toba60

L’incredibile Potere del Linguaggio

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quanto avviene attorno a noi è la logica conseguenza di un interazione verbale la quale condiziona e induce le persone ad agire e pensare in una determinata maniera.

Erich Fromm

Che ciò avvenga a scuola, nelle pubbliche relazioni, in politica o in qualsiasi ambito della vita sociale, tutto verte da una base che poggia le sue fondamenta nel linguaggio, il quale riveste un ruolo assai sottovalutato.

Erich Fromm non smetteva mai di ricordare alla gente di ……

non ascoltare mai quello che dice un politico, ma osserva attentamente come si allaccia le scarpe.

Toba60

L’incredibile Potere del Linguaggio

Le parole hanno un potere incredibile. Quando sono usate in modo poetico, possono evocare la più primordiale delle passioni dentro di noi. Se usate in modo distruttivo, possono fare la guerra e creare conflitti. Se usate in modo immaginativo, possono creare fantastici mondi di fantasia.

Se usati in modo persuasivo, possono sedurci nelle vuote promesse della pubblicità commerciale. Se usate benevolmente, possono facilitare il cambiamento sociale, economico e politico. Le parole possono essere usate per controllarci, motivarci e ispirarci, eppure molti di noi non sono consapevoli del loro nascosto potere esoterico.

Si potrebbe dire che le parole hanno una vita propria. Hanno una realtà indipendente dalla nostra stessa esistenza. Come ha osservato lo scrittore William Burroughs, certe parole e frasi funzionano in modo simile a un virus ; si diffondono da persona a persona fino a quando si incorporano nella nostra coscienza collettiva. Basta guardare gli innumerevoli memi che diventano ‘virali’ su internet per riconoscere la loro qualità intrinsecamente infettiva.

Il biologo e scrittore Richard Dawkins sostiene che le parole operano in modo simile al DNA. Concetti e idee combattono l’uno contro l’altro per la sopravvivenza e quelli che hanno successo si diffondono nelle società. Egli scrive: “Proprio come i geni si propagano nel pool genetico saltando da un corpo all’altro attraverso gli spermatozoi o le uova, così i memi si propagano nel pool dei memi saltando da un cervello all’altro attraverso un processo che, in senso lato, può essere chiamato imitazione”

I politici sono particolarmente consapevoli del potere che il linguaggio ha su di noi. Durante la campagna presidenziale statunitense del 2008, Barack Obama ha impiegato un lessico di ‘speranza’ per instillare un sentimento di ottimismo nelle comunità emarginate e per immaginare un’America più compassionevole.

Quando Donald Trump è stato eletto alla Casa Bianca nel 2016, il termine ‘fatti alternativi’ è diventato popolare tra la destra conservatrice della politica per screditare ciò che le diverse agenzie di stampa stavano riportando sui vari scandali che circondavano la nuova amministrazione. L’uso della retorica si è rivelato molto importante durante il referendum britannico “Brexit” del 2016, che ha visto entrambi i lati dello spettro politico usare un linguaggio altamente emotivo per dividere gli elettori su questioni chiave.

Come osserva il linguista Noam Chomsky, le parole sono l’ultima moneta del potere politico e vengono manipolate per creare un senso di appartenenza tribale all’interno di certe fazioni elettorali.

Anche le imprese commerciali sono consapevoli degli effetti ipnotici del linguaggio. Ogni anno, le corporazioni spendono miliardi di dollari investendo in campagne pubblicitarie per promuovere i prodotti e mirare alle fasce demografiche dei consumatori.

Il più delle volte, usano un linguaggio carico parole con connotazioni positive o negative per descrivere un prodotto o quello di un concorrente. Queste parole fanno appello alle emozioni dei consumatori, piuttosto che alle loro facoltà logiche, feticizzando così il prodotto venduto. Per anni, la Coca-Cola Company ha usato la frase “la pausa che rinfresca”, per trasmettere l’immagine (e impiantare il ricordo) del rinfresco provocato dal consumo di una bottiglia di coca frizzante.

Queste frasi pubblicitarie hanno una qualità memetica e si incastrano nel nostro inconscio collettivo, acquisendo uno status mitologico quando vengono trasmesse da persona a persona.

Occultisti, mistici e sciamani hanno sempre conosciuto il potere delle parole. Basta guardare a religioni come l’induismo e il buddismo e all’uso dei mantra per riconoscere come il linguaggio invochi intensi sentimenti di connessione spirituale. Nella cosmologia cristiana, uno dei suoi precetti chiave recita: “In principio era il Verbo, e il Verbo era con Dio e il Verbo era Dio”. In tutte le forme di magia e occultismo, le parole segrete e le combinazioni di parole erano di fondamentale importanza. Il fatto che la parola “incantesimo” sia usata per indicare l’organizzazione di certe parole testimonia il potere magico del linguaggio.

Ma quanto è potente il linguaggio?

Sappiamo che il linguaggio può influenzare il nostro modo di sentire, ma può anche plasmare la nostra percezione? Fino a che punto le nostre esperienze del mondo sono influenzate dalle modalità di comunicazione che usiamo ogni giorno?

Korzybski e la semantica generale

Nel 1933, lo studioso polacco-americano Alfred Korzybski pubblicò la sua opera seminale, Science and Sanity: An Introduction to Non-Aristotelian Systems and General Semantics. Il libro stabilì una nuova scuola di pensiero, la Semantica Generale, che studia la relazione tra linguaggio e realtà.

Anche se il libro fu criticato al momento della pubblicazione, le idee di Korzybski furono successivamente sviluppate dall’accademico americano S.I. Hayakawa in Language in Thought and Action. Da allora, la Semantica Generale è diventata una filosofia sistematica della linguistica, influenzando una varietà di discipline accademiche.

Come ha notato il linguista americano Benjamin Lee Whorf, la Semantica Generale è l’esame di come il linguaggio “isola il mondo dei fenomeni in categorie e organizza le categorie nelle nostre menti per mezzo del nostro sistema linguistico; le nostre comunità linguistiche codificano lentamente i modelli del linguaggio in modo tale che i suoi termini diventano assoluti e obbligatori e quindi non possiamo comunicare senza sottoscrivere l’organizzazione e le classificazioni che il linguaggio decreta”.

La prima premessa della Semantica Generale è che il linguaggio non costituisce mai la realtà ma si limita a descriverla. Come affermava Korzybski, “ogni linguaggio che ha una struttura, per la natura stessa del linguaggio, riflette nella propria struttura quella del mondo come assunta da coloro che evolvono il linguaggio”.

Poiché il linguaggio è diagrammatico, le parole che usiamo non sono mai uguali all’evento, persona, oggetto o esperienza che stiamo descrivendo. Per esempio, un individuo che ha agito al di fuori della legge può essere descritto come “criminale”, tuttavia, un’altra persona può descriverlo come “responsabile” perché è un buon padre per i suoi figli; nessuna delle due descrizioni è vera ma nemmeno falsa.

In questo senso, il linguaggio non può essere considerato una rappresentazione del mondo poiché dipende dalla categorizzazione escludente dei fenomeni per funzionare efficacemente come strumento comunicativo.

La seconda premessa della semantica generale è che il linguaggio non descrive mai la realtà nella sua interezza. Korzybski disse notoriamente che “la mappa non è il territorio”. Per esempio, quando descrivo una persona come ‘felice’, sto escludendo tutte le volte che ha provato rabbia, depressione o gelosia.

Quando descrivo una persona come ‘rispettabile’, sto trascurando tutte le volte che ha saltato un semaforo rosso o si è infilata in una coda. In altre parole, i nostri modelli linguistici possono essere considerati imprecisi poiché descrivono eventi, esperienze, oggetti e persone da una singola posizione dello spazio-tempo, piuttosto che tutte le potenzialità simultaneamente.

La terza premessa della Semantica Generale è che per poter usare il linguaggio in modo più significativo, dobbiamo costantemente rivalutare le nostre assunzioni sulla realtà. Come affermava Korzybski, “nessuna mappa può essere accurata se non contiene se stessa all’interno della mappa”. Cioè, quando tentiamo di descrivere la realtà usando un particolare modello linguistico, dobbiamo essere consapevoli che le nostre descrizioni sono limitate dalle informazioni che abbiamo in quel particolare momento.

Per esempio, prima della teoria della relatività di Einstein, era comune per gli scienziati descrivere lo spazio e il tempo come aspetti separati dell’universo fisico; ora li descriviamo come parte di un continuum spazio-temporale. In questo senso, tutti i modelli linguistici sono basati sulla conoscenza limitata che abbiamo del mondo che ci circonda; devono essere costantemente aggiornati e rivisti per tenere conto dei recenti sviluppi della nostra comprensione.

Come ha osservato Korzybski, il linguaggio può influenzare i nostri pensieri, sentimenti e comportamenti. Posso chiamare una persona “idiota” perché si è comportata in modo sciocco o ha commesso un errore di giudizio, ma etichettarla in modo così categorico può indurmi ad agire in modo diverso rispetto a quando ho detto: “in questo particolare momento, in questo particolare luogo, questa persona si sta comportando in modo sciocco”.

Riconoscendo i presupposti che stanno alla base dei nostri modelli linguistici, possiamo diventare più pragmatici nelle nostre descrizioni del mondo; possiamo assumere un maggiore controllo sul linguaggio e usarlo a nostro vantaggio. L’autore, poeta e futurista americano Robert Anton Wilson ha detto: “Coloro che controllano i simboli controllano noi. Si potrebbe anche dire che coloro che controllano i simboli hanno ipnotizzato il mondo intero. È meglio che tu stesso diventi un controllore di simboli o rimarrai in trance, una trance ideativa auto-ipnotica che qualcun altro ti ha imposto”.

Korzybski non è il solo a pensare che il linguaggio e il pensiero siano inestricabilmente legati. La scienziata cognitiva Lera Boroditsky sostiene che “i processi linguistici sono pervasivi nella maggior parte dei domini fondamentali del pensiero, e ci modellano inconsciamente dalle nozioni e dai bulloni della cognizione e della percezione alle nostre nozioni astratte più elevate e alle principali decisioni di vita”.

Anche David Ludden, professore di psicologia al Georgia Gwinnett College, ritiene che “ogni lingua scolpisce il mondo in modo diverso… ogni lingua fornisce ai suoi parlanti una particolare visione del mondo che non sarà esattamente la stessa di quella dei parlanti di altre lingue. In altre parole, vediamo il mondo secondo il quadro cognitivis

Se ci pensate, la nozione che il linguaggio e la cognizione sono fondamentalmente connessi non è particolarmente radicale; i nostri pensieri, sentimenti e comportamenti sono costantemente influenzati dalla nostra scelta di parole.

Chiunque sia stato vicino a una persona con un atteggiamento eccezionalmente ottimista sa che la positività è contagiosa, si trasmette. Allo stesso modo, le parole e le frasi negative diventano parte di un ciclo di feedback psicologico che rafforza i nostri sentimenti di depressione e negatività.

La pubblicità è uno strumento così potente del sistema capitalista perché il linguaggio può essere strategicamente usato per metterci in uno stato di emozione ipnoticamente indotto, per cui associamo certi sentimenti a specifiche parole, loghi ed espressioni.

Linguaggio e percezione sensoriale

Molti accademici criticano l’affermazione di Korzybski che il linguaggio dà forma all’esperienza, sostenendo che i nostri modelli linguistici incarnano la struttura neurologica del cervello. Tuttavia, le ricerche scientifiche sulla relazione tra linguaggio e percezione sensoriale dimostrano che la portata del nostro vocabolario può effettivamente modificare le nostre esperienze della realtà.

Nel 2008, gli psicologi dell’Università di Londra hanno testato come i parlanti di inglese e Himba una lingua parlata nel nord della Namibia classificano i colori presentati loro sullo schermo di un computer. La lingua Himba classifica i colori in modo diverso dall’inglese. Per esempio, l’Himba non contiene parole separate per il verde e il blu (entrambi usano la parola buru), mentre l’inglese sì. Inoltre, gli Himba usano parole diverse per distinguere le varie tonalità di verde (dambu e zuzu per il verde chiaro e scuro), mentre l’inglese classifica sia il verde scuro che il verde chiaro come membri della categoria generale ‘green’.

I ricercatori hanno scoperto che questa differenza linguistica si traduceva anche in una differenza percettiva: quando veniva mostrato un cerchio con 11 quadrati verdi e uno blu, i parlanti Himba faticavano a indicare quale fosse diverso dagli altri. Tuttavia, quando sono stati presentati 12 quadrati verdi, uno dei quali era leggermente più chiaro degli altri, il modello si è invertito: i parlanti Himba hanno prontamente identificato la tonalità diversa, mentre i parlanti inglesi non sono riusciti a farlo.

In altre parole, i parlanti di entrambe le lingue erano più bravi a distinguere i colori che avevano una distinzione linguistica nella loro lingua. Gli anglofoni, la cui lingua classifica separatamente il “verde” e il “blu”, hanno trovato più facile distinguere tra i due. I parlanti Himba, invece, la cui lingua codifica le differenze tra le sfumature di verde, non hanno avuto difficoltà a distinguere tra le varie tonalità di verde.

Allo stesso modo, uno studio condotto da Jonathan Winawer e dai suoi colleghi ricercatori del Massachusetts Institute of Technology ha scoperto che i madrelingua russi discriminano le sfumature chiare e scure del blu in modo diverso dalle loro controparti di lingua inglese.

A differenza dell’inglese, la lingua russa fa una distinzione linguistica tra il blu chiaro, pronunciato ‘goluboy’, e il blu scuro, pronunciato ‘siniy’. I ricercatori hanno testato i parlanti inglesi e russi in un compito di discriminazione cromatica a tempo, utilizzando stimoli blu che coprivano il confine siniy/goluboy.

I dati hanno rivelato che i parlanti russi erano molto più veloci a discriminare tra i due colori a causa di questa differenziazione linguistica. La ricerca dimostra che quando le persone hanno accesso a un vocabolario più ampio per descrivere i colori, la loro percezione sensoriale del colore diventa effettivamente più acuta.

Si scopre che anche le strutture grammaticali possono influenzare la percezione. Molte lingue sono di genere, il che significa che i parlanti devono modificare pronomi, aggettivi e terminazioni verbali a seconda che un nome sia “femminile” o “maschile”.

Nella lingua russa, per esempio, la parola ‘sedia’ è considerata maschile e quindi ogni frase che contiene la parola deve aderire a una struttura grammaticale ‘maschile’. Assegnare un genere a una parola particolare non cambia solo la struttura di una lingua, ma anche la nostra percezione di certi oggetti.

In uno studio condotto da Lera Boroditsky, assistente professore di scienze cognitive presso l’Università della California San Diego, i ricercatori hanno scoperto che quando si chiede di descrivere un oggetto, i parlanti hanno maggiori probabilità di usare aggettivi associati al genere assegnato.

Per esempio, nella lingua tedesca, ‘ponte’ porta un pronome femminile, e quindi i tedeschi erano più propensi a riferirsi a un ponte come ‘bello’ o ‘elegante’. Gli ispanofoni, d’altra parte, erano più propensi a riferirsi a un ponte come ‘forte’ o ‘robusto’ perché la parola è maschile nella lingua spagnola.

Le implicazioni della semantica generale

Il fatto che il linguaggio possa modellare la nostra realtà in modo così viscerale ha implicazioni significative. Dimostra che le parole hanno il potere di contestualizzare le nostre esperienze percettive e influenzare il modo in cui vediamo il mondo. Se vogliamo impegnarci in discussioni aperte e oneste su questioni sociali, politiche ed economiche, dobbiamo capire come il linguaggio può essere manipolato, controllato e persino abusato.

Nell’era dei social media, dove i nostri pensieri e le nostre opinioni sono condensati in 140 caratteri, dobbiamo mettere in discussione i pregiudizi, i presupposti e i preconcetti che sono alla base dei nostri attuali modelli linguistici. Gran parte dei nostri disaccordi derivano dal fatto che siamo limitati dal nostro linguaggio; siamo prigionieri di un particolare sistema linguistico che non tiene conto delle sfumature della nostra realtà.

Prendiamo il dibattito sull’aborto. Molte persone sono divise su questa particolare questione perché hanno diverse percezioni di ciò che si intende con la parola “vita”. Alcuni credono che un piccolo ammasso di cellule costituisca la “vita”, mentre altri credono che la “vita” debba possedere una coscienza; una consapevolezza umana. In questo senso, i confini dell’impegno politico sono essenzialmente calibrati dai modelli linguistici a cui abbiamo accesso.

Se il linguaggio ha il potenziale di alterare la nostra percezione del colore, sicuramente ha il potenziale di alterare la nostra percezione di persone, comunità e società. Una volta compreso il potere che le parole hanno su di noi, possiamo iniziare ad assumere un maggiore controllo sui sistemi-simbolo che governano le nostre vite; possiamo riconoscere quando il linguaggio viene usato per controllarci, ingannarci e disinformarci.

Solo allora potremo usare il linguaggio in modo più onesto e significativo.

Jack Fox-Williams

Fonte: newdawnmagazine.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE





Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code