toba60

L’Immunità di Gregge delle Aziende Farmaceutiche

Io personalmente ho capito una sola cosa da tutta questa pantomima dei vaccini, ed e’ che gli unici che hanno una immunità’ completa sono le industrie farmaceutiche, che possono inoculare dentro ognuno di noi tutto quello che vogliono senza che nessuno possa rivendicare nulla nel caso qualcosa andasse storto.

E ora voglio farvi una domanda …di quelle cattive come piacciono a me, quanti di voi andrebbero a comperare una macchina senza avere un certificato di garanzia, senza una clausola, un misero foglietto di carta che vi dice che se avete qualche inconveniente potete avere un supporto tecnico che risolva il problema.

E’ la la follia allo stato puro ……un comune mortale cambierebbe concessionario andrebbe in treno o a piedi piuttosto, ma con la disinvoltura di chi si getta dal pianerottolo di casa ”senza ascensore”, accetta incondizionatamente nel caso specifico, di iniettarsi un vaccino nella speranza che ”tutto vada bene”.

O io non appartengo al genere umano o la comunità’ mondiale senza farmi sapere nulla ha cambiato le regole del gioco o sto vivendo un incubo da cui spero di uscirne integro una volta svegliato.

La macchina e’ molto più importante della vita umana…….

Questo e’ un altro insegnamento che ho appreso da tutta questa ”Storia Infinita”.

Toba60

L’Immunità delle industrie Faramcaceutiche

Lo scandaloso sostegno del capitale da parte dello Stato si riflette ancora più chiaramente nell’immunità civile e legale di cui godono le compagnie farmaceutiche che producono i vaccini.

Negli Stati Uniti (e in molti altri paesi) se qualcuno subisce un danno alla salute a causa di un vaccino, non può fare causa al produttore del vaccino. Lo stesso vale se si muore per uno degli effetti collaterali di un vaccino.

Per quanto riguarda le cause legali, esse sono ammesse in teoria, ma in pratica sono poche le vittime alle quali viene riconosciuto un nesso causale tra i vaccini e il danno che hanno subito, e gli importi dei risarcimenti sono esigui.

Nel 1986 il governo degli Stati Uniti ha legiferato l’immunità per le aziende farmaceutiche che producono vaccini per bambini, approvando il National Childhood Vaccine Injury Act (NCVIA).

Questa legge del 1986, entrata in vigore nel 1988, ha stabilito il cosiddetto “National Vaccine Injury Compensation Program” (VICP).

Questo programma era una specie di “tribunale dei vaccini” del Ministero della Salute, che prendeva decisioni sui risarcimenti per coloro che avevano subito danni alla loro salute dai vaccini.

Dalla sua nascita ad oggi, cioè su un periodo di circa 30 anni, il “tribunale dei vaccini” ha rivendicato solo il 31% dei querelanti, assegnando loro un totale di 4,5 miliardi di dollari. Notiamo che questi danni non sono stati pagati dalle case farmaceutiche, ma dallo stato americano con i soldi dei figli dei suoi contribuenti.

Negli anni seguenti, le vendite di vaccini negli Stati Uniti cominciarono ad aumentare drasticamente, raggiungendo il loro picco negli ultimi quindici anni. Nel 2020, le entrate dell’industria farmaceutica statunitense dalle sole vendite di vaccini hanno raggiunto i 60 miliardi, essendo quasi raddoppiate rispetto al 2014.

La rete televisiva CNBC ha chiamato questa protezione-sicurezza delle aziende farmaceutiche “senza precedenti” e Rogge Dunn, un avvocato specializzato in questioni di lavoro, in una dichiarazione alla rete, ha spiegato in modo chiaro dove questo è dovuto:

“Quando il governo ha detto: vogliamo che lo produciate quattro o cinque volte più velocemente di quanto fate normalmente, i produttori probabilmente hanno detto al governo: vogliamo che voi, il governo, ci proteggiate da cause multimilionarie”.

Ricordiamo che un’immunità simile è goduta in Grecia e in molti altri paesi da tutte le aziende che hanno prodotto i vaccini COVID-19. In Grecia, per prendere questo vaccino, si richiede di dare un consenso verbale o di firmare – tra le altre cose – che si “comprende i possibili effetti avversi del vaccino”.

AstraZeneca ha chiesto e ottenuto l’immunità, il che significa che nei paesi in cui il suo vaccino è stato commercializzato, i loro governi le hanno fornito piena copertura legale, accettando la sua richiesta se declina la responsabilità per i possibili effetti collaterali del suo vaccino.

Recentemente Ruud Dobber, un alto dirigente dell’azienda, ha detto che la maggior parte dei paesi con cui aveva firmato accordi di fornitura aveva già accettato la loro richiesta, ma ha rifiutato di nominare quali paesi. Dobber ha anche dichiarato che AstraZeneca

“non può assumersi il rischio di affrontare qualsiasi responsabilità se in quattro anni il vaccino sviluppa effetti collaterali”.

Negli Stati Uniti, un’immunità legale simile è disponibile per la FDA, tutte le agenzie governative e naturalmente il governo.

Come ha spiegato alla CNBC Dorit Rubinstein Reiss, professore alla University of California Hastings School of Law, questo è perché godono dei privilegi della cosiddetta immunità sovrana. Questo concetto è un residuo del diritto britannico, che proteggeva il monarca britannico, e dopo la rivoluzione americana è rimasto nel diritto statunitense per fornire protezione legale ai suoi successori.

Per quanto riguarda i datori di lavoro, negli Stati Uniti, l’Emergency Situations Act del 2005 dà loro il diritto di esigere la vaccinazione di uno schiavo asservito come condizione per continuare a lavorare per loro.

Così come l’OMS, va notato, non è soggetto al controllo pubblico come lo sono le organizzazioni non profit. I documenti interni dell’OMS non sono disponibili per la libertà d’informazione e la maggior parte dei contratti finanziari dell’OMS sono segreti.

Fonte: halithheia.blogspot.com

Novità letteraria di Toba60 IL mondo non e’ quello che sembra Digita Qui

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code