toba60

L’enorme Bomba del Debito Cinese è Destinata a Esplodere Quando i Titolari di Mutui e i Fornitori si Rifiutano di Pagare i Prestiti

Se esiste ancora qualche idiota che sta investendo in case o immobili forse dovrebbe informarsi bene su quello che sta accadendo in giro per il mondo, a differenza di un tempo non c’è alcuna possibilità di tornare indietro ……il potenziale cretino in questo momento ha in mano un cerino accesso che tra breve sortirà il suo effetto naturale.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

L’enorme Bomba del Debito Cinese

Nella Cina comunista sta per esplodere un’enorme bomba di debito che rischia sempre più di devastare l’economia del Paese in un modo che potrebbe rivaleggiare con la Grande Depressione dell’America degli anni Trenta.

Secondo quanto riferito, gli acquirenti di case cinesi stanno boicottando il pagamento dei mutui, il che ha indotto il governo della Cina comunista a fare i salti mortali per evitare un crollo dell’economia in quello che è il più grande patrimonio del mondo.

In uno stridente caso di studio di ciò che accade quando uno schema ponzi va in retromarcia, centinaia di appaltatori dell’industria immobiliare hanno denunciato di non potersi più permettere di pagare le proprie fatture perché gli sviluppatori, tra cui il gruppo comunista cinese Evergrande, devono loro ancora dei soldi, ha riferito Caixin, citando una dichiarazione ricevuta da un fornitore martedì.

Come gli acquirenti di case che hanno preso posizione e si rifiutano di pagare per le proprietà che rimangono incompiute, un gruppo di piccole imprese e fornitori ha diffuso una lettera online in cui afferma che smetterà di rimborsare i debiti dopo che la crisi di liquidità di Evergrande li ha lasciati senza soldi.

“Abbiamo deciso di non pagare più tutti i prestiti e gli arretrati e di consigliare ai nostri colleghi di rifiutare qualsiasi richiesta di pagamento a credito o di fattura commerciale”, si legge nella lettera del 15 luglio, indirizzata alla sede di Hubei del costruttore.

Secondo Zero Hedge, “Evergrande dovrebbe essere ritenuta responsabile di qualsiasi conseguenza derivante dalla reazione a catena della crisi della catena di fornitura”.

L’outlet ha poi citato Bloomberg News che ha affermato che: “La protesta per i pagamenti è l’ultimo segno di come il movimento degli acquirenti di case per boicottare i mutui sulle case incompiute nella Cina comunista si stia diffondendo per influenzare altri settori dell’economia”.

Sì, ed è anche il motivo per cui Pechino dovrebbe dare di matto (se non lo sta facendo), perché quello che sta accadendo nella Cina comunista è molto peggio di quello che è successo nel marzo 2020 quando la macchina del credito globale si è fermata, solo che allora era perché non c’erano altre opzioni, ora si tratta di uno sviluppo volontario e nemmeno il timore di rappresaglie da parte della dittatura cinese, spietata, autoritaria e amata da Lebron, impedisce a milioni di persone di chiedere un boicottaggio sistemico, in grado di far crollare in pochi istanti l’intero sistema finanziario cinese da 60.000 miliardi di dollari.

“Lo sviluppo sottolinea un dilemma per il governo di Xi Jinping, alle prese con la scelta di chi salvare mentre la crisi immobiliare del Paese si aggrava: L’aiuto ad alcuni mutuatari potrebbe provocare minacce di mancato pagamento da parte di molti altri”, ha aggiunto Bloomberg News. “Se da un lato piegarsi alle richieste di sostegno potrebbe mettere a dura prova le finanze statali, dall’altro ignorarle potrebbe portare a una spirale di inadempienze, dato che un numero sempre maggiore di mutuatari si rifiuta di onorare i propri obblighi”.

La Cina comunista rimane la seconda economia mondiale con circa 17.000 miliardi di dollari all’anno, dietro ai quasi 23.000 miliardi di dollari degli Stati Uniti (che sarebbero migliaia di miliardi in più se non fossimo guidati da una mafia democratica di sinistra che odia i combustibili fossili) e ben più avanti della terza economia giapponese con circa 5.000 miliardi di dollari. Quindi, se l’economia cinese dovesse crollare, si può capire quanto facilmente il crollo si diffonderebbe in tutto il mondo, soprattutto perché i cinesi producono gran parte di ciò che i consumatori di tutto il mondo utilizzano quotidianamente.

Il rapporto di Zero Hedge ha inoltre sottolineato che il boicottaggio dei mutui per l’acquisto di case è iniziato seriamente a giugno, ma si è esteso anche ai fornitori di edifici – circa 301 aziende situate in 91 città. E la situazione è destinata a peggiorare, per cui è bene pianificare di conseguenza.

Fonti: ZeroHedge.com & Bloomberg & Natural News & ussanews.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code