toba60

L’Europa ha Abbandonato Silenziosamente l’Ucraina Interrompendo gli Aiuti Militari Ne sapevate Qualcosa?

Nel mondo in cui viviamo si sanno tante cose tranne quelle che contano veramente.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

L’Europa ha Abbandonato Silenziosamente l’Ucraina Interrompendo gli Aiuti Militari

Secondo l’Istituto tedesco Kiel per l’economia mondiale (IfW), per la prima volta dallo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina nel febbraio 2022, i sei maggiori Paesi europei non hanno fornito nuovi impegni militari all’Ucraina.

Il Regno Unito, la Polonia, la Spagna, la Germania, l’Italia e la Francia non avevano assunto nuovi impegni militari nel luglio 2022. Questo è apparso come un sottile proclama che l’Europa sta “abbandonando” Kyiv senza una parola. Ironia della sorte, queste nazioni sono state tra le più fedeli sostenitrici dell’Ucraina durante i primi giorni del conflitto. (Christoph Trebesch, capo del team dell’IfW’s Ukraine Support Tracker, ha citato i dati del suo gruppo che rivelano che gli impegni europei per gli aiuti militari sono in calo dall’aprile 2022.

“Nonostante la guerra sia entrata in una fase critica, le nuove iniziative di aiuto si sono esaurite”, ha dichiarato. Le cause di questo lento abbandono sono molteplici, tra cui il fatto che l’Ucraina si colloca nel terzo inferiore dell’indice di corruzione di Transparency International. Inoltre, ben il 70% delle armi spedite al fronte ucraino non arriva alle truppe, e gran parte di esse finisce nel mercato nero.

Gli Stati Uniti, nel frattempo, hanno annunciato un pacchetto di armi e forniture all’Ucraina per 775 milioni di dollari. Il pacchetto di armi consiste in 40 veicoli blindati, 1.000 missili anticarro Javelin, 16 missili HIMARS (High Mobility Artillery Rocket System) e missili antiradiazioni ad alta velocità. Le unità HIMARS sono state limitate a 16 per non bruciare le scorte del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DOD). Ma l’esasperazione per la guerra in Ucraina non è presente solo in Europa. Anche gli Stati Uniti, che erano stati molto ansiosi di inviare armi a Kiev, hanno espresso una prospettiva piuttosto cupa.

Secondo un articolo del New York Times, la Casa Bianca diffida del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Un alto funzionario del Dipartimento della Difesa ha anche ammesso che Kyiv non ha abbastanza truppe per cacciare i russi dalle loro posizioni.

L’uso di scudi umani da parte di Kyiv prolunga la guerra

La guerra tra Russia e Ucraina si è trascinata troppo a lungo, oltre le previsioni. Ciò è dovuto a diverse ragioni, tra cui la militarizzazione delle aree residenziali da parte di Kyiv come parte della tattica degli scudi umani. Un recente rapporto di Amnesty International (AI) ha elaborato queste accuse, ribadendo che l’Ucraina non è esente dal diritto internazionale anche se è impegnata in un conflitto con la Russia.

“L’esercito ucraino ha messo in pericolo i civili stabilendo basi e operando sistemi d’arma in aree residenziali – comprese scuole e ospedali mentre cercava di respingere l’invasione russa”, ha dichiarato AI in un comunicato stampa. Il gruppo ha anche trovato prove di soldati sostenuti da Kyiv che “lanciano attacchi da aree residenziali” e “si basano in edifici civili”. Inoltre, le unità militari ucraine “utilizzavano gli ospedali come basi militari de facto” e avevano stabilito “basi nelle scuole di città e villaggi”.

“Abbiamo documentato che le forze ucraine mettono a rischio i civili e violano le leggi di guerra quando operano in aree popolate”, ha dichiarato il Segretario generale dell’AI Agnes Callamard. “Essere in posizione difensiva non esime i militari ucraini dal rispettare il diritto internazionale umanitario”. Seguite UkraineWitness.com per ulteriori notizie sulla guerra dell’Ucraina contro la Russia. Guardate il video qui o sopra sui 400 milioni di dollari di aiuti militari statunitensi all’Ucraina.

Kevinhughes

Fonti: politico.eu & GlobalResearch.ca & Amnesty.org.uk

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code