco e del ritiro delle armi pesanti, con l’impiego di tutti i mezzi tecnici necessari, compresi i satelliti, i UAV e i sistemi radar.

4) “Il primo giorno dopo il ritiro, inizio di un dialogo sulle procedure per lo svolgimento di elezioni locali in conformita’ con la legge ucraina”.

5)Indulti e amnistie attraverso l’emanazione di una legge che vieti il perseguimento e la punizione delle persone per quanto riguarda gli eventi che hanno avuto luogo nelle aree delle regioni di Donetsk e Luhansk”.

6) “Garantire la liberazione e lo scambio di ostaggi e persone detenute illegalmente. Questo processo deve essere completato entro e non oltre il quinto giorno dopo il ritiro”.

7) “Fornitura di un sicuro accesso, consegna, stoccaggio e distribuzione di aiuti umanitari ai bisognosi sulla base di un meccanismo internazionale”.

8) “Determinazione della procedura per il pieno ripristino delle relazioni socio-economiche, comprese le operazioni di prestazioni sociali, come le pensioni. A tal fine, l’Ucraina deve recuperare il controllo del segmento del suo sistema bancario nelle zone colpite dal conflitto e per questo sara’ probabilmente creato un meccanismo internazionale per facilitare tali trasferimenti”.

9)Pieno controllo del confine di Stato dell’Ucraina da parte del governo di Kiev in tutta l’area del conflitto, che dovrebbe iniziare dal primo giorno dopo le elezioni locali ed essere completata dopo una soluzione politica globale entro la fine del 2015.

10) Il ritiro di tutte le forze armate straniere, attrezzature militari, così come dei mercenari presenti sul territorio dell’Ucraina, sotto la supervisione dell’Osce. Disarmo di tutti i gruppi illegali”.

11) “Riforma costituzionale, con la nuova Costituzione che dovrà entrare in vigore entro la fine del 2015, che preveda il decentramento quale elemento chiave (tenendo conto delle caratteristiche delle singole aree delle regioni di Donetsk e Luhansk, concordato con i rappresentanti di queste aree), cosi’ come l’adozione della legislazione permanente sullo status speciale di singole aree delle regioni di Donetsk e Luhansk”.

12) “Sulla base della legge ucraina, le questioni relative alle elezioni locali saranno discusse e concordate con le singole aree delle regioni di Donetsk e Luhansk. Le elezioni si terranno nel rispetto delle pertinenti norme dell’Osce con il monitoraggio da parte dell’Odihr (Office for Democratic Institutions and Human Rights)”.

13) “Intensificazione delle attività del gruppo di contatto Trilaterale, anche attraverso la costituzione di gruppi di lavoro per attuare gli aspetti rilevanti dell’accordo Minsk”.

La dottrina Monroe

“Ci si potrebbe aspettare che i politici americani capiscano le preoccupazioni della Russia sull’adesione dell’Ucraina a un’alleanza ostile, sosteneva John Mearsheimer, già nel 2014, che aggiungeva “Dopo tutto, gli Stati Uniti sono profondamente impegnati nella Dottrina Monroe, che avverte le altre grandi potenze di stare fuori dall’emisfero occidentale. Ma pochi politici americani sono capaci di mettersi nei panni del signor Putin”.

Questo è il motivo per cui sono rimasti così sorpresi quando ha spostato ulteriori truppe in Crimea, ha minacciato di invadere l’Ucraina orientale e ha reso chiaro che Mosca avrebbe usato la sua considerevole leva economica per minare qualsiasi regime a Kiev che fosse ostile alla Russia.

Le grandi potenze sono acutamente sensibili alle minacce specialmente vicino ai loro confini e a volte agiscono spietatamente per affrontare potenziali pericoli.

Gli Stati Uniti stanno parcheggiando missili “sul portico di casa nostra”

Il 23 dicembre 2021, Vladimir Putin ha detto a Sky News che gli Stati Uniti e la NATO si stanno espandendo ai confini della Russia. “Parlando di garanzie di sicurezza […], le nostre azioni non dipenderanno dai negoziati, dipenderanno dal rispetto incondizionato della sicurezza russa oggi e nel contesto storico e in questo senso, lo abbiamo detto chiaramente, ogni ulteriore movimento della NATO verso est è inaccettabile.”

Ha continuato che “non c’è niente di poco chiaro su questo, non stiamo schierando i nostri missili ai confini degli Stati Uniti, NO, d’altra parte, gli Stati Uniti stanno schierando i loro missili vicino a casa nostra, lì sulla veranda di casa nostra.

Quindi stiamo chiedendo qualcosa di eccessivo, stiamo semplicemente chiedendo loro di non schierare i loro sistemi di attacco a casa nostra? “Cosa c’è di così insolito o particolare in questo?” No, niente di niente.

A coloro che dicono che la Nato ha il diritto di invitare qualsiasi stato ad unirsi, Putin sostiene che la politica della “porta aperta” è condizionata da un secondo principio, che gli stati della Nato hanno accettato: cioè che il miglioramento della sicurezza di uno stato non deve andare a scapito della sicurezza di altri stati (come la Russia).

Ovviamente, il suddetto resoconto della crisi attuale è lungi dall’essere completo. Le questioni sono molto più complesse di quanto io possa coprire qui, e come Putin ha sostenuto le questioni sono anche storiche, ma vale la pena ricordare che l’Ucraina è una terra di confine dove l’Est incontra l’Ovest, una zona cuscinetto tra Europa e Russia.

È stata la via per le potenze occidentali quando hanno tentato di conquistare l’est, per esempio nella prima e nella seconda guerra mondiale, e il popolo ucraino è stato quello che ha sofferto.
Ucraina

Le complesse questioni possono essere viste qui nel documentario molto informativo del regista Oliver Stone, che consiglio sicuramente a chiunque voglia avere una maggiore comprensione della storia dell’Ucraina e quindi una migliore comprensione di questa crisi. postato qui sotto


Quindi, possiamo capire la posizione di Putin nel proteggere la sicurezza della Russia.

Dovremmo capire che la Russia è stata: Sanzionata ,Sono stati fatti tentativi di distruggere la sua economia Tentativi di destabilizzare il suo governo. Gli Stati Uniti hanno sostenuto, addestrato e armato milizie para-militari neo-naziste di estrema destra in Ucraina Le precedenti promesse della NATO sono state violate per molti anni minacciando gli interessi di sicurezza nazionale della Russia.

Anche questi sono atti di guerra le sanzioni e le punizioni collettive sono violazioni del diritto internazionale.

Giocare da entrambe le parti

Putin è stato invitato a fare un discorso speciale a Davos nel gennaio 2021, Klaus Schwab ha invitato Putin a Davos e gli ha chiesto di spiegare i suoi pensieri su una maggiore cooperazione con i leader del WEF.

Putin ha detto: “È chiaro che l’era associata ai tentativi di costruire un ordine mondiale centralizzato è finita”

Ma, possiamo essere sicuri che non sia coinvolto nel Grande Reset del WEF?

È importante ricordare a questo punto che quasi tutte le guerre, certamente nel secolo scorso, sono state create o architettate per permettere ai leader delle nazioni opposte di raggiungere segretamente i loro obiettivi ideologici.

Per fare un esempio, il professor Antony Sutton nel 1987 rivelò durante un’intervista che Wall Street, gli Stati Uniti e le potenze europee aiutarono i bolscevichi a prendere e consolidare il potere.

Alla domanda dell’intervistatore: “Questi promotori del potere all’epoca immaginavano davvero un governo mondiale unico che sarebbe stato socialista? Il professor Sutton ha risposto: “Sì”. (fonte).

Inoltre, è tipico anche giocare da entrambe le parti, e Sutton ha rivelato che l’Occidente ha giocato un ruolo importante nello sviluppo dell’Unione Sovietica fin dai suoi inizi.

Ha dichiarato che la base tecnologica e manifatturiera dell’Unione Sovietica, che era poi impegnata a rifornire i Viet Cong, è stata costruita da società statunitensi e in gran parte finanziata dai contribuenti americani.

Attraverso la distruzione e il caos lasciati nel dopo guerra, si tende anche alla creazione di nuove organizzazioni globali. permettendo l’accettazione pubblica di un livello di controllo che non esisteva prima. fonte

Organizzazioni come le Nazioni Unite (ONU), l’Unione Europea (UE) e persino l’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) sono state lanciate durante la ripresa della guerra. Queste sono organizzazioni dedicate sia al globalismo che alla civiltà pianificata, proprio come il WEF si professa.

Putin è stato spinto nella situazione in cui si trova ora, per anni dai leader occidentali che non permetteranno al leader della Russia la capacità di proteggere la sicurezza del suo paese.

Non possono lasciarsi alle spalle la guerra fredda.

Senza dubbio la guerra sarà usata a loro vantaggio, gli orchestratori della quarta rivoluzione industriale vedranno la “finestra dell’opportunità”, sicuramente non lasceranno che una “buona crisi vada sprecata?”

Cos’altro possono attribuire alla Russia ora che Putin è di nuovo, a torto o a ragione, salutato come il cattivo?

Non cadete nella trappola.

Fonte: dailyexpose.uk

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code