toba60

L’Autodisciplina di Nikola Tesla

Quando si parla di questo grande genio della scienza (E non solo) si trascura irrimediabilmente quella che era la sua personalità, che cela quella che è stata la sua autentica risorsa senza il quale nulla avrebbe potuto realizzare.

Tutti gli uomini sono dei Tesla potenziali, ognuno nel suo ambito e questo lui per tutta la vita attraverso il suo modo di essere, ha cercato in tutti i modi di trasmetterlo alle generazioni future, insieme alle sue innumerevoli invenzioni.

Trascendere la realtà’ attraverso una profonda immaginazione e una concezione della vita che esula da ogni logica interpretazione delle cose terrene, era parte della sua dimensione umana.

Tutto ciò lo ha isolato dal mondo scientifico ortodosso, creando attorno a sé una bolla di vetro da cui pero’ si intravede il tutto, che lui, meglio di chiunque altro aveva percepito, visto e vissuto in prima persona.

Toba60

Tesla il Disciplinato

“Tesla potrebbe fare qualsiasi cosa. In effetti, erano soprattutto le leggi dell’igiene umana e del lavoro “. Robert Underwood Johnson.

“Nikola Tesla rimane il mito, il punto focale, l’archetipo di tutti gli scienziati del XX secolo”. Gerry Vassilatos, Lost Science

L’insolita personalità di Nikola Tesla emanava sempre un’aura inquietante che affascinava le persone intorno a lui. Soprattutto i giornalisti, attratti dalla vita turbolenta ed eccentrica dell’inventore, ma anche dal fatto che avesse sempre cose importanti e interessanti da dire. Pur non privando i giornalisti di New York del piacere di intervistarlo, trovava difficile aprirsi a questioni personali e molto raramente parlava di se stesso e del suo mondo interiore.

Nikola Tesla era un uomo con una ricca vita interiore. Era pieno di preoccupazioni spirituali, domande esistenziali e ricerche filosofiche. Tuttavia non era un mistico nel senso classico del termine. La sua convinzione che gli umani fossero “macchine carnali”, una specie di tappo azionato dalle forze della Natura, escludeva quasi ogni deviazione occulta.

La “Malattia delle immagini”, tuttavia, aveva una forte intuizione

Stava progettando le sue future invenzioni sulla lavagna della sua mente. Aveva una conoscenza perspicace, intuitiva, istintiva e quasi soprannaturale dei misteri dell’elettromagnetismo. Le sue invenzioni apparvero sullo schermo della sua mente come immagini perfettamente formate, fulmini e lampi mentali …

Tuttavia, questi “fulmini” di Tesla erano considerati da lui come una sorta di strana “malattia”: ha influenzato il mio pensiero e il mio lavoro. Queste erano immagini di oggetti e scene che ho visto davvero e non con la mia immaginazione. Quando qualcuno mi parlava di qualcosa, l’immagine dell’oggetto mi è apparsa subito e per un po ‘non sono riuscito a distinguere se fosse reale o meno. Ciò ha creato molta confusione e ansia dentro di me “.

Tesla sembra aver sofferto di una strana forma di ipersensibilità, che aveva tutti i sintomi di quello che gli psicologi moderni chiamano Disturbo Ossessivo Compulsivo. Durante un esaurimento nervoso adolescenziale, Tesla divenne ipersensibile al suono, alla pressione atmosferica e alla luce solare. Ha detto che poteva sentire gli effetti dei fenomeni naturali direttamente sul suo corpo. Affermava che a Budapest aveva una capacità sovrumana, quasi soprannaturale, di sentire il volo di una mosca nell’appartamento vicino, rumori deboli a centinaia di metri di distanza e – in alcuni casi – fulmini che cadevano a una distanza di 700 chilometri!

Le basi spirituali di un carattere forte

Tesla ammise che i suoi primi sforzi inventivi erano completamente istintivi, indisciplinati e supportati principalmente dalla sua immaginazione. Nel tempo, tuttavia, iniziò a diventare più razionale, sistematico e creativo. La sua eccellente memoria, unita al suo genio e talento inventivo, lo hanno aiutato in questo.

Tesla usò sempre il pensiero razionale insieme all’osservazione, alla concentrazione e all’attenzione: “I miei continui sforzi mentali svilupparono il potere della mia osservazione”.  La successiva forza importante che Tesla acquisì e sviluppò fu il potere dell’emozione. E quando diciamo sentimentalismo non intendiamo solo l’insieme di emozioni complesse, che è il risultato della cooperazione dei sensi. Intendiamo anche istinti e premonizioni. Tesla aveva sviluppato una teoria interessante sul potere dei sensi. Sosteneva che ogni persona avesse un meccanismo sensoriale complesso, che, tuttavia, al momento dello sviluppo, si atrofizzava o si sviluppava in misura eccessiva.

L’altra forza importante sviluppata da Tesla era IL POTERE DELLA VOLONTÀ

Carattere debole e mutevole durante la sua infanzia, grazie ai miei esercizi e alla perseveranza, si è trasformato in un carattere stabile e una personalità che non ha ceduto alle difficoltà della vita. Fin da giovane ha praticato due esercizi fondamentali per rafforzare la sua volontà. Se avesse qualcosa che desiderava davvero, come una barretta di cioccolato o un dessert, lo avrebbe dato a qualcun altro.

Inoltre, quando doveva essere svolto un lavoro ingrato, lo intraprendeva volentieri senza aspettare che qualcun altro lo facesse prima di lui. Così, sin da giovane, ha lottato con due grandi tentazioni: con la voglia sciocca e insaziabile di acquisire qualcosa e, soprattutto, con la pigrizia. Allo stesso tempo ha sviluppato due virtù molto importanti: la generosità e il duro lavoro. Ma due caratteristiche di Tesla erano il suo coraggio e il suo amore per la giustizia. Queste virtù lo hanno aiutato a rimanere in piedi e dignitoso fino alla fine del difficile percorso della sua vita creativa.

Gli esercizi di autodisciplina, a cui si sottometteva, provenivano anche dal background spirituale dell’ascetismo ortodosso, poiché suo padre era un prete ortodosso. Fu aiutato anche dal fatto che nella sua famiglia non c’erano cattivi, ubriaconi e criminali, ma al contrario persone morali e oneste. In una certa misura, l’atteggiamento morale di Tesla non era una conquista, ma un’eredità della sua tradizione familiare.

A tutto questo aggiungeva la verginità, cioè l’astinenza dal sesso. Si considerava un guerriero ascetico che, nel suo cammino verso mete spirituali più elevate, si astiene da qualsiasi cosa “materialistica”. Con l’autodisciplina, Tesla è stato in grado di superare le sue debolezze e si è subito sentito molto soddisfatto, poiché era in grado di ottenere tutto ciò che voleva: “Avevo il controllo completo di me stesso, potevo giocare con le mie passioni, che potevano distruggere le persone più forti da me”.


George Stamkos

Fonte: Book Nicola Tesla THE LAW OF SUCCESS PUBLISHING

Puoi risparmiare 1.00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code