toba60

L’agenda Orwelliana del Passaporto dei Vaccini e la Menzogna del “Contratto Sociale”

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E’ sempre bene mettere in chiaro una cosa, un conto sono le leggi e la giustizia ed un altra e’ la messa in pratica di questa, che diciamocelo senza tanta ipocrisia e onestà intellettuale, non c’è alcuna relazione.

Himmler e Adolf Hitler

Ai tempi del fascismo, del nazismo e dello stalinismo, le leggi fondamentali erano tutte dalla parte del popolo, ma non c’è stato verso di valersi di queste per evitare che 60 milioni di persone morissero durante il conflitto mondiale.

È patetico vedere avvocati valersi delle normative europee come se queste abbiano anche solo lontanamente una voce in capitolo.

Un potere dittatoriale come quello creatosi in questo momento in Italia e nel Mondo, fa leva sull’ingenuità della gente e consente di portare avanti un progetto che come vedete non ha avuto bisogno di sparare un solo colpo.

Ve lo immaginate un Ebreo Valersi di fronte ad Hitler su questioni umanitarie legate ai principi del rispetto e la salvaguardia dell’individuo?

Ecco, è quello che sta avvenendo oggi davanti ai nostri occhi, dire che Mario Draghi e’ un criminale economico e sociale lo sanno tutti, la storia ne e’ testimone e come lui tutta la nomenclatura italiana al governo che lo supporta, ed è la maggioranza, ma di fatto nessuno che si sia mai preso la briga di trattarlo come tale e ci si relazione a lui come se fosse Capo del Governo.

Essere coerenti con i principi che si sbandierano in piazza significa non riconoscere l’autorità che si sono attribuiti in virtù di quelle leggi che essi stessi hanno contravvenuto e comportarsi di conseguenza.

E’ privo di ogni logica scendere a compromessi nei confronti di chi questi li nega a priori e non ha alcun significato gridare libertà nei confronti di chi per principio non la concederà mai.

Il mondo della dittatura è cosa assai diversa dal sentire quotidiano fatto di norme e regole, fossero anche quelle del reciproco rispetto.

Una dittatura esige e desidera solo uno scontro diretto con chi non la pensa con il potere costituito e necessitano di un consenso che non e’ più elettorale, ma imposto con la forza, la coercizione e la propaganda.

Auschwitz

Cari No-Vaxx siete gli ebrei del presente, con la variante che la vostra identità’ non e’ più’ razziale ma ideologica, sancita da un nemico impalpabile, non fate lo stesso errore dei vostri predecessori che pensavano che tutto quello che avevano promesso le autorità erano assurde e inverosimili …….

In queste situazioni non e’ in gioco il vostro lavoro la vostra famiglia o la casa ma …….

la vostra vita.

Toba60

L’agenda Orwelliana

C’è una domanda fondamentale che deve essere posta quando si esamina la questione del passaporto dei vaccini, e quello che trovo è che quasi nessuno nel mainstream la sta affrontando direttamente.

La domanda è questa:

È legalmente e moralmente accettabile limitare i diritti e l’accesso economico delle persone per costringerle a sottoporsi a un “vaccino” sperimentale, o a qualsiasi altra procedura medica?

Inoltre, chi decide quali procedure mediche sono accettabili da applicare? Chi deve essere l’onnipotente e benevolo supervisore del percorso di salute di ogni essere umano? Chiedo questo perché non credo che molte persone si rendano conto delle ripercussioni future del permettere ai governi o alle corporazioni (la stessa cosa al giorno d’oggi) di dettare le vaccinazioni covide. Non si ferma qui; infatti, non abbiamo idea di dove si fermi una volta aperto il vaso di Pandora.

Per esempio, l’argomento principale del culto dei covidi e dell’establishment a favore dei passaporti dei vaccini è la fantasia del “contratto sociale”. Essi sostengono che poiché “viviamo in una società”, tutto ciò che facciamo influisce in qualche modo su tutti gli altri, e poiché siamo tutti interconnessi nel nostro “collettivo”, siamo quindi obbligati al collettivo. In altre parole, il collettivo ha il “diritto” di microgestire la vita dell’individuo perché se l’individuo è autorizzato a prendere le proprie decisioni potrebbe potenzialmente causare danni all’intero gruppo.

Nel caso in cui non abbiate familiarità con questa filosofia, è un’estensione del socialismo e del marxismo culturale, ed è al centro della propaganda dei passaporti vaccinali. In passato ho avuto dibattiti pubblici con persone pro-socialiste che hanno cercato di difendere i meriti del socialismo e ogni volta l’argomento si riduce a una singola disconnessione io dico che se un gruppo di persone vuole partire e iniziare la propria piccola comunità socialista ha tutto il diritto di farlo… purché sia VOLONTARIO. Poi se fallisce e crolla non importa, perché non riguarda me o chiunque altro che non ha voluto partecipare.

Il problema è che questi socialisti/comunisti/marxisti/collettivisti semplicemente non afferrano la nozione di volontarietà. Credono che le persone debbano essere costrette a fare la cosa giusta o ad aiutare gli altri, e sono le persone che decidono quale sia la cosa giusta e chi riceve l’aiuto. Sono le persone che decidono quali libertà sono accettabili e quali libertà sono scomode per la loro agenda. Quando dicono “Viviamo in una società…”, quello che intendono veramente è “Voi vivete nella NOSTRA società, e NOI determineremo cosa è meglio per voi”.

Quando sostengo che una comunità socialista dovrebbe essere volontaria, inevitabilmente sostengono che le persone non si impegneranno in un tale sistema volontariamente, quindi devono essere costrette a fare ciò che è meglio per il “bene maggiore”.

In termini di passaporti per i vaccini, il contratto sociale collettivista è un elemento chiave. Essi sostengono che essere non vaccinati non è una libertà personale perché i non vaccinati sono un rischio per la vita di tutti gli altri. Il contratto sociale è quindi violato perché facendo una scelta di vita personale si mettono in pericolo i diritti degli altri.

È interessante però come il culto dei covidi sia composto da persone che non applicano la stessa logica ad altre questioni sanitarie come l’aborto. Voglio dire, non c’è nessuna prova sostanziale a sostegno dell’affermazione che le persone non vaccinate sono una minaccia per la vita degli altri più di quanto lo siano le persone vaccinate, e ne parleremo tra un momento. Ma, quando parliamo di un aborto, stiamo parlando di una decisione medica personale che porta alla morte diretta e osservabile di un altro essere umano innocente con i suoi diritti. Gli aborti mettono fine alla vita di oltre 800.000 persone non ancora nate ogni anno negli Stati Uniti, molto più di quanto non faccia il covid.

“Il mio corpo, la mia scelta” apparentemente si applica solo all’uccisione dei bambini, ma non alle persone che non vogliono diventare cavie per un cocktail di mRNA senza test a lungo termine per provarne la sicurezza.

Immaginate però se invertissimo lo scenario e applicassimo l’ampio argomento del contratto sociale a qualcosa come i bambini e la popolazione? Un membro collettivista/sinistrorso del culto del riscaldamento globale potrebbe anche sostenere che l’aborto dovrebbe essere legalmente obbligatorio, perché avere un bambino o “troppi bambini” aumenta le emissioni di carbonio e questo mette la società “a rischio” ancora di più (di nuovo, senza alcuna prova a sostegno della tesi). Permettendo alla narrazione del contratto sociale di andare senza controllo, apriamo la porta a nuove orribili misure oppressive e a una completa cancellazione della nostra autonomia.

Penso che si possa dire che l’ideologia del “contratto sociale” è altamente selettiva e ipocrita. Il culto dei covidi non si preoccupa di salvare vite umane, si preoccupa solo della loro narrazione ideologica e del potere di far sottomettere le persone ad essa. Ma scaviamo ancora più a fondo nel ragionamento dietro l’affermazione del contratto sociale. Chi sta effettivamente morendo a causa di individui non vaccinati, che secondo le statistiche statali vax costituiscono circa il 50% della popolazione statunitense?

Il tasso medio di mortalità per infezione (IFR) di covidi è un mero 0,26% secondo decine di studi e i numeri del governo stesso. Ciò significa che le persone non vaccinate non sono nemmeno una minaccia remota per il 99,7% della popolazione. Circa il 40% di tutte le morti per covid sono costituite da persone in case di cura con condizioni preesistenti, il che significa che non sappiamo se sono effettivamente morte per covid o a causa dei problemi di salute di cui soffrivano già. Il bacino di persone che potrebbero essere colpite da chi non è stato vaccinato diventa sempre più piccolo…

E che dire della ridicola contraddizione che sorge quando si parla della narrazione del mandato contro la narrazione del passaporto? Se le maschere e i vaccini funzionano davvero, allora come può una persona non vaccinata o non mascherata essere una minaccia per una persona vaccinata? Se i vaccini e le maschere non funzionano, allora perché usarli del tutto, e perché richiedere vaccinazioni forzate attraverso misure di passaporto?

La propaganda mainstream afferma che i non vaccinati diventeranno in qualche modo delle capsule di Petri per nuove mutazioni che danneggeranno le persone vaccinate. Non ci sono prove a sostegno di questa affermazione. In effetti, ci sono più prove che suggeriscono che sono le persone vaccinate a innescare mutazioni e varianti. I media dicono che questo non è motivo di preoccupazione, ma se non lo è allora non dovremmo nemmeno preoccuparci delle mutazioni che si sviluppano nella popolazione non vaccinata, se ce ne sono.

Il fatto è che sempre più prove scientifiche stanno dimostrando che i vaccini sperimentali NON sono efficaci e che i non vaccinati sono effettivamente più al sicuro dal covid, indipendentemente dalla variante o mutazione.

Il vero numero di infezioni negli Stati Uniti è impossibile da conoscere perché fino al 59% delle persone che prendono il covid e lo diffondono sono asintomatiche secondo il CDC. Non sanno mai di averlo, quindi è improbabile che facciano il test. Detto questo, è chiaro che molti milioni di americani hanno avuto a che fare con il virus e ora hanno un’immunità naturale ad esso (mi capita di essere uno di loro). Gli elitisti dell’establishment come Anthony Fauci si rifiutano di riconoscere l’immunità naturale come un fattore, e dicono che SOLO le persone vaccinate sono qualificate a ricevere un passaporto.

Perché?

Sono stati pubblicati studi multipli da paesi con alti tassi di vaccinazione come Israele che contraddicono completamente la narrativa di Fauci sull’immunità naturale. Israele ha un tasso di vaccinazione di circa il 63% secondo le statistiche del governo, ma le prove scientifiche che hanno rilasciato mostrano che le persone vaccinate hanno 13-27 volte più probabilità di contrarre il covid e 8 volte più probabilità di essere ricoverate in ospedale rispetto alle persone che hanno l’immunità naturale. Sembra quasi che i vaccini mRNA rendano le persone PIÙ suscettibili al virus piuttosto che meno suscettibili.

I dati recenti rilasciati dallo stato del Massachusetts supportano questa preoccupazione. Nel mese di luglio, il MA ha riportato almeno 5100 infezioni da covidi, tutte persone che erano completamente vaccinate. Più di 80 di loro sono morti, che è un tasso di mortalità molto più alto che tra i non vaccinati. Nella mia contea di 20.000 persone, che ha un basso tasso di vaccinazione e nessun mandato per la maschera, ci sono stati solo 17 morti totali di covidi nel primo anno della pandemia.

Questo fa sorgere la domanda:

Perché prendere il cocktail di mRNA? Cosa c’è da guadagnare? Beh, non c’è niente da guadagnare in termini di sicurezza sanitaria. Anche se ti capita di far parte dello 0,26% delle persone a rischio di covid, a lungo andare è meglio correre il rischio con l’immunità naturale che prendere il vaccino.

La risposta alla domanda non riguarda la salute, ma la negazione dell’accesso. Il governo e i suoi partner aziendali stanno cercando di fare in modo che si DEVE prendere il vaccino per poter partecipare alle normali attività sociali, o anche per mantenere un lavoro. Non solo, ma il processo va avanti all’infinito perché ogni anno ci saranno nuove varianti e nuovi richiami. L’unica ragione per prendere il vaccino è mantenere almeno una manciata di libertà ed evitare la povertà e la fame.

Qui è dove dobbiamo tornare alla domanda originale presentata all’inizio di questo articolo:

E’ legalmente e moralmente accettabile costringere i diritti e l’accesso economico delle persone per costringerle a sottomettersi a un “vaccino” sperimentale?

Il culto dei covidi dirà che i diritti degli affari privati prevalgono sui diritti individuali, quindi le aziende dovrebbero essere autorizzate a discriminare i dipendenti in base al loro stato di vaccinazione. Ma poi di nuovo, quello che stiamo affrontando nella maggior parte dei casi non sono aziende private, ma conglomerati che sono finanziati dai salvataggi del governo e che sono in collusione diretta con i governi per far rispettare l’agenda del passaporto. Quindi dovrei dire di no, queste imprese non hanno il diritto legale di nutrirsi con i soldi delle tasse pubbliche e poi affermare di essere entità private che hanno la libertà di invadere la privacy medica dei dipendenti e dei clienti.

E comunque, da quando i collettivisti si preoccupano dei diritti delle imprese private? Più ipocrisia…

Se stiamo parlando di piccole e medie imprese senza stimoli da parte del governo, allora la questione diventa più complicata. In molti stati e altri paesi le imprese fanno rispettare i passaporti solo perché se non lo fanno saranno puniti dal governo. In questo caso l’argomento dei diritti degli affari privati va fuori dalla finestra. Il culto dei covidi rispetta l’indipendenza delle imprese solo quando gli conviene.

Francamente, sono le piccole imprese che vengono danneggiate di più dai mandati dei covidi e i costi extra coinvolti solo nel far rispettare i passaporti nei loro stabilimenti li seppelliranno. Qualsiasi piccolo imprenditore che volontariamente sostiene le regole del passaporto deve avere un desiderio di morte finanziaria.

In termini di governo, il culto dei covidi sosterrà che ci sono precedenti della Corte Suprema per l’applicazione legale delle vaccinazioni. Onestamente, non mi interessa, e nemmeno a milioni di altri americani. Un gruppo di sommi sacerdoti in abito nero non può dettare le mie decisioni indipendenti sulla salute; io prendo quelle decisioni e non c’è niente che possano fare al riguardo. Qui è dove dobbiamo fare i conti con la morale e i principi coinvolti Le vite degli altri non sono in alcun modo influenzate dalla mia decisione di rifiutarmi di rispettare i passaporti dei vaccini. E solo perché un gruppo di persone ha paure irrazionali sulla minaccia dei covidi non significa che persone con più discernimento sui fatti debbano essere obbligate a farli “sentire meglio” o a sentirsi più sicuri.

La linea di fondo è questa:

Le nostre libertà sono più importanti delle vostre paure paranoiche, e non ci adegueremo. Noi non sottoscriviamo il vostro falso contratto sociale, e voi non siete nella posizione di dettare i termini della nostra “società”. Non vi piace? Siete più che benvenuti a lasciare il paese e iniziare un’utopia vaccinata da qualche altra parte.

Vedremo come andrà a finire per voi alla lunga.

Brandon Smith

Fonte: alt-market.us

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE  BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÉ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code