toba60

L’Aspettativa di Vita Negli Stati Uniti in Calo di Tre Anni da Quando le Autorità si sono Fatte Carico della Loro Salute per il Covid

Per salvare un Naufrago hanno affondato il Titanic.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

L’Aspettativa di Vita Negli Stati Uniti in calo di Tre Anni

Jared Kushner non aveva ancora letto la notizia, molto probabilmente. Stava solo dicendo a un intervistatore che sta lavorando per diventare più sano perché la sua generazione sarà probabilmente la prima a “vivere per sempre” o “l’ultima generazione che morirà”. Perciò dobbiamo “mantenerci in buona forma”.

È vero, sarebbe terribile vivere per sempre e non essere in forma come un pesce.

Un buon inizio per vivere per sempre potrebbe essere, ad esempio, fare dei passi per allungare l’aspettativa di vita proprio adesso. Diciamo che non sta andando bene. Negli ultimi due anni gli americani hanno perso in media tre anni di aspettativa di vita. È un disastro per qualsiasi standard, basato su dati per lo più non falsificabili.

Sì, la situazione diventa esasperante. All’inizio delle chiusure, molti dicevano che sarebbe successo. Il dispiegamento del potere statale contro un virus avrebbe scatenato ogni sorta di inferno, tra cui il collasso economico, la demoralizzazione della popolazione, la confusione culturale e la criminalità, la perdita di speranza e la cattiva salute generale. Esisteva già una vasta letteratura in merito ed era insopportabilmente ovvio che questo sarebbe stato il risultato.

Purtroppo, a distanza di due anni, tutti i dati si susseguono. Il CDC riferisce che nel 2021 l’aspettativa di vita è diminuita ancora una volta, proprio come nel 2020, per un totale di quasi tre anni di vita persi. La tendenza è negativa.

Sarebbe un conto se questo fosse dovuto interamente o anche solo in gran parte a Covid. Ma i dati verificati sulla mortalità per Covid non sono cambiati dal gennaio 2020: l’età media di morte è uguale o superiore all’età mediana dell’aspettativa di vita. Il numero di persone indicate come decedute a causa di Covid è interamente mutuato da altre categorie di decessi, come l’influenza e altre malattie respiratorie, e ciò è dovuto a un errore di classificazione o forse al ben noto modello di crowding out virale: il nuovo bug mette da parte il vecchio bug.

A parte questo, abbiamo assistito a un enorme aumento dei decessi con un picco nella mezza età per malattie del fegato, malattie cardiache, lesioni accidentali e suicidi, per non parlare delle overdose di farmaci. In altre parole, si tratta di decessi per blocco che avvengono in età molto più giovane rispetto a quelli che tipicamente si verificano a causa del (non con il) Covid. C’è anche la possibilità, davvero terrificante, che gli effetti negativi dei vaccini stiano guidando una parte di questa scioccante tendenza.

“Finora gli esperti erano abituati a misurare le variazioni dell’aspettativa di vita con incrementi di mesi, non di anni”, osserva il New York Times. La tendenza riguarda tutti i gruppi demografici, tranne la popolazione asiatica.

Si tratta della più grande riduzione dell’aspettativa di vita negli Stati Uniti nell’arco di due anni dall’inizio degli anni Venti, quando l’aspettativa di vita scese a 57,2 anni nel 1923. Quel calo potrebbe essere legato all’alto tasso di disoccupazione e di suicidi durante una precedente recessione, oltre che a un forte aumento della mortalità tra uomini e donne non bianchi.

Quella che il Times chiama “recessione precedente” è in realtà la Prima Guerra Mondiale o quella che allora era conosciuta come la Grande Guerra. Moltissimi giovani uomini tornarono dalla guerra traumatizzati, depressi, smarriti e si tolsero la vita. La spinta per il proibizionismo dell’alcol nel 1920 aggravò la tendenza. Il proibizionismo fu l’ennesimo caso di un governo che, sotto l’influenza di scienziati di tutto rispetto, colpì la causa prossima di un problema senza affrontare la questione alla radice.

Quindi sì, il grande progresso si interruppe, anche se temporaneamente. Una volta che la vita si è normalizzata a metà degli anni ’20, le vite hanno ricominciato ad allungarsi.

Ci sono pochi dati più chiari nel corso della storia del rapporto tra prosperità e aspettativa di vita e anche tra prosperità e libertà. Il primo Paese in cui si è vissuto oltre i 50 anni è stato il Regno Unito, dove la rivoluzione industriale ha messo le radici più profonde. Questo cambiamento è avvenuto negli Stati Uniti negli anni ’70 del XIX secolo. Da allora abbiamo assistito ad aumenti sorprendenti in tutto il mondo, che dipendono ancora una volta dalla prosperità, che a sua volta dipende dalla libertà.

Con i viaggi e i maggiori contatti umani con persone diverse da noi, abbiamo sperimentato il miracoloso miglioramento dei sistemi immunitari, tanto che la forza immunitaria media degli esseri umani del XX secolo ha superato quella mai vista prima.

Sono finiti i tempi in cui piccole tribù isolate venivano completamente spazzate via dall’esposizione a un nuovo virus. Al contrario, l’esposizione e la guarigione hanno garantito agli esseri umani vite sempre più lunghe, grazie alla loro migliore capacità di resistere alle gravi conseguenze dell’infezione.

A questo proposito, ringrazio la straordinaria Sunetra Gupta per l’intuizione. Personalmente considero questo punto tra i più brillanti e stimolanti di tutta la letteratura epidemiologica ed economica. Eppure sembrava inesplorato in modo approfondito.

Ma a partire dal marzo 2020 siamo andati nella direzione opposta. Abbiamo degradato i sistemi immunitari imponendo la mancanza di esposizione. Anche in questo caso, eravamo stati avvertiti fin dall’inizio che questo percorso avrebbe comportato un aumento della salute e della vulnerabilità a tutte le malattie. Poi, incredibilmente, il governo ha chiuso gli ospedali e i servizi medici agli interventi chirurgici e diagnostici elettivi – quasi tutto, tranne Covid. Semplicemente stupefacente. Poi hanno tolto le palestre, le riunioni civiche e il culto comunitario.

È stato un piano perfetto per uccidere le persone in nome della loro protezione.

Le persone che ci hanno fatto questo meritano di essere disonorate nella memoria.

Potremmo continuare, ma il punto è che i dati cominciano ad arrivare. Hanno rovinato il progresso. Hanno distrutto vite. Hanno degradato l’esperienza di vita sulla terra. I risultati negli Stati Uniti sono unici in questo senso, a causa di altri fattori che hanno a che fare con l’abuso di sostanze, l’obesità e la dieta, e la generale negligenza della salute fisica e mentale. Le chiusure hanno peggiorato la situazione.

L’ironia è tanto palpabile quanto tragica. In nome della pianificazione della pandemia, le élite hanno trasformato un agente patogeno gestibile in una politica micidiale che ha tagliato tre anni all’aspettativa di vita media negli Stati Uniti, con costi davvero incalcolabili. Tutti gli insabbiamenti, la propaganda politica e le scuse non possono coprire le statistiche vitali, che sono tra le più difficili da nascondere. E sembrano sempre più cupe.

Jared Kushner, come ora sappiamo, ha contribuito in modo determinante a creare questo stato di cose. È stato lui, insieme a due amici che probabilmente condividono la sua convinzione immortale, a spingere la Casa Bianca verso le prime serrate. Se riuscirà a vivere per sempre in questo mondo, le condizioni che la sua influenza ha determinato lo hanno reso meno probabile che mai per tutti gli altri.
Autore

Jeffrey A. Tucker

Fonte: brownstone.org

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code