toba60

L’Enigma degli Arconti un Viaggio Interiore nel Buio della Conoscenza

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Gli arconti nell’immaginario collettivo appartengono al regno delle fiabe e degli spiriti maligni, eppure ad un attenta lettura non e’ difficile capire che dietro queste apparenti fantasie si cela ogni dinamica interiore degli esseri umani.

La simbologia ancestrale racchiusa in questa analisi degli arconti appartiene al passato, presente e futuro del genere umano e si ha modo di comprenderla solo attraverso un atteggiamento mentale che prevarica il sentire comune della vita di tutti i giorni.

L’ introspezione che l’uomo ha perduto fa da barriera alla conoscenza…….

che al termine della lettura un piccolo varco si possa aprire in ognuno di voi.

Toba60

L’Enigma degli Arconti

Gli esseri umani sono in un viaggio di consapevolezza,
che è stato momentaneamente interrotto da forze estranee.
Carlos Castaneda, Passaggi Magici

Parte Prima

Nell’alta stranezza” dei materiali gnostici, il fattore più strano di tutti è certamente la presenza degli Arconti. Qui affrontiamo un enigma di proporzioni cosmiche. Dove collochiamo queste strane entità nella trama evolutiva del Mito di Gaia? Devono essere considerati come entità reali, una specie a sé stante, anche se non terrestre? Qual è la loro relazione con Gaia, l’intelligenza della biosfera? E come si relazionano a loro volta gli Arconti con l’umanità?

Ragione non-ordinaria

Gli gnostici hanno esplorato queste domande in modo sobrio e coerente, ma per seguire le loro tracce dobbiamo prima osservare un avvertimento: non aspettatevi che l’indagine sugli Arconti sia razionale. Almeno non nel senso ordinario di razionalità. Aristotele affermava che il segno di una mente matura è quello di intrattenere un’idea senza accettarla – senza “comprarla”, come diciamo oggi. Non sto insistendo che qualcuno compri la teoria di Archon dello gnosticismo. Propongo di esaminarla e campionarla, tutto qui. Lo scetticismo è essenziale quando si tratta dell’enigma degli Arconti.

Questa indagine richiede l’applicazione di una facoltà speciale che potrebbe essere chiamata ragione non ordinaria. Che cosa sia questo può essere illustrato da una battuta di Woody Allen (dal film Manhattan):

Un uomo viene da uno psichiatra per conto di suo fratello che soffre dell’afflizione di credere di essere un pollo, e si comporta di conseguenza. “È terribile da vedere, dottore. Il modo in cui va in giro a chiocciare e graffiare. La famiglia sta passando l’inferno con questo. Cosa può fare? La psichiatria può aiutare mio fratello?”. Il dottore risponde che certamente può. “Anche in deliri avanzati come questo, la terapia può spesso riportare il paziente alla realtà”, gli assicura il medico. “Sono disposto a lavorare con suo fratello, a fare tutto il necessario. Sarà un lungo cammino, però”. Supponendo che l’uomo sia incoraggiato, lo psichiatra consulta la sua agenda. “Quando può portare suo fratello per la prima seduta?” chiede. Improvvisamente l’uomo aggrotta la fronte. “Mi dispiace, dottore. Mi piacerebbe, ma non posso farlo. Davvero non posso. Abbiamo bisogno delle uova”.

La risposta dell’uomo è del tutto razionale nel contesto della sua immaginazione. Quando i Trekkies (i devoti della serie TV di culto, Star Trek) discutono avidamente dei personaggi e degli eventi della serie, stanno usando la ragione non ordinaria. Il fenomeno del commercio di carte Pokeman ha scatenato un’esplosione di ragione non ordinaria in cui i bambini dovevano recitare in modo rigorosamente dettagliato i comportamenti e i tratti specifici di oltre un centinaio di entità diverse.

Nei MMORPG di Internet (Massive Multiplayer Online Role-Playing Games) i giocatori assumono identità fittizie che devono comportarsi in modo coerente, esibendo una sorta di razionalità virtuale. Il ragionamento coinvolto in questo gioco di ruolo è rigoroso, perché i giocatori non possono far fare ai loro “avatar” tutto quello che vogliono. Gli avatar devono avere specifici codici di comportamento. Sviluppare e mantenere tali codici coinvolge la ragione non ordinaria.

In effetti, la ragione non ordinaria è proprio come la ragione ordinaria, tranne che la sua materia è immaginata piuttosto che percepita.

I veggenti gnostici dovevano essere abili nella ragione non ordinaria per interpretare le esperienze che subivano in stati di percezione elevata. Non tutto nel cosmo o nella psiche umana può essere ridotto a termini razionali, naturalmente, e questo in ogni caso non è il punto del ragionamento non ordinario. Il punto è quello di portare una comprensione sana e sobria agli aspetti dell’esperienza umana che si trovano oltre i limiti della percezione sensoriale ordinaria.

Questo saggio tratta gli Arconti nel contesto dell’esercizio immaginale proposto in Coco De Mer: la nostra partecipazione al Sogno di Gaia. Ciò che impariamo su queste entità, e noi stessi in relazione a loro, coinvolgerà la ragione non ordinaria, ma non sarà un’assurdità irrazionale. Contemplare gli Arconti non è un esercizio di fantasia o un gioco di finzione. Tutt’altro. Se gli gnostici avevano ragione, è soprattutto individuando il funzionamento degli Arconti che possiamo conoscere il funzionamento delle nostre menti, e rivendicare il potere sovrano dell’intelligenza che Sophia ci ha conferito.

Visioni frattali

Gli Arconti possono essere considerati come progenie di Sophia, ma non nello stesso senso delle specie nate e sostenute nel grembo di Gaia, la biosfera terrestre. Infatti, sono chiamati Arconti (dal greco archai, “primordiale, primo, antecedente nel tempo”) perché sorgono nel sistema planetario prima che la Terra fosse formata in un habitat per la vita. Il Sogno unilaterale di Sophia produsse un’ondata di potenza dal centro cosmico, e la Dea, sparando come una corrente torrenziale, colpì i campi inerti della materia primordiale in un modo insolito. I testi gnostici usano il termine “feto abortito” per descrivere i risultati di questo impatto.

Un velo esiste tra il mondo di sopra e i regni di sotto; e l’ombra è nata sotto il velo. Una parte dell’ombra divenne materia, e fu proiettata a parte. E ciò che Sophia creò divenne un prodotto nella materia, come un feto abortito. (L’Ipostasi degli Arconti, 94: 5 – 15)

All’icona di Coco de Mer possiamo ora aggiungere una variazione grafica per suggerire come gli Arconti emergano dal Sogno di Sophia, come una perdita da una placenta. Come spiegato nel precedente saggio di questa trilogia, il Coco de Mer con dettagli cosmici rappresenta la “protennoia trimorfica”, il mondo originale a tre corpi del Sogno di Sophia. Il nostro mondo, la biosfera terrestre unita al sole e alla luna, è la manifestazione di questo Sogno. Con la comparsa degli Arconti, un altro Sogno entra in gioco al di fuori del nostro triplice ordine mondiale. Propongo di chiamarlo il Sogno Alieno. Quest’altro Sogno è uno spin-off del potere di emanazione di Sophia, una fuoriuscita esotica, ma non impedisce o arresta il Suo Sogno originale.

Il Mito di Gaia descrive come l’impatto dell’Eone Sophia sulla densità della materia atomica abbia prodotto un’enorme frattura, come il modello di frantumazione su uno stagno di ghiaccio. Il modello ha un centro dove si trova Sophia (identificato dall’insieme di Mandelbrot), e un’estensione a ragnatela di linee di frattura che corrono in tutte le direzioni (il mare ghiacciato di onde frattali). L’episodio 9 descrive come Sophia, situata al centro della zona d’impatto, vede intorno a sé qualcosa come un mare di onde di tensione, e a cavalcare le onde, o in realtà a comporre le onde che sembrano cavalcare, sono forme auto-ripetitive che assomigliano a cavalli marini. Questi cavallucci marini sono simili alle forme che appaiono ad alta reiterazione dell’equazione dell’insieme di Mandelbrot. Queste forme corrispondono al tipo anatomico generato spontaneamente dalla materia atomica informe dall’impatto di Sophia, un tipo chiamato “corpo ombra”, haibes in copto.

Una parola sui frattali: Anche se modelli simili ai frattali appaiono in natura (nelle felci, per esempio: la disposizione delle foglie su uno stelo si ripete nella forma dei rami), le forme autosimili prodotte da un’alta iterazione non sono naturali, in senso stretto. I frattali come quelli qui raffigurati sono il risultato dell’immissione di una formula matematica in un computer e della rielaborazione della formula stessa, più e più volte. Tuttavia, le forme così prodotte assomigliano al famoso “paisley” visto da molte persone che hanno preso LSD negli anni ’60. Vorrei sostenere, in primo luogo, che i frattali sono costantemente visti in stati alterati, e in secondo luogo, che i modelli così visti possono anche rappresentare processi reali, anche se soprannaturali nel cosmo in generale.

Le formazioni frattali descritte nel Mito di Gaia (Episodi 9 – 10) sono fenomeni fisici reali che si verificano spontaneamente quando un Eone (una corrente di plasma stellare senza massa e ad alta porosità) si riversa nei campi densi della materia elementare. All’inizio questi “cavallucci frattali” sembrano essere strutture inanimate, rigide e quasi cristalline in natura, ma per il fatto stesso che Sophia li vede, diventano animati. Nel secondo stadio dello svolgimento descritto in Trimorphic Protennoia, l’Eone Sophia “discende per potenziare i suoi membri caduti dando loro spirito o respiro.” (NHLE 1996, p. 511) Così le forme tensili si trasformano da cavallucci semi-rigidi in forme fetali arrotondate con la coda, ma le code, sembra, continuano a cadere e a trasformarsi in altri embrioni. Da questo bizzarro processo di generazione che si auto-ripete, emerge l’orda neonatale degli Arconti.

Il Signore Arconte

L’Ipostasi degli Arconti descrive un ulteriore sviluppo che segue l’emergere iniziale delle entità arconitiche fetali. Nel passaggio qui citato, applico alcuni concetti tratti dall’astronomia moderna per sviluppare un quadro più vivido degli eventi presumibilmente osservati dai veggenti gnostici nel cosmo in generale:

Un velo esiste tra il mondo di sopra [nel nucleo galattico], e i regni che sono sotto [all’esterno, nelle membra galattiche]; e l’ombra è nata sotto il velo. Una parte dell’ombra [massa oscura] divenne materia [atomica], e fu proiettata a parte [parzialmente formata in matrici elementari, il dema]. E ciò che Sophia creò [con il suo impatto] divenne un prodotto nella materia [il dema], [una forma neonata] come un feto abortito. E [una volta formato] assunse una forma plastica modellata dall’ombra, e divenne una bestia arrogante simile a un leone. Era androgino, perché derivava dalla materia [neutra, inorganica]. (L’Ipostasi degli Arconti, II, 4, 93:30 e seguenti, con le mie glosse tra parentesi).

Una lettura attenta rivela un dettaglio cruciale: dopo la formazione iniziale dei tipi embrionali di Arconti, sorge una seconda variante di “corpo ombra”, con caratteristiche proprie distinte. L’Ipostasi degli Arconti la descrive come “una bestia arrogante che assomiglia a un leone”, ma questa creatura è anche descritta (in un altro testo cosmologico, l’Apocrifo di Giovanni 10,5) come “un corpo serpentino (drakon) con una faccia da leone”. Così ci sono due tipi distinti di Arconti: un tipo fetale o embrionale, e un tipo draconico o rettiliano.

Nell’Ipostasi degli Arconti (93:30 – 94:5), un supplicante chiede al grande angelo Eleleth: “Insegnami la facoltà degli Arconti, come sono venuti in essere, e con quale tipo di genesi, di quale materiale, e chi li ha creati e ha prodotto la loro forza”. Gli insegnamenti dati in risposta a questa domanda erano precisi e dettagliati. Vengono indicate due varianti distinte del tipo Archon, e vengono specificati anche i loro comportamenti. Un altro trattato cosmologico, Il Trattato Tripartito, afferma che “i due ordini [di Arconti] si assalirono a vicenda, combattendo per il comando a causa del loro modo di essere.” (84: 5-15) A causa delle due fasi distinte della loro generazione, gli Arconti sono investiti di una natura aggressiva e divisiva, combattendo tra le loro stesse file. Il problema è provvisoriamente risolto, tuttavia, quando il tipo rettiliano assume il dominio sulla massiccia orda di neonati e, in effetti, su tutto il regno del dema colpito dal tuffo di Sophia:

Aprendo gli occhi, egli [l’Arconte draconico] vide una vasta quantità di materia senza limiti [sparsa per le membra galattiche], e divenne arrogante, dicendo: “Sono io che sono Dio [l’unica divinità di queste regioni], e non c’è nessun altro oltre a me.” (Hyp Arch, 94:20)

Mentre gli Arconti neonati sono inerti, le loro forme arrestate in uno stadio prematuro di sviluppo, il leader rettiliano è aggressivo, territoriale e carico di poteri demoniaci. Per prima cosa, è un formidabile mutaforma:

Ialdabaoth aveva una moltitudine di facce più di tutti loro, così che poteva mettere una faccia davanti a tutti loro, secondo il suo desiderio… Condivideva con loro il suo fuoco, perciò diventava signore su di loro. Per il potere della gloria che possedeva della luce di sua madre, si faceva chiamare Dio. E non obbedì al luogo da cui proveniva. (L’Apocrifo di Giovanni, 11:35 – 12:10)

La dichiarazione dell’Arconte capo di essere l’unico dio del cosmo è, inutile dirlo, un momento determinante nella cosmologia gnostica – se non anche nell’evoluzione umana. Tutti i testi cosmologici descrivono questo evento, con leggere variazioni. Gli gnostici hanno insistito sull’identificazione di Yaldabaoth con Yahweh o Jehovah, il dio tribale degli ebrei. Questa divinità non è solo cieca, ma senza cervello e folle (Hypostasis of the Archons 89: 24-25).

Per gli gnostici la follia non è tanto l’insanità mentale quanto la conseguenza della mancata correzione degli errori mentali. La mentalità degli Arconti “non può essere rettificata” e, quel che è peggio, “la natura arcontica non è capace di sviluppo”. (Gilhus, The Nature of the Archons, p. 40) A causa del modo della loro generazione, gli Arconti non hanno ennoia, nessuna intenzionalità innata. Il loro è un Sogno Alieno, separato dalla biosfera, il campo di vita intelligente di Gaia.

Il concetto di un dio che è sia privo di forza di volontà che folle è apparentemente unico nello gnosticismo. Inutile dire che quando gli gnostici espressero le loro opinioni sull’identità di Jehovah agli ebrei devoti e ai cristiani che veneravano anche il Dio Padre ebraico, non furono ben accolti.

L’Apocrifo di Giovanni aggiunge dettagli cruciali allo scenario di Archon. Per prima cosa, presenta un raro caso in cui Sophia è effettivamente chiamata la madre degli Arconti. Dice anche del capo Arconte che “non obbediva al luogo da cui proveniva”. Questo è un dettaglio significativo. Il fatto che l’Arconte capo si allontani dai luoghi in cui è sorto indica una preoccupazione chiave degli gnostici: le tendenze violatrici dei confini degli Arconti. Fin dall’inizio sono una specie invasiva.

L’Arconte draconico è detto essere cieco (bille copto), quindi non vede né il Pleroma né Sophia. “La cecità del mondo spirituale caratterizza gli Arconti”. (Gilhus, p. 17). È chiamato Samael e Saklas. Samael è ebraico e Saklas è aramaico per “cieco”. Comprendere la cecità degli Arconti è di cruciale importanza per la nostra individuazione di come essi possano influenzare l’umanità.

Alias Jehovah

Il capo degli Arconti è anche chiamato il Signore Arconte. Gli viene dato anche un nome bizzarro, Yaldabaoth (pronunciato Yall-DAH-buy-OT). Gli studiosi non sono d’accordo su cosa possa significare questo nome e come sia derivato. Secondo una traduzione significa “il bambino che attraversa lo spazio”. Secondo un’altra, significa “capo dell’orda”. (Jarl Egil Fossum, The Name of God and the Angel of the Lord, p. 332-6.) Così sembra che si alluda ad entrambi i tipi di Arconti.

Nell’Antico Testamento il titolo yhwh seba’ot, Yahweh Sebaoth, ricorre 276 volte come titolo del dio padre. (Dictionary of Deities and Demons in the Bible, p. 155) Gershom Scholem, preminente studioso della Cabala e del misticismo ebraico, ha spiegato Ialdabaoth come “un composto del participio attivo aramaico yaled (cioè, ‘generare’) e il nome Abaoth, che rappresenta una forma abbreviata del nome Sabaoth. Così, Ialdabaoth significa ‘il generatore di Sabaoth'”. (Nathaniel Deutsch, The Gnostic Imagination, p. 55) E ci sono una mezza dozzina di altre interpretazioni.

È probabile che il nome Ialdabaoth sia semplicemente una variante di Jehovah, il dio padre paterno degli ebrei. Gli gnostici identificavano Jehovah con il Signore Archon e rifiutavano l’AT e l’intero piano giudaico di salvezza come un sotterfugio degli Archon. È logico che avrebbero usato lo stesso termine usato dagli ebrei per esporre la vera natura della divinità ebraica.

Quando si trattava di conoscenze che consideravano cruciali per la sopravvivenza umana e per la coevoluzione dell’umanità con Sophia, gli gnostici potevano essere aggressivi e totalmente indifferenti a chi potevano offendere. Il loro atteggiamento intransigente e a volte sprezzante, combinato con la loro incapacità di prevedere l’alto grado di violenza fisica che sarebbe stato scatenato dalla loro sfida alle credenze giudeo-cristiane, senza dubbio alimentò il feroce fanatismo che distrusse i Misteri.

L’ingrandimento della generazione frattale di Archon presenta un’immagine grafica che sembra adattarsi allo scenario descritto dai veggenti gnostici. Il tipo embrionale, o Archon neonato, è chiaramente definito, ma anche un’altra entità: l’Archon rettiliano con la sua mascella avara e la lunga coda spermatica. Questa “bestia arrogante” sembra affondare nelle viscere del tipo embrionale. Proprio nel punto in cui l’Archon embrionale avrebbe un ombelico nutriente, i rettiliani entrano invasivamente. L’Archon neonato rimane passivo, apparentemente succhiandosi il dito o il pollice!

Qualcosa di strano sta accadendo nella parte inferiore del corpo del neonato, perché la sua coda di cavalluccio marino è precariamente unita al torso. Il tipo embrionale rimane assorbito da se stesso, ma reagisce all’aggressione dell’altro tipo lasciando cadere la coda, come fanno i rettili spaventati. Ci chiediamo se la coda disarticolata formerà un altro neonato, o un altro rettile. La forma rettile sembra essere ripetuta in modo frattale nella struttura della coda del tipo embrionale, come se la coda si staccasse e diventasse un’entità a sé stante, piuttosto che un altro embrione.

L’elemento della paura figura in gran parte nel comportamento degli Arconti e nel loro effetto sull’umanità. Nell’Antico Testamento, la paura di Dio è ritenuta uno dei segni primari dell’esperienza religiosa. La possibilità che la paura umana sia una sorta di nutrimento per certi extraterrestri invasivi è stata ampiamente argomentata nel dibattito ET/UFO. Il Secondo Trattato del Grande Seth dice che l’agenda degli Arconti è “paura e schiavitù”. Gli Arconti desiderano mantenere il genere umano sotto “la costrizione della paura e della preoccupazione”. (NHLE 1990, p. 367) Anche altri passaggi mettono in guardia dall’uso che gli Arconti fanno della paura come arma psicologica.

In un altro dettaglio sorprendente, il tipo rettile sembra tenere una sfera nelle sue fauci, ricordando l’immagine mitica di un serpente che offre frutti proibiti: per esempio, il Serpente nel Giardino di Iperborea con la mela d’oro in bocca. Il neonato sta mangiando da questo frutto rotondo? Gli gnostici avevano la loro versione di ciò che avvenne nel Giardino dell’Eden, eventi in cui gli Arconti erano profondamente coinvolti, e quindi non è forse sorprendente vedere accenni allo scenario del Paradiso in questo stadio primordiale dell’attività cosmica.

Tutta questa attività nella generazione frattale degli Arconti è immaginaria, ma non è immaginaria, cioè non è puramente inventata nella nostra mente. Ricreare ciò che i veggenti gnostici hanno osservato è un uso sobrio dell’immaginazione, non un volo nella finzione. Ci vuole una ragione non ordinaria per descrivere ciò che sta accadendo qui, ma lo scenario così sviluppato è del tutto ragionevole e coerente nei suoi propri termini.

Conflitto fetale

Comunque i veggenti gnostici dei Misteri siano arrivati ad immaginare la generazione degli Arconti, i frattali ad alta iterazione intorno all’insieme di Mandelbrot si adattano al loro scenario in modo inquietante. E fanno anche di più, perché gli embrioni frattali e i rettiliani imitano anche le caratteristiche della gestazione umana (o viceversa). Nel concepimento umano, il sacco embrionale consiste di due parti: il sacco vitellino (4 nell’illustrazione qui sotto), e la massa fetale attaccata ad esso (1), sospesa nel liquido amniotico (2). Nel momento in cui l’embrione in sviluppo acquisisce una prima definizione anatomica, è simile a un pesce (un fatto che la scienza medica ama usare per ricordarci le nostre origini pre-umane). Ha una testa distinta, e una coda, e una terza caratteristica, l’ombelico che lo collega al sacco vitellino attraverso il quale viene nutrito. La generazione frattale degli Arconti mostra tutte queste caratteristiche in modo chiaro e preciso.

Man mano che l’embrione cresce, il sacco vitellino si contrae, e c’è allo stesso tempo uno sviluppo secondario. All’ombelico è collegato anche l’allontoide, una vescicola che riempie l’interspazio tra l’amnios e il corion , il confine più esterno dell’intero sacco placentare. Una sorta di tensione morfologica gioca tra queste strutture in evoluzione: perché l’allontois cresca, deve contrarre o premere indietro (reprimere) il sacco vitellino che nutre il feto in crescita.

Se l’allontoide non cresce in questo modo, la placenta protettiva non può essere completamente maturata. Una tensione simile è presente tra gli Arconti embrionali e i rettiliani. Proprio come lo sviluppo embrionale negli esseri umani è diviso tra la crescita del feto alimentato dal sacco vitellino, e la repressione del sacco vitellino per produrre la placenta completa dalla membrana allontoide, il potere degli Arconti è diviso dalla natura della loro generazione (“a causa del loro modo di essere”, citato sopra) Questo conflitto è parzialmente risolto quando il tipo rettiliano assume il dominio sulla massiccia orda di neonati.

Gli gnostici sapevano certamente che aspetto ha un feto abortito. Moralmente contrari alla procreazione biologica da parte degli esseri umani, erano noti per praticare il controllo delle nascite, e devono aver aiutato altri a farlo. Avrebbero saputo dall’osservazione diretta che il feto abortito a uno stadio avanzato di gestazione non assomiglia a una frittata mezza cotta; ha le vestigia della forma anatomica.

La scelta di questa bizzarra metafora deve essere stata intenzionale, riflettendo la percezione occulta che l’anatomia degli Archon imita la forma neonatale degli umani. Tale metafora è estremamente preziosa, non solo perché ci permette di visualizzare ciò che i veggenti gnostici hanno rilevato con la percezione extrasensoriale, ma anche perché stabilisce uno stretto legame tra la specie umana sulla terra e gli Arconti pre-terrestri.

Per saperne di più su questo legame, vedi il passaggio conclusivo, “Cugini Cosmici”.

Il potere del serpente

La descrizione di un “serpente dalla testa di leone” per lo Ialdabaoth è sorprendente. Per gli gnostici il leone rappresentava la forza cieca della procreazione (un’associazione che probabilmente deriva dalle scuole misteriche egiziane, per non parlare dell’osservazione della forza e del rumore dei leoni che si accoppiano nel deserto), quindi il corpo simile allo sperma dei rettili dalla testa di leone è ancora più appropriato.

Questo tipo draconico di Arconte appare sui germi gnostici, non perché gli gnostici venerassero i rettiliani – lungi da ciò – ma perché vedevano l’immagine come un antidoto magico all’influenza arcontica. Piuttosto nel modo in cui un teschio su un’etichetta indica un liquido velenoso, impedendoci così di scambiarlo per un liquido sicuro da bere, l’immagine del leone-serpente era rappresentata sugli amuleti gnostici per allontanare l’intrusione arcontica.

Il serpente dalla testa di leone degli gnostici è chiamato con nomi magici come Ophis, Knuphis e Abrasax. Nell’anatomia occulta del misticismo asiatico e dello Yoga, questo rettile è conosciuto come Kundalini, il potere del serpente. Gli gnostici che praticavano il Kundalini yoga erano chiamati Ophites, dal greco ophis, “serpente”. Questo culto fu condannato dai primi cristiani come “adoratori di serpenti” pagani. Per la mente mondana e non iniziata, il serpente Kundalini può essere concepito solo attraverso una rozza letteralizzazione. Per gli gnostici, il serpente dalla testa di leone coronato di raggi solari non era solo l’immagine del Signore Arconte, ma anche della fonte del potere spirituale che permette agli esseri umani di resistere a questa entità.

Gli esperti che non guardano al di fuori dello gnosticismo per comprenderlo non menzionano mai Kundalini, ma studiosi eterodossi ed esoterici come G. R. S. Mead, Helena Blavatsky, e C. W. King (Gnostics and Their Remains) fanno abitualmente la connessione, così come mitologi comparativi come Joseph Campbell e Alain Danielou. In The Inner Reaches of Outer Space, Campbell mostra come l’immagine di Kundalini, il “potere del serpente”, appare nell’arte mondiale dalla Valle dell’Indo circa 2300 a.C. e continua in tutto lo spettro delle culture antiche, fino all’Era Comune.

Fino al 16° secolo, i talleri d’oro in Germania (Campbell, Fig. 8) mostrano la Crocifissione su una faccia e un serpente drappeggiato sulla croce sull’altra. A quella tarda data, Cristo sarebbe stato identificato con Kundalini – senza che si sappia perché, però – ma per gli gnostici il serpente sulla croce era una cancellazione del potere salvifico attribuito alla crocifissione (cioè, la glorificazione della sofferenza come forza redentrice). L’eccitazione della Kundalini produce l’estasi, scatena la supercoscienza, apre le facoltà occulte, e rilascia ondate di energia curativa che scuotono le secrezioni fisiologiche e ormonali attraverso il corpo.

Come il mitico serpente che sorveglia l’Albero della Conoscenza nella Genesi, Kundalini era “il messaggero della salvezza” per gli gnostici. In un rovesciamento completo della lettura abituale della caduta, gli gnostici consideravano il serpente come un alleato spirituale dell’umanità primordiale, “il primo a tentare di liberare l’umanità dalla schiavitù di un dio inconsapevole che si era identificato con l’Assoluto e quindi bloccava la via all’albero della vita eterna. (Campbell, p. 78) Il “dio inconsapevole” che si identificava falsamente con l’Assoluto è naturalmente Yaldabaoth, alias Jehovah.

Gli gnostici hanno insegnato che il nous, l’intelligenza spirituale dotata nell’umanità, poteva essere bloccato dagli Arconti. Questo avviene attraverso l’intrusione arconitica colpita da una sorta di invasione subliminale a livello del pensiero e del linguaggio (cioè della sintassi mentale). Ma il nous potrebbe essere rafforzato attraverso l’accesso al potere della Kundalini, una corrente estatica che normalmente riposa dormiente nel corpo umano.

Nella sua monografia sugli Arconti, I. S. Gilhus nota che “la strategia erotica è il mezzo più importante usato dai pneumatici per salvare la luce perduta.” (p. 51) Pneumatica è il termine gnostico per gli umani che perseguono il cammino dell’illuminazione psicosomatica, il metodo chiave della religione gnostica. Lo pneuma, “forza spirituale”, si sviluppa tramite il culto del nous, “intelligenza superiore”. Ma gli Arconti presentano un campo cieco di resistenza a questo processo: in breve, contano sul fatto che gli umani rimangano ignoranti del loro intrinseco potenziale spirituale.

Quando la Kundalini viene sollevata dal suo stato dormiente, l’intelligenza superiore fiorisce, e ci sono anche altri effetti. Sette gnostiche come gli Ofiti praticavano l’innalzamento comune della Kundalini per produrre un involucro protettivo contro l’intrusione degli Archönti. In effetti, essi ritenevano che la Kundalini, l’energia sessuale-spirituale bloccata nella struttura del corpo, fosse il principale strumento di difesa contro gli Arconti. Il Dialogo del Salvatore, NHC III, 5 (85), contiene questo scambio:

Giuda disse: “Ecco, le autorità (Arconti) dimorano sopra di noi, quindi sono loro che governeranno su di noi”. Il salvatore disse: “Siete voi che dominerete su di loro. Ma solo quando vi libererete dalla gelosia, e assumerete la protezione della Luce, ed entrerete nel nymphion (camera nuziale)”.

Il salvatore-insegnante è enfatico sul fatto che abbiamo potere sugli Arconti, ma chiarisce anche che alcune mancanze umane impediscono l’uso del nostro potere. La parola greca phthonos può essere tradotta come “gelosia” o “invidia”. Gli gnostici consideravano l’invidia come la firma degli Arconti, così come il principale difetto umano che ci rende vulnerabili alla loro intrusione. “La protezione della Luce” arriva attraverso la Kundalini attivata, spesso descritta come una marea di luce elettrificata simile ad un fulmine che si riversa nel corpo. “Nymphion” è una parola in codice per la cellula ambientale di protezione psicofisica generata da alti livelli di Kundalini.

Sir John Woodruffe, il grande trasmettitore della saggezza tantrica indù in Occidente, identificò direttamente la pratica del Kundalini yoga (innalzamento del potere del serpente attraverso i canali della spina dorsale) con i riti gnostici di “adorazione del serpente”. (Shakti and Shakta, p. 191 ss.) Studiosi buddisti come E. A. Evans-Wentz, J. M. Reynolds e H. V. Guenther hanno fatto osservazioni simili, ma gli studiosi gnostici non hanno ricambiato perché non guardano fuori dal loro genere per capire la teoria e la pratica della Gnosi.

L’immagine del leone-serpente è mostrata più e più volte in forma eiroglicfica sulle pareti del Tempio di Horus a Edfu, quaranta miglia a sud di Nag Hammadi. Nel culto di Hathor ivi celebrato, il leone-serpente rappresentava il “seme reale” dei faraoni. Il bambino reale Horus è spesso raffigurato in un gesto di succhiare le dita che ricorda vividamente la postura degli Arconti embrionali.

I sacerdoti egiziani che dirigevano l’allevamento delle famiglie dinastiche avevano una conoscenza intima di Kundalini, così come gli Arconti? Il serpente Kundalini è rappresentato nell’arte sacra egizia da un cobra in piedi, o da un paio di corbre, a volte avvolte su un bastone, e dall’ureo, il copricapo di cobra del potere divino. La treccia cerimoniale sul lato della testa di Horus era un’altra indicazione del potere del serpente. La treccia faraonica, tradizionalmente indossata sul lato destro della testa, ripete visivamente la forma dei cobra spermatici di Edfu. L’iconografia sacra porta un sapere esplicito, ma altamente occulto: Horus è il bambino le cui funzioni cerebrali del cervello destro sono potenziate dal potere del serpente.

L’immaginario “esoterico” del potere del serpente opera a più livelli contemporaneamente. Vedremo che il complesso simbolismo biologico del mito gnostico ha molto da insegnarci sulla natura degli Arconti e su come possiamo resistergli.

Lo stupro di Eva

Ialdabaoth è anche chiamato Archigenetor, “il maestro allevatore”. (Apoc Giovanni II, 12, 25) Gli gnostici, per i quali l’etica deve essere coerente con la cosmologia, consideravano la procreazione biologica, nella misura in cui è un atto involontario, come un meccanismo insensato che rende l’uomo accessorio del capo Archon. Il modo in cui Ialdabaoth alleva il proprio tipo, e controlla l’allevamento degli embrioni-tipo, e può anche essere coinvolto nell’ibridazione con gli umani – sono alcuni degli elementi più sconcertanti del mito di Sophia. Diversi testi nel NHC descrivono il tentativo degli Arconti di “violentare Eva”: cioè, inseminare la specie umana. I testi chiariscono, tuttavia, che essi non riescono nei loro scopi. L’Ipostasi degli Arconti descrive questo episodio:

Allora gli Arconti si avvicinarono ad Adamo. e quando videro la sua controparte femminile parlare con lui, si agitarono molto e si eccitarono per lei. Si dissero l’un l’altro: “Venite, gettiamo il nostro seme in lei”, e la inseguirono. Ed ella, la madre dei viventi, rise di loro per la loro stoltezza e cecità; e nelle loro grinfie si trasformò in un albero, e lasciò davanti a loro il suo ombroso riflesso che assomigliava a se stessa.

Questo passaggio dimostra la sofisticazione immaginativa della visione gnostica. I veggenti gnostici percepirono il tentativo degli Arconti di inseminare Eva – di interferire nella genetica della specie umana, se volete – ma osservarono anche che il tentativo fu un fallimento. La metamorfosi di Eva in un albero ricorda il mito greco di Dafne che si trasformò in un alloro. (Questo parallelo dimostra che la cosmo-mitologia gnostica non era un caso, ma un sistema di conoscenza visionaria profondamente radicato nella mente indigena dell’Europa precristiana).

Per gli gnostici, le visioni che vedevano in stati alterati erano empiricamente vere e potevano essere testate. Così facendo, erano in grado di sviluppare una straordinaria comprensione dei mondi sovrumani, delle attività degli dei, della relazione dell’umanità con le specie aliene, e dell’esperienza a lungo termine della specie umana.

Lo scenario di cui sopra descrive come gli Arconti non riescono a catturare Eva, eppure in qualche modo coinvolgono la sua ombra, un semplice riflesso. Questo implica che anche se gli Arconti non possono accedere alla nostra struttura genetica, possono influenzare o distorcere la nostra immagine della donna, del Femminile, e in questo senso possono davvero riuscire a contaminare Eva. Possono distorcere il nostro senso del nostro stesso corredo genetico.

Come spesso accade, l’intuizione gnostica dell’ordine cosmico ci sfida a capire cosa sta succedendo nelle nostre stesse menti. C’è un modo in cui noi umani abbiamo contaminato l’immagine della donna? Per esempio, imponendo alle donne una nozione artificiale di identità, una falsificazione della loro vera natura? Se così fosse, saremmo considerati dagli gnostici come complici dello stupro di Eva da parte degli Arconti. Ci sono prove nel mondo di oggi che abbiamo una visione distorta della genetica? Se è così, questa distorsione, e le azioni che ne derivano, meriterebbero pienamente di essere considerate come conseguenze dell’effetto deviante degli Arconti sul comportamento umano.

Inserire gli Annunaki

Il suddetto passaggio di The Hypostasis of the Archons richiama alla mente gli attuali scenari di intervento alieno nella genetica umana. La maggior parte delle teorie del programma di allevamento ET assumono che qualsiasi cosa gli alieni (di solito, i tipi Grey embrionali sono sospetti) possano scegliere di fare, possono farlo.

Ma i veggenti gnostici che hanno applicato un ragionamento non ordinario alle loro osservazioni degli Arconti sono giunti ad una conclusione diversa. Nella visione gnostica, sarebbe un errore enorme assumere che gli Arconti stiano facendo cose che non possono fare, perché questo darebbe loro potere su di noi.

Gli gnostici hanno insegnato che il pericolo principale che affrontiamo con gli Arconti non sta tanto in ciò che possono effettivamente fare, quanto in ciò che falsamente crediamo che possano fare. La loro carta vincente è l’inganno (apaton e plane in greco), specialmente l’inganno sulla natura e la portata dei loro poteri. “Perché il loro diletto è amaro, e la loro bellezza è depravata. Il loro piacere è nell’inganno”. (L’Apocrifo di Giovanni BG 56, 3-7)

Il tema dell’inseminazione aliena della razza umana ricorre anche nelle narrazioni arcaiche dell’antica Sumeria, risalenti al terzo millennio a.C., ed è dilagante nella tradizione ET/UFO contemporanea. I resoconti sumeri descrivono una specie aliena chiamata Annunaki, a cui si attribuisce la produzione della specie umana attraverso l’ingegneria genetica, e anche l’inaugurazione della civiltà.

Queste narrazioni si trovano su tavolette cuneiformi risalenti a circa il 1800 a.C., ma conservano tardive rielaborazioni di versioni molto precedenti. Apparentemente, la storia dell’intervento alieno è una delle più antiche scritture della nostra specie. Molte persone che seguono il dibattito ET/UFO sono a conoscenza dei resoconti sumeri degli Annunaki, che sono facilmente equiparabili agli ET dei giorni nostri, ma c’è una totale assenza di riferimenti allo scenario gnostico degli Arconti nella controversia finora.

Il resoconto gnostico delle attività degli Archon/Annunaki differisce in molti punti significativi da quello che si trova nei resoconti sumeri. Per prima cosa, gli gnostici non consideravano gli Arconti come esseri superiori che fanno partire la civiltà.

Né consideravano gli Arconti capaci di accedere al genoma umano (chiamato da loro l’Anthropos), anche se concedevano un certo ruolo all’attività arconitica nella nostra evoluzione fisica. Questo punto è estremamente difficile da chiarire, tuttavia… La differenza di gran lunga più evidente tra i resoconti sumeri e gnostici è che i primi non contengono alcun accenno al mito di Sophia e nessuna spiegazione di come gli Arconti, alias Annunaki, abbiano avuto origine. Questa è una lacuna considerevole, per non dire altro.

Nella sua elaborata rielaborazione dei materiali sumeri, Zecharia Sitchin descrive gli Annunaki come una specie non umana altamente avanzata che abita il pianeta Nibiru, un abitante del sistema solare con un periodo di 3600 anni. Nella versione di Sitchin della preistoria, gli Annunaki vennero sulla terra alla ricerca di oro per produrre una sospensione colloidale necessaria per stabilizzare la loro atmosfera.

(Per un resoconto completo, vedi l’ultimo libro di Sitchin, Il libro perduto di Enki.) Anche se Sitchin sembra essere un legittimo Sumerologo con una profonda conoscenza delle lingue antiche, nessuno studioso ortodosso approva il suo scenario per gli Annunaki. Nel peggiore dei casi, viene liquidato come una fantasia di “antichi astronauti” vestita con abiti da studioso. Non sono in grado di dire se il resoconto di Sitchin sugli Annunaki su Nibiru sia una resa accurata dei testi cunieformi o una fantasia estrapolata nella sua mente.

Significativamente, Sitchin non descrive mai l’aspetto fisico degli Annunaki di entrambi i tipi. Uno dei grandi vantaggi dello scenario dell’Arconte Gnostico è che fornisce vivide descrizioni di queste entità. È una coincidenza che gli Arconti embrionali e serpentini descritti nei testi gnostici presentino una corrispondenza identica ai due tipi di ET più frequentemente riportati nei tempi moderni, i Grigi e i Rettiliani? Se gli gnostici hanno azzeccato questa parte dello scenario di intervento, cos’altro hanno azzeccato?

Cugini cosmici

Le stesse manifestazioni che hanno creato le nostre credenze religiose,
hanno creato le nostre credenze sugli UFO. Uno sguardo serio al fenomeno
causerebbe una revisione del nostro modo di vedere la religione.
John Keel, UFO: Operazione Cavallo di Troia

È sorprendente trovare descrizioni vivide e dettagliate di alieni predatori in testi oscuri risalenti al IV secolo d.C., ma le rivelazioni della Gnosis non sono altro che sorprendenti. Alcuni antichi rapporti di “avvistamenti UFO” esistono, ma il materiale gnostico sugli Arconti non si limita a presentare “rapporti”. Spiega le loro origini nell’ordine cosmico, la loro natura (inorganica, imitativa, senza intenzionalità), il loro aspetto e le loro tattiche, il loro atteggiamento verso l’umanità, e altro ancora. Una soluzione più chiara e coerente al “Fenomeno” (l’enigma ET/UFO) potrebbe difficilmente essere immaginata.

L'”alta stranezza” del materiale Gnostic Archon pone un problema di credibilità, naturalmente. Ci troviamo di fronte alla scelta di credere che questi testi rappresentino un accurato resoconto di ciò che i veggenti gnostici hanno osservato in stati di realtà non ordinaria – cioè un resoconto affidabile di una genuina ricerca parapsicologica ottenuta tramite visione remota, sogno lucido, osservazione chiaroveggente, e poi attentamente valutata dalla ragione non ordinaria – o credere che gli gnostici fossero semplici fantasisti, mistici illusi dalle loro visioni, strambi di culto, o peggio.

Come possiamo quindi determinare se il racconto gnostico degli Arconti era delirante o se presenta una conoscenza affidabile dell’intervento alieno?

In Sources of the Gaia Mythos, ho discusso il concetto indigeno del Dreamtime, il gioco senza tempo della consapevolezza creativa nell’Eterno Ora, e la sua variante, il Dreaming:

Quando il Dreamtime si esprime in una particolare conoscenza e comportamento, gli aborigeni si riferiscono al Dreaming della creatura che incarna quella conoscenza ed esibisce quel comportamento. Per esempio, il Kangeroo Dreaming è la somma della conoscenza innata e del comportamento istintivo di tutti i canguri, che risale agli antenati del Dreamtime. Si potrebbe dire, in termini biologici, che è la messa in atto del genoma della specie Kangeroo.

Tutte le creature, organiche e inorganiche, umane e non umane, vivono e muoiono grazie ai Sogni che le attraversano. Nella visione del mondo aborigeno, il dono unico degli umani di creare cultura deriva dalla nostra capacità di ricordare e raccontare il Sogno, non solo della nostra specie, ma anche degli altri. La convinzione indigena che il ruolo dell’umanità sia quello di ricordare gli eventi del Sogno per tutte le creature si accorda con il suggerimento presentato in Sharing the Gaia Mythos: la specie umana attiva un circuito di memoria per Gaia.

Per applicare queste idee al problema degli Arconti, ricordiamo che noi, la specie umana, siamo coinvolti in modo speciale nel Sogno di Gaia, che ha origine dalla protennoia trimorfica, la triplice intenzione primaria dell’Eone Sophia. I nostri confini propri sono definiti dalla trinità terra-luna-sole, e la nostra dotazione di saggezza, data da Sophia, si svolge nelle condizioni uniche della biosfera, il grembo di Gaia. Tuttavia, c’è un altro Sogno che trapela nel Sogno della Terra, un po’ come un messaggio wireless che sanguina in una conversazione in corso su un’altra frequenza.

Qualcosa di estremamente strano sta accadendo sulla Terra a causa di una fessura nella mente umana, e questa fessura a sua volta nasce da un’anomalia nell’ordine cosmico:

Il sistema mondiale in cui viviamo è nato da un errore. (Il Vangelo di Filippo, NHC II, 3, 75.1)

Il magico viaggio di consapevolezza in cui ci co-evolviamo con il Sogno di Gaia è deviato o distorto da un’influenza aliena, così insegnavano gli gnostici. Su questo punto recondito sembrano essere d’accordo con lo sciamano Yaqui don Juan, che disse a Carlos Castaneda: “Gli esseri umani sono in un viaggio di consapevolezza, che è stato momentaneamente interrotto da forze estranee”.

Parte seconda

L’enigma degli Arconti, il sogno alieno e la vita umana

Tra gli elementi inconsueti della letteratura gnostica, il più strano è certamente quello che concerne gli arconti, figure che rappresentano un vero e proprio enigma.

– Dove possiamo collocare queste strane entità nello ambito dei miti terrestri?
Sono da considerare entità reali appartenenti ad una specie a sé stante di origine non terrestre?
– Qual è il loro rapporto con ‘Gaia’, l’intelligenza della biosfera del pianeta?
– In che modo tali entità si rapportano alla umanità?

Il nome deriva dal greco archai (origine delle cose e del tempo). Nel mondo classico mediterraneo l’ appellativo arconte era utilizzato per indicare il governatore di una provincia oppure – più genericamente – qualsiasi autorità religiosa o governativa. Da qui il plurale, arconti, il quale viene spesso tradotto nei testi gnostici come “le autorità” (Non esiste una parola copta equivalente ad ‘arconte’).

Nella mia abitudine di tentare l’impossibile, propongo tre definizioni, o tre livelli di definizione: ..

Primo livello: cosmologia.

Nella cosmologia gnostica gli arconti sono una specie di esseri inorganici emersi nel sistema solare prima della formazione del pianeta Terra. Sono cyborg che abitano il sistema planetario (terra, sole e luna), il quale viene descritto come un mondo virtuale (stereoma) in cui si manifesta la proiezione delle forme geometriche emanate dal pleroma, regno dei creatori, gli Dei cosmici.

Gli Arconti sarebbero quindi una vera specie con un proprio habitat, e potrebbero anche essere considerati come entità simili a divinità, ma prive di intenzionalità(libero arbitrio), e mosse da una nefasta tendenza ad allontanarsi dai loro confini per invadere il regno umano. Si narra che gli arconti soffrano di invidia nei confronti della umanità, dotata del libero arbitrio di cui essi sono sprovvisti.

Secondo livello: psicologia.

Nella psicologia gnostica, scienza noetica delle scuole misteriche, gli arconti rappresentano una forza aliena la quale si intromette subliminalmente nella mente umana per sabotarne i processi e deviarla verso pensieri insani e scorretti. Non è a causa loro che agiremmo disumanamente, in quanto tutti noi abbiamo il potenziale di rinnegare nei fatti la nostra umanità innata e violare la verità nei nostri cuori – ma spesso a causa delle loro ingerenze i nostri errori si incancreniscono e cronicizzano.

Se messi di fronte alle nostre azioni crudeli talvolta avremmo il potere di prenderne atto e poi correggere, contenere la aberrazione. Ma ovviamente non sempre tutto ciò accade. E’ proprio nella esagerazione e nella cronicizzazione delle nostre tendenze folli e disumane, nella devianza della nostra innata intelligenza, che gli gnostici hanno riconosciuto la ingerenza di una specie non terrestre la quale razzola nei peggiori difetti umani.

Quindi, gli arconti sarebbero in sostanza dei parassiti psico-spirituali. Eppure, in quanto figli dello Eone Sophia, sarebbero anche nostri parenti cosmici.

Come entità inorganiche di due tipi, embrionali e rettiloidi, gli arconti sarebbero in grado di penetrare la atmosfera terrestre ed agire per terrorizzare gli esseri umani, sebbene non vi sia ragione o scopo di queste incursioni, e non abbiano alcun particolare obiettivo da realizzare qui.

Lo statuto ontologico degli arconti dunque sembrerebbe duplice: esisterebbero sia sotto forma di specie aliena indipendente dal genere umano, sia sotto forma di presenze nella nostra mente, una sorta di software psichici operanti nel nostro ambiente mentale. Il rischio derivante dalla invasione del nostro software mentale è di gran lunga maggiore di qualsiasi rischio fisico innescato dalla violazione della biosfera. Attraverso telepatia e suggestione essi tentano di sviare la nostra evoluzione dalla giusta rotta. La loro tecnica più efficace si avvale della ideologia religiosa e della progressiva sostituzione dei loro pensieri ai nostri.

Secondo gli gnostici una delle tattiche principali degli arconti consiste nel salvazionismo giudaico – cristiano. La nostra capacità di individuare e discernere le forze aliene che lavorano nella nostra mente sarebbe quindi fondamentale per la nostra sopravvivenza all’interno del Creato.

Terzo livello: sociologia.

Nella visione gnostica della società umana gli arconti sono forze aliene che agiscono per mezzo di sistemi autoritari, compreso il sistema della fede, per indurre gli esseri umani a rivoltarsi contro il loro potenziale innato e distruggere la loro simbiosi con la natura. Ma tutto ciò accade di riflesso, in quanto gli arconti non sarebbero in grado di agire direttamente sulla umanità, senza la sua attiva collaborazione.

Più che agenti del male, essi agiscono per indurre in errore. E’ quando viene ripetuto con la consapevolezza di essere nel torto, che l’errore umano si trasforma in male ed agisce contro il piano universale della vita.

Lo gnosticismo asserisce che gli arconti sfruttino la nostra tendenza a non correggere i nostri errori, per acquisire potere sul genere umano. E chiunque si adoperi per facilitare il loro compito può essere considerato una sorta di arconte minore, un accessorio degli arconti.

In che modo un essere umano potrebbe assistere gli scopi degli arconti? Ad esempio adottando i loro programmi mentali. Cioè adattandosi alla intelligenza aliena e assorbendone i principi come fossero di matrice umana. Oppure conformandosi – attivamente o passivamente – alle agende proposte o imposte dal potere.

Jacques Lacarriere suggerisce come gli gnostici riscontrino l’impronta umanizzata degli arconti in tutte quelle strutture e sistemi autoritari che negano l’autenticità e la autodeterminazione dello individuo. Sostiene inoltre che gli gnostici identifichino “un carattere fondamentalmente corrotto di tutte le imprese ed istituzioni umane: il tempo, la storia, i poteri, gli stati, le religioni, le razze, le nazioni …”

La corruzione non si verifica perché gi esseri umani commettono errori, ma perché tali errori non vengono mai corretti. Lacarriere asserisce che gli gnostici siano giunti a questa conclusione “attraverso la osservazione razionale del mondo naturale e del comportamento umano.” In definitiva, afferma la “tesi secondo cui tutto il potere – qualunque esso sia – è una fonte di alienazione … Tutte le istituzioni, le leggi, religioni, chiese e poteri non sono altro che una mistificazione e una trappola, il perpetuarsi di un antico inganno.

Tutto ciò può sembrare una visione cupa delle cose umane, ma data l’evidenza della esperienza storica (per non parlare dei fatti di attualità), non si può dire che sia errata o esagerata.

Razionalità non-ordinaria.

Qualsiasi cosa sia immaginabile, esiste in natura. A. Einstein

Se si intendono seguire realmente i ragionamenti dei veggenti gnostici è necessario tenere a mente un concetto: l’indagine sugli arconti non può esprimersi nei limiti della comune razionalità.

Aristotele osservò che una mente è realmente matura solo quando sia capace di assorbire un’idea senza accettarla; senza ‘comprarla’, come si dice oggi. Dunque da parte mia non ho alcuna intenzione di vendervi la teoria gnostica degli arconti. Mi propongo invece di esaminarla e sondarla; tutto qui. L’equanimità è essenziale quando ci si accosta a simili argomenti. Inoltre, questo studio richiede l’applicazione di una facoltà speciale che potrebbe essere denominata razionalità non-ordinaria,

Quando i fans della serie Star Trek discutono animatamente dei personaggi e degli eventi della serie, essi fanno uso della razionalità non-ordinaria.

Nei cosiddetti giochi di ruolo, i giocatori assumono una identità fittizia, ed il gioco consiste nel comportarsi in modo coerente rispetto alla identità impersonata, attraverso una sorta di razionalità virtuale. Sviluppare e mantenere tali codici coinvolge la loro razionalità non-ordinaria.

In effetti, la razionalità non-ordinaria è identica a quella ordinaria, salvo per il fatto cheil suo contesto è immaginato, piuttosto che percepito. I veggenti gnostici erano esperti di razionalità non-ordinaria, e nella interpretazione delle loro esperienze, in uno stato di elevata percettività.

Non tutto nel cosmo o nella psiche umana può essere esaminato e studiato in termini razionali, naturalmente, sebbene il punto non sia questo. Il punto della razionalità non-ordinaria è riuscire a raggiungere una comprensione moderata e sobria di tutti quegli aspetti della esperienza umana che si trovano al di là dei limiti della ordinaria percezione.

Questo breve saggio tratta degli arconti nel contesto dell’esercizio immaginativo proposto da Coco De Mer nel saggio La Nostra Partecipazione al Sogno di Gaia. Ciò che apprenderemo su tali entità e sul rapporto che ci lega ad essi, coinvolgerà la razionalità non ordinaria, ma questo non vuole affatto dire che sia solo una sciocchezza irrazionale. La contemplazione degli arconti non è un esercizio di fantasia, né un gioco di finzione.

Lungi da tutto ciò. Se gli gnostici avevano ragione, è soprattutto studiando la influenza degli arconti che potremo imparare qualcosa sul modo di lavorare delle nostre menti, e riappropriarci del potere sovrano della nostra intelligenza che Sophia avrebbe infuso in tutti noi.

Il Signore degli Arconti.

La Ipostasi (la generazione gerarchica delle diverse dimensioni della realtà- Wikipedia) degli Arconti descrive un ulteriore sviluppo che segue la formazione delle entità arcontiche fetali. Un passo di tale opera asserisce che:
“Fu interposto un velo tra il mondo di sopra ed i regni di sotto, e sotto il velo nacque l’ombra. Alcune delle ombre divennero materia e furono proiettate oltre…

“E la creazione ad opera di Sophia [dal suo impatto] divenne un prodotto [dema] simile a un feto abortito. Modellata dall’ombra, questa cosa assunse una formaplastica e si tramutò in una bestia arrogante simile ad un leone. Era un essere androgino, giacché derivante dalla materia [neutra, inorganica].”


Una lettura attenta di tali passi rivela un dettaglio fondamentale: dopo la formazione embrionale degli arconti, si forma una seconda variante dal “corpo d’ombra”, la quale denota spiccate caratteristiche. La Ipostasi degli Arconti descrive tale entità come “una bestia simile ad un leone arrogante”, ma questa creatura è descritta anche in un altro testo cosmologico, il Vangelo apocrifo di Giovanni (10: 5) come “un essere dal corpo serpentino (drakon) e la testa da leone.”

Dunque, abbiamo due distinte tipologie di arconti:
uno di tipo fetale o embrionale
l’altro di tipo rettiloide

(…) Tale duplice fase con cui si ebbe la loro generazione, rese gli arconti depositari di una natura aggressiva e divisiva che li induce a lottare tra loro.

Il problema viene provvisoriamente risolto quando la tipologia rettiloide assurge ad una posizione dominante rispetto alla massiccia orda di feti, e sull’intero dema. Aprendo gli occhi l’arconte draconiano vide una grande quantità di materia e divenne arrogante, affermando: “Io sono Dio [la divinità unica di queste regioni], e non c’è alcun altro dio a parte me.” (Hyp Arch, 94:20)


Mentre la tipologia fetale è inerte, cristallizata in una fase di sviluppo, il leader rettiloide è aggressivo, territoriale, e dotato di poteri demoniaci. Per prima cosa, è un formidabile mutaforma:

“Ialdabaoth possiede una moltitudine di facce, così da potere dare un volto ad ogni loro desiderio … Ha condiviso il suo fuoco con loro, perciò è diventato il loro signore. Per via della potenza della gloria luminosa di sua madre, è stato chiamato Dio. E non obbedisce al luogo da cui è venuto.” Apocrifo di Giovanni, 11:35-00:10

La rivendicazione da parte del Signore degli Arconti di essere l’unico dio nel cosmo è, manco a dirlo, un momento decisivo nella cosmologia gnostica – se non dello intero processo evolutivo umano. Tutti i testi cosmologici descrivono questo evento, ognuno con lievi variazioni.  Gli gnostici identificano Yaldabaoth con Yahweh o Geova, il dio tribale degli ebrei. Questa divinità non è solo cieca, ma anche stupida e folle (Ipostasi degli Arconti 89: 24-25).

Per gli gnostici la follia è la incapacità di correggere gli errori mentali. La mentalità degli arconti “non può essere rettificata”, e, quel che è peggio, “la natura arcontica non è in grado di svilupparsi”

A causa delle modalità con cui sono stati creati essi non hanno alcuna tendenza alla evoluzione e al cambiamento. Il loro è un sogno alieno sognato dalla biosfera, la vita intelligente di Gaia.

Il concetto di un dio che è al tempo stesso folle e privo di volontà appartiene per lo più allo gnosticismo. Inutile dire che, quando gli gnostici espressero le loro opinioni sulla identità di Geova agli ebrei e ai cristiani, tali concetti non furono ben accolti.

L’apocrifo di Giovanni aggiunge particolari cruciali in merito agli Arconti. Per prima cosa rappresenta un raro esempio in cui Sophia viene esplicitamente definita ‘madre’ degli Arconti. Si aggiunge anche che il Signore degli Arconti “non obbedisce al luogo da cui è venuto.” Questo è un dettaglio rivelatore. Il fatto che il Signore degli Arconti tenda ad allontanarsi dai luoghi che gli dettero i natali, incarna una delle principali preoccupazioni degli gnostici: la tendenza degli arconti a violare le linee di confine. Fin dall’inizio essi si sono dimostrati una specie invasiva.

E’ detto che l’arconte draconiano sia cieco (‘bille’, in copto), dunque non è in grado di vedere il Pleroma nè Sophia. “La cecità verso il mondo spirituale caratterizza gli Arconti”. (Gilhus, p. 17). Vengono chiamati Samael o Saklas. Entrambe i termini rispettivamente in ebraico ed aramaico signifcano ‘cieco.’

Prendere coscienza della cecità degli arconti è di fondamentale importanza ai fini della nostra ricerca sul come essi influenzano l’umanità.

Alias Geova.

Il Signore degli Arconti è stato definito con un nome bizzarro, Yaldabaoth (pronunciato Yall-DAH-buy-OT). Gli studiosi non sono concordi sul significato e la origine di tale nome. Secondo una traduzione significherebbe “il bambino che attraversa lo spazio.” Secondo un’altra “capo dell’orda”. (Jarl Egil Fossum, Il Nome di Dio e l’Angelo del Signore, p. 332-6.)

Le due differenti traduzioni potrebbero riferirsi ad entrambe le tipologie arcontiche. Nell’Antico Testamento il titolo seba’ot YHWH, Yahweh Sebaoth, compare 276 volte vicino al titolo di Dio Padre (Dizionario delle divinità e demoni nella Bibbia, p. 155).


(…) Il nome Yaldabaoth potrebbe semplicemente essere una variante di Geova, il dio padre degli Ebrei. Gli gnostici identificano Geova con il Signore degli Arconti e bollano l’intero mito giudaico della salvezza come un sotterfugio allestito dagli arconti. Quando giunsero alla conclusione che fosse fondamentale per la sopravvivenza dell’umanità una co-evoluzione con Sophia, gli gnostici non si curarono di pensare a quanti individui e gruppi stessero offendendo.

Il loro atteggiamento intransigente e talvolta sprezzante, combinato con la loro incapacità di prevedere l’alto grado di violenza fisica che si abbatté su di loro dopo che osarono sfidare i dettami giudaico-cristiani, senza alcun dubbio alimentarono il clima di fanatismo vizioso che distrusse i Misteri.

La Paura

L’elemento che caratterizza più di ogni altro la condotta degli arconti e i suoi effetti sulla umanità è la paura.

Nello Antico Testamento la paura di Dio è uno degli aspetti principali della esperienza religiosa. La possibilità che la paura umana possa essere fruita come una sorta di nutrimento da parte di alieni invasivi è ampiamente sostenuta nei dibattiti di esopolitica.

Il Secondo Trattato del Grande Seth afferma che l’agenda degli Arconti si baserebbe su due punti: “la paura e la schiavitù”. Gli arconti vorrebbero tenere l’umanità sotto “una continua paura e preoccupazione” (NHLE 1990, p. 367). In altri passaggi si mette in guardia dall’ uso della paura praticato dagli arconti come arma psicologica. In un dettaglio sorprendente di alcune icone gnostiche viene raffigurata la tipologia arcontica rettiloide che regge una sfera tra le fauci, ricordando la icona mitica del serpente che offre il frutto proibito.

Gli gnostici avevano la loro precisa versione di ciò che accadde nel Giardino dell’Eden, eventi nei quali gli arconti sarebbero stati profondamente coinvolti, dunque non dovrebbe sorprendere riscontrare nel mondo gnostico una serie di riferimenti allo scenario paradisiaco che fu teatro di tale primordiale attività cosmica.

  (…) La veggenza gnostica si concretizza in un uso sobrio delle facoltà immaginative, non certamente in una totale fuga in un mondo di finzione. E’ necessario il ricorso a concetti non ordinari per descrivere ciò che sta accadendo sulla Terra, tuttavia lo scenario risulta sviluppato in modo ragionevole e coerente se considerato nell’ambito della cultura gnostica.

Il potere del serpente.

Ialdabaoth veniva descritto come un “serpente dalla testa di leone.” Per gli gnostici il leone rappresentava la forza cieca della procreazione (un’associazione che deriva probabilmente dalle scuole misteriche egiziane, data anche dalla osservazione della forza ed il rumore che producono i leoni durante i loro accoppiamenti nel deserto). Ecco perché la testa leonina sul corpo rettiloide è molto appropriata.

Questo tipo di arconte draconico appare nella iconografia gnostica non perché gli gnostici adorassero i rettiliani; al contrario essi adoperavano tale immagine come un magico scongiuro nei confronti della influenza arcontica, nella stesso modo in cui un teschio effigiato su un’etichetta indica la velenosità di un liquido.

Il serpente dalla testa leonina è stato battezzato dagli Gnostici con nomi magici come Ophis, Knuphis e Abrasax.

Nell’ambito della anatomia occulta del misticismo asiatico e Yoga, tale icona è nota come Kundalini: il potere del serpente. Gli gnostici che praticavano lo yoga Kundalini furono definiti Ofiti, dal greco ophis “serpente.” Tale culto fu condannato dai primi cristiani come adorazione pagana del “serpente”.

I non iniziati tendono a interpretare la immagine del serpente Kundalini in maniera grezza e letterale. Per gli gnostici il serpente dalla testa di leone coronata dai raggi solari non rappresentava solo l’immagine del Signore degli Arconti, ma anche la fonte del potere spirituale che consente agli esseri umani di resistere alle sue insidie.

Questo equivoco legato alla Kundalini non si verificò tra gli studiosi non ortodossi ed esoterici come GRS Mead, Helena Blavatsky, e CW King (Gli Gnostici e i loro Resti) i quali effettuavano il collegamento con naturalezza, così come mitologi comparativi come Joseph Campbell e Alain Danielou.

In Le profondità dello Spazio Esterno, Campbell evidenzia come l’immagine della Kundalini, il “potere del serpente”, appaia nell’arte presso la Valle dell’Indo già nel 2300 aC, e appare in molte antiche culture molto precedenti alla era volgare. Fino al 16° secolo nei talleri d’oro tedeschi era raffigurata la crocifissione su una faccia ed un serpente attorcigliato ad una croce dall’altro.

Perfino in epoche così tarde, Cristo sarebbe stato identificato con la Kundalini – senza una vaga idea del perché, comunque – ma per gli gnostici il serpente in croce rappresentava un annullamento del potere salvifico attribuito alla crocifissione (cioè, la glorificazione della sofferenza come forza redentrice).

Il risveglio della Kundalini produce estasi, innesca una super-coscienza, apre le facoltà occulte e le onde dei rilasci di energia di guarigione che si manifestano al livello corporeo con secrezioni fisiologiche e ormonali. Come il mitico serpente a guardia dell’albero della conoscenza nella Genesi, la Kundalini era “il messaggero di salvezza” per gli gnostici. In un rovesciamento completo della lettura abituale della Caduta, gli Gnostici considerano il serpente come un alleato spirituale per la umanità primordiale:
“Il primo a tentare di liberare l’umanità dallo stato di schiavitù impostole da un dio inconsapevole che spacciandosi per lo Assoluto, sbarrava la via verso l’albero della vita eterna.” (Campbell, pag 78).

Il dio inconsapevole che si identificava falsamente con l’Assoluto era Yaldabaoth, alias Geova. Gli gnostici insegnavano che il nous, intelligenza spirituale di cui è dotata la umanità, sarebbe inibita dalla intrusione arcontica, una sorta di invasione subliminale a livello del pensiero e del linguaggio (ad esempio, la sintassi mentale).

Il Nous può essere liberato mediante l’accesso al potere della Kundalini, una corrente estatica la quale di solito è latente nel corpo degli esseri umani.

(…) Con la espressione ‘pneumatici’ gli gnostici solevano identificare gli esseri umani che perseguono il sentiero della illuminazione psicosomatica, il metodo chiave della religione gnostica. Lo Pneuma, la “forza spirituale”, si sviluppa con la coltivazione del nous, la ‘intelligenza superiore.’ Gli arconti tuttavia frappongono un campo cieco di resistenza contro tale processo: in breve, operano affinché gli esseri umani restino ignoranti in merito al loro intrinseco potenziale spirituale.

Quando la Kundalini si risveglia, la persona si apre come un fiore ad una sorta di intelligenza superiore. Alcune sette gnostiche come gli Ofiti praticano lo ‘allevamento’ collettivo della Kundalini per produrre una protezione contro le intrusioni arcontiche. In effetti, per preservare la Kundalini, trattengono la loro energia sessuale allo interno del corpo, quale principale strumento di difesa contro la influenza degli arconti.

(…) La parola greca phthonos può essere tradotta come “gelosia” o “invidia.” Gli gnostici consideravano l’invidia come la firma degli arconti, la principale ‘falla’ che ci renderebbe vulnerabili alla intrusione arcontica.

La “tutela della Luce” viene attivata mediante la Kundalini, spesso descritta come un fulmine/subisso di luce elettrificata che si espande lungo il corpo.

“Nymphion” è una parola in codice per definire la condizione di protezione psicofisica generata da alti livelli di Kundalini.

Sir John Woodruffe, primo divulgatore occidentale dei principi della saggezza tantrica indù, equiparò la pratica del Kundalini yoga (elevazione del potere del serpente mediante i chakra della colonna vertebrale) con i riti gnostici del “culto del serpente” (Shakti e Shakta, p. 191 ss.).

(…) La immagine del leone-serpente fu effigiata in molte forme nei geroglifici sulle pareti del tempio di Horus a Edfu, a quaranta chilometri a sud di Nag Hammadi. Nelle celebrazioni egizie del culto di Hathor, il leone-serpente rappresentava la “stirpe reale” del faraone. Il bambino reale Horus fu spesso raffigurato nel gesto di succhiarsi un dito, il quale ricorda vividamente la postura con cui venivano raffigurati gli arconti embrionali.


E’ possibile che i sacerdoti egiziani delegati alla educazione dei giovani membri delle dinastie possedessero una profonda conoscenza della Kundalini e della influenza arcontica?

Il serpente Kundalini venne raffigurato nella arte sacra egizia come un cobra eretto, o una coppia di cobra talvolta attorcigliati intorno ad un bastone, oppure dallo ureo, copricapo a forma di cobra indossato dalla divinità.

La treccia cerimoniale sul lato della testa di Horus rappresenta un’altra indicazione del potere del serpente. La treccia faraonica, tradizionalmente indossata sul lato destro della testa, ripete visivamente la forma dei cobra spermatici di Edfu.

L’immaginario esoterico del potere del serpente opera contemporaneamente su vari livelli. Vedremo come il complesso simbolismo biologico del mito gnostico ha molto da insegnarci sulla natura degli arconti, e su come possiamo resistergli.

Lo Stupro di Eva.

Ialdabaoth è anche definito Archigenetor, cioè “padrone degli allevatori.” (Ap Giovanni II, 12, 25)

Gli gnostici, la cui etica è coerente alla loro cosmologia, reputano la procreazione biologica – in quanto atto involontario – un meccanismo irrazionale che rinforza il potere arcontico. Proprio come Ialdabaoth essi allevano le loro creature e possono anche essere coinvolti in incroci con gli esseri umani, la qual cosa è decisamente uno degli elementi più sconcertanti del mito di Sophia.

Diversi testi descrivono il tentativo degli Arconti di ‘violentare Eva’, di inseminare cioè la specie umana. Gli stessi testi chiariscono tuttavia come l’obiettivo non venga mai conseguito.

La Ipostasi degli Arconti descrive questo episodio:
“Poi gli arconti si avvicinarono ad Adamo, e vedendo la sua controparte femminile divennero molto agitati ed eccitati. Si dissero l’un l’altro: «Venite, andiamo a seminare il nostro seme in lei”, e tentarono di catturarla. Tuttavia ella – madre dei viventi – derise la loro incoscienza e cecità mutandosi in albero, e lasciò che essi si impadronissero del suo riflesso”

Questo passo dimostra la raffinatezza immaginale della visione gnostica. I veggenti gnostici narrarono del tentativo di inseminazione di Eva da parte degli arconti, interferendo così nella genetica umana, ma allo stesso tempo osservarono come il tentativo si rivelò un fallimento. La metamorfosi di Eva in albero ricorda il mito greco di Daphne, la quale si trasformò in alloro.

(Tale parallelo dimostra ancora una volta come la cosmo-mitologia gnostica non sia stata un colpo di fortuna, ma un sistema di conoscenze visionario profondamente radicato nella mente dei pre-cristiani.)

Tramite gli stati alterati di coscienza i veggenti gnostici riuscirono ad intuire elementi che con il passare dei secoli stanno rivelandosi empiricamente veri e dimostrabili. In tempi antichissimi essi furono in grado di sviluppare molte straordinarie intuizioni circa i mondi non visibili, le attività degli dei, il rapporto tra umanità e specie aliene, e la pluriennale esperienza della specie umana.

Come appena narrato, gli arconti non riuscirono a catturare Eva, tuttavia in qualche modo si impadronirono della sua ombra, del suo riflesso. Ciò implica che, sebbene gli arconti non siano in grado di accedere alla nostra struttura genetica, sarebbero in grado di influenzare o distorcere la nostra immagine della donna, del femminile, ed in questo senso – in maniera indiretta – sarebbero realmente riusciti a stuprare Eva.

Come spesso accade, l’intuizione gnostica in ordine cosmico ci sfida a comprendere cosa stia succedendo nelle nostre menti. E’ possibile che noi esseri umani abbiamo profanato l’immagine della donna? Per esempio, imponendo alle donne una nozione di identità artificiale, una falsificazione della propria vera natura? Se è così, tale distorsione è identificata dagli gnostici come la conseguenza dello stupro di Eva da parte degli arconti.

(…)il vecchio stregone Yaqui, Don Juan, rivela a Castañeda: “Gli esseri umani si trovano impegnati in un cammino di consapevolezza momentaneamente interrotto da forze estranee.”

Tutto ciò che impariamo sugli arconti potrebbe insegnarci qualcosa di importante circa noi stessi.

ET/Archon Navigator

Fonte: web.archive metahistory.org

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

  • SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
  • IBAN:  IT19B0306967684510332613282
  • INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
  • SWIFT: BCITITMM
  • CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code