toba60

L’efficienza delle Scarpe da Corsa non è la Stessa cosa del Comfort

Sfido chiunque a non aver comperato un paio di scarpe e subito dopo qualche passo sul posto aver detto….. Uaooooo!! queste mi stanno come un guanto.

E’ una legge non scritta ma che vale per tutti, la realtà e’ che una volta sul concreto spesso la stessa sensazione viene meno e l’incanto svanisce.

Vi racconto un esperienza personale che da un idea su quanto avrete modo di leggere, come sapete quando ci sono delle competizioni cittadine ci sono sempre dei piccoli stand dove vendono scarpe ad un prezzo estremamente accessibile, magari avanzi di mercato degli anni precedenti e un modello tra tutti mi colpì, il colore la forma l’originalità insomma …..costavano poco.

Mia moglie brontola e mi dice che ho l’armadio pieno di scarpe, ma io quelle le volevo a tutti i costi, erano rigide come una suola da montagna, la tomaia sembrava plastica ed i supporti esterni avevano una trama che sembrava in filo di rame.

Erano scomodissime al primo impatto, ma la vista ha avuto la meglio e le comperai……..fu uno dei modelli che nella vita di un podista vengono definite ”Top-One”, una volta ai piedi sembravano corressero da sole, sapete, sono quelle sensazioni che si provano quando tu e lo strumento che indossi siete una cosa sola.

Avevo eliminato tutte le convenzioni conosciute e casualmente avevo scoperto la giusta soluzione ai miei problemi.

Che bella la vita quando ti capitano queste cose, per noi podisti poi la gioia è doppia perché sapete…… ci accontentiamo di poco 🙂

Toba60

L’efficienza delle scarpe da corsa non è la stessa cosa del comfort Come considerare la dinamica di flessione dell’intersuola

L’aumento della rigidità flessionale longitudinale della suola è stato dimostrato in molti studi come uno dei fattori chiave che influenzano l’economia della corsa.

La rigidità flessionale longitudinale della suola limita il movimento dell’avampiede (articolazione metatarsale) e cambia il punto di applicazione della forza durante la corsa (aiutando a spostare il centro di gravità in modo più regolare), ottenendo così una riduzione dei costi metabolici. Leggi di più su come la costruzione delle scarpe da corsa influisce sulle prestazioni della corsa a lunga distanza.

Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che l’economia di corsa di ogni corridore varia notevolmente a parità di rigidità, il che significa che ogni persona può avere una rigidità diversa per le sue scarpe da corsa, e il costo metabolico medio può essere ridotto dell’1,1-1,2% se si corre con la rigidità ottimale.

È quindi importante scoprire la rigidità ottimale della suola dell’individuo per scegliere la scarpa da corsa giusta per te, perché questo aiuterà a rendere la corsa molto più economica. Ma cosa influenza esattamente la scelta della rigidità ottimale? Useremo uno studio internazionale per aiutarti a scegliere le scarpe da corsa giuste per il tuo futuro.
Usare i costi metabolici per trovare la propria rigidità ottimale

In un articolo empirico pubblicato nella rivista Footwear Science nel 2020, hanno reclutato 21 buoni corridori maschi (10 km in 36 minuti) e li hanno raggruppati secondo il loro “stile di atterraggio” di corsa. 10 di loro sono stati classificati come Rearfoot striker (RFS) e 11 Sono stati assegnati in modo casuale a correre in cinque paia di scarpe da corsa mid-foot striker di varia rigidità (foto sotto) e un paio di scarpe di controllo senza pannelli di carbonio, per un totale di sei paia di scarpe.

Ogni partecipante è stato sottoposto a un test su tapis roulant di 5 minuti a una velocità lenta (2,98 m/s) e a una velocità veloce (4,47 m/s) durante il quale sono stati raccolti dati metabolici (VȮ2) per ogni scarpa indossata. I dati raccolti, la rigidità della scarpa e la velocità di corsa sono stati poi collassati per creare un polinomio di due ordini (Figura sotto).

Fonte immagine: Scienza delle calzature, 12(2), 79-89.

Nota: il punto più basso della curva è stato registrato come la migliore rigidità del soggetto (se la curva ha mostrato una migliore rigidità inferiore o superiore alle condizioni delle scarpe fornite in questo esperimento, la condizione di rigidità più bassa o più alta delle cinque scarpe è stata considerata la migliore rigidità del soggetto)
La rigidità ottimale dei corridori RFS variava con l’aumentare della velocità

I risultati finali dello studio hanno mostrato che i corridori RFS hanno mostrato un cambiamento significativo nella rigidità ottimale tra la velocità lenta (2,98 m/s) e la velocità veloce (4,47 m/s), con prestazioni che aumentano con la velocità quando si indossa la scarpa a rigidità ottimale (sotto), ma non c’era una differenza significativa nella scelta della rigidità per i corridori MFS in termini di velocità.

Nota: i soggetti sono definiti da colori diversi. Tutti i soggetti RFS, tranne uno, hanno mostrato un cambiamento nella potenza ottimale con l’aumento della velocità.

Si ritiene che i diversi schemi di atterraggio dei corridori RFS e MFS contribuiscano a questo risultato, poiché c’è più flessione del ginocchio e più angoli metatarsali e di inversione della caviglia sull’atterraggio a metà piede rispetto ai corridori RFS, Inoltre, i corridori MFS mostrano anche una maggiore estensione metatarso-falangea (MTP) e un maggiore lavoro positivo e negativo alle articolazioni MTP nella tarda fase di stance, che può limitare il range di movimento del mesopiede e il punto di applicazione della forza alle articolazioni MTP.

In secondo luogo, lo stile di atterraggio influenza anche l’uso e la forza dei muscoli del piede. Studi precedenti hanno scoperto che i corridori con una maggiore dorsiflessione della caviglia e una minore flessione metatarsale della caviglia probabilmente risponderanno più positivamente a scarpe di maggiore rigidità e i corridori RFS corrispondono a queste caratteristiche, permettendo loro di rispondere efficacemente a scarpe di maggiore rigidità.

Applicazione pratica

I risultati di questo studio confermano che, a causa delle differenze nella strategia di atterraggio, una singola scarpa di rigidità ottimale dovrebbe ottenere una prestazione ottimale per i corridori MFS indipendentemente dalla velocità di corsa, mentre i corridori RFS potrebbero aver bisogno di scegliere una scarpa di rigidità superiore per ottenere una prestazione ottimale con l’aumento della loro velocità di corsa.

Tuttavia, è importante notare che una scarpa con troppa rigidità può influenzare il comfort della scarpa, quindi mentre si sceglie la migliore rigidità, potrebbe anche essere necessario scendere a compromessi sul comfort, poiché indossare una scarpa troppo rigida può essere controproducente.

Attendiamo con ansia ulteriori ricerche sull’applicazione della rigidità di flessione longitudinale nella costruzione delle calzature in futuro, fornendo agli atleti e al pubblico una nuova direzione nella selezione delle calzature.

Connie Yang, Ziyuan Xiang

Fonte: Sports Science Network

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.  

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code