toba60

Liz Truss una Ignoranza Spaventosa al Cospetto di un Buffone di Corte al Servizio di un Paese di Utili Idioti

Dio Salvi la Regina …………e gli Inglesi?

Chi li salva?

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Cambio della guardia in Gran Bretagna: ‘Truss’ Me… sono una guerrafondaia!

Al timone c’è Liz Truss. È palesemente evidente che le priorità di Truss sono il militarismo folle e l’inimicarsi Russia e Cina a ogni occasione.

Il nuovo Primo Ministro britannico Liz Truss è entrato in carica in una settimana epocale per la politica britannica. Solo due giorni dopo la sua nomina ufficiale da parte della Regina Elisabetta II, il capo di Stato, la fragile monarca è deceduta all’età di 96 anni.

Il lutto nazionale per la defunta monarca, che era popolarmente percepita come una geniale figura matriarcale, aggiunge un senso di presagio all’ascesa al potere di Truss.

Nella cosiddetta “monarchia costituzionale” britannica, la corona è la sede del potere statale, mentre il primo ministro è un titolare di una carica. Questo ha profonde implicazioni anche se non dette per la presunta democrazia britannica.

Truss subentra a Boris Johnson come leader del partito conservatore e primo ministro. Johnson è stato costretto a dimettersi a causa di infiniti scandali di slealtà e corruzione.

Consegnando le chiavi del numero 10 di Downing Street, Johnson, da buffone spaccone qual è, ha descritto se stesso come un “razzo di lancio”.

Truss diventa il terzo primo ministro donna della Gran Bretagna, tutti conservatori (Tories). È il quarto premier conservatore ad aver ricoperto la carica solo negli ultimi quattro anni (dopo Cameron, May e Johnson), il che denota un’insolita instabilità dell’establishment britannico. L’establishment britannico favorisce storicamente i conservatori di destra, filocapitalisti e filomilitari, come partito di governo. Tutti i principali partiti parlamentari britannici Tory, Laburisti, Liberaldemocratici sono fedeli servitori dell’establishment, ma i Conservatori sono i detentori di cariche più affidabili, avendo gli stessi interessi di classe dei ricchi e la stessa visione imperialista del mondo.

Il monarca più longevo della Gran Bretagna

La regina Elisabetta II è il monarca più longevo della Gran Bretagna, essendo rimasta sul trono per 70 anni (1952-2022). I suoi predecessori più stimati, almeno agli occhi del pubblico britannico, sono Elisabetta I (1558-1603) e Vittoria (1837-1901).

Durante il suo regno, Elisabetta ha officiato 15 primi ministri, il primo dei quali è stato Winston Churchill, leader della Seconda Guerra Mondiale, rieletto nel 1951. La morte della monarca (a cui succede il figlio maggiore, lo sfortunato e poco popolare Carlo) porta quindi con sé un sentimento di fine epoca per molti britannici. Si ha la sensazione che una certa stabilità e sicurezza nazionale, rappresentata dal defunto monarca, sia andata perduta. La Britannia può aver “dominato le onde” in tempi gloriosi, ma d’ora in poi i britannici si trovano ad affrontare acque agitate.

L’inclinazione a cavalcare i carri armati

Al timone c’è Liz Truss. Non è una persona che ispira fiducia o sicurezza al pubblico con la sua leadership. Ma è una militarista e un falco sulle relazioni estere, il che la rende adatta agli interessi dell’establishment britannico. Il suo predecessore, Boris Johnson, era troppo passivo per suscitare l’inquietudine dell’opinione pubblica.

Nata nel 1975, Truss è un’ardente accolita dell’ex premier conservatore Margaret Thatcher. Come la Thatcher, Truss ha l’abitudine di farsi fotografare in cima a carri armati militari e di nutrire illusioni sulla “Gran Bretagna” (come molti altri politici conservatori, va detto). Si presenta come una persona petulante e insensibile.

Solo poche settimane fa, durante la battaglia per la leadership del partito conservatore, Truss ha dichiarato che non avrebbe avuto alcuna remora a usare le armi nucleari “anche se ciò avesse significato l’annientamento globale”. Ci vuole un’inquietante tendenza psicopatica per enunciare una cosa del genere, senza contare che sembra anche ostentarla.

È stato quindi agghiacciante questa settimana quando i media britannici hanno notato, piuttosto casualmente, che le sono stati affidati i codici nucleari segreti della Gran Bretagna come prima cosa dopo essere stata nominata Primo Ministro.

La sua prima azione dopo l’insediamento a Downing Street è stata quella di telefonare al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden per rinnovare il pieno sostegno della Gran Bretagna alla guerra sostenuta dalla NATO in Ucraina contro la Russia. La cosiddetta “relazione speciale” della Gran Bretagna, che funge da bulldog ringhioso per lo Zio Sam, è destinata a diventare ancora più obbediente e perniciosa sotto la Truss.

La sua seconda telefonata all’estero è stata riferita al presidente ucraino Vladimir Zelensky, al quale ha detto che la Gran Bretagna avrebbe intensificato il sostegno militare al suo regime nazista di Kiev. L’ordine di priorità delle due telefonate mostra chiaramente che Truss è una guerrafondaia sconsiderata. Normalmente, i nuovi premier britannici effettuano telefonate di cortesia ad altri importanti alleati europei. Il fatto che Truss abbia scelto di dare la priorità al regime di Kiev rispetto alla Germania o alla Francia, dopo la telefonata con Biden, è un segno inquietante della sua mentalità malevola e dell’agenda che sta seguendo.

Appello sconsiderato per una sconfitta decisiva della Russia

Truss ha già fatto dichiarazioni sconnesse e odiose quando era ministro degli Esteri nel gabinetto di Boris Johnson. Ha ripetutamente chiesto di sconfiggere con decisione la Russia nel conflitto con l’Ucraina. I suoi sprezzanti insulti personali al Presidente russo Vladimir Putin dimostrano che è una persona di rabbiosa russofobia e di bassissima qualità.

Ha anche fatto commenti gratuitamente da falco sul confronto con la Cina e sul “porre fine alla sua influenza”, anche se ciò significherà danneggiare le relazioni economiche con la futura prima potenza globale. Le provocazioni irrazionali di Washington nei confronti di Pechino non potranno che essere assecondate ancora di più da Londra.

Di certo, il nuovo leader dei Tory ha promesso di aumentare la già enorme spesa militare britannica dal 2% del PIL al 3% entro il 2030. Ciò significa una spesa supplementare stimata di 150 miliardi di dollari per le forze armate da parte della Gran Bretagna in meno di otto anni.

Questa oscena generosità comporterà inevitabilmente tagli drastici alla spesa pubblica per la sanità, l’istruzione e altri servizi essenziali. Gli attuali livelli record di povertà della Gran Bretagna saranno ulteriormente sconvolti mentre Truss trascina la Gran Bretagna sul sentiero della guerra.

Come altri regimi occidentali, ma ancora di più in Gran Bretagna, la Truss non ha problemi a incanalare miliardi di dollari in armi e in guerre mentre i cittadini comuni soffrono per le privazioni. Non ha problemi a infliggere un’inflazione vertiginosa e la miseria economica ai lavoratori e alle loro famiglie, finché il complesso militare-industriale rastrella profitti.

Biden, Scholz e Macron sono allo stesso modo innamorati di assecondare la macchina da guerra che guida il capitalismo occidentale. E questo lo chiamano “difendere la democrazia” dall'”autocratismo” russo!

Inimicarsi Russia e Cina

È palesemente evidente che le priorità di Truss sono il militarismo folle e l’inimicarsi la Russia e la Cina ad ogni occasione. Gli interessi sociali ed economici della maggior parte dei britannici sono volentieri sacrificati dalla Truss nel suo criminale perseguimento di una politica ostile nei confronti di Mosca e Pechino.

Inoltre, ciò che sconcerta del nuovo primo ministro sono i suoi difetti caratteriali. Non ha scrupoli né rimorsi. Il suo contegno aspro dice tutto. È una “mutaforma” con pochi principi. In precedenza, è stata membro del partito liberaldemocratico britannico. In quel periodo, Truss ha chiesto l’abolizione della monarchia. Poi, quando la sua carriera politica è stata avvantaggiata dall’adesione ai conservatori, Truss ha abbandonato la nave ed è diventata una convinta realista.

In precedenza si era anche dichiarata contraria all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea nel referendum sulla Brexit del 2016. Per poi fare marcia indietro e diventare una convinta sostenitrice della Brexit nel gabinetto Johnson, un cambiamento che le ha permesso di ottenere rapidamente incarichi ministeriali di alto livello.

Per quanto riguarda le relazioni con l’Unione Europea, Truss ha sfacciatamente avvertito che il suo governo scavalcherà gli impegni legalmente vincolanti della Brexit. Ciò significa che i rapporti con il resto dell’Europa potrebbero essere ancora più difficili. Il fragile accordo di pace in Irlanda rischia di andare in frantumi con il ritorno della violenza civile a causa del disinteresse della Truss a rispettare gli impegni della Brexit per mantenere un confine aperto sull’isola d’Irlanda.

In altre parole, l’egoista e connivente Truss è una persona di cui non ci si può fidare e che non ha alcun principio o etica. Il suo nome si traduce appropriatamente in lingua russa come “codardo”.

Come se tutto ciò non fosse già abbastanza, si aggiunge la preoccupazione per la terribile mancanza di conoscenza storica e di apprezzamento delle relazioni internazionali da parte della Truss. Per esempio, ha fatto commenti ridicoli e pretenziosi sul fatto che l’Ucraina ha una lunga storia di sfida e di indipendenza che risale alle “invasioni mongole e [sic] tartare”. L’Ucraina, come Stato moderno, è nata come repubblica costituente dell’Unione Sovietica nel 1917. Ha poi ottenuto l’indipendenza nel 1991, dopo lo scioglimento e la dissoluzione dell’URSS. Truss sembra pensare che l’Ucraina sia esistita insieme a Gengis Khan nel XIV secolo.

Un’ignoranza spaventosa

Durante il suo ultimo incarico come ministro degli Esteri, ha provato un imbarazzante imbarazzo quando ha incontrato l’alto diplomatico russo Sergei Lavrov a Mosca, durante la preparazione dell’attuale conflitto in Ucraina.

Truss non ha mostrato alcuna consapevolezza delle legittime preoccupazioni di Mosca per l’espansionismo della NATO e per l’inaccettabile minaccia che tale espansione rappresenta per la sicurezza nazionale russa. Nei suoi scambi irritanti con Lavrov, ha anche rivelato una spaventosa ignoranza della geografia della Russia e dei suoi confini con l’Ucraina.

Dopo il loro gelido incontro a porte chiuse, Lavrov si è rivolto ai media separatamente e ha descritto le sue tese discussioni precedenti con Truss come un dialogo tra un sordo e un muto. La signora Truss è stata giustamente respinta durante la sua arrogante visita a Mosca.

In genere, si è capito, la Truss non era in missione per una vera e propria diplomazia, ma piuttosto per un’operazione di autocelebrazione e di immagine. Si è vestita con pellicce russe per le telecamere (scimmiottando la Thatcher durante gli anni della Guerra Fredda) anche se il tempo era fuori stagione. Non c’è dubbio che Truss avesse in mente di diventare presto il futuro primo ministro britannico.

Un momento pericoloso per le relazioni internazionali

Purtroppo, le relazioni internazionali hanno raggiunto un momento di pericolose tensioni tra gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO, da un lato, e la Russia e la Cina, dall’altro. È sconcertante che sempre più persone nel mondo temano lo scoppio di una guerra mondiale per il conflitto in Ucraina o per le tensioni su Taiwan. Una guerra totale si trasformerebbe in una conflagrazione nucleare per il pianeta, cosa che a Liz Truss sembra andare bene.

Ciò di cui il mondo ha bisogno in questa precaria congiuntura sono diplomatici e pacificatori in grado di risolvere i conflitti accogliendo le preoccupazioni genuine. Ciò richiede intelligenza, comprensione e rispetto reciproco. Truss non ha nessuna di queste qualità. È un cifrario bellicoso.

Il suo insediamento arriva in un momento infausto. Porterà maggiore instabilità e insicurezza sia nelle relazioni internazionali che per il popolo britannico.

Valori britannici: Leader senza mandato democratico

Si tenga presente, inoltre, che diventerà il prossimo primo ministro britannico senza alcun mandato democratico. È stata votata dai membri del partito conservatore per succedere a Johnson. Johnson ha vinto le elezioni nazionali del 2020 come leader dei conservatori. L'”elezione” di Truss deriva quindi dal voto interno di 80.000 membri in gran parte benestanti – del partito conservatore. Si tratta di una frazione (molto meno dell’1%) del totale dei votanti britannici.

Pertanto, date le circostanze, si dovrebbero convocare nuove elezioni nazionali per una questione di principio democratico. Ma non è così in Gran Bretagna, dove l’establishment non eletto e i suoi cifratori governano, e le elezioni sono in realtà solo uno spettacolo secondario. Questo è il vero significato dei “valori britannici”.

Sempre più spesso, la maggior parte dei britannici si preoccupa del deterioramento delle condizioni di disagio sociale ed economico, o di come mantenere il proprio lavoro, sfamare la propria famiglia e pagare il riscaldamento della propria casa. La Truss vuole infiammare la guerra con la Russia e spendere più per l’esercito che per i servizi pubblici tutto per ignorante sciovinismo e vanità di carriera.

Sta infliggendo i costi della guerra alla gente comune e sta facendo pagare loro le sue macchinazioni criminali verso la Russia e la Cina. Quest’inverno le famiglie di tutta la Gran Bretagna saranno costrette a congelare a causa delle bollette dell’energia, che sono davvero esorbitanti. La Truss e i suoi simili, come l’altrettanto fredda Ursula von der Leyen, la massima burocrate della Commissione europea, stanno causando una miseria senza precedenti per la gente, se non incitano davvero a una vera e propria guerra mondiale.

Osservando ciò che sta accadendo nella politica britannica, si può davvero continuare a parlare di democrazia? Non lo è mai stata, come dimostra il ruolo della monarchia. (Lo stesso si può dire per altri Stati occidentali e per i loro regimi pseudo-democratici).

Ma, ahimè, ora la vecchia regina che si credeva gentile è morta, la maschera del clown è scivolata via e ciò che si nasconde sotto è un regime veramente brutto e cattivo. In un certo senso, Liz Truss è una scelta azzeccata, non certo per il bene della pace nel mondo, ma come incarnazione della perfida arroganza, dell’imperialismo e del fascismo endemico dell’establishment britannico.

Fonte: strategic-culture.org

Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code