toba60

La Transizione della Terra Nell’Era dell’Acquario Secondo Carl G. Jung e un Libero Massone di 33° Grado

Se qualcuno pensa che il corso della nostra esistenza non sia un tutto uno con l’universo, è perché vive dentro un sogno che non sa ancora lo riguarda in prima persona.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

La transizione della Terra nell’era dell’Acquario secondo Carl G. Jung e un Libero Muratore di 33° grado

L’astrologia è un’arte e una scienza antica che risale a migliaia di anni fa. È presente in molte culture, ma come per la maggior parte della saggezza antica, gran parte di essa era ed è stata nascosta e proibita al pubblico.

Anche le società segrete, sia quelle il cui cuore è fondato sulla buona volontà di tutta l’umanità, sia quelle guidate dall’avidità e dal guadagno personale, hanno utilizzato questo tipo di antica conoscenza. Da Atlantide all’antica Sumer, dall’astrologia vedica all’antica Grecia, Roma ed Egitto, molte grandi menti nel corso dei secoli hanno praticato l’astrologia, e per una buona ragione. Nonostante i molti scettici, l’astrologia ha molto da offrire.

È inoltre importante ricordare che molti dei padri fondatori della scienza moderna, soprattutto nei campi della matematica e della fisica/quantistica, erano tutti mistici spirituali.

“Il giorno in cui la scienza inizierà a studiare i fenomeni non fisici, farà più progressi in un solo decennio che in tutti i secoli precedenti della sua esistenza”

Nikola Tesla

Una nuova era, astrologicamente parlando, per l’uomo è iniziata all’alba del cristianesimo. Prima di allora c’erano le società segrete, concetti come la Pietra Filosofale e altri concetti “magici”, tra cui l’uso della magia e della stregoneria. Con l’avvento del cristianesimo, il concetto di Dio ha preso il loro posto, ma più di recente, i concetti che venivano utilizzati e praticati prima dell’inizio della religione moderna stanno emergendo di nuovo, il che è interessante perché siamo alla fine di un’epoca e alla transizione verso una nuova. Gli esperti non sono tutti d’accordo su dove ci troviamo esattamente, ma la maggior parte sembra concordare sul fatto che ci troviamo in un periodo di transizione molto importante.

Nell’astrologia occidentale, stiamo passando dall’Era dei Pesci all’Era dell’Acquario. Nell’antica astrologia vedica, siamo all’inizio della fine di un ciclo di 300 (attualmente viviamo nel periodo di transizione alla fine dell’Era Kaliyuga).

La dottrina vedica ci dice anche ciò che fanno le filosofie astrologiche occidentali e si correla con i cicli descritti anche dall’antica saggezza dei nativi americani.

Ci dicono che stiamo vivendo in un’epoca di tenebre, descritta anche nel Mahabharata, un’epoca in cui le capacità mentali raggiungono il punto più basso e la virtù morale viene eliminata dalla Terra. Come scrive il ricercatore indipendente Bibhu Dev Misra, quando l'”anima del mondo” è piena di oscurità e corruzione e rimane solo una piccola frazione di virtù, essa “si riduce lentamente a zero alla fine del Kali Yuga. Gli uomini si danno alla malvagità; dominano le malattie, il letargo, la rabbia, le calamità naturali, l’angoscia e la paura della scarsità. Penitenza, sacrifici e osservanze religiose cadono in disuso. Tutte le creature degenerano. Il cambiamento passa su tutte le cose, senza eccezioni”.

Queste descrizioni riflettono accuratamente la progressione della nostra società. Nel corso della storia moderna, quest’epoca passata, che è durata circa 2.100 anni, sta volgendo al termine, una conclusione segnata da un periodo in cui le tensioni globali non sono mai state così alte. Durante quest’epoca, l’umanità ha effettivamente sperimentato il massimo dell’oscurità e sembra che quanto più antica sia una civiltà, tanto più avanzata spiritualmente (e tecnologicamente) possa essere stata – interessante anche perché, dopo la fine di quest’epoca, torneremo all’inizio, un’epoca che non si vedeva dai tempi della grande conoscenza e comprensione delle scienze spirituali, del misticismo, della coscienza e del non-materialismo in generale.

Tutto questo sembra far parte del massiccio spostamento della coscienza collettiva in atto oggi.

Spiegazione di Carl Jung (dal video qui sotto)

Coscienza umana e spazio Potete ascoltare l’audio integrale qui sopra. Hall approfondisce molti argomenti diversi e fornisce le proprie idee sul fenomeno.

Il dottor Jung scrive:

“Come sappiamo dalla storia dell’Antico Egitto, questi eventi sono sintomi di cambiamenti psichici che appaiono sempre alla fine di un mese platonico e all’inizio di un altro. Si tratta, a quanto pare, di cambiamenti nella costellazione del dominio psichico, degli archetipi o degli dei, come venivano chiamati un tempo, che provocano o accompagnano trasformazioni di lunga durata della psiche collettiva.

Questa trasformazione è iniziata all’interno della tradizione storica e ha lasciato tracce dietro di sé. Dapprima nel passaggio dall’era del Toro a quella dell’Ariete, e poi dall’Ariete ai Pesci, il cui inizio coincide con l’ascesa del cristianesimo (di cui si è parlato sopra). Ora ci stiamo avvicinando al grande cambiamento, che ci si può aspettare, quando il punto di primavera entrerà in Acquario”.

La citazione interessante è tratta dal suo libro ”Dischi volanti: un mito moderno delle cose viste nel cielo.” È difficile trovare una versione non tradotta del libro scritto da Jung nel 1958, per questo è così importante la registrazione che segue, fatta da Manly P. Hall, che aveva una relazione con Jung, riconosciuto come una delle più grandi menti del suo tempo erano anche appassionati del lavoro dell’altro.

Hall è stato riconosciuto come uno dei maggiori studiosi al mondo nei campi della religione, della mitologia, del misticismo e dell’occulto. Molte grandi menti sono state attratte dal suo lavoro, compreso il defunto Carl Jung che, quando scrisse Psicologia e Alchimia, prese in prestito materiale dalla collezione privata di Hall.

Uno dei suoi libri più conosciuti è una grande risorsa di informazioni, The Secret Teachings of All Ages: An Encyclopedic Outline of Masonic, Hermetic, Qabbalistic and Rosicrucian Symbolical Philosophy.

Jung, contrariamente a quanto si crede, è stato un grande ricercatore sul tema degli UFO, e nel periodo in cui ha pubblicato il suo libro ha anche accusato l’Aeronautica Militare di aver insabbiato le informazioni sull’argomento.

Hall spiega la citazione di Jung sopra riportata:

“Jung ci sta dicendo che l’anno platonico è un problema di tempistica e che quello che chiamiamo il moto processionale degli equinozi fa sì che l’equinozio di primavera cambi ogni 2100 anni circa e che questi cambiamenti corrispondono ai mesi del grande anno platonico, che consiste in qualcosa di più di 25.000 anni.

Ci sta quindi dicendo che questi cambiamenti che si verificano nella natura, nel cosmo, nello spazio, sono dovuti a certe trasformazioni graduali degli archetipi e che questi archetipi significano che in natura questo orologio è attivo, e che questo orologio si muove continuamente, passando da una divisione ciclica a un’altra, potrebbe senza dubbio raccogliere un potente corpo di informazioni per dimostrare che in ognuno di questi periodi vitali, questi periodi in cui cambia il dominante generale del mondo, c’è stato un segno, un importante cambiamento psicologico sociale nella vita degli individui”.

Egli (Hall) prosegue affermando che:

“La vita dell’individuo è in relazione con la vita della collettività, che questo fenomeno, dei dischi volanti, dovrebbe sorgere quando l’equinozio di primavera si sposta verso il punto acquariano, e che questo di conseguenza implica, come per gli Egizi, i Greci e i Romani, e anche per molti popoli asiatici, un importante movimento della coscienza mondiale, della pressione mondiale, e che questo movimento è da un segno d’acqua, ad un segno d’aria… E che quindi il mistero atmosferico, il mistero dell’aria, e ciò che si nasconde nell’aria, deve diventare sempre più psicologicamente dominante per un periodo di oltre 2000 anni a venire. “

Potete ascoltare l’audio integrale qui. Hall approfondisce molti argomenti diversi e fornisce le proprie idee sul fenomeno.

Coscienza umana e spazio

La letteratura scientifica è chiara sul fatto che diversi ritmi fisiologici e comportamenti collettivi globali non solo sono sincronizzati con l’attività solare e geomagnetica, ma anche che le interruzioni di questi campi possono creare effetti negativi sulla salute e sul comportamento umano. Per saperne di più, potete leggere qui un articolo che riporta i dati scientifici alla base di questo fenomeno. Il punto è che a livello biologico sappiamo che tutta la vita sulla Terra è legata in qualche modo ai cicli solari, lunari e forse anche ad altri cicli.

Ci sono anche molte prove che la coscienza umana, che gioca un ruolo così importante nella fisica quantistica e in altre aree della scienza non materiale, è direttamente collegata all’astrologia in modi molto particolari.

“Non era possibile formulare le leggi della meccanica quantistica in modo pienamente coerente senza fare riferimento alla coscienza”. – Max Planck

Per esempio, in Evoluzione Collettiva III: Lo Spostamento, abbiamo documentato come le eruzioni solari non solo abbiano la capacità di produrre un bellissimo spettacolo di luci per gli spettatori sulla Terra, ma coincidano anche con i principali eventi mondiali e abbiano un potente effetto sulla coscienza umana.

La grande attività solare è stata direttamente correlata a grandi eventi nel corso della storia umana, è piuttosto interessante e non c’è dubbio che gli antichi abbiano visto queste correlazioni e siano stati in grado di prevedere facilmente i periodi della storia umana in cui stavano accadendo molte cose.

Il recente aumento dell’interesse e della validità di massa dell’argomento UFO coincide, come molte altre cose (non solo gli UFO), con un massiccio cambiamento nella coscienza umana.

Arjun Walia

Fonte: collective-evolution.com

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code