toba60

Lo Sbarco sulla Luna? Fantastico il Set Cinematografico

Lo Sbarco sulla luna rappresenta una delle tante sciocchezze date in pasto alla gente per logiche che con il progresso non hanno nulla a che vedere.

I dati scientifici, le testimonianze dirette e gli innumerevoli resoconti riferiti sull’evento ci hanno indotto a semplificare all’estremo i fatti salienti di una delle più eclatanti truffe del xx secolo.

Toba60

Gli sbarchi sulla Luna una bufala Cinematografica

La teoria che gli sbarchi sulla Luna siano stati una bufala da parte del governo degli Stati Uniti per affermare la loro vittoria nella corsa allo spazio sulla Russia, è qualcosa che è cresciuto in popolarità nel corso del tempo. Sondaggi recenti indicano che circa il 20% degli americani crede che gli Stati Uniti non siano mai sbarcati sulla Luna.

Dopo la fine delle missioni Apollo negli anni Settanta, perché non ci siamo mai tornati? Solo durante il mandato di Richard Nixon l’umanità è mai sbarcata sulla luna e dopo il Watergate la maggior parte delle persone non avrebbe messo da parte Tricky Dick per fingere di mettere l’America in buona posizione nella guerra fredda.

In questa lista ho presentato alcune delle prove proposte per suggerire che gli sbarchi sulla luna erano bufale. Ho cercato di includere le spiegazioni della NASA ad ogni voce per fornire una prospettiva obiettiva.

La bandiera sventolante

I teorici della cospirazione hanno sottolineato che quando il primo allunaggio fu mostrato in diretta televisiva, gli spettatori potevano chiaramente vedere la bandiera americana che sventolava mentre Neil Armstrong e Buzz Aldrin la piantavano. Le foto dell’atterraggio sembrano anche mostrare increspature nella brezza, come l’immagine qui sotto che mostra chiaramente una piega nella bandiera.

Il problema ovvio qui è che non c’è aria nell’atmosfera lunare e quindi non c’è vento per causare la bandiera a soffiare. Innumerevoli spiegazioni sono state avanzate per confutare questo fenomeno come qualcosa di insolito: la NASA ha sostenuto che la bandiera è stata conservata in un tubo sottile e l’effetto increspato è stato causato dal fatto che è stato srotolato prima di essere piantato. Altre spiegazioni riguardano le increspature causate dalla forza di reazione degli astronauti che toccano l’asta di alluminio, che si vede tremare nel filmato.

Mancanza di un cratere da impatto

L’affermazione è la seguente: se la NASA ci avesse davvero fatto atterrare sulla luna, ci sarebbe un cratere d’impatto sotto il modulo lunare per segnare il suo atterraggio. In qualsiasi filmato o fotografia degli atterraggi, non è visibile alcun cratere, quasi come se il modulo fosse stato semplicemente posizionato lì.

La superficie della luna è coperta da una sottile polvere lunare, e anche questa non sembra essere stata spostata nelle prove fotografiche. Molto simile alla teoria della bandiera sventolante, tuttavia, la mancanza di un cratere da impatto ha una serie di potenziali spiegazioni.

La NASA sostiene che il modulo ha richiesto una spinta significativamente inferiore nelle condizioni di bassa gravità rispetto a quella che avrebbe avuto sulla Terra. La superficie della luna stessa è roccia solida, quindi un cratere da esplosione probabilmente non sarebbe comunque fattibile nello stesso modo in cui un aereo non lascia un cratere quando atterra su una pista di cemento.

Fonti di luce multiple

Sulla Luna c’è solo una forte fonte di luce: il Sole. Quindi è giusto suggerire che tutte le ombre dovrebbero correre parallele l’una all’altra. Ma questo non è stato il caso durante l’allunaggio: video e fotografie mostrano chiaramente che le ombre cadono in direzioni diverse. I teorici della cospirazione suggeriscono che questo deve significare la presenza di più fonti di luce, suggerendo che le foto dello sbarco sono state scattate su un set cinematografico.

La NASA ha tentato di incolpare il paesaggio irregolare per le strane ombre, con sottili dossi e colline sulla superficie lunare che causano le discrepanze. Questa spiegazione è stata buttata dalla finestra da alcuni teorici; come potrebbero le colline causare differenze angolari così grandi? Nell’immagine qui sopra l’ombra del modulo lunare contraddice chiaramente quella delle rocce in primo piano con un angolo di quasi 45 gradi.

La cintura di radiazione di Van Allen

Per raggiungere la Luna, gli astronauti dovevano passare attraverso la cosiddetta cintura di radiazioni di Van Allen. La cintura è tenuta in posizione dal campo magnetico terrestre e rimane perennemente nello stesso posto. Le missioni Apollo sulla luna hanno segnato i primi tentativi in assoluto di trasportare esseri umani vivi attraverso la cintura.

I teorici della cospirazione sostengono che i livelli di radiazioni avrebbero cotto gli astronauti in viaggio verso la luna, nonostante gli strati di alluminio che rivestono l’interno e l’esterno dell’astronave.

La NASA ha controbattuto a questo argomento sottolineando la breve quantità di tempo che gli astronauti hanno impiegato per attraversare la cintura – il che significa che hanno ricevuto solo dosi molto piccole di radiazioni.

L’oggetto inspiegabile

Dopo che le fotografie degli sbarchi sulla Luna furono rilasciate, i teorici furono veloci a notare un oggetto misterioso (mostrato sotto) nel riflesso del casco di un astronauta della missione Apollo 12. L’oggetto sembra essere appeso a una corda o a un filo e non ha alcun motivo di trovarsi lì, il che porta alcuni a suggerire che si tratti di un riflettore sopraelevato che si trova tipicamente negli studi cinematografici.

La somiglianza è discutibile, data la scarsa qualità della fotografia, ma rimane il mistero sul perché qualcosa sia sospeso a mezz’aria (o meglio in mancanza d’aria) sulla luna. Il modulo lunare in altre foto sembra non avere alcuna estensione da esso che corrisponda alla foto, quindi l’oggetto rimane ancora totalmente inspiegabile.

Camminata al rallentatore e cavi nascosti

Per sostenere le affermazioni che gli sbarchi sulla luna sono stati girati in uno studio, i teorici della cospirazione hanno dovuto rendere conto delle apparenti condizioni di bassa gravità, che devono essere state imitate dalla NASA.

È stato suggerito che se si prende il filmato dell’allunaggio e si aumenta la velocità del filmato di x2,5, gli astronauti sembrano muoversi nella gravità terrestre. Per quanto riguarda l’impressionante altezza del salto degli astronauti, che sarebbe impossibile da eseguire con la gravità terrestre, sono stati suggeriti cavi e fili nascosti che danno agli astronauti una certa altezza extra. In alcuni screenshot si possono vedere i contorni di presunti cavi nascosti (la fotografia qui sopra mostra presumibilmente un cavo, anche se è estremamente vaga).

Mancanza di stelle

Un argomento convincente per la bufala dell’allunaggio è la totale mancanza di stelle in qualsiasi prova fotografica/video. Non ci sono nuvole sulla luna, quindi le stelle sono perennemente visibili e significativamente più luminose di quelle che vediamo attraverso il filtro dell’atmosfera terrestre.

L’argomento qui è che la NASA avrebbe trovato impossibile mappare le posizioni esatte di tutte le stelle per la bufala senza essere disturbata, e quindi le ha lasciate fuori – ricadendo intenzionalmente su una scusa che la qualità delle fotografie le lava fuori (una scusa che hanno effettivamente dato).Alcune fotografie sono di alta qualità, tuttavia, e ancora nessuna stella è mostrata. Certamente inquietante, considerando che si possono scattare foto di stelle dalla Terra in qualità molto più bassa e ancora vederle.

La roccia “C

Una delle foto più famose degli sbarchi sulla Luna mostra una roccia in primo piano, con quella che sembra essere la lettera “C” incisa in essa. La lettera sembra essere quasi perfettamente simmetrica, il che significa che è improbabile che si tratti di un evento naturale.

È stato suggerito che la roccia sia semplicemente un oggetto di scena, con la “C” usata come marcatore da una presunta troupe cinematografica. La NASA ha fornito scuse contrastanti per la lettera, da un lato incolpando uno sviluppatore fotografico per aver aggiunto la lettera come scherzo, mentre dall’altro dicendo che potrebbe essere stato semplicemente un capello vagante che si è impigliato da qualche parte nel processo di sviluppo.

Il mirino a strati

Le macchine fotografiche usate dagli astronauti durante gli sbarchi sulla luna avevano una moltitudine di reticoli per aiutare la scalatura e la direzione. Queste sono impresse sopra tutte le fotografie.

Alcune delle immagini, tuttavia, mostrano chiaramente il mirino dietro gli oggetti nella scena, il che implica che le fotografie possono essere state modificate o ritoccate dopo essere state scattate. La fotografia mostrata sopra non è un caso isolato. Molti oggetti sono mostrati davanti al mirino, compresa la bandiera americana in una foto e il rover lunare in un’altra.

I teorici della cospirazione hanno suggerito che la NASA ha stampato gli oggetti artificiali su una fotografia legittima della luna per simulare l’atterraggio – anche se, se davvero hanno pianificato di farlo, allora perché hanno usato i mirini in primo luogo è un mistero.

Lo sfondo duplicato

Le due foto della missione Apollo 15 mostrate sopra hanno chiaramente sfondi identici, nonostante siano ufficialmente elencate dalla NASA come scattate a chilometri di distanza l’una dall’altra. Una foto mostra persino il modulo lunare.

Quando tutte le foto sono state scattate, il modulo era già atterrato, quindi come può essere presente in una foto e scomparire in un’altra? Beh, se sei un teorico della cospirazione hardcore, potrebbe sembrare possibile che la NASA abbia semplicemente usato lo stesso sfondo per le riprese di diverse scene dei loro video dell’allunaggio.

La NASA ha suggerito che poiché la luna è molto più piccola della Terra, gli orizzonti possono apparire significativamente più vicini all’occhio umano. Nonostante questo, dire che le due colline visibili nelle fotografie sono distanti chilometri è incontrovertibilmente falso.

La teoria di Stanley Kubrick

Questa libera estensione della popolare teoria della cospirazione afferma che l’acclamato regista Stanley Kubrick fu avvicinato dal governo degli Stati Uniti per imbrogliare i primi tre allunaggi.

Ci sono due rami principali di questa teoria alquanto implausibile: un gruppo di credenti sostiene che Kubrick sia stato contattato dopo l’uscita di 2001: Odissea nello Spazio (uscito nel 1968, un anno prima del primo allunaggio), dopo che la NASA ha cominciato ad apprezzare lo stupefacente realismo delle scene spaziali del film in quel periodo; un altro gruppo sostiene che Kubrick sia stato preparato dal governo per filmare l’allunaggio molto prima, e che 2001: Odissea nello Spazio fosse una prova generale per lui.

Quindi quali prove potrebbero supportare tali affermazioni? Bene: apparentemente, se si guarda Shining (un altro film di Kubrick), si possono cogliere alcuni presunti messaggi nascosti da Kubrick per informare sottilmente il mondo della sua parte nella cospirazione. Il più ovvio è la camicia da bambino dell’Apollo 11 indossata in una sola scena. Un’altra presunta gemma è la linea scritta sulla macchina da scrivere del personaggio di Jack Nicholson: “All work and no play makes Jack a dull boy”, in cui la parola “all” può essere interpretata come A11, ovvero Apollo 11.

Se non siete ancora convinti, Kubrick ha reso la misteriosa stanza d’albergo del film numero 237. Indovinate quante miglia ci sono da qui alla luna: 238.000.

Quindi dividilo per mille e meno uno e hai una teoria a prova di bomba proprio lì.

Anonimo

Fonte: world-wide-worth.blogspot.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code

  1. ci sarebbe un’ultima considerazione da fare: come è potuto ripartire il modulo dalla luna senza la spinta che è stata necessaria per la partenza dalla base terrestre?