toba60

Le Nanoreti Intracorporee nei “Vaccini” Covid: Si Possono Programmare i Comportamenti Umani?

Da anni oramai le masse obbediscono a comando su ogni cosa viene impartita loro e da qui la facile manipolazione che indirizza la società li dove chi tiene le redini del comando desidera.

Sono pochissimi coloro che hanno mantenuto una autonomia di pensiero che oramai nulla potrà mai scalfire, se proprio un metro di giudizio in seno ad una qualsiasi comunità può essere fatta in questo momento, va in queste due direzioni.

I falliti, legati al denaro alla popolarità´´ l’immagine, all’omologazione sociale, alla totale inibizione morale etica e di pensiero e …..chi viceversa immune ad ogni condizionamento operante ha saputo essere se stesso in quelle che sono le peculiarità che contraddistinguono un essere umano.

mentre i primi sono intenti a fare mente locale sul contenuto di quanto letto, i secondi …….non si sono posti il problema perché non esiste e stanno già pensando al passo successivo da fare.

Toba60

Nanoreti Intracorporee nei “Vaccini”

Qual è lo scopo delle nano reti intracorporee? Diversi lettori hanno posto questa domanda. La risposta dipende dalle intenzioni di chi li ha introdotti nel siero “vaccino”.

“La domanda “Possiamo modificare il comportamento modificando il DNA? Lo stato della ricerca scientifica in questo campo è consultabile, ma non è certo tutto pubblicato, soprattutto per quanto riguarda la ricerca del complesso militare-industriale nel campo delle armi biotecnologiche, classificata come segreto di difesa e finanziata con fondi pubblici e privati.

Stiamo facendo progressi nella decifrazione del contenuto dei “vaccini” presentati nel dossier intitolato “Covid vaccines and population control via injected nano-networks”. Questo dossier affronta la questione dello scopo delle nanostrutture scoperte nei sieri.

Un lettore del Courrier des Stratèges si chiede perché la casta voglia controllare ulteriormente le popolazioni quando già lo fa influenzando i comportamenti ed esercitando una politica basata sulla menzogna. Anche se questo è vero, la manipolazione dell’opinione pubblica ha tre limiti:

Costa denaro, Può richiedere molto tempo perché coinvolge diversi criteri: informazione e media, voto sulle leggi, investimenti finanziari e umani, formazione ideologica, ecc. Il risultato può essere casuale o contrastato, come abbiamo visto con i movimenti sociali dei gilet gialli, i social network, ecc.

Il controllo dei comportamenti e l’irrigidimento di un controllo digitale con la moltiplicazione delle telecamere di sorveglianza e, molto presto, del riconoscimento facciale nei luoghi pubblici, consentirà l’implementazione di un sistema di credito sociale il cui fulcro sarà la tessera sanitaria abbinata al metodo di pagamento digitale universale ed esclusivo. Microsoft ha preso l’iniziativa di proteggere un brevetto sulle valute digitali, il che la dice lunga sulle intenzioni dei dirigenti dell’azienda. La scomparsa del denaro senza contanti in Occidente è prevista per il 2022. I non vaccinati non avranno più alcun diritto.

Microsoft e la biologia computazionale per programmare il comportamento

Chi accetta le iniezioni perde il proprio libero arbitrio. Bill Gates ha investito a lungo in un’azienda di modificazione genetica. Il direttore di Miscrosoft Research spiega su cosa si concentra la loro ricerca in termini di biologia computazionale, una disciplina che aiuta a comprendere meglio gli obiettivi della modifica del DNA umano attraverso le nanotecnologie e, più specificamente, le direzioni di questa ricerca sui neuroni e potenzialmente sulla programmazione del comportamento umano.

Microsoft ha annunciato già nel 2016 “possiamo programmare una serie di comportamenti usando il DNA […] il DNA è altamente programmabile proprio come un computer”. E così è stato, visto che nel 2016 Microsoft ha memorizzato 200 megabyte di dati in filamenti di DNA, che sono passati inosservati ai non addetti ai lavori. La letteratura scientifica sull’argomento è abbondante; già nel 2014 la 20a Conferenza Internazionale sul DNA tenutasi a Kyoto, in Giappone, era intitolata DNA Computing and Molecular Programming.

Big Pharma è già impegnata in questo campo da diversi anni, così come Moderna, che ha registrato il nome MRNA OS, dove “OS” significa “sistema operativo” (registrato in Canada). È difficile rendere più esplicito questo aspetto e capire come questa industria intenda trasformare la vita in un materiale che può essere modellato a piacimento.

Microsoft sta lavorando alla programmazione di circuiti di DNA dal 2009 e Microsoft Research ha sviluppato un software con un algoritmo progettato per prevedere il comportamento umano. Il video che annunciava queste informazioni è stato rimosso da You Tube.

Ma ci sono altre fonti. Bernard Ourghanlian è il CTO/CSO di Microsoft France e spiega il focus della ricerca dell’azienda sulla biologia computazionale: “Ora abbiamo la tecnologia per leggere e scrivere interi genomi a un ritmo che sta aumentando molto più velocemente della legge di Moore.

“I nostri strumenti permetteranno agli scienziati di progettare circuiti genetici, costruirli in laboratorio, verificare se producono il giusto comportamento e imparare da questi esperimenti”. Con questi strumenti, gli scienziati possono pensare di progettare circuiti genetici per modificare il comportamento delle cellule.

Sebbene queste tecnologie non siano completamente padroneggiate, è difficile stimare il livello di padronanza della biologia digitale e la portata delle sue applicazioni. Se la programmazione delle molecole di DNA è una realtà – e questo è il principio dei vaccini a base di mRNA può essere utilizzata per modificare il comportamento umano?

L’attuale bioeconomia si basa sull’idea che i dispositivi genetici ottenuti dall’inserimento del DNA nelle cellule (umane) possano modificarne il comportamento. Ma cambiare il comportamento delle cellule non significa “cambiare il comportamento delle persone”. A meno che queste modifiche non riguardino, ad esempio, i neuroni.

Modificare e programmare le cellule neuronali

Questa è una buona notizia perché il DNA, e più precisamente il DNA che salta, può regolare i neuroni. Gli elementi trasponibili svolgono un ruolo importante nel controllo dello sviluppo del cervello umano. La scoperta delle proteine KZFP dimostra che esse controllano l’attività degli elementi trasponibili nei neuroni. Il loro uso programmato potrebbe quindi essere utilizzato per influenzare il sistema neuronale.

A differenza della maggior parte delle cellule del nostro corpo, i neuroni possono modificare i loro geni, il che apre la porta alla possibilità di modulare artificialmente questa funzione naturale. All’altro capo della catena, i Big Data consentono di modellare il comportamento umano. Questa pratica è già ben avviata nel settore sociale: “Stiamo assistendo all’inizio di una tendenza che continuerà a essere incoraggiata dalla diffusione di nuove tecnologie, che vanno dal riconoscimento facciale e dall’analisi anonima, alla scansione dell’attività cerebrale e alla “lettura della mente”. I big data esistono anche nel campo della genetica e minacciano la privacy degli individui.

Tutti gli studi condotti in questo campo sono giustificati dalla comprensione del funzionamento e del trattamento delle malattie. Naturalmente, nessuna comunicazione da parte dei media sovvenzionati farà il collegamento tra questa ricerca e l’idea che potrebbe essere parte di una politica di controllo e manipolazione delle popolazioni. L’idea è politicamente scorretta e non etica – come se non esistessero predatori e persone malvagie, quando in realtà abbiamo bisogno di leader politici che proteggano il bene comune e viene immediatamente inserita nella casella “cospirazione”.

Il filosofo Bernard Stiegler, scomparso nel 2020, ha detto: “Ogni oggetto tecnico è farmacologico: è insieme veleno e rimedio. Il pharmakon è allo stesso tempo ciò che ci permette di curare e ciò di cui dobbiamo prenderci cura, nel senso che dobbiamo stare attenti ad esso: è un potere curativo nella misura e nella sproporzione in cui è un potere distruttivo.

Nell’antica Grecia, pharmakon significava cura, veleno e capro espiatorio. In una società senza coscienza, dove la vita è considerata materiale e il denaro è diventato un’idolatria dominante Microsoft, è diventata l’emblema di questo sistema il veleno e il capro espiatorio hanno il loro posto.

In che modo le nanoreti iniettate (WBAN) consentono la neuromodulazione e possono hackerare la fonte della tua intuizione e libertà: il tuo cervello

“Perché rifiutano la videosorveglianza se non si ha nulla da nascondere?”, ha detto qualche anno fa il sindaco di Levallois Perret, finito dietro le sbarre per appropriazione indebita di fondi pubblici e corruzione. Il cittadino modello è colui che si lascia manipolare e poi plasmare. La casta mondialista installa il suo dispositivo di controllo sui cittadini iniettando loro i “vaccini” Covid. I sieri Covid sono un’innovativa arma biotecnologica – e batteriologica – in grado di colonizzare la fonte del vostro discernimento e della vostra libertà: il vostro cervello.

Ecco alcuni elementi della fattibilità tecnologica di ciò che il pubblico considera troppo spesso una finzione.

Le iniezioni sono falsamente e ufficialmente presentate come un vaccino contro una malattia creata in laboratorio che viene deliberatamente diffusa per realizzare un’agenda che va ben oltre ciò che i dittatori del passato avrebbero potuto immaginare:

Cosa si intende per neuromodulazione?

Cosa si intende per neuromodulazione e controllo remoto del cervello umano? I nanotubi di carbonio e l’ossido di grafene attraversano la barriera emato-encefalica e contribuiscono a modificare le sinapsi e la crescita delle cellule neuronali. L’ossido di grafene ha un’affinità con le cellule cerebrali e cardiache perché questi organi generano un debole campo elettromagnetico a causa della loro attività. Questi campi devono ancora essere esplorati, così come la tossicità di queste nanotecnologie nel cervello umano (si veda l’elenco delle pubblicazioni nel dossier intitolato L’ossido di grafene nella composizione dei vaccini Covid).

Nanotubi di carbonio incorporati nel tessuto cerebrale, fonte: powerpoint di Mike Andersen Intracorporal Nanonetwork, 10 dicembre 2021.

Mik Andersen spiega che la neuromodulazione e la neurostimolazione sono rese possibili dai nanotubi di carbonio (grafene in forma tubolare), che agiscono come elettrodi attivando regioni specifiche del cervello, e possono anche essere utilizzati come interfaccia neurale in grado di connettersi a reti di nanocomunicazione wireless inoculate, compresi i punti quantici di grafene (GQD), le nanoantenne di grafene e un’intera rete per la quale esistono software di simulazione, protocolli di routing e protocolli MAC. Le WBAN utilizzano già queste tecnologie ed esiste un’ampia letteratura (vedi dossier).

La comunicazione molecolare integrata con nanotubi di carbonio con la capacità di interagire in nanoreti di sensori neurali wireless è una realtà scientifica, come dimostrato in particolare dal lavoro di Abd-El-atty, SM et al. nel 2018: “La comunicazione molecolare (MC) è considerata un approccio promettente per trasmettere informazioni nella nanorete intra-corpo. In questo contesto, l’uso di nanomacchine nella nanorete facilita le operazioni di elaborazione, attuazione, logica e rilevamento.

Inoltre, le nanomacchine hanno la capacità di scambiare informazioni quando sono interconnesse attraverso la rete nanometrica. Una semplice nano-rete intra-corporea può essere realizzata collegando un gruppo di nanomacchine artificiali/sintetiche o biologiche per svolgere compiti e funzioni complesse nel corpo umano, come la diagnosi e il trattamento biomedico, o la trasduzione del segnale neurale e il controllo neurale […].I nanotubi di carbonio facilitano l’interazione molecolare tra cellule viventi, compresi i neuroni, attraverso un’interconnessione basata su interruttori stabili per l’accoppiamento delle molecole…… I nanotubi di carbonio (CNT) hanno la capacità di riconoscere il rilascio di molecole di neurotrasmettitori nel sistema nervoso della rete nanometrica.

Nanotecnologie nel cervello

La comunicazione elettromagnetica da sola non è sufficiente per monitorare il sistema nervoso centrale e soprattutto il tessuto neuronale. Per il corretto funzionamento della rete intra-corporea e il monitoraggio dell’attività neuronale, la comunicazione molecolare ed elettromagnetica deve essere collegata in un approccio ibrido.

Nel 2004, Roman C e altri spiegano: “Proponiamo e simuliamo un sensore a nanotubi di carbonio molto sensibile, in grado di trasporre il legame ligando-proteina, o più in generale il riconoscimento macromolecolare, a una variazione di frequenza di una corrente elettrica”. Questa è la base su cui si costruisce il modello ibrido di comunicazione molecolare-elettromagnetica, dimostrando che la loro interazione, la trasduzione o, se preferite, la traduzione dei segnali molecolari in frequenze e impulsi di corrente elettrica è possibile.

Sebbene Akyildiz IF e Jornet JM abbiano dimostrato che i nanotubi di carbonio possono essere collegati a nanoreti di comunicazione neuronale, la loro applicazione neuronale prevede protocolli di comunicazione neuronale, che sono diversi dalla comunicazione elettromagnetica. Si tratta di modelli ibridi che sono emersi per un funzionamento ottimale.

I neuroni emettono picchi di tensione (elettrica) che consentono il rilascio di molecole di neurotrasmettitori che si propagano nell’assone. La stimolazione dei neuroni ha quindi un effetto sulla secrezione dei neurotrasmettitori e quindi sulla neuromodulazione. Non è quindi inutile informare chi vi sta intorno e rifiutare queste iniezioni, che sono mortali, invasive e possono violare il vostro cervello. Se la neuromodulazione è utilizzata nel trattamento di alcune patologie, non ha alcuna giustificazione in un vaccino.

Laurent Aventin

Fonte:lecourrierdesstrateges.fr

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code