toba60

Vernon Coleman Spiega La Vera Causa del Cancro e La Soluzione

Views: 599

Il cancro sta diventando più comune e l’industria del cancro non troverà mai una cura

La storia è piena di esempi di pensatori originali che sono stati disprezzati, derisi, rovinati e imprigionati per aver osato essere creativi e originali e (il crimine più atroce di tutti) per avere la temerarietà di minacciare lo status e l’autorità dell’establishment.

Socrate fu condannato a morte per essere troppo curioso. Dante fu condannato a essere bruciato sul rogo. Le opere di Confucio furono ancora bandite in Cina a duemila e mezzo di anni dalla sua morte. Spinoza fu denunciato per essere indipendente e ogni scolaretto conosce le battaglie di Galileo con la Chiesa. Paracelso ebbe la maggiore influenza sul pensiero medico dai tempi di Ippocrate, ma l’establishment lo considerava un piantagrane e lo perseguitava in tutta Europa. (È ancora considerato con notevole timore e disgusto dall’establishment medico che, nel complesso, preferisce non riconoscere la sua esistenza o la sua importanza).

Semmelweiss, l’ostetrico austriaco fu ostracizzato dalla professione medica per aver osato criticare le sporche pratiche mediche. Thoreau fu incarcerato per essere rimasto fedele ai suoi ideali. Wilbur e Orville Wright furono liquidati come truffatori da Scientific American, dall’esercito americano e dalla maggior parte degli scienziati americani. Quando Wilhelm Rontgen scoprì i raggi X, il suo risultato fu descritto come una bufala elaborata da uno dei più eminenti scienziati britannici.




    



La relazione tra una dieta povera di vitamina C e lo sviluppo dello scorbuto fu descritta per la prima volta nel 1636 da John Woodall. James Lind reintrodusse l’idea nel 1747, ma fu solo nel 1795 che l’Ammiragliato britannico decretò che il succo di limone doveva essere parte della dieta di ogni marinaio. Solo Dio può forse sapere quanti marinai sono morti a causa di questo spaventoso esempio di pregiudizio cooperativo.

Gli inventori della potenza delle turbine, il telegrafo elettrico, il serbatoio, la luce elettrica, la televisione e i viaggi nello spazio furono tutti derisi o ignorati dall’establishment scientifico. I libri di William Reich furono bruciati dai nazisti negli anni ’30 e dal governo americano negli anni ’50. (La Federal Food and Drug Administration stava ancora bruciando i suoi libri nel 1960).

Più di recente il dott. Dean Ornish, che era responsabile dell’elaborazione di un programma di trattamento sicuro ed efficace per le malattie cardiache che dipende dalla dieta, dall’esercizio fisico e dal rilassamento, è stato negato i fondi dal governo americano e dall’American Heart Association. Il dottor Ornish è stato citato come gli è stato detto che le droghe sono essenziali perché è impossibile convincere le persone a cambiare le loro abitudini di assunzione di droghe.

Lo stabilimento si oppone al pensiero originale

L’ironia della scienza (che è apparentemente una ricerca di nuove verità) è che la maggior parte dei membri di qualsiasi istituzione scientifica sembrano dediti all’opposizione al progresso reale e alla soppressione del pensiero originale.

Si possono attaccare le teorie politiche o economiche con una certa libertà e c’è spazio per l’originalità nella maggior parte delle aree del pensiero intellettuale, tranne la scienza; l’unica area che si potrebbe supporre dipenderebbe quasi esclusivamente dal pensiero originale.

È probabile che qualsiasi scienziato con un’idea nuova e originale sia considerato una manovella pericolosa piuttosto che uno scienziato originale le cui idee meritano una valutazione.




    



Quando di recente ho detto alla radio che pensavo fosse vitale mantenere una mente aperta, un altro membro dello stesso programma ha commentato che a suo avviso: “Le menti aperte sono menti vuote”. Questo punto di vista gravemente pregiudicato è abbastanza comune tra molti degli scienziati più conosciuti al mondo e aiuta a spiegare perché la stragrande maggioranza delle idee nuove e originali è stata scartata e i loro autori hanno ghignato e liquidato come manovelle e pazzi.

Repressivo e prevenuto

Il ramo più repressivo, più pregiudicato e più oscenamente intollerante dell’industria medica internazionale è senza dubbio quella parte di esso che sostiene di occuparsi del cancro.

La ragione di ciò è semplice: le strutture mediche e scientifiche sono in gran parte composte da uomini e donne il cui pensiero originale (se mai ne hanno fatto) è molto indietro.

I membri dello stabilimento si impegnano a sostenere teorie consolidate in parte perché non hanno l’ampiezza dell’intelligenza per far fronte a qualcosa di nuovo, e in parte perché la gelosia personale e professionale li rende riluttanti a riconoscere qualsiasi idea autenticamente nuova e creativa che potrebbe tradursi in non scienziati della fondazione che acquisiscono rispetto e onore pubblici.

Questo paradigma delle piccole città è reso ancora più repressivo dal fatto che l’industria del cancro è ora così enorme che richiede enormi quantità di denaro semplicemente per rimanere in vita.

Poiché buona parte di quel denaro proviene dall’industria farmaceutica (che non è, sorprendentemente, interessata solo alle soluzioni farmacologiche), gli scopi, i metodi e i motivi dell’industria del cancro sono praticamente indistinguibili dagli obiettivi, dai metodi e dai motivi dell’industria farmaceutica.

Il ramo meno efficace della medicina

Oltre ad essere il più intollerante, la moderna industria del cancro deve sicuramente essere la branca della scienza medica meno efficace che sia mai esistita.

(Dal mio punto di vista è probabilmente anche il più corrotto e egoista. Se l’industria del cancro avesse mai accidentalmente attaccato una cura per il cancro, onestamente dubito che qualcuno ne avrebbe sentito parlare. Trovare e pubblicizzare una cura per il cancro metterebbe presto l’industria del cancro dipendenti fuori dal mercato.)

Nonostante la spesa di miliardi di dollari per la ricerca, l’industria del cancro non è riuscita a trovare risposte in modo costante e affidabile.

In effetti, come è stato ben documentato, l’incidenza del cancro è in costante aumento da decenni. L’industria del cancro fa una buona dose di rumore riguardo al fatto che ci sono stati dei progressi nel trattamento di forme rare di cancro nei bambini, ma il tasso di mortalità generale per cancro aumenta e aumenta. La chemioterapia non funziona e non ha mai funzionato per i tumori che uccidono nove pazienti su dieci. Molti pazienti sottoposti a chemioterapia e classificati come “curati” continuano a sviluppare un altro tumore in breve tempo. L’establishment del cancro ha insistito per attenersi alla radioterapia e alla chemioterapia, nonostante il fatto che ora ci siano così tante prove che questi approcci non funzionano che i pazienti normali che non hanno idea che ci siano alternative li stanno rifiutando; preferendo morire in silenzio e in pace piuttosto che morire a causa di un programma di trattamento doloroso e inutile.




    



Le uniche persone che beneficiano della moderna industria del cancro sono i medici, le compagnie farmaceutiche e le persone che producono apparecchiature per radioterapia.

L’industria farmaceutica ha un tale controllo sulle organizzazioni benefiche per il cancro (perché fornisce loro denaro) che queste organizzazioni benefiche sono interessate solo alla ricerca che probabilmente scoprirà cure basate sulla droga. (Come può un’azienda farmaceutica fare soldi con un programma di trattamento che prevede la meditazione o un cambiamento nella dieta?)

Eppure, in tutto il mondo, la moderna industria del cancro – che rifiuta fermamente di riconoscere il fatto che l’80% dei tumori può essere prevenuto o di indagare sulle molte nuove terapie alternative – è protetta dalla legge.

Nella maggior parte dei paesi occidentali è attualmente illegale offrire un trattamento per il cancro che potrebbe funzionare.

Anche i medici qualificati possono solo prescrivere la chemioterapia o la radioterapia o inviare i loro pazienti per un intervento chirurgico. Le autorità perseguitano incessantemente coloro che offrono terapie nuove e possibilmente efficaci e non tossiche (ignorando i desideri dei pazienti che desiderano provare quelle terapie) mentre condonano, pagano e proteggono con terapie legali che sono note per essere spesso tossiche e spesso inefficaci. È strano vedere il modo in cui i governi dicono ai loro cittadini che i vaccini sono tutti sicuri, che il manzo è sicuro da mangiare e che la chemioterapia è il trattamento di scelta per il cancro. Ho il sospetto che i governi avrebbero detto ai loro cittadini che colpire te stesso con un martello era sicuro se l’industria dei martelli avesse detto loro di dirlo. Sarebbe divertente se non fosse così tragico.




    



I medici che osano offrire ai pazienti nuove speranze e nuovi trattamenti vengono disprezzati, maltrattati, perseguitati, diffamati, costretti a nascondersi o minacciati di prigione. Potrei riempire VCHL con i nomi di medici onesti, ben intenzionati e premurosi, il cui lavoro con i malati di cancro ha conquistato loro molti seguaci tra i malati e i loro parenti, ma non gli è valso altro che problemi dalle autorità.

I problemi affrontati dai sostenitori dei rimedi non fatti dalle compagnie farmaceutiche sono stati ben documentati. Chiunque osi offrire un rimedio non ufficiale per il cancro è accusato di essere semplicemente fuori per fare soldi. Questa accusa (che è spesso facile da confutare nel caso di medici e altri che offrono terapie “alternative”), ovviamente, non è mai stata rivolta a medici o compagnie farmaceutiche, il cui lavoro è (come sono sicuro che accetti – ah ha) tutto fatto esclusivamente nell’interesse pubblico.

Perseguitato per aver tentato di curare

L’elenco dei medici che sono stati perseguitati per aver offerto trattamenti per il cancro non ortodossi (che invariabilmente sembrano funzionare molto meglio di qualsiasi cosa offerta dall’industria ufficiale del cancro) è lungo quanto l’elenco delle presunte “cure” per il cancro offerte o promesse dal cancro un’industria che ha dimostrato di non avere alcun valore o che è stata tranquillamente dimenticata una volta che coloro che avevano fatto le promesse avevano acquisito le sovvenzioni che desideravano. In Gran Bretagna è illegale per chiunque affermare di avere una cura per il cancro che non è stata approvata dall’establishment medico e dall’industria farmaceutica. Innumerevoli pionieri del cancro – tra cui alcuni dei cervelli medici più brillanti del secolo – sono stati cacciati dall’America e costretti ad aprire cliniche altrove. Un avvocato distrettuale che ha arrestato l’operatore di successo della clinica per il cancro alternativa Harry Hoxsey più di cento volte in due anni ha cambiato posizione quando suo fratello – presumibilmente affetto da cancro terminale – è stato curato con successo in una clinica di Hoxsey. La FDA ha finalmente chiuso a chiave tutte e 17 le cliniche Hoxsey lo stesso giorno e gli è stato impedito di esercitarsi negli Stati Uniti. Il dottor Max Gerson, il brillante medico tedesco che si è trasferito negli Stati Uniti e ha ideato un trattamento del cancro a base di succo di frutta e verdura è stato respinto dall’industria americana del cancro. Le terapie Hoxsey e Gerson sono ora disponibili in Messico.




    



  • Il dottor Stanislaw Burzynski utilizza antineoplastoni non tossici per trattare il cancro al cervello, il linfoma non Hodgkins e molti tumori solidi comuni. Gli avvocati della FDA hanno speso decine di milioni di dollari nel tentativo di mettere in prigione il dott. Burzynski. La battaglia sul loro ultimo tentativo di incarcerarlo è durata 14 anni. Ironia della sorte, la FDA ha approvato 68 studi clinici condotti dall’istituto di ricerca del dott. Burzynski.
  • In Germania nel 1997 il dott. Ryke Geerd Hamer, un altro medico che aiutava i malati di cancro, fu mandato in prigione per 19 mesi.
  • In Italia il professor Luigi Di Bella usa una miscela di ormoni e vitamine per curare il cancro. Una donna che ha scelto di seguire il programma di trattamento del professor Di Bella ha descritto la chemioterapia (l’alternativa ufficiale) come “come usare uno strumento pesante da idraulico per riparare gioielli”.

Il governo italiano ha vietato i trattamenti offerti dal professor Di Bella. (Non ha, tuttavia, vietato la chemioterapia che si è dimostrata costosa, tossica e ampiamente inefficace.)

  • Il dott. Australiano Sam Chachoua ha ideato un nuovo e rivoluzionario trattamento del cancro chiamato terapia di remissione indotta. Avendo fallito per molti anni nel persuadere il mondo della medicina convenzionale a prenderlo sul serio, ha offerto $ 100.000 a “qualsiasi organizzazione medica rispettabile che testerà e pubblicherà i risultati dei suoi vaccini per cancro e AIDS.

Questa offerta non è stata accettata nonostante il fatto che quando sono stati testati 22 campioni del suo vaccino contro l’AIDS 20 di loro hanno mostrato un’efficacia del 99% nel neutralizzare l’HIV-1.

La dott.ssa Chachoua sottolinea che i dati sulla remissione spontanea del cancro (in cui le persone sembrano recuperare miracolosamente – risalendo dai loro letti di morte senza alcuna traccia apparente della malattia che sembrava sul punto di ucciderli) suggeriscono che poco prima di una persona con cancro ( o qualsiasi altra malattia terminale) ha una remissione spontanea che invariabilmente soffrono di una grave infezione di qualche tipo.




    



Questo è stato, secondo il dott. Chachoua, notato per la prima volta qualche centinaio di anni fa da un medico francese che notò che se le prostitute avevano la sifilide era molto improbabile che sviluppassero il cancro. Il francese ha effettivamente curato 20 pazienti affetti da cancro con sifilide e 14 dei 20 sono andati in remissione totale. (Dubito piuttosto che le autorità – che approvano felicemente la chemioterapia tossica – consentirebbero a chiunque di eseguire tali esperimenti oggi.)

Allo stesso modo, mentre il cancro è raro nelle aree in cui è presente la malaria, liberarsi della malaria in un’area comporterà un aumento del tasso di cancro.

È stato anche riferito che le persone che hanno il cancro e che catturano la malaria hanno buone probabilità di andare in remissione. (I pazienti con AIDS a cui è stata iniettata la malaria sono migliorati e sono rimasti stabili a un livello migliorato.)

Politici e media sono controllati

Gli istituti medici e scientifici (in gran parte grazie al fatto di aver esaurito l’enorme e ricca industria farmaceutica internazionale) hanno ottenuto un controllo più o meno completo su politici e media.

Come ho menzionato in VCHL Vol 2 n. 12, le pubblicità del mio libro Food for Thouqht sono ancora vietate dall’autorità pubblicitaria degli standard pubblicitari britannici perché il libro contiene consigli su quale tipo di dieta mangiare per ridurre le possibilità di sviluppare il cancro.

I consigli nel libro non sono nemmeno controversi: elencherò semplicemente gli alimenti che sono noti per causare il cancro e gli alimenti che sono noti per fornire una certa protezione.

Perché ci siamo rifiutati di accettare il divieto dell’ASA (che, piuttosto stranamente, non accetterà documenti di ricerca scientifica o persino pubblicazioni governative in evidenza) ha avvertito i giornali di non accettare nessuna delle nostre pubblicità. L’ASA afferma di esistere per proteggere il pubblico, ma trovo difficile vedere come vietare un libro che contenga un riassunto di comprovati consigli clinici su come evitare il cancro possa eventualmente proteggere il pubblico. Mi sembra che, intenzionalmente o inconsapevolmente, l’ASA stia semplicemente proteggendo l’istituzione del cancro. Trovo difficile evitare l’osservazione che l’industria del cancro troverebbe senza dubbio molto più difficile raccogliere fondi se l’incidenza del cancro venisse ridotta.

Perché la guerra contro il cancro continuerà a fallire: un paradigma difettoso

La guerra contro il cancro continuerà a fallire. I tumori evitabili continueranno a diventare sempre più comuni e lo stabilimento continuerà a garantire che solo i presunti trattamenti tossici (ma altamente redditizi) del cancro autorizzati dall’industria farmaceutica saranno autorizzati dai governi.

L’industria del cancro non troverà la potente cura dei proiettili magici per la quale cerca ormai da decenni.




    



Fallirà perché è legato a un paradigma interventista che dipende dal trattare il corpo come un campo di battaglia e la malattia come un nemico.

Il paradigma interventista è modellato sul modo in cui la medicina veniva praticata all’inizio del ventesimo secolo quando le malattie che preoccupavano maggiormente i medici erano quelle causate da infezioni (tubercolosi, vaiolo, influenza, polmonite, sifilide, colera, febbre tifoide e così via sopra)

L’incidenza di queste malattie è stata in una certa misura controllata alla fine del XIX secolo e all’inizio del XX secolo e, di conseguenza, la professione medica nel suo insieme ha commesso due errori cruciali e fondamentali.

Due grandi errori

Il primo errore fu una retrospettiva: si supponeva che la riduzione del tasso di mortalità per queste malattie fosse il risultato di cose che i medici avevano fatto.

Questo era abbastanza sbagliato.

La riduzione dell’incidenza delle malattie infettive (e, soprattutto, la riduzione del numero di decessi per tali malattie) è stata il risultato di migliori forniture idriche, migliori strutture fognarie, migliori trasporti e cibo migliore. L’uomo che ha inventato l’armadio ha salvato molte più vite di ogni mille membri dell’establishment medico. I tassi di mortalità per malattie infettive erano diminuiti molto prima dell’introduzione di vaccini e antibiotici.

Il secondo errore fondamentale era prospettico: ipotizzare che l’approccio interventista del “proiettile magico” che sembrava aver funzionato nella guerra contro le malattie infettive avrebbe consentito ai medici di affrontare tutte le altre malattie potenzialmente letali, incluso il cancro.

Questo è stato un errore piuttosto stupido da fare perché la maggior parte delle malattie killer moderne si sviluppa in modo molto diverso dalle malattie infettive.




    



Le persone hanno malattie cardiache perché mangiano troppo cibo sbagliato e non abbastanza cibo giusto e perché fanno troppo poco esercizio fisico. E le persone contraggono il cancro perché mangiano troppo cibo sbagliato e non abbastanza cibo giusto e perché i loro corpi diventano costantemente più contaminati da sostanze chimiche tossiche e cancerogene.

Avresti pensato, no, che alcuni dei membri più brillanti dell’establishment medico avrebbero potuto pensare che, dal momento che i moderni assassini sono chiaramente diversi dalle malattie infettive, potrebbe essere necessario elaborare un diverso tipo di approccio terapeutico?

È questo errore (senza dubbio incoraggiato e aggravato dall’affetto della professione medica per i soldi così generosamente distribuiti dall’industria farmaceutica) che ha portato i ricercatori (e i medici) a sperimentare farmaci sempre più tossici (chemioterapia) al fine di provare e “uccidere” il cancro.

La chemioterapia ha ripetutamente fallito

La chemioterapia ha ripetutamente fallito. La professione medica, l’industria farmaceutica e l’industria del cancro sono così disperate nel nascondere questo fatto che ora probabilmente lo considerano un successo se il tasso di sopravvivenza dei pazienti che fanno la chemioterapia corrisponde effettivamente al tasso di sopravvivenza dei pazienti che non fanno la chemioterapia.

I due problemi fondamentali con la chemioterapia sono:

1. Al fine di uccidere le cellule tumorali (che, dopotutto, sono semplicemente normali cellule umane che sono sfuggite al controllo) il farmaco deve essere così tossico da causare inevitabilmente un danno notevole ad altre cellule sane. Quando la chemioterapia viene somministrata per via orale (o per qualsiasi altra via generale), tutto il corpo può essere interessato – anche se il farmaco è mirato solo a un sito molto specifico nel corpo. Quando la chemioterapia non funziona (cosa che di solito fa) i medici spesso rispondono aumentando la dose o rendendo la chemioterapia ancora più tossica. Il risultato finale è che la chemioterapia potrebbe anche uccidere le cellule tumorali, ma probabilmente ucciderà anche il paziente. (In tal modo contribuendo a perpetuare il vecchio commento medico circa il successo del trattamento, ma il paziente sta morendo.)




    



2. Anche quando la chemioterapia (o la radioterapia) riesce apparentemente a “uccidere” un cancro (e ai medici piace darsi una buona possibilità a un buon tasso di cura sostenendo che qualsiasi paziente che sopravvive a cinque anni estremamente modesti è stato curato) lì è un rischio considerevole che il cancro si ripresenti. Quando ti fermi a pensarci, questo non è difficile da capire per la chemioterapia (o la radioterapia o la chirurgia per quella materia) non fa assolutamente nulla per alterare le circostanze che hanno portato allo sviluppo del cancro in primo luogo.

Il cancro si ripresenta? O il corpo è semplicemente vulnerabile ai tumori?

Quando un tumore si ripresenta non è necessariamente perché il chirurgo, il radioterapista o il medico che prescrive la chemioterapia non sono riusciti a uccidere tutte le cellule tumorali (questa è la scusa di solito data da chirurghi, radioterapisti e medici e poiché cerco di mantenere un mente concorderò felicemente che a volte possa essere vero) ma potrebbe essere perché nulla nel corpo è cambiato. Le circostanze che hanno portato allo sviluppo di un primo tumore possono altrettanto facilmente portare allo sviluppo di un secondo tumore.

È per questo motivo che si sente spesso parlare di individui estremamente sfortunati che hanno sviluppato due o addirittura tre tumori in organi separati.

Ecco un’osservazione interessante che scommetto che non vedrai intonacato in tutte le riviste mediche ufficiali: il dott. Sam Chachoua ha ricordato ai lettori nel numero di giugno / luglio 1998 della rivista Nexus che vent’anni fa, quando un gruppo di pazienti affetti da leucemia era stato curato spazzando via il loro midollo osseo e dando loro il midollo osseo da un donatore la leucemia è tornata in un certo numero di pazienti.

Ma – e questa è la parte affascinante – i controlli del DNA hanno mostrato che il nuovo, secondo attacco di leucemia, consisteva in cellule che erano appartenute al donatore sano. Il midollo osseo originale del paziente era stato rimosso e questa volta era stato il midollo osseo del donatore a trasformarsi in cellule di leucemia.

Da ciò emerge chiaramente che all’interno del corpo di quei pazienti doveva esserci qualcosa che stava trasformando le cellule sane in cellule cancerose.

La causa del cancro è nel paziente e il semplice tentativo di spazzare via le cellule tumorali non è sufficiente.

È perché l’industria del cancro o non riesce a capirlo (o non vuole crederci) che l’industria del cancro non riuscirà mai a sconfiggere il cancro.

Tutti quei miliardi di dollari che vengono investiti nella ricerca sul cancro vengono sprecati perché scienziati e dottori insistono nell’attaccare un nemico che non possono vedere.

Non è un caso che medici e ricercatori coinvolti nell’industria del cancro spesso si descrivano coinvolti in una guerra: è esattamente così che pianificano i loro programmi di trattamento.




    



Ma il vero problema per l’industria del cancro è che il vero nemico non è solo invisibile – semplicemente non esiste nello stesso modo in cui esistono il vaiolo, la tubercolosi o l’influenza. Il vero problema, il vero nemico che deve essere affrontato, non è un gruppo di cellule maligne ma un corpo indebolito e infiltrato da tossine. E poiché il cancro si sviluppa quando un corpo è malato e debole, mi sembra abbastanza ovvio che l’ultima cosa di cui il corpo ha bisogno quando è malato deve essere attaccato con sostanze chimiche tossiche. Prescrivere la chemioterapia tossica è come prescrivere un colpo di martello alla testa per un uomo con mal di testa La speranza principale è che il colpo alla testa causi così tanto dolore che non noterà il mal di testa originale.

(La vera ironia qui, come ho accennato in precedenza, è il fatto che le stesse enormi multinazionali che producono sostanze chimiche tossiche che causano il cancro vendono anche le sostanze chimiche tossiche che sono prescritte come una “cura”. Questo è l’ultimo denaro perpetuo in movimento macchina; esclusivamente self service.)

Meccanismi di autoguarigione trascurati

L’altro fatto cruciale che l’industria del cancro trascura è che i nostri corpi sono notevolmente in grado di prendersi cura di se stessi. Poche persone traggono vantaggio da questi meccanismi autorigeneranti e dalle capacità protettive perché siamo tutti incoraggiati a mettere la nostra salute e le nostre vite nelle mani dei cosiddetti esperti – professionisti che sono spesso addestrati a guardare il nostro corpo e le malattie che affliggono loro, con tutta l’ampiezza della visione di un uomo che guarda al microscopio.

Concepimento, arroganza e fanatismo

La grande tragedia della medicina ortodossa è che i medici sono sempre stati sospettosi di qualcosa di nuovo e spesso riluttanti ad ascoltare teorie e idee che contraddicono gli atteggiamenti tradizionali.

Da Paracelso a Lind a Semmelweiss, la storia medica è disseminata di dottori che hanno imparato a fondo che l’establishment medico non prende gentilmente le idee originali o i nuovi concetti che minacciano lo status quo.

Agli studenti di medicina viene insegnato che dovrebbero evitare di porre domande spiacevoli e i giovani medici che desiderano avere successo sanno che devono rimanere indiscutibilmente fedeli alle verità stabilite.

Qualsiasi medico che scuota la barca, fa onde o nuota contro la marea si troverà presto a barcollare in acque profonde e a lottare per sopravvivere! Per avere successo nella nostra società, un medico deve rispettare i pregiudizi dei suoi anziani, aderire al dogma dei suoi insegnanti e chiudere la mente a teorie che non si adattano alle dottrine mediche ortodosse.

La medicina moderna è, proprio come la medicina della magia nera del Medioevo, una disciplina non strutturata, non scientifica in cui incertezza, confusione e ignoranza sono troppo spesso mascherate da presunzione, arroganza e bigottismo.




    



In un momento in cui l’emivita delle informazioni mediche si sta riducendo e i limiti della medicina tradizionale interventista stanno diventando ogni giorno sempre più evidenti, questo comportamento di tipo struzzo è difficile da capire e impossibile da giustificare.

A meno che i medici non siano preparati a considerare l’imprevisto, l’improbabile e persino l’apparentemente impossibile, i pazienti devono considerare gli interventisti rigidamente ortodossi con un certo sospetto e cinismo.

Il potere curativo sottovalutato del corpo

La verità è che i nostri corpi hanno molto più potere di quanto non diamo loro credito.

Quindici anni fa ho scritto un libro chiamato Bodypower in cui ho osservato che i meccanismi di auto-guarigione del corpo sono così efficaci che in nove malattie su dieci il corpo affronterà qualsiasi disturbo stesso – senza alcun intervento esterno.

Se ti prendi cura del tuo corpo ridurrai drasticamente le possibilità di sviluppare malattie cardiache, cancro o qualsiasi altra minaccia alla tua sopravvivenza.

Inoltre, se ti ammali, puoi aiutarti a riprenderti sfruttando quei poteri interni di auto-guarigione e, se necessario, aiutando il tuo corpo-potere.

Quando una malattia minaccia la sopravvivenza stessa dell’organismo, allora il corpo deve essere incoraggiato a usare tutti i suoi poteri di guarigione interna per alterare le circostanze all’interno. Devi aumentare la spinta sul tuo bodypower.

Quando le circostanze cambiano, il cancro non cresce. Quando il corpo è più forte del cancro, il cancro, per usare il gergo aggressivo dell’industria del cancro, sarà sconfitto. E questa, sicuramente, è la chiave del successo nella sconfitta del cancro: non cercare di distruggere il cancro dall’esterno ma cercare di aiutare il corpo a sconfiggere il cancro dall’interno.

Una lezione vitale

Poco prima ho detto che uno degli errori fondamentali che i medici commettono è che ritengono di poter curare il cancro (e altre malattie potenzialmente letali) nello stesso modo in cui pensavano di poter curare le malattie infettive.

Affrontare il cancro come se fosse un agente esterno (come un virus o un batterio) semplicemente non funziona perché il cancro non è qualcosa che viene dall’esterno del corpo – è qualcosa che si sviluppa all’interno come risultato di un problema fondamentale all’interno del corpo umano (sebbene sia spesso innescato da tossine ambientali).

Ma c’è una lezione vitale da imparare dal modo in cui i nostri corpi rispondono alle malattie infettive.

Attivazione di una risposta di potenza

In precedenza in questo articolo ho spiegato come i medici avevano osservato che quando i malati di cancro si ammalano di una malattia infettiva hanno maggiori probabilità di entrare in remissione spontanea.

Ora, perché potrebbe essere?

Ho visto che ha sostenuto che la malattia infettiva in qualche modo consuma il cancro. Ma non penso che questo sia ciò che accade affatto.

Quello che credo accada è che i pazienti con cancro che sviluppano un’infezione migliorano perché i loro sistemi immunitari sono innescati in una risposta. L’infezione è facilmente riconosciuta come una minaccia immediata per il corpo (a differenza di un tumore che potrebbe non essere una minaccia così immediata e ovvia) e quindi il corpo reagisce nell’unico modo in cui sa – avvolgendo il sistema immunitario; il risultato è che l’effetto bodypower entra in funzione e il cancro viene sconfitto insieme all’infezione.

Terapie alternative: il fattore comune

Ora ci sono molte terapie alternative disponibili per il trattamento del cancro. Alcuni sono disponibili a buon mercato. Alcuni sono estremamente costosi. Alcuni sono semplici da seguire. Alcuni sono estremamente complessi.




    



Ma le due cose che le terapie anticancro di successo hanno in comune (e l’industria del cancro multimiliardaria o non l’hanno ancora capito oppure si rifiuta di agire su di essa) è che, indipendentemente dal fatto che siano progettate per farlo oppure no, le cosiddette terapie alternative che funzionano e che spesso hanno risultati straordinari e drammatici se applicate a pazienti affetti da cancro gravemente malato, tutte migliorano la salute e la vitalità del sistema immunitario e aiutano a eliminare le tossine chimiche dal corpo.

Le terapie antitumorali alternative che funzionano offrono diete ricche di frutta e verdura biologiche ricche di vitamine e con poche sostanze chimiche tossiche. Incoraggiano anche i pazienti ad imparare a rilassarsi e a trovare un po ‘di pace nelle loro vite. Non importa se la pace viene attraverso la meditazione, il rilassamento, la religione o l’amore e il conforto applicati dalle persone a cui teniamo.

Quelle sono le qualità stabili e sempre presenti delle efficaci cure anticancro che funzionano.

I clisteri di caffè, le iniezioni di ormoni e le oscure aggiunte di erbe possono, a mio avviso, essere poco più che pezzetti di messa a punto che potrebbero avere o meno un ulteriore effetto curativo superiore a quello che verrebbe offerto da un placebo. Ci sono alcune prove che suggeriscono che i rimedi a base di erbe contengono sostanze che hanno proprietà anticancro efficaci ma credo che sia il sistema immunitario la vera chiave per il trattamento del cancro.

(A questa riserva va aggiunta l’osservazione laterale che non vedo come alcuni di questi rimedi aggiuntivi possano davvero essere descritti come “naturali” Somministrare grandi quantità di vitamina per iniezione endovenosa difficilmente può essere descritto come “naturale” e i clisteri di caffè possono difficilmente può essere descritto come “naturale”).

Credo che il vero vantaggio di questi approcci alternativi al cancro derivi dalla spinta che il sistema immunitario ottiene dall’assenza di stress e dall’elevato contenuto di vitamine naturali nella dieta arricchita di frutta e verdura.

Conclusione

Credo che il cancro si sviluppi perché il corpo è un disastro. (Anche se il proprietario del corpo potrebbe non esserne consapevole. Molte persone che sono state sotto stress e sovraesposte alle tossine per lunghi periodi riescono a sopprimere e ignorare i segni fisici e mentali dell’angoscia. Non si sentono bene “ma non si sentono nemmeno” malati “- fino a quando, un giorno, non viene trovato un nodulo o appare un sintomo inconfondibile di cancro.)

A causa degli stress accumulati il ​​sistema immunitario non funziona correttamente e quindi le sostanze chimiche tossiche e altre sostanze irritanti che si sono accumulate nel corpo innescano lo sviluppo di un cancro. (Ci sono scienziati riflessivi – derisi dall’industria dell’AIDS – che sostengono che l’AIDS si sviluppa per ragioni simili).

Da dove provengono le tossine e le sostanze irritanti?

Esistono prove abbastanza convincenti che dimostrano che i cibi contaminati da tabacco e tossine sono di gran lunga le due principali cause di cancro. (Credo, perché mangiano più della loro giusta dose di cibo contaminato e hanno depositi di grasso ricchi di tossine che gli individui in sovrappeso sono più inclini al cancro). Altre possibili sostanze irritanti includono radiazioni, aria e acqua inquinate, alcol, droghe, tossine in prodotti chimici domestici e industriali e campi elettrici.




    



Se non vuoi avere il cancro – o hai il cancro e vuoi sbarazzartene – allora credo che la risposta sia chiara: devi ridurre l’assunzione e l’esposizione alle tossine e costruire il tuo sistema immunitario in modo che può lavorare di più per difendere il tuo corpo. Con un sistema immunitario che funziona bene, avrai meno probabilità di sviluppare il cancro. E se sviluppi il cancro, sono convinto che il tuo corpo sarà in grado di aumentare la spinta sulla sua forza di corpo se migliorerai l’efficienza del tuo sistema immunitario e ridurrai l’esposizione alle tossine. (Ho descritto come puoi supportare e rafforzare il tuo sistema immunitario in VCHL Vol 1 No e e VCHL Vol 2 No 2.)

L’importanza e la vulnerabilità del sistema immunitario non possono essere esagerate. Credo che sia perché sovraccaricano il loro corpo e danneggiano il loro sistema immunitario che i migliori atleti internazionali soffrono così tanto di malattia – e tendono a morire prima dei non atleti. Come ho già sottolineato, esiste un’enorme differenza tra fitness e buona salute.

Purtroppo, piuttosto dubito che l’establishment medico sosterrà mai questo approccio, che si basa sulle mie opinioni personali. È un approccio al cancro che offre poco o nulla in termini di profitto agli azionisti e ai dipendenti di grandi aziende internazionali.

Dovrei anche menzionare che il potere del sistema immunitario di guarire dipenderà, naturalmente, come qualsiasi altra parte del corpo dal potere della mente. L’uso di “potere mentale” insieme a “bodypower” costituisce una combinazione formidabile. Se un paziente crede che succederà qualcosa, ci sono molte più possibilità che ciò accada. (E, al contrario, se un paziente non crede – o crede che la malattia li sconfiggerà – allora le possibilità di successo sono davvero scarse.)

Per il prossimo futuro, la risposta ufficiale al cancro probabilmente rimarrà la stessa di adesso: esplodere il corpo con sostanze chimiche tossiche nella speranza che queste uccidano il tessuto canceroso.

Ironia della sorte, l’istituzione medica, impegnata a sostenere l’industria farmaceutica e l’industria del cancro, sembra improbabile o incapace di riconoscere che l’altro effetto di questo approccio è danneggiare il sistema immunitario, indebolire il corpo e rendere gli organi e i tessuti all’interno del corpo sono più vulnerabili non solo al cancro esistente ma anche allo sviluppo di nuovi tumori.

Dott. Vernon Coleman

Vernon Coleman MB ChB DSc ha praticato medicina per dieci anni. Ha scritto oltre 80 libri che sono stati tradotti in 22 lingue.




    



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart